Decrescita Serena 1

1,430 views
1,290 views

Published on

http://treebookgallery.blogspot.com/ MMXI Edition by Bia Simonassi A project by Free Your Ideas www.freeyourideas.net

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,430
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
11
Actions
Shares
0
Downloads
27
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Decrescita Serena 1

  1. 1. Find out more digital handicraft: TREeBOOKgallery.blogspot.com
  2. 2. Based on “Breve trattato sulla decrescita serena” by Serge Latouche (Bollati Boringhieri), 2008.
  3. 3. Veniamo da una societàdella crescita,fagocitate da uneconomiala cui sola finalitàè la crescita fine ase stessa.
  4. 4. Il sistema basato sulladismisuraci porta in un vicolo ceco eschizofrenico,dove regna la frenesiadelle attività umane.
  5. 5. Ma la crescitainfinitaè incompatibile con unmondo finito.
  6. 6. E i nostri consuminon possono superarele capacità dirigenerazionedella biosfera.
  7. 7. Produzioni e consumi devono essereridotti(e non meramentesostituiti).
  8. 8. La logica della crescitasistematica a 360 gradideve essere rimessa indiscussione,insieme al nostrostile di vita.
  9. 9. Bisogna sopraprodurreper sovracquistare.Quando il mercato èsaturoe la produzione continua,
  10. 10. Bisognaorganizzare unacampagna pubblicitàriaperchè ogni famigliacompre due “auto”(cellulari, scarpe, viaggi,...):una soltanto non basta.
  11. 11. Ma arriva ilmomentoin cui bisogna anchepagare.
  12. 12. La decrescitaé una parola-bombacontro lipocrisia e ildelirio delprodutivismo.
  13. 13. Labbandonodellobiettivo della crescita illimitata,il cui motore è essenzialmente laricerca del profitto,non è ben accetto da noi.E tuttavia accettarlo èindispensabile.
  14. 14. Non soltanto la società èridotta a merostrumento e mezzodella meccanica produttiva,ma luomo stesso tende adiventare lo scartodi un sistema che puntaa renderlo inutile.
  15. 15. Ma la decrescita non è lacrescita negativa.Come non cè niente di peggiodi una società del lavorosenza lavoro,non cè niente di peggiodi una società della crescitain cui la crescita si rende latitante.
  16. 16. La decrescita è concepibilesoltanto in una società delladecrescita,ovverosia nel quadro di unsistema basato su unalogica diversa.
  17. 17. Si dovrebbe parlare dia-crescita,come si parla di a-teismo,più che di de-crescita.
  18. 18. Si tratta proprio diabbandonare una fede,quella delleconomia,del progresso e dello sviluppo,di rigettare il cultoirrazionaledella crescita fine a se stessa.
  19. 19. La decrescita è una bandieradietro la quale si raggruppanoquelli che hanno fatto unacritica radicaledello sciluppo e voglionodelineare il contorno di unprogetto alternativoper uma politica del doposviluppo.
  20. 20. Si vivrà megliolavorando di meno econsumandodi meno.
  21. 21. Per neutralizzare il suo potenzialesovversivo,si tenta spesso di far rientrarela decrescita nel girone dellosviluppo sostenibile.
  22. 22. Lo sviluppo è una parolatossica,quale che sia laggetivoche gli viene applicato.
  23. 23. Lo svilupposostenibileha ormai trovato il suoistrumento privilegiato:
  24. 24. i meccanismi disviluppi puliti,cioè tecnologie a basso impiegodi energia o di carbone,allinsegna dellecoefficienza.
  25. 25. Ma si rimane semprenel mondo delladiplomazia verbale e dellalogica suicidadello sviluppo.
  26. 26. Lo sviluppo è un concettoetnocentricoe etnocida,che si è imposto attraversola seduzione,
  27. 27. combinata con laviolenzadella colonizzazione edellimperialismo,e costituisce un vero e proprio“stupro dellimmaginario”.
  28. 28. Verso la fine degli anni 70,il “sustainable development”ha trionfatosullespressione più neutra“ecosviluppo”,adottata nel 1972.
  29. 29. Lo “sviluppo sostenibile”serve soltanto ad evitareil vero cambiamentodelle abitudini,modificando solomarginalmente la nostra rotta.
  30. 30. Quindi parlare di un“altro” sviluppo, come puredi un “altra” crescita,sta a indicare o unagrande ingenuitào una grande ipocrisia.
  31. 31. È arrivato il tempo didecolonizzarein definitivo il nostroimmaginario.
  32. 32. Il progetto di una societàautonoma ed economa,riassunto nel motto delladecrescita, non è di ieri:lidea di decrescitaè stata formulata giàdalla fine degli anni 60.
  33. 33. Il falimento dello sviluppomette in dicussionela società dei consumi e le suebasi immaginarie:il progresso,la scienza e la tecnica.
  34. 34. Non soltanto lasocietà della crescitanon è desiderabile,ma non è neppuresostenibile!
  35. 35. Luomo deve sostituire lascienza economicatradizionalecon una bioeconomia,
  36. 36. ovvero di pensareleconomiaallinterno dellabiosfera.
  37. 37. Chi crede che sia possibileuna crescita infinitain un mondo finito,o è un pazzoo un ecomonista.
  38. 38. Images by DeviantArt.com and Threadless.com

×