Sport nelle forze armate e di polizia

  • 301 views
Uploaded on

Lo sport ha da sempre avuto una stretta relazione con il mondo militare, si può dire che è una rappresentazione dell’“arte della guerra”. Se si intende l’aggressività come componente antropologica …

Lo sport ha da sempre avuto una stretta relazione con il mondo militare, si può dire che è una rappresentazione dell’“arte della guerra”. Se si intende l’aggressività come componente antropologica ineliminabile, non si può negare che lo sport è nella sua forma attuale un campo di battaglia sostanzialmente pacifico, dove l’uomo può esprimere la sua voglia di primeggiare sull’altro.
Se fin dall’antichità il rapporto era fondamentalmente di utilizzo da parte dei militari della pratica sportiva come un allenamento o una riproposizione mascherata della battaglia e della vittoria, una volta che lo sport a partire dal secondo dopoguerra ha assunto una sua caratterizzazione come fenomeno a sé stante con le sue regole e i suoi valori, è stato esso stesso ad usufruire delle istituzioni militari per ottenerne supporto e sostegno, economico ed organizzativo. Questo è avvenuto nei Paesi del blocco sovietico in chiave ideologica, ancora legata ad un’idea bellicosa dello sport, ma anche in chiave soprattutto utilitaristica in Italia, con un sistema che negli anni è andato rafforzandosi sempre più.
Puntualmente ad ogni edizione dei Giochi Olimpici si aprono le polemiche sugli atleti italiani appartenenti ai diversi gruppi sportivi militari, stipendiati dallo Stato e quindi a carico dei cittadini, che appare un’ulteriore spesa pubblica. Nonostante le vittorie sportive e le medaglie olimpiche, che rappresentano la maggior parte di quelle conquistate dalla delegazione italiana, possono appagare un senso di orgoglio nazionale, c’è sempre un serpeggiante malcontento pensando ad atleti a tutti gli effetti soldati ed agenti, ma esonerati dal mestiere ovvero pagati per svolgere l’attività sportiva professionale a tempo pieno. Il sistema è divenuto indispensabile per lo sport italiano di vertice, in quanto i grandi gruppi polisportivi militari sono gli unici, salvo alcune eccezioni, a garantire un sostegno pieno e di livello assoluto per permettere ai migliori atleti di primeggiare nelle grandi manifestazioni internazionali.
Il seguente lavoro si distinguerà in tre parti. Nella prima verrà messo in luce come la nascita delle pratiche sportive sia strettamente legata l’attività della guerra, e l’utilizzo in chiave di educazione militare e ideologica dello sport nel corso della storia. Nella seconda parte verrà analizzato il sistema del sostegno pubblico italiano dello sport di alto livello tramite i Gruppi sportivi delle Forze Armate (Esercito, Marna, Aeronautica, Carabinieri) e di Polizia (Guardia di Finanza, Polizia di Stato, Polizia Penitenziaria, Guardia Forestale e Vigili del Fuoco) dal punto di vista organizzativo e legislativo. Nella terza ed ultima parte verranno posti in esame i diversi modelli del sostegno militare di tre potenze sportive europee come Francia, Germania e Russia.

More in: Sports
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
301
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. SPORT NELLE FORZE ARMATE E DI POLIZIA:SPORT NELLE FORZE ARMATE E DI POLIZIA: RAPPORTI STORICI E SISTEMA ORGANIZZATIVORAPPORTI STORICI E SISTEMA ORGANIZZATIVO Corso di Laurea Magistrale in Management delle Imprese Sportive
  • 2. Sport e Mondo MilitareSport e Mondo Militare  Sport come rappresentazione dell’“arte della guerra”: campo di battaglia sostanzialmente pacifico, dove l’uomo può esprimere la sua voglia di primeggiare sull’altro. Storia  Prime civiltà: Sumeri, Ittiti, Antica Cina Attività sportive come allenamento militare delle classi aristocratiche
  • 3. Antica GreciaAntica Grecia  Sport rappresenta spirito competitivo della nobiltà guerriera  Funzione di allenamento militare (ginnasio): formazione del cittadino soldato  La ginnastica come preparazione militare si affianca alla ginnastica educativa, opposte allo sport professionistico
  • 4. Antica RomaAntica Roma  Attività sportiva nella classe aristocratica militare.  Preparazione dei soldati di leva nel Campo Marzio.  A partire dal II sec. a.C. con l’avvento della milizia professionale il cittadino romano diventa attore passivo del mondo militare, rievocato nei ludi gladiatori.
  • 5. MedioevoMedioevo  Attività sportive e ludiche sopravvivono sotto forma di riti e rievocazione delle battaglie da parte della nobiltà, che portano alla codificazione di giostre e tornei cavallereschi. RinascimentoRinascimento  Attività ginnico-sportive considerate dai pedagogisti come formazione educativa e di allenamento militare.  Primi giochi sportivi regolamentati descritti
  • 6. Illuminismo e Rivoluzioni borghesiIlluminismo e Rivoluzioni borghesi (XVIII sec)(XVIII sec)  Uomo padrone di sé stesso e del proprio corpo. Rivoluzione francese: cittadino preparato fisicamente per difendere la libertà conquistata. Sviluppo di due modelli di fisicità:  Ginnastica non competitiva (Prussia): • formazione unità del popolo e disciplina (Jahn) Sport moderni (Inghilterra): • leisure time borghese / public schools (Arnold) • spirito competitivo / spirito collaborativo
  • 7. Risorgimento italianoRisorgimento italiano  Base ideologica: teorizzazione educazione fisica e militare del cittadino in una repubblica democratica (Filangeri, Galdi, Cuoco).  Elite militari degli Stati pre-unitari sviluppano attività ginnastica e discipline sportive tramite Collegi, Accademie, Società Ginnastiche (es. Obermann nel 1844 a Torino fonda Reale società ginnastica). Finalità militari-patriottichemilitari-patriottiche.  Unità d’Italia: prime riforme e commistione tra istituzioni militari, società ginnastiche ed educazione fisica scolastica.  Ruolo fondamentale dell’esercito nell’equitazione e nella scherma.
  • 8. XX secoloXX secolo  De Coubertin istituisce le Olimpiadi: intenzioni pacifiche ma strumentalizzazione nazionalistica da parte dei Paesi partecipanti.  L’Olimpismo si contrappone alla ginnastica militarizzata di stampo tedesco: gli sport inglesi si diffondono a livello nazionale e internazionale, uniformazione dei regolamenti con la nascita delle Federazioni e l’affermazione di competizioni ufficiali. Diffusione del professionismo (riconosciuto o mascherato).  La deriva nazionalistica porta alla Prima Guerra MondialePrima Guerra Mondiale: in Italia il mondo dello sport assume posizione interventista contribuendo in particolare alle fasi decisive della guerra (arditismo).  Olimpiadi militari interalleate contribuiscono ad un incontro tra culture sportive diverse.
  • 9. XX secoloXX secolo Primo dopoguerra in Italia:Primo dopoguerra in Italia:  Sport viene incontro alla necessità di qualità fisiche e morali del soldato cittadino.  Educazione militare: da Federazione Ginnastica + Tiro a Segno a istituzione della Scuola centrale militare di educazione fisica della Farnesina (1921).  Legge Gasparotto (1922) su educazione fisica e istruzione premilitare e postmilitare: formazione del cittadino dall’infanzia al servizio di leva e oltre.
  • 10. Ventennio fascista:Ventennio fascista:  Le discipline sportive dovevano formare il perfetto milite e il perfetto soldato, l’“italiano nuovo”, considerato al contempo cittadino e soldato.  Pratica fisica e sportiva nelle organizzazioni paramilitari (Mvsn) e nell’Onb, Ond, Fgc, Guf.  Fine anni ’20: • al carattere educativo e militare della attività fisica si aggiunge la propaganda ideologica del campionismo (atleti vittoriosi “soldati dello sport”). • fascistizzazione del CONI. XX secoloXX secolo
  • 11. Il “caso” sovieticoIl “caso” sovietico  Rivoluzione bolscevica del 1917: istuzione Vsevobuch, Dipartimento per l’addestramento militare, programmazione cultura fisica della massa.  1923: creazione Comitato della Cultura Fisica e dello Sport.  Vsevobuch diviene club sportivo dell’Armata Rossa (CSKA dal 1960).  Nasce anche il club sportivo Dinamo (forze di sicurezza e della polizia segreta).  1931: programma di promozione e sviluppo dell’attività fisica e sportiva della popolazione GTO “Preparati per il lavoro e la difesa”.
  • 12. Il “caso” sovieticoIl “caso” sovietico  Atleti di Stato: sistema fondamentale per gli atleti di alto livello e gli allenatori, garantendo loro sicurezza finanziaria, accesso alle migliori strutture e status di dilettanti nelle competizioni internazionali.  Fattori determinanti il collegamento ideologico e organizzativo tra lo sport e il sistema militare dei Paesi Sovietici: • tensione difensiva • creazione di orgoglio nazionale • cultura della disciplina  Anni ’80: crisi del socialismo e trasformazione dello sport in Russia.
  • 13. Sistema sportivo militare italianoSistema sportivo militare italiano  Gruppi sportivi delle Forze Armate e dei Corpi dello Stato: • Società polisportive affiliate alle FSN, nate nel secondo dopoguerra: traggono origine dalla pratica sportiva a fini addestrativi trasformatesi in attività sportiva agonistica a inizio ‘900, con la partecipazione dei membri delle FF.AA. e dei Corpi alle competizioni ufficiali.  Esercito Italiano  Marina Militare  Aeronautica Militare  Arma dei Carabinieri  Corpo della Guardia di Finanza  Polizia di Stato  Corpo di Polizia Penitenziaria  Corpo Forestale dello Stato  Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco • Aspetti organizzativi comuni: sezioni per discipline sportive.
  • 14. Storia ed evoluzione istituzionaleStoria ed evoluzione istituzionale  Comitato Militare Sportivo (1952)  Le convenzioni ministeriali (la prima nel 1954)  Ufficio coordinamento Forze Armate - CONI (1960)  Ufficio Sport dello Stato Maggiore della Difesa (1965)  Compiti Ufficio Sport (articolazione del V Reparto - Affari Generali dello SMD) e relativo Ufficio di collegamento Forze Armate - CONI.  Il CISM (Consiglio Internazionale dello Sport Militare).
  • 15. Convenzioni – protocolli d’intesaConvenzioni – protocolli d’intesa tra il CONI e i Ministeri della Difesa,tra il CONI e i Ministeri della Difesa, dell'Economia e delle Finanze, dell’Interno,dell'Economia e delle Finanze, dell’Interno, della Giustizia e delledella Giustizia e delle Politiche Agricole e Forestali.Politiche Agricole e Forestali.  Il CONI: • assicura l’affiliazione dei Gruppi sportivi militari alle FSN; • attua interventi tecnici e finanziari per l’attuazione dei programmi agonistici degli atleti dei Gruppi sportivi militari, relativi alle discipline olimpiche e di alto livello; • favorisce la formazione di istruttori sportivi e di dirigenti di tali Gruppi.  I Gruppi sportivi militari: • gestiscono Centri Sportivi di alta specializzazione per gli atleti di alto livello; • consentono l’impiego in tali Centri di personale tecnico distaccato dal CONI e dalle FSN; • consentono l’alloggiamento di rappresentative in occasione di raduni di preparazione.
  • 16. Reclutamento nei Gruppi Sportivi delleReclutamento nei Gruppi Sportivi delle Forze Armate e dei Corpi dello StatoForze Armate e dei Corpi dello Stato  Ordinamento generale:Ordinamento generale: • evoluzione (leva militare obbligatoria e normali procedure concorsuali di arruolamento). • D.M. 459/1988, D.P.R. 394-395/1995 (esoneri). • definizione di “Atleta di interesse nazionale”. • Legge 78/2000: riconoscimento legislativo della figura di atleta- militare di alto livello, con l’assunzione tramite specifico concorso pubblico.  Regolamenti interni:Regolamenti interni: • Procedure concorsuali: bando, criteri, assunzione, dismissione.
  • 17. Rapporti con il CONI le FSNRapporti con il CONI le FSN  Fondi (3,2 mln)  Contributi agli atleti di alto livello  Regolamentazione attività agonistica contro le società sportive civili,  Rapporti con le Rappresentative Nazionali.
  • 18. Risultati ai Giochi OlimpiciRisultati ai Giochi Olimpici  Giochi Olimpici Estivi (Atene 2004, Pechino 2008, Londra 2012)  Giochi Olimpici Invernali (Salt Lake City 2002, Torino 2006, Vancouver 2010)
  • 19. Analisi comparativaAnalisi comparativa internazionaleinternazionale In Europa il sistema di reclutamento a vario titolo di sportivi di alto livello nei ranghi delle Forze Armate e di Polizia non avviene in maniera rilevante solo in Italia. Oltre alla RussiaRussia, che eredita la tradizione socialista, tra le potenze sportive il fenomeno è presente anche in GermaniaGermania e a livello minore ma crescente in FranciaFrancia.
  • 20. FranciaFrancia  Sistema sportif de haut niveau (quattro categorie): supporto Ministero dello Sport e collaborazione con le Federazioni Sportive Nazionali.  Doppio progetto (carriera sportiva e inserimento nel mondo del lavoro): convenzioni aménagement d’emploi CAE e insertion professionnelle CIP.  SHND (sportif de haut niveau de la Defense): accordo quadro dell’ 8 aprile 2003 stipulato tra il Ministero dello Sport e quello della Difesa. • SHND 1: 80 posti nelle squadre militari structurées e 10 come agenti civili con contratto a termine. • SHND 2: hors structures (strutture esterne) - con l’appoggio della propria unità militare svolgono la loro preparazione sportiva in club sportivi civili.
  • 21. GermaniaGermania  Forze Armate (Bundeswehr), Polizia Federale (Bundespolizei), Dogana (Zoll), usufruiscono dei finanziamenti del Ministero federale degli Interni.  Assunzione nei “Gruppi di Supporto sportivo delle Forze Armate” (SportFGrpBw),  Collaborazione con il Deuschen Olympischen Sportbund (DOSB) e le Federazioni sportive nazionali.  744 posti: promozione della carriera sportiva e la formazione professionale.
  • 22. RussiaRussia  Privatizzazioni: appoggio finanziario dello Stato nello sport ampio ma non pervasivo.  CSKA: Agenzia Federale autonoma del Ministero della Difesa della Federazione Russa. 670 atleti d’elite circa.  Dinamo: società formata da 13 organizzazioni inquadrate nelle istituzioni delle forze di sicurezza e dell'ordine pubblico e 89 organizzazioni regionali. 1200 atleti d’elite circa.