Your SlideShare is downloading. ×
  • Like
  • Save
Smau bologna 2013 AISM
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Now you can save presentations on your phone or tablet

Available for both IPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Smau bologna 2013 AISM

  • 393 views
Published

Web Marketing e Nuove Tecnologie per le PMI

Web Marketing e Nuove Tecnologie per le PMI

Published in Technology
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
  • Buon giorno, ho partecipato a Smau ieri.
    E' possibile scaricare le presentazioni dei convegni cui ho assistito?
    Grazie
    Are you sure you want to
    Your message goes here
No Downloads

Views

Total Views
393
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
1
Likes
2

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Web Marketing eNuove Tecnologie per le PMIMarco Mosti, AISM – Associazione Italiana MarketingSMAU Bologna, 5 giugno 2013
  • 2. www.marcomosti.itAISM – Associazione Italiana MarketingAISM, Associazione Italiana Marketing, è lAssociazione senza fini di lucro cheper prima in Italia si è impegnata a sviluppare la cultura e la professionalità delMarketing.Fondata nel 1954 da Guglielmo Tagliacarne è diventata il punto di riferimentoper Imprenditori, Docenti Universitari, Manager, Consulenti e Ricercatoriinteressati al marketing professionale.
  • 3. www.marcomosti.itAISM – Associazione Italiana Studi sul Marketing
  • 4. www.marcomosti.itPremessaLa lettura si propone di colmare il gap informativo che molte PMIsperimentano nell’accesso agli strumenti del web marketing nellaconvinzione che essi possano costituire un importante fattore dicompetitività per questa parte fondamentale del mondo economico italiano.Il contributo evidenzia cinque difficoltà riscontrate dalle PMI nell’accessoagli strumenti del web marketing e più in generale della comunicazione web,fornendo, sulla base dell’esperienza dell’autore, spunti di riflessione e possibilisoluzioni che possano aiutare le PMI a trarre vantaggio competitivo dall’usodelle nuove tecnologie web, ancora del tutto inesplorate per molte di esse.
  • 5. www.marcomosti.itPremessaNelle intenzioni dell’autore l’articolo non ha pretesa di completezza enemmeno di essere definitivo sugli aspetti trattati e si focalizza –coerentemente con l’ambito territoriale della Delegazione AISM – sulloscenario dell’Emilia Romagna. Per tale ragione l’autore con questo contributointende avviare uno confronto con esperienze e contributi provenienti da altricontesti a livello nazionale o da altri colleghi dell’ambito emiliano romagnolodai quali attende commenti e integrazioni a quanto proposto.
  • 6. www.marcomosti.itObiettivi del workshop● fare una panoramica sullutilizzo delle nuove tecnologie edel web in particolare per il marketing di beni e servizi, inparticolare per le PMI● dare spunti concreti alle PMI per utilizzare le nuovetecnologie e gli strumenti del web marketing per migliorare ilproprio business
  • 7. www.marcomosti.itOutline1. Opportunità offerte dalle nuove tecnologie2. Strategia di web marketing3. Contenuti4. Strumenti disponibili in rete. Come usarli?5. Trovare fornitori e competenze nel mercato del lavoro
  • 8. www.marcomosti.itOutline1. Opportunità offerte dalle nuove tecnologie2. Strategia di web marketing3. Contenuti4. Strumenti disponibili in rete. Come usarli?
  • 9. Opprtunità offertedalle nuove tecnologie
  • 10. www.marcomosti.itOpportunità offerte dalle nuove tecnologieNell’analisi di uno scenario di business o in un piano marketingquale posto è stato riservato al web marketing?Nella maggior parte dei casi è stato semplicemente dimenticato perchénon appartiene alla formazione professionale o culturale di moltemicro-imprese o perché per tanto tempo è stato sufficiente fare buoniprodotti e avere pochi agenti plurimandatari per sviluppare il propriobusiness.
  • 11. www.marcomosti.itOpportunità offerte dalle nuove tecnologieTante volte dunque è necessario sfatare miti e porre argomentazioniconvincenti per aprire l’azienda a questa nuova opportunità evitandofacili trionfalismi che, nel pensiero collettivo, si collegano ad esempio aisocial network in quanto nei mezzi di comunicazione di massa siriportano spesso case histories di grande successo e sicuro richiamo.
  • 12. www.marcomosti.itIl target raggiungibile38,1 milioni di persone in Italia possono accedere a internet79% della popolazione tra gli 11 e i 74 anni, +13,2% su 201116 milioni possono accedere a internet da cellulare/smartphone2,4 milioni da tablet14,8 milioni di utenti online nel giorno medio a ottobre4 ore/giorno il tempo passato alla TV, ma gli utenti usano internet nellafase di valutazione, comparazione e acquisto di prodotti e servizi.Dati Audiweb (ottobre 2012)
  • 13. www.marcomosti.itSegmentare la comunicazioneLa comunicazione web può essere mirata al singolo individuo(nel caso dei social media o dell’e-mail marketing) o esseretargettizzazata e contestualizzata di più rispetto ai canali tradizionali.Possiamo conoscere per nome clienti e potenziali tali, averne dati diprofilazione e analisi comportamentali molto dettagliati.
  • 14. www.marcomosti.it
  • 15. www.marcomosti.itContestualizzare la comunicazionePossiamo comunicare all’utente contestualmente a ciò che stafacendo, sia a livello di contenuti sia di momento in cui il messaggio èportato alla sua attenzione (si pensi alla pubblicità collegata alle parolechiave cercate sui motori di ricerca, al contenuto delle e-mail comeavviene su Gmail, alle preferenze, alle amicizie, ai “Mi piace” comeavviene su Facebook).
  • 16. www.marcomosti.it
  • 17. www.marcomosti.itEntità dell’investimento richiestoL’investimento minimo per avviare una strategia di web marketing dibase è contenuto e può essere aumentato con progressività.Fino a qualche anno fa occorrevano alcune migliaia di euro per avereun’inserzione sulle Pagine Gialle nel formato cartaceo, con un budgetsimile si può avviare tranquillamente una strategia pilota di webmarketing.
  • 18. www.marcomosti.it
  • 19. www.marcomosti.itAnalyticsConoscere il costo di un lead su internet, nel caso ad esempio di unapubblicità banner o SEM (Search Engine Marketing) è immediato: € 0,50oppure € 1,00 oppure € 10,00?È anche facile sapere quanto speso per realizzare a una vendita.Facilmente inoltre si possono verificare le campagne che hanno unmiglior rendimento, gli annunci più redditizi, gli oggetti delle campagnedi e-mail marketing più efficaci, e così via.
  • 20. www.marcomosti.it
  • 21. www.marcomosti.itDue criticità● L’uso errato di questi strumenti, come più in generale di tutti glistrumenti di comunicazione, può portare danni all’immaginedell’organizzazione o veicolare messaggi differenti/opposti a quellivoluti, con l’amplificazione consentita da internet;● Le approssimazioni nei tempi passati hanno generato in molti lapercezione errata che il web sia una via facile per produrre risultatieccezionali in poco tempo, con poco impegno e a basso costohanno generato fallimenti e conseguente sfiducia nel web marketing.
  • 22. www.marcomosti.itRiassumendo● Target raggiungibile elevato● Segmentazione (da one-to-many a one-to-one)● Contestualizzazione (tempo e luogo) della comunicazione● Budget iniziale richiesto inferiore ai media tradizionali● Opportunità di monitoraggio offerte dagli strumenti di analytics● Due criticità da cui guardarsi
  • 23. www.marcomosti.itOutline1. Opportunità offerte dalle nuove tecnologie2. Strategia di web marketing3. Contenuti4. Strumenti disponibili in rete. Come usarli?
  • 24. Strategia di web marketing
  • 25. www.marcomosti.itStrategia di web marketingSpesso si inizia a ragionare di web marketing partendo da uno opiù strumenti (sito, blog, search engine optimization, advertisingsui motori di ricerca, Facebook, Twitter, etc.) senza considerarepreliminarmente l’inevitabile interazione fra gli strumenti e lanecessità dunque di una pianificazione strategica preliminare.
  • 26. www.marcomosti.itStrategia di web marketingwww.marcomosti.it
  • 27. www.marcomosti.itStrategia di web marketing«A cosa serve un sito web se non mi ha mai portato clienti?»La domanda è corretta e ha origine nella scarsa pianificazione diquel progetto web per il quale non sono stati definiti gli obiettivi, ivalori degli indicatori prima e dopo l’implementazione dellastrategia, per il quale in definitiva, si è proceduto senza unapproccio strategico complessivo.
  • 28. www.marcomosti.itDefinire gli obiettivi● Consolidamento del brand● Coinvolgimento dei consumatori● Incremento delle vendite● Espansione del database di contatti● Qualificazione e segmentazione del database di contatti● Follow-up commerciale● Customer care
  • 29. www.marcomosti.itDefinire gli obiettiviDifficilmente è possibile perseguire congiuntamente più obiettivivolendoli raggiungere tutti contemporaneamente. Il risultato piùprobabile è quello di non raggiungerne nessuno.È bene scegliere un obiettivo principale e alcuni secondari,tenendoli sempre tutti monitorati in misura maggiore o minore. Avolte capita che nel perseguire un obiettivo, questo venga solo inparte raggiunto, ma si notino risultati su altri indicatori.
  • 30. www.marcomosti.itEsempio - Aumento delle venditeObiettivo delle politiche di web marketing per il 2013 èincrementare il totale delle vendite dell’e-commerce del 25%Quante vendite vengono effettuate sull’e-commerce?Quale il loro valor medio?Quale frequenza di acquisto e il tasso di riacquisto degli utenti?Quale tasso di nuovi clienti?
  • 31. www.marcomosti.itEsempio - Aumento delle venditeNel 2012 il totale delle vendite di € 485.000,00 è stato realizzatoattraverso1.547 transazioni€ 313,51 valor medio976 clienti1,59 transazioni per cliente/anno
  • 32. www.marcomosti.itEsempio - Aumento delle venditePer fare raggiungere l’obiettivo possiamo ad esempio:● aumentare il numero di clienti che acquistano (acquisizione)● aumentare il numero di transazioni per cliente (fidelizzazione)● aumentare il valor medio dell’acquisto (upselling)
  • 33. www.marcomosti.itAscoltareUna delle grandi potenzialità di internet è la quantità diinformazioni che abbiamo sul mercato/prodotto in cui operiamo.Possiamo in tempo reale avere notizie dei competitors e dei loroprodotti, sapere cosa pensano i consumatori dei prodotti (nostrie dei concorrenti), possiamo coinvolgerli nella definizione dellecaratteristiche dei futuri prodotti (“Il Mulino che vorrei”).La fase di ascolto è fondamentale prima di definire qualsiasipolitica sul web.
  • 34. www.marcomosti.itRiassumendo● Definire gli obiettivi● Ascoltare● Definire il budgetPrima di iniziare occorre ancora:● pianificare e produrre contenuti per il web (testi, video, foto, etc.)● scegliere gli strumenti da utilizzare (Search Engine Optimization,Advertising, Email Marketing, Social Media) e il loro mix
  • 35. www.marcomosti.itOutline1. Opportunità offerte dalle nuove tecnologie2. Strategia di web marketing3. Contenuti4. Strumenti disponibili in rete. Come usarli?
  • 36. Contenuti
  • 37. www.marcomosti.itContenutiDopo questa prima fase strategica occorre lavorare alla generazionedei contenuti, troppo spesso vediamo pagine Facebook avviate elasciate vuote, newsletter che non rispettano la periodicità prevista,siti non aggiornati, campagne di advertising che puntano a pagineincoerenti con il messaggio dell’ADV.
  • 38. www.marcomosti.itIl sito web e il blogSito, blog, pagine sociali sono essenziali per il web marketing.I potenziali consumatori e tutti gli stakeholders cercano quiinformazioni di loro interesse sull’azienda, i prodotti, i servizi.Spesso il sito aziendale è poco usabile, con contenuti nonaggiornati e non rilevanti per l’utente, ma ritenuti tali dall’azienda.I contenuti sono fondamentali sia che vengano pubblicati sul sitodell’azienda, sia che vengano pubblicati sui social network o usatiper campagne virali.
  • 39. www.marcomosti.itIl sito web e il blog – Caratteristiche per il WMKTG● usabilità: l’utente lo deve trovare semplice, intuitivo e logico● contenuti: l’utente deve trovare facilmente le informazioni di suointeresse e per lui rilevanti (fondamentale la fase dell’ascolto)● aggiornamento: l’utente deve trovare sempre contenuti recentie tutte le novità del settore● non solo testo: è fondamentale che il sito utilizzi immagini evideo che facciano vedere le persone, l’azienda, la produzione,che raccontino storie sui prodotti e sugli utenti che lo utilizzano.
  • 40. www.marcomosti.itGenerare contenuti per il web: testi, immagini, video● pianificare: nel caso di un blog, di una newsletter, di una paginafan su Facebook o di un account twitter è fondamentalepianificare (si effettua una vera e propria pianificazioneeditoriale) nella fase strategica i contenuti da inserire, lafrequenza, il canale più adatto al target da raggiungere.
  • 41. www.marcomosti.itGenerare contenuti per il web: testi, immagini, video● preparare in anticipo: molti contenuti saranno news ocommenti su fatti accaduti, altri contenuti “sempre validi”potranno essere preparati in anticipo e pubblicati al momentoopportuno; normalmente consiglio di produrre i contenuti dellequattro uscite successive (ad es. se il blog ha una frequenza di unpost a settimana ho materiale per un mese, su una newslettermensile ho materiale per un quadrimestre e così via); questoconsente di non interrompere la periodicità delle comunicazioni.
  • 42. www.marcomosti.itGenerare contenuti per il web: testi, immagini, video● variare: fondamentale farlo nei contenuti, nelle headline, neisubject delle DEM per contrastare la tendenza all’assuefazione ea quella sorta di filtro inconscio che presiede la lettura dellaposta o lo scroll dei messaggi sui social da parte dei nostri utenti;frequentemente introdurre novità porta a miglioramenti nelleperformance della campagna e risveglia alcuni utenti assopiti.
  • 43. www.marcomosti.itGenerare contenuti per il web: testi, immagini, video● essere tempestivi: quando possibile è estremamenteimportante essere i primi o fra i primi a divulgare una notizia o acommentarla (analogamente a quanto fanno i telegiornali o igiornali per cercare di avere uno scoop), se non in sensoassoluto, almeno per il nostro target specifico.● stupire: a volte è necessario; sommersi di messaggicomunicativi, il nostro filtro mentale si è molto alzato di livello etendiamo dare attenzione solo a ciò che ci interessa o colpisce.
  • 44. www.marcomosti.itGenerare contenuti per il web: testi, immagini, video● renderli virali: i metodi sono molti, ad esempio la richiesta diun’azione finale dell’utente che lo porta alla condivisione delcontenuto; devono sempre catturare l’attenzione e darel’opportunità all’utente di sentirsi rappresentato dal messaggio alpunto da farlo “proprio” e condividerlo; il presupposto è sempreloriginalità dell’idea alla base del contenuto, qualcosa che per lasua natura e per il suo messaggio, riesce a diffondersi moltovelocemente sul web.
  • 45. www.marcomosti.itRiassumendo● Necessità di lavorare sui contenuti● Sito, blog e pagine sociali da curare attentamente● Caratteristiche di siti e blog per il web marketing● Caratteristiche di una buona gestione dei contenuti: pianificare,preparare in anticipo, variare, essere tempestivi, stupire, rendere virali
  • 46. www.marcomosti.itOutline1. Opportunità offerte dalle nuove tecnologie2. Strategia di web marketing3. Contenuti4. Strumenti disponibili in rete. Come usarli?
  • 47. Strumenti disponibili in reteCome usarli?
  • 48. www.marcomosti.itStrumenti e strategia di web marketingwww.marcomosti.it
  • 49. www.marcomosti.itPosizionamento sui motori di ricerca (SEO)Search Engine Optimization (SEO)tutte le strategie poste in essere dall’organizzazione per raggiungere iprimi posti nei risultati dei motori di ricerca (i cosiddetti risultati organici)Search Engine Marketing (SEM)acquisto di pubblicità contestualizzata sui motori stessi(keyword advertising)
  • 50. www.marcomosti.itPosizionamento sui motori di ricerca (SEO)● 90% degli utenti internet ritengono i motori di ricerca (MdR) lostrumento più efficace per cercare informazioni● 88% degli utenti internet usa ogni giorno i MdR (il 70% più volte algiorno)● Il MdR più utilizzato in Italia è Google (92% delle ricerche).● I MdR sono utilizzati per cercare informazioni su prodotti o servizi daacquistare o per approfondire argomenti.Fonte: Indagine SEMS s.r.l. in collaborazione con Fullresearch (ottobre 2011)
  • 51. www.marcomosti.itPosizionamento sui motori di ricerca (SEO)I MdR sono utilizzati per cercare informazioni o approfondire quanto:● letto su un giornale o una rivista (60%)● visto in TV (56%)● sentito o consigliato a voce (48%)● letto sui social network (38%)● sentito in radio (35%)● visto nelle affissioni pubblicitarie (33%)
  • 52. www.marcomosti.itPosizionamento sui motori di ricerca (SEO)● 90% degli italiani dichiara di utilizzare i MdR per trovare informazionisu prodotti o servizi che pensa di acquistare● tra i quali l’89% è stato influenzato nella scelta d’acquisto dalleinformazioni ottenute tramite le ricerche sui MdR● Il 79% del campione ritiene che le aziende posizionate ai primiposti sui motori di ricerca siano leader di quel settore
  • 53. www.marcomosti.itPosizionamento sui motori di ricerca (SEO)Il principio alla base della SEO è l’ottimizzazione del sito web affinché imotori di ricerca lo posizionino ai primi posti per determinate keywordritenute strategiche dall’organizzazione.1. Scelta delle keyword strategiche (ad esempio nel caso diun’azienda di abbigliamento saranno il marchio, poi ad esempiojeans, magliette, giubbotti, maglioni, etc. tutte in combinazione conaltre parole chiave come made in Italy, giovane, acquisto, etc.) fino adindividuarne un numero congruo.
  • 54. www.marcomosti.itPosizionamento sui motori di ricerca (SEO)2. Produrre nuovi contenuti o ottimizzare quelli esistenti in funzionedelle parole chiave individuate, senza trascurare la cura del codicesorgente delle pagine del sito web il quale riveste ruolo importantenell’indicizzazione da parte dei motori di ricerca.3. Ottenere link da altri siti web di ottima reputazione e posizione suimotori di ricerca collegando pagine del nostro sito web con pagine dicontenuto correlato sui siti da cui riceviamo link.
  • 55. www.marcomosti.itPosizionamento sui motori di ricerca (SEO)4. Monitorare il posizionamento del nostro sito web nei motori diricerca per le keyword stabilite in partenzaQuesto può essere fatto con vari strumenti manuali o automatizzatisia web sia software, ponendo attenzione al comportamento dei sitiche precedono nel posizionamento al fine di tratte spunti perl’ottimizzazione.
  • 56. www.marcomosti.itWeb advertisingL’acquisto di pubblicità su internet presenta varie possibilità.● SEM (Search Engine Marketing), Google è leader di mercato● Display advertising (banner, insterstitial, pop-up/under/over e filmati)● acquisto di spazi pubblicitari su newsletter o intere campagne DEM(Direct E-Mailing)● pubblicità (apparentemente desuete, ma per alcuni settori ancoramolto interessanti) in newsgroup, mailing lists, chat e forum.
  • 57. www.marcomosti.itWeb advertisingPer i primi passi in questo ambito suggerisco due linee di azione:● campagna di Google Adwords: utile affidarsi a un’agenzia conesperienza per gestire le prime campagne, stabilendo un budgetiniziale contenuto e destinato a essere aumentato in funzione deirisultati; importante sapere che abilitando una funzione specifica,Google permette di inserire la pubblicità oltre che nei risultatidella ricerca anche nella “Rete dei contenuti” costituita da sitiweb affiliati che accettano di inserire pubblicità contestualizzata;
  • 58. www.marcomosti.itWeb advertising● ricerca di siti web in cui inserire banner: partendo dai siti delsettore verificare quali accettano pubblicità, costi e modalità; sitrovano spesso in ambito B2B communities verticali moltointeressanti.Non sono da dimenticare i social media (Facebook per il B2C, Linkedinper il B2B, altre communities verticali), tuttavia questi possono essereimpiegati utilmente in una strategia avanzata da organizzazioni conesperienza e budget disponibile per il web marketing.
  • 59. www.marcomosti.itWeb advertising – Modalità di tariffazione● costo per impression (CPI) o costo per 1.000 impression (CPM): sipaga ogni volta che l’annuncio viene visualizzato;● costo per click (CPC): si paga ogni volta che l’annuncio vienecliccato; è la modalità più diffusa al momento (Google Adwords);● costo per azione (CPA): nei network di affiliazione il collegamentotra annuncio e sito web cliente permette di definire costo per lead(CPL) ovvero per potenziale contatto generato dall’annuncio, costoper sell (CPS) ovvero per ogni vendita generata dall’annuncio, o altri.
  • 60. www.marcomosti.itWeb advertising – Modalità di tariffazioneInfine è possibile acquistare sponsorizzazioni flat (1 giorno, 1 settimana,1 mese, 3 mesi, 6 mesi, etc.) o a tempo (dalle 7:00 alle 9:00, etc.) suiportali o pagare per singolo iscritto delle mailing list (DEM).
  • 61. www.marcomosti.itEmail marketingL’e-mail marketing è uno strumento fondamentale di tipo push dellastrategia di marketing web. Ciascuno per lavoro e per svago possiedeuno o più indirizzi di posta elettronica che consulta con frequenza.Anche se il progresso dei social network appare inarrestabile, i lorostrumenti di messaggistica interna al momento riescono solo adaffiancarsi alle caselle di posta tradizionali senza riuscire a sostituirle;a tal proposito si pensi alle e-mail con dominio facebook.com messe incampo dal più famoso social network, ma ancora relativamente pocodiffuse fra il pubblico italiano.
  • 62. www.marcomosti.itEmail marketing – Step operativiCreazione e manutenzione del database di contattiFondamentale avere un proprio database di contatti che può esserecreato partendo dagli indirizzi e-mail dei clienti e dei potenziali tali,elenchi di visitatori del nostro stand in fiera, indirizzi e-mail provenientidal customer care, iscritti al sito web, etc.Tale indirizzario andrà tenuto costantemente aggiornato per nonincorrere in problemi nel recapito dei messaggi o di gestione dellaprivacy.
  • 63. www.marcomosti.itEmail marketing – Step operativiCreazione e manutenzione del database di contattiFatta una prima raccolta di indirizzi dalle varie fonti interne all’aziendaper incrementare rapidamente di un numero significativo di contatti ildatabase marketing si possono utilizzare varie strategie, ad es;● creazione di contenuti free di elevato interesse che siano residisponibili sul sito web dell’organizzazione previa registrazione● lead generation attraverso campagne di advertising (Google Adwordsin primis) e landing page ad hoc sul sito web.
  • 64. www.marcomosti.itEmail marketing – Step operativiCreazione del messaggio e-mailDeve avere oggetto, grafica e contenuto tali da:● superare il filtro sul mittente/oggetto, primo criterio usato dall’utenteper decidere l’apertura e lettura dell’email● incentivare la lettura del messaggio● indirizzare l’utente al click sul link (o all’azione prevista)● incentivare l’inoltro e la condivisione sui social del contenuto
  • 65. www.marcomosti.itEmail marketing – Step operativiInvio della campagnaLa deliverability delle e-mail sta diventando un fattore sempre più criticoe lo è maggiormente al crescere delle e-mail inviate per campagna:● < 100-200: inviare con i tradizionali client di posta in bcc● < 1000-5000: inviare con software (anche free) installabili o serviziweb che non curano la deliverability dei messaggi,● > 5000: fondamentale curare la deliverability delle e-mail con serviziprofessionali web-based ad hoc
  • 66. www.marcomosti.itEmail marketing – Step operativiTrascurare questo aspetto, congiuntamente alla mancata pulizia eaggiornamento delle liste di contatti, modificando o cancellando coloro iquali lo richiedono espressamente, può comportare gravi conseguenzefino alla messa in blacklist di tutti i nostri messaggi di posta elettronica.
  • 67. www.marcomosti.itEmail marketing – Step operativiTracciatura e ritorniNecessario effettuare test, misurare i ritorni delle campagne e-mail per● migliorare i risultati in termini di aperture dei messaggi e click sui link,● verificare che la lista stia sostenendo bene la frequenza/contenuto deinostri messaggi● comprendere quali tematiche trattate siano di maggior interesse perciascun utente e di conseguenza profilare i contatti, etc.
  • 68. www.marcomosti.itSocial Media MarketingA a livello mondiale vi sono moltissimi siti e applicazioni social, tuttaviaper la maggior parte delle aziende italiane i primi “luoghi” dafrequentare sono sicuramente: Facebook, Twitter, Linkedin e Youtube,ai quali si possono affiancare in un’analisi dettagliata del singolobusiness/prodotto altri luoghi interessanti per communities verticali.
  • 69. www.marcomosti.itSocial Media MarketingFacebook: è il social network più diffuso in Italia (circa 24 milioni diprofili, oltre il 60% dei navigatori). Vi si trovano persone di tutte le età eprofessioni, che sono sul social principalmente per conoscenza, amiciziae svago, quindi anche propensi a interagire con i marchi, a riceverenotizie e condivisioni di argomenti del settore e a visualizzareinformazioni commerciali e pubblicitarie su prodotti utili per il lorotempo libero. Il primo passo per un’azienda è creare una pagina fan,mantenerla piena di contenuti interessanti e impostare una strategia dicrescita dei “Mi piace” e delle condivisioni di post.
  • 70. www.marcomosti.itSocial Media MarketingTwitter: a giugno 2012 si attestava a 3,6 milioni di utenti in Italia (in nettacrescita +111%), si tratta di una piattaforma di condivisione di brevimessaggi (160 caratteri) utile per dare frequenti e rapidi aggiornamenti,flash e pensieri, lo dice lo stesso nome del social network, percinguettare; nella lista delle priorità di avvio della strategia social loconsiglio solo in specifici settori, tenendo conto del dispendio di tempoper tenerlo aggiornato con contenuti realmente interessanti che sianocondivisi dai followers.
  • 71. www.marcomosti.itSocial Media MarketingLinkedin: a giugno 2012 si attestava sui 2,85 milioni di utenti in Italia(+55,3%), attualmente rappresenta il social leader a livello business nelnostro paese; ampiamente impiegato nelle strategie social sia per ilpersonal branding (del libero professionista, dell’imprenditore o di figurechiave dell’organizzazione) che tramite le pagine aziendali; da nontrascurare i gruppi che offrono la possibilità di creare communitiesverticali di ambito B2B.
  • 72. www.marcomosti.itSocial Media MarketingYoutube: l’appetibilità e la viralità dei video sono difficilmenteeguagliabili da altri contenuti, l’account Youtube è utile:● per essere usato direttamente come luogo di interazione con gliutenti (che però all’interno della piattaforma difficilmente si iscrivonoai canali video)● come luogo uploadare contenuti per la condivisione altri social
  • 73. www.marcomosti.itSocial Media MarketingDa non trascurare l’ipotesi di brevi video amatoriali (su questo in Italiaha fatto scuola Fiorello con i video di rassegna stampa mattutinadall’edicola sotto casa), o far produrre contenuti agli utenti, tenendoinfine in considerazione che oggi il costo di produzione di videoprofessionali si è molto abbattuto rispetto a 5-10 anni fa.
  • 74. www.marcomosti.itWeb AnalyticsLa web analytics è trasversale a tutti gli strumenti di marketing edovrebbe essere inserita sia nella fase iniziale del processo dipianificazione strategica visto in precedenza che durante ciascuna fasedella strategia al fine di monitorare e l’implementare eventuali correzioniche consentano il raggiungimento degli obiettivi.Ciascuno degli strumenti fin qui visti ha sistemi propri (come Facebook) odi terza parte (come Twitter o Wordpress) per l’analytics, mi limito acitare Google Analytics che è un ottimo strumento di facile utilizzo per lestatistiche di siti e blog.
  • 75. www.marcomosti.itWeb Analytics – Metriche per il sito web● visite totali e visitatori unici: stima dell’andamento del traffico● contenuti con maggiori visite (valori assoluti di gradimento,indici di stagionalità, eventi eccezionali)● referral che hanno portato maggiore traffico● quale e quanto traffico dai social network e dalle campagneGoogle Adwords● raggiungimento di Actions obiettivo (iscrizione a newsletter,richiesta informazioni, acquisto su e-commerce, etc.)
  • 76. www.marcomosti.itWeb Analytics – Metriche per le campagne di ADV● andamento delle performance di ciascuna campagna e all’internodella campagna di ciascun sito che contiene gli annunci● parole chiave maggiormente performanti su ciascun portale● formati di inserzione con i migliori risultati● periodo di esposizione dei banner con i migliori risultati
  • 77. www.marcomosti.itWeb Analytics – Metriche per l’email marketing● tasso di crescita della lista di invio (al netto delle cancellazioni)● email inviate, e-mail con ritorni di errore (bouncebacks), e-mail aperte,click sui link● performance delle singole campagne, contenuti e link all’interno dellacampagna
  • 78. www.marcomosti.itWeb Analytics – Metriche per l’email marketing● fan, followers, mi piace, etc.● numero di condivisioni di ciascun contenuto pubblicato● installazione e uso di applicazioni● azioni dirette su social o prodotte dai social sul sito webdell’organizzazione (richiesta informazioni, acquisto, etc.)
  • 79. www.marcomosti.itRiassumendo● SEO: i MdR, posizionamento (scelta KW, ottimizzazione contenuti,linking, monitoraggio)● Web advertising: tipi di pubblicità, primi passi, modalità di tariffazione● Email marketing: database dei contatti, creazione del messaggio, inviodella campagna, tracciatura ritorni,● Social media marketing: Facebook, Twitter, Linkedin, Youtube● Web analytics: metriche per sito web, adv, email marketing
  • 80. Riassumendo
  • 81. www.marcomosti.itOutline1. Opportunità offerte dalle nuove tecnologie2. Strategia di web marketing3. Contenuti4. Strumenti disponibili in rete. Come usarli?
  • 82. www.marcomosti.itRiassumendo - Opprtunità● Target raggiungibile elevato● Segmentazione (da one-to-many a one-to-one)● Contestualizzazione (tempo e luogo) della comunicazione● Budget iniziale richiesto inferiore ai media tradizionali● Opportunità di monitoraggio offerte dagli strumenti di analytics● Due criticità da cui guardarsi
  • 83. www.marcomosti.itRiassumendo - Strategia● Definire gli obiettivi● Ascoltare● Definire il budgetPrima di iniziare occorre ancora:● pianificare e produrre contenuti per il web (testi, video, foto, etc.)● scegliere gli strumenti da utilizzare (Search Engine Optimization,Advertising, Email Marketing, Social Media) e il loro mix
  • 84. www.marcomosti.itRiassumendo - Contenuti● Necessità di lavorare sui contenuti● Sito, blog e pagine sociali da curare attentamente● Caratteristiche di siti e blog per il web marketing● Caratteristiche di una buona gestione dei contenuti: pianificare,preparare in anticipo, variare, essere tempestivi, stupire, rendere virali
  • 85. www.marcomosti.itRiassumendo - Strumenti● SEO: i MdR, posizionamento (scelta KW, ottimizzazione contenuti,linking, monitoraggio)● Web advertising: tipi di pubblicità, primi passi, modalità di tariffazione● Email marketing: database dei contatti, creazione del messaggio, inviodella campagna, tracciatura ritorni,● Social media marketing: Facebook, Twitter, Linkedin, Youtube● Web analytics: metriche per sito web, adv, email marketing
  • 86. www.marcomosti.itStrategia di web marketingwww.marcomosti.it
  • 87. Grazie perl’attenzione!Marco Mostiscrivimi@marcomosti.ithttp://it.linkedin.com/in/marcomosti/