Baisikeli
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
452
On Slideshare
452
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
1
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. BaisikeliIl salvamento etico di un negozio di biciclette Copenaghen,Danimarca.
  • 2. 40000 2200 0$Biciclette abbandonate in Biciclette mandate in Fondi di Danimarca africa dal 2007 beneficenza
  • 3. La storiaNel cuore del distretto dello shopping di Copenaghen sorge un piccolo negozietto incompleta antitesi con l’ambiente circostante:si tratta di Baisikeli, un laboratorio chesalva le biciclette dalla strada, un’impresa etica basata sull’affitto di biciclette eduna straordinaria iniziativa internazionale per lo sviluppo impostata sullacondivisione delle risorse, il trasferimento delle conoscenze e micro- prestiti.Baisikeli nacque nel 2003, quando i cugini Niels Bonefeld e Henrik Mortensendecisero di soccombere con degli urgenti aiuti per la Tanzania utilizzando le milionidi biciclette abbandonate nelle strade danesi. L’idea era semplice: Baisikeli avrebberaccolto le circa 400000 biciclette abbandonate in Danimarca ogni anno e leavrebbe mandate in Tanzania, dove le avrebbero riparate e vendute al prezzo delmercato locale. Sebbene gli ostacoli burocratici bloccarono il piano iniziale dei duecugini, che consisteva nel racimolare le biciclette dagli uffici degli oggetti smarritidella polizia, questi scoprirono successivamente che le compagnie di assicurazionisarebbero state ben felici di liberarsi di quelle cataste di biciclette abbandonate.
  • 4. La storiaDopo la loro prima spedizione in Tanzania nel 2007, i cugini realizzarono che contandosui fondi di beneficenza non avrebbero creato un modello di business produttivo. Perquesto motivo aprirono un laboratorio nel centro di Copenhagen, dove potevano ripararebiciclette di seconda mano per poi vederle o noleggiarle ai turisti. Le entrate neconsentirono l’apertura di un secondo laboratorio in Sierra Leone, dove le vendite eranomigliorate da sistemi di micro-prestiti pensati da i meccanici di biciclette locali. Questipermettevano ai lavoratori di comprare biciclette di seconda mano e pagarle entroquattro/sei mesi in rate mensili direttamente dal proprio salario. Oltre alla mobilità low-cost, Baisikeli forniva anche uno dei più importanti benefit nel lungo periodo: itrasferimenti di conoscenza e tecniche sul campo. L’obiettivo è lo sviluppo di un’industriadi biciclette da export in Africa. Per favorire ciò, Baisikeli ha cominciato a produrrebiciclette su ordinazione in Danimarca, sviluppando in tal modo le conoscenze tecnichenecessarie per partire da zero per un’industria di biciclette – come pianifica di fare inTanzania e Mozambico dal 2011. Le bici su ordinazioni sono poi affittate da compagniecome Ikea Danimarca, e alla fine ( normalmente tre anni) le stesse verranno mandate inAfrica dove i tecnici locali le ricostruiranno in tricicli per ospedali.
  • 5. L’impattoDalla fine del 2010, oltre 2.200 bici sono state spedite in SierraLeone e Tanzania. LOspedale Masanga in Sierra Leone, che ospitauno dei laboratori Baisikeli, utilizza le sue bici a sostegno di microimprese localicosì come per il trasporto dei pazienti e della medicina. Baisikeli ha ancheottenuto il riconoscimento internazionale, non appena è divenuta l’impresa fornitriceufficiale di biciclette per le conferenze internazionali come la Copenhagen ClimateConference (COP15) e Velo-City nel 2010.
  • 6. Key Lessons L’esperienza del posto Riutilizzo dei beni Avere uno spazio multi uso (workshop / Dare nuova vita alle risorse ufficio / noleggio / vendita al dettaglio) è precedentemente sprecate - le bici non solo economicamente efficace, ma vecchie ancora più importante perché mette in delle compagnie di assicurazione che mostra al pubblico l’organizzazione e normalmente avrebbero dovuto pagare l’etica dell’azienda. Oltre a generare per smaltire - è il core reddito, il laboratorio di Copenaghen business proposition di Baisikeli.comunica la totalità della catena Baisikeli Lorganizzazione è riuscita ad entrareoccupandosi sia della fornitura per turisti, in questa fornitura alla chiusura della che per residenti e per le imprese. Il domanda, chiudere il ciclo dei rifiuti e di laboratorio è quindi fondamentale per il fornire formazione, lavoro e basso costo modello di business . di mobilità con un notevolmente basso impatto ambientale.
  • 7. ConclusioniCome facciamo a scoprire nuove tipologie di fonti condivisibiliattraverso le diverse tipologie di rifiuti che produciamo?Mentre nel Regno Unito i tassi di rifiuti riciclati miglioranoindicando come la politica nazionale e quella locale facciano ladifferenza, lesempio di Baisikeli mostra come iniziativeimprenditoriali possano osservare nicchie di flussi di rifiuti e trasformarliin autosufficienti modelli di business che creano valore attraverso icontinenti.Nelle imprese sociali, infine, gli intermediari diventano un fattore crucialenello sbloccare percorsi del genere.