1 e 2  lab. metod. e tec. lav
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

1 e 2 lab. metod. e tec. lav

on

  • 991 views

 

Statistics

Views

Total Views
991
Views on SlideShare
991
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
9
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

1 e 2  lab. metod. e tec. lav 1 e 2 lab. metod. e tec. lav Presentation Transcript

  • Laboratorio di Obiettivo Metodologia e tecnica del lavoro Il laboratorio favorisce la conoscenza di gruppo – 3 CFU (30 ore) delle caratteristiche costitutive ed Università degli studi del Molise evolutive del gruppo di lavoro, declinato Scienze della Formazione Primaria prevalentemente, ma non a.a. 2010/2011 esclusivamente, nel contesto scolastico. Lez. 1 e 2 La partecipazione permette la sperimentazione di competenze relative alla progettazione e conduzione del lavoro di gruppo. Bonometti Stefano Il programma stefano.bonometti@unimol.it bonometti.stefano@unimol.it 2 bonometti.stefano@unimol.it 1 Il gruppo di lavoro come soggetto Esame finale ◦ definizioni L’acquisizione del credito avviene ad ◦ processi esame conseguito. Per accedere all’esame è necessaria Il lavoro di gruppo come metodo la frequenza di 2/3 delle ore. ◦ le relazioni nel gruppo Il voto “approvato” deriva da due ◦ lo sviluppo prossimale prove: ◦ Realizzare un progetto ◦ il cooperative learning e le modalità ◦ Colloquio finale applicative La registrazione del laboratorio La classe come sistema complesso deve avvenire nell’anno di frequenza. ◦ gli allievi, la scuola, il contesto sociale Il project work (elaborato) dovrà essere consegnato entro l’ultima L. Dozza, Relazioni cooperative a scuola, Erickson, Trento, 2006. lezione e comunque un congruo D.W. Johnson, R.T. Johnson e E. Holubec, Apprendimento numero di giorni prima della cooperativo in classe, Erickson, Trento, 1996. prova orale. La partecipazione alla prova Il programma orale deriva dalla valutazione positiva del PW. bonometti.stefano@unimol.it 3 4 bonometti.stefano@unimol.it
  • Stile di conduzione del Lab Prova finale Esercitazioni Riflessioni Sistemazione teorica Realizzare un project work nel quale saranno sintetizzati i contenuti del corso attraverso la Disponibilità a mettersi in gioco definizione di un progetto di intervento. Supporto filmico Successivamente verrà consegnato un mandato dettagliato Connessioni on-line Il lavoro potrà essere realizzato in piccoli Check-in check-out gruppi (2-5 persone) La prova finale potrà essere presentata in aula Lavoro finale di tipo progettuale bonometti.stefano@unimol.it 5 bonometti.stefano@unimol.it 6 Kruppa, Grop, Kruppa, Grop, Groppo, Gruppo … Dal germanico occidentale Kruppa=massa arrotolata … … Da kruppa all’antico provenzale, grop = nodo GRUPPO Da grop viene associato il termine groppo = nodo, assemblaggio, riunione … … Da groppo a gruppo = insieme di persone impegnate a perseguire, attraverso rapporti di interdipendenza, uno scopo comune … bonometti.stefano@unimol.it 7 8 bonometti.stefano@unimol.it
  • CENTRATE DEL CENTRATE CENTRATE SULL’INDIVIDUO COLLETTIVO SULL’INDIVIDUO CATTELL : Un gruppo è un aggregato di organismi in cui l’esistenza di tutti è utilizzata per la soddisfazione dei bisogni di ognuno. SANDERSON: Ogni gruppo esiste come mezzo INTEGRAZIONE per soddisfare certi propositi, desideri o interessi, interessi per fornire ai suoi membri beni, TRA valori. GRUPPO come AGGREGATO di INDIVIDUALE E PERSONE IN RELAZIONE in ragione dei SOCIALE DESIDERI, delle METE e dei BISOGNI di cui CIASCUNO è PORTATORE Tre tipologie di definizione bonometti.stefano@unimol.it 9 bonometti.stefano@unimol.it 10 INTEGRAZIONE TRA CENTRATE SUL COLLETTIVO INDIVIDUALE - SOCIALE SMALL Il termine gruppo è utile a designare qualsiasi Teoria del campo numero più o meno grande di persone, tra le quali si persone K. LEWIN – Il gruppo è inteso come totalità soggetto totalità, trovino ad esistere rapporti di reciprocità. reciprocità sociale organizzato al pari dell’individuo e OLMSTEAD Un gruppo si può definire come pluralità di dell’ambiente; unità in grado di esprimere individui che sono in contatto reciproco, tengono conto gli uni degli altri e hanno coscienza di avere in comune comportamenti, modelli, comportamenti, modelli, valori culturali, differenti da culturali qualcosa di importante. quelli delle singole persone che ne fanno parte. Il gruppo “è qualcosa di più, o per meglio dire, è più, qualcosa di diverso dalla somma dei suoi GRUPPO come PLURALITA’ di persone membri. membri aventi uno SCOPO COMUNE con un Il gruppo come un campo unitario dinamico, dove sistema di REGOLE più o meno condiviso, l’azione del gruppo esprime un’intenzionalità rivolta verso un fine, in base a un progetto o a una decisione con RUOLI reciproci e interdipendenti, comune. impegnate a interagire. Il cambiamento di stato di una sua parte o frazione qualsiasi interessa lo stato di tutte le altre. bonometti.stefano@unimol.it 11 bonometti.stefano@unimol.it 12
  • INTEGRAZIONE INTEGRAZIONE TRA INDIVIDUALE - SOCIALE TRA INDIVIDUALE - SOCIALE Approccio piscodinamico La comunicazione W. BION - Gruppo come unità globale interdipendente interdipendente, P. Watzlawick - la pragmatica della comunicazione e che sviluppa pensiero ed emozioni al di là del singolo gli assiomi. I concetti di sistema e le sue caratteristiche membro, e parallelamente individua nella J. Luft - La dinamica indica forze complesse e partecipazione dei singoli la fonte della costruzione del interdipendenti entro un campo o un ambiente gruppo stesso. comune noto a sé ignoto a sé Il processo analitico può essere descritto come un procedimento teso alla progressiva distinzione dell’ordine del reale dall’ordine dell’immaginario noto agli altri APERTO CIECO mediante l’uso dell’ordine simbolico (codice). ignoto agli altri NASCOSTO SCONOSCIUTO 13 14 bonometti.stefano@unimol.it bonometti.stefano@unimol.it Il gruppo è qualcosa di più, o per meglio Tre livelli di significato dire, qualcosa di diverso dalla somma dei suoi membri ◦ Il gruppo ha una struttura propria, fini GRUPPO peculiari e relazioni particolari con altri gruppi; ◦ Quel che ne costituisce l’essenza non è la somiglianza o la dissomiglianza riscontrabile tra i suoi membri, bensì la loro interdipendenza; GRUPPO DI LAVORO ◦ Il gruppo è definito come una totalità dinamica, ciò significa che un cambiamento di stato, di una sua parte o di una frazione qualsiasi, interessa lo stato di tutte le altre. LAVORO DI GRUPPO Definizione di gruppo bonometti.stefano@unimol.it 16 bonometti.stefano@unimol.it 15
  • PLURALITA’ INTERAZIONE PLURALITA’: PLURALITA’ il gruppo è un insieme numericamente ridotto di persone INTERAZIONE: INTERAZIONE azione reciproca tra gli individui del gruppo (influenzamento, fare insieme, azione comune) GRUPPO LEGAME: LEGAME vincolo che si instaura tra gli individui che compongono un gruppo. Definisce i sentimenti di appartenenza che si sviluppano tra chi si trova a condividere un campo di interazioni. GRUPPO LEGAME bonometti.stefano@unimol.it 17 bonometti.stefano@unimol.it 18 Il Gruppo di LAVORO Il gruppo è una pluralità in integrazione con un valore di legame che ne determina l’emergenza psicologica. Pluralità, interazione e legame producono a loro volta la sua emergenza sistemica. Emergere della Riconoscimento e dimensione valore delle interna della differenze persone e del Esprime un gruppo insieme di soggetti che Ciò che unisce e fa assumono un sentire parte Contemporaneità di più valore di entità livelli interdipendenti Il gruppo di lavoro propria. Il “noi” come prima (individuo, gruppo, organizzazione) bonometti.stefano@unimol.it 19 persona plurale bonometti.stefano@unimol.it
  • Dal gruppo al gruppo di lavoro GRUPPO DI LAVORO GRUPPO valori comuni - confronto PLURALITA’ IN INTEGRAZIONE comprensione tempo ◦ EQUILIBRIO tra la soddisfazione dei interazione responsabilità omogenee bisogni individuali e dei bisogni del gruppo per la formazione di un nuovo uniformità discussione, coesione discussione soggetto sociale autonomo (soggettività confronto esperienza comune collettiva). condivisione, diverse interdipendenza caratteristiche personali ◦ I costi e i vantaggi dell’integrazione negoziazione sono distribuiti tra tutti i soggetti coinvolti . differenze ◦ Gli individui arricchiscono la loro identità diverse alternative negoziazione e possono esprimere le loro uguaglianze e esposizione diverse idee differenze sulla base di un’attività rispetto -regole comuni integrazione confronto-mediazione realistica di lavoro. coinvolgimento scelte bonometti.stefano@unimol.it 21 bonometti.stefano@unimol.it 22 GRUPPO DI LAVORO