Your SlideShare is downloading. ×
  • Like
SIMCO: Global Logistics demand planning e previsione della domanda
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Now you can save presentations on your phone or tablet

Available for both IPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

SIMCO: Global Logistics demand planning e previsione della domanda

  • 294 views
Published

Tra le nostre aree di intervento, Simco affronterà la tematica inerente al Demand Planning e la Previsione della Domanda

Tra le nostre aree di intervento, Simco affronterà la tematica inerente al Demand Planning e la Previsione della Domanda

Published in Business
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
294
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
14
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Presentazione delle attività di consulenza relative a: IL DEMAND PLANNINGE LA PREVISIONE DELLA DOMANDA Relatore : Diego Giometti Via Durando, 38 - 20158 – Milano Italy Tel +39 02 39 32 56 05 - Fax +39 02 39 32 56 00 www.simcoconsulting.it - E-mail c.cernuschi@simcoconsulting.it Pag. 1
  • 2. CHI È SIMCOSimco è una delle più importanti società italiane di Consulenza e Formazione.Dal 1981, anno della sua fondazione, Simco ha sviluppato oltre 1.600 progetti per più di 400 Clienti didiverse dimensioni e settori merceologici.La nostra missione consiste nel saper coniugare competenze e tecnologie per analizzare e migliorare processi,motivaremoti are e q alificare le Risorse Umane al fine di controllare e s il ppare le performance complessi e qualificare sviluppare complessivedell’azienda.Il nostro metodo non fornisce soluzioni standard, ma offre un approccio su misura, modellato sulle realiesigenze del Cliente ed ispirato a concretezza e innovazione innovazione.Una particolare attenzione è stata posta nell’impiego di strumenti avanzati in modo da rendere i risultati deiprogetti certificati da analisi complesse; Simco può sviluppare un rapporto di collaborazione che parte dalladefinizione delle azioni di miglioramento e cambiamento e può arrivare sino all’affiancamento durante gl’implementazione, per facilitare e verificare il raggiungimento degli obiettivi. Fatturato medio annuo (2001-2011) € 1.600.000. Pag. 2
  • 3. CHI È SIMCOSIMCO Partners:I consulenti Senior vantano una esperienza di circa 20 anni nel settore logistica; il loro approccio èinnovativo e possono trarre vantaggio dalle esperienze di 30 anni di progetti. Ogni volta cheaffrontiamo i problemi d i Cli ti l f ff ti bl i dei Clienti, lo facciamo come se f i fossero nostri. tiTutto il personale Simco è assunto a tempo indeterminato e il ricorso a Free Lance è estremamentelimitato quantitativamente. Ciò permette di investire nella formazione delle nostre Risorse eassicura al Cli t un punto di riferimento certo nella conduzione d l progetto e nel proseguimento i l Cliente t if i t t ll d i del tt l i tdella relazione.Simco è certificata Vision 9001:2008 (Certificato n° 9175 SMCO - prima emissione 1998) e prevedeuna f formazione sistematica e continua d i propri i i i i t ti ti dei i impiegati. ti Pag. 3
  • 4. PERCHÈ SIMCO Pag. 4
  • 5. LE AZIENDE PIU’ NOTE TRA I CLIENTI SIMCOALSTOM, AUCHAN, AGUSTA WESTLAND, BAYER, BASF,BINDA BOHLER BTICINO CARREFOUR COCA-COLABINDA, BOHLER, BTICINO, CARREFOUR, COCA COLA,COOP ITALIA, DENSO, DIESEL, DUCATI, FIAMM, FIATAUTO, FISCHER, FLINT GROUP, FOPPAPEDRETTI,FRESENIUS M.C., G6 RETE GAS, GEFRAN, GEHEALTHCARE T GIORGIO ARMANI IND CARTARIE T., ARMANI, IND.TRONCHETTI, IVECO, JOHNSON DIVERSEY, JOHNSON& JOHNSON MEDICAL, KONICA MINOLTA, LEGRAND, L OREAL,LEVI STRAUSS, LINDT & SPRUNGLI, L’OREAL, LOTTO,LUXOTTICA, MERCK SHARP & DOHME, NOVARTISVACCINES, PANASONIC, PIONEER, PONTI, ROCHEDIAGNOSTICS, SAMSUNG, SNAM RETE GAS, SOL,STAPLES, SUBARU, TEMPUR, TEVA, THUN, TRW,STAPLES SUBARU TEMPUR TEVA THUN TRWVOLKSWAGEN.S co ha s uppa o molti p oge e co su e e ope a e in co es internazionali realizzati inSimco a sviluppato o progetti consulenze operative contesti e a o a ea aAustria, Bulgaria, Croazia, Francia, Grecia, Malta, Polonia, Spagna e Svizzera. Simco, fatturato medio generato da ogni singolo Cliente sopra elencato: circa 130,000 € Pag. 5
  • 6. LE NOSTRE AREE DI INTERVENTO Network distributivoPrevisione domanda e gestione delle scorte Logistica Magazzino Magazzino AutomaticoAnalisi Tempi e M t diA li i T i Metodi Simulazione Dinamica Outsourcing TrasportiLogistica Produzione Pag. 6
  • 7. TRACCIATO DELL’INTERVENTO Il Demand Planning e la previsione della domanda IL DEMAND SCHEMI PERCHE’ E’ PLANNING ORGANIZZATIVI IMPORTANTE all’interno del più PERDISPORRE DI BUONE ampio i IL DEMAND PREVISIONI ambito dei processi PLANNING della Supply - Chain Pag. 7
  • 8. LIVELLO DI SERVIZIO E COSTI Legame tra scorte e LS DM PERCHE’ E’ all’interno SCHEMI IMPORTANTE del più ampio p p ORGANIZZATIVI DISPORRE ambito dei PER DI BUONE processi IL DEMAND PREVISIONI della SC PLANNINGCurva stock-to-service: al crescere del LS il costo delle scortecresce più che linearmente, specie mirando all’ordine perfetto. How much theVa definito il “punto di lavoro” ottimale per la nostra Azienda. service level could be increased without affecting Current inventory cost? Performance 0 0 2 2 Invento ry Level How much the inventory could be lowered without affecting service performance? 3 3 Optimised Inventory/Service relationship specific for your company 1 1 Different Target Scenarios S i n n 100% Service Level Pag. 8
  • 9. LIVELLO DI SERVIZIO E COSTI La soluzione ottimale DM PERCHE’ E’ all’interno SCHEMI IMPORTANTE del più ampio p p ORGANIZZATIVI DISPORRE ambito dei PER DI BUONE processi IL DEMAND PREVISIONI della SC PLANNING Fatturato, costo, rofitto Fatturato costo profitto X % = livello di servizio ottimale L ll di servizio Livello Pag. 9
  • 10. LA PREVISIONE ED IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DM PERCHE’ E’ all’interno SCHEMI IMPORTANTE del più ampio p p ORGANIZZATIVI DISPORRE ambito dei PER DI BUONE processi IL DEMAND PREVISIONI della SC PLANNING Logiche di pianificazione Previsione della domanda commerciale MP WIP PF PF PF PF Sistema produttivo Sistema distributivo Piano di Piano di Piano di approvvigionamento Produzione Distribuzione Piano delle attività Piano delle attività Piano delle attività di ricevimento di picking di trasporto e stoccaggio Pag. 10
  • 11. LA DOMANDA COMMERCIALE DM PERCHE’ E’ all’interno SCHEMI IMPORTANTE del più ampio p p ORGANIZZATIVI DISPORRE ambito dei PER DI BUONE processi IL DEMAND PREVISIONI della SC PLANNINGTIPOLOGIE E DEFINIZIONIDomanda diretta (Sell-Out):rappresenta la domanda per iprodotti finiti fabbricati edassemblati dal soggetto Fabbisogni di produzioneproduttore, espressa dal Stabilimenticonsumatore finale in modo Fabbisognidiretto (non intermediato) presso Fabbisogni dii punti finali adibiti alla vendita. di acquisto rifornimento Domanda e previsioniDomanda indiretta (Sell-In):la domanda indiretta si manifestaper i prodotti finiti realizzati dalproduttore, stimata da aziendedella Supply Chain che operanonon a contatto diretto con il Fornitori Magazzinicliente finale. Aree di livello 0 Livelli da 1 a n e vendita Pag. 11
  • 12. LA DOMANDA COMMERCIALE: TIPOLOGIE E DEFINIZIONI DM PERCHE’ E’ all’interno SCHEMI IMPORTANTE del più ampio p p ORGANIZZATIVI DISPORRE ambito dei PER DI BUONE processi IL DEMAND PREVISIONI della SC PLANNING ORIZZONTE TEMPORALE DI PREVISIONE COSA E TIPO DI DECISIONE DA PRENDERE PREVEDERE? Vendite totali, LUNGO TERMINE ( > 2  3 ANNI) ) capacità produttiva produttiva, DECISIONI STRATEGICHE modello di (pianificazione per divisioni, linee di prodotto, mercati) distribuzione, lancio di nuovi prodotti etc. Vendite totali e per MEDIO TERMINE (1  2 ANNI) linea di prodotto, prezzi DECISIONI TATTICHE per linea di prodotto, (budget annuale, previsioni aggregate per famiglie) annuale condizioni economiche generali etc. BREVE TERMINE ( < 12 MESI) Vendite per codice DECISIONI OPERATIVE prodotto, per area geografica, per cliente, (previsioni disaggregate su base settimanale, mensile) prezzi e volumi… arco t temporale di riferimento per applicazioni logistiche l if i t li i i l i ti h Pag. 12
  • 13. LA NECESSITÀ DI UNA BUONA PREVISIONE DM PERCHE’ E’ all’interno SCHEMI IMPORTANTE del più ampio p p ORGANIZZATIVI DISPORRE ambito dei PER DI BUONE processi IL DEMAND PREVISIONI della SC PLANNINGLa volontà di offrire livello di servizio – peraltro strategica – genera costi, che diventano sempre altri piùman mano che ci si vuole avvicinare all’eccellenza. Parlando dei soli costi logistici, essi possono esserecorrelati: alle scorte di ciclo col trade-off tra mantenimento a scorta (immobilizzo capitali, costi ciclo, trade off capitali legati a strutture fisiche di magazzino, obsolescenze) ed riordino (frequenza dell’approvvigionamento) alle scorte di sicurezza, attraverso le quali si mira a raggiungere il LS obiettivo ai trasferimenti tra i vari “nodi” del network distributivo alle persone che si occupano di pianificare la logistica, ed in particolare a chi si occupa di D d Planning, ed agli strumenti a t li attività preposti Demand Pl i d li t ti tali tti ità tiTale legge di costo è sempre vera, ma diventa assai più “severa” in mancanza di quello che è la necessariapremessa alla possibilità di qualsiasi ottimizzazione, ossia un forecast della domanda realistico, attendibilee condiviso condiviso.L’imprevedibilità degli eventi futuri, ma soprattutto della domanda, amplifica le difficoltà ed i costi: più scortedi sicurezza, più sforzi di pianificazione, necessità di gestire backorders ed integrazioni, nonché claims epenali. Pag. 13
  • 14. IL COSTO DI UN FORECAST INAFFIDABILE DM PERCHE’ E’ all’interno SCHEMI IMPORTANTE del più ampio p p ORGANIZZATIVI DISPORRE ambito dei PER DI BUONE processi IL DEMAND PREVISIONI della SC PLANNING• Under-forecasting → poche scorte  Diminuzione del livello di servizio: possibili periodi di stock-out  Livello di scorta di sicurezza alzati inutilmente  Necessità di impegnative revisioni al piano di domanda ed ai piani di Supply Planning  Perdita di immagine• Over-forecasting → troppe scorte  Costi di mantenimento a scorta  Obsolescenza dei prodotti (fisica / tecnologica)  Inefficiente allocazione di capacità produttiva Pag. 14
  • 15. IMPREVEDIBILITÀ = SCORTE IN ECCESSO + DISSERVIZIO DM PERCHE’ E’ all’interno SCHEMI IMPORTANTE del più ampio p p ORGANIZZATIVI DISPORRE ambito dei PER DI BUONE processi IL DEMAND PREVISIONI della SC PLANNING Le fonti di imprevedibilità 60% 10% Imprevedibilità della domanda Inaffidabilità dei f d i fornitori i i Incertezze interne30% all‘Azienda Fonte: Palo Alto University CA. 2002 CA.Dalla sintesi sopra illustrata, si vede che migliorare il forecast è la maniera più efficace per gridurre le incertezze, in quanto mira alla risoluzione della loro causa preponderante, e quindi– a parità di risorse e processi aziendali – consente (se opportunamente integrata a correttepolitiche di gestione delle scorte) di: ridurre le scorte a parità di Livello di Servizio (LS), ovvero… aumentare il LS a parità di scorte ottimizzare l’utilizzo delle risorse aziendali, se esse sono sufficienti allo scopo fare scelte corrette, quando le risorse aziendali siano scarse (fair allocation) Pag. 15
  • 16. IL DEMAND PLANNING NELL’AMBITO DEL S&OP DM PERCHE’ E’ all’interno SCHEMI IMPORTANTE del più ampio p p ORGANIZZATIVI DISPORRE ambito dei PER DI BUONE processi IL DEMAND PREVISIONI della SC PLANNING DEMAND PLANNING SUPPLY PLANNING disponibilità capacità SALES stoccaggio FORECAST disponibilità capacità SALES & produttiva PIANI DI SALES PIANI DI MARKETING OPERATIONS BUDGET CAPACITÀ PLANNING disponibilità capacità distributiva ORDINI CLIENTE disponibilità capacità produttiva PIANI DI PIANI DOMANDA OPERATIVI PRODUCTION PLAN DEMAND PLAN DISTRIBUTION PLAN SALES TARGET INVENTORY PLAN MARKETING PLAN PROCUREMENT PLAN Pag. 16
  • 17. DEMAND PLANNING: UNA DEFINIZIONE DM PERCHE’ E’ all’interno SCHEMI IMPORTANTE del iù d l più ampioi ORGANIZZATIVI DISPORRE ambito dei PER DI BUONE processi IL DEMANDÈ l’insieme di: PREVISIONI della SC PLANNING processi aziendali (budgeting, forecasting, marketing di prodotto, ecc.) metodologie gestionali (modalità di redazione del budget di vendita, modalità di sincronizzazione dei sales meeting) tecniche quantitative ( d lli matematici) e strumenti IT t i h tit ti (modelli t ti i) t ti atto a supportare la definizione del piano di domanda (demand plan) delle aziendeindustriali e commerciali collocate in Supply Chain (multistadio / multilivello) più o menointegrate con i partner della filiera logistico - produttiva. Nella pratica, la disciplina del Demand Planning ha come oggetto i processi di businessche si h i occupano d ll della: generazione delle previsioni di vendita (sales forecasting) per i prodotti presso i clienti; generazione del budget aziendale delle vendite (sales budgeting) ad opportuni livelli di g g ( g g) pp aggregazione su prodotti, mercati e periodi; formulazione del piano finale di domanda (demand plan), vincolato alle disponibilità produttive e distributive reperibili in azienda nel breve – medio periodo, da condividere e diffondere tra le varie f i funzioni aziendali. i i i d li Pag. 17
  • 18. PROCESSI DI DEMAND PLANNING DM PERCHE’ E’ all’interno SCHEMIIMPORTANTE del più ampio p p ORGANIZZATIVI DISPORRE ambito dei PER DI BUONE processi IL DEMAND PREVISIONI della SC PLANNING Un buon sistema di D U b i t Demand Pl d Planning è i come un tavolino a tre gambe, che sono:  le risorse umane  i processi gestionali ed operativi  gli algoritmi e gli strumenti IT Se manca una gamba il tavolino cade e se le tre gambe non sono equilibrate ed allineate tra loro, il tavolino traballa, ossia non è stabile… Pag. 18
  • 19. PROCESSI DI DEMAND PLANNING DM PERCHE’ E’ all’interno SCHEMI IMPORTANTE del più ampio p p ORGANIZZATIVI DISPORRE ambito dei PER DI BUONE processi IL DEMAND PREVISIONI della SC PLANNING DEMAND DEMAND ANALYTICS INTELLIGENCE SALES MARKETING PIANI DI SALES FORECASTINGFORECAST INTELLIGENCE MARKETING COLLABORATIVE ORDINI FORECASTING CLIENTE SALES BUDGET DEMAND PLAN SALES & SALES TARGET OPERATIONS PLANNING MARKETING PLAN Pag. 19
  • 20. PROCESSI DI DEMAND PLANNING DM PERCHE’ E’ all’interno SCHEMI IMPORTANTE del più ampio p p ORGANIZZATIVI DISPORRE ambito dei PER DI BUONE processi IL DEMAND (1) Demand Analytics PREVISIONI della SC PLANNING ANALISI actual sales GERARCHICA (OLAP QUERY) actual price ac ua actual KPI forecast accuracy f t(customer service) sales forecast sales performances DEMAND ANALYTICS demand plan customer service target price performances sales target target KPI CUSTOMER(customer service) SERVICE SALES FORECAST ANALYSIS ANALYSIS ANALYSIS  analisi gerarchica OLAP (On Line Analytical Processing) / analisi statistica dei dati storici  analisi delle vendite  calcolo della Forecast Accuracy Pag. 20
  • 21. PROCESSI DI DEMAND PLANNING DM PERCHE’ E’ all’interno SCHEMI IMPORTANTE del più ampio p p ORGANIZZATIVI DISPORRE ambito dei PER DI BUONE processi IL DEMAND PREVISIONI della SC PLANNING (2) Sales Forecasting metodologie quantitative di forecasting actual salessales forecast (t-1) forecast accuracy sales forecast (t) SALES FORECASTING outliersvariabili indipendenti (prezzo, temperatura, investimenti mktg) modelli per modelli per sales modelli di serie storiche serie storiche cleaning regressione regolari irregolari S l Sales Cleaning: rimozione outliers d ll serie storiche Cl i i i tli dalle i t i h  Best Fit parametrico GGenerazione del SSales Forecast Pag. 21
  • 22. INDICAZIONI PER LA SCELTA DELLA METODOLOGIA DM PERCHE’ E’ all’interno SCHEMI IMPORTANTE del più ampio p p ORGANIZZATIVI DISPORRE ambito dei PER DI BUONE processi IL DEMAND PREVISIONI della SC PLANNING 100 % Vendite C B A 100 % Articoli 0 Previsione mediante modelli Previsione mediante basati su tecniche di modelli basati su “smorzamento esponenziale” distribuzioni di probabilità ARTICOLI CONNOTATI DA ARTICOLI CONNOTATI DA DOMANDA MEDIO-ELEVATA DOMANDA BASSA E IRREGOLARE NELL’INTERVALLO DI PREVISIONE NELL’INTERVALLO DI PREVISIONE (articoli continuativi) (articoli non continuativi) es. beni di largo consumo nel i bi t bili ti i f i es. ricambi automobilistici, farmaci settore grocery per malattie rare, … Pag. 22
  • 23. ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DI DEMAND PLANNING PERCHE’ E’ DM all’interno SCHEMI IMPORTANTE del più ampio p p ORGANIZZATIVI DISPORRE ambito dei PER DI BUONE processi IL DEMAND PREVISIONI della SC PLANNING Specialized Forecasting ( (Single Function Forecasting) g g)L’approccio specialistico alla preparazione dei piani di domanda consiste nel delegare unaspecifica funzione aziendale alla preparazione della prima versione del piano, da inoltrarein seguito alle altre funzioni per analisi, integrazione, negoziazione e validazione finale.---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Il processo è influenzato dagli interessi specifici della funzione che ne ha la ownership, ladiscussione interfunzionale è limitata o nulla.---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------La funzione che emette il fL f i h tt forecast d t dovrebbe avere anche l responsabilità circa l sua bb h la bilità i laattendibilità (KPI di forecast accuracy) così come dovrebbe essere responsabilizzata sulleconseguenze di un forecast non accurato (over - under). Management strategico Marketing Vendite Finanza Logistica Produzione Marketing Pag. 23
  • 24. ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DI DEMAND PLANNING PERCHE’ E’ DM all’interno SCHEMI IMPORTANTE del più ampio p p ORGANIZZATIVI DISPORRE ambito dei PER DI BUONE processi IL DEMAND PREVISIONI della SC PLANNING Multiple ForecastingCiascuna funzione redige in maniera indipendente il sales forecast nella forma più idoneaalla successiva fruizione operativa dei dati, secondo proprie unità metriche, consolidandoo disaggregando i valori stimati di domanda lungo le gerarchie tipiche di analisi prodotto –mercato – tempo, sulla base delle esigenze operative delle singole funzioni.---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------I forecast indipendenti sono confrontati in meeting periodici di Sales ForecastCollaboration, il che incentiva la discussione ed il confronto sulla difformità dei piani. Ilcoordinamento delle diverse proposte delle funzioni può essere svolto da un key-userparticolare: il d ti l demand planner, esperto di sales f d l t l forecasting, t d promotion management ti trade ti ted al tempo stesso dei processi logistici (distributivi e produttivi) della propria azienda. Management strategico Marketing M k ti Vendite Finanza Logistica Produzione Forecasting meeting Pag. 24
  • 25. ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DI DEMAND PLANNING PERCHE’ E’ DM all’interno SCHEMI IMPORTANTE del più ampio p p ORGANIZZATIVI DISPORRE ambito dei PER DI BUONE PREVISIONI processi della SC IL DEMAND PLANNING Consensus Based Forecasting (CBF)È l’approccio integrato più evoluto per la definizione dei piani di domanda e prevede laformazione di gruppi multifunzionali di lavoro (forecast group - FG), temporanei opermanenti, dedicati alla formulazione delle previsioni di vendita, integrate dai piani dimarketing Utenti funzionali si riuniscono per formulare il piano di domanda da diffonderemarketing. domanda, inseguito ai colleghi che non hanno partecipato al processo di definizione.----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Il FG è un bacino di competenze inter-funzionali: esperti di metodi di forecasting, di marketpromotions di logistica ed inventory planning sono richiamati dalle funzioni per formarepromotions,strutture organizzative preposte alla periodica definizione dei piani di domanda.----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Il demand planner è idealmente il responsabile della qualità dell’intero processo previsionaleall internoall’interno del FG I piani sono distribuiti alle funzioni e dettagliati nelle rispettive unità di FG.analisi: unità fisiche (piani a quantità) e monetarie (piani a valore). Management strategico Forecasting Marketing Vendite Finanza Logistica Produzione Groupp Pag. 25
  • 26. WORKFLOW DI DEMAND PLANNING: UN ESEMPIO DM PERCHE’ E’ all’interno SCHEMI IMPORTANTE del più ampio p p ORGANIZZATIVI DISPORRE ambito dei PER DI BUONE processi IL DEMAND PREVISIONI della SC PLANNING Pag. 26
  • 27. SIMCO …Vi ringrazio per l’attenzione e vi auguro buon proseguimento di giornata Per ulteriori informazioni potete rivolgervi a : SIMCO S.r.l. – Via Durando, 38 – 20158 Milano Telefono 02 39325605 – Fax 02 39325600 www.simcoconsulting.it – e-mail : d.giometti@simcoconsulting.it Pag. 27