4. Unicatt Poli CdL Infermieristica
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

4. Unicatt Poli CdL Infermieristica

on

  • 869 views

 

Statistics

Views

Total Views
869
Views on SlideShare
868
Embed Views
1

Actions

Likes
0
Downloads
13
Comments
0

1 Embed 1

http://www.slideshare.net 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

4. Unicatt Poli CdL Infermieristica 4. Unicatt Poli CdL Infermieristica Document Transcript

  • Università Cattolica del Sacro Cuore Corso di laurea in Scienze Infermieristiche Corso integrato in Scienze Umane Fondamentali Educazione Permanente e degli Adulti – prof. Bonometti L’educazione degli adulti stefano.bonometti@unimol.it 1 Il cambiamento• È essenza (eidos) che deriva dall’esperienza del vivere e del morire e del rinascere;• Fattore che origina i processi e le procedure educative;• Indissolubilmente connesso con la vita adulta; D. Demetrio stefano.bonometti@unimol.it 2 1
  • Evidenze eidetiche Sono elementi centrali presenti nell’essenza delcambiamento, strutturali alla condizione umana oltre che adulta e riconducibili ad un’infinita possibilità, data aisoggetti, di interpretare, re-interpretare e assegnare i più diversi significati a tali fenomeni. Vissuti amorosi Vissuti operativi Vissuti ludici Vissuti luttuosi stefano.bonometti@unimol.it 3 Evidenze eideticheQuesti vissuti appartengono al mondo della vita adulta e anzi la contrassegnano, ne regolano i passaggi, la rendono riconoscibile. L’educazione prende forma a partire dalla motivazione e dal desiderio dell’adulto di ristabilire un rapporto con questi vissuti su un piano diverso, in grado di portarlo all’assunzione, anche assai impegnativa e faticosa, di quelle pratiche che generano un incremento di saperi, di cure di sé e degli altri. stefano.bonometti@unimol.it 4 2
  • Il vissuto amoroso•L’amore familiare, parentale, fraterno, amicale(filia)•L’amore sessuale, passione,istintualità (eros)•L’amore conviviale, solidaristico, caritatevole(agape) La presenza dell’amore nelle sue infinite e multiformi manifestazioni, oltre a costituire un’essenza vitale, è stata connessa con le tecniche educative che consentono all’adulto di imparare con e/o dall’amore. stefano.bonometti@unimol.it 5 Il vissuto amoroso• La dimensione amorosa educa alla “gestione” degli affetti, induce stati d’animo alla responsabilità o alla irresponsabilità; evoca il noto e l’ignoto, è una forma di autoconoscenza; un’esperienza continua o discontinua di formazione, fa parte della biografica di ciascuno, appartiene agli eventi segreti che contribuiscono a fare di noi quel che siamo e che non sempre può essere comunicato. stefano.bonometti@unimol.it 6 3
  • Il vissuto operativo• Rappresenta tutto ciò che attiene al lavoro, al creare all’agire per scopi definiti in ogni campo e arte, ma anche a fare con l’esecuzione metodica, la ripetizione e la conformità a regole• Il lavoro comporta fatica e sforzo, replicazione infinita e quotidiana, però anche innovazione e sfida, perseguimento di mete o azioni su di sé stefano.bonometti@unimol.it 7 Il vissuto ludico• Il gioco rappresenta un eidos esistenziale nell’età adulta e non confinato nella sola età dell’infanzia e dell’adolescenza• L’attrazione adulta per il gioco costituisce la risposta dell’individuo giunto alla maturità, alla consuetudine e alla ripetitività quotidiana• Si pone all’interno di una dimensione rigeneratrice rispettando possibilità di espressione di tipo liberatorio ed emancipatorio stefano.bonometti@unimol.it 8 4
  • Il vissuto luttuoso• Evoca in tutte le tradizioni l’estremo appuntamento, al quale prepararsi• La morte nella vita adulta assume diverse configurazioni: veste le sembianze della malattia, della ferita psichica, nell’interruzione di un disegno, è rintracciabile nel senso della fine, del distacco, della perdita e costituisce l’evento di cambiamento più sconvolgente di una storia di vita. stefano.bonometti@unimol.it 9 5