Le Risorse Umane “digitali” nella
Pubblica Amministrazione
Il percorso di rinnovamento della Pubblica
Amministrazione ital...
Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione
Lo Status Quo dell’Organizzazione della PA
la sproporzione oggi...
Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione
Il percorso da seguire è in prima battuta quello delle trasform...
Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione
Il concorso pubblico elettronico
Prima di passare alla individu...
Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione
Ma l’orizzonte evolutivo è lungi dall’essere completo soprattut...
Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione
dal lato istituzionale invece appare necessario e sicuramente f...
Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione
Le Risorse Umane “Digitali”
la digitalizzazione impone revision...
Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione
La Legge 241/1990 si reimposta in tutti i processi lavorativi a...
Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione
• Giurista dei Sistemi informatici Pubblici
• Analista della Co...
Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione
Gli elementi da analizzare schematicamente e se vogliamo
“tradi...
Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione
Giurista dei Sistemi Informatici Pubblici
I Requisiti culturali...
Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione
Analista della Contabilità e della Finanza Pubblica telematica
...
Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione
La figura del Funzionario Contabile ne esce completamente trasf...
Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione
le funzioni di Audit economico-finanziario rappresentano le con...
Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione
Esperto del Personale e dell’Organizzazione digitale
Il rinnovo...
Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione
In ordine all’allocazione ed utilizzo delle risorse umane nonch...
Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione
piattaforme di e-learning: il Responsabile deve mantenersi all’...
Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione
Esperto per la Comunicazione Pubblica elettronica
Il Responsabi...
Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione
Esperto del Coordinamento E-Government
La rappresentazione di t...
Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione
Le funzioni del Responsabile si inseriscono nel quadro della co...
Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione
Il “Vigile Digitale”
Come si sa le funzioni di Polizia Locale n...
Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione
Dal lato dell’utenza è possibile pagare le multe on line con le...
Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione
La tecnologia porta la pubblica amministrazione al di fuori del...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione

917 views
859 views

Published on

Published in: Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
917
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
5
Actions
Shares
0
Downloads
6
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione

  1. 1. Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione Il percorso di rinnovamento della Pubblica Amministrazione italiana passa attraverso la revisione degli assetti organizzativi e la nuova mappatura delle professionalità. La digitalizzazione delle procedure importa per i differenti Settori della P.A. esigenze di revisione delle capacità del Personale soprattutto in relazione alle tematiche della sicurezza informatica e della privacy. Avv. Giampaolo Teodori
  2. 2. Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione Lo Status Quo dell’Organizzazione della PA la sproporzione oggi esistente in Italia tra il grado di sviluppo delle tecnologie informatiche e della comunicazione nella società civile e lo sviluppo informatico e telematico della Pubblica Amministrazione La velocità del progresso tecnologico e le recenti politiche di tagli della spesa pubblica e del Personale hanno completato il percorso fino alla linea di arrivo dell’attualità ove l’Amministrazione Pubblica e la Politica, che ne regge le sorti, lungi dall’essere volàno dello sviluppo dell’economia e della società si trasforma mefistofelicamente e viene percepita oggettivamente come tale, in nemica del cittadino e fossòre dell’impresa. A tutto questo è necessario porre dei rimedi immediati che partano necessariamente da un rinnovamento politico, ma dal lato istituzionale, che è quello che qui interessa, si ritiene necessario ripartire da chi l’amministrazione la fa e cioè dai Lavoratori Pubblici.
  3. 3. Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione Il percorso da seguire è in prima battuta quello delle trasformazioni degli assetti organizzativi con relazione allo sviluppo delle nuove tecnologie, in secondo luogo la volontà di rinnovare le piattaforme programmatiche per quello che concerne il reclutamento e la riqualificazione del Personale, infine la definizione di nuove professionalità che tengano conto di nuove esigenze di cui il Sistema Pubblico si deve far carico rispetto al “vivere civile telematico”. l’evoluzione digitale 1.0 che ha caratterizzato il primo decennio del 2000 ha prodotto comunque i suoi frutti sostanziali in termini di modificazioni degli assetti organizzativi. Ciò non è avvenuto in un’ottica di programmazione che mettesse a braccetto evoluzione informatica e dotazioni organiche ma in un’ottica emergenziale e di pura sopravvivenza amministrativa legata alla scarsezza delle risorse economiche e al divieto di nuove assunzioni
  4. 4. Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione Il concorso pubblico elettronico Prima di passare alla individuazione di modelli di professionalità innovativa risulta necessario, anche sulla base delle esperienze redazionali e gestionali dello scrivente, volgere lo sguardo al tema connesso dell’evoluzione digitale delle procedure selettive Il tema del concorso pubblico elettronico e quindi delle possibilità di gestione di procedure selettive attraverso gli strumenti elettronici ha trovato in Italia sviluppi sia dal lato normativo che dal lato operativo della concreta gestione delle relative attività amministrative. L’attenzione è stata appuntata per l’intero sulla virtualizzazione dell’attività documentale inerente le procedure e quindi pubblicazione on line dei bandi e delle notizie e comunicazioni inerenti il concorso, domande on line di partecipazione, gestione delle selezioni attraverso strumenti informatici.
  5. 5. Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione Ma l’orizzonte evolutivo è lungi dall’essere completo soprattutto per quello che riguarda le possibilità gestionali on line delle selezioni vere e proprie sulle quali non è stato in pratica possibile intervenire Una frontiera accessibile resta quello della valutazione on line algoritmica di titoli oggettivamente quantificabili: ciò in particolare per limitare la numerosità dei candidati alle prove selettive vere e proprie Passi in avanti possono essere fatti per velocizzare le operazioni concorsuali, come ad esempio riconoscimenti dei candidati all’ingresso attraverso la lettura di codici a barre contenenti i dati delle iscrizioni oppure dirette streaming delle operazioni di correzione delle prove a test attraverso i relativi sistemi informatici di lettura ottica e dazione dei risultati di prova e graduatoria, nella fase successiva alla prova, gli accessi agli atti on line personali alle prove di concorso; ma nulla ancora che possa sostituire con garanzia di certezza del procedimento le prove su carta con le matite copiative.
  6. 6. Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione dal lato istituzionale invece appare necessario e sicuramente fattibile, alla luce delle normative che rendono valore legale alla pubblicità su Siti internet delle Amministrazioni, procedere alla centralizzazione delle pubblicazioni on line sui concorsi, anche attraverso la realizzazione di vere e proprie centrali di committenza concorsuali sul modello dei portali degli appalti a livello nazionale e regionali (es. Consip e Intercent). La revisione del sistema delle Scuole della Pa attraverso il recente D.P.R. 16 aprile 2013, n. 70 ha modellato un sistema di questo genere per le Amministrazioni centrali; lo stesso potrebbe avvenire a livello territoriale attraverso la funzione Regionale od Enti di coordinamento Stato – Autonomie.
  7. 7. Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione Le Risorse Umane “Digitali” la digitalizzazione impone revisione nel senso di standard professionali che non contemplino esclusivamente e banalmente livelli base di conoscenze informatiche (così come previsto sin dal 2001 all’art. 37 del D.Lgs. 165/2001) ma ricomprendano • capacità di compulsare, gestire, monitorare procedimenti elettronici; • capacità di interoperare e di interfacciare con gli altri Settori interni e con altre amministrazioni a livello sistemico con le differenziazioni procedimentali sottese ad ogni tipologia di funzione; • capacità di interpretazione delle dialettiche tra il diritto amministrativo in genere e lo strumento informatico a seconda delle funzioni svolte con la realizzazione ad esempio di contabilità pubblica digitale, di servizio Legale informatizzato, di funzioni di polizia locale innovative; • capacità di utilizzo di strumenti “specializzati” quali ad esempio per le funzioni di polizia palmari di verbalizzazione e riscossione multe, per le funzioni dell’urbanistica sistemi di georeferenziazione e di controlli di abusi; • capacità per i Lavoratori in contatto con il Pubblico di relazionarsi con gli strumenti di comunicazione informatici secondo standard che prevedano la massima soddisfazione dell’utenza attraverso i Siti e le comunicazioni ad hoc come previsto; • capacità di interpretare digitalmente i nuovi canoni di performance e valutazione di cui al D.Lgs n. 150/2009 sia dal lato del valutatore che del valutato.
  8. 8. Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione La Legge 241/1990 si reimposta in tutti i processi lavorativi a livello elettronico attraverso la norma di cui all’art. 3 bis e fa dello strumento digitale non un accessorio a servizio del procedimento ma esso stesso la consustanziazione del procedimento: l’informatica si fa essa stessa procedimento E’ questa la base per avviare l’Amministrazione Pubblica 2.0: la PA è fatta di persone che devono essere in grado di lavorare sulle nuove tecnologie. Le caratterizzazioni e le tipizzazioni che seguono costituiscono paradigmi generali di professionalità settoriali di base, fungibili in ogni amministrazione.
  9. 9. Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione • Giurista dei Sistemi informatici Pubblici • Analista della Contabilità e della Finanza Pubblica telematica • Esperto del Personale e dell’Organizzazione Digitale • Esperto per la Comunicazione Pubblica elettronica • Esperto del Coordinamento E-Government Queste sono le categorie “matrice” Si analizzeranno le loro caratterizzazioni sulla base delle più recenti innovazioni tecnologiche e delle funzioni attribuite dai provvedimenti più recenti in uno con i necessari requisiti a livello culturale.
  10. 10. Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione Gli elementi da analizzare schematicamente e se vogliamo “tradizionalmente” secondo i modelli da sempre contenuti negli Ordinamenti delle Professionalità delle PP.AA. sono pertanto • Requisiti • Capacità e professionalità • Ruoli • Mansioni
  11. 11. Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione Giurista dei Sistemi Informatici Pubblici I Requisiti culturali del Giurista della PA devono pertanto partire dalle conoscenze tradizionali del diritto amministrativo nella sua parte generale, ma vanno riletti completamente nella parte applicativa ove gli atti sono retti normativamente tutti dall’informatica e la telematica. L’Università non acquisisce ancora nei corsi di studi questi elementi totalmente destrutturanti il diritto amministrativo tradizionale Le capacità si sostanziano fondamentalmente nella capacità interpretativa di intersezione del diritto amministrativo con i processi informatici Il rilievo dell’ottemperanza alle norme a tutela della privacy è centrale nel know how del Funzionario giuridico-informatico
  12. 12. Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione Analista della Contabilità e della Finanza Pubblica telematica La Contabilità pubblica ha conosciuto trasformazioni che sono andate di pari passo con l’evoluzione tecnologica e che l’hanno vista trasformarsi da mero strumento di gestione a strumento per l’accountability, concetto questo che contiene in sé il principio dell’amministrazione di risultato, basata su strumenti e sistemi che monitorano l’andamento della spesa rispetto agli strumenti programmatici/strategici e che normativamente è stata realizzata a partire dal D.lgs. 286/1999. Programmazione, controllo, gestione, rendicontazione, quindi, sia dall’interno che dall’esterno attraverso strumenti informatici che possono fungere da garanzia del controllo verticale Stato-Autonomie, come avviene nei sistemi SICO per il Personale Pubblico e SICOGE per la gestione integrata della contabilità economica e finanziaria.
  13. 13. Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione La figura del Funzionario Contabile ne esce completamente trasformata ed a tutti i livelli centrali e locali necessita di capacità informatiche gestionali. Questo in relazione alle nuove norme che si sono affastellate negli ultimi anni e che hanno visto il debutto per quanto riguarda i pagamenti del mandato informatico, della fatturazione on line che a partire dal 2013 con il d.m.e.f. n. 55 ha imposto la necessità di adeguare infrastrutture informatiche, sistemi contabili e procedure interne per la ricezione e la contabilizzazione dei flussi elettronici, nonché la conservazione sostitutiva degli atti di spesa (mandati, ordini di accreditamento, ordini di pagamento, decreti di impegno etc.).
  14. 14. Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione le funzioni di Audit economico-finanziario rappresentano le condizioni per la garanzia di qualità della Pubblica Amministrazione poiché la pongono dinanzi all’oggettività del rapporto mezzi economici-finalità: sotto tale punto di vista allora la competenza dell’Analista deve estendersi ai campi della gestione del personale in termini di performances, procedure ad evidenza pubblica per l’affidamento all’esterno, meccanismi di gestione e rendicontazione di fondi nazionali e comunitari, sostegno agli organi di revisione contabile.
  15. 15. Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione Esperto del Personale e dell’Organizzazione digitale Il rinnovo delle competenze in senso digitale permea ogni aspetto di questa Professionalità: la valutazione della performance organizzativa ed individuale si sostanzia attraverso degli indicatori che assumono il rilievo dell’oggettività attraverso la parametrazione di sistemi informatici che: • misurano gli obiettivi operativi per attività e indicatori con sistemi di pesatura • associano e pesano gli obiettivi operativi a dipartimenti, settori e al programma di governo; • procedono alla storicizzazione delle misurazioni dell’obiettivo operativo e dei target trimestrali; • producono Report per obiettivi individuali, obiettivi strategici annuali e trimestrali e risultati ottenuti;
  16. 16. Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione In ordine all’allocazione ed utilizzo delle risorse umane nonché alla mobilità assume ruolo centrale il fascicolo personale del dipendente. Questo strumento, attivato in forma elettronica, costituisce uno strumento essenziale del policy making nella PA poiché in esso è possibile definire, al di là degli aspetti di ordinaria amministrazione legata ad assenze-presenze e stato di servizio in generale, lo skill professionale-esperienziale del Dipendente. Il ruolo del Responsabile “digitale” delle R.U. assume particolare rilievo nella parametrazione dei bandi della mobilità e nella corrispondente individuazione dei parametri di funzionamento dei sistemi informatici di valutazione dei titoli in uno con l’esercizio “tradizionale” della discrezionalità tecnica.
  17. 17. Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione piattaforme di e-learning: il Responsabile deve mantenersi all’avanguardia sia riguardo agli strumenti che riguardo ai contenuti attraverso capacità inerenti l’informatica e i programmi formativi più evoluti. Un capitolo nuovo attiene alle relazioni sindacali ed ai rapporti Datore di lavoro-Dipendenti in cui gli sviluppi informatici hanno trovato e possono trovare grossi sviluppi. Si pensi alle comunicazioni sindacali on line, alla bacheca sindacale elettronica ed alle possibilità che la tecnologia delle videoconferenze offre in relazione ad istituti “tradizionali”, legati allo Statuto dei lavoratori, come quello dell’Assemblea dei Lavoratori. il Responsabile del Personale deve acquisire consapevolezza delle trasformazioni delle prerogative sindacali e deve altresì porsi il problema delle relazioni tra potere datoriale di controllo e tutela della privacy del Lavoratore.
  18. 18. Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione Esperto per la Comunicazione Pubblica elettronica Il Responsabile della comunicazione diventa l’elemento di raccordo tra i diversi Settori Istituzionali in ordine alla gestione del transito delle informazioni su Internet: esso rappresenta un elemento di coordinamento imprescindibile poiché mantiene le sue funzioni a livello di URP virtuale attraverso prerogative forti di accesso e gestione dei contenuti del sito e di URP reale attraverso la direzione degli sportelli per il cittadino. il ruolo del Responsabile della Comunicazione diventa poliedrico e le sue competenze non possono essere esclusivamente “giornalistiche” come previsto dalla “vecchia” Legge 150: il grado di interazione tra PA e Cittadino sta progressivamente prendendo pieghe evolutive legate alla realizzazione di strumenti di e-democracy e di progetti strategici come le Smart Communities: su di esse si staglia la nuova frontiera collaborativa tra Cittadino e Amministrazione in particolar modo nelle comunità locali. Qui strumenti istituzionali nuovi quali Refendum On Line o Crowdfunding pubblico si associano a nuove possibilità collaborative rese possibili dalle ultime evoluzioni delle telecomunicazioni come quelle delle Apps per la PA.
  19. 19. Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione Esperto del Coordinamento E-Government La rappresentazione di tale figura professionale deriva normativamente dal Decreto Sviluppo bis o Decreto del “fare” n. 170/2012, attraverso l’istituzione delle Direzioni per l’Agenda Digitale, che ne rappresenta i contorni: si tratta di un profilo ad alta strategicità in quanto evoluzione in senso amministrativo-telematico della figura del responsabile del settore informatico. Il nuovo Manager deve poter disporre di uno staff completo di figure che vanno dal semplice manutentore informatico al “Giurista dei Sistemi” visto prima. La conoscenza delle norme sull’evidenza pubblica rappresenta poi un aspetto centrale nella realizzazione di affidamenti esterni che comunque devono rappresentare un’eccezione alla regola: l’amministrazione deve essere in grado di costruire da sola i sistemi in modo da attagliarli alle proprie esigenze e contemporaneamente svilupparli evolutivamente.
  20. 20. Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione Le funzioni del Responsabile si inseriscono nel quadro della collaborazione applicativa dei diversi Settori all’interno dell’Amministrazione, quanto al sistema di gestione documentale, ma soprattutto all’esterno tra Amministrazioni diverse, quanto all’interoperabilità finalizzata alla semplificazione. La sua Struttura è naturalmente di ricerca e sviluppo Altro aspetto che la figura ricomprende in termini di responsabilità è quello inerente la realizzazione dei programmi nazionali ed europei sull’Agenda Digitale. L’alto valore strategico dei due modelli impone conoscenze in ordine alla legislazione europea ed ai criteri ed alle modalità di fruizione dei Fondi Strutturali oltre che ovviamente un’alta capacità di progettazione, che liberi l’Amministrazione anche in tal caso dalla dipendenza da Consulenti esterni
  21. 21. Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione Il “Vigile Digitale” Come si sa le funzioni di Polizia Locale non sono relegate al semplice controllo e sanzione del traffico cittadino ma coinvolgono funzioni legate ai diversi settori dell’amministrazione come quello dell’Edilizia e dell’Urbanistica, dell’Ambiente e dell’Industria e del Commercio. negli ultimi anni le sperimentazioni si sono susseguite a ritmo serrato investendo innanzitutto la funzione sanzionatoria attraverso l’utilizzo dei palmari per la produzione in remoto dei verbali di contravvenzione. Il verbale e la relativa notifica rappresentano la parte finale del procedimento sanzionatorio: il palmare, con le sue funzioni, diventa “parte” del procedimento che si attua in remoto restando intatta l’evidenza pubblica. Le sue funzioni di salvataggio in remoto sostituiscono poi la fase tradizionale dell’archiviazione dell’atto
  22. 22. Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione Dal lato dell’utenza è possibile pagare le multe on line con le carte di credito attraverso i portali dell’amministrazione oppure direttamente al funzionario verbalizzante dotato di pos L’estensione delle funzioni della Polizia Locale portano ad utilizzi della tecnologia informatica anche dal lato dell’accertamento: in particolare dal lato dell’urbanistica attraverso i sistemi GIS è possibile per il Funzionario accertare ad esempio abusi edilizi, discariche abusive, oppure situazioni di pericolosità stradale: ciò anche attraverso sistemi Open data collaborativi con il cittadino che può segnalare lui stesso tali situazioni anche attraverso app dedicate su smartphone. Sistemi collaborativi sono realizzabili sulla base dei rilevamenti del traffico e per la prevenzione del crimine mutuata con le altre forze di polizia.
  23. 23. Le Risorse Umane “digitali” nella Pubblica Amministrazione La tecnologia porta la pubblica amministrazione al di fuori del suo tradizionale luogo fisico: la funzione di polizia per lo svolgersi prettamente fuori dalle mura del Comune rappresenta per definizione una funzione telelavorabile, che con l’ausilio della tecnologia si priva delle sue pastoie procedurali, partecipando di converso ad una maggiore efficacia dell’azione amministrativa.

×