• Save
Opuscolo alcol   science for passion
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Opuscolo alcol science for passion

on

  • 3,155 views

 

Statistics

Views

Total Views
3,155
Slideshare-icon Views on SlideShare
639
Embed Views
2,516

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

7 Embeds 2,516

http://www.scienceforpassion.com 2474
http://it.paperblog.com 15
http://feeds.feedburner.com 10
http://abtasty.com 9
http://2958958495541525689_c9aa0fc5c3a47d0e4886ab15bc0358875043c2b4.blogspot.com 5
http://translate.googleusercontent.com 2
http://2958958495541525689_c9aa0fc5c3a47d0e4886ab15bc0358875043c2b4.blogspot.it 1
More...

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial LicenseCC Attribution-NonCommercial License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Opuscolo alcol   science for passion Opuscolo alcol science for passion Presentation Transcript

    • Presentazione realizzata da Tania Tanfoglio e pubblicata suwww.scienceforpassion.com
    • L’alcol è una sostanza tossica, potenzialmente cancerogena e con una capacità di indurre dipendenza, superiore alle sostanze o droghe illegali più conosciute. A differenza del fumo, i cui effetti negativi per la salute possono presentarsi dopo decenni di uso abituale di sigarette, l’alcol può esporre a forti rischi anche come conseguenzaCH3CH2OH di un singolo o occasionale episodio di consumo, spesso erroneamente valutato come moderato.
    • I giovani (al di sotto dei 16 anni), sono in generepiù vulnerabili agli effetti delle bevande alcoliche a causa di una ridotta capacità del loro organismo a metabolizzare l’alcol. La capacità di smaltire l’alcol si completa intorno ai 18-20 anni. Consumare bevande alcoliche non è la stessa cosa per ragazzi e ragazze. Il sesso femminile è più vulnerabile agli effetti negativi dell’alcol.
    • Al contrario di quanto si ritiene comunemente, l’alcol, pur apportando circa 7 Kcal per grammo, non è un nutriente (come ad esempio lo sono le proteine, i carboidrati o i grassi alimentari) e il suo consumo non è utile all’organismo; risulta invece fonte di dannodiretto alle cellule di molti organi tra cui i più vulnerabili sono il fegato e il sistema nervoso centrale.
    • L’alcol viene assorbito per il 20% dallo stomaco e per ilrestante 80% dalla prima parte dell’intestino. Se lostomaco è vuoto, l’assorbimento è più rapido. L’alcolassorbito passa nel sangue e dal sangue al fegato, che hail compito di distruggerlo. Finché il fegato non ne hacompletato la “digestione”, l’alcol continua a circolarediffondendosi nei vari organi. In alcuni individuil’efficienza di questo sistema è molto ridotta e risultanopiù vulnerabili agli effetti dell’alcol.Circa il 90-98% dell’alcol ingerito viene rimosso dalfegato.Il restante 2-10% viene eliminato attraverso l’urina, lefeci, il respiro, il latte materno, le lacrime, il sudore, latraspirazione.La velocità con cui il fegato rimuove l’alcol dal sanguevaria da individuo a individuo, è circa 1/2 bicchiere tipodi bevanda alcolica all’ora quindi1 bicchiere richiede due ore per essere smaltito.
    • Fonte: INRAN
    • Fonte: INRAN
    • Fonte: INRAN
    • Spesso non ci soffermiamo a pensare quanto beviamo abitualmente.Il modo più semplice per calcolarlo è: contare il numero di bicchieri di alcoliciche giornalmente o abitualmente si bevono.
    • Contrassegnando nella tabella che segue, per ciascuna bevanda alcolica,le quantità giornaliere consumate abitualmente sarà possibile verificareil livello personale di consumo e confrontare le variazioni in coincidenzadi occasioni particolari (feste, cene con amici ecc.).
    • Questo lavoro è stato realizzato, a puroscopo didattico, a partire dal materialeproposto dal sito del Ministero della Salute:Alcol: sei sicura?Le ragazze e lalcol. - Ministero della Salutehttps://www.salute.gov.it/imgs/C_17_opuscoliPoster_101_ulterioriallegati_ulterioreallegato_0_alleg.pdfIl pilota - Ministero della Salutehttps://www.salute.gov.it/imgs/C_17_opuscoliPoster_101_ulterioriallegati_ulterioreallegato_0_alleg.pdfTutte le immagini (alcune delle quali reperite tramite ricerca libera suinternet) ed i contenuti restano di esclusiva proprietà dei rispettiviautori. Presentazione realizzata da Tania Tanfoglio e pubblicata su www.scienceforpassion.com