insieme per costruire successi                                                    UNI EN ISO 9001: 2008                   ...
Gentile Signora, Egregio Signore,                                                     in questi ultimi anni la trasformazi...
Simco è...    Simco è una delle più importanti società italiane di consulenza e formazione.    Dal 1981, anno della sua fo...
Simco è...                                                                        Organizzazione del Network Distributivo ...
Simco è...                                                            Logistica di Magazzino                              ...
Simco è...                                                              Logistica di Produzione                           ...
Simco è...                                                             Previsione della Domanda e                         ...
Simco è...                                                              Trasporti                                         ...
Simco è...                                                           Outsourcing                                          ...
Simco è...                                                              Formazione in house o personalizzata              ...
• FORMAZIONE IN HOUSE BLENDED                                                      L’obiettivo di questo modello formativo...
Offerta dei Corsi        Logistica                                                                           pag. 12      ...
Logistica
LogisticaL01              Gestione della logistica: fondamenti              Concetti base dei processi logistici          ...
LogisticaL02           Supply Chain Management           Strategia, pianificazione e operation           Una visione global...
LogisticaL03              Programmare il servizio logistico              Strategia, implementazione e controllo di costi e...
LogisticaL04           Progettare o ottimizzare la rete di distribuzione           Come rispondere all’aumento delle neces...
LogisticaL05              Progettare o riorganizzare un magazzino              Requisiti, controllo, tecnologie, organizza...
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013

1,470

Published on

Simco, che da oltre trent'anni si occupa con successo di attività di consulenza, ha potuto constatare come sia importante che le persone che partecipano o gestiscono nuovi progetti o iniziative di miglioramento siano preparate professionalmente e pronte ad affrontare positivamente il cambiamento e le relazioni con gli altri; per questo riteniamo che la formazione logistica costituisce una delle principali leve per la competitività delle aziende.

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,470
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
14
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "SIMCO: Formazione Logistica Simco Catalogo 2013"

  1. 1. insieme per costruire successi UNI EN ISO 9001: 2008 N° 9175 SMCOProgrammadi formazione2013 consulenza - progettazione - formazione
  2. 2. Gentile Signora, Egregio Signore, in questi ultimi anni la trasformazione dei mercati e la crisi economica internazionale hanno considerevolmente aumentato la complessità delle aziende. Buona parte di loro si è impegnata (e si impegnerà) in approfondite analisi dei processi alla ricerca delle sacche di inefficienza con l’obiettivo di eliminare quelle attività che non creano valore aggiunto. Anche l’area delle operations è stata ulteriormente “messa a dieta” seguendo la ricetta del lean thinking. Chi ha provato a sposare la filosofia lean all’intera Supply Chain (approvvigionamenti, produzione, magazzino e trasporti), avrà sicuramente seguito la logica delle “5S”; una di queste, tra le più importanti, è “Shitsuke” cioè mantenere vivo il cambiamento grazie al coinvolgimento di tutti. Impiegare una affermata società di consulenza, che disponga di una pluralità di competenze (seppure in un ambito specifico come quello della Supply Chain), è normalmente un buon investimento che ripaga ampiamente il compenso richiesto. Ma, un intervento professionale esterno, può agire solo sulle prime “4S” (quelle relative all’ottimizzazione dei processi). Per essere lean davvero occorre ricercare il cambiamento costante e duraturo degli atteggiamenti e delle competenze; tale obiettivo è raggiungibile soltanto attraverso una formazione di qualità. Simco si propone come partner specializzato nella realizzazione di seminari interaziendali e nell’ideazione ed erogazione di percorsi formativi contestualizzati “In House” (anche finanziati*) nell’area della Supply Chain. Gli interventi formativi possono affrontare temi connessi all’organizzazione, ai processi, alle tecnologie, alla gestione e motivazione delle risorse umane. I seminari sono studiati per avere diversi livelli di approfondimento, permettendo così di affrontare i temi con una visione strategica e specialistica. Gli argomenti della formazione Simco sono quelli espressi dalle nostre competenze nella consulenza, area nella quale siamo presenti da più di trent’anni; infatti i docenti sono Senior Consultant che quotidianamente intervengono in azienda su progetti di rinnovamento e miglioramento. La concretezza della nostra professionalità unitamente a consolidate esperienze d’aula favoriscono il trasferimento di nuove competenze. Nella convinzione che la specializzazione favorisca l’efficacia degli interventi formativi, abbiamo ulteriormente aggiornato ed arricchito le nostre proposte: siamo gli unici a poter vantare un catalogo così vasto esclusivamente nell’area della Supply Chain. Nell’augurarvi un proficuo anno 2013, vi porgo i miei migliori saluti. Marco Cernuschi Senior Partner Consultant * Simco ha, da oltre quindici anni, la certificazione di qualità secondo la norma ISO 9001:2008 per i settori EA35 e EA37 necessaria per la formazione finanziata.www.simcoconsulting.it 1Info e adesioni: tel. 0239325605 - fax 0239325600 - E-mail: formazione@simcoconsulting.it
  3. 3. Simco è... Simco è una delle più importanti società italiane di consulenza e formazione. Dal 1981, anno della sua fondazione, Simco ha sviluppato oltre 1.600 progetti per più di 400 Clienti di diverse dimensioni e settori merceologici. La nostra missione consiste nel saper coniugare competenze e tecnologie per analizzare e migliorare processi, motivare e qualificare le Risorse Umane al fine di controllare e sviluppare le performance complessive dell’azienda. Il successo di Simco è il frutto sia dei risultati ottenuti dai propri Clienti, in termini di miglioramento delle prestazioni e sviluppo delle competenze, sia della costruzione nel tempo di rapporti duraturi, basati sulla trasparenza, sulla collaborazione e sulla fiducia. Il nostro metodo non fornisce soluzioni standard, ma offre un approccio su misura, modellato sulle reali esigenze del Cliente ed ispirato a concretezza e innovazione. Una particolare attenzione è stata posta nell’impiego di strumenti avanzati in modo da rendere i risultati dei progetti certificati da analisi complesse; Simco utilizza da oltre 15 anni la simulazione dinamica e dispone di prodotti innovativi per effettuare l’assessment delle scorte, la verifica del lay out di fabbrica, la definizione degli schemi di pallettizzazione, l’ottimizzazione dei tragitti di trasporto, il processamento dei dati di progetto e la costruzione di cruscotti di controllo. Simco può sviluppare un rapporto di collaborazione che parte dalla definizione delle azioni di miglioramento e cambiamento e può arrivare sino all’affiancamento durante l’implementazione, per facilitare e verificare il raggiungimento degli obiettivi. Per descrivere in modo dettagliato i campi e le modalità di intervento risulta utile effettuare la seguente schematizzazione, pur nella convinzione che molte volte i migliori risultati si ottengono integrando gli studi nelle varie aree. ORGANIZZAZIONE DEL NETWORK DISTRIBUTIVO LOGISTICA DI MAGAZZINO LOGISTICA DI PRODUZIONE PREVISIONE DELLA DOMANDA E GESTIONE DELLE SCORTE TRASPORTI OUTSOURCING FORMAZIONE IN HOUSE O PERSONALIZZATA2 www.simcoconsulting.it Info e adesioni: tel. 0239325605 - fax 0239325600 - E-mail: formazione@simcoconsulting.it
  4. 4. Simco è... Organizzazione del Network Distributivo Il mercato in cui le Aziende si trovano ad operare rende sempre più esasperata l’attenzione al livello di servizio erogato al Cliente e, allo stesso tempo, al contenimento dei costi logistici. Non sorprende quindi che una Rete Distributiva razionale, moderna ed efficiente sia vista come un elemento chiave per il successo. Il network distributivo, la corretta allocazione delle scorte lungo la rete, la progettazione dei magazzini, la pianificazione dei trasporti devono garantire il costo più corretto per ottenere gli obiettivi prestazionali, spesso ormai di livello “top”, coniugando opportunamente organizzazione e tecnologia. Il metodo utilizzato Analisi network attuale Le principali aree di intervento: Si mappa l’attuale rete distributiva • Verificare la congruità del livello di servizio espresso dall’attuale identificando numero, funzioni e ruolo dei nodi rete distributiva (valutando il grado di soddisfazione dei clienti ed il logistici. Vengono quantificati i costi di housing (stoccaggio), handling (movimentazione e posizionamento competitivo verso i concorrenti) rispetto ai costi logistici preparazione ordini), scorte (costi finanziari ad essa connessi (costi di magazzino, scorte, trasporti), determinando i e quelli connessi al possesso dei beni), valori dei principali indicatori di prestazione (introducendoli, se assenti); trasporti (primari e secondari) e amministrativi. • Progettare l’assetto distributivo ottimale: verifica dell’opportunità di Completa l’analisi anche la comprensione delle politiche di servizio e la definizione dei realizzare una rete distributiva multilivello determinando ruolo, numero, rischi connessi all’attuale network. dimensione e localizzazione ottimale dei nodi logistici (magazzini, centri Definizione network ottimale distributivi, piattaforme di cross docking, etc.), comparando le alternative Si definiscono opzioni strategiche, tecnolo- anche in termini di investimenti infrastrutturali; giche ed organizzative per eliminare i punti di • Migliorare le modalità di gestione delle scorte attraverso l’analisi dei debolezza e raggiungere livelli di eccellenza. processi di business coinvolti (Sales & Operations Planning), degli strumenti Le soluzioni alternative vengono descritte approfonditamente in termini di risultati utilizzati e dei risultati operativi ottenuti; ottenibili, budget, ritorno dell’investimento, • Analisi di convenienza per l’introduzione e assistenza all’avviamento di costi di esercizio, flessibilità operativa, tempi di software per l’ottimizzazione della distribuzione (previsione della domanda, realizzazione e rischi. ottimizzazione delle scorte, pianificazione delle consegne, controllo e Realizzazione progetto ottimizzazione dei costi di trasporto, etc.); Si sviluppano le azioni tese al conseguimento • Analizzare i flussi di traffico, ridefinire le tratte ed i giri di consegna e consolidamento dei miglioramenti impiegando avanzati algoritmi matematici sviluppati su specifici software individuati nelle fasi precedenti, le priorità e la tempistica per la trasformazione del di ottimizzazione; network. Si procederà alla definizione dei • Determinare i livelli di saturazione degli automezzi e definire le migliori livelli ottimali dello stock, alla progettazione modalità di carico; di dettaglio dei magazzini in funzione del loro • Valutare la convenienza di scelte “make or buy” nell’ambito della gestione ruolo nel nuovo network e alla ottimizzazione dei trasporti . della logistica e dei trasporti, selezionare Terze Parti e fornire assistenza al tender; Monitoraggio dei risultati Verifica periodica tramite tecniche di auditing • Analizzare e valutare i contratti in essere e determinare la struttura dello stato del network . tariffaria e il modello contrattuale ottimale anche alla luce dei più recenti sviluppi normativi; • Progettazione e installazione di cruscotti per il controllo dei KPI dellaReferenze Consulenza distribuzione realizzati con tecniche di Business Intelligence;I Clienti sono Aziende nazionali ed internazionali di • Formare e supportare le Risorse Umane coinvolte nei processi logistici.produzione, commerciali e di servizi, che in molti casihanno utilizzato ripetutamente le competenze SIMCO.Oltre 1.600 progetti, sviluppati per più di 400 clienti tra iquali possiamo citare: 3A Arborea Arturo Salice Bi.bi.elle C.E.A. A. Aurelio Galletti & C. Asa Amati Sammarinese Bianchi Marè Caffarel Agromarket Audisio Industrie Alimentari Bignami Caleffi Agusta Westland AZ Ingross Binda Calzaturificio Effegi Style Alfa Wassermann Az. Farm. Mun. Arezzo BMW Italia Caprari Alias B.V.M. Italia Boglietti Capua Alimentari Balocco Bohler Uddeholm Italia Carnini Alimentari Nord Ovest Battocchi Boma Catena Farmaceutica Alstom Ferroviaria Bayer Bomi 2000 CDC Group Amati Riccione BBS Borello & Maffiotto Ce.di.far. Amos F.lli & C. Befood Bossi Cefla Group Anthos Impianti Bellotti Bottero Cenisio Anzani Bencini Brevini Veneta Center Catering Arca Farmaceutica Berardi Bullonerie Brita Italia Centrale del Latte Firenze Arredi Tecnici Villa Besana BTicino Centrale del Latte Torino www.simcoconsulting.it 3 Info e adesioni: tel. 0239325605 - fax 0239325600 - E-mail: formazione@simcoconsulting.it
  5. 5. Simco è... Logistica di Magazzino Il magazzino ha un impatto significativo sul livello di servizio (deve garantire tempi di risposta adeguati, con processi e strutture che minimizzino errori e danneggiamenti) e sui costi di esercizio (mediamente circa un quarto dei costi logistici totali); è quindi evidente come non debba essere visto come un costo più o meno inevitabile ma come una delle leve per la competitività. Per questo motivo la sua progettazione e/o la sua ottimizzazione devono essere affrontate con adeguati livelli di competenza e professionalità. Il metodo utilizzato Audit Le principali aree di intervento Si individuano i punti di forza e di debolezza • Ottimizzazione delle prestazioni del magazzino definendo i processi, dell’attuale Magazzino e si definiscono i l’organizzazione e le procedure operative, il layout e i mezzi (valutando possibili interventi sottolineandone i benefici attesi, i prerequisiti per attuarli, gli eventuali anche la convenienza di sistemi automatizzati), le attrezzature e i supporti rischi, i tempi e le risorse necessarie. informatici. Gli interventi, che riguardano sia la riorganizzazione (e/o Studio di fattibilità l’ampliamento) di magazzini esistenti sia la progettazione di magazzini Definisce le opzioni strategiche, tecnologiche nuovi, possono essere condotti secondo diversi gradi di dettaglio: dallo ed organizzative per eliminare i punti Studio di Fattibilità fino al Project Management, passando attraverso il di debolezza e per raggiungere livelli di Progetto Esecutivo; eccellenza, per quanto riguarda efficienza, accuratezza e servizio. Individua le soluzioni • Analisi e definizione della struttura organizzativa per la definizione alternative, che vengono analizzate e dell’organigramma, delle Job Description e delle Procedure Operative; presentate definendone le valenze in termini • Audit delle attività di magazzino basato sull’analisi della struttura e di risultati ottenibili, budget e ritorno di dell’articolazione dei costi, sulla individuazione e valutazione dei KPI investimento, costi di esercizio, flessibilità operativa, tempi di realizzazione. più significativi, sulla definizione delle azioni migliorative e dei target prestazionali; Progetto di dettaglio • Masterplan di magazzino per la razionalizzazione degli spazi, la verifica È la progettazione analitica di tutte le componenti del Magazzino per emettere i delle possibili linee di sviluppo in funzione delle prospettive di crescita; disegni e le specifiche tecniche e funzionali • Analisi del lavoro in magazzino, condotta in un’ottica di miglioramento necessarie per il lancio delle gare di appalto. continuo e rivolta allo studio dei processi operativi, all’individuazione delle Management della realizzazione fasi critiche o a scarso valore aggiunto ed al calcolo delle produttività con In affiancamento al Cliente, si presta moderni strumenti di rilevazione; l’assistenza tecnica agli appalti, si verifica • Analisi di convenienza e assistenza all’avviamento di software per il il contenuto tecnico e la tempistica di realizzazione del progetto, si effettua il project magazzino con stesura delle specifiche tecniche/funzionali, assistenza alla management logistico e la supervisione sul scelta del prodotto e supervisione alla messa in esercizio; cantiere, l’addestramento del personale e • Simulazione dinamica, condotta con l’ausilio di software avanzati e mirata l’assistenza ai collaudi, all’avviamento e alla alla verifica di progetti o installazioni ad alto contenuto di automazione messa in esercizio. (sistemi di stoccaggio, di smistamento e di trasporto); Controllo periodico • Analisi di convenienza alla terziarizzazione del magazzino basata sulla dell’efficienza definizione delle corrette modalità operative, degli aspetti contrattuali, Successivamente alla messa in funzione si verificano i risultati effettivamente raggiunti della struttura tariffaria e dei KPI da gestire con la Terza Parte; e le cause di eventuali scostamenti dagli • Progettazione e installazione di cruscotti logistici, realizzati con tecniche di obiettivi che erano stati prefissati e si Business Intelligence per il controllo dei KPI di magazzino; stabiliscono i nuovi obiettivi da raggiungere, • Formazione (utilizzando tecniche coaching, on the job, etc.) del personale di con logiche di “miglioramento continuo. magazzino sulle best practice sulle logiche del miglioramento continuo. Cervotessile Coca Cola - Hellenic Grecia Coop Consorzio Firenze Dm Barone CF Gomma Coca Cola - Hellenic Italia Coop Consorzio Pisa Dolfin Chimont Coes Cooperlat Dsm Italia Co.De.Tex. Cofarm Corman Ducati Motor Co.fa.pi Cofarma Toscana Cosafaca Ecc Elettronica Cofardis Colombini Industria Mobili Covermark EDL European Dental Logistics Co.fe.mo Comitalia Crespi Giovanni Effebi Co.import Comoli Ferrari & C. Dainese Eldor Corporation Co.ind. Compel Electronics Danzas Elestream.com Co.ro.far Complastex Dedar Emanuele Centonze Co.si.far Confezioni Virginio Caronni Denso TS Emilceramica Co.ta.far.ti. Conserve Italia Diesel Emilio Di Mauro Coca Cola - Hellenic Austria Consorzio Onda Difarco Emmeti Coca Cola - Hellenic Bulgaria Coofarma Salento Divella Enolgas Bonomi Coca Cola - Hellenic Croazia Coop Ass. Regione Toscana Diversey Enrico Mollica Medicinali4 www.simcoconsulting.it Info e adesioni: tel. 0239325605 - fax 0239325600 - E-mail: formazione@simcoconsulting.it
  6. 6. Simco è... Logistica di Produzione Le nuove dimensioni della concorrenza richiedono velocità di risposta in presenza di volumi ridotti e alto mix. Il Sistema Logistico - Produttivo deve essere coerente con la domanda di diversificazione e di contenimento dei costi che il mercato richiede. Gli investimenti a contenuto tecnologico, necessari per ottenere il vantaggio competitivo, sono per loro natura rapidamente diffusivi e presto annullati dalla risposta dei concorrenti. Ciò che è veramente unico e sostenibile è l’organizzazione, i processi, i metodi, la cultura logistico - produttiva dell’azienda. Il metodo utilizzato Analisi preliminare Le principali aree di intervento Definisce, partendo dalla realtà organizzativa • Analisi dei processi e delle risorse impiegate, analisi della struttura e produttiva esistente, gli interventi per organizzativa; ridurre ed eliminare le aree di inefficienza. • Masterplan di stabilimento; Le opzioni vengono esaminate sulla base • Pianificazione della produzione e gestione della capacità produttiva, dell’analisi costi/benefici ed anche in funzione delle risorse umane disponibili, tracciando, tecniche lean production; dove necessario, il nuovo organigramma • Analisi, controllo e riduzione del “work in progress” e dei tempi di funzionale. Si valutano le eventuali attraversamento; alternative nell’approccio alla produzione, • Layout di reparto o di stabilimento, posizionamento e asservimento di anche in relazione agli input del Marketing linee e di centri di lavoro; e alle caratteristiche di mercato, fissando • Analisi di convenienza per l’introduzione e l’assistenza all’avviamento di le linee guida per le successive azioni di cambiamento e miglioramento. In accordo con software per la produzione (pianificatori, schedulatori, MRP I e II, ASP); il Management del Cliente, si individuano le • Verifica dei sistemi di handling e delle modalità di lancio della produzione priorità degli interventi e i tempi di attuazione. attraverso la simulazione dinamica; Realizzazione del progetto • Revisione dei tempi e dei metodi di “set-up”, messa a punto e avviamento In questa fase si sviluppano tutte le azioni di metodi, procedure e sistemi informativi; tese al conseguimento e consolidamento • Definizione degli attributi e delle caratteristiche del prodotto, metodologia dei miglioramenti. Viene attivato, organizzato di allestimento e di conduzione delle Schede di Prodotto; e supportato il Gruppo di Lavoro del Cliente • Definizione ed ottimizzazione del sistema di lancio dei lotti in produzione e si trasferisce l’approccio metodologico corretto per motivare, coordinare, integrare le e del controllo dell’avanzamento lavoro; qualificazioni esistenti, controllare i risultati e • Messa a punto di “Cruscotti” della produzione per il reporting, il controllo riformulare gli obiettivi intermedi. Si esercita, della produttività e dell’andamento dei costi di produzione; nello stesso tempo, una funzione di stimolo • Analisi del lavoro in reparto per lo studio dei processi, delle produttività, e di appianamento delle difficoltà legate delle saturazioni e l’individuazione delle fasi critiche o a scarso valore allo sviluppo di un progetto innovativo. Si aggiunto, introducendo in azienda una metodologia di miglioramento stabiliscono procedure standard per il controllo periodico dell’efficienza, la misurazione dei continuo. risultati raggiunti e la definizione di nuovi obiettivi. Enthone-omi Italia Farmacentro Franchini Lamberto E C. Gia Erreti Farmaceutici Rinaldi Franke Giannino Di.or. Esaote Farmacie Comunali Riunite (Re) Fraschetti Giardini O. Esso Farmadistribuzione Fratelli Vitale Gilmar. Euromatic Farvima Medicinali Fresenius Medical Care Italia Giorgio Armani Operations Euronics Fiamm Automotive Batteries Freudenberg Politex Giuseppe Tirinnanzi F.a.p. Fiat Auto Friul Intagli Goglio Cofibox F.lli Lamberti Finterm G6 Rete Gas Gondrand F.lli Vitale Fischer Italia G.D. Grande Migliore F.lli Guzzini Fiver Galatinamed Gruppo Arcté Fabrizio Ing. Plinio Fl Distribuzione Ferramenta Gallignani Gruppo Grendi Facet Flint Group GBR Rossetto Gruppo In Ufficio Far.p.as. Floricultura F.lli Barbazza Ge Healthcare Tecnologies Gruppo La Pasca Fardis Fontana Pelletterie Gefran Gruppo Pam Farmacampania Foppapedretti Georg Fischer Pfci GS Gruppo Carrefourwww.simcoconsulting.it 5Info e adesioni: tel. 0239325605 - fax 0239325600 - E-mail: formazione@simcoconsulting.it
  7. 7. Simco è... Previsione della Domanda e Gestione delle Scorte La funzione strategica della catena logistica, oltre ad eseguire in modo efficiente i processi fisici, deve essere caratterizzata da una precisa visione imprenditoriale circa ciò che deve essere gestito ed in quale quantità, in funzione sempre di precisi obiettivi di livello di servizio e di costi. Migliorando lo stock management si può dar luogo alla contemporanea riduzione dei costi e all’aumento della disponibilità dei prodotti, fino al punto di equilibrio ottimale, che è unico per ogni Azienda. Il metodo utilizzato Analisi della situazione attuale Le principali aree di intervento Verifica degli obiettivi aziendali (livello di ser- • Analisi e revisione dei processi, degli strumenti e delle Risorse Umane vizio, riduzione degli immobilizzi), analisi dei costi di mantenimento a scorta, dei costi di coinvolte nella fase di approvvigionamento; stock-out e di quelli associati all’emissione • Analisi dello stato attuale delle scorte (rotazione, ABC, ABC incrociata, degli ordini, in modo da verificare la correla- livello di servizio etc.); zione tra i costi di gestione delle scorte e il li- vello di servizio. • Analisi dei costi di mantenimento a scorta e di emissione degli ordini, studio della tipologia della domanda ed impostazione di modelli per la previsione; Individuazione della soluzione ottimale • Stima dei vantaggi derivanti da una migliore gestione della previsione e Classificazione degli articoli secondo le ca- delle scorte; ratteristiche della domanda, definizione delle • Politiche ottimizzanti di gestione delle scorte e di acquisto (push / pull, lotti, politiche di gestione e valorizzazione dei re- lativi parametri operativi (scorta di sicurezza, livelli di riordino, scorta di sicurezza, etc.); lotto economico, periodo di riordino, etc.). • Valutazione della copertura funzionale e dell’adeguatezza degli strumenti Simulazione dei risultati ottenibili sullo stock specifici dei software già a disposizione (ERP); valutazione della convenienza e sul servizio con applicazione delle tecni- che classiche con strumenti avanzati di SCM ad adottare strumenti software avanzati; (procedura di assessment), valutazione dell’ef- • Riorganizzazione della funzione approvvigionamento, nell’ottica della ficace applicabilità degli strumenti informa- Supply Chain e dell’adozione di software avanzati; tici già disponibili in azienda, valutazione di convenienza tecnico/economica circa l’uso di • Affiancamento nelle fasi di implementazione del software e delle relative software specifici per il Supply Chain Mana- procedure; gement. Definizione dell’organigramma della • Verifica periodica dell’efficacia delle soluzioni adottate, tramite la rianalisi funzione approvvigionamento e dei processi di business più adeguati. dei dati prestazionali (livello di servizio, rotazione scorte etc.); • Progetti “pilota” di riduzione delle scorte e/o miglioramento del servizio; Assistenza nell’implementazione Introduzione delle procedure operative, para- • Formazione e affiancamento degli approvvigionatori sul corretto impiego metrizzazione dei software già disponibili in e parametrizzazione dei moduli software e delle procedure aziendali per il azienda o di nuovo acquisto, interfaccia con procurement. gli altri programmi/funzioni aziendali, assisten- za nel periodo transitorio di “messa a regime”. Monitoraggio dei risultati Verifica periodica, tramite applicazione delle tecniche di auditing, dello stato delle scor- te e dell’efficacia delle soluzioni scelte, fine tuning dei parametri di gestione del sistema adottato. Hafliger Fap Ist. Naz. Studio e Cura dei Tumori Lamborghini Color Malerba HDS Food Services - divisione Robo Italcogim Lamm Mandelli Sistemi Helman Elettronica Italfarmaco Legacoop Toscana Manuli Rubber Industries Ica Itriafarma Legrand Marchiol Id Export Iveco Lenze Gerit Mattel IDG Iveco Aifo Leroy Merlin Italia Mazzoleni Ime Johnson & Johnson Levi Strauss Italia Meloni Walter Impronta Italgraniti Kerakoll Lindt Merck Sharp & Dohme Italia Industrie Cartarie Tronchetti Klockner Commerciale Logicor Metal Work Infoto Konica Minolta Italia Logistica 93 (L’Oreal) Mevis Ingross Carta Giustacchini Kronosan Lombardini Migliore Inipress L.d.l. Logistica Distrib. Lombarda Lotto Sport Italia Miroglio (Vestebene) Instrumentation Laboratory L`Oréal Saipo Industriale Luisa Spagnoli Moeller Interporto Rivalta Scrivia L.T. Terraneo Luxottica Group Motovario Irce La.pa.sca Macchingraf Nastri6 www.simcoconsulting.it Info e adesioni: tel. 0239325605 - fax 0239325600 - E-mail: formazione@simcoconsulting.it
  8. 8. Simco è... Trasporti Nell’ambito dei costi della distribuzione fisica (trasporti, scorte, magazzino, amministrazione della distribuzione), i costi dei trasporti incidono mediamente quasi la metà del totale. Naturalmente si possono evidenziare degli scostamenti rispetto alla media, in relazione allo specifico settore merceologico preso in esame, essendo, ciascuno, caratterizzato da peculiarità di natura fisica ed economica dei prodotti (densità di valore) e da necessità di servizio del mercato. Il metodo utilizzato Analisi della situazione attuale Le principali aree di intervento dei trasporti Molte volte le aziende affrontano il problema della riduzione dei costi di Rilievo analitico dei costi (interni ed trasporto agendo prevalentemente sulla competitività che riescono a generare esterni) connessi ai trasporti ed alle attività tra gli operatori del settore; in realtà è necessario avere un approccio a più strettamente correlate. Analisi delle origini ampio spettro così da coinvolgere gli aspetti organizzativi e di pianificazione e destinazioni dei trasporti e calcolo del delle attività, definire le modalità tariffarie più interessanti, saper individuare parametro di riferimento per i calcoli di facilmente gli operatori più convenienti per una determinata consegna/ convenienza (€/kgkm, €/mckm, altro specifico). destinazione, individuare e gestire un adeguato set di indicatori di costo e di Valutazione del livello di servizio espresso e prestazione (solo misurando si è in grado di migliorare). delle aspettative aziendali e dei clienti Molto spesso non vengono prese in considerazione le opportunità che Definizione network ottimale si possono cogliere agendo su aspetti collaterali al trasporto come ad Si definiscono opzioni strategiche, esempio la natura e la tipologia degli imballi o delle Unità di Spedizione e la tecnologiche ed organizzative per eliminare collaborazione di filiera a monte con i fornitori e a valle con i clienti. i punti di debolezza e raggiungere livelli di eccellenza. Le soluzioni alternative Simco interviene per migliorare le prestazioni e diminuire i costi di trasporto vengono analizzate (anche con l’uso di provvede a: complessi strumenti informatici) e descritte • Analizzare i flussi di traffico, ridefinire le tratte ed i giri di consegna approfonditamente in termini di risultati impiegando avanzati algoritmi matematici sviluppati su specifici ottenibili, budget, ritorno dell’investimento, software di ottimizzazione; costi di esercizio, flessibilità operativa, tempi • Determinare i livelli di saturazione degli automezzi e definire le migliori di realizzazione e rischi. modalità di carico; Realizzazione progetto • Valutare la convenienza di scelte “make or buy” nell’ambito della gestione Si sviluppano le azioni tese al conseguimento dei trasporti, selezionare gli operatori del settore e fornire assistenza al e consolidamento dei miglioramenti tender; individuati nelle fasi precedenti, le priorità • Analizzare e valutare i contratti in essere e determinare la struttura e la tempistica; verrà attivato, organizzato e tariffaria e il modello contrattuale ottimale anche alla luce dei più recenti supportato il Gruppo di Lavoro. sviluppi normativi; Monitoraggio dei risultati. • Progettare e installare cruscotti per il controllo dei KPI dei trasporti Verifica periodica tramite tecniche di auditing realizzati con tecniche di Business Intelligence; dello stato dei trasporti. • Formare e supportare le Risorse Umane coinvolte nel processo di distribuzione, definendone il ruolo e le mansioni in un quadro più ampio di revisione organizzativa mirante ad ottenere maggiori livelli di efficacia ed efficienza. Natex International Trade Orsi Macchine Tessili Pneus 2000 S.a.f.a.r. Neopharmed Ospedale Sant’Anna Ponti Sacchi Giuseppe Neon Toma Osram Porta Sacmi Imola Nestle’ Italiana Oto Melara Prada Industrial Safilo Industrie Net Engineering P3 Prati Samsung Nexion Paglieri Sell System Primadonna Saratoga Sforza Nordica Panasonic Italia Reckitt Benckiser Italia Scaramuzza Novartis Para’ Revello Seacsub Nuova Moscato Pelucchi Rhiag Selegiochi Nuova Roj Electrotex Pharmaidea Rhone Poulenc Agro Sept Italia Nuova Signorini Philips Italia Riccobono Shell Italia NYK Logistics Italy Pioneer Italia Riello Bruciatori Legnago Sia Biffignandi Oleodinamica Perderzani & Zini Piovan Roche Diagnostics Siae Microelettronica Olitalia Pittarello Diffusion Rossini Trading Sicad OMB Saleri Plasson Italia Unipersonale Rummo Molino E Pastificio Sidelwww.simcoconsulting.it 7Info e adesioni: tel. 0239325605 - fax 0239325600 - E-mail: formazione@simcoconsulting.it
  9. 9. Simco è... Outsourcing L’outsourcing delle attività logistiche in Italia è una prassi decisamente consolidata per quanto concerne i trasporti (ormai quasi nessuna azienda possiede un’importante flotta di camion) mentre vive fasi di alterna fortuna per quanto riguarda le attività connesse alla gestione dei magazzini (housing ed handling) facendo rilevare, tra l’altro, una propensione a tale prassi operativa più bassa della media europea. Il metodo utilizzato Studio di Fattibilità Le principali aree di intervento Per prima cosa è necessario conoscere con Indubbiamente decidere di affidare in outsourcing la propria logistica esattezza i costi attuali concernenti l’hou- implica effettuare delle scelte che hanno un impatto rilevante e complesso sing e l’handling e il conseguente livello di sull’azienda: si devono affrontare temi di carattere logistico, commerciale, servizio che esprime; quindi sulla base delle necessità operative e delle previsioni azien- finanziario, economico, etico con risvolti che sicuramente si riversano sulla dali concernenti gli aspetti logistici si valuta- sfera strategica aziendale, piuttosto che su quella tattica. Per questo motivo no una serie di ipotesi alternative quali, ad le scelte non sono mai semplici da prendere e richiedono un percorso esempio: riorganizzazione del magazzino esi- d’analisi ben articolato per evitare di sbagliare, tenendo anche conto che dare stente, realizzazione di una nuova unità par- in outsourcing la logistica è un processo, come già si è detto, abbastanza zialmente terziarizzata, affidare il magazzino ad una Terza Parte Logistica. Il confronto tra complicato ma può essere ancora più complesso affrontare il percorso inverso, le diverse situazioni permette di individuare cioè riportasi “in casa” la propria logistica a seguito di un ripensamento o di la migliore opzione quantificando oneri e ri- un insuccesso del provider. sparmi e di identificare le fasi e i tempi della Simco, assieme a voi, può: trasformazione. • Valutare la convenienza economica, e non solo, a scegliere l’outsourcing Assistenza alla realizzazione della propria logistica procedendo a confrontare i costi attualmente Si provvederà alla pianificazione delle fasi e sostenuti (eventualmente corretti affrontando un percorso di dei tempi di realizzazione e quindi ad assiste- miglioramento interno dell’efficienza del magazzino) con quelli che re lungo tutto il processo: dall’individuazione e scelta del Provider logistico (definendo gli potrebbe esporre una Terza Parte Logistica. In questa fase si metteranno aspetti tecnici, prestazionali e contrattuali in evidenza anche tutti gli aspetti, positivi e negativi, che potrebbero del servizio di outsourcing) alla gestione del concorrere a prendere la decisione se terziarizzare oppure no. trasloco e la fasi di avviamento del servizio. • Pianificare le tappe del processo di outsourcing e assistere il proprio Controllo periodico dell’efficienza Cliente nelle seguenti fasi: Successivamente alla messa in funzione si - redazione delle specifiche funzionali e tecniche per il tender di verificano i risultati effettivamente raggiun- assegnazione del servizio ti e le cause di eventuali scostamenti dagli - definizione dell’articolazione tariffaria alla quale dovranno attenersi obiettivi che erano stati prefissati e si stabi- liscono i nuovi obiettivi da raggiungere, con le 3PL che partecipano al tender logiche di “miglioramento continuo”. - identificazione dei KPI che serviranno per misurare la qualità del servizio espresso dalla 3PL e per impostare un sistema di “premi e penali” - audit logistico delle 3PL interpellate ed in particolare dei siti in cui propongono di effettuare il servizio raccolta, commento, omogeneizzazione e tabulazione tecnico/economica delle offerte, assistere nella scelta della 3PL, assistere nelle fasi di trasformazione e nell’avviamento delle attività di outsourcing. Siem Starline Thermoquest Italia Volkswagen Sika Italia ST Microelectronics Thun VRB Silvio Colombo Studiofarma Tipografia Mori & C. Wavin - Divisione Plastistamp Sirap-Gema Subaru Tnt Logistics Italia Weidmuller Sitia Yomo Super Rifle Toninelli Zanotti Skf Cuscinetti T.C. Logistics Trench Italia Zust Ambrosetti Snam Rete Gas T.i.e.m. Trione Ricambi So.farma.morra Tamma Trw Automotive Italia Sofad Targetti Sankey Uniflex Utiltime Sol Telesystem Unione Farmacisti Liguri Solplant Zeneca Tempur Usag-utensilerie Associate Sosir Terzia V.E.M. Spal Automotive Teva Italia Valuer Spemital Texpro Valvosider Staples The General Soft Drinks Vibram8 www.simcoconsulting.it Info e adesioni: tel. 0239325605 - fax 0239325600 - E-mail: formazione@simcoconsulting.it
  10. 10. Simco è... Formazione in house o personalizzata Simco, dal 1981 svolge con successo attività di consulenza e ritiene necessario che le persone siano preparate professionalmente e quindi che la formazione costituisca una delle principali leve per la competitività aziendale. SIMCO, oltre alla formazione a catalogo, offre la possibilità di progettare interventi formativi in house. La formazione in house si caratterizza come un processo che tende a risolvere problemi ben precisi, innescando comportamenti efficaci da parte di coloro che, nello specifico contesto Il metodo utilizzato aziendale, devono affrontare e gestire le varie situazioni. SIMCO interviene Analisi preliminare Si definiscono le specificità dell’intervento sulle capacità tecniche e teoriche senza però mai dimenticare quelle attraverso la definizione dei reali bisogni indi- manageriali (quali la motivazione, l’assertività, il lavoro in team) sempre più viduando piani di formazione su competenze fondamentali in un’epoca in cui la valenza della delega e il raggiungimento specifiche. degli obiettivi hanno assunto un’importanza strategica. Fase di intervento Il Docente alterna sessioni di formazione Al fine di rispondere al meglio alle caratteristiche di ogni realtà aziendale, in aula con momenti di colloqui personali vengono progettati e realizzati percorsi formativi su misura concepiti o collettivi in cui affrontare la specificità del problema. La dilazione della fase di inter- sulle specifiche esigenze del cliente attraverso un’analisi dettagliata delle vento assicura un duplice risultato: da un problematiche del settore di appartenenza della società. lato l’alternanza di sessioni formative e di momenti lavorativi migliora l’assimilazione La formazione in house consente di personalizzare e concordare nel dettaglio delle nozioni teoriche (immediata applicabi- i contenuti, la durata, le metodologie didattiche, il numero dei partecipanti e lità e riscontro day by day), dall’altro diluisce l’impegno, in termini di ore, dei partecipanti. gli aspetti organizzativi legati alla logistica, conciliando le date dei corsi con L’utilizzo di di strumenti avanzati come l’e- la disponibilità dei partecipanti e con le esigenze aziendali. learning garantisce il massimo dei risultati ottimizzando il rapporto costi/benefici. L’obiettivo di questi progetti è quello di accrescere le competenze e la Follow-up motivazione del personale creando percorsi didattici che abbiano un forte e È la fase del riscontro in cui si valuta l’effica- duraturo impatto, che incidano sulla cultura aziendale comune e sul senso di cia dell’intervento formativo. In questa fase si opera mediante colloqui e questionari che appartenenza e che consentano un’ottimizzazione dei costi. tengono in considerazione sia l’apprendimen- to specialistico che quello manageriale. I servizi proposti da SIMCO sono: Docenti L’esperienza di Simco nell’ambito della • ASSESSMENT DELLE COMPETENZE consulenza diventa preziosa negli interventi di formazione, dove la competenza e l’esperienza è un progetto di consulenza che permette di individuare le competenze del consulente sono necessarie tanto quanto la richieste dai ruoli, analizzare le capacità tecniche e/o relazionali delle chiarezza e la capacità di coinvolgimento del persone, individuarne i punti di forza e di debolezza, proporre i percorsi formatore. I nostri Docenti sono tutti consulenti esperti e sono formati e competenti nella formativi idonei a riequilibrare i gap di competenze. gestione dell’aula. • FORMAZIONE FINANZIATA un’ottima opportunità per le aziende che vogliono investire nella formazione: la possibilità di sviluppare progetti formativi (anche molto articolati), a costo zero, usufruendo di circa 20 fondi interprofessionali presenti in Italia. Simco ha, da oltre quindici anni, la certificazione di qualità secondo la norma ISO 9001:2008 per i settori EA35 e EA37 necessaria per la formazione finanziata. • SVILUPPO DELLE COMPETENZE percorsi di sviluppo di competenze specifiche che prevedono l’utilizzo UNI EN ISO 9001: 2008 integrato di molteplici modalità formative: formazione d’aula, assessment, N° 9175 SMCO ricerche sul campo, affiancamenti, etc. . Settori: EA 35 – EA 37www.simcoconsulting.it 9Info e adesioni: tel. 0239325605 - fax 0239325600 - E-mail: formazione@simcoconsulting.it
  11. 11. • FORMAZIONE IN HOUSE BLENDED L’obiettivo di questo modello formativo è integrare l’aula classica (animata da docenti esperti e preparati) con le tecnologie informatiche più innovative a supporto dell’apprendimento. La modalità “blended” non punta ad attribuire priorità a nessuno dei suoi momenti formativi, entrambi, quello in presenza e quello on-line, sono funzionali al perseguimento dell’unico vero obiettivo: il miglioramento costante e duraturo degli atteggiamenti e delle competenze. La sfida, quindi, diventa quella di scegliere, per ogni modulo del programma formativo, la modalità che presenta il miglior rapporto costi/benefici: più spazio all’approfondimento di temi specifici, al confronto tra docente e discenti, ai casi aziendali, alle esercitazioni e ai role play. • FORMAZIONE ON THE JOB offre l’importante possibilità di attivare un processo di apprendimento strettamente legato all’operatività quotidiana rinunciando, almeno parzialmente, alla lezione in aula per apprendere lavorando. • TUTORING IN AZIENDA l’acquisizione di nuove forze in azienda, o l’utilizzo di lavoro temporaneo, non implica solo un adeguato percorso formativo ma anche un’attenta fase di inserimento. Un esperto SIMCO, dopo aver scelto con la Direzione il tutor interno, progetterà assieme a quest’ultimo il piano di inserimento e affiancamento della nuova risorsa. • AFFIANCAMENTO IN AZIENDA permette di individuare (monitoraggio delle risorse), consolidare (redazione di Percorsi di sviluppo professionali) e far affermare (sviluppo delle capacità strategiche) le risorse di maggior talento all’interno dell’Azienda. Tra i nostri clienti: A.G.I.M.E. CIS REGGIO EMILIA GONDRAND PROMATECH ABB TRASFORMATORI CMS GRUPPO BONAZZI RASPINI ADIDAS ITALIA COBRA GRUPPO CONCORDE RECKITT BENCKISER ITALIA AD PERSONAM CO.FA.PI. GS CARREFOUR RED BULL ALCANTARA CO.SA.FA.CA. HALLIBURTON ITALIANA SAF AMC ITALIA CO.TA.FAR.TI. IBM SANOFI AVENTIS AMPLIFON COCA-COLA INCAS SEEBER ANDREAS STIHL CODIME INTERPORTO RIVALTA SCRIVIA SELEGIOCHI ARCESE COMAU - UTS ISFOR 2000 BRESCIA SERVIZI INDUSTRIALI DI BERGAMO ARVIN COOFARMA SALENTO ISPADUE SICREM ASL 20 ALESSANDRIA E TORTONA COOP ITALIA ITALFARMACO SIDEL ASL 21 CASALE MONFERRATO COOPSERVICE ITAM SIEI PETERLONGO ASS. INDUSTRIALI DI AREZZO CORGHI IVECO SIEMENS NIXDORF ASSOCIAZIONE SISTEMI FORMATIVI COROFAR JUNGHEINRICH ITALIANA SIPRA AZIENDALI VALLE SERIANA COVEMA VERNICI KIEPE ELECTRIC SISMA ASSOSERVIZI AREZZO DE BORTOLI LA.PA.SCA. SMA SUPERMERCATI ATENA SERVIZI DIESEL LABEN SMEG AZ. OSPED. O.I.R.M. S.ANNA DISTRIBUZIONE INDUSTRIALE LASCOR AZ. OSPED. S.ORSOLA MALPIGHI DRIVE SERVICE LEVI STRAUSS ITALIA SO.FARMA.MORRA BESANA ELABORA - FONCOOP LOG.O SPEEDLINE BOLDRINI IMPORT-EXPORT ELECTROLUX HOME PRODUCTS LUISA SPAGNOLI STANHOME BON PRIX ELETTRO ITALIA MATTEL TOYS STAPLES - KALAMAZOO BTICINO FABRIZIO ING. PLINIO MB ELETTRONICA STAPLES - MONDOFFICE BULLONERIE BERARDI FAE MOTOVARIO SUPER RIFLE CAMERA DI COMMERCIO PAVIA FARVIMA MEDICINALI NESTLE’ ITALIA SUSPENSION SYSTEMS ITALIA CAMERA DI COMMERCIO PISA FEDON NEW WAVE LOGISTICS ITALY TECNOMOTOR CAPRARI FEDRIGONI NEXION TEXTILE PRODUKTE CE.DI. CONAD PUGLIA FIAT AUTO OCEAN THUN CEMP FISCHER OLIVETTI TECNOST TITANTEX CENIGOMMA FLORA OM PIMESPO TRASFOR CENTONZE FONDAZIONE MUSEO ORSI TRENCH CENTRALE DEL LATTE DI TORINO DELLO SCARPONE PARTESA TRIONE RICAMBI CERTAM FOSBER PROBIOS VOLKSWAGEN CFMT FRESENIUS MEDICAL CARE ITALIA PROFILMEC YAMAHA CHIRON GHIAL PROFILTUBI ZANOTTA10 www.simcoconsulting.it Info e adesioni: tel. 0239325605 - fax 0239325600 - E-mail: formazione@simcoconsulting.it
  12. 12. Offerta dei Corsi Logistica pag. 12 Outsourcing e Trasporti pag. 26 Produzione pag. 33 Acquisti pag. 40 Risorse Umane pag. 49 Marketing e Vendite pag. 54 After Sales pag. 60 Workshop pag. 67www.simcoconsulting.it 11Info e adesioni: tel. 0239325605 - fax 0239325600 - E-mail: formazione@simcoconsulting.it
  13. 13. Logistica
  14. 14. LogisticaL01 Gestione della logistica: fondamenti Concetti base dei processi logistici Il seminario è destinato alle persone PROGRAMMA che devono cominciare a confrontarsi • La logistica oggi con le problematiche inerenti le attività L’evoluzione della logistica di magazzino e, più in generale, con la Il processo logistico e il vantaggio competitivo gestione logistica. Il servizio al cliente Partendo dal concetto di logistica integrata L’integrazione interna ed esterna: l’Azienda estesa vengono introdotti tutti gli aspetti La supply chain fondamentali relativi agli elementi che • I segmenti della logistica costituiscono il sistema logistico: dalla Gli approvvigionamenti gestione degli approvvigionamenti e delle La gestione delle scorte scorte alle fasi di produzione e distribuzione. La pianificazione e la programmazione della produzione L’evasione dell’ordine e la struttura distributiva I trasporti • Le attività e le strutture logistiche Il ricevimento delle merci e lo stoccaggio Le differenti tipologie di magazzino Il picking La distribuzione fisica • Il monitoraggio delle prestazioni e dei costi Il rapporto costo-servizio La misurazione delle prestazioni (KPI) L’indagine sul livello di servizio L’Activity Based Costing Il benchmarking Il reporting e i cruscotti • L’Information Technology e la gestione delle informazioni I sistemi integrati di comunicazione e gestione L’Identificazione automatica e la trasmissione delle informazioni I software di gestione operativa (WMS) • L’outsourcing logistico I perché della terziarizzazione La progettazione e la realizzazione della terziarizzazione Durata e costi Le tendenze Durata: 2 giorni 28/29 maggio 2013 26/27 novembre 2013 Orario: 9.00 – 17.30 QUOTA EURO 1.300 + IVA Include il materiale didattico, coffee break e colazione di lavoro Rif. L01 A chi è indirizzato Obiettivi Neo logistici • dare una visione generale della Logistici da riqualificare gestione di un sistema logistico Tutti coloro che devono acquisire le • fornire gli strumenti conoscitivi conoscenze di base dei processi logistici per di base per affrontare i principali problemi connessi alle fasi operative applicarle concretamente in azienda www.simcoconsulting.it 13 Info e adesioni: tel. 0239325605 - fax 0239325600 - E-mail: formazione@simcoconsulting.it
  15. 15. LogisticaL02 Supply Chain Management Strategia, pianificazione e operation Una visione globale della catena logistica, PROGRAMMA dal fornitore del nostro fornitore al cliente • Da Azienda tradizionale ad Azienda Estesa del nostro cliente è l’elemento base L’evoluzione della logistica per l’ottimizzazione della Supply Chain Il processo logistico e il vantaggio competitivo definendone le strategie e realizzando la Nuove esigenze del cliente e nuova cultura aziendale migliore organizzazione, anche grazie alle L’evoluzione nella gestione dei processi tecnologie oggi disponibili. Questo modo • La supply chain di vedere la catena logistica pone l’Azienda Definizione al centro di un insieme di flussi, d’acquisto, Le aspettative delle aziende di produzione e di vendita, che va al di là Le logiche organizzative della semplice installazione di un nuovo Gli obiettivi e le opportunità sistema informativo, o del miglioramento • Il Supply Chain Management (SCM) organizzativo di una funzione aziendale. Gli obiettivi strategici del SCM Si deve prima stabilire la strategia e L’organizzazione, la gestione e gli strumenti l’organizzazione dell’impresa, passando • Gli approvvigionamenti e le scorte da una visione puntuale ad una gestione La gestione strategica degli approvvigionamenti globale, individuando le attività con Il marketing d’acquisto valore aggiunto capaci di controbilanciare L’evoluzione del concetto di scorta l’erosione dei prezzi di vendita. La matrice incrociata scorta-movimentazione I modelli di gestione delle scorte • La logistica di produzione Gli elementi di base La pianificazione e la programmazione della produzione • La distribuzione. Fase finale del processo logistico Le reti distributive La gestione dell’ordine Le strutture fisiche dei Centri Distribuzione La gestione dei trasporti • La realizzazione e il mantenimento della supply chain Le fasi di realizzazione Gli strumenti di monitoraggio e i supporti informatici Durata e costi Durata: 2 giorni 05/06 marzo 2013 24/25 settembre 2013 Orario: 9.00 – 17.30 QUOTA EURO 1.300 + IVA Include il materiale didattico, coffee break e colazione di lavoro Rif. L02 A chi è indirizzato Obiettivi Responsabile Logistica • evidenziare l’evoluzione del Responsabile Produzione mercato e le attese che questo ha Responsabile Vendite verso il sistema logistico Material Manager • approfondire la conoscenza di Responsabile Distribuzione fisica ciò che può fornire vantaggio competitivo • promuovere un confronto fra le esigenze dei partecipanti 14 www.simcoconsulting.it Info e adesioni: tel. 0239325605 - fax 0239325600 - E-mail: formazione@simcoconsulting.it
  16. 16. LogisticaL03 Programmare il servizio logistico Strategia, implementazione e controllo di costi e risultati Per la prima volta a partire dagli anni ’80, PROGRAMMA accreditati enti internazionali di ricerca • Introduzione mettono in evidenza un’inversione di L’evoluzione della logistica tendenza nell’andamento dei costi logistici. L’evoluzione del mercato Nel pieno di una delle crisi economiche I fattori critici per le aziende internazionali più severe della storia • Il livello di servizio contemporanea, l’incidenza dei costi L’importanza e la necessità di avere obiettivi quantitativi e condivisi logistici sul fatturato ha cominciato a Il livello di servizio: definizione crescere. La spiegazione di questo apparente La soglia di sensibilità e lo sviluppo del livello di servizio paradosso risiede molto probabilmente La matrice costo-servizio nell’importanza attribuita alla possibilità Il servizio atteso-programmato-realizzato di creare valore per il Cliente attraverso la La ricerca della situazione ottimale logistica, che nel livello di servizio esprime • Livello di servizio vs scorte il fattore critico di successo in un mercato Il livello di servizio ed il legame con le scorte spesso saturo, livellato dal punto di vista I costi dello stock della qualità del prodotto ed estremamente Le principali leve per l’aumento del livello di servizio aggressivo sul fronte dei prezzi. • Livello di servizio vs magazzino Le prestazioni che influiscono sul livello di servizio logistico I costi di housing e di handling La relazione tra costi e prestazioni Le principali leve per l’aumento del livello di servizio • Livello di servizio vs trasporti Tempi di resa, track & tracing e collaborazione col trasportatore Le logiche tariffarie Le principali leve per l’aumento del livello di servizio • Il controllo del servizio e dei costi Indagine per la comprensione dell’approccio organizzativo al servizio al Cliente Il grado di soddisfazione dei Clienti KPI, la misurazione delle prestazioni La pianificazione e il controllo • La costruzione di un sistema di controllo delle performance logistiche I Sistemi Informativi come sorgenti dati Durata e costi ETL e Data Warehousing La struttura e l’articolazione dei report Durata: 1 giorno 07 maggio 2013 05 novembre 2013 Orario: 9.00 – 17.30 QUOTA EURO 800 + IVA Include il materiale didattico, coffee break e colazione di lavoro Rif. L03 A chi è indirizzato Obiettivi Direttore Logistica • quali barriere organizzative/ • individuare gli strumenti per il Supply Chain Manager logistiche incontra il servizio al controllo del servizio Cliente Direttore Marketing • definizione del livello di servizio Direttore Vendite • monitorare il livello di servizio Responsabile Customer Service • misurare i costi logistici Inoltre a chi voglia approfondire il ruolo della logistica nella gestione del servizio al Cliente. www.simcoconsulting.it 15 Info e adesioni: tel. 0239325605 - fax 0239325600 - E-mail: formazione@simcoconsulting.it
  17. 17. LogisticaL04 Progettare o ottimizzare la rete di distribuzione Come rispondere all’aumento delle necessità di servizio senza penalizzare i costi Per ogni Azienda, l’individuazione dello PROGRAMMA schema distributivo che sia in grado di • La distribuzione moderna garantire un livello di servizio di eccellenza Ruolo nell’ambito dell’organizzazione logistica (tale cioè da configurarsi come un vero La distribuzione e le altre funzioni aziendali e proprio fattore distintivo rispetto ai Tipologia di reti distributive e nuove tendenze competitori) minimizzando però il complesso • La distribuzione e il livello di servizio dei costi – tra loro in antagonismo – relativi L’evoluzione del mercato alla gestione dei magazzini, alla consistenza Quali obiettivi? delle scorte e all’effettuazione dei trasporti, Il Livello di Servizio: la misura dell’efficacia risulta essere un passo strategico nonché • I costi della distribuzione un esercizio altamente sfidante, che può Efficienza: la misura dei costi essere affrontato con successo solamente Magazzino, Scorte, Trasporti se si dispone di un metodo adeguato e Interdipendenza dei costi della conoscenza delle più attuali tecniche • L’ottimizzazione della rete: progetto strategico o manageriali e degli strumenti di analisi ed miglioramento continuo? operativi maggiormente prestanti. Elementi per la modellizzazione della rete Comparare scenari alternativi, o ricerca dell’ottimo teorico? La definizione del numero e del tipo di magazzini. Tecniche, metodi e strumenti per la soluzione di problemi complessi Il problema dell’allocazione delle scorte nella rete • Le principali leve per il raggiungimento degli obiettivi La definizione dell’assetto organizzativo Strategie e politiche di ri/approvvigionamento Le modalità di trasporto Make or buy? Quando Usare al meglio le opportunità offerte dalle 3PL • Gli strumenti ICT per l’ottimizzazione Strumenti di pianificazione, ottimizzazione e controllo (una panoramica) Tracciabilità e localizzazione • Green logistics: prospettive, opportunità, vincoli • Casi aziendali Durata e costi Durata: 2 giorni 14/15 maggio 2013 07/08 novembre 2013 Orario: 9.00 – 17.30 QUOTA EURO 1.300 + IVA Include il materiale didattico, coffee break e colazione di lavoro Rif. L04 A chi è indirizzato Obiettivi Direttore Generale, Direttore Operations • fornire il metodo e gli strumenti di Responsabile Supply Chain indagine e di progetto per valutare e Responsabile logistica ridisegnare la propria rete distributiva Responsabile distribuzione fisica, coniugando costi e livello di servizio Responsabile magazzino • definire quanti magazzini,quanti depositi Responsabile trasporti e piattaforme, quali scorte ai vari livelli, A tutti coloro che vogliano attuare un processo tipi di rifornimenti (push o pull), etc. di miglioramento in magazzino 16 www.simcoconsulting.it Info e adesioni: tel. 0239325605 - fax 0239325600 - E-mail: formazione@simcoconsulting.it
  18. 18. LogisticaL05 Progettare o riorganizzare un magazzino Requisiti, controllo, tecnologie, organizzazione e layout per avere un magazzino efficiente Il servizio logistico che l’Azienda è in grado PROGRAMMA ON LINE di erogare ai suoi Clienti è fortemente legato • La logistica e il magazzino alla qualità e all’efficienza del magazzino. Le necessità e i costi Il magazzino ha un obiettivo preciso: da Gli indicatori di prestazione centro di costo deve evolvere verso centro • Il magazzino e il livello di servizio L’importanza del servizio e i costi del servizio di servizio e di profitto. Gli obiettivi del servizio Questo obiettivo non è raggiungibile solo attraverso tecnologie e attrezzature • Il magazzino e la struttura distributiva La gestione delle merci e delle informazioni di stoccaggio e movimentazione Le reti distributive: assetto, servizio e costi adeguate. E’ sempre più necessario • Il magazzino e la gestione delle scorte strutturare e governare le informazioni di Le scorte: attività collegate e costi magazzino secondo indirizzi orientati alla L’analisi ABC incrociata catena logistica; individuare modelli di PROGRAMMA IN AULA organizzazione del lavoro costruiti sulle • La gestione delle Risorse Umane e le procedure di lavoro L’organizzazione del personale: le fasi evolutive nuove necessità del mercato; controllare e Le Risorse Umane in magazzino: la motivazione migliorare le prestazioni dell’impianto per Le procedure operative: scopo, utilizzo, applicazione avere il massimo dalle sue risorse. • La progettazione del magazzino Il corso analizza i temi sopra elencati, Il Master Plan, il Modello Ideale, il Layout evidenziando la forte integrazione che esiste La progettazione integrata e le sue fasi Lo studio di fattibilità: il metodo, il team di progetto, i dati, la valutazione del fra un buon progetto ed un risultato finale progetto che rispecchi gli obiettivi dell’intervento, L’Unità di Carico: tipologie e criteri gestionali sia di reingegnerizzazione parziale sia di Esercitazione: il pre-dimensionamento del magazzino nuova realizzazione. • Il magazzino e gli strumenti EDP Durante l’erogazione del seminario L’identificazione automatica: tecniche e strumenti La trasmissione dati senza cavo e i terminali mobili è prevista la presentazione di alcuni Il Software di Gestione Operativa case history realizzati da Simco e delle • I processi di magazzino esercitazioni collegate ai temi analizzati. L’ingresso, la gestione delle merci, i processi collaborativi Esercitazione: il dimensionamento dell’ UdC del magazzino Lo stoccaggio delle merci e i criteri di ubicazione Le tecniche di stoccaggio a confronto I mezzi di movimentazione interna: il corretto utilizzo Il picking: le problematiche generali Le attività di spedizione • Magazzini tradizionali e magazzini automatici Durata e costi I benefici dell’automazione Durata: 2 ore circa on line + 2 giorni di aula I vantaggi dell’automazione: cosa automatizzare 26/27 marzo 2013 - 09/10 maggio 2013 15/16 ottobre 2013 - 12/13 novembre 2013 • La realizzazione del magazzino Orario: 9.00 – 17.30 Un confronto fra soluzioni alternative di progetto La simulazione QUOTA EURO 1.300 + IVA Le azioni per una realizzazione efficace Include il materiale didattico, coffee break e colazione di lavoro • Case study Rif. L05 A chi è indirizzato Obiettivi Responsabile di Direzione • fornire elementi conoscitivi • simulare alcune importanti fasi di Responsabile della Logistica e metodologici legati progettazione del magazzino all’organizzazione, alle tecnologie, • promuovere un confronto fra le Responsabile del Magazzino alla realizzazione e alla messa in esperienze dei partecipanti Responsabile di Metodi e Organizzazione esercizio del magazzino Materials Manager www.simcoconsulting.it 17 Info e adesioni: tel. 0239325605 - fax 0239325600 - E-mail: formazione@simcoconsulting.it

×