Smau Roma 2011 Nicola Fabiano

  • 422 views
Uploaded on

Il sistema della posta elettronica certificata (PEC) …

Il sistema della posta elettronica certificata (PEC)

More in: Technology , Business
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
422
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
9
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma !Il sistema della posta elettronicacertificata (PEC)! 1 PEC e firme elettroniche anche alla luce delle recenti modifiche al CAD!Avv. Nicola Fabiano!
  • 2. Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! Nomenclatura  !! PEC! Posta Elettronica Certificata!!! CPECPT! 2 Casella di Posta Elettronica Certificata del Processo Telematico!!! CEC-PAC ! Casella Elettronica Certificata Pubblica Amministrazione e Cittadini!
  • 3. Il  sistema  PEC  Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! PEC CPECPT ? 3 DOMINIO GIUSTIZIA PCT CEC-PAC
  • 4. Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! I  sogge6  della  PEC  ed  i  rispe6vi  ruoli  •  DigitPA (già CNIPA)! ➮  vigilanza e controllo nei confronti dei gestori del servizio;! ➮  supporto alle PA per lintroduzione della PEC nei procedimenti amministrativi.!•  Il gestore di PEC! 4•  Gli utenti (mittente – destinatario)! ➮  Professionisti! ➮  Imprese! ➮  PA! ➮  cittadini!
  • 5. Il  CAD  vigente  Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! Art. 48. Posta elettronica certificata. ! !1. La trasmissione telematica di comunicazioni che necessitano di unaricevuta di invio e di una ricevuta di consegna avviene mediante la postaelettronica certificata ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 11febbraio 2005, n. 68, o mediante altre soluzioni tecnologiche individuatecon decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, sentito DigitPA. !2. La trasmissione del documento informatico per via telematica, effettuata(mediante la posta elettronica certificata) ai sensi del comma 1, equivale,(nei casi consentiti dalla legge) salvo che la legge disponga 5diversamente , alla notificazione per mezzo della posta.!3. La data e l ora di trasmissione e di ricezione di un documento informaticotrasmesso (mediante posta elettronica certificata) ai sensi del comma 1sono opponibili ai terzi se conformi alle disposizioni di cui al decreto delPresidente della Repubblica 11 febbraio 2005, n. 68, ed alle relative regoletecniche, ovvero conformi al decreto del Presidente del Consiglio deiMinistri di cui al comma 1.!
  • 6. Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! Legge  28  gennaio  2009,  n.  2  –  art.  16,  commi  6,7,8  e  9  !!Obbligatorietà della PEC o analogo   indirizzo   di   posta  ele<ronica  cer=ficata per:! 6!Ø  Professionisti: entro il 28/11/2009;!Ø  Imprese: entro il 28/11/2011;!
  • 7. L.  2/09  –  art.  16,  commi  6,7,8  e  9   Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! 6. Le imprese costituite in forma societaria sono tenute a indicare il proprio indirizzo di postaelettronica certificata nella domanda di iscrizione al registro delle imprese o analogo indirizzo di postaelettronica basato su tecnologie che certifichino data e ora dellinvio e della ricezione dellecomunicazioni e lintegrità del contenuto delle stesse, garantendo linteroperabilità con analoghisistemi internazionali. Entro tre anni ...! ! 7. I professionisti iscritti in albi ed elenchi istituiti con legge dello Stato comunicano ai rispettivi ordinio collegi il proprio indirizzo di posta elettronica certificata o analogo indirizzo di posta elettronica di cui alcomma 6 entro un anno dalla data di entrata in vigore del presente decreto. Gli ordini e i collegipubblicano in un elenco riservato, consultabile in via telematica esclusivamente dalle pubblicheamministrazioni,i dati identificativi degli iscritti con il relativo indirizzo di posta elettronica certificata.! ! 7 8. Le amministrazioni pubbliche ... istituiscono una casella di posta certificata o analogo indirizzo diposta elettronica di cui al comma 6 per ciascun registro di protocollo e ne danno comunicazione alCentro nazionale per linformatica nella pubblica amministrazione, che provvede alla pubblicazione di talicaselle in un elenco consultabile per via telematica. ...! ! 9. Salvo quanto stabilito dallarticolo 47, commi 1 e 2, del codice dellamministrazione digitale di cui aldecreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, le comunicazioni tra i soggetti di cui ai commi 6, 7 e 8 delpresente articolo, che abbiano provveduto agli adempimenti ivi previsti, possono essere inviateattraverso la posta elettronica certificata o analogo indirizzo di posta elettronica di cui al comma 6, senzache il destinatario debba dichiarare la propria disponibilità ad accettarne lutilizzo.!
  • 8. La  firma  delle  ricevute   Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma !!Il D.P.R. 68/2005 prevede che le   ricevute   siano   firmate  ele<ronicamente  mediante  la  firma  ele<ronica  avanzata.!E opportuno, quindi, capire che cosa sia la firmaelettronica avanzata anche rispetto ad altre tipologie di 8firme elettroniche (e-signature).!
  • 9. Le  firme  eletroniche   Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma !•  q) firma elettronica: linsieme dei dati in forma elettronica, allegati oppure connessi tramite associazione logica ad altri dati elettronici, utilizzati come metodo di identificazione informatica;!•  q-bis) firma elettronica avanzata: insieme di dati in forma elettronica allegati oppure connessi a un documento 9 informatico che consentono lidentificazione del firmatario del documento e garantiscono la connessione univoca al firmatario, creati con mezzi sui quali il firmatario può conservare un controllo esclusivo, collegati ai dati ai quali detta firma si riferisce in modo da consentire di rilevare se i dati stessi siano stati successivamente modificati;!
  • 10. Le  firme  eletroniche   Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma !•  r) firma elettronica qualificata: un particolare tipo di firma elettronica avanzata che sia basata su un certificato qualificato e realizzata mediante un dispositivo sicuro per la creazione della firma;!•  s) firma digitale: un particolare tipo di firma elettronica 10 avanzata basata su un certificato qualificato e su un sistema di chiavi crittografiche, una pubblica e una privata, correlate tra loro, che consente al titolare tramite la chiave privata e al destinatario tramite la chiave pubblica, rispettivamente, di rendere manifesta e di verificare la provenienza e lintegrità di un documento informatico o di un insieme di documenti informatici;!
  • 11. L’efficacia  probatoria   Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! Art. 21, comma 2, CAD ! !Il documento informatico sottoscritto con firma elettronicaavanzata, qualificata o digitale, formato nel rispetto delleregole tecniche di cui allarticolo 20, comma 3, chegarantiscano lidentificabilità dellautore, lintegrità e 11limmodificabilità del documento, ha lefficacia previstadallarticolo 2702 del codice civile. Lutilizzo deldispositivo di firma si presume riconducibile al titolare,salvo che questi dia prova contraria.!
  • 12. Le  buste  Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! Un messaggio di e-mail è composto da:!!➡  una busta (envelope)!➡  una sezione di intestazioni (header)! 12 (Data, A, Da, Ccn, Oggetto, Rispondi a ....)!➡  un corpo del messaggio (body)!
  • 13. Le  buste  Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! Busta di trasporto! B 13A Messaggio email!
  • 14. Le  buste   Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! L art. 6, comma 9, del D.M. prevede solo 2 buste:! !a)  busta di trasporto;!b)  busta di anomalia.! Art. 1 D.M. 2/11/05! (definizioni)!a)  busta di trasporto: la busta creata dal punto di accesso e sottoscritta con 14 la firma del gestore di posta elettronica certificata mittente, allinterno della quale sono inseriti il messaggio originale inviato dallutente di posta elettronica certificata ed i relativi dati di certificazione;!b)  busta di anomalia: la busta, sottoscritta con la firma del gestore di posta elettronica certificata del destinatario, nella quale è inserito un messaggio errato ovvero non di posta elettronica certificata e consegnata ad un titolare, per evidenziare al destinatario detta anomalia.!
  • 15. La  consegna  del  messaggio   Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! Art.  6  D.P.R.  68/2005  !comma  3: La  ricevuta  di  avvenuta  consegna  fornisce  al  mi<ente  prova  che  il   suo   messaggio   di  posta   ele<ronica   cer=ficata   e   effe6vamente   pervenuto   allindirizzo   ele<ronico   dichiarato   dal   des=natario   e   cer=fica   il   momento   della  consegna  tramite  un  testo,  leggibile  dal  mi<ente,  contenente  i  da=   di  cer=ficazione.!! 15comma   5: La   ricevuta   di   avvenuta   consegna   e   rilasciata   contestualmente   alla  consegna  del  messaggio  di  posta  ele<ronica  cer=ficata  nella  casella  di   posta   ele<ronica   messa   a   disposizione   del   des=natario   dal   gestore,   indipendentemente   dallavvenuta   le<ura   da   parte   del   sogge<o   desLnatario.!
  • 16. I  vantaggi  della  PEC   Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma !1.  effetti legali (raccomanda a.r.)!2.  certezza della trasmissione e della consegna di un messaggio di posta elettronica!3.  univocità della provenienza (identità del mittente)!4.  immodificabilità del contenuto!5.  riservatezza del contenuto!6.  il gestore è obbligato a conservare i messaggi per 30 mesi (log)! 167.  il gestore è obbligato ad assicurare le misure di sicurezza previste dal codice privacy!8.  costi ridotti!9.  sicurezza: virus e spam (??) !10.  Albo Telematico: obbligo di comunicare l indirizzo PEC.!
  • 17. Principali  pun=  cri=ci  della  PEC  1/2   Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma !1.  Discutibile la creazione del sistema PEC mediante l utilizzo dello strumento normativo del D.P.R.;!2.  La PEC necessita della firma elettronica avanzata (art. 9 DPR 68/05 – art. 1, lett. d del D.M. 2/11/05) che non esiste nel sistema normativo italiano;!3.  Il mittente e il destinatario devono essere titolari di PEC affinché per entrambi si realizzino gli effetti legali relativi alla trasmissione;! 174.  Gli effetti si producono dalla trasmissione invece che al momento della ricezione;!5.  Interoperabilità: manca a livello internazionale (in Italia ?);!6.  la PEC non appone firma elettronica e/o digitale agli allegati (nessuna certezza sulla paternità dell allegato);!
  • 18. Principali  pun=  cri=ci  della  PEC  2/2   Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma !7.  incongruenza normativa (art. 16, comma 4, D.P.R. 68/2005 - art. 4 L. 24/2010): si potrà utilizzare la PEC nel proc. civ. ?!8.  Albo telematico e comunicazione della PEC: quali sanzioni per chi omette o ritarda la comunicazione ?!9.  problemi di sicurezza sul server LDAP (Lightweight Directory Access Protocol) (v. processo di standardizzazione IETF - Internet Engineering Task Force);! 1810.  non esiste un elenco pubblico dei titolari di PEC (cittadini e professionisti-per le imprese i dati si rilevano dal R.II.), mentre solo la PA può accedere ai dati;!11.  nessuna esenzione dallo SPAM;!12.  limite operativo in caso casella piena: cosa accade ?!13.  I professionisti non possono utilizzare la CEC-PAC per l attività professionale.!
  • 19. Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! Lo  scenario  internazionale  REM è l acronimo di Registered Electronic Mail!!È appena il caso di fare cenno ad uno standard tecnico in corso di approvazione che è stato recentemente codificato dall ETSI (European Telecommunications Standards Institute), come TS 102 640. L ETSI è un organizzazione europea sugli standards ufficialmente riconosciuta dalla Commissione Europea ed è inutile soffermarsi sul rilievo di questa entità. Con lo standard TS 102 640, pubblicato nel 2008, l ETSI ha ideato la Registerd Electronic Mail (REM) consistente in un servizio email che ha un funzionamento similare – nei principi 19 – a quello della PEC: semplificando all osso , verrebbe sostanzialmente garantita l accettazione e la consegna del messaggio email con l ausilio di sistemi di firma sicuri (ma la REM non è solo questo). !!Ciò che risulta interessante è che la REM – si ribadisce differente rispetto alla PEC – denota l attenzione europea per gli aspetti di certificazione da un lato (attestazione di consegna e ricevuta) e di assoluta interoperabilità dall altro. Si tratta di un sistema che comunque risulta, a chi scrive, in fase non ancora definitiva.!!L UPU  (Universal  Postal  Union)  sta  prendendo  in  considerazione  lo  standard  REM  su  cu  lavora  ETSI.  
  • 20. Roma, 30-31 marzo – Fiera di Roma ! ! Grazie per l attenzione! -----! Avv. Nicola Fabiano! 20 Patrocinante in Cassazione! Specialista in Diritto Civile! AIPSI Member! n.fabiano@studiolegalefabiano.eu! www.studiolegalefabiano.eu! !