2.1 Life Cycle Design_Cortesi_Polimi 08.09

866
-1

Published on

Published in: Education, Technology
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
866
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

2.1 Life Cycle Design_Cortesi_Polimi 08.09

  1. 1. corso DESIGN PER LA SOSTENIBILITA’ AMBIENTALE METODI E STRUMENTI DI LIFE CYCLE DESIGN 2.1 21 LIFE CYCLE DESIGN Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO dept. / DIS / RAPI.labo LeNS, the Learning Network on Sustainability Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  2. 2. CONTENUTI: . ciclo di vita del prodotto . unità funzionale . life cycle design (LCD) . vantaggio e “svantaggio” del LCD . criteri / linee guida progettuali Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  3. 3. CICLO DI VITA E UNITÀ FUNZIONALE Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  4. 4. CICLO DI VITA DEL PRODOTTO IL PRODOTTO È INTERPRETATO IN RELAZIONE AI FLUSSI DI MATERIA, ENERGIA ED EMISSIONI DELLE ATTIVITÀ CHE LO ACCOMPAGNANO DURANTE TUTTA LA SUA VITA input / output > conseguenze ambientali (sociali, economiche, …) Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  5. 5. CICLO DI VITA DEL PRODOTTO Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  6. 6. CICLO DI VITA DEL PRODOTTO PRE-PRODUZIONE ACQUISIZIONE RISORSE TRASPORTO AL SITO PRODUTTIVO TRASFORMAZIONE IN MATERIALI ED ENERGIA RISORSE PRIMARIE rinnovabili non rinnovabili RISORSE SECONDARIE pre-consumo post-consumo Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  7. 7. CICLO DI VITA DEL PRODOTTO Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  8. 8. CICLO DI VITA DEL PRODOTTO PRODUZIONE TRASFORMAZIONE DEI MATERIALI ASSEMBLAGGIO FINITURA MATERIALI DIRETTI rimarranno nel prodotto finale MATERIALI INDIRETTI funzionali alla produzione Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  9. 9. CICLO DI VITA DEL PRODOTTO Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  10. 10. CICLO DI VITA DEL PRODOTTO DISTRIBUZIONE IMBALLAGGIO TRASPORTO IMMAGAZZINAMENTO Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  11. 11. CICLO DI VITA DEL PRODOTTO Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  12. 12. CICLO DI VITA DEL PRODOTTO USO USO O CONSUMO SERVIZIO manutenzione riparazione aggiornamento Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  13. 13. CICLO DI VITA DEL PRODOTTO Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  14. 14. CICLO DI VITA DEL PRODOTTO DISMISSIONE RECUPERO FUNZIONALITÀ PRODOTTO O COMPONENTI (rifabbricazione) riuso VALORIZZAZIONE MATERIALI O ENERGIA riciclaggio (anello chiuso o aperto) compostaggio incenerimento NESSUN RECUPERO discarica / dispersione Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  15. 15. CICLO DI VITA DEL PRODOTTO Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  16. 16. CICLO DI VITA DEL PRODOTTO CICLI DI VITA AGGIUNTIVI CONSIDERARE ANCHE I CICLI DI VITA DI ALTRI PRODOTTI LA CUI ESISTENZA È FUNZIONALE AI SERVIZI OFFERTI ALL’UTENTE Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  17. 17. CICLO DI VITA DEL PRODOTTO io sfer b a a e o sfe ra g Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  18. 18. UNITÀ FUNZIONALE (O DI “SODDISFAZIONE”) NON SI VALUTA UN PRODOTTO, MA I PROCESSI CHE CARATTERIZZANO IL SODDISFACIMENTO DI UNA DETERMINATA FUNZIONE Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  19. 19. LIFE CYCLE DESIGN (LCD) Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  20. 20. LIFE CYCLE DESIGN in italiano: PROGETTAZIONE DEL CICLO DI VITA ( (DEI PRODOTTI) ) DISCIPLINA CHE INTEGRA I REQUISITI AMBIENTALI NEI PROCESSI PROGETTUALI anche eco design design fo the environment, ... eco-design, for en i onment Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  21. 21. LIFE CYCLE DESIGN APPROCCIO ORIZZONTE PROGETTUALE PIÙ ESTESO Ù dalla progettazione del prodotto alla progettazione d l CICLO DI VITA del prodotto ll tt i del dl d tt RIFERIMENTO PROGETTUALE dalla progettazione del prodotto alla progettazione della FUNZIONE (soddisfazione) Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  22. 22. LIFE CYCLE DESIGN APPROCCIO PERMETTE DI INDIVIDUARE LE CONSEGUENZE DI UNA PROPOSTA ANCHE PER FASI TRADIZIONALMENTE NON CONSIDERATE DURANTE LA PROGETTAZIONE Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  23. 23. LIFE CYCLE DESIGN OBIETTIVO (AMBIENTALE) MINIMIZZARE GLI INPUT E GLI OUTPUT quantitativamente qualitativamente (in relazione al ciclo di vita e alla unità funzionale) Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  24. 24. VANTAGGIO E “SVANTAGGIO” SVANTAGGIO Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  25. 25. VANTAGGIO DEL LIFE CYCLE DESIGN (contemplando gli effetti di tutte le fasi per funzione) INDIVIDUA LE PRIORITÀ (AMBIENTALI) DELLO SPECIFICO PRODOTTO CHE SI STA PROGETTANDO Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  26. 26. “SVANTAGGIO” DEL LIFE CYCLE DESIGN SVANTAGGIO MAGGIORE COMPLESSITÀ PIÙ INFORMAZIONI / RELAZIONI DA CONSIDERARE IMPREVEDIBILITÀ DELLA EVOLUZIONE TECNICO-ECONOMICA ARTICOLAZIONE DEGLI ATTORI DEL CICLO DI VITA Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  27. 27. ADEGUARE L APPROCCIO LCD L’APPROCCIO MAGGIORE COMPLESSITÀ ma quindi maggiori stimoli progettuali PIÙ INFORMAZIONI / RELAZIONI DA CONSIDERARE uso di metodi e strumenti da integrare nella progettazione t di t ti d i t ll tt i IMPREVEDIBILITÀ DELLA EVOLUZIONE TECNICO-ECONOMICA flessibilità per un sistema tecnico-economico in evoluzione ARTICOLAZIONE DEGLI ATTORI DEL CICLO DI VITA adeguare alle caratteristiche del prodotto e dell’impresa: per un ciclo di vita gestito in tutte le fasi per un ciclo di vita che altri gestiscono in parte per un ciclo di vita gestito in partnership con altri Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  28. 28. CRITERI / LINEE GUIDA PROGETTUALI Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  29. 29. CRITERI / LINEE GUIDA PROGETTUALI minimizzazione delle risorse scelta di risorse a basso impatto ambientale ottimizzazione della vita dei prodotti estensione della vita dei materiali facilitazione del disassemblaggio Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  30. 30. INTERRELAZIONI TRA CRITERI / LINEE GUIDA PER UN DETERMINATO PRODOTTO: - alcuni criteri hanno maggiore rilevanza di altri - criteri possono essere sinergici o conflittuali PER DECIDERE (PROGETTARE): - identificare le PRIORITÀ strategiche (ambientali) (grado di rilevanza criteri per tipo di prodotto) - integrare le indicazioni ambientali con quelle p prestazionali, estetiche, economiche, sociali, … , , , , Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia

×