• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Paolo Ferri - Elearning e pratiche digitali
 

Paolo Ferri - Elearning e pratiche digitali

on

  • 4,249 views

Slide dell'intervento di Paolo Ferri su E-learning e pratiche digitali

Slide dell'intervento di Paolo Ferri su E-learning e pratiche digitali

Statistics

Views

Total Views
4,249
Views on SlideShare
4,228
Embed Views
21

Actions

Likes
0
Downloads
52
Comments
0

3 Embeds 21

http://www.socialmedialab.net 12
http://www.slideshare.net 8
http://moodle.pa.itd.cnr.it 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Paolo Ferri - Elearning e pratiche digitali Paolo Ferri - Elearning e pratiche digitali Presentation Transcript

    • Lo spazio delle relazioni e delle interazioni on-line nella formazione: il progetto Fortech  
      • Prof. Paolo Ferri
      • Teoria e tecniche dei Nuovi media
      • Tecnologie didattiche
      • Facoltà di Scienze della Formazione
      • Università degli Studi Milano Bicocca
      • www.unimib.it
    •  
    • Indirizzi IP attivi La quantità è qualità: l’esponenziale crescita degli scambi informazionali Siti web nel mondo – 1995-2005 numeri in migliaia                                                                                                                (La linea rossa indica i siti che risultano “attivi”)
    • La storia e la tecnologia ARPANET in the early 1970s. ARPANET nel1987. Robert Cailliau, Leonardo Chiariglione, Oreste Signore MPEG - 1 description
    • Come si sviluppa il gioco della rete
      • Il web è dal 1993 o dal 1996 un nuovo gioco che appassiona, diverte, fa lavorare e a volte affligge i cittadini del terzo millennio. E proprio il gioco è una metafora efficace per descrivere la storia e il futuro della rete.
      • Tra il 1963 e il 1996, Internet è stato un libero gioco scientifico e sociale anarchico e libertario, per fisici, artisti, nerds informatici, scrittori cyber (William Gibson, Bruce Sterling) e performer (Laurie Andersonn, Stelarc). Tra il 1996 e il 2000 Internet è divenuto ed stato rappresentato dai media come un vertiginoso gioco in borsa (gambling not play). Dal 2001 al 2003, dopo il crollo del NASDAQ, sembrava un giocattolo rotto come la cosiddetta “new economy”.
      1963-1996 1996-2000 2000-2003 2000-2006
    • Il progetto pilota Fortech della Facoltà di Scienze della formazione nell’ambito della sperimentazione E-learning di Ateneo Prof. Paolo Ferri Facoltà Scienze della Formazione Dott.Andrea Garavaglia Dottorato Qua_si In collaborazione con: LIB Laboratori didattici Bicocca DoceboLMS
    • Un approccio costruttivista all’e-learning
    • Flessibilità cognitiva e ipertestualità di Spiro
      • Pratiche e ambienti della comunicazione didattica: “ambiti di conoscenza mal strutturata”:La conoscenza deve perciò essere comunicata e rappresentata mentalmente, mappata, esplicitata e insegnata in molti modi diversi.
      • Ricostruzione flessibile della conoscenza pregressa e sua collocazione significativa nell’esperienza formativa personale e di gruppo
      • Gli Ambienti didattici ipermediali, in particolare gli ipertesti/ipermedia utilizzati in maniera cooperativa favoriscono questo processo
      • Spiro, R.J., & Jehng, J.C. (1990). Cognitive flexibility and hypertext: Theory and technology for the nonlinear and multidimensional traversal of complex subject matter . In D. Nix & R.J. Spiro (Eds.), Cognition, education, and multimedia: Exploring ideas in high technology (pp. 163–205)
    • La teoria sociale dell’apprendimento di Wenger
      • Insegnamento/apprendimento è un processo ”emergente”, sociale e culturalmente situato
      • Le comunità di pratiche (docenti, studenti) devono poter gestire questo processo complesso e articolato
      • Le comunità di pratiche devono trovare un equilibrio tra programmazione e processi emergenti, rimodellando progressivamente il setting didattico
        • Wenger E., Communities of practice, Learning, meaning, and identity Cambridge University Press 1998
      • Le Piattaforme di E-learning CSCL e LCMS
      • permettono
        • di gestire l’apprendimento come un processo emergente
        • di rappresentare e mettere in circolo la conoscenza emergente
        • di gestire la conoscenza tacita dei docenti e degli studenti trasformandola in costruzione cooperativa del sapere
    • “ Fitting” tra ambiente LMS, modello didattico e complessità del sistema SOCIETA’ DELL’INFORMAZIONE SISTEMA FORMATIVO UNIVERSITARIO STUDENTI DOCENTI DIDATTICA AMBIENTE LMS
      • Caratteristiche proprie:
      • Stile frequenza
      • Spazio/tempo
      • Stile apprendimento
      • relazione
      • Caratteristiche proprie: - metodologia didattica
      • Spazio/tempo
      • Stile insegnamento
      • relazione
      • Mutamenti:
      • Evoluzione NT
      • diffusione reti
      • rapporto spazio/tempo
      Istanze: -regolamenti -infrastrutture -cultura -HR SISTEMA ATTORI
    • Blended Solutions per l’apprendimento ambiente didattico integrato Ambiente di apprendimento Modalità di Comunicazione Metodologia didattica Strumenti Modalità Presenza Didattica Frontale Arricchimento culturale Per contenuti Corso on-line Gestione comunicativa Autoapprendi-mento + tutoring Per obiettivi Bloom Mastery Learning Gruppo virtuale Comunicazione Processo Sfondi integratori Community Comunicazione Partecipata Processo Sfondi CSCL Comunità di pratiche Riflessione/ Accumulazione Libro Interazione/ navigazione Acquisizione interattiva- Esperienza Esplicita Comunicazione interazione collaborativa Esperienza tacita Comunicazione condivisione Esperienze tacita Esperienza esplicita
    • Obiettivi del progetto Pilota della Facolt à di Scienze della Formazione
      • Obiettivo: comprendere come rispondere alle nuove istanze
        • 10 % dell’offerta didattica della facoltà in Blended learning in due anni
        • introduzione di evoluti modelli didattici per migliorare l’offerta formativa
        • riconfigurazione dell’università come content provider
        • mantenendo l’attenzione verso i bisogni degli attori e le caratteristiche del sistema
      • sotto-obiettivi:
        • Definizione di un modello “efficace” di formazione in rete attraverso una sperimentazione . –
          • permettere l’integrazione delle tecnologie digitali per la formazione con i formati didattici presenziali (blended)
          • individuare il formato dei contenuti digitali
        • Co-progettazione di un Learning Management System
          • livelli di interaction design coerenti con i modelli didattici:
            • rispondenti ai bisogni formativi
            • coerente con i diversi setting educativi
            • Tecnologie usabili, scalabili rispetto alla banda di trasmissione
            • Accessibilità e fruibilità degli attori coinvolti
    • Metodologia Interviste Focus Questionari on line Analisi dei bisogni rivolta agli attori coinvolti e al contesto -docenti: problemi formativi -studenti: problemi fruizione (clusterizzazione) -sistema: individuazione partnership tecnologiche Interviste Focus analisi Interaction Design Co-progettazione LMS (in collaborazione con Docebo Srl) Analisi primi risultati surveys Definizione dei modelli didattici sperimentali Interviste Focus Questionari on line Valutazione e risultati Monitoraggio Erogazione aa.2004-05 -> 05-06
    •  
    •  
    •  
    •  
      • convergenza tra il processo di progettazione del gruppo di ricerca e quello di implementazione da parte degli sviluppatori
      • Notevole riduzione dei tempi di risoluzione per problemi tecnici
      • A livello di ambiente per l’apprendimento in rete:
      • Alta flessibilità nella gestione dei menu (setting didattico on line)
      • Costruzione di un sistema di erogazione test ad hoc
      • Potenziamento delle funzioni dei forum (in base a risultati della ricerca)
      • - Registro valutazioni (per gestire in modo razionale l’assessment)
      • -Digital Portfolio (sistema di auto-etero valutazione e metariflessione)
      • In collaborazione con la Facoltà di Sociologia
      Primi risultati della co-progettazione dell’ambiente LMS
    • Comunit à , KM e condivisione Co-progettazione del LMS con gli studenti Community dei docenti Community degli studenti
    • Attori coinvolti Staff e-learning del LISP Laboratorio Informatico di Sperimentazione Pedagogica Prof. Paolo Ferri , responsabile scientifico Prof.ssa Anastella Gambini , Prof.ssa Enrica Giordano responsabili area Corsi di Sienze Dott. Andrea Garavaglia , coord. progetto, progettazione, monitoraggio e valutazione, co-progettazione del LMS, formazione Dott.ssa Laura Conti , Francesca Bossi, Livia Petti e-tutor Laurea Sp. FORTE Dott. Cristiano Ghiringhelli , formazione docenti Prof.ssa Sussanna Mantovani, coordinatorice progetto Prof. Paolo Ferri , responsabile scientifico. QUA_SI Project Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale LIB Laboratori Informatici Bicocca Dott.Marco Bondi, connettività, integrazione LDAP D’ Ateneo Dott.Claudio Redaelli, system admin Docebo Srl Sviluppo LMS Partnership esterna: 1/2
    • Attori coinvolti Docenti Mentori Prof. Paolo Ferri Prof.ssa Annastella Gambini Prof.ssa Enrica Giordano Prof.ssa Mariangela Giusti Prof. Antonio Martelli Prof. Raoul Nacamulli Dott. Francesco Paoletti Dott.ssa Barbara Quacquarelli dott.ssa Paola Catalani (prof.ssa Enrica Giordano) dott. Cristiano Ghiringhelli (prof. Raoul Nacamulli) dott.ssa Paola Mesturini (prof.ssa Enrica Giordano) dott.ssa Antonella Pezzotti (prof.ssa Annastella Gambini) I mentori si configurano come esperti di contenuto che assistono il docente nelle attività in rete e seguono i corsisti ad un livello relazionale maggiormente orizzontale 2/2 Tutor di Sistema relazionali dott.ssa Livia Petti dott.sa Francesca Bossi dott.sa Laura Conti
    • Corsi attivati negli anni Accademici 2004/2005 e 2005/2006
      • Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria
      • [ R02046 ] Didattica della Biologia 1B (prof.ssa Gambini), web enhanced dell’aula per frequentanti
      • [ R02113 ] Didattica della Biologia 2B (prof.ssa Gambini), web enhanced dell’aula per frequentanti
      • [ R02221 ] Didattica della Fisica 1B (prof.ssa Giordano), distance learning per non frequentanti
      • [ R02170 ] Teoria e Tecniche dei Nuovi Media (prof. Ferri), web enhanced dell’aula
      • Corso di Laurea in Scienze dell’educazione
      • 5. [ 524109 ] Teoria e Metodi dei Sistemi Educativi - II parte (prof.ssa Giusti), distance learning per non frequentanti
      • Corso di Laura in Scienze della Comunicazione indirizzo interculturale
      • 6. [ Y25003 ] Teoria e Tecniche dei Nuovi Media (prof. Ferri), web enhanced dell’aula
      • Corso di Laurea Specialistica Formazione degli adulti e Consulenza nelle organizzazioni (conosciuta anche come FORTE)
      • 7. [ 571010 ] Metodologie e Tecnologie della formazione 2 (prof. Ferri)
      • 8. [ 571018 ] Organizzazione Aziendale (avanzato) (prof. Nacamulli)
      • 9. [ 571015 ] Organizzazione e Gestione delle Risorse Umane (prof. Paoletti)
      • 10 [ 571019 ] Organizzazione per l'internazionalizzazione (dott.ssa Quacquarelli)
      • 11. [ 571016 ] Strategia d'impresa (prof. Martelli), web enhanced
    • Corsi attivati nell anno accademico (2005-06)
      • Corso di Laurea Specialistica Formazione degli adulti e Consulenza nelle organizzazioni (conosciuta anche come FORTE)
      • 12. [ 571011 ] Cambiamento Organizzativo (prof. Paoletti)
      • 13 [ 571008 ] E-HR e gestione della conoscenza (dott. Solidoro)
      • [ 571004 ] Metodologia della Formazione nelle Organizzazioni (prof. Fontana)
      • Community attive:
      • - Community degli studenti Forte , Corso di Laurea in Formazione primaria
      • sperimentazione di una community di studenti all’interno del Corso di Laurea specialistica Formazione degli adulti e consulenza nelle organizzazioni e Formazione primaria. Oltre a fornire tutta la documentazione necessaria, la community permette a tutti gli studenti iscritti, sia frequentanti che non frequentanti, di relazionarsi, condividere le proprie esperienze e confrontarsi sull’andamento del corso ricevendo il supporto informativo ed emotivo di una e-tutor.
      • - Community dei docenti,
      • Sperimentazione di un ambiente in rete per la condivisione delle esperienze e il supporto metodologico e tecnologico ai docenti coinvolti nel progetto pilota, con l’intento di creare uno spazio per il knowledge management dell’e-learning di facoltà. La creazione di un tale ambiente permetterà una migliore introduzione dei futuri docenti all’interno del progetto.
    • Analisi dei bisogni Co-progettazione LMS Sperimentazione ed erogazione dei corsi Analisi e valutazione dei risultati Risultati 2003-04 2004-05 2005-06 Le fasi del progetto
      • I modelli:
      • Modello Distance Learning erogato esclusivamente a distanza riservato agli studenti non frequentanti in aula.
      • Basato su un percorso intensivo di attività erogate a distanza e valutate ai fini del superamento dell’esame.
      • Il corso come “integrale sostituzione” della didattica d’aula
      • esperienza pilota per corsi di laurea solo on line.
      • -Modello Presenza Web Enhanced dedicato agli studenti frequentanti, basato sulla possibilità di ricevere un supporto in rete ( repository e relazione in rete ) alla didattica d’aula
      I 3 modelli didattici in sperimentazione
      • Premessa:
      • “ estensione del concetto di studente frequentate” considerando il contesto di azione ( combinazione di presenza/on line )
      • focus sull’ attivismo pedagogico rispetto ai sistemi didattici trasmissivi
      • - modello a “4 stili partecipativi”
      • basato sull’attuazione e valutazione di attività sia in aula che in rete, che permetta agli studenti di ottenere crediti ai fini del superamento dell’esame;
      • si tratta di un caratterizzazione dei modelli blended che preconfigura
      • 4 tipologie di percorso didattico a scelta del discente;
      • Percorsi preconfigurati messi a disposizione dello studente:
      • Didattica frontale (programma tradizionale ), destinato agli studenti frequentanti in aula passivi ;
      • b) Didattica frontale + Attività in aula (laboratori, studi di casi…), destinato agli studenti frequentanti attivi in aula che partecipano ad esercitazioni valutate ai fini dell’esame;
      • c) Didattica frontale + Attività in aula + Attività in rete , destinato agli studenti che frequentano attivamente le lezioni e partecipano alle attività in rete ( frequentanti attivi sia in aula che in rete )
      • d) Attività solo in rete: solo per non frequentanti in aula (ma frequentanti in rete) e basato su alcune attività erogate a distanza e valutate ai fini del superamento dell’esame.
      I 3 modelli didattici in sperimentazione
    • Primi risultati formativi
      • Il punto di vista dei docenti:
      • gli studenti a cui viene richiesto di svolgere attività di ricerca e progettazione in gruppo possono essere facilitati nell’acquisire conoscenze più approfondite rispetto a chi segue i programmi tradizionali. In particolare emerge una maggiore capacità metacognitiva
      • La buona comunicazione in rete aiuta a stabilire un dialogo sereno e sollecita il confronto positivo
      • Recupero della relazione col docente per gli studenti non frequentanti in aula
      • Dalle discussioni nei forum (in ottica socio-costruttivista) emergono più facilmente le “false concezioni degli studenti
      • Molto apprezzata la disponibilità in rete dei materiali prima della lezione
      • Il punto di vista degli studenti:
      • il 72,92% degli studenti che ha risposto ai questionari afferma che grazie al corso on line è stato maggiormente e meglio informato rispetto al tradizionale corso in presenza
      • il 37,5% degli studenti considera il corso blended/on line fruito più facile da affrontare rispetto al tradizionale corso in presenza
      • il 52,38% degli studenti considera la comunicazione via mail e in forum più immediata e per il 48,54% questa modalità comunicativa avvicina il docente agli studenti.
      Primi risultati formativi
    • Alcuni dati quantitativi di utilizzo degli studenti Corso N. studenti iscritti N. studenti attivi % studenti che hanno partecipato Sessioni totali N. Sessioni medie per studente Cambiamento Organizzativo 62 35 56,45 719 20,54 Didattica della Biologia 1B (biologia di base) 50 46 92,00 8145 177,07 Didattica della Biologia 2B - frequentanti 91 71 78,02 943 13,28 Didattica della Fisica 1B 85 81 95,29 67154 829,06 Metodologie e Tecnologie della formazione 2 62 39 62,90 3252 83,38 Negoziazione e relazioni sindacali 62 38 61,29 890 23,42 Organizzazione Aziendale (avanzato) 62 47 75,81 2318 49,32 Organizzazione e Gestione delle Risorse Umane 62 47 75,81 4760 101,28 Organizzazione per l'internazionalizzazione 62 44 70,97 3963 90,07 Strategia d'impresa 62 44 70,97 1355 30,80 Teoria e Metodi dei Sistemi Educativi - II parte 13 11 84,62 6416 583,27 Teoria e Tecniche dei Nuovi Media (Comunicazione Interculturale) 188 127 67,55 129179 1017,16 Teoria e Tecniche dei Nuovi Media (Formazione Primaria) 253 149 58,89 141145 947,28             Docebo Helpdesk - supporto all'uso della piattaforma 600 248 41,33 7086 28,57 Community FORTE 62 55 88,71 50061 910,20