Your SlideShare is downloading. ×
I fenici   schemi
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

I fenici schemi

17,121
views

Published on

SERIE DI SCHEMI SULLA CIVILTA' FENICIA

SERIE DI SCHEMI SULLA CIVILTA' FENICIA

Published in: Education

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
17,121
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
81
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. I FENICI SERIE DI SCHEMI SULLA CIVILTA’ FENICIA ATTIVITA’ SCOLASTICA LAVORO DI GRUPPO CLASSE I UC ISTITUTO STATALE “A. MONTI” ASTI a. s. 2011-2012
  • 2. I FENICI
    • Le città stato Fenicie fondarono colonie e dominarono per molti secoli le rotte commerciali.
    • La civiltà fenicia si sviluppò intorno al 1200 a.C. nel Mediterraneo orientale
    Città principali : Ugarit Tiro Sidone Biblo Luoghi che videro la nascita e lo sviluppo delle città-stato fenicie corrispondono all’incirca all’attuale Libano, la costa orientale del Mediterraneo. Vissero frazionati in tante piccole città-stato,ognuna indipendente,solo a volte una città prevaleva, ma senza riuscire a costruire uno Stato unitario Jessica Guzzon, Agata Bruno, Leila Hmamid
  • 3. I FENICI
    • Attività Economiche
    Porpora Cedri I prodotti dell’artigianato più famosi erano le stoffe tinte in color rosso porpora. I Fenici avevano raggiunto una notevole perizia nell'arte della tintura, e i tessuti così tinti erano apprezzati da divenire indice di ricchezza. L'industria della porpora ebbe una tale importanza economica e storica, che con il colore del prodotto( phoinix =rosso)si connotò il nome stesso dei Fenici. Era una attività rivolta alla tintura, che utilizzava un pigmento ottenuto da molluschi, reperibili nei bassi fondali delle coste del Mediterraneo. La città di Tiro primeggiava in questa attività. I cedri venivano usate per costruire grandi barche infatti grazie alla presenza di essi divennero grandi commercianti e navigatori, però il cedro è una pianta conifera, e lo sfruttamento intensivo delle foreste ne ha causato quasi la scomparsa
  • 4. I FENICI
    • SCONTRI CON ALTRE civiltà –
    • FINE DELLA civiltà FENICIA
    I fenici caddero nelle mani del Babilonesi Erano in competizione per il predominio sui mari con i Greci. Fu Alessandro Magno che pose fine all’impero Fenicio. L’eredità Della civiltà fenicia venne raccolta nella colonia più grande: Cartagine. I fenici subirono diverse dominazioni, ma grazie a un atteggiamento di collaborazione, in cambio, poterono mantenere un certa autonomia economica
  • 5. I FENICI
    • Organizzazione politica e sociale
    L’organizzazione dei Fenici era fondata sulle città-stato ciascuna delle quali governata da un re, tendenzialmente divinizzato, che aveva sia il potere politico che religioso e veniva assistito da un consiglio di anziani. RE Consiglio degli anziani Artigiani,marinai,contadini e pastori schiavi
  • 6. I FENICI
    • La religione
    I fenici erano politeisti e ogni città aveva il Pantheon Triade delle divinità : 1)Dio protettore della città 2)La sposa del protettore(dea della fertilità) 3)Un dio che simboleggiava il ciclo delle stagioni Gli dei principali sono:Baal-Astarte-Eshumun-Melqart
  • 7. I FENICI
    • PAROLE NUOVE!
    • CONIFERE:Ordine di piante con fusto eretto e molto ramificato, foglie aghiformi, frutti conici; ne fanno parte gli abeti, i cedri, i cipressi
    • PIGMENTO:Sostanza organica che determina la colorazione dei tessuti animali e vegetali
    • PANTHEON:era il tempio dedicato al culto degli Dei
  • 8. I FENICI Marello Francesca – Premtija Eva
  • 9. Civiltà Fenicia
    • Nasce intorno al 1200 a.C. ;
    • Sulle coste orientali del Mediterraneo (Siria, Libano);
    • Organizzati in città-stato
    • Città più importanti: - Ugarit (scrittura cuneiforme)
    • - Tiro
    • - Sidone
    • - Biblo
  • 10. L’ECONOMIA
    • Artigianato
    • Commercio Marittimo
    • Porpora: Pigmento ottenuto da molluschi; tintura indelebile, di stoffe di lana o lino.
    • Cedri del Libano: usati per costruire grandi barche. I cedri sono grandi alberi di montagna, sempreverdi,
  • 11. Guerre
    • INVASIONI
    • VII sec. a.C. conquista assira;
    • Conquista babilonese sotto Nabucodonosor II
    • CONFLITTI MARINARI
    • Greci (che si espandevano via mare verso occidente VI sec. a.C.).
    • Persiani alleati con i Fenici, contro i Greci (539 a.C)
    Sotto Alessandro Magno i Greci posero fine alla civiltà fenicia; L’eredità di questa civiltà venne raccolta nella città di Cartagine.
  • 12. Società e politica Re con potere Politico-religioso Mercanti con potere economico. Che limitavano il potere del re Alti funzionari: consiglio degli anziani (regolavano l faccende attinenti alla città) Artigiani, marinai, contadini e pastori: avevano il diritto di assemblea Schiavi: spesso erano le vittime dei pirati
  • 13. La religione
    • Politeisti
    Sottostavano a molte divinità minori Triade divina Formata da: Dio protettore Sposa del protettore Dio che Simboleggiava Il ciclo delle stagioni
  • 14. I Fenici Chaabani Azza Squillari Giulia
  • 15. Le origini – collocazione geografica
    • I Fenici
    a partire dal III - II millennio si sono stabiliti nella attuale Libano Erano organizzati in città- stato
    • Le più importanti erano:
    • Tiro
    • Sidone
    • Biblo
    • Ugarit
  • 16. Le attività economiche ARTIGIANATO PORPORA COMMERCIO MARITTIMO Veniva estratta dal mollusco chiamato Murice e serviva a tingere i tessuti. I Fenici detenevano il monopolio di questo prodotto. Utilizzavano navi costruite sfruttando il legno delle foreste di cedri del Libano. Esso era molto pregiato. Il commercio era basato sul baratto dello artigianato, dei metalli e della porpora.
  • 17. Scontri con altre civiltà – fine della civiltà fenicia La Fenicia Cadde nelle mani dei Babilonesi Persiani Che vennero conquistati dai Che furono distrutti da Alessandro Magno che causò la fine della Storia dei Fenici
  • 18. Organizzazione politica e sociale RE MERCANTI FUNZIONARI ARTIGIANI MARINAI CONTADINI PASTORI SCHIAVI
  • 19. Religione Politeista Ogni città aveva un pantheon, impostato su una triade di divinità.
    • Le divinità del pantheon sono:
    • Baal, dio protettore della città;
    • Astarte, dea dell’amore;
    • Melqart, il” signore della città”;
  • 20. Dizionario
    • Monopolio : regime di mercato in cui l’offerta di un dato bene proviene da un’ unica fonte;
    • Pantheon : tempio dedicato a tutti gli dei ;
  • 21. I FENICI La civiltà Fenicia cominciò a svilupparsi intorno al 1200 a.C. sulle coste del Mediterraneo orientale . Le città principali erano: - A nord Ugarit, antica e potente - Più a sud Tiro, Sidone e Biblo . Il territorio statale presentava aree pianeggianti molto piccole e per lungo tratto addossate alle montagne. I Fenici erano organizzati in Città – Stato Tinebra Francesca Pellitteri Sara Balla Jonida
  • 22. Cedri del libano. Da essi era ricavato un tipo di legno ricurvo che serviva per la costruzione delle nave. La porpora Era una tintura per stoffe, importate soprattutto dall’Egitto. ECONOMIA Artigianato Commercio marittimo Industria
  • 23. Scontri con altre civiltà e la fine della civiltà Fenicia.
    • La fenicia cadde nelle mani dei Babilonesi,
    • Essi entrarono anche in competizione con il popolo marinaro dei greci.
    • Fu Alessandro Magno che abbatté l’impero Persiano ponendo fine alla storia dei Fenici.
  • 24. Organizzazione politica e statale Fondarono una vera e propria Oligarchia. Re Funzionare E Mercanti Artigiani, Marinai, Contadini e Pastori Schiavi
  • 25. La religione
    • I fenici erano politeisti : ogni città aveva il suo pantheon.
    • Ogni pantheon era impostato su una triade di divinità: - Il Dio protettore della città, la sua sposa e un Dio che simboleggiava il ciclo delle stagioni.
    Il culto veniva praticato in piccoli templi. Spesso facevano sacrifici umani, in particolare neonati, offerti al dio protettore .
  • 26. LE ROTTE DI QUESTI GRANDI NAVIGATORI
  • 27.
    • La straordinaria eredità culturale lasciata da questo popolo: l’alfabeto