Programma IV Crociera della Musica Napoletana
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Programma IV Crociera della Musica Napoletana

on

  • 1,039 views

Il programma degli eventi presentati a bordo di MSC Splendida in occasione della IV Crociera della Musica Napoletana, con le esibizioni di Peppe Barra, Francesca Marini, Pietro Quirino con Quartetto ...

Il programma degli eventi presentati a bordo di MSC Splendida in occasione della IV Crociera della Musica Napoletana, con le esibizioni di Peppe Barra, Francesca Marini, Pietro Quirino con Quartetto Calace e Francesco Cocco, corredate dalle conversazioni pomeridiane del professor Pasquale Scialò

Statistics

Views

Total Views
1,039
Views on SlideShare
1,039
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
1
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Programma IV Crociera della Musica Napoletana Document Transcript

  • 1. 4 presenta: 10 / 17 ottobre 2011la canzone classica napoletana va in crociera. PROGRAMMA ENTE PROVINCIALE Il Ministero PER IL TURISMO NAPOLI del Turismo
  • 2. antichi mestieri Mostra sugli antichi mestieri napoletani attraverso 14 riproduzioni in scala di antiche botteghe realizzate in legno, sughero, ferro, terracotta, etc. Una collezione unica nel suo genere sia artisticamente che economicamente voluta dall’imprenditore Rosario Bianco, resa ancora più completa con la presenza di un cofanetto di dodici volumi, edizione limitata, che descrive ogni singolo mestiere. Premessa Ogni territorio racchiude, al proprio interno, uno straordinario patrimonio ca- ratterizzato dagli aspetti peculiari e caratteristici della zona di cui fa parte. Tradizioni, cultura, arte ed artigianato sono la testimonianza del profondo grado di civiltà ed ingegnosità di un popolo. La riproduzione degli antichi mestieri na- poletani sono in tal senso espressione di una forma d’arte tra le più antiche e rinomate che è possibile riscontrare sul territorio nazionale. Obiettivi L’obiettivo primario di questa mostra è la valorizzazione di un’inestimabile patrimonio culturale di cui Napoli fa parte, pertanto, dall’apprendimento del- le antiche arti manuali, si può giungere alla difesa del proprio territorio, alla consapevolezza dei preziosi valori di ieri, dalle certezze storiche di oggi. La rappresentazione degli “Antichi Mestieri” napoletani rappresenta, così, l’anello il Ciabattino di congiunzione con la memoria, con l’arte. In breve, le opere dedicate alla “fatica” napoletana intendono promuovere e comunicare Napoli attraverso una proposta orientata alla riappropriazione dell’identità locale, per la sensibilizza- zione dei giovani, e favorire la fruizione del patrimonio culturale, nella profonda la sporta si trasformava in un convinzione che la memoria è un possente strumento per capire e rispondere alle baracchino da lavoro: a ginocchia sollecitazioni del presente. La collezione di riproduzioni degli “ antichi mestieri” riunite, l’artigiano aggiustava sono state realizzate dall’artista napoletano Marco Abbamondi con personaggi veloce, con poche semmenzelle, di Giada Morsillo. qualche scarpone malandato, rinforzava qualche tacco, riparava Collateralmente lo stesso artista Marco Abbamondi, presenterà una parte della una tomaia malridotta. A portata di mano la lesina, mostra “L’Oro di Napoli”, quattro opere realizzate con gli stessi materiali della il grosso ago ricurvo. E di tanto in collezione Antichi Mestieri, La mostra è stata incentrata su alcune icone “classi- tanto lanciava il suo richiamo: che” dell’immaginario napoletano: Sofia Loren il cinema e l’erotismo, San Gen- solachianiello, chi ‘o vo. naro il sacro e il profano, il Vesuvio la forza e la minaccia. Questa anticipazione ha l’obiettivo di aprire la parte di un percorso più ampio che porti lo spettatore fino al mare pulsante di Napoli attraverso un’esperienza tattile, i quadri sono rogiosi editore realizzati con una tecnica che li porta fuori dalla prospettiva bidimensionale ed www.rogiosi.it hanno come colore predominante proprio l’oro. Art Gallery (Ponte 7)organizzazione: 4www.scooptravel.itinfo@scooptravel.itTel. 081/5567741 - 081/2209673081/5565164 – fax 081/5564242www.crocieradellamusicanapoletana.it
  • 3. PROGRAMMA DEGLI EVENTI DAL 10 AL 17 OTTOBRE 2011Lunedì, 10 ottobre 2010 – ore 18.00 – AftLounge (Ponte 7)Presentazione dell’evento, alla presenza del cast artisticoe del comandante o membro dello stato maggiore della nave.Martedì, 11 ottobre 2011 – ore 16.30 – Discoteca Club 33 (Ponte 16) Prima conferenza stampa di approfondimento:“IL CANTO INFINITO DEL GUARRACINO”. Relatore: prof. Pasquale ScialòMartedì, 11 ottobre 2011 – ore 22.45 - The Strand Theatre (ponte 6-7) Recital di canzoni napoletane in compagnia di PIETRO QUIRINO E QUARTETTO CALACEMercoledì. 12 ottobre 2011 – ore 16.30 – Discoteca Club 33 (Ponte 16) Seconda conferenza di approfondimento:“RISATA E PIANTO NELLA CANZONE NAPOLETANA”. Relatore: prof. Pasquale ScialòMercoledì. 12 ottobre 2011 – ore 22.45 – The Strand Theatre (ponte 6-7) Recital di canzoni napoletane in compagnia di FRANCESCO COCCOGiovedi, 13 ottobre 2011 – ore 10.30 - Discoteca Club 33 (Ponte 16) Terza conferenza di approfondimento:“RAFFAELE VIVIANI E LA CANZONE SCUGNIZZA”. Relatore: prof. Pasquale ScialòVenerdì, 14 ottobre 2011 – ore 22.45 – Strand Theatre (ponte 6-7) Recital di canzoni napoletane in compagnia di FRANCESCA MARINI: “Concerto per Napoli”Sabato, 15 ottobre 2011 – ore 22.45 - The Strand Theatre (ponte 6-7) Serata concerto-spettacolo con PEPPE BARRADomenica, 16 ottobre 2011 – ore 17.30 – Discoteca Club 33 (Ponte 16)Pomeriggio conclusivo dibattito con gli ospiti partecipanti a bordo circa le prospettive future dell’iniziativa,con la partecipazione dello stato maggiore della nave e breve esibizione degli artisti. Consegna regaliricordo dell’evento agli artisti ed al comandante. Brindisi dell’arrivederci.• Se vuoi ammirare immagini e frammenti della filmografia napoletana durante la nostra crociera evento,sintonizzati, direttamente dalla tua cabina, sul canale dedicato. Il numero del canale sarà comunicato a bordo
  • 4. 4 Incontri pomeridiani di approfondimento relatore: Prof. Pasquale Scialò primo incontro Il Canto infinito del Guarracino metamorfosi di un canto marinaro Chi compose questi versi? E in qual tempo? E l’invenzione ne è nuova o ha precedenti? A me non pare che la canzone possa risalire più in su della seconda metà del settecento; ma colgo l’occasione per esortare i giovani studiosi a compiere indagini sulle antiche canzoni e storie popolari napoletane. BENEDETTO CROCE, Nuove curiosità storicheDa circa duecento anni si rinvengono le tracce di un canto marinaro che narra le peripezie delGuarracino, un piccolo pesce osseo, denominato scientificamente Chromis chromis, intento acercare moglie. Attratto dalla voce di una Sardella-canterina, che si esibisce accompagnandosicon il calascione, il giovane pesce se ne innamora perdutamente, a prima vista. L’incontrod’amore genera però un vigoroso conflitto nella comunità ittica poiché la Sardella è già impegnatasentimentalmente con l’Alletterato. Come ristabilire l’equilibrio tra i pesci del golfo napoletano eripagare alla vergogna subita dall’innamorato tradito? La soluzione di questo caso è soggetta, percompetenze territoriali, alle stesse leggi in vigore nei vicoli della città che prevedono la vendettadell’offeso con la conseguente punizione corporale, una “mazziata”, ossia una bastonata, maicome in questo caso ‘sonora’, nei confronti del Guarracino trasgressore. Questo regolamentopersonale di conti tra i due contendenti si estende, però, con l’andamento di un’onda lunga checontagia, per affiliazione, intere famiglie di pesci. Ecco allora il variegato paesaggio marino delgolfo di Napoli trasformarsi in un teatrale campo di battaglia che ospita una zuffa tra ogni speciedi pesci, sia mediterranei che accorsi da altri mari, allo scopo di ristabilire il rispetto dei valoritradizionali. In questa vulcanica temperatura emotiva le forze in mare si equivalgono e la storia,come in una cadenza sospesa, termina senza vincitori né vinti.Nel corso dell’incontro si ascolteranno le numerose versioni del canto (Müller, G. Cottrau,Listz, Mazzone, Murolo, C.Barra, Vanacore e altre) e si assisterà alla proiezione dell’omonimofilm d’animazione di Michelangelo Fornaro (2004), seguita dalle immagini pittoriche didiversi autori.
  • 5. secondo incontro Risata e pianto nella canzone napoletanaUna canzone nota fa da spunto narrativo per la costruzione di una trama teatrale che sposa l’elementocomico con quello drammatico. Con musiche, canto, recitazione e ballo nasce così, sul finire dellaprima guerra mondiale, una forma mista di rappresentazione urbana che viene ripresa sullo schermodel cinema muto.Un genere di spettacolo popolare che ha rappresentato una vera e propria palestra per gran parte deipiù importanti attori teatrali formatisi nel meridione: da Titina De Filippo a Tina Pica, da Regina Bianchia Franco Sportelli a Ugo D’Alessio, dai fratelli Maggio a Nino Taranto, da Nuccia a Nunzia Fumo, ed,infine, da Isa Danieli a Rino Marcelli, e moltissimi altri.Per molte persone ancora oggi, nell’ampio uso di diversi media, il termine “sceneggiata” è spessosinonimo di un comportamento eccedente, di un’esagerazione, di una drammatizzazione smodata perun qualsiasi accadimento quotidiano, espresso con plateale teatralità.Ma che cos’è realmente la sceneggiata? Quando nasce? Quali sono i principali interpreti? Quanto hainfluenzato il cinema e la televisione contemporanea?L’incontro prevede l’ascolto di canzoni drammatiche, o “di giacca”, tipiche delle sceneggiata e laproiezione di alcuni frammenti di film muti delle origini accompagnati da musica e canto dal vivo. terzo incontro Viviani e la canzone scugnizzaRaffaele Viviani (Castellammare di Stabia, 10 gennaio 1888- Napoli, 22 marzo 1950) è tra le figure piùprolifiche nella musica dello spettacolo italiano della prima metà del Novecento. Commediografo,attore, cantautore, compone un vasto corpus di canti scenici. La sua produzione attraversa diversi generidi musica vocale: dalla tradizione folclorica a quella urbana sviluppatasi in diverse forme nell’ambitodel teatro di varietà, dall’opera all’operetta, dalla romanza da camera alla musica d’importazione.Nella sua ampia produzione occupano un ruolo significativo quei componimenti derivanti dalla tradizioneorale della Campania oltre a numerosi aspetti simbolici e magico-rituali legati alle feste religiosedell’area: Madonna di Piedigrotta, Montevergine, Sant’Anna.All’interno di questo articolato caleidoscopio testuale e musicale si ritrova di frequente anche un’ampiadocumentazione di diversi mestieri di strada, ancora vivi a Napoli nei primi del Novecento, come ilraccoglitore di stracci, il venditore d’acque sulfuree, di pesce, di ortaggi. E, ancora, dal punto divista più strettamente musicale, è possibile rinvenire alcune tipologie di musicanti non sedentari, icosiddetti ‘posteggiatori’, come suonatori girovaghi di ‘pianini’ meccanici, di tammorre e ‘professoridi concertino’. Tra i suoi componimenti più noti si ricorda la Rumba degli scugnizzi, un manifestoprogrammatico per le successive fusion musicali in cui si enunciano innumerevoli «voci» di venditoriambulanti a ritmo di rumba per una polifonia stradale a metà tra canto, recitativo e rap.Nel corso dell’incontro si ascolteranno alcune interpretazioni di Viviani e documenti sonoriinediti della sorella Luisella. Accanto a diverse esecuzioni di canti dal vivo saranno proiettatibrani tratti dall’opera “Varietà Viviani” RAI 2 Palcoscenico di Pasquale Scialò.
  • 6. Giuseppe Barra è figlio d’arte e nasce a Roma in piazza Dei Crociferi, il 24 luglio del 1944 da una famiglia di artisti napoletani: il padre Giulio è fantasista e la madre Concetta è attrice del teatro popolare partenopeo. Da bambino frequenta importanti scuole di teatro e dizione e inizia così la sua carriera di attore. Inizia a recitare da bambino lavorando nel teatro di ricerca con Gennaro Vitiello e subito dopo come professionista al Centro Teatro Esse. Nei suoi spettacoli teatrali predilige la musica e il canto: due tra le componenti che con il passar del tempo hanno determinato l’incontro con Roberto De Simone che fonda la Nuova Compagnia di Canto Popolare. Sarà questo un incontro che contribuirà in maniera significativa alla sua PEPPE BARRA evoluzione artistica. Nella seconda metà degli anni ‘70 è protagonista della Gatta Cenerentola, l’opera teatrale di De Simone, nella quale uniscelingua e tradizione musicale napoletana a una mimica unica. Con la NCCP si esibirà al “Festival dei duemondi di Spoleto” e in molti paesi europei. Con la regia di De Simone rappresenterà altri spettacoli,tra cui “La cantata dei pastori”, “Li zite ‘ngalera”, “Festa di Piedigrotta”, “L’Opera Buffa del giovedìsanto” e “Eden Teatro”. Nel 1978 dopo aver lasciato la NCCP, partecipa alla “Serata d’onore con Eduardo De Filippo”,una serata televisiva sul teatro di Eduardo, trasmessa in televisione e condotta da Vittorio Gassman,che vedeva tra gli ospiti oltre allo stesso Eduardo, anche altri personaggi illustri del mondo dellospettacolo, tra cui Pupella Maggio, Marcello Mastroianni e tanti altri, compreso Roberto De Simoneche con Nino Rota era anche l’autore delle musiche del programma. Nello stesso anno interpreta laparte di “Giardino”, nel film “Giallo Napoletano” di Sergio Corbucci, al fianco di attori come MarcelloMastroianni, Peppino De Filippo, Ornella Muti e Renato Pozzetto. Nel 1980 vince il premio IDI Saint Vincent come attore e nel 1981 vince il premio Mascherad’oro. Partecipa inoltre al film “La pelle” di Liliana Cavani, che vede ancora una volta MarcelloMastroianni tra gli attori principali del film, ma anche Carlo Giuffrè, Claudia Cardinale e BurtLancaster. Barra interpreta la parte di un sarto. Nel 1982 in occasione del Carnevale di Venezia,Maurizio Scaparro lo invita ad esibirsi in un assolo: nasce così “Peppe e Barra”, scherzo in musicain due tempi, scritto insieme a Lamberto Lambertini su musiche di Eugenio Bennato dove compare,a sorpresa, la madre Concetta Barra, che da allora parteciperà a tutti gli spettacoli del figlio. Ilsuccesso dello spettacolo, che ha debuttato al Teatro Goldoni, porterà la compagnia ad esibirsi aParigi e Bombay, consolidando il sodalizio con Lambertini. Nasce la Compagnia Peppe & Barra che nel1983 incide un disco per la Fonoprint intitolato proprio “Peppe e Barra”. Sempre nel 1983 Barra fuSancho Panza nei frammenti teatrali del “Don Chisciotte” tratto dal romanzo di Miguel De Cervantes,diventato poi uno sceneggiato di cinque puntate con Pino Micol e con la regia di Maurizio Scaparro. Nel frattempo la compagnia Peppe & Barra si esibisce in spettacoli come “Senza mani e senzapiedi” (1984), “Zeza” (1984), “Nel regno di Pulcinella” (1987) che vede la regia dello stesso Barra conL. Lambertini, “Signori, io sono il comico” (1987), “Cantata a Viviani” (1988) mentre nel 1988 esce unaltro disco della compagnia Peppe e Barra, stavolta prodotto dalla Chicco Music ed intitolato “Peppee Concetta Barra n.1”.
  • 7. Agli inizi degli anni ’90 approda al suo esordio discografico come solista con “Mo’ Vene”. Il disco (a cuiparteciparono Billy Cobham, Famodou Don Moye dell’Art Ensemble Of Chicago e la mamma Concetta)fa vincere all’artista napoletano la targa Tenco 1993 come migliore interprete per l’anno in corso.All’album seguirono esibizioni nei teatri all’estero (Pechino, Gerusalemme, dove rappresenta l’Italiaal concerto per la Pace, Lisbona, Barcellona, ecc.). Il 3 gennaio del 1994 al Teatro Mercadante, perun concerto in omaggio ad Eduardo Caliendo, si riunisce la storica formazione della Nuova Compagniadi Canto Popolare, con Barra, G. Mauriello, F. Vetere, P. Trampetti, C. D’Angiò, E. Bennato, N. Areni,C. Sfogli, (la formazione comprendeva anche Mauro Di Domenico). Dopo aver registrato per la RAIventi tra le più belle favole tratte da “Lu Cunti de li Cunti”, ovvero il “Pentamerone” di GiambattistaBasile, Barra traduce questa esperienza in uno spettacolo teatrale: Lengua Serpentina. Il linguaggiofiabesco si combina con la gestualità simbolo della napoletanità, fondendosi con gli arrangiamenti di S.Riccardi e le musiche del violinista-compositore Lino Cannavacciuolo. Per questo spettacolo, il Festivaldelle Cinque Terre di Riomaggiore (SP) – edizione 2000 gli consegna nella serata dedicata al Teatro e alCinema il Premio Dioniso. Fabrizio De André gli chiede l’adattamento e l’interpretazione in napoletanodel suo brano “Bocca di rosa” che verrà inserito nell’LP “Canti Randagi”. Inizia tra i due una solidaamicizia: nel 1999, dopo la prematura scomparsa del cantautore, quando Genova organizza il suo“Tributo a De André”, la famiglia De André vorrà la presenza di Peppe Barra come fulcro dell’interamanifestazione, rendendo ancora più evidente e più forte il sodalizio tra i due artisti.Nel dicembre del 2000 interpreta il ruolo di Mister Peachum ne L’Opera da tre soldi di Bertold Brechte Kurt Weill diretta dal maestro Heinz Carl Gruber (il direttore dell’Ensemble Modern di Francoforte). Ad aprile 2001 esce il suo secondo disco, “Guerra”, un lavoro intenso che parla le lingue delmediterraneo: “Un disco, che autenticamente legittima per una volta, l’appartenenza di un artistanapoletano alla World music” (La Repubblica) rendendolo ambasciatore della musica tradizionaleitaliana all’estero. È direttore artistico della “Rassegna internazionale della musica etnica” edizione2000-2001 mentre a teatro rappresenta “Il borghese gentiluomo” di Moliere, insieme a Carla Bindi ePatrizio Trampetti (ex componente della Nuova Compagnia di Canto Popolare).. Nel 2002 dopo aver partecipato nel film “Pinocchio” di Roberto Benigni interpretando laparte del Grillo Parlante, riprende gli incontri con gli studenti nelle università, mentre in giro perl’Italia rappresenta il “Don Giovanni” diretto da Maurizio Scaparro con musiche di Nicola Piovani.Nel 2003 scrive con Massimo Andreoli una fiaba in lingua italonapoletana intitolata “Le vecchievergini”, mentre al teatro Trianon rappresenta La cantata dei pastori; lo spettacolo viene ancora oggirappresentato da Barra ogni anno durante le festività natalizie. . Dopo esser stato protagonista del capodanno del 2004 in Piazza del Plebiscito nella suaamata Napoli, parte per New York dove rappresenterà l’Italia in qualità di artista cantante e attore egli verrà consegnata la targa per la cittadinanza onoraria a New York. Oggi, Peppe Barra oltre a tenere dei Master nell’Università napoletana, rappresenta l’Italiacome maestro di voce ed è protagonista del recupero della tradizione popolare musicale e teatrale.Nel 2009, dopo qualche anno di silenzio, Peppe Barra ritorna al mercato discografico con “N’attimo”.Un disco che svela un nuovo Peppe Barra. Dodici tracce che si snodano tra ironia e poesia per raccontarel’amore, il dolore, la resistenza e i sogni di un artista che si confronta con questo tempo a viso aperto.Prodotto dalla Marocco Music, arrangiato da Paolo Del Vecchio, il disco presenta delle vere e propriechicche: da un’interpretazione in napoletano di Sufrimiento scritta da Waldemar Bastos all’omaggioal poeta afroperuviano Nicomedes Santa Cruz fino alla rielaborazione e messa in musica di “Checos’è l’amore” di Antonio Petito. Tra i vecchi e nuovi compagni di viaggio, come Barra stesso amadefinirli, ci sono James Senese, Vincenzo Zitello, Patrizio Trampetti, Francesca Marini, Paolo Polcari,Pino Basile, Mario Conte, Piero Gallo, Pasquale Tamborra, Riccardo Veno, Sasà Pelosi, Ivan Lacagnina,Luca Urciuolo e tanti altri che hanno contribuito alla realizzazione di questo disco.
  • 8. Nasce come cantante di piano bar esibendosi nei più prestigiosi locali italiani; Nel 1993 è finalista del concorso “Sanremo Giovani” al teatro Ariston di Sanremo; Nel 1994 si avvicina alla canzone classica napoletana conducendo varie trasmissioni televisive e ottenendo ampi consensi di pubblico e di stampa. Tra queste si ricorda “Il Viaggio” e “Stasera Napoli” realizzata insieme a Giulietta Sacco. Nel 1997 è vincitrice del 1° Festival città di Pulcinella (sezione maschera) con la canzone “E SCETATE” di Criscuolo-Narretti; Nel 1998 E’ voce solista del Quintetto Jazz del maestro Tony Iglio. Nel 1999 Si consacra “Artista Poliedrica” con il suo primo recital “Napulità…sto ‘cca!” ottenendo grande successo di pubblico. - Si esibisce per una rappresentanza giapponese, tra cui il sindaco di NAKASAKY, per un incontro di scambi culturali tra Italia e Giappone. FRANCESCA Nel 2000 Nino D’Angelo la sceglie per duettare nella colonna sonora MARINI del film “ AITANIC “con il brano “ ME SPIEZZE O’ CORE”. Nel 2001 inizia una lunga collaborazione con l’emittente satellitare NapoliInternational sulla quale conduce la trasmissione “CON NAPOLI NEL CUORE” entrando nei cuori deinostri connazionali all’estero: Iniziano cosi’ i suoi concerti all’estero tra cui Polonia, Germania,Inghilterra, Francia,Spagna. Nel 2002 e’protagonista vocale nel film-documentario sulla canzoneclassica napoletana “CUORE NAPOLETANO” ( distribuito dalla casa cinematografica MIKADO) insiemea nomi prestigiosi della canzone napoletana quali Peppe Barra, Mirna Doris , Enzo Gragnaniello etc. -Esce il suo primo lavoro discografico “ NTERRA AMERICA” , raccolta di classici napoletani con quattrobrani inediti, distribuito dalla Duck Records . Nel 2003 e’ protagonista del cast dello spettacoloteatrale “NAPOLI…SECOLO d’ORO” con Marisa Laurito, in scena al teatro Augusteo. - Aldo Bovio figliodel grande LIBERO BOVIO la invita per la serata dedicata in onore di suo padre svoltasi al teatroSannazzaro, inserendola in un cast caratterizzato da grandi nomi della canzone napoletana,cantandoil brano O’ MARE CANTA. - E’ ospite e testimonial di “ ITALIANI NEL MONDO FESTIVAL. - nel luglio 2003partecipa nella sezione “big” del Festival di Napoli, mandato in onda da RETE4, con il brano “UE’RAFE’” ( di F.Prisco ) riscuotendo apprezzamenti dalla stampa e dal grande pubblico nazionale. - Conla regia di Gigi Savoia , insieme allo stesso attore portano in scena lo spettacolo “NAPOLI 1900”, alteatro OLIMPICO di Roma. - E sempre con GIGI SAVOIA e’ protagonista femminile di “DONNE AMAREALL’INFINITO” in scena al Teatro Cilea. - Nel Dicembre 2003,nasce l’incontro con il grande PEPPEBARRA ,che la vuole come protagonista nel doppio ruolo di MADONNA E BENINO nello spettacoloteatrale “LA CANTATA DEI PASTORI” , al TEATRO TRIANON , con la regia dello stesso PEPPE BARRA.Nel 2004. dall’idroscalo di MILANO partecipa alla trasmissione “Viva la Canzone Napoletana” inmondovisione su “VIDEO ITALIA” . Nel 2007 viene scelta, come guest-stars nello spettacolo “ANIMENAPOLETANE” in scena al Teatro AUGUSTEO al fianco di Sal Da Vinci e dei Neri per Caso: ed e’proprio di questo che il maestro CLAUDIO MATTONE, fa’ di Francesca una sua produzione discograficacon etichetta discografica Easy records e produce il CD ANIME NAPOLETANE vol.2 che comprendedodici brani classici. - E’nvitata dalla SSCN alla festa organizzata allo stadio SAN PAOLO di NAPOLIinsieme ad artisti come Gigi D’alessio,Gigi Finizio e Sal Da Vinci per il ritorno in serie A della squadranapoletana. - e’ Voce solista di uno spettacolo tenutosi il 21 Giugno 2007 al Teatro “La Fenice” diVenezia’ in onore del regista FERZAN OZPTEK. Nel 2008 e’ protagonista dello spettacolo “LA FAVOLEDI AMORE E PSICHE”, tratto dall’Asino d’oro di Apuleio, con PEPPE BARRA E ANDRE’ DE LA ROCHE.
  • 9. Questo straordinario gruppo di artisti collabora con i maggiori interpreti della musica italiana e internazionale. Con il concerto “Serenata Napoletana” propone un raffinato excursus storico della canzone napoletana seguendo una linea filologicamente perfetta. Il programma è piuttosto articolato; l’esecuzione è d’altissimo livello. Spazia dalla musica classica, alla tradizione etnica, alla canzone d’autore, tracciando un percorso storico- musicale che parte dal Seicento e giunge fino alla metà del Novecento attraverso i vari generi della musica napoletana e PIETRO QUIRINO nell’assoluto rispetto filologico dei brani E QUARTETTO CALACE eseguiti. La performance è impeccabile.Concepita con un alto grado di fedeltà alla tradizione, si sente affinata attraverso uno studioapprofondito sui testi, sulle sonorità degli strumenti impiegati in concerto (mandolino, chitarra,percussioni popolari ecc.) e sulle tecniche esecutive. Il risultato è una messe di suggestioni perdutee di ritmicità sonore piene la malia, che si fonde in uno spettacolo prezioso fatto di sottili eleganze.La garbata teatralizzazione che il gruppo inscena durante lo spettacolo diviene evocazione di unsentire poetico, che è coevo ad ogni canzone e che pure si avvale di una delicata sottolineaturadegli elementi metastorici presenti in ogni brano. Particolarmente curata è la vocalità, adamantina,incisiva e suadente, sempre variata pur nel rispetto dei moduli tecnico-stilistici del cantare nellevarie epoche e che moltiplica il meraviglioso potenziale d’incantamento frutto di una cultura viva edi una storia che parla all’anima d’eternità. Francesco Cocco nasce a Napoli il 5 Settembre 1990.Le sue attitudini musicali e canore vengono notate fin dalle scuoleelementari dove cominciano le sue prime esibizioni e i suoi primi incontricon il pubblico.Sin da subito si avvicina alla musica partenopea ed inizialo studio della voce,della respirazione,dell’interpretazione,del solfeggio,lo studio della chitarra come autodidatta.Ricco il suo percorso musicalecon diverse partecipazioni ad eventi e manifestazioni locali e regionalie,molteplici i concerti presso i maggiori teatri di Napoli,Mercadante,Sannazaro,Politeama,Cilea in qualità di solista e, dal 2004 al 2011,in qualità dicantante-chitarrista del gruppo di musica popolare “Popolart”,un quintettostrumentale e vocale che ha accompagnato le ultime performance diFrancesco arricchendo il suo percorso musicale e canoro.Nel Maggio del 2010 vince IL II FESTIVAL DELLA POSTEGGIA FRANCESCOnella prestigiosa location del Gran Caffè Gambrinus di Napoli. COCCO
  • 10. Compositore, musicologo, insegna Pedagogia della musica presso il conservatorio “G. Martucci” di Salerno, Etnomusicologia e Storia della Musica presso l’università “Suor Orsola Benincasa” di Napoli. Lavora nel campo dello spettacolo con un’ampia produzione destinata al teatro, cinema, radio e televisione. Sue musiche di scena sono state eseguite in Italia e all’estero. Per il teatro collabora con diversi registi tra cui G. Bertolucci, L. De Filippo, Pasquale Gregoretti, Martone, Moscato, Pezzoli, Pugliese, Rocca, Salvetti, Scialò Scaparro. Sue composizioni sono state eseguite alla Biennale Teatro di Venezia, al Maggio Musicale Fiorentino, al Festival dei Due Mondi di Spoleto, Ravello e in altre manifestazioni estere a Parigi, Vienna, Tokio, Sidney. L’incontro con significativi artisti della scena contemporanea produce diverse opere musicali quali ‘A canzone ‘e Robespierre per l’esposizione di Ernesto Tatatafiore,(1991), l‘oratorio Veglia composto per l’ Hortus conclusus di Mimmo Paladino (1992), Suondscape Plebiscito per l’installazione di Luciano del Fabro L’ Italia capovolta (2004), Black barock per l’opera fotografica di Antonio Biasucci (2009). Nel 1999 compone la colonna sonora originale del film Lontano in fondo agli occhi di Giuseppe Rocca, presentato nel 2000 alla 57° Mostra del Cinema di Venezia. Contemporaneamente pubblica numerosi lavori scientifici tra cui: l’edizione critica integrale in 6 voll. delle musiche di scena di Raffaele Viviani (1987-1994), Mozart a Napoli (1991), Sceneggiata, Rappresentazioni di un genere popolare (2002), La canzone napoletana (1995), Viviani, (2002), Studi sulla canzone napoletana classica (2008), Storie di Musiche (2010). E’ stato direttore artistico della società teatrale Gli Ipocriti e dell’Associazione musicale Scatola Sonora Musicisti Associati. Ha inciso per le edizioni Il Manifesto due cd con Enzo Moscato: Cantà (1999), Hoteladv_en_150x105_crociera_MSC.qxp:Layout 1 20-09-2010 13:05 Pagina 1 de l’univers (2004). www.espressonapoletano.it ...-essere turista, senza andare troppo lontano. il mensile di cultura, tradizioni e personaggi della Campania. Ogni mese in edicola.
  • 11. Organizzatore eventi musicali dedicati alla Musica Napoletana e delle varieedizioni della ‘’ Crociera della Musica Napoletana ‘’Operatore turistico, Insegnante di Tecnica, Geografia, legislazione e Marketingturistico, Amministratore e direttore tecnico della Scoop Travel Service s.r.l.Nato a Napoli 3 aprile 1961, ha iniziato la sua esperienza musicale all’ età di10 anni al Teatro Mediterraneo di Napoli - il 26 dicembre 1971 - XI organizzatodal tenore Guglielmi - concorso voci nuove vincendo il primo posto – dai 10anni fino all’età di 20 anni si è sempre esibito con un suo gruppo di musicistisia in Italia che all’estero con repertorio classico napoletano. Durante la pausamilitare come Ufficiale di Cavalleria, la sua esperienza musicale gli permisedi essere il direttore artistico del circolo ufficiali dei Lancieri di Montebellodi Roma a capo di una band di musicisti romani, ai quali riuscì a trasmettere Francescola passione per la Musica Napoletana, in modo da farla apprezzare dove alla Spinosamigliore società ed alla migliore nobiltà romana e non solo, ha fatto apprezzare sempre le più bellemelodie della canzone napoletana. Si è esibito in Germania nel 1982 in varie occasioni al BayerischerHof ed in Francia nel 1984 al Lidò di Parigi. Grazie sempre alla musica nel 1986 ha cominciato la suaesperienza nel settore turistico esibendosi nei migliori villaggi - alberghi e locali del mondo, settore chenon ha più abbandonato divenendo oggi amministratore unico di 2 agenzie di viaggi e tour operator consedi a Napoli al Vomero.Continua tutt’oggi la sua professione turistica non solo come imprenditore ma anche come formatoredi aspiranti direttori tecnici di agenzie di viaggio, trasmettendo agli stessi l’attaccamento a Napolied alle sue radici, continua tutt’oggi ad organizzare eventi musicali per approfondire divulgare e fareapprezzare la cultura e l’arte rappresentate dalle canzoni e dalla musica napoletana.Contatti : info@scooptravel.it – 081 558 62 22 – 347 91 74 703 Industria premiazioni Sportive Attrezzature e abbigliamento per lo sport NAPOLI - Via Ferrante Imparato, 385 - tel. 081 7527850 www.regalsport.it
  • 12. ENTE PROVINCIALE Il Ministero PER IL TURISMO NAPOLI del Turismoorganizzazione:www.scooptravel.itinfo@scooptravel.itTel. 081/5567741 - 081/2209673081/5565164 – fax 081/5564242www.crocieradellamusicanapoletana.it