Your SlideShare is downloading. ×
Workshop Internazionale                     International Workshop                                Palazzo Ducale          ...
Innovazioni biomediche                                                                                                    ...
Giovanni Boniolo, professore di Medical Humanities alla Facoltà di          Innovazioni biomediche                        ...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Workshop flyer, Festival della Salute 2011 - Lucca

353

Published on

TTFactor srl is pleased to announce the Workshop around Intellectual Property of scientific outcomes entitled:" Who should own the biomedical innovations? Ethical and societal implications"

Join us at Lucca, on 28 Sept. 2011

Published in: Education, Technology, Spiritual
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
353
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Workshop flyer, Festival della Salute 2011 - Lucca"

  1. 1. Workshop Internazionale International Workshop Palazzo Ducale Sala Maria Luisa Piazza Napoleone n.12 - Lucca 28 settembre 2011 Con il patrocinio di In collaborazione con Under the patronage of In cooperation with BIOM. Società Italiana di Storia, TTFactor Technology Transfer Filosofia e Studi Sociali della Biologia e della Medicina Direttore Scientifico/Scientific Director: Giovanni Boniolo l giovanni.boniolo@ifom-ieo-campus.itSegreteria Scientifica/Scientific Secretariat: Bettina Schmietow l bettina.schmietow@ifom-ieo-campus.it Segreteria Organizzativa/Organizing Secretariat: Jessica Crivaro - Goodlink l j.crivaro@goodlink.it
  2. 2. Innovazioni biomediche International Workshop Workshop Internazionalee proprietà intellettuale.A chi appartengono i risultatidella biomedicinae della tecnologia biomedica?Nel 2009 un gruppo di scienziati, filosofi e giuristi si riunì a Man-chester per discutere delle crescenti interconnessioni tra scienza, inparticolare biologia molecolare e biomedicina, e società. La princi-pale idea emersa, poi sintetizzata nel cosiddetto Manifesto di Man-chester, fu di pensare la conoscenza biomedica, e quindi anche lesue innovazioni, come un bene comune. Lo stesso manifesto riportache: “La scienza e l’insieme all’innovazione che genera si configura- Who should ownno come una vasta impresa che riunisce settori commerciali e no- the biomedicalprofit, pubblici e privati, industriali e didattici, sia a livello amatoriale innovations? Ethicalsia professionale […] Diventa quindi sempre più importante consi-derare la domanda: ‘A chi appartiene la scienza? Chi ha la proprietà and societal implicationssulla scienza?’. La risposta a questa domanda ha enormi implicazio- In 2009 a group of scientists, philosophersni legate sia al progresso scientifico, sia alla possibilità per tutti di and legal experts met in Manchester to di-accedere alla scienza e ai suoi risultati, sia all’equa distribuzione dei scuss an ever increasing interconnectionsuoi benefici e della sua portata innovativa. In altre parole, risponde- between sciences, in particular molecularre a tale quesito ha implicazioni di livello internazionale in merito a biology and biomedicine, and society. Aquestioni di giustizia globale e di progresso umano”. both well-received and also criticized Ma-Parallelamente al meeting di Manchester, l’American Association of nifesto, supporting the idea that bioscien-University Technology Managers ha elaborato un documento in cui ce is a common good, was then proposed:propone i principi fondamentali per un’equa disseminazione delle “Science, along with the innovation it gene-tecnologie mediche. Tra questi, figura il principio secondo cui le rates, is a vast enterprise: commercial and“università dei paesi sviluppati devono lavorare al fine di favorire la pro-bono, public and private, industrial andcommercializzazione delle invenzioni accademiche nel campo della educational, amateur and professional. […salute, attraverso l’implementazione e la disseminazione di queste therefore] it is increasingly important totecnologie per la promozione del bene pubblico”. consider the question of Who Owns Scien-Alla luce di questi due documenti, pare ora necessario analizzare ce? The answer to this question will havele basi della questione e porsi nuovamente la domanda: “A chi ap- broad-ranging implications: for scientificpartengono i risultati innovativi delle biomedicina e della tecnologia progress, for equity of access to scientificmedica?” In altre parole, dovremmo considerare i risultati delle in- knowledge and its fruits and for the fair di-novazioni in campo biomedico e biomolecolare come un bene co- stribution of the benefits and the burdens ofmune, da distribuire e rendere fruibile gratuitamente alla società? science and innovation – in short, for globalE’ plausibile una simile proposta? E’ concretamente attuabile, o do- justice and human progress”.vremmo piuttosto provare a immaginare un diverso scenario, in cui Independently of that meeting, the Ameri- can Association of University Technologygli interessi in gioco vengono bilanciati e regolati attraverso un nuo- Managers wrote up a Statement of Princi-vo patto tra ricercatori, mercato e pubblico? Che cos’è eticamente ples for the Equitable Dissemination of Me-accettabile, e che cosa non lo è, riguardo alla commercializzazione dical Technologies in which it was claimeddelle innovazioni? that “universities in the developed worldNel tentativo di chiarire e affrontare queste problematiche, si è pen- work to facilitate the commercialization ofsato di realizzare un workshop di riflessione: “Innovazioni biomedi- the health-related inventions of academicche e proprietà intellettuale. A chi appartengono i risultati delle bio- researchers by developing and dissemina-medicina e della tecnologia medica?”. A tale incontro parteciperà un ting these technologies for the public good”.gruppo di studiosi di reale caratura internazionale. Now, especially from the ethical and societalInizierà John Harris, co-direttore del Centro per l’Innovazione, la point of view, it is worth rethinking the issueScienza e la Società con sede al Dipartmento di Diritto dell’Univer- and asking “Who should own the biomedi-sità di Manchester. Harris è un bioeticista di fama internazionale, cal innovations?”. That is, really should theconosciuto per le sue affermazioni provocatorie di stampo liberale. results and the innovations of the molecu-E’ uno dei tre promotori del Manifesto di Manchester, assieme ai lar and biomedical research be a common ➤premi Nobel Joseph Stiglitz e John Sulston. Seguirà l’intervento di
  3. 3. Giovanni Boniolo, professore di Medical Humanities alla Facoltà di Innovazioni biomediche International Workshop Workshop InternazionaleMedicina, Università di Milano e Direttore del Programma di Dottora- e proprietà intellettuale.to in “Foundations of the Life Sciences and Their Ethical Consequen- A chi appartengono i risultatices” con base al Campus IFOM-IEO a Milano. Un’analisi giuridica della biomedicinasarà invece offerta da Catherine Rhodes, docente alla School of Law e della tecnologia biomedica?dell’Università di Manchester. Rhodes è un’esperta di relazioni inter-nazionali e di biosicurezza, con un passato come consulente per laCommissione Europea sulla regolazione dei prodotti biotecnologici.A conclusione della prima parte dei lavori, Giuseppe Testa (Diparti-mento di Oncologia Sperimentale dell’Istituto Europeo Oncologicodi Milano), che dirige un gruppo di ricerca in Epigenetica e cellulestaminali al campus IFOM-IEO ed è anche impegnato nella ricercain ambito di Science & Technologies Studies. Nella seconda partedel workshop vi sarà una tavola rotonda dove esperti del problemasi confronteranno per poi essere a disposizione del pubblico. Tra glispeaker si annoverano Giulio Draetta, Vicedirettore dell’Istituto Bel-fer per la scienza oncologica applicata al Dana Farber di Boston; NilsHoppe, Direttore del Centro per Etica e Diritto con sede all’Istitutoper la Filosofia delle Scienze della Vita, Leibniz Universitaet Hanno-ver; Daniela Bellomo, Direttore Generale di TTFactor S.r.l., ossia laSocietà di Trasferimento Tecnologico dell’Istituto FIRC di Oncologia ➤ good which should be totally availableMolecolare (IFOM) e dell’Istituto Europeo di Oncologia (IEO). Bello- to everyone at any cost? Is really plau-mo ha una grande esperienza internazionale nel settore del techno- sible and feasible a position like this one orlogy transfer essendo da anni che lavora in questo ambito; Federico should we think about a new “pact” amongNeresini, che presiederà anche la prima parte, insegna Metodologia the researchers, the market and the public?della Ricerca Sociale all’Università di Padova. E’ membro della Euro- What is ethically wrong and what is ethicallypean Association for the Study of Science and Technology e della right with the commercialisation of the in-Society for Social Studies of Science. Si occupa di sociologia della novations? Should such commercialisationscienza e in particolare di percezione e comprensione pubblica del- be limited in some way, totally permitted orla scienza. E’ socio-fondatore e Presidente di Observa – Science in totally banned?Society. ProgrAmmA dEl WorkshoPore 14,30 – Apertura/Opening ore 16,00Giovanni Boniolo Facoltà di Medicina, Università Giuseppe Testa Dipartimento di Oncologia di Milano & IFOM, Milano Sperimentale dell’Istituto Europeo Faculty of Medicine, University di Oncologia di Milano n Department of Milano & IFOM, Milano of Experimental Oncology, IEO, MilanoOreste Tavanti Direttore Generale Azienda USL 2 ore 16,20 - Break Lucca n General Director, Hospital of Lucca (Azienda USL 2 Lucca) ore 17,00 – Tavola rotunda/Round tableModera Chair: Modera Chair:Federico Neresini Dipartimento di Sociologia, Università Daniela Bellomo Direttore Generale TTFactor S.r.l di Padova e Presidente di Observa - TTFactor S.r.l. Science in Society n Department Giulio Draetta Vicedirettore dell’Istituto Belfer of Sociology, University per la scienza oncologica applicata, of Padova & Observa. Science Dana Farber di Boston n Dana Farber in Society Cancer Institute, Bostonore 15,00 Nils Hoppe CELLS, Centre for Ethics and LawJohn Harris Co-direttore Centro per l’Innovazione, in the Life Sciences, Leibniz University, la Scienza e la Società, Dipartimento Hannover di Diritto dell’Università di Manchester Federico Neresini Dipartimento di Sociologia, Università School of Law, University di Padova e Presidente di Observa - of Manchester Science in Society n Departmentore 15,20 of Socioly, University of PadovaGiovanni Boniolo Facoltà di Medicina, Università & Observa. Science in Society di Milano & IFOM, Milano ore 19,00 Faculty of Medicine, University Concluding remarks of Milano & IFOM, Milano Giovanni Boniolo Facoltà di Medicina, Universitàore 15,40 di Milano & IFOM, MilanoCatherine Rhodes School of Law, Faculty of Medicine, University University of Manchester of Milano & IFOM, Milano

×