Genetica

  • 1,765 views
Uploaded on

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
1,765
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
38
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. GENETICA
    Leggi di Mendel
    Prof. Susanna Abbati
  • 2. Genetica
    Il monaco Gregor Mendel (1822-1884) fu il primo a studiare in modo rigoroso, adottando il metodo scientifico, il fenomeno della trasmissione dei caratteri ereditari.. Mendel, viene considerato il fondatore della genetica, ossia la scienza che studia l’ereditarietà.
  • 3. Genetica
    Mendel scelse per i suoi esperimenti le piante di pisello odoroso, sulle quali era facile osservare la riproduzione, compiendo incroci artificiali su 20.000 piante che coltivava nell’orto del suo convento. Le ricerche durarono dal 1857 al 1865. Nel 1865 pubblicò i risultati delle sue ricerche nessuno diede loro l’importanza che meritavano
  • 4. Perchè le piante di pisello
    La scelta non fu casuale ma determinata da alcune caratteristiche di tali piante:
    • Sono facilmente coltivabili sia in terra che in vaso
    • 5. Sono piante erbaceee questo permette l’osservazione di più generazioni di piante in tempi relativamente brevi.
    • 6. Difficile intrusione di polline estraneo perché gli organi sessuali sono ben protetti nel fiore e ciò rende facile ottenere piante pure
    • 7. Presentano caratteri antagonisti:il colore dei fiori può essere rosso o bianco, il seme può essere liscio o rugoso e il suo colore può essere verde o giallo.
    • 8. Sono piante ermafrodite la fecondazione avviene per autoimpollinazione tra il polline e l’ovulo di uno stesso fiore
  • Parti del fiore
  • 9. Razza pura
    Mendel selezionò piante di razza pura per alcuni caratteri mediante fecondazione artificiale ottenendo così piante, che, autoimpollinandosi, presentavano sempre lo stesso carattere
    Un organismo viene detto di razza pura per un carattere se, quando viene autoimpollinato, la sua discendenza presenta anch’essa lo stesso carattere in tutti gli individui.
  • 10. Fecondazione artificiale incrociata
    Con un pennello raccoglieva il polline di un’altra piantina con cui intendeva controllare l’incrocio
    Trasferiva il polline prelevato sulla piantina a cui aveva asportato le antere
    Per evitare autoimpollinazione, Mendel apriva il fiore e tagliava le antere (organo maschile
  • 11. Primo esperimento
    Incrocio tra piante pure con carattere antagonista
    Mendel impollinò piante a fiori viola con polline di piante a fiori bianchi e viceversa; questo si chiama incrocio parentale e si indica con la lettera P.
    P
    Alla prima generazione, chiamata F1, nacquero piante tutte uguali, che manifestavano lo stesso carattere, fiore viola
    F1
  • 12. Secondo esperimento
    Incrocio tra piante della prima generazione
    Mendelproseguì i suoi esperimenti impollinando piante della prima generazione F1 . Verificò che la seconda generazione filiale, F2, era costituita per ¾ da fiori viola e per ¼ da fiori bianchi, quindi il carattere bianco non era scomparso. Chiamò il carattere viola dominante e il carattere bianco recessivo. Mendel chiamò ibridi i fiori della prima generazione in quanto contenevano i due caratteri viola e bianco
    F1
    F2
  • 13. Prima legge: legge della dominanza
    Incrociando due individui appartenenti a linee pure, che differiscono per un solo carattere, si ottiene una prima generazione che presenta solo uno dei due caratteri definito dominante
    Seconda legge: legge della dominanza
    Incrociando la prima generazione si ottiene una seconda generazione filiale nella quale il carattere dominante e quello recessivo si presentano sempre nel rapporto di 3:1