Marco Gaiani a SCE 2012
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Marco Gaiani a SCE 2012

on

  • 561 views

 

Statistics

Views

Total Views
561
Views on SlideShare
561
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
14
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Marco Gaiani a SCE 2012 Marco Gaiani a SCE 2012 Presentation Transcript

    • Intervento di Marco Gaiani Al convegno [co.06] Tecnologie della comunicazione e beni culturali nella città intelligenteDi Martedì 30 ottobre 2012 Consulta il programma di SCE2012
    • `çåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=ãçåìãÉåí~äá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá= ÅçãéäÉëëá==Marco GaianiDipartimento di ArchitetturaTecnologie della comunicazione e beni culturali nella città intelligente /Communication technologies and cultural heritage in the smart cityPanel at Smart City Exhibition 2012Fiera di Bologna - SALA SMART CITY - 30 Ottobre 2012
    • ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=Concetti ispiratori!«Cities are systems of systems, and that there are emerging opportunities tointroduce digital nervous systems, intelligent responsiveness, andoptimization at every level of system integration…..Furthermore, through cross-communication among digital nervous systems …it becomes possible to coordinate the operation of different systems toachieve significant efficiencies and sustainability benefits»William J. Mitchell – Smart cities, 2002
    • ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=Concetti ispiratori!«Il principio fondamentale del nostro design è che dobbiamo rendere le coseintuitivamente evidenti»!….!«La gente sa intuitivamente come comportarsi con una scrivania. ….Il motivoper cui abbiamo modellato i nostri computer su metafore come quella deldesktop è che facciamo leva su un’esperienza che la gente ha già»!!Steve Jobs!!
    • ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=Il tema> La comunicazione e fruizione di un complesso monumentale o archeologico di vaste dimensioni è oggigiorno un processo articolato ricompreso entro l’intero lifecycle del complesso e che ne comprende §  conoscenza §  conservazione §  gestione §  comunicazione §  fruizione
    • ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=Tema - Questioni centrali> Il lavoro su un complesso archeologico o monumentale si basa su una collaborazione continua tra archeologi, architetti, studiosi, restauratori, gestori e specialisti e un crescente grado di automazione> Necessità di una piattaforma basata su un Sistema Informativo integrato capace di permettere un reale lavoro collaborativo
    • ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=Formazione di sistemi informativi per patrimonio architettonico e archeologicoQuestioni centrali §  una classificazione del materiale che ne permetta il ritrovamento e la fruizione §  una modalità di descrizione fedele dell’oggetto Soluzioni ricorrenti Metadati! Schedatura con foto!
    • ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=Modalità di descrizione fedele dell’oggettoTipologia dell’informazione Oggetti Sistema documentale 3D 1D 2D 3D Sistema conoscitivo 1D 2D 3D
    • ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá= Restituzione dell’informazione - Tipologia delle interrogazioni 1D 2D à 1D, 2D, 3D 3D 1D à 1D Sistemi general purpose Google search engine basato sul page rankingFocus archivi visuali!
    • ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá= Visualizzazione dell’informazione – tecniche di visualizzazione! Abraham Moles (Versus, 1972) ! Facendo ricorso a forme descrittive di livello d’iconicità più basso rispetto all’originale ! §  la quantità delle informazioni relativa aumenta a dismisura ! §  granularità dell’informazione cala!9
    • ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=Trasferimento dell’informazioneElemento di maggior importanzaPossibilità di averne una visione tridimensionalePalladio 500 anni Musée des Monuments français
    • ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá= Soluzione per i sistemi architettonici e archeologici complessi Sviluppo di un framework per costruire sistemi informativi basati su modelli 3D > Ipotesi di lavoro a.  modelli 3D digitali RTR come restituzione del reale e come metafora dell’oggetto rilevato per la navigazione attraverso i dati;11 b.  modelli come sistema conoscitivo architettonico (struttura semantica) c.  medesima base dati per ogni tipo di utenza (gestione del patrimonio, studio scientifico, turismo, ecc.) d.  content retargeting per redistribuire i dati con profili personalizzati o su dispositivi plurimi
    • ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=Soluzione per il patrimonio - Sistemi informativi progettati e realizzati ! 1997 1999 2001 2003Andrea Palladio Le Ville L’atrio di Pomposa La via Appia antica La Sala delle Cariatidi archeologia e restauro a Palazzo Reale ! ! ! 2008 2010 2012 2013 Andrea Palladio 3D Pompei 3D GIS PalladioLIBRARY Progetto Hermete Geodatabase
    • ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=ANDREA PALLADIO. LE VILLE (1997) - Strutturazione di un sistema informativoCollaborazione Università degli studi di Ferrrara - MIT School of Architecture Dimensione Navigazione documentale nel tempo Dimensione Navigazione narrativa nello spazio
    • ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=ANDREA PALLADIO. LE VILLE (1997) - Strutturazione di un sistema informativoStrumenti di interrogazione Ricerca Strumenti di sistematica analisi spaziale Ricerca guidata Strumenti di analisi comparativa
    • ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=LA VIA APPIA ANTICA ARCHEOLOGIA E RESTAURO (2001)Sistema 3D GIS web-based capace di restituire lato client informazioni 3D, 2D e testualitramite interrogazione strutturata, navigazione e visualizzazione dell’analisi per il restauro!
    • ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=LA VIA APPIA ANTICA ARCHEOLOGIA E RESTAURO (2001)
    • ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=LA SALA DELLE CARIATIDI A PALAZZO REALE A MILANO (2003)Progetto di restauro virtuale Stato di fatto 2002! ! Gli intonaci, gli stucchi e le decorazioni sono rovinati!I bombardamenti del 15 agosto 1943! !! Gran parte delle statue èLa volta crolla e la balconata è completamentegravemente mutilata!distrutta! Lavoro del Piermarini nel 1776!
    • ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=LA SALA DELLE CARIATIDI A PALAZZO REALE A MILANO (2003)Cantiere di restauro virtuale
    • ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=ANDREA PALLADIO 3D GEODATABASE (2008)!In collaborazione con Centro Internazionale di studi di Architettura Andrea Palladio diVicenza!> Scopo §  fornire un baricentro per il turismo culturale palladiano> Web geo-database §  tridimensionale §  basato su Google Earth §  a partire da dati scientifici §  con finalità valorizzazione in termini di accessibilità – fisica e intellettuale – del patrimonio palladiano
    • ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=ANDREA PALLADIO 3D GEODATABASE (2008)!Installazione a Villa Poiana e Balazzo Barbaran Interazione - Nintendo WII
    • ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=ANDREA PALLADIO 3D GEODATABASE (2008)!
    • ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=Il modello critico Sistema Informativo Unificato della Soprintendenza Speciale peri Beni Archeologici di Napoli e Pompei (2007-2009)> Il progetto integra tre differenti prospettive come approccio metodologico comune: §  Gestione dei siti: SANP §  Sistema informativo archeologico: Scuola Normale Superiore di Pisa §  Valutazione e rappresentazione dello stato di fatto: Università di BolognaAltri sviluppatori: -  Liberologico S.r.l. -  CINECA -  Fondazione FBK - Trento
    • ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá= Il modello critico SIU - Il Progetto > Creazione di un framework per sviluppare e portare a sistema 3D il Sistema Informativo Unificato della SANP Scopi > Formare un sistema che evolve con l’avanzare della conoscenza, degli studi, delle esigenze conservative, gestionali e disseminative > Gestire un processo: conoscenza, conservazione, gestione, comunicazione, fruizione > Permettere informazioni acquisite e gestite da differenti attori, in diversi momenti e stabili nello spazio-tempoRISORSE PREESISTENTI NUOVA APPLICAZIONEMain Pompeii Information System (IS) ICCD standards
    • ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=IL MODELLO CRITICO SIU - OUTPUTS Output 1! Output 2! Output 3! standard e buone pratiche! modelli 3D esemplificativi! Db per la gestione dei modelli 3D!
    • ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=IL MODELLO CRITICO SIU Output 1 Studio approfondito per definire standard di documentazione sull’acquisizione e sulla formazione dei modelli 3D come sistemi informativi
    • ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=IL MODELLO CRITICO SIU Output 2 Una serie di modelli §  ad alta risoluzione §  navigabili §  capaci di supportare modalità di lettura/ restituzione di specifiche analisi §  fruibili sia in realtà virtuale semi- immersiva che sul Web §  in grado di funzionare come sistema conoscitivo §  riferimento per i futuri modelli di Pompei da dati di rilievo.
    • ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=IL MODELLO CRITICO SIUOutput 3!Database per il data-entry dei modelli 3D !Capace di: §  identificare univocamente reperti e materiali documentari associati (scansioni, fotografie, modelli 3D, …) §  guidare l’utente attraverso i passaggi necessari §  fare il check della rispondenza dei materiali digitali agli standard richiesti
    • ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=GRAZIE PER L’ATTENZIONE!Marco GaianiDipartimento di ArchitetturaAlma Mater Studiorum – Università di Bolognamarco.gaiani@unibo.it