Il bagno e i suoi prodotti chimici
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Il bagno e i suoi prodotti chimici

on

  • 2,146 views

Lavoro realizzato dai ragazzi della 2C della Scuola Media Statale Giovanni XXIII Questo lavoro partecipa al Carnevale della chimica di ottobre 2011.

Lavoro realizzato dai ragazzi della 2C della Scuola Media Statale Giovanni XXIII Questo lavoro partecipa al Carnevale della chimica di ottobre 2011.

Statistics

Views

Total Views
2,146
Views on SlideShare
793
Embed Views
1,353

Actions

Likes
0
Downloads
16
Comments
0

4 Embeds 1,353

http://www.scienceforpassion.com 1332
http://feeds.feedburner.com 11
http://it.paperblog.com 9
http://cache.baidu.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Il bagno e i suoi prodotti chimici Il bagno e i suoi prodotti chimici Presentation Transcript

  • LA CHIMICA IN BAGNOLavoro realizzato da: LETIZIA P., GIULIA M., DAN C.Pubblicato in occasione del Carnevale della Chimica del mesedi ottobre 2011 sul blog www.scienceforpassion.com
  • IntroduzioneIl bagno è il luogo dove probabilmente èpossibile trovare la più grande quantità diprodotti chimici presenti nelle nostre case. Inquesta stanza, infatti, ci prendiamo cura delnostro corpo utilizzando dei prodotti che, puressendo facilmente reperibili e di usoquotidiano, in realtà sono “portentosepozioni” preparate da chimici geniali.
  • Ora noi vi parleremo dialcuni di questiprodotti! Per iniziare ...Vediamo cos’è uncosmetico.
  • Ogni giorno milioni di persone dedicano semprepiù tempo all’igiene personale.I cosmetici sono sostanze naturali o di sintesiche servono a curare e conservare la salutedella pelle, dei capelli, delle unghie. In generale,sono utilizzate per migliorare laspetto e lodoredi una persona.Il cosmetico, quindi, svolge numerosefunzioni: idrata, profuma e deterge.
  • I cosmetici svolgono anche una funzionepreventiva e protettiva, come nel caso dellecreme solari, delle lozioni per proteggere icapelli, dei dentifrici e dei colluttori per l’igieneorale.Il trucco è un cosmetico decorativo, utilizzatoprincipalmente per far risaltare la bellezza delcorpo. Il suo uso è diffusissimo, specialmente tra ledonne del mondo occidentale.
  • Abbiamo scelto di parlare di quattro cosmetici:• Il sapone• Il profumo• Il dentifricio•Il lucidalabbra
  • Il sapone viene prodotto e usato persciogliere le sostanze grasse neiprocessi di pulizia. Ma come è fatta unamolecola di sapone? Così… Esempio di struttura chimica del sapone
  • Per via della sua struttura, la molecola delsapone ha una testa idrofila (cioè si legacon l’acqua) ed una coda idrofoba (cioè èrespinta dall’acqua); tale molecola èpertanto in grado di emulsionare (miscelaredue liquidi) con l’acqua le sostanze grasse,consentendone l’allontanamento.
  • Si usa la soda caustica (idrossido di sodio,simbolo chimico NaOH) per produrre saponisolidi, mentre il potassio caustico (idrossido dipotassio, simbolo chimico KOH) si usa per isaponi liquidi. Queste sostanze sono dellebasi.basiPer produrre il sapone, questi elementi vannodiluiti in un liquido e fatti reagire con unacido (i grassi vegetali o animali).
  • Senza soda, liquido e grassinon cè saponificazione edunque non può essercisapone!
  • Componenti essenziali di un profumomoderno sono soprattutto l’alcool(circa l’80%) ed essenze naturali inesso disciolte (oli di provenienzanaturale o animale), oppure comesempre più spesso accade, elementisintetici profumati, chiamati “materieodorose”, nel linguaggio specialistico.
  • Per la composizione di un profumovengono mescolati insieme da 30 a 80elementi profumati, scelti fra 200essenze naturali e quasi 2000 elementisintetici.
  • Il dentifricio è un prodotto per la cura e la puliziadei denti. Abbiamo scoperto che contiene tantesostanze chimiche diverse:• Umettanti e acqua: 75%• Sostanze abrasive: 20%• Aromatizzanti e agenti per la schiumosità: 2%• Tamponi: 2%• Sostanze coloranti, leganti e opacizzanti: 1.5%• Fluoro: 0.24%
  • Dentifrici per rinforzare lo smalto, checontengono sostanze chimiche a base dicalcio (simbolo chimico Ca).Dentifrici per denti sensibili: checontengono composti di fluoro (simbolochimico F).Dentifrici antiplacca e antibatterici:contengono sostanze per purificarela bocca.
  • Il LucidalabbraIl lucidalabbra è un cosmetico, che serve a farapparire le labbra più lucide. Oltre ailucidalabbra standard, che producono sololeffetto di lucidità, esistono lucidalabbracolorati, dotati di micropagliuzze luccicanti, earomatizzati. Il lucidalabbra ha unaformulazione tra le più complicate di tutto ilmondo del make up.
  • Il LucidalabbraIl lucidalabra è composto da una pasta grassa,ricca di oli, nella quale sono sciolti alcunicoloranti di origine sintetica o più raramenteminerale, perlopiù particelle solide tritatefinemente per un effetto metallizzato.
  • Il LucidalabbraInoltre contengono conservanti (per evitarela proliferazione dei batteri), antiossidanti(per evitare che il prodotto deperisca), aromi(per profumare) ma anche filtri solari evitamine.Ma la vera scommessa, tra i chimici impiegatidai produttori di rossetti e lucidalabbra, è lacontinua ricerca di nuove varianti di colore!
  • Il LucidalabbraPer il colore si usano microsfere di polimeripolimetilmetacrilato (PMMA), atomi di bromo(simbolo chimico Br) e biossido di titanio(simbolo chimico Ti).Pensate… La qualità di un lucidalabbradipende dal sapiente equilibrio di una decinadi componenti…Quanta ricercaper un oggetto così comune!!
  • … E per finire …
  • L’acqua ossigenata è detta ancheperossido di idrogeno, la sua formula èH2O2 e viene normalmente venduta insoluzione acquosa. Dalla sua formula sivede che la molecola, come dice il nome,contiene più ossigeno di quello presentenell’acqua normale.Infatti la formula chimica dell’acquaè H2O.
  • La molecola di acqua ossigenata tende aperdere l’ossigeno che ha in più rispettoall’acqua. Questo ossigeno viene liberatosotto forma di ossigeno nascente,cioè non legato in una molecola.
  • Ogni atomo di ossigeno nascente è moltoreattivo e tende a legarsi alle altre molecole:è in questo modo che l’acqua ossigenatadisinfetta. Infatti, lo sviluppo di ossigeno informa di bollicine è molto evidente quando,per esempio, si applica acqua ossigenata suuna ferita.
  • La concentrazione dell’acqua ossigenataviene espressa solitamente in “volumi”: adesempio, le soluzioni diluite usate comedisinfettante portano la dicitura “10 volumi”oppure “12 volumi”; esistono in commercioanche soluzioni molto più concentrate.
  • Di tutte le sostanze che abbiamo scoperto in questa ricerca, lacqua ossigenata è lunica che non è unSapete che l’H2O2 a cosmetico: infatti, si24 volumi può essere utilizza perutilizzata per schiarire disinfettare le ferite.i capelli? Non provateciperò, perché non è un giocoe potreste rovinarli!
  • Ora che sappiamo quantesostanze chimiche ci sono nei prodotti che utilizziamo tutti i giorni… Li guarderemosicuramente con più attenzione pensando a tutto il lavoro nascosto nella loro preparazione!