LA MODIFICA DELL’ART.65 DEL C.P.I. COME SCELTA NECESSARIA PER NUOVE PROSPETTIVE Intervengono: Prof Donato Pocar   Avv. Pro...
Codice dei Diritti di Proprietà Industriale attualmente in vigore  ART.64 - Invenzioni dei dipendenti 1. Quando l'invenzio...
Codice dei Diritti di Proprietà Industriale attualmente in vigore  1. In deroga all'articolo 64, quando il rapporto di lav...
4. Trascorsi cinque anni dalla data di rilascio del brevetto, qualora l'inventore o i suoi aventi causa non ne abbiano ini...
Nuovo Codice della Proprietà Industriale Proposta modifica ART.65  1.  La disciplina di cui all’articolo 64 si applica anc...
Codice dei Diritti di Proprietà Industriale attualmente in vigore  2. Le Università e le Amministrazioni aventi fini di ri...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

LA MODIFICA DELL’ART.65 DEL C.P.I. COME SCELTA NECESSARIA PER NUOVE PROSPETTIVE

1,958 views

Published on

Prof Donato Pocar
Avv. Prof Cesare Galli

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,958
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
13
Actions
Shares
0
Downloads
7
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

LA MODIFICA DELL’ART.65 DEL C.P.I. COME SCELTA NECESSARIA PER NUOVE PROSPETTIVE

  1. 1. LA MODIFICA DELL’ART.65 DEL C.P.I. COME SCELTA NECESSARIA PER NUOVE PROSPETTIVE Intervengono: Prof Donato Pocar Avv. Prof Cesare Galli LA RICERCA COME VALORE – UNIMI 17giugno 2010
  2. 2. Codice dei Diritti di Proprietà Industriale attualmente in vigore ART.64 - Invenzioni dei dipendenti 1. Quando l'invenzione industriale e' fatta nell'esecuzione o nell'adempimento di un contratto o di un rapporto di lavoro o d'impiego, in cui l'attività‘ inventiva e' prevista come oggetto del contratto o del rapporto e a tale scopo retribuita, i diritti derivanti dall'invenzione stessa appartengono al datore di lavoro, salvo il diritto spettante all'inventore di esserne riconosciuto autore. 2. Se non e' prevista e stabilita una retribuzione, in compenso dell'attività' inventiva, e l'invenzione e‘ fatta nell'esecuzione o nell'adempimento di un contratto o di un rapporto di lavoro o di impiego, i diritti derivanti dall'invenzione appartengono al datore di lavoro, ma all'inventore, salvo sempre il diritto di essere riconosciuto autore, spetta, qualora il datore di lavoro ottenga il brevetto, un equo premio per la determinazione del quale si terrà conto dell'importanza della protezione conferita all'invenzione dal brevetto, delle mansioni svolte e della retribuzione percepita dall'inventore, nonché del contributo che questi ha ricevuto dall'organizzazione del datore di lavoro. … ..OMISSIS…. LA RICERCA COME VALORE – UNIMI 17giugno 2010
  3. 3. Codice dei Diritti di Proprietà Industriale attualmente in vigore 1. In deroga all'articolo 64, quando il rapporto di lavoro intercorre con un universita' o con una pubblica amministrazione avente tra i suoi scopi istituzionali finalita' di ricerca, il ricercatore e' titolare esclusivo dei diritti derivanti dall'invenzione brevettabile di cui e' autore. In caso di piu' autori, dipendenti delle universita', delle pubbliche amministrazioni predette ovvero di altre pubbliche amministrazioni, i diritti derivanti dall'invenzione appartengono a tutti in parti uguali, salvo diversa pattuizione. L'inventore presenta la domanda di brevetto e ne da' comunicazione all'amministrazione. 2. Le Universita' e le pubbliche amministrazioni, nell'ambito della loro autonomia, stabiliscono l'importo massimo del canone, relativo a licenze a terzi per l'uso dell'invenzione, spettante alla stessa universita' o alla pubblica amministrazione ovvero a privati finanziatori della ricerca, nonche' ogni ulteriore aspetto dei rapporti reciproci. 3. In ogni caso, l'inventore ha diritto a non meno del cinquanta per cento dei proventi o dei canoni di sfruttamento dell'invenzione. Nel caso in cui le universita' o le amministrazioni pubbliche non provvedano alle determinazioni di cui al comma 2, alle stesse compete il trenta per cento dei proventi o canoni. ART.65 Invenzioni dei ricercatori delle università e degli enti pubblici di ricerca SEGUE LA RICERCA COME VALORE – UNIMI 17giugno 2010
  4. 4. 4. Trascorsi cinque anni dalla data di rilascio del brevetto, qualora l'inventore o i suoi aventi causa non ne abbiano iniziato lo sfruttamento industriale, a meno che cio' non derivi da cause indipendenti dalla loro volontà, la pubblica amministrazione di cui l'inventore era dipendente al momento dell'invenzione acquisisce automaticamente un diritto gratuito, non esclusivo, di sfruttare l'invenzione e i diritti patrimoniali ad essa connessi o di farli sfruttare da terzi, salvo il diritto spettante all'inventore di esserne riconosciuto autore. 5. Le disposizioni del presente articolo non si applicano nelle ipotesi di ricerche finanziate, in tutto o in parte, da soggetti privati ovvero realizzate nell'ambito di specifici progetti di ricerca finanziati da soggetti pubblici diversi dall'università', ente o amministrazione di appartenenza del ricercatore. Codice dei Diritti di Proprietà Industriale attualmente in vigore ART.65 Invenzioni dei ricercatori delle università e degli enti pubblici di ricerca LA RICERCA COME VALORE – UNIMI 17giugno 2010
  5. 5. Nuovo Codice della Proprietà Industriale Proposta modifica ART.65 1. La disciplina di cui all’articolo 64 si applica anche nel caso in cui il rapporto di lavoro intercorre con un'Università o con una pubblica Amministrazione avente tra i suoi compiti istituzionali finalità di ricerca. Tuttavia in questo caso, in deroga all'articolo 64: a) qualora l'Università o l'Amministrazione non abbia proceduto al deposito a proprio nome entro sei mesi da quando l’inventore le abbia comunicato l’invenzione, l'inventore può depositare domanda di brevetto a proprio nome anche nei casi previsti dai commi 1 e 2 dell’art. 64; b) qualora l'Università o l'Amministrazione abbia esercitato il diritto di depositare a proprio nome la domanda di brevetto, ma non intenda chiedere o acquisire, per la medesima invenzione, brevetti all'estero, essa lo comunica all’inventore con almeno quarantacinque giorni di anticipo sulla scadenza del termine per l’esercizio del diritto di priorità di cui all’articolo 4, ed in tal caso l'inventore acquisisce automaticamente il diritto a chiedere i brevetti a proprio nome, esercitando il diritto di priorità, per i Paesi esteri nei quali l'Università o l'Amministrazione non intende acquisire i brevetti; c) qualora l'Università o l'Amministrazione decida, una volta depositato il brevetto, di venderlo offrendolo sul mercato, all'inventore spetta il diritto di prelazione per l'acquisto del brevetto. LA RICERCA COME VALORE – UNIMI 17giugno 2010 SEGUE
  6. 6. Codice dei Diritti di Proprietà Industriale attualmente in vigore 2. Le Università e le Amministrazioni aventi fini di ricerca si dotano, nell'ambito delle proprie risorse finanziarie ed eventualmente anche consorziandosi tra loro o con altri soggetti, di strutture idonee a garantire la valorizzazione delle invenzioni realizzate dai ricercatori e adottano, nell’ambito della loro autonomia, regolamenti relativi ai rapporti con i ricercatori ed ai reciproci diritti. 3. Le disposizioni del presente articolo che derogano all’articolo 64 non si applicano nelle ipotesi di ricerche finanziate, in tutto o in parte, da soggetti privati, ovvero realizzate nell’ambito di specifici progetti di ricerca finanziati da soggetti pubblici diversi dall’Università, ente o Amministrazione di appartenenza del ricercatore. Proposta modifica ART.65 LA RICERCA COME VALORE – UNIMI 17giugno 2010

×