Your SlideShare is downloading. ×
  • Like
Marco Gaiani a SCE 2012
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Now you can save presentations on your phone or tablet

Available for both IPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Marco Gaiani a SCE 2012

  • 322 views
Published

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
322
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
14
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Intervento di Marco Gaiani Al convegno [co.06] Tecnologie della comunicazione e beni culturali nella città intelligenteDi Martedì 30 ottobre 2012 Consulta il programma di SCE2012
  • 2. `çåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=ãçåìãÉåí~äá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá= ÅçãéäÉëëá==Marco GaianiDipartimento di ArchitetturaTecnologie della comunicazione e beni culturali nella città intelligente /Communication technologies and cultural heritage in the smart cityPanel at Smart City Exhibition 2012Fiera di Bologna - SALA SMART CITY - 30 Ottobre 2012
  • 3. ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=Concetti ispiratori!«Cities are systems of systems, and that there are emerging opportunities tointroduce digital nervous systems, intelligent responsiveness, andoptimization at every level of system integration…..Furthermore, through cross-communication among digital nervous systems …it becomes possible to coordinate the operation of different systems toachieve significant efficiencies and sustainability benefits»William J. Mitchell – Smart cities, 2002
  • 4. ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=Concetti ispiratori!«Il principio fondamentale del nostro design è che dobbiamo rendere le coseintuitivamente evidenti»!….!«La gente sa intuitivamente come comportarsi con una scrivania. ….Il motivoper cui abbiamo modellato i nostri computer su metafore come quella deldesktop è che facciamo leva su un’esperienza che la gente ha già»!!Steve Jobs!!
  • 5. ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=Il tema> La comunicazione e fruizione di un complesso monumentale o archeologico di vaste dimensioni è oggigiorno un processo articolato ricompreso entro l’intero lifecycle del complesso e che ne comprende §  conoscenza §  conservazione §  gestione §  comunicazione §  fruizione
  • 6. ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=Tema - Questioni centrali> Il lavoro su un complesso archeologico o monumentale si basa su una collaborazione continua tra archeologi, architetti, studiosi, restauratori, gestori e specialisti e un crescente grado di automazione> Necessità di una piattaforma basata su un Sistema Informativo integrato capace di permettere un reale lavoro collaborativo
  • 7. ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=Formazione di sistemi informativi per patrimonio architettonico e archeologicoQuestioni centrali §  una classificazione del materiale che ne permetta il ritrovamento e la fruizione §  una modalità di descrizione fedele dell’oggetto Soluzioni ricorrenti Metadati! Schedatura con foto!
  • 8. ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=Modalità di descrizione fedele dell’oggettoTipologia dell’informazione Oggetti Sistema documentale 3D 1D 2D 3D Sistema conoscitivo 1D 2D 3D
  • 9. ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá= Restituzione dell’informazione - Tipologia delle interrogazioni 1D 2D à 1D, 2D, 3D 3D 1D à 1D Sistemi general purpose Google search engine basato sul page rankingFocus archivi visuali!
  • 10. ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá= Visualizzazione dell’informazione – tecniche di visualizzazione! Abraham Moles (Versus, 1972) ! Facendo ricorso a forme descrittive di livello d’iconicità più basso rispetto all’originale ! §  la quantità delle informazioni relativa aumenta a dismisura ! §  granularità dell’informazione cala!9
  • 11. ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=Trasferimento dell’informazioneElemento di maggior importanzaPossibilità di averne una visione tridimensionalePalladio 500 anni Musée des Monuments français
  • 12. ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá= Soluzione per i sistemi architettonici e archeologici complessi Sviluppo di un framework per costruire sistemi informativi basati su modelli 3D > Ipotesi di lavoro a.  modelli 3D digitali RTR come restituzione del reale e come metafora dell’oggetto rilevato per la navigazione attraverso i dati;11 b.  modelli come sistema conoscitivo architettonico (struttura semantica) c.  medesima base dati per ogni tipo di utenza (gestione del patrimonio, studio scientifico, turismo, ecc.) d.  content retargeting per redistribuire i dati con profili personalizzati o su dispositivi plurimi
  • 13. ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=Soluzione per il patrimonio - Sistemi informativi progettati e realizzati ! 1997 1999 2001 2003Andrea Palladio Le Ville L’atrio di Pomposa La via Appia antica La Sala delle Cariatidi archeologia e restauro a Palazzo Reale ! ! ! 2008 2010 2012 2013 Andrea Palladio 3D Pompei 3D GIS PalladioLIBRARY Progetto Hermete Geodatabase
  • 14. ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=ANDREA PALLADIO. LE VILLE (1997) - Strutturazione di un sistema informativoCollaborazione Università degli studi di Ferrrara - MIT School of Architecture Dimensione Navigazione documentale nel tempo Dimensione Navigazione narrativa nello spazio
  • 15. ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=ANDREA PALLADIO. LE VILLE (1997) - Strutturazione di un sistema informativoStrumenti di interrogazione Ricerca Strumenti di sistematica analisi spaziale Ricerca guidata Strumenti di analisi comparativa
  • 16. ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=LA VIA APPIA ANTICA ARCHEOLOGIA E RESTAURO (2001)Sistema 3D GIS web-based capace di restituire lato client informazioni 3D, 2D e testualitramite interrogazione strutturata, navigazione e visualizzazione dell’analisi per il restauro!
  • 17. ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=LA VIA APPIA ANTICA ARCHEOLOGIA E RESTAURO (2001)
  • 18. ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=LA SALA DELLE CARIATIDI A PALAZZO REALE A MILANO (2003)Progetto di restauro virtuale Stato di fatto 2002! ! Gli intonaci, gli stucchi e le decorazioni sono rovinati!I bombardamenti del 15 agosto 1943! !! Gran parte delle statue èLa volta crolla e la balconata è completamentegravemente mutilata!distrutta! Lavoro del Piermarini nel 1776!
  • 19. ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=LA SALA DELLE CARIATIDI A PALAZZO REALE A MILANO (2003)Cantiere di restauro virtuale
  • 20. ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=ANDREA PALLADIO 3D GEODATABASE (2008)!In collaborazione con Centro Internazionale di studi di Architettura Andrea Palladio diVicenza!> Scopo §  fornire un baricentro per il turismo culturale palladiano> Web geo-database §  tridimensionale §  basato su Google Earth §  a partire da dati scientifici §  con finalità valorizzazione in termini di accessibilità – fisica e intellettuale – del patrimonio palladiano
  • 21. ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=ANDREA PALLADIO 3D GEODATABASE (2008)!Installazione a Villa Poiana e Balazzo Barbaran Interazione - Nintendo WII
  • 22. ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=ANDREA PALLADIO 3D GEODATABASE (2008)!
  • 23. ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=Il modello critico Sistema Informativo Unificato della Soprintendenza Speciale peri Beni Archeologici di Napoli e Pompei (2007-2009)> Il progetto integra tre differenti prospettive come approccio metodologico comune: §  Gestione dei siti: SANP §  Sistema informativo archeologico: Scuola Normale Superiore di Pisa §  Valutazione e rappresentazione dello stato di fatto: Università di BolognaAltri sviluppatori: -  Liberologico S.r.l. -  CINECA -  Fondazione FBK - Trento
  • 24. ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá= Il modello critico SIU - Il Progetto > Creazione di un framework per sviluppare e portare a sistema 3D il Sistema Informativo Unificato della SANP Scopi > Formare un sistema che evolve con l’avanzare della conoscenza, degli studi, delle esigenze conservative, gestionali e disseminative > Gestire un processo: conoscenza, conservazione, gestione, comunicazione, fruizione > Permettere informazioni acquisite e gestite da differenti attori, in diversi momenti e stabili nello spazio-tempoRISORSE PREESISTENTI NUOVA APPLICAZIONEMain Pompeii Information System (IS) ICCD standards
  • 25. ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=IL MODELLO CRITICO SIU - OUTPUTS Output 1! Output 2! Output 3! standard e buone pratiche! modelli 3D esemplificativi! Db per la gestione dei modelli 3D!
  • 26. ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=IL MODELLO CRITICO SIU Output 1 Studio approfondito per definire standard di documentazione sull’acquisizione e sulla formazione dei modelli 3D come sistemi informativi
  • 27. ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=IL MODELLO CRITICO SIU Output 2 Una serie di modelli §  ad alta risoluzione §  navigabili §  capaci di supportare modalità di lettura/ restituzione di specifiche analisi §  fruibili sia in realtà virtuale semi- immersiva che sul Web §  in grado di funzionare come sistema conoscitivo §  riferimento per i futuri modelli di Pompei da dati di rilievo.
  • 28. ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=IL MODELLO CRITICO SIUOutput 3!Database per il data-entry dei modelli 3D !Capace di: §  identificare univocamente reperti e materiali documentari associati (scansioni, fotografie, modelli 3D, …) §  guidare l’utente attraverso i passaggi necessari §  fare il check della rispondenza dei materiali digitali agli standard richiesti
  • 29. ÅçåëÉêî~êÉI=ÖÉëíáêÉ=É=ÅçãìåáÅ~êÉ= ëáëíÉãá=~êÅÜáíÉííçåáÅá=É=~êÅÜÉçäçÖáÅá=ÅçãéäÉëëá=GRAZIE PER L’ATTENZIONE!Marco GaianiDipartimento di ArchitetturaAlma Mater Studiorum – Università di Bolognamarco.gaiani@unibo.it