Smau Milano 2011 Fabrizio Amarilli - architetture

  • 306 views
Uploaded on

Virtualizzazione, Infrastructure as a Service, Cloud Computing e …

Virtualizzazione, Infrastructure as a Service, Cloud Computing e
Cloud privato

More in: Technology
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
306
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
4
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Virtualizzazione,  Infrastructure  as  a  Service,   Cloud  Compu8ng  e  Cloud  privato  …     Una  guida  per  districarsi  nel  mondo  delle   infrastru<ure  ICT   Fabrizio  Amarilli   Fondazione  Politecnico  di  Milano   fabrizio.amarilli@fondazione.polimi.it       Milano,  19  o<obre  2011   19-21 OTTOBRE 2011 fieramilanocity © 2011 Riproduzione riservata – Fabrizio Amarilli
  • 2. Cosa è l’infrastruttura ICTn  Insieme  delle  componen-  di  base  del  Sistema  Informa-vo  aziendale  che   abilitano  il  funzionamento  delle  applicazioni  di  business  n  Comprende:   n  Hardware  (disposi-vi  client,  server,  periferiche,  appara-  di   comunicazione,  …)   n  Sistemi  Opera-vi  (client  e  server)   n  Servizi  applica-vi  di  TLC  (monitoraggio  di  rete,  …)   n  Servizi  di  comunicazione  basa-  su  IP  (UCC)   n  Sistemi  per  la  Ges-one  di  Basi  di  Da-  (DBMS,  RDBMS)   n  Ambien-  Server  Applica-vi  (Web  server,  …)   n  Ambien-  per  la  Sicurezza  (Firewall)  e  l’Affidabilità  (business  con-nuity,   NAS,  SAN,  disaster  recovery,  …)   © 2011 Riproduzione riservata – Fabrizio Amarilli
  • 3. Il Sistema Informativo: la visione tradizionalen  Il  Sistema  Informa-vo  aziendale  si  compone  di:   n  Patrimonio  applica-vo.  Insieme  delle  applicazioni  soTware  che  supportano  le   aUvità  di  business  dell’impresa   n  InfrastruVura.  Insieme  delle  componen-  hardware  e  soTware  di  ambiente   che  abilitano  il  funzionamento  delle  componen-  applica-ve  n  ObieUvi  tradizionali  del  Sistema  Informa-vo  sono:   n  Supporto  e  oUmizzazione  dei  processi.  Automazione,  reingegnerizzazione,   controllo  delle  aUvità     n  Supporto  direzionale.  Repor-s-ca  basata  su  una  unicità  delle  informazioni  e   controllo  integrato  di  tuU  i  processi  n  E’  ancora  vero  questo  modello?  E’  ancora  chiara  la  dis-nzione  fra  mondo   applica-vo  e  mondo  dell’infrastruVura?  n  Quali  sono  le  aspeVa-ve  dal  Sistema  Informa-vo  delle  imprese?  n  In  quale  contesto  operano  le  imprese  ora  e  come  è  cambiato  il  modo  di   competere?  n  Quale  è  l’offerta  di  mercato?   © 2011 Riproduzione riservata – Fabrizio Amarilli
  • 4. Cosa dicono gli analisti? Fonte:  www.gartner.com   © 2011 Riproduzione riservata – Fabrizio Amarilli
  • 5. Quale è la percezione dell’utente? © 2011 Riproduzione riservata – Fabrizio Amarilli
  • 6. Cloud Computing: alcune definizionin  Il  cloud  compu-ng  consiste  in  “un  modello  (architeVurale)  che  abilita  l’accesso   on  demand  tramite  la  rete  ad  un  pool  condiviso  di  risorse  di  elaborazione   configurabili  come  re-,  server,  storage,  applicazioni  e  servizi  che  possono   essere  erogate  e  liberate  in  modo  rapido  con  contenu-  e  aUvità  di   ges-one”  (NIST,  Na-onal  Ins-tute  of  Standards  Technology)  n  “Con  il  termine  inglese  cloud  compu-ng  si  indica  un  insieme  di  tecnologie  che   permeVono,  -picamente  soVo  forma  di  un  servizio  offerto  da  un  provider  al   cliente,  di  memorizzare/archiviare  e/o  elaborare  da-  (tramite  CPU  o  soTware)   grazie  allu-lizzo  di  risorse  hardware/soTware  distribuite  e  virtualizzate  in   Rete”  (Wikipedia)  n  Per  cloud  compu-ng  si  intende  linsieme  di  risorse  hardware,  del  middleware  e   del  soTware  applica-vo,  che  fornisce  un  determinato  set  di  funzionalità  fruibili   mediante  luso  della  rete  (MyCloudBeans)  n  Il  conceVo,  rela-vamente  semplice,  è  che  una  vasta  gamma  di  risorse  di  calcolo   risiederà  in  “qualche  posto”,  nell’etere  (anziché  nel  vostro  computer),  e  vi   avremo  accesso  e  ne  faremo  u-lizzo  quando  necessario  (Times  Online)   © 2011 Riproduzione riservata – Fabrizio Amarilli
  • 7. Il Cloud come sintesi di diversi fenomenin  Il  Cloud  Compu-ng  è  il  risultato  della  maturazione  di  alcuni  fenomeni   tecnologici   n  Condivisione  di  risorse  di  calcolo  (CPU  Sharing)   © 2011 Riproduzione riservata – Fabrizio Amarilli
  • 8. Il Cloud come sintesi di diversi fenomenin  Il  Cloud  Compu-ng  è  il  risultato  della  maturazione  di  alcuni  fenomeni   tecnologici:   n  Condivisione  di  risorse  di  calcolo  (CPU  Sharing)   © 2011 Riproduzione riservata – Fabrizio Amarilli
  • 9. Il Cloud come sintesi di diversi fenomenin  Il  Cloud  Compu-ng  è  il  risultato  della  maturazione  di  alcuni  fenomeni   tecnologici:   n  Condivisione  di  risorse  di  calcolo  (CPU  Sharing)   n  Virtualizzazione  (Virtual  Machine  &  Virtual  Storage)   © 2011 Riproduzione riservata – Fabrizio Amarilli
  • 10. Il Cloud come sintesi di diversi fenomenin  Il  Cloud  Compu-ng  è  il  risultato  della  maturazione  di  alcuni  fenomeni   tecnologici:   n  Condivisione  di  risorse  di  calcolo  (CPU  Sharing)   n  Virtualizzazione  (Virtual  Machine  &  Virtual  Storage)   n  Web  Service  &  SOA  -­‐  Service  Oriented  Architecture   © 2011 Riproduzione riservata – Fabrizio Amarilli
  • 11. Come è fatto il Cloud ComputingInfrastructure as a Service Software as a Service Platform as a Service (IaaS) (SaaS) (PaaS) © 2011 Riproduzione riservata – Fabrizio Amarilli
  • 12. Come è fatto il Cloud ComputingInfrastructure as a Service Software as a Service Platform as a Service (IaaS) (SaaS) (PaaS)§  Spostamento verso provider di risorse (elaborazione, memoria) e servizi infrastrutturali (backup, disaster recovery, security, …)§  Accesso ai servizi in base alle necessità§  Allocazione dinamica delle risorse§  Esternalizzazione di costi di manutenzione © 2011 Riproduzione riservata – Fabrizio Amarilli
  • 13. Come è fatto il Cloud ComputingInfrastructure as a Service Software as a Service Platform as a Service (IaaS) (SaaS) (PaaS)§  Spostamento verso §  Utilizzo di software provider di risorse (elaborazione, memoria) non residente nelle e servizi infrastrutturali postazioni aziendali (backup, disaster recovery, security, …) §  Accesso tipicamente§  Accesso ai servizi in via browser base alle necessità §  Licenze di uso§  Allocazione dinamica delle risorse flessibili§  Esternalizzazione di §  “Pay as you go” costi di manutenzione
  • 14. Come è fatto il Cloud ComputingInfrastructure as a Service Software as a Service Platform as a Service (IaaS) (SaaS) (PaaS)§  Spostamento verso §  Utilizzo di software §  Gestione di applicazioni provider di risorse e risorse necessarie per (elaborazione, memoria) non residente nelle il supporto di interi e servizi infrastrutturali postazioni aziendali processi (backup, disaster recovery, security, …) §  Accesso tipicamente §  Ambienti di sviluppo di§  Accesso ai servizi in via browser applicazioni fruite in base alle necessità SaaS §  Licenze di uso§  Allocazione dinamica §  Ambienti di integrazione, delle risorse flessibili personalizzazione,§  Esternalizzazione di §  “Pay as you go” monitoraggio e utilizzo di costi di manutenzione SaaS
  • 15. Quali forme di Cloud Computing? Fonte:  hVp://subitotechs.com   © 2011 Riproduzione riservata – Fabrizio Amarilli
  • 16. Cloud Computing: le promessen  Semplificazione:  riduzione  delle  componen-  all’interno   dell’azienda  n  Scalabilità:  crescita  in  funzione  del  bisogno  n  Portabilità:  supporto  di  molteplici  disposi-vi  e  ambien-   (elemento  comune  è  l’accesso  al  Web)  n  Indipendenza  da  luoghi:  fruibilità  in  qualunque   collocazione  geografica  n  Rapidità  di  avvio  e  roll-­‐out:  rilascio  in  tempi  brevi  delle   applicazioni  n  Variabilizzazione  dei  cos-:  trasformazione  di  cos-  fissi  in   variabili  n  Focalizzazione  delle  risorse  IT:  orientamento  delle  risorse   IT  ad  aUvità  a  valore   © 2011 Riproduzione riservata – Fabrizio Amarilli
  • 17. Perchè questa volta potrebbe avere successo? n  E’  cambiata  la  percezione  degli  uten-   n  E’  cambiato  lo  scenario  macroeconomico  (e  le  aspeVa-ve   rela-ve  ai  Sistemi  Informa-vi  ed  ai  CIO)   n  Lo  scenario  imprenditoriale  Italiano  presenta  alcune   “peculiarità”   n  I  Sistemi  Informa-vi  diventano  sempre  più  complessi   © 2011 Riproduzione riservata – Fabrizio Amarilli
  • 18. Le abitudini degli utenti © 2011 Riproduzione riservata – Fabrizio Amarilli
  • 19. Il contesto: la “crescita” delle imprese UE 130 125 120 115 110 105 100 95 2000 2002 2004 2006 2008 2010 Italia Francia Germania Regno Unito Spagna Fonte:  ISTAT,  2011  (www.istat.it)    n  L’Italia  ha  registrato  nel  periodo  2008-­‐09  la  flessione  del  PIL  più  marcata  (6,3%)  rispeVo   alla  media  UE  n  Nel  periodo  2001-­‐09  l’Italia  è  nel  complesso  il  paese  UE  con  il  minor  tasso  di  crescita   (1,4%)  n  Tra  le  componendi  della  domanda,  l’impaVo  della  crisi  è  stato  par-colarmente  forte  su   inves-men-  ed  esportazioni  n  Primo  recupero  nel  secondo  trimestre  2009  per  Francia  e  Germania,  nel  terzo  per  l’Italia  n  Espansione  per  l’Italia  nel  primo  trimestre  2011  (0,5%)   © 2011 Riproduzione riservata – Fabrizio Amarilli
  • 20. Il contesto: valore aggiunto per settore Fonte:  ISTAT,  2011  (www.istat.it)    n  2009:  caduta  del  prodoVo  per  l’Italia  pari  a  5,6%  (4,2%  UE)  n  Impulsi  recessivi  più  for-  nei  seVori  manifaVuriero  e  delle  costruzioni  (contrazione   domanda  estera)   © 2011 Riproduzione riservata – Fabrizio Amarilli
  • 21. Il contesto: andamento delle esportazioni 140 Totale Italia Ue 130 Extra Ue Export di Francia+Germania +Spagna 120 10 1 100 90 80 70 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 Fonte:  ISTAT,  2011  (www.istat.it)    n  Esportazioni  in  Italia  cresiute  dal  1992  in  modo  costante  (grazie  anche  alla  svalutazione   della  Lira)  n  Contrazione  domanda  internazionale  e  compe-zione  economie  emergen-  fanno   rallentare  le  esportazioni  n  2006-­‐07  ripresa  robusta  n  Calo  brusco  nel  2008  fino  a  metà  2009  (30%  in  Italia)  n  Recupero  importante,  ma  non  uniforme,  nel  primo  trimestre  2011   © 2011 Riproduzione riservata – Fabrizio Amarilli
  • 22. Quali implicazioni per le ICT nelle imprese? n  Budget  ICT  più  contenu-  n  Riduzione  generale  del  PIL   n  Razionalizzazione  delle  risorse  ICT  n  Crisi  dei  seVori  manifaVurieri  e   revisione  dei  processi   n  Esigenza  di  flessibilità  delle   infrastruVure  n  Dinamicità  della  produzione   n  Contrazione  dello  “scope”  dei   progeU  ICT  n  Crescita  delle  esportazioni   n  Necessità  di  presidio  e  supporto  a   livello  internazionale   © 2011 Riproduzione riservata – Fabrizio Amarilli
  • 23. Il cambiamento del contesto localen  Le  imprese  italiane  sono  essenzialmente  piccole  e  medie,  ma  appartengono   ad  un  sistema  produUvo  fortemente  integrato  con  una    realtà  estesa  di  micro   imprese  n  I  fabbisogni  e  le  scelte  ICT  dipendono  spesso  dall’appartenenza  dell’impresa   ad  un  sistema  produUvo  che  integra  imprese  micro,  piccole  e  medie  in   relazioni  reciproche,  processi  di  outsourcing,  aUvità  congiunte  n  Alcuni  dei  fenomeni  che  caraVerizzano  lo  sviluppo  delle  impese  ed  il  contesto   compe--vo  ed  il  fabbisogno  ICT  comprendono:   n  La  frammentazione  della  catena  del  valore     n  L’internazionalizzazione     n  Il  modello  di  crescita  per  “mol-plicazione”   n  La  dimensione  -pica  delle  imprese  italiane  n  Essenziale  sembra  essere  ora  la  valorizzazione  delle  risorse  esietn-   © 2011 Riproduzione riservata – Fabrizio Amarilli
  • 24. L’internazionalizzazionen  L’  internazionalizzazione  passiva   n  L’impresa  produce  principalmente  nel  Paese  di  origine  ed  affida  la  penetrazione  nei   merca-  esteri  all’inizia-va  di  altre  organizzazioni  (intermediari)   n  Non  si  adoVa  un’organizzazione  specifica  per  il  mercato  estero   n  Il  mercato  interno  resta  spesso  il  più  importante   n  Presuppos-  sono  solitamente  prezzo,  qualità,  brand,  unicità  del  prodoVo  n  L’  internazionalizzazione  aIva   n  L’impresa  con-nua  a  mantenere  l’aUvità  produUva  in  Italia,  ma  vi  affianca  struVure   commerciali  o  di  acquisto  presen-  nei  merca-  esteri   n  Può  essere  creata  una  specifica  organizzazione,  anche  se  elementare,  all’estero   n  Si  adoVa  un’oUca  di  più  lungo  termine   n  Si  apre  una  “finestra”  sul  mercato  estero   n  Si  presenta  al  mercato  un  proprio  campionario  n  Le  re8  “lunghe”  e  la  delocalizzazione   n  E’  un  fenomeno  estremo  di  frammentazione  della  catena  del  valore   n  L’impresa  realizza  si-  produUvi  o  accordi  commercali  in  aree  estere   n  ObieUvo  è  anche  la  penetrazione  nei  merca-  esteri  in  cui  si  produce   © 2011 Riproduzione riservata – Fabrizio Amarilli
  • 25. Le implicazioni per le infrastruttureFenomeni  in  corso   CaraVeris-che  richieste  al  Sistema   Informa-vo  Frammentazione  della  catena  del   n  Necessità  dell’azienda  di  ges-re  molteplici  rappor-  valore   n  Integrazione  di  flussi  informa-vi  differen-  e   destruVura-     n  Ges-one  di  aree  di  processo  non  informa-zzate   n  Controllo  e  oUmizzazione  Internazionalizzazione  e   n  Integrazione  con  Sistemi  Informa-vi  differen-  delocalizzazione   n  Problemi  di  infrastruVura  (anche  di  comunicazione)   n  Ges-one  mul-lingua  Crescita  per  duplicazione   n  Integrazione  di  informazioni     n  Strumen-  di  controllo  e  repor-s-ca   n  Replica  dei  Sistemi  Informa-vi  (roll  out  rapido)   n  Ges-one  con  oUca  integrata  delle  risorse  Dimensione  contenuta   n  Cos-  contenu-   n  Scalabilità     n  Standardizzazione     © 2011 Riproduzione riservata – Fabrizio Amarilli
  • 26. La Maturità ICT delle imprese Nuovi obiettivi Obiettivi tradizionali Efficacia Efficienza Flessibilità §  Tipologia di §  Aggiorna- §  Tipologia di servizi mento delle architettura §  Ampiezza dei tecnologie (centralizzata Maturità servizi erogati §  Omogeneità o distribuita) infrastrutturale §  Copertura dei degli ambienti §  Diffusione e servizi (locale, strandarizza- generale) zione delle tecnologieMaturità §  … ICT Efficacia Efficienza Flessibilità §  Processi §  Livello di §  Standardiz- Maturità aziendali integrazione zazione delle applicativa supportati da §  Tecnologie e soluzioni applicazioni modalità di §  Apertura delle §  Copertura a integrazione tecnologie livello di §  Diffusione singolo §  Capacità del processo fornitore © 2011 Riproduzione riservata – Fabrizio Amarilli
  • 27. Quali competenze per gestire l’architettura ICT? LarchiteVura  è  il  gioco  sapiente,  rigoroso  e  magnifico  dei  volumi   nella  luce     Le  Corbusier,  1923  19  oVobre  2011   © 2011 Riproduzione riservata – Fabrizio Amarilli