Mamma, lo sapevi che?

788 views
651 views

Published on

Consigli sulla salute dentale per le mamme in gravidanza e per i loro bambini.

Published in: Health & Medicine
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
788
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
212
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Mamma, lo sapevi che?

  1. 1. Mamma lo sapevi che?
  2. 2. Modifiche del cavo orale durante la gravidanza:• Gengivite• Epulide gravidica• Erosione dello smalto• Carie dentale• Linee guida da utilizzare durante e dopo la gravidanza• Cura dell’igiene orale, programmazione delle sedute ed istruzioni alla pazientePunti trattati• Farmaci, anestesia, radiografie• Salute orale nel lattante e nel bambino piccolo
  3. 3. Fattori che possono danneggiare il feto• Infezioni Parodontali della madreFattore significativo di rischio per parto prematuro con basso peso neonatale• Altre InfezioniRosolia, Morbillo, Varicella, Herpes, EpatiteB, HIV, Sifilide• Farmaci• Droghe
  4. 4. Modifiche del cavo orale durante la gravidanzaGengiviteTessuti infiammati con ipertrofia (gonfiore),arrossamento superficie lucida e sanguinamentoCAUSE:placcagravidanzaalterazioni ormonali
  5. 5. COS’E’ LA PLACCA?E’ un ammasso di microrganismi, immersi in una matrice organica, prodotta dalle loro attivitàcellulariSi forma soprattutto nelle zone difficilmente raggiungibili durante le manovre di igiene oraleSi forma indipendentemente dall’introduzione di cibo per via dei microrganismi presenti nellacavità oraleResidui alimentari, specialmente zuccheri, forniscono ai batteri sostanze nutritive che nefavoriscono l’accumuloAnche se rimossa tende a riformarsi nel giro di pochi minutiSe non viene rimossa per diversi giorni solidifica in tartaro
  6. 6. LE CONSEGUENZE della placcaMalattie parodontalipatololgie che interessano i tessuti di sostegno del dente: osso alveolare, legamentoparodontale e gengivaCarie dentariaAlitosiemissione di odore sgradevole attraversol’atto respiratorio o la fonazione
  7. 7. Modifiche del cavo orale durante la gravidanzaEpulide GravidicaIpertrofia gengivale:manifestazione infiammatoria benigna,tumefazione isolata, discreta, molle, rotondeggiantein vicinanza del margine gengivale,in genere in corrispondenza di un’area interdentale.Caratteristiche:dal 2°- 8°mesesanguinanteindolorerecidiva
  8. 8. Erosione dello smaltoCausa: Iperemesi gravidicaNausea con vomito, per un lungo periodo porta alla demineralizzazione e all’erosione acida.Si consiglia di effettuare un risciacquo al bicarbonato di sodio dopo il vomito per neutralizzare l’acidoe di spazzolare i denti solo dopo 15/20 minuti.Modifiche del cavo orale durante la gravidanza
  9. 9. Carie dentaleLa carie è un processo patologico distruttivo che colpiscei tessuti duri del dente, lo smalto e la dentina.La sua formazione è dovuta all’azione demineralizzante di alcuni metaboliti acidi prodotti dalla placcabatterica.Modifiche del cavo orale durante la gravidanza
  10. 10. Perchè aumentano le carie dentali in gravidanza?Negligenza precedenteDieta durante la gravidanzaScarsa igiene orale domiciliareQUINDI: nel corso della gravidanza, e possibilmente, già in fase preconcezionaleè raccomandabileun accurato controllo odontoiatricoe soprattutto un’accurataIGIENE ORALE DOMICILIAREda mantenersi comunque anche dopo il parto
  11. 11. IGIENE ORALE:Una corretta igiene orale quotidiana è il solo metodo per vincere la placca sulnascere, prevenendone l’accumulo.Ogni giorno è necessaria una strategia d’azione combinata con:SpazzolinoFilo InterdentaleScovolini interprossimaliCollutori e Dentifrici
  12. 12. Spazzolinodopo ogni pasto soprattutto se vengono consumati molti zuccheriCaratteristiche:Setole sottili, resistenti, flessibili e non troppo dureTestina piccola e collo flessibileManico ergonomico, confortevole e leggero
  13. 13. MA..... anche se usato correttamente e frequentemente,lo spazzolino da solo non raggiunge gli spazi interdentalie per questo motivo è necessario l’utilizzo del filo interdentalee degli scovolini interprossimaliFilo interdentale Scovolino interdentale
  14. 14. DENTIFRICI E COLLUTORIVEICOLARE IL FLUORORIMUOVERE I RESIDUI DI CIBOAGEVOLARE IL CONTROLLO DELLA PLACCARINFRESCARE L’ALITODISGREGARE LA PLACCA ED INIBIRNE LA FORMAZIONE
  15. 15. LINEE GUIDA1. Lavare i denti almeno 2 volte al giorno, per almeno 2minuti2. Usare almeno una volta al giorno il filo interdentale e/o scovolini3. Scegliere un dentifricio che contenga fluoro e che faccia poca schiuma4. Effettuare almeno tre controlli e sedute di igiene dentale durante la gravidanzaa seconda delle necessità della paziente5. Dopo il parto e per sempre effettuare controlli semestrali
  16. 16. GRAVIDANZA E ALIMENTAZIONENON “MANGIARE PER DUE”MAMangiare Cibi di buona qualità ed inquantità bilanciataCaloriePrincipi nutritivi necessari per formazione nuovi tessutiRiserve energetiche per allattamento
  17. 17. FABBISOGNI NUTRIZIONALI DURANTE LA GRAVIDANZA• AUMENTO di Kcal in base al peso che si ha all’inizio della gravidanzaIMC=BMI prima della gravidanza(kg/m2)< 18.5(sottopeso)18.5 – 25(normopeso)> 25(soprapeso)Aumento di peso auspicabile(Kg)12.5 - 18 11.5 - 16 7 – 11.5Supplementazione calorica dopoil primo mese di gravidanza Kcal 365 Kcal 300 Kcal 200Supplementazione calorica dopoil primo mese di gravidanza seaccompagnata da unadiminuzione del livello di attivitàfisicaKcal 365 Kcal 150 Kcal 100
  18. 18. Aumento di:• 6 gr di proteine / giorno• 400 mg di calcio e fosforo / giorno• 200 mcg di acido folico / giorno• vitamine e sali minerali• Ferro, solo nel caso in cui i valori ematicisiano bassi
  19. 19. VITAMINE IMPORTANTI IN GRAVIDANZAVITAMINA B12per la formazione dei GR(uova, fegato, carni e formaggi)ACIDO FOLICOper la formazione dei globuli rossi e per la prevenzionedei difetti del tubo neurale, spina bifida (lievito, verdureverdi, cereali integrali e fegato)VITAMINA Cper aumentare l’ assorbimento del ferro(pomodori, peperoni, insalate verdi, frutta qualeagrumi, fragole, kiwi e ribes)VITAMINAAper la crescita fetale (verdura e frutta di colore giallo-arancione e verdure scure, latte, burro, fegato e uova)VITAMINA Dper lo scheletro del feto e l’ assorbimento di calcio (uova,latte e derivati, sardine, olio di fegato di merluzzo, tonno,salmone)
  20. 20. MINERALI IMPORTANTI• CALCIO latte, formaggio, verdure verdi e legumi• FOSFORO uova, latte, formaggio, cereali integrali, carne e pesce• FERRO carne, uova, legumi, cereali integrali e verdure verdi. Il ferro cheviene assorbito meglio dall’organismo è quello contenuto nelle carni• MAGNESIO cereali integrali e verdure verdi• ATT.ne!! alle FIBRE alimenti integrali e crusca, rallentano l’assorbimentodi sali minerali e vitamine
  21. 21. Diabete gestionaleSi manifestano nel 2-5% circa di tutte le gravidanzeCausato da un’insufficiente capacità del pancreas di produrre insulinaRischio principale per il feto:1.Aumento irregolare della crescita2.Aumento del tessuto adiposo3.Di ipoglicemie alla nascita
  22. 22. aumento ingiustificato della seteaumento ingiustificato dell’urina prodottaperdita di peso nonostante aumento della fameaumento di peso ingiustificatonausea e vomito, molto comuni in gravidanza equindi poco significativiinfezioni frequenti per esempio cistiti,candidosi..disturbi alla vistaDiabete gestionale
  23. 23. Donne a basso rischioetà inferiore a 25 anninormopeso prima della gravidanza ed alla nascitanon appartenenza ad etnie ad alta prevalenza (afro-americani, ispanico-americani)assenza di diabete nei parenti di primo gradoassenza di precedente iperglicemiaassenza di precedenti problemi ostetriciDiabete gestionale
  24. 24. Donne ad alto rischiodiversi parenti con diabete di tipo 2 (non insulino-dipendente)obesità severaprecedente gravidanza con diabete gestazionaleDiabete gestionale
  25. 25. Colpisce anche il bambino?controlla regolarmente la glicemiasegue una dieta sanafa attività fisica moderata ma regolaremantiene il peso forma, il numero di chili che poteteprendere senza che la vostra salute ne risenta dipende daquanto pesavate prima della gravidanzaDiabete gestionale
  26. 26. Colpisce anche il bambino?il corpo del bambino è più grande del normale (macrosomia).La glicemia del bambino è troppo bassa (ipoglicemia). Iniziare immediatamente l’allattamento alseno può far aumentare la glicemia del neonato e, in alcuni casi, il neonato potrebbe avernecessità di trasfusioni di glucosio nel sangueItteroIl bambino può avere difficoltà respiratorie e aver bisogno di ossigeno o altri aiuti (sindrome dadistress respiratorio)Il neonato può non avere livelli sufficienti di minerali nel sangue. Questo problema può causarecontrazioni o crampi muscolari, ma può essere facilmente curato somministrando degli integratoriminerali.Diabete gestionale
  27. 27. Fumo e gravidanzaL’ipossia, diminuzione di Ossigeno disponibile nel sangue e nei tessuti, indottadall’ossido di carbonio (CO) derivante dalla combustione, e che passa attraverso laplacenta nell’organismo del feto, nonché dall’azione vasocostrittrice della nicotinaLa presenza nel fumo di circa 4000 sostanze,di cui molte cancerogene e potenzialmente responsabili di allergie
  28. 28. Fumo e gravidanzaDanni attraverso l’esposizione al fumo passivo
  29. 29. Fumo e gravidanza• Aumento della frequenza dei parti prematuri,il che incide ancora una volta sul peso alla nascita• Aumento delle gravidanze extrauterine• Aumento di aborti precoci• Aumento dei casi di placenta previa• Aumento della mortalità neonatale• Aumento di rischio trombotico in puerperio• Alterazioni del latte materno sia in termini qualitativi che quantitativi con possibilidisturbi nel poppante
  30. 30. Fumo e gravidanza Diminuzione del peso alla nascita, da 200 a 500 grammi in relazione al numero di sigarette. A sviluppo completato il ragazzo sarà mediamente alto 1 cm in meno rispetto agli altri Aumento delle infezioni neonatali, e della suscettibilità a infezioni respiratorie e cutanee in etàadolescenziale e adulta Aumentata incidenza di apnea ostruttiva durante il sonno Aumentata incidenza, da 2 a 4 volte, di morte in culla SIDS Alterazioni dello sviluppo psicofisico nei figli di madri fumatrici, con significativo aumento diproblemi comportamentali e di socializzazione, i maschi sono più spesso iperattivi, aggressivi eoppositivi, le femmine sviluppano una maggior frequenza al tabagismo Aumentata incidenza di tumori infantili (il 15% di questi sono legati al fumo in famiglia)
  31. 31. Tessuto gengivale in un paziente forte fumatoreFumo e gravidanza
  32. 32. BASTACONQUESTEIMMAGINI !
  33. 33. DICIAMO NO PER LORO E PER NOI!!!
  34. 34. ANTIBIOTICI: penicilline, se allergie macrolidiANTINFIAMMATORI: paracetamoloANESTETICI LOCALI: sicuri, in quanto non attraversano la placenta,grazie al loro elevato peso molecolare: Lidocaina, Articaina, Etidocaina.VASOCOSTRITTORI: l’uso in se non è controindicato, ma determina effetti indesideratidose-dipendente.Farmaci e anestesia
  35. 35. FARMACO SICURO CON CAUTELA CONTROINDICATOANESTETICILOCALILidocaina, ArticainaEtidocainaMepivacainaBupivacainaPrilocainaVASOCOSTRITTORI Adrenalina(dosaggio ridotto)Altri vasocostrittoriVasopressinaOctapressinaANALGESICI EANTIFLOGISTICIParacetamolo Ac.AcetilsalicilicoFANSCorticosteroidiANTIBIOTICI PenicillineEritromicinaCefalosporineAminoglicosidiAltri MacrolidiTetraciclineClindamicinaMetronidazoloANSIOLITICI Protossido d’azotoAmobarbitalLorazepamBarbituriciDiazepam
  36. 36. Radiografie in Gravidanza
  37. 37. Radiografie in GravidanzaSecondo stime recenti la soglia dei danni di tipo deterministico sull’organogenesi è statacalcolata intorno alla 0,1 Gy.I valori medi di radiazioni assorbite dalle ovaie o dall’embrione nelle prime fasi di sviluppovariano a seconda dei diversi esami radiografici eseguiti:- Radiografia del cranio 0,1 mGy- TAC del cranio 0,2 mGy- Ortopantomografia 0,0006 mGy- Endorali, serie completa con grembiule di piombo dose assorbita risulta 0,01 mSv
  38. 38. Le RX endorali correttamente utilizzate rappresentanoun rischio minimo in gravidanza,ma vanno comunque utilizzate selettivamentequando indispensabili.Se possibile vanno evitate nel primo trimestre,successivamente possono essere eseguite previo consenso dellapaziente,in numero ridotto ed utilizzando apposite precauzioni.
  39. 39. SALUTE ORALEnel lattante enel bambino piccolonessuna carie dentalemassima pulizia gengivale
  40. 40. Innanzitutto l’igiene orale dei genitori stessi ai fini della prevenzionedella carie e della salute del parodontoLa prevenzione del danno ai denti del bambino provocato dal biberonLa fornitura di fluoro in quantità adeguata a garantire la salute orale
  41. 41. ISTRUZIONE ANTICIPATAPRENATALE DALLA NASCITA AI PRIMI 6 MESI• Aiutare i genitori a comprendere che i lattantipossono avere carie dentali e infezioni della mucosa• La flora orale dei bambini, riflette la flora orale dei genitori• Programmare in anticipo la prima visita di igiene dentale del bambinointorno ai 24 mesi di età
  42. 42. SCOPICONOSCENZAPREVENZIONEVALUTAZIONESCOPRIREFERMARE E CAMBIAREABITUDINI DANNOSEPER LA SALUTEORALE DEL BAMBINOINIZIARE MISUREPREVENTIVE POSITIVE,COME IL FLUOROE LA RIMOZIONEDI PLACCAFORNIREUNA GUIDACHE ANTICIPII PROBLEMI
  43. 43. Prevenzione carie infantili da biberon
  44. 44. USO del biberon quandoil bambino va a lettoNon cominciare l’abitudine di utilizzare un biberon quando si mette a letto il bambinoSe viene usato il biberon, evitare succhi zuccherati o il latte ed utilizzare solo acquaInterrompere l’utilizzo del biberonnon oltre i 12 mesi d’età e insegnare al bambino l’uso della tazza non rovesciabile
  45. 45. Spuntini Non cariogeni, frequenza e consistenza sono il fattore più significativo Limitare cibi cariogeni all’ora dei pasti e att.ne se non è possibilelavarsi i denti. I cibi che devono essere masticati sono utili perché aumentano ilflusso salivare, il quale ha un effetto tampone e rimuove i cibi cariogeni piùrapidamente. Attenzione a quello che si compra e leggere le etichette. Gli zuccheri naturali come il miele e lo sciroppo d’ acero sono dannosi come quelli raffinati. Molti farmaci o prodotti per bambini hanno una base di zucchero o disciroppo per coprire il cattivo sapore del medicinale. Comecontromisura, risciacquare e spazzolare la bocca del bambino consemplice acqua subito dopo l’ assunzione della sostanza.
  46. 46. BASSO RISCHIOMEMBRI DELLAFAMIGLIAATTENTI ALL’IGIENEORALEIL BAMBINOHA RICEVUTOIL FLUOROBUONA STORIADISALUTE GENERALEMANTENIMENTOla frequenza delle visite esedute dipendono dai fattori di rischio
  47. 47. FluoroprofilassiSISTEMICAFluorizzazione delle acqueFluorizzazione del saleFluorizzazione del latteCompresse fluorate LOCALEDentifrici fluoratiGel al fluoroCollutori al fluoro
  48. 48. Nel caso non fosse possibile attuarequesto comportamento è utile somministrareuna compressa fluorata da 0,25 mg per i primi tre anni.Da evitare assolutamente l’uso di dentifricio fluorato e l’assunzionecontemporanea di compressefluorate per impedire la comparsa di fluorosi.
  49. 49. Per concludere si consiglia alle future mamme di vivereserenamentela gravidanza e di effettuare controlli periodici e di ifiene oralee profilassi

×