MODELLI DI CIRCOLAZIONE  DELLA CONOSCENZA  E MEDIA EMERGENTI        Documentare    il progetto Classi 2.0         SILVIA P...
Web 2.0 e intelligenza collettiva“Che cosè lintelligenza collettiva? In primo luogo bisogna riconoscere che   lintelligenz...
LA CONOSCENZA NELL’ERA                  CONTEMPORANEA“Si tratta di superare un’interpretazione della conoscenza come   rap...
COLLABORAZIONE COME METODO DI                 APPRENDIMENTOCOOPERATIVE LEARNINGIl metodo del cooperative learning (lett. a...
DISPOSITIVI NARRATIVI DEL WEB 2.0 BLOG un vero e proprio “diario on line”, gestito da un solo docente o da    un gruppo di...
DATA MININGRE-MEDIATIONKNOWLEDGE BUILDINGKNOWLEDGE BASEKNOWLEDGE SHARINGKNOWLEDGE MANAGEMENTRAPPRESENTAZIONE DELLA CONOSCE...
QUALIMODELLI?
1.DAVENPORT (1997)CONOSCENZA COME BENE TANGIBILE,  SCAMBIABILE SUL MERCATO. KM COME  DATABASE STRUTTURATO
NONAKA (1995)                   2.CONOSCENZA TACITA/IMPLICITA, DIFFICILE DA  OGGETTIVARE, RIGUARDA PREVALENTEMENTE LA  CON...
3.SENGE, WEICK (1990)CONOSCENZA COME INTERPRETAZIONE. IL KM E’ UN  IMPORTANTE ELEMENTO DI MEDIAZIONE TRA PUNTI DI  VISTA D...
WENGER (1998)                    4.CONOSCENZA GENERATA TRAMITE PROCESSI SOCIALI,  DUALITA’ TRA SOGGETTO E COMUNITA’. LA CO...
SOLUZIONIADOTTATE
REPOSITORY
REPOSITORY/DATABASEMODELLO MOLTO STRUTTUARTO E CENTRALIZZATO IN TERMINI DI  ORGANIZZAZIONE DELLA CONOSCENZA.Se e le conosc...
diahttp://www.indire.it/dia/
goldhttp://gold.indire.it/gold2/
limhttp://scuoladigitale.indire.it/lavagna
liber liberhttp://www.liberliber.it/home/index.php
REFERRATORIES
REFERRATORIESMETA-ARCHIVI CHE DECIDONO DI FEDERARSI CONDIVIDENDO  STRUTTURA, POLITICHE, FLUSSI DI LAVOROFEDERALISMO INFORM...
learning resource exchangehttp://lreforschools.eun.org/LRE-Portal/Index.iface
europeanahttp://www.europeana.eu/portal/
SOCIAL INFO
COMUNITA’FEUDALESIMO INFORMATIVO, se le sono comunità isolateANARCHIA INFORMATIVA, nessuna organizzazione tra gli  individ...
Classi 2.0http://puntoeduri.indire.it/afpi/login/
INTRANET
AMBIENTI MISTIL’intranet è una tipologia di modello misto in quanto è una   piattaforma sociale ma strutturata. Può conten...
eqnethttp://www.eqnet.eun.org/web/guest/project-partners
JUST-IN-TIME
FOCUS SULLA PERSONALIZZAZIONEPERSONALIZZAZIONE INFORMATIVAL’informazione e le conoscenze sono mirate agli utenti in   base...
ebook in progresshttp://www.bookinprogress.it/
MEDIA EMERGENTI
NEL 2010, C’E’ UNA LIM OGNI 7                 CLASSI                 LA CRESCITA DELLA PRESENZA                 DELLE LIM ...
LA VENDITA DI EBOOK SU AMAZON                 HA SUPERATO LA VENTIDA DI                 LIBRI CARTACEI                 NEL...
NUOVI MEDIA = NUOVI CONTENUTI       Contenuti per LIM     APPs per smartphone        APPs per tablet            Ebooks
FORMAT
ACCENTO SULLA MULTIMEDIALITA’MAGGIORI POSSIBILITA’ COMUNICATIVELa multimedialità sfrutta appieno il doppio codice comunica...
LA RICERCA ALL’ANSAS
editoria              e nuovi    PISTE DI                         RICERCA             contenuti              digitali     ...
KM E COMPETENZE DIGITALICosa sono le competenze digitali?Ricerca condotta nell’ambito di progetti ANSAS come:1. PON Didate...
KM E COMPETENZE DIGITALIFRAMEWORK DI RIFERIMENTO:@ UNESCO (2008). Competency Standards Modules.  ICT Competency Standards ...
PRECONDIZIONI PER LO SVILUPPO DELLE         COMPETENZE DIGITALIun setting scolastico tecnologicamente ricco ed integratoco...
PRECONDIZIONI PER LO SVILUPPO DELLE       COMPETENZE DIGITALIuna didattica che preveda la partecipazione attiva deglistude...
ALCUNI GAP DA COLMARE      Abilità tecnica          Capacità cognitivaUsare motori di ricerca   Impostare una ricerca     ...
classi 2.0http://www.scuola-digitale.it/classi2.0/
linkedhttp://linked.eun.org/web/guest/home
C   SLIDE #1: IMMAGINE DI SINISTRA ECOLOGIA E LIBERTA’    SLIDE #7: IMMAGINE DI JONATHAN URCHR    SLIDE #12: IMMAGINE DI F...
GRAZIE DELL’ATTENZIONE!
DOMANDE?
Circolazione conoscenze media emergenti
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Circolazione conoscenze media emergenti

341

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
341
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
7
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Circolazione conoscenze media emergenti

  1. 1. MODELLI DI CIRCOLAZIONE DELLA CONOSCENZA E MEDIA EMERGENTI Documentare il progetto Classi 2.0 SILVIA PANZAVOLTA, ANSAS MONTESILVANO, 15 MARZO 2011
  2. 2. Web 2.0 e intelligenza collettiva“Che cosè lintelligenza collettiva? In primo luogo bisogna riconoscere che lintelligenza è distribuita dovunque cè umanità, e che questa intelligenza, distribuita dappertutto, può essere valorizzata al massimo mediante le nuove tecniche, soprattutto mettendola in sinergia. Oggi, se due persone distanti sanno due cose complementari, per il tramite delle nuove tecnologie, possono davvero entrare in comunicazione luna con laltra, scambiare il loro sapere, cooperare. Detto in modo assai generale, per grandi linee, è questa in fondo lintelligenza collettiva.”PIERRE LÉVY, IN MEDIAMENTE http://www.mediamente.rai.it/home/bibliote/intervis/l/levy.htm
  3. 3. LA CONOSCENZA NELL’ERA CONTEMPORANEA“Si tratta di superare un’interpretazione della conoscenza come rappresentazione simbolica di un mondo esterno al discente, oggettivo e misurabile (approccio positivista) e favorire una concezione del sapere come risultato delle esperienze del soggetto che apprende o meglio come il risultato di un processo di costruzione sia individuale sia collettiva di significati concordati e di interpretazione dell’esperienza non predeterminate (approccio costruttivista)” (da "Il Glossario e-learning per gli operatori del sistema formativo integrato", a cura di V. Infante, Isfol, I libri del Fse, Roma, 2007).
  4. 4. COLLABORAZIONE COME METODO DI APPRENDIMENTOCOOPERATIVE LEARNINGIl metodo del cooperative learning (lett. apprendimento cooperativo) si richiama ad una concezione dell’apprendimento che prevede non solo il ruolo attivo dell’allievo nelle attività conoscitive; L’alunno è spronato a ricercare, trovare soluzioni ed esplorare il mondo che lo circondaPEER EDUCATIONPrincipale e prioritaria la relazione educativa, soprattutto tra pariCOSTRUTTIVISMO SOCIALEL’apprendimento cooperativo basa le sue radici sul costruttivismo sociale: da una scuola basata sull’insegnamento ad una basata sull’apprendimento. Piaget e Vygotskij parlarono di concetti come “l’area di sviluppo prossimale” e “l’interdipendenza positiva” o la strutturazione dei ruoli diventano fondamentali.RIFERIMENTILink di approfondimento: http://www.far.unito.it/trinchero/ac/cooperative.htm
  5. 5. DISPOSITIVI NARRATIVI DEL WEB 2.0 BLOG un vero e proprio “diario on line”, gestito da un solo docente o da un gruppo di insegnanti, anche con la collaborazione degli altri (alunni, colleghi, genitori ecc.); FORZA CENTRIFUGA WIKI una modalità di scrittura collaborativa (cfr. wikipedia) FORZA CENTRIPETA PODCASTING una modalità che permette la “portabilità” di contenuti audio- video su dispositivi mobili, quali il cellulare, l’i-pod, il lettore MP3, ecc.
  6. 6. DATA MININGRE-MEDIATIONKNOWLEDGE BUILDINGKNOWLEDGE BASEKNOWLEDGE SHARINGKNOWLEDGE MANAGEMENTRAPPRESENTAZIONE DELLA CONOSCENZATRASFERIMENTO DELLA CONOSCENZA
  7. 7. QUALIMODELLI?
  8. 8. 1.DAVENPORT (1997)CONOSCENZA COME BENE TANGIBILE, SCAMBIABILE SUL MERCATO. KM COME DATABASE STRUTTURATO
  9. 9. NONAKA (1995) 2.CONOSCENZA TACITA/IMPLICITA, DIFFICILE DA OGGETTIVARE, RIGUARDA PREVALENTEMENTE LA CONOSCENZA PROCEDURALE. CONOSCENZA ESPLICITA, PREVALENTEMENTE FATTUALE E’ PIU’ FACILE DA FAR CIRCOLARE. KM COME PROCESSO DI ESPLICITAZIONE DELLE CONOSCENZE TACITE
  10. 10. 3.SENGE, WEICK (1990)CONOSCENZA COME INTERPRETAZIONE. IL KM E’ UN IMPORTANTE ELEMENTO DI MEDIAZIONE TRA PUNTI DI VISTA DIVERSI. KM COME ELEMENTO DI NEGOZIAZIONE
  11. 11. WENGER (1998) 4.CONOSCENZA GENERATA TRAMITE PROCESSI SOCIALI, DUALITA’ TRA SOGGETTO E COMUNITA’. LA CONOSCENZA NON PUO’ PRESCINDERE DALLA PRATICA, CHE DIVENTA PROCESSO DI DIFFUSIONE E VALIDAZIONE. KM COME AMBIENTE CHE FACILITA LA CIRCOLAZIONE DELLE PRATICHE
  12. 12. SOLUZIONIADOTTATE
  13. 13. REPOSITORY
  14. 14. REPOSITORY/DATABASEMODELLO MOLTO STRUTTUARTO E CENTRALIZZATO IN TERMINI DI ORGANIZZAZIONE DELLA CONOSCENZA.Se e le conoscenze sono top-down, cioe’ provengono da una sola organizzazione, si parla di “MONARCHIA INFORMATIVA”Se e invece le conoscenze vengono dal basso, si parla di “DEMOCRAZIA INFORMATIVA”
  15. 15. diahttp://www.indire.it/dia/
  16. 16. goldhttp://gold.indire.it/gold2/
  17. 17. limhttp://scuoladigitale.indire.it/lavagna
  18. 18. liber liberhttp://www.liberliber.it/home/index.php
  19. 19. REFERRATORIES
  20. 20. REFERRATORIESMETA-ARCHIVI CHE DECIDONO DI FEDERARSI CONDIVIDENDO STRUTTURA, POLITICHE, FLUSSI DI LAVOROFEDERALISMO INFORMATIVOVale sia per i gruppi informali che per le organizzazioni
  21. 21. learning resource exchangehttp://lreforschools.eun.org/LRE-Portal/Index.iface
  22. 22. europeanahttp://www.europeana.eu/portal/
  23. 23. SOCIAL INFO
  24. 24. COMUNITA’FEUDALESIMO INFORMATIVO, se le sono comunità isolateANARCHIA INFORMATIVA, nessuna organizzazione tra gli individuiFEDERALISMO INFORMATIVO, quando le comunità sono collegate tra loro anche grazie all’intervento di soggetti che hanno il compito di coordinare tali gruppi
  25. 25. Classi 2.0http://puntoeduri.indire.it/afpi/login/
  26. 26. INTRANET
  27. 27. AMBIENTI MISTIL’intranet è una tipologia di modello misto in quanto è una piattaforma sociale ma strutturata. Può contenere all’interno dei sistemi di archiviazione/ricerca dei contenuti ma anche strumenti di costruzione della conoscenza tipicamente sociali.
  28. 28. eqnethttp://www.eqnet.eun.org/web/guest/project-partners
  29. 29. JUST-IN-TIME
  30. 30. FOCUS SULLA PERSONALIZZAZIONEPERSONALIZZAZIONE INFORMATIVAL’informazione e le conoscenze sono mirate agli utenti in base ai loro comportamenti, scelte, preferenze.Basati su ontologie di dominio. Ricerche ancora in corso.Basati su sistemi di geolocalizzazione (smartphone, tablet)VERSO IL WEB 3.0   Approfondimento: http://www.w3.org/2001/sw/
  31. 31. ebook in progresshttp://www.bookinprogress.it/
  32. 32. MEDIA EMERGENTI
  33. 33. NEL 2010, C’E’ UNA LIM OGNI 7 CLASSI LA CRESCITA DELLA PRESENZA DELLE LIM IN CLASSE E’ PARI AL 340% EVIDENZE SUL FATTO CHE LA LIMUN PO’ DI DATI HA PARTICOLARMENTE SUCCESSO PER QUANTO RIGUARDA MOTIVAZIONE E INTERESSE DEI RAGAZZI E L’EFFICACIA DELLA LEZIONE GLI EDITORI STRUTTURANO “LIBRI DIFFUSI” ALCUNI CONTENUTI STANNO ONLINE, ALTRI OFFLINE
  34. 34. LA VENDITA DI EBOOK SU AMAZON HA SUPERATO LA VENTIDA DI LIBRI CARTACEI NEL 2010, LA NAVIGAZIONE VIA MOBILE HA SUPERATO QUELLA DA DESKTOPUN PO’ DI DATI IN ITALIA, CI SONO 70 MLN DI CELLULARI. IL 45% DEGLI UTENTI POSSIEDE UNO SPARTPHONE LA MAGGIOR PARTE DELLE APP SCARICATE DAGLI STORE E’ NELLA CATEGORIA INTRATTENIMENTO
  35. 35. NUOVI MEDIA = NUOVI CONTENUTI Contenuti per LIM APPs per smartphone APPs per tablet Ebooks
  36. 36. FORMAT
  37. 37. ACCENTO SULLA MULTIMEDIALITA’MAGGIORI POSSIBILITA’ COMUNICATIVELa multimedialità sfrutta appieno il doppio codice comunicativo (analogico e digitale)Pavio, Teoria del doppio codiceApprofondimento: http://www.indire.it/content/index.php?action=read&id=1582INTERATTIVITA’Contenuti interattivi maggiormente efficaci per l’apprendimentoAPPROCCIO MULTIDISCIPLINAREL’elaborazione di materiali multimediali richiede maggiormente un approccio di gruppoCOPY-LEFTApproccio alla circolazione della conoscenza basata sulle licenze creative commonsApprofondimento: http://www.agenziascuola.it/content/index.php?action=read&id=1511
  38. 38. LA RICERCA ALL’ANSAS
  39. 39. editoria e nuovi PISTE DI RICERCA contenuti digitali ambienti dicompetenze apprendimento digitali e condivisione
  40. 40. KM E COMPETENZE DIGITALICosa sono le competenze digitali?Ricerca condotta nell’ambito di progetti ANSAS come:1. PON Didatec2. Classi 2.03. LIM4. LINKEDLink di approfondimentohttp://www.indire.it/content/index.php?action=read&id=1652
  41. 41. KM E COMPETENZE DIGITALIFRAMEWORK DI RIFERIMENTO:@ UNESCO (2008). Competency Standards Modules. ICT Competency Standards for Teachers.@ OECD (2005). DeSeCo. The OECD Program Definition and Selection of Competencies (2005). The definition and selection of key competencies.@ Digital Skills Working Group di European Schoolnet@ MONITORAGGI DI PROGETTO (ForTic, Lim, Classi 2.0, ecc.)
  42. 42. PRECONDIZIONI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DIGITALIun setting scolastico tecnologicamente ricco ed integratocon la didattica quotidiana (quindi non l’aula informatica incui si va una volta alla settimana ma un’aula innervata ditecnologie utilizzate quotidianamente);una didattica curriculare supportata dalle tecnologie(quindi utilizzare il pc o il mobile learning per l’insegnamentodei contenuti curricolari e non l’informatica o “l’educazionealle TIC” come materia curriculare separata);
  43. 43. PRECONDIZIONI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DIGITALIuna didattica che preveda la partecipazione attiva deglistudenti, con compiti in cui si richiede loro la produzionedi materiali digitali, la consultazione di fonti diversificate inRete, la partecipazione a comunità di pratica online, larisoluzione di problemi autentici;una didattica che sia ricca di momenti di confronto con larealtà e di possibili ponti con l’esperienza pregressa deiragazzi.
  44. 44. ALCUNI GAP DA COLMARE Abilità tecnica Capacità cognitivaUsare motori di ricerca Impostare una ricerca efficaceCopiare informazioni Selezionare le informazioni pertinentiNavigare nella rete Valutare le fontiPubblicare Realizzare una comunicazione efficace
  45. 45. classi 2.0http://www.scuola-digitale.it/classi2.0/
  46. 46. linkedhttp://linked.eun.org/web/guest/home
  47. 47. C SLIDE #1: IMMAGINE DI SINISTRA ECOLOGIA E LIBERTA’ SLIDE #7: IMMAGINE DI JONATHAN URCHR SLIDE #12: IMMAGINE DI FLORENCE ARTS SLIDE #13: IMMAGINE DI OLGA E ZANNIE SLIDE #18: IMMAGINE DI MNEMOMAZ SLIDE #22: IMMAGINE DI FABYA9 SLIDE #25: IMMAGINE DI SUBSETSUMD SLIDE #28: IMMAGINE DI NENYAKI SLIDE #34: IMMAGINE DI BRENDEROUSI SLIDE #34: IMMAGINE DI DA CRIS SLIDE #36: IMMAGINE DI MRS ENILT QUESTO LAVORO È SOTTOPOSTO A LICENZA CREATIVE COMMONS BY-NC-SA , http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/2.0/deed.itS
  48. 48. GRAZIE DELL’ATTENZIONE!
  49. 49. DOMANDE?
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×