Analisi dei siti web delle ONG italiane

5,752 views
5,617 views

Published on

Tesi di laurea magistrale in Teoria e tecnologia della comunicazione di Donato Francavilla (febbraio 2010).

Realizzata presso TangoLab, relatore: R.Polillo

Published in: Education
1 Comment
4 Likes
Statistics
Notes
  • Ottima analisi, ben presentata e ricca di informazioni
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
No Downloads
Views
Total views
5,752
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
169
Comments
1
Likes
4
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Analisi dei siti web delle ONG italiane

  1. 1. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Teoria e Tecnologia della Comunicazione Analisi dei siti web delle Ong Italiane Relatore: Prof. Roberto Polillo Correlatore: Prof. Piero Schiavo Campo Tesi di Laurea di: Donato Gabriele Francavilla Matr. 048082 Anno Accademico 2008/2009
  2. 2. Il supporto familiare è componente fondamentale per il successo di ogni attività umana. Dedico dunque tale atto creativo a coloro che hanno contribuito alla sua realizzazione. Grazie a Michele, Rachele, Stefano, Miriam, Franco, Micaela Pia. Un sincero grazie al prof. Roberto Polillo e al prof. Piero Schiavo Campo, per il supporto e la guida nella realizzazione della tesi.
  3. 3. Indice 1 Ong in Italia...................................................................... 1 1.1 Introduzione ........................................................................... 1 1.2 La Cooperazione Italiana nel Contesto Internazionale ........... 2 1.2.1 Principi Ispiratori della Cooperazione Italiana .................................... 4 1.2.2 L’Aiuto Politico allo Sviluppo ............................................................... 5 1.3 Ong: Una definizione secondo la Banca Mondiale ................. 7 1.3.1 Punti di Forza e Punti di Debolezza delle Ong ................................... 8 1.4 Il Ministero degli Esteri e le Ong........................................... 10 1.4.1 Le Ong Certificate ............................................................................ 11 1.5 Ong e Federazioni................................................................ 12 1.6 Le Risorse Umane che Intervengono nelle Realtà Locali ..... 14 1.7 Donazioni Individuali per i Paesi in via di Sviluppo ............... 15 2 Metodologia della Ricerca ............................................ 19 2.1 Metodo e Strumenti .............................................................. 19 3 Risultati dell’analisi ....................................................... 33 3.1 I siti analizzati....................................................................... 33 3.2 Analisi per Quartili: Risultati ................................................. 39 3.3 Analisi dei Punteggi: Risultati ............................................... 55
  4. 4. 3.4 Analisi delle Caratteristiche e Confronto con i siti migliori .... 68 3.3 Conclusioni e Commenti ...................................................... 71 4 Best Practices ............................................................... 77 Presentazione dell’associazione (es. Chi Siamo) ....................... 79 1. Soleterre ................................................................................................ 79 2. Azione Mondo Unito .............................................................................. 81 3. Ucodep .................................................................................................. 82 5. Wwf ....................................................................................................... 85 Comunicazione e Obiettivi del Sito ............................................. 87 1. Soleterre ................................................................................................ 87 2. Ucodep .................................................................................................. 87 3. Cefa ....................................................................................................... 89 4. Wwf ....................................................................................................... 90 5. Unicef .................................................................................................... 91 Descrizione dei Progetti ............................................................. 92 1. Africa Mission ........................................................................................ 92 2. ProgettoMondo Mlal .............................................................................. 93 3. Amici dei Bambini .................................................................................. 94 4. Engim Internazionale............................................................................. 96 5. Noi per Loro ........................................................................................... 97 6. Amref ..................................................................................................... 98
  5. 5. 7. Centro Sviluppo Terzo Mondo ............................................................... 99 Reclutamento Volontari ............................................................ 101 1. Unicef .................................................................................................. 101 2. Ibo Italia ............................................................................... 101 3. Asia Onlus ........................................................................................... 104 4. Cesvi ................................................................................................... 104 5xMille ..................................................................................... 106 1. Soleterre .............................................................................................. 106 2. Centro Sviluppo Terzo Mondo ............................................................. 107 Donazioni Online...................................................................... 109 1. Amref ................................................................................................... 109 2. Celim ................................................................................................... 111 3. Cooperazione Internazionale............................................................... 112 4. Care & Share ....................................................................................... 116 5. Cooperazione Internazionale Sud Sud ................................................ 119 6. Centro Italiano Aiuti all’Infanzia ........................................................... 119 E-commerce ............................................................................ 121 1. Cooperazione Internazionale............................................................... 121 2. Terre des hommes Italia ...................................................................... 122 3. Unicef .................................................................................................. 124 Calendario degli Eventi ............................................................ 126
  6. 6. 1. Unicef .................................................................................................. 126 2. Cooperazione Internazionale............................................................... 128 Newsletter e RSS Feed ............................................................ 129 1. Cooperazione Internazionale............................................................... 129 2. Istituto Progetto Sud ............................................................................ 130 Form per l’iscrizione alla newsletter ........................................................ 130 3. Wwf ..................................................................................................... 131 4. Amici dei Bambini ................................................................................ 131 Social Network ......................................................................... 132 1. Cooperazione Internazionale............................................................... 132 2. Wwf ..................................................................................................... 133 3. Unicef .................................................................................................. 134 4. Avsi ...................................................................................................... 135 Localizzazione ......................................................................... 138 1.Soleterre............................................................................................... 138 2. Wwf ..................................................................................................... 139 3. Unicef .................................................................................................. 140 Indice dei Siti ........................................................................... 142 Unicef (Quarto Quartile) .......................................................................... 142 Africa Mission (Primo Quartile) ............................................................... 142 Amici dei Bambini (Quarto Quartile)........................................................ 143
  7. 7. Amref (Quarto Quartile) .......................................................................... 143 Asia Onlus (Quarto Quartile) ................................................................... 144 Avsi (Terzo Quartile) ................................................................................ 144 Azione Mondo Unito (Secondo Quartile) ................................................. 145 Care & Share (Terzo Quartile) ................................................................. 145 Cefa Onlus (Terzo Quartile) ..................................................................... 146 Celim (Quarto Quartile) ........................................................................... 146 Cesvi (Terzo Quartile) ............................................................................. 147 Centro Sviluppo Terzo Mondo (Quarto Quartile) ..................................... 147 Centro Italiano Aiuti all’Infanzia (Quarto Quartile) ................................... 148 Cooperazione Internazionale Sud Sud (Quarto Quartile)........................ 148 Cooperazione Internazionale (Quarto Quartile) ...................................... 149 Engim Internazionale (Quarto Quartile) .................................................. 149 IBO Italia (Terzo Quartile) ........................................................................ 150 Noi Per Loro (Terzo Quartile)................................................................... 150 ProgettoMondo Mlal (Quarto Quartile) .................................................... 151 Progetto Sud (Terzo Quartile).................................................................. 151 Soleterre (Quarto Quartile)...................................................................... 152 Terre des Hommes Italia (Quarto Quartile) ............................................. 152 Ucodep (Quarto Quartile) ........................................................................ 153 Wwf (Quarto Quartile) ............................................................................. 153
  8. 8. 5 Conclusioni e sviluppi Futuri ...................................... 155 Appendice A Scheda di Valutazione dei Siti ................. 160 Appendice B Tabella dei Siti Analizzati ......................... 162 Bibliografia ..................................................................... 169 Sitografia ........................................................................ 170
  9. 9. INTRODUZIONE A partire dagli anni ’50 in Italia sono nati i primi movimenti umanitari con lo scopo di aiutare i più bisognosi. All’inizio gli interventi furono isolati ma viste le necessità del dopoguerra si diffusero rapidamente sia a livello nazionale che internazionale, utilizzando finanziamenti provenienti da fonti private. Con l’espansione di tali movimenti, e con la differenziazione degli ambiti di intervento nei paesi in via di sviluppo (economico, sociale e così via), sono nate le prime regolamentazioni per il riconoscimento di tali movimenti. Esse sono state inquadrate come Organizzazioni non Governative (Ong), in quanto non create dal governo, impegnate nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale. Oggi tali organizzazioni si trovano ad affrontare nuove sfide tecnologiche nell’utilizzo del web e dei suoi strumenti. Se si considera che gran parte dei finanziamenti alle Ong proviene da donatori privati, si comprende l’importanza di utilizzare il mezzo informatico per raggiungere potenziali donatori, per conquistarne la benevolenza e per mantenerla. Al di là degli aspetti puramente economici, è altresì fondamentale riuscire ad usare con la massima efficienza ed efficacia un canale di informazione come la rete.
  10. 10. L’obiettivo della tesi è quello di ottenere una visione generale di tipo qualitativo dell’utilizzo di Internet – e in particolare del Web - da parte delle Ong Italiane. Per conseguire tale scopo si è analizzata la struttura dei siti web delle 241 Ong che hanno ottenuto dal ministero degli Esteri un riconoscimento di idoneità, in 1 base alla legge 49/87 . Tale insieme costituisce un valido campione da utilizzare per l’analisi. Il capitolo 1 descrive il mondo delle Ong, prendendo in considerazione la struttura delle organizzazioni, le donazioni e il reclutamento del personale. Il secondo capitolo spiega il metodo e le procedure utilizzate per effettuare l’analisi dei vari siti, con una breve descrizione di come si è giunti alla sua definizione e la descrizione dei passi seguiti. Il terzo capitolo espone i risultati dell’analisi. Infine il capitolo 4 condensa gli esempi delle migliori pratiche (Best Practices) di progettazione ottenute dall’analisi dei siti web delle 240 Ong. 1 Lista delle Ong risultate idonee dal Ministero degli Esteri. http://www.cooperazioneallosviluppo.esteri.it/pdgcs/italiano/Partner/ONG/ONG.asp.
  11. 11. Capitolo 1 1 Ong in Italia 1.1 Introduzione Nella letteratura specialistica italiana la sigla Ong (Organizzazione Non Governativa) indica le entità non appartenenti al settore pubblico che operano nel campo della cooperazione internazionale senza scopo di profitto. Tale termine non si presta però ad una definizione univoca, poiché comprende molteplici esperienze, differenziate in base alle modalità e agli ambiti di costituzione. Secondo Cartocci e Marconi esso include “organizzazioni senza scopo di lucro che hanno in comune il fatto di operare, a livello nazionale e internazionale, nella realizzazione di progetti di sviluppo e di sensibilizzazione dell’opinione pubblica sull’importanza dell’aiuto allo sviluppo”2. Le Ong sono state introdotte e legittimate in Italia dalla legge n. 49/87. Tali organizzazioni operano nei paesi in via di sviluppo e usufruiscono del riconoscimento da parte del Ministero degli Esteri a condizione che soddisfino i seguenti vincoli: siano regolarmente e correttamente istituite; abbiano il fine di svolgere attività di cooperazione allo sviluppo in favore delle popolazioni del Terzo mondo; non perseguano scopi di lucro, prevedano l’obbligo di destinare 2 Cartocci, R. & Maconi F. (2006) Libro Bianco sul Terzo Settore. Bologna. Il Mulino.
  12. 12. 2 Ong in Italia ogni utile per i fini istituzionali; non dipendano da enti nati con scopo di lucro3. Il ministero degli Esteri finanzia lo svolgimento delle attività di cooperazione promosse dalle Ong – in misura non superiore al 70% dell’importo totale messo a disposizione e affida incarichi per la realizzazione di specifici programmi messi a punto dal Ministero stesso. I progetti delle Ong sono molto diversi tra di loro e possono comprendere: • attività a sostegno dell’imprenditoria locale; • iniziative di informazione e educazione allo sviluppo; • interventi rivolti a situazioni di emergenza umanitarie; • educazione alla mondialità4. 1.2 La Cooperazione Italiana nel Contesto Internazionale La Cooperazione Internazionale rappresenta un tentativo degli Stati dotati di maggiori risorse, di costruire, con la parte del mondo più svantaggiata rapporti basati sullo scambio reciproco, sulla collaborazione, sulla solidarietà. Nasce con l’obiettivo di garantire il rispetto della dignità umana, e di avviare e tutelare la crescita economica nei paesi in via di sviluppo. In Italia è nata e ha avuto il suo primo sviluppo negli anni cinquanta, per i vincoli che legavano l’Italia alle colonie conquistate durante la seconda guerra 3 http://www.esteri.it/MAE/IT/Ministero/Servizi/Imprese/Sportello_Info/ DomandeFrequenti/CooperSviluppo_Ong/. 4 Il concetto di mondialità afferma che il mondo è un luogo senza barriere nazionali, in cui tutte le persone sono parte integrante di un unico tessuto sociale, in cui lo spazio e il tempo si comprimono grazie alla tecnologia, e i comportamenti di una comunità hanno conseguenze su tutte le altre.
  13. 13. Ong in Italia 3 mondiale. Nei decenni successivi gli interventi sono diventati più sistematici. La cooperazione può assumere le seguenti forme, o canali: • Bilaterali se si tratta di iniziative che legano il paese donatore a quello in via di sviluppo. • Multilaterali se le iniziative sono realizzate da una organizzazione internazionale con l’apporto finanziario dei vari governi donatori. • Multibilaterali quando si tratta di iniziative finanziate a livello bilaterale, ma che vengono effettuate da un’organizzazione internazionale. Attualmente le crescenti emergenze dei paesi poveri hanno permesso alla cooperazione di diventare uno degli elementi chiave della politica estera, il cui supporto è fondamentale per il mantenimento della pace e per il controllo dei flussi migratori. La gestione della Cooperazione Italiana nel mondo è affidata alla Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo (Dgcs), un organismo del Ministero degli Esteri. Esso si occupa di “attuare le linee di cooperazione e le politiche di settore nei diversi Paesi, di stabilire rapporti con le Organizzazioni Internazionali, con l’Unione Europea e con le Organizzazioni non governative”5, gestisce inoltre i fondi da destinare agli aiuti, allo sviluppo e agli interventi umanitari di emergenza e porta avanti progetti di formazione in collaborazione con le università Italiane ed estere, finanziando corsi e borse di studio. 5 http://www.cooperazioneallosviluppo.esteri.it/pdgcs/italiano/DGCS/intro.html
  14. 14. 4 Ong in Italia 1.2.1 Principi Ispiratori della Cooperazione Italiana La Cooperazione Italiana adotta e si ispira ai principi guida definiti nel quadro delle decisioni assunte a livello comunitario ed internazionale. Gli accordi stabiliti dalla Dichiarazione del Millennio6, emanata dall’assemblea delle Nazioni Unite riunitasi nel 2000 ed approvata da 186 capi di Stato rappresentano la base per la definizione degli obiettivi. Lo scopo principale definito nella dichiarazione è rappresentato dalla necessità di ridurre del 50% la povertà assoluta7. All’interno della dichiarazione vengono definiti i passi necessari (Millenium Goals8) al raggiungimento di tale obiettivo: 1. lotta alla povertà e alla fame; 2. educazione di base universale; 3. eliminazione delle disparità tra i sessi; 4. riduzione della mortalità infantile; 5. miglioramento della salute materna; 6. lotta contro l’Aids e le altre malattie infettive; 7. protezione dell’ambiente; 8. creazione di un partenariato globale per lo sviluppo. Molto importante è anche l’accordo di Cotonou9, siglato tra la UE e l’insieme 6 Dichiarazione del Millennio (http://www.cooperazioneallosviluppo.esteri.it/pdgcs/italiano/Millennium/pdf/ Dichiarazione_millennio_00.pdf). 7 La povertà assoluta viene misurata sulla base del reddito necessario per l’acquisto di un paniere di beni necessari a soddisfare i bisogni minimi per la sussistenza. Per facilitare i confronti internazionali sulla povertà assoluta si è fissata una linea internazionale della povertà corrispondente a 1 o 2 dollari al giorno. Si può quindi stabilire quale percentuale di una determinata popolazione sia al di sotto della soglia critica. 8 Gli 8 obiettivi del Millennio: http://www.cooperazioneallosviluppo.esteri.it/pdgcs/ italiano/Millennium/Millennium.html.
  15. 15. Ong in Italia 5 degli stati dell’Africa, dei Caraibi, del Pacifico (ACP) nel 2000, che definisce le linee guida per le iniziative di cooperazione internazionale delle Ong riportate di seguito: • la diffusione e il rafforzamento della gestione diretta (“ownership”) degli aiuti da parte dei Paesi in via di sviluppo; • la promozione della partecipazione degli enti non-statali (Ong, società civile); • il coordinamento e la complementarietà delle attività della Commissione e degli Stati membri; • il miglioramento della coerenza delle politiche (di sviluppo, agricola, commerciale, dell’immigrazione); • il miglioramento della qualità degli aiuti (il decentramento, la concentrazione da parte di ciascun donatore dei suoi aiuti in un limitato numero di settori per Paese, la semplificazione delle procedure, l’utilizzo di indicatori che consentano di valutare meglio i risultati). 1.2.2 L’Aiuto Politico allo Sviluppo L’Aiuto pubblico allo sviluppo (APS) è l’insieme dei fondi versati dallo stato per progetti e iniziative di solidarietà verso i paesi poveri nel mondo. Gli aiuti sono più utili nei paesi meno avanzati, i cosiddetti Least Developed Country (Nazioni con minore sviluppo). Qui dovrebbero servire a rafforzare le politiche dalle realtà 9 http://europa.eu/legislation_summaries/development/african_caribbean_pacific_ states/r12101_en.htm.
  16. 16. 6 Ong in Italia locali finalizzate a proteggere le fasce meno abbienti, ad avviare processi di miglioramento delle loro condizioni socio-economiche, aumentando così le socio do opportunità di sviluppo. Ogni anno l’Ocse elabora le statistiche sul volume degli aiuti nell’anno precedente. Nel 2005 gli aiuti italiani erogati ai Paesi in via di sviluppo da parte del governo Italiano sono così ripartiti: • Africa Subsahariana (42%); • Medio Oriente e Nordafrica (24%); • Asia (14%); • America Latina (12%); • Europa Balcanica (8%). Aiuti allo Sviluppo 45% 40% 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% Africa Sub- Medio Oriente e Asia America Latina Europa sahariana Nord Africa Balcanica Figura 1: Aiuti allo sviluppo da parte del governo Italiano nell’anno 2005. Fonte OCSE 2005. :
  17. 17. Ong in Italia 7 Gli aiuti allo sviluppo prevedono un impegno da parte del governo di fornire una somma a ciascun paese. Nella Figura 2 si vede come in tali realtà le somme vengono realmente versate solo in parte. Aiuti Pubblici allo Sviluppo 400 350 300 250 200 150 100 50 0 Africa Medio Oriente e Asia America Latina Europa Balcanica Subsahariana Nord Africa Impegni Erogazioni Figura 2: Aiuti pubblici allo sviluppo (in milioni di euro). Dati dell’OCSE 2005. 1.3 Ong: Una definizione secondo la Banca Mondiale La Banca Mondiale descrive così le Ong: “è quasi impossibile dare una definizione semplice delle Ong a causa dell’estrema differenza tra esse. Includono gruppi e istituzioni che sono interamente o in gran parte indipendenti tuzioni 10 dai governi e hanno obbiettivi umanitari o cooperativi e non commerciali” . La Banca Mondiale nel rapporto NGO — World Bank Collaboration (NGO corrisponde alla sigla italiana Ong, in inglese Non Governmental Organization) ernmental Organization propone questo tipo di classificazione: 10 The World Bank’s partnership with nongovernmental organizations ( with (http://www- wds.worldbank.org/external/default/main?pagePK=64193027&piPK=64187937&theSitePK=523 wds.worldbank.org/external/default/main?pagePK=64193027&piPK=64187937&theSitePK=523 679&menuPK=64187510&searchMenuPK=64187283&theSitePK=523679&entityID=000009265 _3961214180926&searchMenuPK=64187283&theSitePK=523679). _3961214180926&searchMenuPK=64187283&theSitePK=523679
  18. 18. 8 Ong in Italia • Ong operative il cui scopo primario è la progettazione e la realizzazione di iniziative relative allo sviluppo. • Ong di opinione (advocacy) che promuovono a vari livelli una determinata causa o movimento di opinione. Naturalmente queste due categorie non si escludono a vicenda, anzi nella maggior parte dei casi sono presenti entrambe le componenti. All’interno delle Ong operative si possono ulteriormente distinguere, in base all’area di attività: • Organizzazioni che operano a livello locale all’interno di una comunità in un’area geografica ristretta (CBO Community Based Organizations); • Organizzazioni nazionali che operano in un determinato paese in via di sviluppo; • Organizzazioni internazionali che hanno tipicamente sede in un paese già sviluppato e svolgono la loro opera in più Paesi in Via di Sviluppo. Le CBO hanno in genere natura e scopi diversi rispetto aalle altre Ong operative, e ricevono fondi da governi, entità sovranazionali (ONU, World Bank, FMI) e privati fornendo servizi, sviluppando progetti e ricerche. 1.3.1 Punti di Forza e Punti di Debolezza delle Ong Poiché la natura e la qualità delle singole organizzazioni variano moltissimo è estremamente arduo fare generalizzazioni che colgano aspetti fondamentali di tutta la categoria, tuttavia il rapporto individua alcuni punti di forza e debolezza che la Banca Mondiale ha rilevato nel corso della sua lunga collaborazione con
  19. 19. Ong in Italia 9 le Ong11: PUNTI DI FORZA • forti legami con la comunità in cui operano; • esperienza di lavoro sul campo; • capacità di innovazione e adattamento; • organizzazione interna democratica che favorisce la partecipazione; • visione di lungo termine che promuove lo sviluppo sostenibile; • efficienza in termini di costi (impegno volontario). PUNTI DI DEBOLEZZA • limitata esperienza manageriale e finanziaria; • bassa forza istituzionale; • scarsi livelli di autosufficienza; • mancanza di coordinamento e comunicazione fra diverse organizzazioni; • interventi su piccola scala; • difficoltà di comprensione di un contesto sociale ed economico più vasto rispetto a quello in cui operano. Negli ultimi trent’anni le Ong sono diventate un’importante realtà nel campo dello sviluppo internazionale. La crescita del loro numero e della loro dimensione è avvenuta esponenzialmente a partire dalla seconda metà degli anni ’70. Dal 1970 al 1985 gli aiuti distribuiti dalle Ong internazionali sono cresciuti di dieci volte. Nel 1992 hanno gestito 7,6 miliardi di dollari. Oggi è 11 Ibidem.
  20. 20. 10 Ong in Italia stimato che il 15% del totale degli aiuti internazionali passi attraverso le Ong. Le statistiche sul numero delle Ong sono notoriamente inaffidabili, ma si stima che il numero totale di quelle operanti a livello internazionale sia circa 40.00012. 1.4 Il Ministero degli Esteri e le Ong Le prime Ong in Italia sono nate all’inizio degli anni sessanta come movimenti associativi spontanei in risposta al bisogno di entrare in contatto diretto con le popolazioni del Sud del mondo e di rispondervi con la partecipazione e la solidarietà. Sono rappresentate sia da movimenti laici che svolgono opere di solidarietà verso le popolazioni in difficoltà, sia da movimenti legati al mondo cattolico. Oggi le Ong hanno la possibilità di richiedere un riconoscimento ufficiale di idoneità al Ministero degli Affari Esteri e accedere così ai finanziamenti governativi per la realizzazione dei progetti di cooperazione. Le organizzazioni che hanno ricevuto questo riconoscimento sono attualmente circa 24013. Il SOCI (Servizio di Orientamento Cooperazione Internazionale) del Comune di Milano ha individuanto le seguenti tipoligie di Ong, in base alle attività svolte o 14 al personale utilizzato : • Ong di volontariato “classiche” dove prevale l’impegno personale come testimonianza sociale; • Ong che realizzano progetti di cooperazione a breve-medio termine o in 12 Anheier et al., Global Civil Society 2001, 2001. 13 Un elenco delle O.N.G. riconosciute idonee dal Ministero degli Affari Esteri: http://www.cooperazioneallosviluppo.esteri.it/pdgcs/italiano/Partner/Ong/Ong.asp (visitato 11/12/2009). 14 Comune di Milano – Guida alla Cooperazione e al Volontariato Internazionale.
  21. 21. Ong in Italia 11 situazioni di emergenza, con utilizzo di diverse categorie di personale; • Ong che si appoggiano a partner locali nel Sud finanziandone i progetti senza invio di volontari; • Ong specializzate in studi, ricerche e formazione di personale; • Ong che realizzano attività di sensibilizzazione e informazione sui temi dello sviluppo e della cooperazione. 1.4.1 Le Ong Certificate Le Ong ottengono l’idoneità alle concessioni di contributi da parte del Ministero degli Esteri in base agli articoli 28 e 29 della legge 49/87. L’idoneità può essere richiesta per la realizzazione di progetti in Paesi in via di sviluppo, per la selezione, formazione e impiego di volontari. A verificare la conformità dei programmi predisposti dalle Ong è il Comitato Direzionale che concede anche i contributi. Il Ministero degli Esteri ha pubblicato sul proprio sito web le linee guida alle varie associazioni che richiedono l’idoneità con i riferimenti normativi e i regolamenti necessari per operare nel settore della cooperazione e dello sviluppo. Il riconoscimento dell’idoneità comporta la possibilità di ottenere finanziamenti da parte del governo Italiano per la realizzazione di iniziative e progetti. La procedura per ottenere l’idoneità comporta la compilazione di un modulo15 liberamente scaricabile presso il sito del ministero. Ai fini fiscali, le Ong sono considerate attività di natura non commerciale, costituite sulla base 15 http://www.cooperazioneallosviluppo.esteri.it/pdgcs/italiano/LeggiProcedure/ Idoneita/pdf/doc_guida.doc
  22. 22. 12 Ong in Italia degli articoli 10, 36, 39 del codice civile. I criteri per il riconoscimento dell’idoneità elencati nel comma 4, articolo 28 della legge 49/87 sono: • avere il fine istituzionale di svolgere attività di cooperazione allo sviluppo in favore delle popolazioni del terzo mondo; • non perseguire finalità di lucro né avere rapporti di dipendenza da enti, pubblici o privati, di questa natura; • fornire garanzie adeguate sia di realizzazione delle attività previste, sia di possesso di strutture e personale qualificato necessari; • documentare le esperienze lavorative e capacità organizzative dopo tre anni, presentare bilanci analitici relativi all’ultimo triennio e documentare la tenuta della contabilità; • presentare obbligatoriamente una relazione annuale sullo stato di avanzamento dei programmi in corso. 1.5 Ong e Federazioni In Italia le Ong riconosciute dal ministero degli Esteri si raggruppano in 4 federazioni principali, che rispecchiano diversi indirizzi politici e culturali. Federazione Organismi Cristiani di Servizio Internazionale Volontario (Focsiv) Rappresenta l’area cattolica, ovvero la porzione più sostanziosa del volontariato internazionale. Il Focsiv oggi comprende 64 organismi con 817 volontari coinvolti nella realizzazione di progetti nei paesi in via di sviluppo. Nel 1996 vi erano oltre trecento volontari hanno prestato servizio per il Focsiv nei Paesi del
  23. 23. Ong in Italia 13 sud del mondo. Diversi tipi di intervento sono organizzati dal Focsiv negli 86 Paesi in cui è presente, tra Europa dell’est, Africa, America Latina, Asia e Oceania. L’Unione Europea e altri enti internazionali forniscono il 45% dei finanziamenti necessari. Il 4% viene erogato dal ministero degli Esteri. Coordinamento di iniziative popolari di solidarietà internazionale (Cipsi) Nasce nel 1982. Vi aderiscono 48 associazioni di solidarietà internazionale, di diverso orientamento politico e religioso, che operano in 57 paesi dell’Africa, dell’Asia e dell’America Latina, con oltre 255 progetti a sostegno di iniziative locali di sviluppo. “Con la parola popolare - dicono al Cipsi - intendiamo mettere in evidenza il carattere nazionale della rete di sostenitori e di gruppi di appoggio che partecipano agli interventi. Tutte operazioni che coinvolgono direttamente i nostri associati nella definizione di strategie politiche ed operative”16. Anche al Cipsi i finanziamenti arrivano da Unione europea, Ministero degli Esteri e sostenitori privati. Coordinamento delle Organizzazioni non governative per la Cooperazione Internazionale allo Sviluppo (Cocis) Le Ong del Cocis sono presenti in quasi tutti i Paesi del mondo. Collaborano sia a livello nazionale che regionale e locale con gruppi di base, organizzazioni di donne, movimenti ambientalisti e centri di ricerca. Cinque i livelli di intervento. 16 Chi Siamo (http://www.cipsi.it/cipsi/master/visualizza.asp?attivo=1&ID=LLLL &Spot=Chisiamo&tabella=Tab02&pagina=1&FRFX=0&Wscreen=1280).
  24. 24. 14 Ong in Italia Nelle aree particolarmente conflittuali e a maggior rischio per la democrazia, si impegnano per il rispetto dei diritti umani fondamentali. Negli altri paesi l’impegno è invece indirizzato essenzialmente da piani di sviluppo sostenibile per l’ambiente, di valorizzazione del ruolo della donna, di tutela della salute e di aiuto alle economie locali. Coordinamento Italiano Network Internazionali (Cini) Alcune Ong, tra cui le componenti italiane di ActionAid International, Amref, Save the Children, Terre des hommes, Vis e Wwf, hanno dato vita al Coordinamento Italiano Network Internazionali (CINI) per rispondere all’esigenza di coordinare le loro attività di sensibilizzazione, informazione e advocacy. Nella tabella 1.1 sono esposte in sintesi le federazioni con il numero di Ong associate, l’orientamento e gli obiettivi principali. Molti obiettivi rispecchiano finalità comuni anche se di orientamento politico diverso. 1.6 Le Risorse Umane che Intervengono nelle Realtà Locali Ogni progetto realizzato ha alle spalle il lavoro di professionisti specializzati. Da 17 un’analisi a cura del SOCI , risulta che “la selezione di personale, oggi, è divenuta più complessa e tocca i più svariati ambiti come la medicina, tecnologia, l’insegnamento, psicologia, educazione ed animazione sociale”18. Molte Ong necessitano di “persone qualificate particolarmente in campi tecnici come per esempio quello dell’agronomia: si può ben capire quanto sia importante nella loro ottica, la sensibilizzazione e l’educazione della gente del 17 http://www.unimondo.org/soci/ 18 http://www.cooperazione.unipr.it/progetti_view.php?idProgetto=27&idMenu=271
  25. 25. Ong in Italia 15 luogo in cui si opera verso la buona utilizzazione delle risorse del loro terreno”19. Nella tabella Tabella 1 a pagina 15 sono elencati alcuni dei profili professionali ricercati dalle Ong. Si cerca di migliorare la qualità dei progetti e soprattutto del prodotto finale affinché incida in modo sempre più positivo nel luogo in cui si opera. Quindi, non è sufficiente la sola motivazione, anche se rimane la componente basilare per intraprendere un’attività di questo genere, in Paesi dove si opera spesso tra grandi difficoltà. Proprio per questo motivo, vengono organizzati corsi di formazione per operatori anche nell’ambito della cooperazione. Ong Settori di Intervento Profili Professionali Ricercati Amici dei Popoli Socio-educativo; Sanitario; Insegnante; Contabile; Informativo. Amministratore; Medico. Aifo Socio-sanitario; Prevenzione; Medico; Fisioterapista; Coordinatore; Riabilitazione; Educazione. Amministratore. Cefa Educazione; Socio-sanitario; Geometra; Formatore; Medico; Agricoltura; Zootecnia. Direttore opere civili; Educatore sanitario; Cestas Sanità umana e animale; Tecnologia Geometra; Formatore; Medico; sanitaria; Risanamento Direttore opere civili; Educatore ambientale. sanitario. Ibo-Italia Formazione; Educazione; Sanità; Medico; Tecnico ospedaliero; Capo Gestione territorio. progetto; Architetto; Geologo. Tabella 1: Esempi di professionalità ricercate all’interno delle ONG. Fonte: Siti web delle Ong. 1.7 Donazioni Individuali per i Paesi in via di Sviluppo Le donazioni concesse ai Paesi in via di sviluppo, da parte di privati cittadini, a cui viene riconosciuta la deducibilità dall’imposta personale sul reddito, rappresentano uno strumento ormai consolidato di finanziamento dei progetti delle Ong. Dalle analisi effettuate sulle Dichiarazioni dei Redditi delle persone fisiche, pubblicate dal Ministero dell’Economia, è emerso che il numero delle 19 Ibidem.
  26. 26. 16 Ong in Italia 20 donazioni dal 1992 al 2001 è passato da 19000 ad oltre 86000 . La somma totale delle donazioni da parte di singoli individui oscilla tra i 13 milioni di euro del 1998 e gli oltre 17 milioni del 2001. La donazione media è di circa 200 euro (vedi Figura 3). 90000 80000 70000 60000 50000 40000 30000 20000 10000 0 1998 1999 2000 2001 Donazioni Figura 3: Numero totale delle donazioni individuali erogate a favore dei Paesi in Via di Sviluppo. Fonte: : Libro Bianco del Terzo Settore. La ripartizione geografica delle donazioni dipende dal radicamento delle Ong delle all’interno del territorio. Dai dati risulta che le donazioni sono distribuite secondo la seguente suddivisione: • 43% dall’Italia nord-occidentale; occidentale; • 30% dall’Italia Centrale; • 17% dall’Italia nord-orientale; orientale; • 7% dall’Italia meridionale; ll’Italia 20 Cartocci, R. & Maconi F. (2006) Libro Bianco sul Terzo Settore. Bologna. Il Mulino. Settore.
  27. 27. Ong in Italia 17 • 3% dalle Isole. Le donazioni maggiori risultano provenire da fasce di reddito comprese tra i 15.000 e i 30.000 euro.
  28. 28. Capitolo 2 2 Metodologia della Ricerca 2.1 Metodo e Strumenti L’obiettivo della ricerca analitica sui siti web delle Ong Italiane è quello di ottenere indicazioni sul loro livello di qualità. Per condurre la valutazione sono state prese in considerazione le Ong accreditate dal Ministero degli Esteri, che hanno superato i criteri di idoneità imposti dalla legge 49/87. Sul sito web del Ministero è stato possibile ottenere l’elenco delle Ong e dei rispettivi siti che hanno costituito il campione21. Il numero di organizzazioni presenti nell’elenco durante il periodo in cui è stata effettuata l’analisi (novembre 2009) è 241, di cui il 15% non ha un sito proprio censito dal Ministero degli Esteri. L'effettiva assenza di un sito web è stata verificata inserendo il nome della relativa Ong sul motore di ricerca Google. Per condurre l’analisi dei siti web delle Ong Italiane si è pensato inizialmente di 22 utilizzare il modello di qualità descritto nel testo Il Check Up dei siti web. Tale modello, creato in realtà per valutare la qualità dei siti web 1.0, prevalentemente statici o con poche interazioni con l’utente, è stato individuato vista la mancanza di metodi alternativi per valutare la qualità dei siti web dinamici 2.0. Le caratteristiche prese in considerazione dal modello di qualità sono le seguenti: 21 http://www.cooperazioneallosviluppo.esteri.it/pdgcs/italiano/Partner/ONG/ONG.asp 22 R. Polillo, Il check-up dei siti web, Milano Ed. Apogeo, 2004.
  29. 29. 20 Metodologia della Ricerca • Architettura. Pone domande sulla struttura del sito e sulla facilità di navigazione. • Comunicazione. Misura la qualità della comunicazione soprattutto (ma non solo) dal punto di vista grafico. • Funzionalità. Riguarda l'adeguatezza e la correttezza delle funzioni del sito. • Contenuto. Si occupa del contenuto delle pagine web, sia dal punto di vista dello stile, sia da quello dell'adeguatezza delle informazioni. • Gestione. Indaga la frequenza di aggiornamento e di disponibilità del sito. • Accessibilità. Misura la sua facilità di accesso, da diversi punti di vista. • Usabilità. Si occupa della facilità d'uso complessiva del sito. In questo lavoro si è scelto di semplificare in modo significativo il modello e di sottoporre a verifica alcune proprietà importanti concernenti l'Architettura, la Comunicazione, la Funzionalità e il Contenuto, considerando soprattutto le caratteristiche tipiche e ricorrenti dei siti web delle Ong. Non si è ritenuto opportuno valutare le caratteristiche riguardanti la Gestione e l'Usabilità sia per non appesantire con un eccessivo numero di domande la scheda di indagine, sia per le evidenti difficoltà esistenti nella valutazione di alcune proprietà quali, ad esempio, la frequenza di aggiornamento del sito, difficilmente conoscibili con il mezzo da noi individuato. Questa semplificazione drastica del modello si giustifica con gli obbiettivi di questo lavoro, che vuole fornire rapidamente una prima indicazione complessiva – e quindi inevitabilmente approssimata – della situazione dei siti web delle Ong italiane. Peraltro, un’ analisi effettuata con il modello di qualità completo richiederebbe diversi mesi di lavoro e, dal momento che i siti possono cambiare ed essere aggiornati di frequente, si rischierebbe di completare l’analisi quando i siti
  30. 30. Metodologia della Ricerca 21 sui quali è stata effettuata sono stati già modificati, invalidando l'attendibilità dei risultati. Si sottolinea che questa prima valutazione complessiva costituisce solo la parte preliminare di questo lavoro, che, una volta individuati nel campione analizzato il gruppo dei siti “migliori”, ne ha analizzato le caratteristiche per individuarne le “best practices” attualmente in uso. Per quanto riguarda l’Accessibilità, è stata semplicemente inserita una domanda all’interno della scheda per identificare la presenza di icone con la dicitura WAI (Web Accessibility Initiative, il gruppo di lavoro del W3C dedito all’identificazione di linee guida per l’accessibilità), senza effettuare alcuna verifica specifica nel merito di queste affermazioni. Ciò indica che l’Ong ha mostrato un reale interesse in merito all’accessibilità ed ha seguito le linee guida proposte dal WAI. Nel modello di qualità originale, descritto nel libro citato, la valutazione delle sette macrocaratteristiche di qualità sopra elencate viene effettuata mediante la valutazione di una ventina di sottocaratteristiche. Anche queste sono state ridotte nel modello semplificato. 1. Architettura. Le sottocaratteristiche prese in considerazione nella valutazione dell’Architettura riproducono gli elementi basilari da ritrovare in tutti i siti oggi presenti su internet. Si richiede l’esistenza di una mappa del sito cliccabile e la presenza di ausili all’orientamento, che permettano all’utente di sapere sempre dove si trova. 2. Comunicazione. La sezione relativa alla Comunicazione si occupa soprattutto dell'aspetto grafico-visivo del sito così come si presenta all’utente che interagisce tramite il browser. Le richieste più importanti da questo punto di vista sono le
  31. 31. 22 Metodologia della Ricerca seguenti: • l’utente deve comprendere in modo immediato lo scopo del sito; • deve poter leggere facilmente le informazioni grazie all’utilizzo di font specifici per lo schermo, che non affatichino la vista; • deve interagire con un ambiente graficamente uniforme; • deve individuare chiaramente i link. 3. Funzionalità. Le sottocaratteristiche considerate nella sezione della Funzionalità sono elencate qui di seguito. Esse corrispondono alla presenza di proprietà che si ritengono particolarmente importanti, considerando gli obiettivi specifici dei siti delle Ong descritti nel capitolo 4 di questa tesi: • una sezione dedicata alle donazioni, che consenta all’utente di effettuare la propria offerta online. • Un motore di ricerca interno, che permetta all’utente di navigare agevolmente tra tutte le informazioni presenti nel sito. • La possibilità di registrazione sul sito, tramite l'inserimento dei dati personali dell'utente, al fine di ottenere, ad esempio, la possibilità di ricevere periodicamente informazioni sulle attività svolte dall’as-sociazione. • Le possibilità di iscrizione ad una newsletter o agli RSS Feed, che consentano all’utente di venire aggiornato sulle attività dell’organizzazione senza collegarsi al suo sito web. La prima viene utilizzata dalle Ong per comunicare periodicamente informazioni, per esempio stati di avanzamento di progetti, notizie, eventi, ecc. I secondi prevedono che l’utente riceva gli aggiornamenti, se esistono, tutte le volte che si collega con il suo feed
  32. 32. Metodologia della Ricerca 23 reader. L'esistenza di un blog, un forum o un social network interno, che consentano di creare comunità persone con un legame di affinità all’organizzazione. L'esistenza di una sezione dedicata all’e-commerce, con la possibilità di acquistare online prodotti che rispettino i principi della sostenibilità, consente sia di favorire gli introiti dell'organizzazione, sia di promuoverne la conoscenza. • La presenza sul sito di “social buttons” (a Facebook, Youtube, Flickr, Twitter) che, consentendo il contatto con siti web 2.0 e la condivisione di informazioni tra un numero più ampio di utenti, contribuisca ulteriormente alla promozione dell’organizzazione e all’ampliamento della sua community. 4. Contenuto. Nella sezione dedicata al Contenuto è importante che il testo venga organizzato secondo la logica della piramide invertita23. 23 Nielsen, J. (1996, Giugno). Inverted Pyramids in Cyberspace. Tratto da Jakob Nielsen Alert Box: http://www.useit.com/alertbox/9606.html
  33. 33. 24 Metodologia della Ricerca Scrivere i contenuti per un sito web assume regole differenti dallo scrivere per la carta stampata. La ricchezza dei contenuti all’interno di una pagina web deve essere proporzionata ai limiti di spazio dello schermo e dai limiti cognitivi e di attenzione degli utenti. In questo caso il titolo assume maggiore importanza perché è l’unico indizio che introduce al contenuto. Particolare rilievo rivestono la presenza di: • una sezione di presentazione, in cui l’organizzazione spieghi brevemente i suoi valori e la sua missione; • un organigramma, che descriva in maniera chiara la struttura e l'identità del management; • una sezione dedicata alla descrizione dei singoli progetti, in corso e conclusi; • informazioni riguardanti i bilanci della Ong; • informazioni per la stampa: comunicati, rassegne ed indirizzi dell’ufficio stampa, se esistente; • una sezione dedicata ad eventuali personaggi noti che appoggiano le attività della Ong. Per la rilevazione delle caratteristiche e sottocaratteristiche elencate sopra, è stata messa a punto la seguente scheda di indagine. Aspetti da indagare secondo il Domande individuate modello qualità SEZIONE ARCHITETTURA
  34. 34. Metodologia della Ricerca 25 1) Adeguatezza della struttura - Il labelling è chiaro e coerente (menù e titoli uguali)? 2) Mappa del sito - Esiste una mappa cliccabile del sito? 3) Adeguatezza della navigazione - L'apparato di navigazione è di facile comprensione e utilizzo? - Vi sono ausili all'orientamento? SEZIONE COMUNICAZIONE 1) Comunicazione chiara da parte - La homepage comunica lo scopo del sito? della homepage - È facilmente comprensibile che si tratta di una ONG? - Esiste uno slogan o una frase esplicativa? - Quante lingue si possono utilizzare? (se ≥2 allora la rispostaè SI) 2) Coerenza tra sito e brand image - I colori sono coerenti con il logo? 3) Adeguatezza della grafica - Si usano font ben leggibili sul video? - I font sono usati in modo coerente in tutto il sito? - La grafica è attraente? - Esistono scorrimento orizzontali? (NO=positivo) - I link ipertestuali sono evidenziati in modo consistente e non ambiguo? - La grafica è coerente in tutto il sito? - Il sito è dichiarato come accessibile?
  35. 35. 26 Metodologia della Ricerca SEZIONE FUNZIONALITÀ 1) Adeguatezza delle funzioni - Esiste una sezione dedicata alle donazioni? - Esiste un motore di ricerca interno? - È possibile registrarsi sul sito? - È possibile iscriversi alla newsletter o agli RSS Feed? - Esiste un blog, forum o un social network interno? - Esiste una sezione dedicata all'e-commerce? - Sono presenti sul sito pulsanti social (Facebook, Youtube, Flickr, Twitter, ecc.)? 2) Correttezza delle funzioni Non sono state individuate domande. SEZIONE CONTENUTO 1) Classificazione adeguata delle - Il testo è strutturato in paragrafi brevi (secondo i principi della informazioni piramide invertita)? 2) Adeguatezza dello stile del testo Non sono state individuate domande 3) Adeguatezza, pertinenza, - L'informazione è aggiornata? affidabilità e aggiornamento - Il sito è ricco di contenuti? dell'informazione - Esiste una sezione di presentazione generale (es. chi siamo)? - Esiste una sezione con la descrizione dei singoli progetti
  36. 36. Metodologia della Ricerca 27 sviluppati o in corso? - Esiste un organigramma strutturato, con i nomi dei componenti? - Esiste una sezione per la stampa? - Esistono informazioni sui bilanci? - Esiste una sezione di testimonial? - Esiste una galleria di foto? - Esiste una galleria di video? 4) Corretta localizzazione del sito Non sono state individuate domande. Le domande sono poste tutte sotto forma di risposta binaria (SI=1, NO=0), in modo da ottenere rapidamente un punteggio totale per ogni sezione, che verrà poi normalizzato rispetto al numero delle domande di ogni sezione. Per la macrocaratteristica Architettura sono state definite 4 domande, per la Comuni- cazione 12, per la Funzionalità 7, e per il Contenuto 11. Le domande sono state scelte in modo da trattare aspetti quantificabili, basati sull'esistenza o meno di qualche proprietà, in modo da escludere, per quanto possibile, giudizi di merito da parte del valutatore. Bisogna comunque tenere presente che, poiché questa valutazione è stata fatta da una sola persona (l’autore della presente tesi), eventuali “bias” soggettivi – ovviamente sempre presenti – influenzano tutte le valutazioni nello stesso modo, rendendo i punteggi ottenuti dai vari siti fra loro confrontabili.
  37. 37. 28 Metodologia della Ricerca Una volta effettuata la compilazione delle schede, i dati di ogni sito web sono stati sintetizzati in una tabella di riepilogo, contenente per ogni macrocaratteristica il numero delle risposte positive e i rispettivi punteggi normalizzati, da 0 (punteggio minimo) a 1 (punteggio massimo). Infine, è stata calcolata la somma dei 4 valori conseguiti, per ottenere un voto “globale” (compreso fra 0 e 4) per ciascun sito. In questo modo, per ogni sito analizzato sono stati ottenuti 4 valori (ved. Tab. 1). Tabella 2 - Esempio di tabella di riepilogo ottenuta dopo aver compilato le schede di valutazione Punteggi Assoluti Punteggi normalizzati Somma (n. di risposte corrette) Nome Ong Sito Web Arc Com Fun Con Arc Com Fun Con Tot Associazione Italiana per la Solidarietà tra i Popoli San http://www.aispo.org/ 2 5 1 5 0,50 0,42 0,14 0,45 1,51 Raffaele http://www.actionaid.it Action Aid 4 9 3 8 1,00 0,75 0,43 0,73 2,91 / Associazione Africa Tremila http://www.africatremi 0 5 0 3 0,00 0,42 0,00 0,27 0,69 O.N.L.U.S la.it/ I punteggi normalizzati per ogni macrocaratteristica sono stati ottenuti dividendo il numero di risposte corrette per il numero totale di domande. Ad esempio, considerando il primo sito nella tabella 2 (http://www.aispo.org/), si ha: Sezione Punteggio Assoluto Numero totale di Calcolo del Punteggio (n. risposte corrette) domande Punteggio Normalizzato Normalizzato Architettura 2 4 2/4 0,5 Comunicazione 5 12 5 / 12 0,42 Funzionalità 1 7 1/7 0,14 Contenuto 5 11 5 / 11 0,45 Sui dati così ottenuti sono state eseguite tre distinte analisi.
  38. 38. Metodologia della Ricerca 29 Analisi per Quartile Si è effettuata innanzitutto la somma (ved. Tab. 1 colonna “Somma”) dei punteggi normalizzati ottenuti dal sito per ogni singola sezione (punteggio relativo all'Architettura, alla Comunicazione, alla Funzionalità e al Contenuto). La tabella di riepilogo è stata quindi ordinata in base a tale somma. Dal momento che le caratteristiche sommate sono diverse, e vista la difficoltà ad assegnare un peso oggettivo ad ognuna di tali sezioni macrocaratteristiche, si è assunto che tale peso fosse uguale per tutte (peso=1). L’insieme dei siti campione ordinato in tal modo, è stato quindi suddiviso in quattro parti (quartili), contenenti ciascuna un uguale numero di siti. È stata poi calcolata la distribuzione di frequenza per ogni caratteristica dell’ultimo quartile, cioè dei siti che hanno ottenuto i risultati migliori, in base al numero di risposte ottenute ad ogni domanda della scheda di valutazione. Ad esempio, le domande poste nella valutazione della macrocaratteristica Architettura sono 4. Allora si è calcolata la percentuale di siti che hanno ottenuto un punteggio positivo, rispettivamente, in 0, 1, 2, 3 o 4 . In definitiva, per esempio, per la caratteristica architettura è stata ottenuta la seguente tabella. Punteggi Assoluti Architettura (n. di risposte corrette) (Siti del Quarto Quartile) 0 0% 1 2% 2 8% 3 56% 4 34% Sono state escluse dai conteggi le Ong prive di sito.
  39. 39. 30 Metodologia della Ricerca Lo scopo di tale operazione è quello di comprendere se esiste, per ogni macrocaratteristica, una sproporzione elevata per quanto riguarda i risultati ottenuti, tra i siti delle Ong italiane migliori (contenuti all’interno dell’ultimo quartile, e quindi con i punteggi più elevati) ed il resto dei siti delle Ong italiane analizzati. Analisi dei Punteggi Il punteggio normalizzato ottenibile per ciascuna delle quattro macrocaratteristiche può variare da 0 a 1; quindi il punteggio minimo ottenibile dalla somma dei punteggi normalizzati per ciascun sito è 0, mentre quello massimo è uguale a 4 (1 per l'Architettura, 1 per la Comunicazione, 1 per la Funzionalità e 1 per il Contenuto, ved. Tab. 1 colonna “Somma”). Si è scelto poi di assegnare -1 alle Ong senza sito. I punteggi di tutti i siti cadono pertanto nell’intervallo compreso tra -1 e 4 (sei valori: - 1, 0, 1, 2, 3, 4). Le sei categorie ottenute dai risultati dell’analisi sono state suddivise in base ai seguenti arrotondamenti: • alle Ong prive di un sito proprio hanno ottenuto il punteggio di -1; • ai siti con punteggio compreso tra 0 e 0,5 è stato dato 0; • ai siti con punteggio compreso tra 0,51 e 1,5 è stato dato 1; • ai siti con punteggio compreso tra 1,51 e 2,5 è stato dato 2; • ai siti con punteggio compreso tra 2,51 e 3,5 è stato dato 3; • ai siti con punteggio compreso tra 3,51 e 4 è stato dato 4. I punteggi conseguiti da ogni sito web analizzato sono stati arrotondati per eccesso. Il risultato è stato riportato su un grafico a torta.
  40. 40. Metodologia della Ricerca 31 Analisi delle Caratteristiche e confronto con i siti migliori La terza analisi è partita dal rilevamento del punteggio raggiunto da alcuni siti di Ong di importanza internazionale, considerati ottimi per Architettura, Comunicazione, Funzionalità e Contenuto. Questi sono: • American Red Cross (http://www.redcross.org/); • Amnesty International (http://www.amnesty.org/); • Greenpeace (http://www.greenpeace.org/); • Medici Senza Frontiere (http://www.doctorswithoutborders.org); • Oxfam (http://www.oxfamamerica.org/); • Save the Children (http://www.savethechildren.org/); • Unicef (http://www.unicef.org/); • Wwf (http://www.worldwildlife.org/). Le ragioni della loro superiorità vanno ricercate principalmente nel fatto che queste organizzazioni affidano a società specializzate la creazione e la gestione dei loro siti web, e quindi non presentano gli aspetti negativi dei piccoli siti gestiti in maniera artigianale da parte delle organizzazioni stesse. I punteggi che gli otto siti migliori hanno conseguito nelle quattro sezioni è stato utilizzato come riferimento per i siti delle Ong italiane, oggetto dell’analisi. Infine è stata calcolata la distribuzione di frequenza di ogni macrocaratteristica, sia per i siti italiani, sia per i migliori siti internazionali, ed è stato effettuato un raffronto.
  41. 41. 32
  42. 42. 33 Capitolo 3 3 Risultati dell’analisi 3.1 I siti analizzati L'elenco delle Ong accreditate presso il Ministero degli Esteri e dei relativi siti web (laddove esistenti) è il seguente. N Nome Ong Sito Web Associazione Italiana per la Solidarietà tra i Popoli San 1 http://www.aispo.org/ Raffaele 2 Action Aid http://www.actionaid.it/ 3 Associazione Africa Tremila O.N.L.U.S http://www.africatremila.it/ Associazione Bertoni per la Cooperazione e lo Sviluppo 4 http://www.abcsverona.it/public/index.cfm del Terzo Mondo 5 Comunità di Sant'Egidio http://www.santegidio.org/ Associazione Centro Aiuti Volontari Cooperazione 6 http://www.acavtn.it/ Sviluppo Terzo Mondo 7 Associazione di Cooperazione Cristiana Internazionale http://www.accri.it/ 8 Associazione Casa Famiglia Rosetta http://www.casarosetta.org/home/default.asp Associazione di Cooperazione Rurale in Africa e America 9 NO SITO Latina 10 Associazione di Cooperazione e Solidarietà NO SITO 11 Amigos da Angola NO SITO http://www.amicideipopoli.org/web/index.php? 12 Amici dei popoli page=home 13 Adra Italia http://adra.chiesaavventista.it/ 14 Associazione Amici dello Stato Brasiliano Espirito Santo NO SITO 15 Associazione con i Fatebenefratelli per i malati lontani http://www.afmal.org/ 16 Africa 70 http://www.africa70.org/ 17 Africa Mission http://www.africamission.org 18 Agenzia n.1 di Pavia per Ayamé http://www.puntoapunto.org/home.html 19 Associazione Amici dei Bambini http://www.amicideibambini.it/ 20 Associazione Donne Italiane per lo Sviluppo http://www.aidos.it/ 21 Associazione Italiana Amici di Raoul Follereau http://www.aifo.it/ Associazione per la Cooperazione internazionale e l'aiuto 22 http://www.alisei.org/ umanitario 23 Associazione Laicale Missionaria NO SITO http://www.mani- 24 Associazione Mani Amiche amiche.it/Mani_amiche/Benvenuto.html
  43. 43. 34 Risultati dell’analisi N Nome Ong Sito Web Associazione laica fondata dal padre comboniano Renato http://www.amaniforafrica.org/amani/index.ht 25 Kizito Sesana m 26 Associazione Mondo Giusto NO SITO http://www.amref.it/locator.cfm?SectionID=82 27 Fondazione Africana per la Medicina e la Ricerca 0&CFID=12133110&CFTOKEN=39496008 28 Azione per un Mondo Unito http://www.azionemondounito.org/home.asp 29 Associazione Noi per Loro http://www.noiperloro.org/ 30 ANPO NO SITO 31 Apurimac Onlus http://www.apurimac.it/ 32 Venerabile Arciconfraternita Misericordia Firenze http://www.misericordia.firenze.it/ 33 Arci Cultura e Sviluppo http://www.arci.it/internazionali 34 Associazione Studi America Latina http://www.asalong.org/home.html 35 Alleanza per lo Sviluppo e la Cooperazione NO SITO 36 Amici senza confini Onlus NO SITO 37 Associazione Solidarietà e Sviluppo NO SITO 38 Associazione Sanitaria Internazionale http://www.asi-international.org/it/home.htm 39 Associazione per la solidarietà internazionale in Asia http://www.asia-ngo.org/j15/ 40 Associazione Solidarietà Paesi Emergenti http://www.aspemitalia.it/ 41 Associazione Servi dei Popoli del Terzo Mondo NO SITO 42 Association for Sarva Seva Farms Italia http://www.assefaitalia.org/ 43 ASSOCIAZIONE LEO NO SITO 44 Associazione di Terra Santa NO SITO Associazione Universitaria per la Cooperazione 45 http://www.auci.org/ Internazionale 46 Associazione Volontari per lo Sviluppo dei Popoli - AVAZ NO SITO Associazione Valdostana di Solidarietà e Fratellanza 47 http://www.netsurf.it/madagascar/ (Fihavanana) con il Madagascar 48 Associazione volontari per il servizio internazionale http://www.avsi.org/ 49 Care and Share http://www.caresharegermany.de/ 50 Caritas Italiana http://www.caritasitaliana.it/ 51 Centro per un Appropriato Sviluppo Tecnologico http://www.cast-ong.org/ 52 Comitato di Collaborazione Medica http://www.ccm-italia.org/index.php 53 Casa do Menor Italia http://www.casadomenor.it/ 54 Comitato europeo per la formazione e l'agricoltura http://www.cefaonlus.it/ 55 Centro Italiano di Solidarietà http://www.ceis.it/index.htm 56 Centro Laici Italiani per le Missioni http://www.celim.org/pag/index.php 57 Organizzazione di Volontariato Internazionale Cristiano http://www.celimbergamo.it/ 58 Centro Internazionale per la Pace fra i Popoli Onlus http://www.centropace.org/ 59 Centro Europa per la Scuola, l'Educazione Società http://www.ceses.it/ Centro di Educazione Sanitaria e Tecnologie Appropriate 60 http://www.cestas.org/ Sanitarie 61 CESVI http://www.cesvi.org/ http://www.cesvitem.org/it/chi- 62 Centro Sviluppo Terzo Mondo siamo/presentazione.asp http://www.cevi.coop/public/SiTE/index.php?ti 63 Centro di Volontariato Internazionale t=Home&m=1
  44. 44. Risultati dell’analisi 35 N Nome Ong Sito Web 64 Centro Italiano Aiuti all'Infanzia http://www.ciai.it/ 65 Centro Internazionale Crocevia http://www.croceviaterra.it/ 66 Comunità Internazionale di Capodarco http://www.capodarcointernazionale.com/ 67 Comunità in dialogo http://www.comunitaindialogo.it/ 68 Centro di Informazione ed Educazione allo Sviluppo http://www.cies.it/ 69 Centro Internazionale per l'Infanzia e la Famiglia http://www.cifaadozioni.org/ 70 Comunità Incontro http://www.comunitaincontro.org/ 71 Cooperazione Italiana Nord Sud NO SITO Coordinamento di Iniziative Popolari di Solidarietà http://www.cipsi.it/CIPSI/master/index.asp?F 72 Internazionale RFX=1&Wscreen=1280&initSess=1 http://www.sviluppodeipopoli.org/Italiano/Hom 73 Comitato Internazionale per lo Sviluppo dei Popoli e/Frameset.html 74 Cooperazione Internazionale Sud Sud http://www.cissong.org/it 75 Comunità Impegno Servizio Volontario http://www.cisvto.org/ 76 Comunità Laici Missionari Cattolici NO SITO 77 Comunità Nuovo Mondo http://www.mondonuovo.org/ 78 Centro Mondialità Sviluppo Reciproco http://www.cmsr.org/default.asp COMUNITA’ MISSIONARIA DI VILLAREGIA PER LO 79 http://www.cmv.it/nuke/ SVILUPPO Coordinamento delle ONG per la Cooperazione 80 http://www.cocis.it/sito/ Internazionale allo Sviluppo 81 Centro Orientamento Educativo http://www.coeweb.org/index.php 82 Cooperazione Odontoiatrica Internazionale http://www.cooperazioneodontoiatrica.eu/ 83 Camminiamo oltre l'orizzonte http://www.colorngo.org/ 84 Cooperazione per il Mondo in via di Sviluppo http://www.comiorg.it/ 85 Comitato Italiano Fondo delle Nazioni Unite per l'Infanzia http://beta.unicef.it/ 86 Cooperation of Medical Services and Development http://www.comsed.org/associazione.php 87 Associazione di fedeli di diritto pontificio http://www.apg23.org/ 88 Cooperazione Internazionale http://www.coopi.org/it/home/ 89 Cooperazione Paesi Emergenti http://www.cope.it/ 90 Cooperazione per lo Sviluppo dei Paesi Emergenti http://www.cospe.it/italiano/index.php http://www.cosv.org/new/associazione.php?P Comitato di Coordinamento delle Organizzazioni per il 91 HPSESSID=25d60b4e8a9f956de703fa2ed19 Servizio Volontario 956af 92 Comunità Promozione e Sviluppo http://www.cps-ong.it/ 93 Centro Regionale d'Intervento per la Cooperazione http://www.cric.it/ 94 Controinformazione Terzo mondo - Onlus http://www.ctm-lecce.it/ 95 Medici con l'Africa http://www.mediciconlafrica.org/ita/home.asp 96 Centro Volontari Cooperazione allo Sviluppo http://www.cvcs.it/ 97 Comunità Volontari per il Mondo http://www.cvm.an.it/public/index.asp 98 Differenza Donna http://www.differenzadonna.it/ Delegazione Europea per l'Agricoltura famigliare 99 http://www.agriculturafamiliar.org/ dell'America Latina 100 Disarmo e Sviluppo http://www.disvi.net/ 101 Associazione volontari Dokita http://www.dokita.org/ 102 Dalla parte degli ultimi NO SITO
  45. 45. 36 Risultati dell’analisi N Nome Ong Sito Web 103 Cooperazione e aiuto internazionale in campo educativo http://www.educaid.it/chisiamo.html 104 Educazione e sviluppo http://www.educazionesviluppo.org/ 105 Centro Elis http://www.elis.org/ 106 Emergency http://www.emergency.it/ 107 Fondazione Emmanuel per il Sud del Mondo http://www.fondazione-emmanuel.org/ 108 Ente Nazionale Giuseppini del Murialdo http://www.engiminternazionale.org/ 109 Essegielle Cooperazione Internazionale http://www.essegielle.org/ 110 European School of Transfusion Medicine NO SITO http://www.fratellidelluomo.org/newfdu/master 111 Fratelli dell'Uomo /index.asp 112 Fondazione Ivo De Carneri http://www.fondazionedecarneri.it/ 113 Federazione italiana Maricoltori NO SITO Volontari nel Mondo – Federazione Organismi Cristiani di 114 http://www.focsiv.org/index.php Servizio Internazionale Volontario 115 Fondazione Don Carlo Gnocchi http://www.dongnocchi.it/ http://www.fondazionebellisario.org/new/index 116 Fondazione Marisa Bellisario .html 117 Fondazione Rita Levi Montalcini http://www.ritalevimontalcini.org/ http://www.fondazionesanvigilio.it/frontend/ho 118 Fondazione San Vigilio me.aspx 119 Fondazione Sipec NO SITO 120 Fondazione Raphael Onlus http://www.fondazione-raphael.org/ 121 Fondazione Giuseppe Tovini http://www.fondazionetovini.it/ 122 Gao Cooperazione Internazionale http://www.gaong.org/ 123 Gruppo italiano Chirurghi Amici della Mano http://www.gicam.it/ 124 Gruppo Missioni Africa http://www.gmagma.org/ 125 Green Cross Italia http://www.greencrossitalia.org/ 126 Gruppo per le Relazioni Transculturali NO SITO 127 Gruppo Abele Onlus http://www.gruppoabele.org/ 128 Gruppi Solidarietà Internazionale http://www.gsitalia.org/ 129 Gruppo Trentino di Volontariato http://www.gtvonline.org/ 130 Gruppo Umana Solidarietà Guido Puletti http://www.gus-italia.org/ 131 Gruppo di Volontariato Civile http://www.gvc-italia.org/ 132 Gruppo italiano per lo sminamento umanitario NO SITO Associazione Internazionale per la Medicina Umanitaria 133 http://www.iahm.org/ Brock Chisholm 134 Associazione Italiana Soci Costruttori http://www.iboitalia.org/default.asp 135 Istituto Cooperazione Economica Internazionale http://www.icei.it/ 136 Consorzio italiano di solidarietà http://www.icsitalia.org/ 137 Istituto per la Cooperazione Universitaria http://www.icu.it/ 138 Incontro fra i popoli http://www.incontrofraipopoli.it/ 139 Il Sole Onlus http://www.ilsole.org/default.asp?page=1 Istituto Nuova Africa e Americhe - Federazione Italiana 140 http://www.fict.it/ Comunità terapeutiche 141 Insieme si può http://www.365giorni.org/
  46. 46. Risultati dell’analisi 37 N Nome Ong Sito Web 142 Organizzazione Umanitaria per l'Emergenza http://www.intersos.org/ 143 Intervita Onlus http://www.intervita.it/ita/index.php 144 Istituto Pace Sviluppo Innovazione Acli http://www.ipsia.acli.it/ Istituto Superiore per le Tecniche di Conservazione dei 145 NO SITO Beni Culturali e dell'Ambiente Istituto Sindacale per la Cooperazione con i Paesi in Via di 146 http://www.iscos.cisl.it/ Sviluppo 147 Istituto Superiore Internazionale di Scienze Criminali http://www.isisc.org/ISISChome.asp 148 Associazione Itaca http://www.itacaong.org/index.php?/itaca 149 La ruota internazionale Onlus NO SITO 150 Volontariato Internazionale Rogazionista NO SITO 151 L'Africa chiama Onlus http://www.lafricachiama.org/ Coordinamento Regionale Volontariato e Solidarietà http://www.associazionelucianolama.it/index. 152 Luciano Lama onlus html/ 153 La casa del sorriso NO SITO 154 Legambiente Onlus http://www.legambiente.eu/ 155 Fondazione Lions Club http://www.fondazionelions.org/ 156 Gruppo Laici Terzo Mondo http://www.ltmong.org/ 157 Associazione Internazionale Volontari Laici http://www.lvia.it/index.htm 158 M.A.I.S. http://www.mais.to.it/mambo/ 159 MOVIMENTO AFRICANO '70 http://www.africa70.org/ 160 Movimento Apostolico ciechi http://www.macnazionale.it/ Fondazione Magis - Movimento e Azione dei Gesuiti 161 http://www.magisitalia.org italiani per lo Sviluppo 162 Mani Tese http://www.manitese.it 163 Maratona dei Popoli http://www.peoplesrun.org 164 Mediterranean Council for burns and fire disaster http://www.medbc.com/ 165 Movimento e comunità in difesa dei diritti dei popoli http://www.movicom.it/ 166 Missioni Consolata Onlus http://www.missioniconsolataonlus.it 167 Missione futuro NO SITO 168 Movimento per la lotta contro la fame nel mondo http://www.medicusmundi.it/ 169 Movimento per la Cooperazione Internazionale No sito 170 Fondazione Monserrate Onlus http://www.monserrate.org/ 171 Movimondo NO SITO 172 Medici senza frontiere http://www.medicisenzafrontiere.it/ 173 Movimento Sviluppo e Pace http://www.movimentosviluppopace.org/ 174 Napoli: Europa Africa http://www.neaculture.it/ 175 Next Onlus http://www.nextonlus.it 176 Emilia Romagna Onlus http://nexuser.wordpress.com 177 Non c'è pace senza giustizia http://www.npwj.org 178 Nuovi Spazi al Servire http://www.nuovispazialservire.it/ 179 Nessuno Tocchi Caino http://www.nessunotocchicaino.it/ 180 Nuovo villaggio del Fanciullo Celso e Anna Frascali NO SITO 181 Organizzazione di aiuto fraterno Italia http://www.oafi.org/
  47. 47. 38 Risultati dell’analisi N Nome Ong Sito Web 182 Istituto Oikos http://www.istituto-oikos.org/ 183 Opera di Promozione dell'Alfabetizzazione nel Mondo http://www.opam.it/ 184 Azione Verde Onlus http://www.azioneverde.org/ 185 Operazione Sviluppo NO SITO 186 Organizzazione Sviluppo e integrazione http://www.ongosa.org/ 187 Organismo Sardo di Volontariato Internazionale Cristiano http://www.osvic.it/ 188 Associazione la Nostra Famiglia http://www.ovci.org/ Organizzazione per lo sviluppo globale di comunità in 189 http://www.overseas-onlus.org/ Paesi extraeuropei 190 Parma per gli altri http://www.parmaperglialtri.it/ 191 Persone come noi http://www.personecomenoi.org/ 192 Punto di Fraternità http://www.puntodifraternita.it/ Politecnico Internazionale per lo Sviluppo Industriale ed 193 http://www.pisie.it/ Economico 194 Progetto Domani: Cultura e Solidarietà http://www.prodocs.info/Home.aspx 195 Fondazione per la promozione umana e la salute http://www.fondazioneprosa.it/ Associazione per la promozione della scuola di cultura 196 http://www.prosca.com/ ambientale 197 Progetto Continenti Onlus http://www.progettocontinenti.org/ 198 Associazione ProgettoMondo Movimento Laici America http://www.mlal.org/ 199 Progetto Mondialità http://www.promond.it/ 200 Progetto Syd http://www.progettosud.org/ 201 Progetto Sviluppo http://www.prosvil.cgil.it/ 202 Reggio Terzo Mondo http://www.reggioterzomondo.org/home.php 203 World Family of Radio Maria http://www.radiomaria.org/ http://www.ongrc.org/lang/ita/cgi- 204 Ricerca e Cooperazione bin/gk.pl?pg=home 205 Reach Italia http://www.reachitalia.it/_home.php 206 Fondazione risorsa donna http://www.fondazionerisorsadonna.it/ 207 Organismo di Solidarietà Internazionale http://www.sosmissionario.it/ 208 Solidarietà Uomo Cooperazione allo Sviluppo NO SITO 209 Salute e Sviluppo ONG http://www.salutesviluppo.org/ 210 Save the children http://www.savethechildren.it/2003/index.asp Servizio Collaborazione Assistenza Internazionale 211 http://www.scaip.it/ Piamartino 212 Servizio Civile Internazionale http://www.sci-italia.it/news.php 213 Solidarietà e Cooperazione senza Frontiere http://scsfong.wordpress.com/ http://www.associazionegiovanniseccosuardo 214 Associazione Giovanni Secco Suardo .it/ 215 Senzaconfini onlus http://www.senzaconfini-onlus.it/ 216 Servizio Esperti Volontari http://www.sev84.org/ Associazione per la Cooperazione Tecnica e Sociale 217 NO SITO Internazionale 218 San José Amici nel Mondo http://www.sjamo.it/oldsite/home.htm 219 Soleterre http://www.soleterre.org/ 220 Solidarietà e Servizio NO SITO
  48. 48. Risultati dell’analisi 39 N Nome Ong Sito Web 221 Sulla Strada Onlus http://www.sullastradaonlus.com/ 222 Servizio Volontario Internazionale http://www.svibrescia.it 223 Sviluppo 2000 http://www.sviluppo2000.org/ 224 Tamat http://www.tamat.org/ 225 Fondazione Terre des Hommes Italia http://www.tdhitaly.org/ 226 Terra nuova http://www.terranuova.org/ 227 Trasparency Internationale http://www.transparency.org/ 228 Unità e Cooperazione per lo Sviluppo dei Popoli http://www.ucodep.org/index.php 229 Ufficio Centrale Studenti Esteri in Italia NO SITO 230 Unione Medico Missionaria Italiana http://www.sacrocuoredoncalabria.it/ 231 Un ponte per... http://www.unponteper.it/ 232 Un Pozzo per la Vita http://www.gruppomissionariomerano.it/ Unione Volontariato Internazionale per lo Sviluppo e la 233 http://www.uvisp.org Pace Volontariato Internazionale Donne per Educazione e 234 http://www.vides.org Sviluppo 235 Volontariato Internazionale per lo Sviluppo http://www.volint.it 236 Volontari Internazionali Scuola Beato Angelico NO SITO Associazione Volontari Iniziative Sviluppo Economico e 237 http://www.vises.it Sociale 238 Volontari Italiani per la Solidarietà ai Paesi Emergenti http://www.vispe.it 239 Volontari per la Solidarietà e lo Sviluppo NO SITO 240 Voci di Popolo del Mondo http://www.ongvpm.org 241 Fondo Mondiale per la Natura http://www.wwf.it 3.2 Analisi per Quartili: Risultati Il campione dei siti, ordinato in base al punteggio totale crescente, è stato diviso in quattro quartili contenenti un ugual numero di siti. Le Ong senza sito sono state escluse dall’analisi. La seguenti tabelle contengono i siti del primo quartile. Nella prima colonna viene mostrato il nome della Ong, seguito dal sito, dalle caratteristiche Architettura, Comunicazione, Funzionalità, Contenuto ed infine la somma dei punteggi con peso 1.
  49. 49. 40 Risultati dell’Analisi Primo Quartile Valori Medi Nome Ong Sito web dell’Ong Arch Com Funz Cont Tot Napoli: Europa Africa http://www.neaculture.it/ 0,00 0,25 0,00 0,00 0,25 Associazione Sanitaria Internazionale http://www.asi-international.org/it/home.htm 0,00 0,08 0,00 0,18 0,27 Differenza Donna http://www.differenzadonna.it/ 0,00 0,17 0,14 0,00 0,31 Unione Volontariato Internazionale per lo Sviluppo e la Pace http://www.uvisp.org 0,00 0,25 0,00 0,18 0,43 Movimento per la lotta contro la fame nel mondo http://www.medicusmundi.it/ 0,00 0,00 0,00 0,45 0,45 Associazione con i Fatebenefratelli per i malati lontani http://www.afmal.org/ 0,25 0,17 0,00 0,09 0,51 Punto di Fraternità http://www.puntodifraternita.it/ 0,25 0,08 0,00 0,18 0,52 Comunità Nuovo Mondo http://www.mondonuovo.org/ 0,25 0,42 0,00 0,00 0,67 Cooperazione per il Mondo in via di Sviluppo http://www.comiorg.it/ 0,25 0,42 0,00 0,00 0,67 Fondazione risorsa donna http://www.fondazionerisorsadonna.it/ 0,25 0,33 0,00 0,09 0,67 Associazione Africa Tremila O.N.L.U.S http://www.africatremila.it/ 0,00 0,42 0,00 0,27 0,69 Fondazione Emmanuel per il Sud del Mondo http://www.fondazione-emmanuel.org/ 0,00 0,67 0,00 0,09 0,76 Associazione Valdostana di Solidarietà e Fratellanza (Fihavanana) con il Madagascar http://www.netsurf.it/madagascar/ 0,25 0,42 0,00 0,09 0,76 Movimento Sviluppo e Pace http://www.movimentosviluppopace.org/ 0,25 0,42 0,00 0,09 0,76 Gao Cooperazione Internazionale http://www.gaong.org/ 0,25 0,25 0,00 0,27 0,77 Gruppo italiano Chirurghi Amici della Mano http://www.gicam.it/ 0,00 0,50 0,00 0,27 0,77 Comunità Promozione e Sviluppo http://www.cps-ong.it/ 0,25 0,42 0,14 0,00 0,81 Cooperazione Odontoiatrica Internazionale http://www.cooperazioneodontoiatrica.eu/ 0,00 0,50 0,14 0,18 0,82 Mediterranean Council for burns and fire disaster http://www.medbc.com/ 0,00 0,50 0,14 0,18 0,82 Cooperazione Paesi Emergenti http://www.cope.it/ 0,25 0,17 0,14 0,27 0,83
  50. 50. Risultati dell’analisi 41 Valori Medi Nome Ong Sito web dell’Ong Arch Com Funz Cont Tot Camminiamo oltre l'orizzonte http://www.colorngo.org/ 0,25 0,50 0,00 0,09 0,84 Nuovi Spazi al Servire http://www.nuovispazialservire.it/ 0,00 0,67 0,00 0,18 0,85 Associazione laica fondata dal padre comboniano Renato Kizito Sesana http://www.amaniforafrica.org/amani/index.htm 0,25 0,42 0,00 0,18 0,85 Associazione Casa Famiglia Rosetta http://www.casarosetta.org/home/default.asp 0,00 0,33 0,29 0,27 0,89 Casa do Menor Italia http://www.casadomenor.it/ 0,00 0,67 0,14 0,09 0,90 Associazione per la promozione della scuola di cultura ambientale http://www.prosca.com/ 0,25 0,42 0,14 0,09 0,90 Salute e Sviluppo ONG http://www.salutesviluppo.org/ 0,25 0,50 0,00 0,18 0,93 Progetto Sviluppo http://www.prosvil.cgil.it/ 0,50 0,17 0,00 0,27 0,94 Organizzazione di Volontariato Internazionale Cristiano http://www.celimbergamo.it/ 0,25 0,42 0,00 0,27 0,94 Fondazione Lions Club http://www.fondazionelions.org/ 0,25 0,33 0,00 0,36 0,95 Next Onlus http://www.nextonlus.it 0,20 0,67 0,00 0,09 0,96 Servizio Collaborazione Assistenza Internazionale Piamartino http://www.scaip.it/ 0,25 0,58 0,00 0,18 1,02 San José Amici nel Mondo http://www.sjamo.it/oldsite/home.htm 0,25 0,58 0,00 0,18 1,02 Associazione Centro Aiuti Volontari Cooperazione Sviluppo Terzo Mondo http://www.acavtn.it/ 0,25 0,50 0,00 0,27 1,02 Volontari Italiani per la Solidarietà ai Paesi Emergenti http://www.vispe.it 0,25 0,50 0,00 0,27 1,02 Controinformazione Terzo mondo - Onlus http://www.ctm-lecce.it/ 0,25 0,42 0,00 0,36 1,03 Parma per gli altri http://www.parmaperglialtri.it/ 0,00 0,67 0,00 0,36 1,03 Associazione per la Cooperazione internazionale e l'aiuto umanitario http://www.alisei.org/ 0,25 0,33 0,00 0,45 1,04 Centro per un Appropriato Sviluppo Tecnologico http://www.cast-ong.org/ 0,50 0,25 0,14 0,18 1,07 Disarmo e Sviluppo http://www.disvi.net/ 0,25 0,33 0,14 0,36 1,09 Progetto Domani: Cultura e Solidarietà http://www.prodocs.info/Home.aspx 0,00 0,50 0,14 0,45 1,10

×