Your SlideShare is downloading. ×
IOT su Android con l'aiuto del Google Cloud Messaging
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

IOT su Android con l'aiuto del Google Cloud Messaging

574
views

Published on

Droidcon Italia Torino 7 febbraio 2013: codelab tenuto da Antonino Orlando e Simone Pulcini. …

Droidcon Italia Torino 7 febbraio 2013: codelab tenuto da Antonino Orlando e Simone Pulcini.
Argomento: IOT per Android con l'ausiolio di Google Cloud Messaging e backend su Google App Engine. Contiene i riferimenti ai repository GitHub sul quale è possibile fare checkout del codice relativo al codelab

Published in: Technology, Business

0 Comments
4 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
574
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
8
Comments
0
Likes
4
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. GDG LAb IoT Antonino Orlando orlando.antonino@gmail.com Simone Pulcini simone.pulcini@gmail.com e il team GDG Roma L-Ab DroidCon – 7 Febbraio 2014 Antonino Orlando, Simone Pulcini e GDG Roma L-AB 1
  • 2. Antonino Orlando ● orlando.antonino@gmail.com ● http://it.linkedin.com/in/orlandoantonino ● https://plus.google.com/+AntoninoOrlando Antonino Orlando, Simone Pulcini e GDG Roma L-AB 2
  • 3. Simone Pulcini ● simone.pulcini@gmail.com ● http://www.linkedin.com/in/simonepulcini ● https://plus.google.com/+SimonePulcini Antonino Orlando, Simone Pulcini e GDG Roma L-AB 3
  • 4. GDG LAb IoT obiettivo: trasmettere concetti e tecniche per utilizzare Android nel magico mondo di IOT Le cose possono imparare a parlare e identificarsi. Indossando dei piccoli circuiti a radiofrequenza, e avvicinandoli a un dispositivo dotato di NFC ricevono l'energia per parlare ed ascoltare. Antonino Orlando, Simone Pulcini e GDG Roma L-AB 4
  • 5. GDG LAb IoT Android è capace di recepire questi messaggi per poi comunicare con dei Server attraverso i servizi Google Cloud Messaging, messi a disposizione gratuitamente da Google. E' quello che succede ai concerti oppure per i pagamenti elettronici. Antonino Orlando, Simone Pulcini e GDG Roma L-AB 5
  • 6. GDG LAb IoT Nel Workshop esploreremo le principali tecniche per creare un sistema semplice, ma completo, per l'identificazione/controllo di oggetti e quindi la gestione con ogni tipo di applicativi. Antonino Orlando, Simone Pulcini e GDG Roma L-AB 6
  • 7. GDG LAb IoT Il codice che ci verrà messo a disposizione conterrà anche la logica per utilizzare servizi REST con Google App Engine. E' importante sottolineare che con questo CodeLab cerchiamo di far comprendere come integrare e far interoperare tecniche e sistemi diversi Antonino Orlando, Simone Pulcini e GDG Roma L-AB 7
  • 8. Google Cloud Messaging - invio di messaggi push Richiede: - Android 2.2 o superiore; - Google Play Store installato; - L'utente deve avere almeno un profilo Google configurato (per versioni < 4.0.4); - Payload dal server alle app limitato (~4K). Antonino Orlando, Simone Pulcini e GDG Roma L-AB 8
  • 9. Near Field Communication - RFID (Radio Frequency Identification) - permette una comunicazione bidirezionale: entro un raggio di 4 cm - opera alla frequenza di 13,56 MHz e può raggiungere una velocità di trasmissione massima di 424 kbit/s. Antonino Orlando, Simone Pulcini e GDG Roma L-AB 9
  • 10. Registrazione GCM hello Registration ID Store my reg_id Antonino Orlando, Simone Pulcini e GDG Roma L-AB 10
  • 11. Invio di una notifica forward a push notification Send a notification to reg_id Antonino Orlando, Simone Pulcini e GDG Roma L-AB 11
  • 12. GDG Lab IoT Antonino Orlando, Simone Pulcini e GDG Roma L-AB 12
  • 13. Prima di cominciare - installare ADT Bundle - Google Play Services (da Android SDK Extras) - Android Support Library (da Android SDK Extras) - webserver (apache) + php - registrare account Google Developers Console https://code.google.com/apis/console Antonino Orlando, Simone Pulcini e GDG Roma L-AB 13
  • 14. Progetti di base - SendByNFC https://github.com/orlando-antonino/SendByNFC.git - GDGLAb_IoT https://github.com/orlando-antonino/GdgLAb_IoT.git - Backend AppEngine https://github.com/spulci/gdg_rome/tree/master/GdgRomeI OTDemoModel Antonino Orlando, Simone Pulcini e GDG Roma L-AB 14
  • 15. Let's start! Antonino Orlando, Simone Pulcini e GDG Roma L-AB 15
  • 16. Backend su Google App Engine ● Sogno un backend…… ● ● ● ● Antonino Orlando, Simone Pulcini e GDG Roma L-AB PaaS (Platform as a Service) Piattaforma Enterprise scalabile Ospita applicazioni in Java, Php, GO Una server farm a portata di clic 16
  • 17. GAE: dietro le quinte ● GAE: è un servlet container basato su Jetty ● Supporta le servlet 2.5 ● ● Supporta diversi framework noti (talvolta con alcuni workaround): JPA, JDO, JSF, Struts 1, Struts 2, Spring….. Ma il vero punto di forza è lo «scaling automatico» in base al traffico generato ● Gratuito fino a determinati livelli di traffico ● SLA per i servizi billed in high replication del 99,5% Antonino Orlando, Simone Pulcini e GDG Roma L-AB 17
  • 18. JPA: Overview ● ● ● ● ● Java Persistence API 2.0 (specifica JSR 317) Mapping di POJO verso un database (Object Relational Mapping) Entity: pojo che mappano tabelle di db. Il mapping è definito tramite annotazioni Pojo persistenti: pojo il cui stato (valori assegnati alle proprietà) è memorizzato in un database e tenuto in sincrono con questo EntityManager: classe deputata alle operazioni di persistenza tra pojo e db Antonino Orlando, Simone Pulcini e GDG Roma L-AB 18
  • 19. Google Cloud Endpoint ● ● Sono Web-Services REST che non seguono le implementazioni ufficiali di Java EE (Java API for RESTful Web Services JAX-RS) Sono facili da implementare. Le interfacce esposte si specificano con annotazioni 4 step: a) Crea le API b) Annota le API c) Genera il codice per il client chiamante d) Incorpora il codice generato nel chiamante (e.g. Android app) Antonino Orlando, Simone Pulcini e GDG Roma L-AB 19
  • 20. App Engine Admin Console ● https://appengine.google.com/ Antonino Orlando, Simone Pulcini e GDG Roma L-AB 20
  • 21. Best practicies ● ● ● ● Loggate sempre in modo intelligente usando log levels adeguati (in esercizio il vostro backend «parla» attraverso il log!) Usate enterprise patterns adeguati per evitare di mandare in sofferenza la vostra infrastruttura Fate un decoupling elevato della vostra business logic (es: gli endpoint mostrati sono solo wrappers!!!) Col tempo e l’esperienza pensate sempre ai vari trade-off da pagare utilizzando alcuni servizi Antonino Orlando, Simone Pulcini e GDG Roma L-AB 21
  • 22. Datastore GAE: JPA 2.0 ● Schemaless ● Transazioni (supportate) atomiche ● Alta disponibilità Antonino Orlando, Simone Pulcini e GDG Roma L-AB 22
  • 23. Riferimenti ● ● ● https://developers.google.com/appengine http://www.radioelectronics.com/info/wireless/nfc/near-fieldcommunications-tags-types.php http://developer.android.com/google/gcm/in dex.html Antonino Orlando, Simone Pulcini e GDG Roma L-AB 23