Your SlideShare is downloading. ×

La piattaforma acqua

159

Published on

La convenzione delle Alpi - La piattaforma acqua -Water Platform

La convenzione delle Alpi - La piattaforma acqua -Water Platform

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
159
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. LA PIATTAFORMA GESTIONE DELL’ACQUA NELLE ALPIIDROELETTRICO, PIANI DI GESTIONE E RISCHIO ALLUVIONI
  • 2. Serve un Protocollo Acqua?• Art. 2 Convenzione Quadro: “Idroeconomia - al fine di conservare o di ristabilire la qualità naturale delle acque e dei sistemi idrici, in particolare salvaguardandone la qualità, realizzando opere idrauliche compatibili con la natura e sfruttando lenergia idrica in modo da tener parimenti conto degli interessi della popolazione locale e dellinteresse alla conservazione dellambiente.”  idroelettrico al centro dell’attenzione• Mai predisposto un Protocollo Acqua  esigenza di verificarne la necessità o meno (Water Conference di Innsbruck, settembre 2006)• Ad Alpbach (novembre 2006, AC IX), i Ministri Alpini decidono di dedicare la Seconda Relazione sullo Stato delle Alpi all’acqua
  • 3. La RSA IIAnalisi sullo stato dell’arte delle acque alpine: qualitàdell’acqua, quantità, impatti, monitoraggio, idromorfologia,aspetti socio-economici, idroelettrico, rischio idraulico,cambiamenti climatici, normativa vigente, sfide future
  • 4. La RSA II – la gestioneintegrata delle acque
  • 5. La RSA II – ilmonitoraggio
  • 6. La RSA II – le pressioni
  • 7. La RSA II – le conseguenzedei cambiamenti climatici
  • 8. La RSA II - conclusioni• Principali sfide individuate:- la gestione integrata del rischio con particolare riferimento al rischio alluvioni,- il ripristino del buono stato idromorfologico dei corsi d’acqua,- l’adattamento ai cambiamenti climatici• La gestione dell’acqua è già trattata in tutti i Protocolli della Convenzione (in particolare Energia, Pianificazione Territoriale e Sviluppo Sostenibile, Difesa del Suolo) e da uno strumento normativo come la WFD (e il Water Protection Act per CH e FL)• Non è necessario un nuovo Protocollo ad hoc, ma occorre implementare gli strumenti esistenti• La seconda Water Conference alpina (Monaco di Baviera) ha illustrato i risultati
  • 9. Il grande idroelettrico
  • 10. Il piccolo idroelettrico
  • 11. Piccolo idroelettrico vsgrande idroelettrico (1)
  • 12. Piccolo idroelettrico vsgrande idroelettrico (2)
  • 13. Piccolo idroelettrico vsgrande idroelettrico (3)
  • 14. Piccolo idroelettrico – conclusioni (1)Obiettivo: produzione rinnovabili senza danneggiareambiente montano- nuovi impianti ad acqua fluente (con o senza prelievo odeviazione)+ impianti collegati ad altre infrastrutture (multifunzione: integratisu rete di approvvigionamento o su infrastrutture di smaltimentodei reflui o su canali irrigui o su deflussi residuali  nessun impattoulteriore- nuovi impianti su corsi intatti+ riqualificazione degli impianti esistenti e riapertura di quellidismessi+ auto-approvigionamento fuori rete
  • 15. Piccolo idroelettrico – conclusioni (2)In caso di possibile autorizzazione: pre-pianificazione a scalaregionale e analisi singoli casi a livello locale (potenzialeidroelettrico, valore ecologico, habitat, valori paesaggistici, ecc.)
  • 16. I piani di gestione• Durante il 2° mandato è anche stata effettuata una revisione dei Piani di Gestione austriaci, francesi, italiani, svizzeri e tedeschi, prestando attenzione agli “aspetti alpini”• I cambiamenti climatici sono adeguatamente considerati anche se la loro incidenza sulle portate non è sempre analizzata chiaramente; bene i piani italiani• Il monitoraggio è generalmente adeguato, anche se migliorabile in Italia e Francia; poco estesa la rete oltre i 1000 m di quota• La qualità dell’acqua è un problema poco significativo nelle Alpi, ma la continuità morfologica è decisamente carente e solo pochi dei corsi d’acqua potranno raggiungere il “buono stato” entro il 2015• Non è prestata particolare attenzione all’innevamento artificiale
  • 17. I piani di gestione• Le pressioni dovute all’idroelettrico sono elevatissime ed è atteso un incremento del potenziale in Austria, Svizzera e Germania; tutti i Paesi adottano misure atte a garantire il DMV, mentre sull’hydropeaking, 4 dei 5 paesi analizzati prevedono misure strutturali, piuttosto che operative• Lo stato ecologico dei corsi d’acqua alpini:• Corpi idrici fortemente modificati: 20% Francia, 13% Germania, 9,9% Austria, 5,9% Italia
  • 18. La 3^ Water Conference• La 3^ Water Conference alpina si è tenuta in Italia nel 2010 ed è stata preceduta da tre workshop preparatori: - Trento, 29/09/2010: “Il rischio idrogeologico in ambiente alpino” - Torino, 13/10/2010: “I piani di gestione di bacino come strumento di salvaguardia dell’ecosistema montano e delle foreste” - Sondrio, 26/10/2010: “La produzione idroelettrica: aspetti ecologici, economici e sociali” - Venezia, 25-26/11/2010: “L’acqua nelle Alpi – Water in the Alps”
  • 19. HydropeakingIl terzo mandato (2011-2012) è stato dedicato a due tematichespecifiche, sempre connesse alla produzione idroelettrica:hydropeaking e trasporto sedimentario
  • 20. Trasporto sedimentario• Il trasporto sedimentario è rilevante per la gestione integrata delle risorse idriche nella sua totalità:- buono stato idromorfologico: obiettivo di un bilancio sedimentario (pressochè) naturale;- protezione dalle alluvioni: influenza diretta sulle capacità di deflusso e sull’efficacia delle misure protettive;- produzione idroelettrica: sedimentazione dei bacini (1% di volume perso ogni anno)• Principali soluzioni attuate:‐ svuotamento dei bacini,‐ piene artificiali (movimentazione di sedimenti più grandi) ____________• 4^ Water Conference (Monaco, novembre 2012)  rilancio dell’idroelettrico
  • 21. Il nuovo programma di lavoro (1)• Il nuovo mandato della PF Acqua, ora di Presidenza Italiana, è stato approvato durante il 51° CP (Milano, novembre 2012)• Obiettivi generali:‐ piani di adattamento locale ai cambiamenti climatici,‐ valutazione e revisione della normativa in vigore (es. 2007/60/CE)
  • 22. Il nuovo programma di lavoro (2)• Tre workshop tematici:‐ Prevenzione dei rischi idrologici nell’area alpina: il rischio di eventi di piena e la Direttiva Europea 2007/60 (Aosta 03/2013)‐ Piani di adattamento locale ai cambiamenti climatici per la gestione delle acque: esperienze e strategie esistenti (Brescia 11/2013)‐ Gestione fluviale e processi geomorfologici (Lione 04/2014)• 5^ Water Conference, in sinergia con la Presidenza Italiana della UNECE Water Convention (Convenzione sulla Protezione e l’Uso dei Corsi d’Acqua Transfrontalieri e dei Laghi Internazionali della United Nation Economic Commission for Europe)
  • 23. Il funzionamento di una Piattaforma (1)• Gruppi di Lavoro e Piattaforme operano secondo il regolamento del Comitato Permanente, se non regolate diversamente• Ogni Piattaforma ha una Presidenza super partes rappresentata da una delle Parti e delle delegazioni nazionali (composte da uno o più esperti) per ogni Parte Contraente la Convenzione• Possono essere ammessi ai lavori Enti Osservatori che non hanno diritto di voto• Per poter decidere mediante votazione, occorre la presenza di almeno due terzi delle Parti Contraenti• Se su una mozione d’ordine di una Parte non vi è un consenso, la proposta diventa efficace quando è approvata da almeno due terzi dei votanti
  • 24. Il funzionamento di una Piattaforma (2)• Ogni seduta della Piattaforma è conclusa dall’approvazione di un verbale delle deliberazioni, seguito successivamente da un verbale esteso• Il Comitato Permanente, periodicamente, può richiedere ai GdL e alle PF l’illustrazione dello stato di avanzamento dei lavori• I risultati delle attività di GdL e PF sono di norma approvate dal Comitato Permanente in vista della definitiva deliberazione da parte della Conferenza dei Ministri
  • 25. Grazie per l’attenzioneAndrea BianchiniEurac Research - consulente MATTMbianchini.minambientest@gmail.com

×