• Save
2.2 Strategie Di Life Cycle Design Cortesi 09-10
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

2.2 Strategie Di Life Cycle Design Cortesi 09-10

on

  • 1,728 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,728
Views on SlideShare
1,727
Embed Views
1

Actions

Likes
1
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 1

http://www.slideshare.net 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

2.2 Strategie Di Life Cycle Design Cortesi 09-10 2.2 Strategie Di Life Cycle Design Cortesi 09-10 Presentation Transcript

  • corso Design di Sistema per la Sostenibilità argomento 2. Introduzione al Life Cicle Design (LCD) di prodotto risorsa didattica 2.2 Strategie di Life Cycle Design sara cortesi politecnico di milano . dip. INDACO . DIS . facoltà del design . Italia Learning Network on Sustainability Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • CONTENUTI: Strategie di Life Cycle Design: minimizzazione delle risorse scelta di risorse a basso impatto ottimizzazione della vita dei prodotti estensione della vita dei materiali facilitazione del disassemblaggio Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • MINIMIZZAZIONE DELLE RISORSE Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • MINIMIZZAZIONE DELLE RISORSE COSA SI INTENDE RISPARMIO QUANTITATIVO RIDUZIONE DEI CONSUMI DI MATERIA E ENERGIA . in tutte le fasi del ciclo di vita . per una determinata funzione offerta Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • MINIMIZZAZIONE DELLE RISORSE IMPLICAZIONI AMBIENTALI CONSERVAZIONE RISORSE per le generazioni future EVITATO IMPATTO (AMBIENTALE) pre-produzione, produzione, distribuzione e dismissione del quantitativo di risorsa non usata Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • MINIMIZZAZIONE DELLE RISORSE IMPLICAZIONI AMBIENTALI USANDO MENO MATERIA DIMINUISCE L’IMPATTO perché MENO MATERIALI DEVONO ESSERE PRODOTTI, TRASFORMATI, TRASPORTATI E DISMESSI Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • MINIMIZZAZIONE DELLE RISORSE IMPLICAZIONI AMBIENTALI USANDO MENO ENERGIA DIMINUISCE L’IMPATTO perché MENO ENERGIA DEVE ESSERE PRODOTTA E TRASPORTATA Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • MINIMIZZAZIONE DELLE RISORSE LINEE GUIDA PROGETTUALI MINIMIZZARE IL CONSUMO DI MATERIALI Minimizzare … … il contenuto materico di un prodotto … gli sfridi e gli scarti … gli imballaggi … il consumo di materiale durante l’uso … il consumo di materiale durante lo sviluppo prodotti Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • MINIMIZZAZIONE DELLE RISORSE LINEE GUIDA PROGETTUALI MINIMIZZARE IL CONSUMO DI ENERGIA … … per la pre-produzione e la produzione … per il trasporto e lo stoccaggio … durante l’uso … nella fase di sviluppo prodotti Sara Cortesi Politecnico di Milano / INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • SCELTA DI RISORSE A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • SCELTA DI RISORSE A BASSO IMPATTO COSA SI INTENDE RISPARMIO QUALITATIVO orientare le scelte progettuali verso materiali ed energie che hanno il minore impatto ambientale A PARITÀ DI FUNZIONE OFFERTA SULL’INTERO CICLO DI VITA DEL PRODOTTO Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • SCELTA DI RISORSE A BASSO IMPATTO DUE APPROCCI SCEGLIERE RISORSE A NULLA / MINIMA NOCIVITÀ SCEGLIERE RISORSE AD ALTA RINNOVABILITÀ Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • SCELTA DI RISORSE A BASSO IMPATTO AMBIENTALE SCEGLIERE RISORSE A NULLA / MINIMA NOCIVITÀ Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • SCELTA DI RISORSE A BASSO IMPATTO SCEGLIERE RISORSE A NULLA / MINIMA NOCIVITÀ NON USARE MATERIALI ED ENERGIE (vedi: minimizzare le risorse) NON USARE RISORSE A RICONOSCIUTA ELEVATA PERICOLOSITÀ AMBIENTALE (ad esempio: amianto) SCEGLIERE RISORSE A RIDOTTA NOCIVITÀ Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • SCELTA DI RISORSE A BASSO IMPATTO SCEGLIERE RISORSE A NULLA / MINIMA NOCIVITÀ La dannosità di materiali ed energie è da mettere in relazione con: . INTERO CICLO DI VITA (non solo pre-produzione) . FUNZIONE (lunghezza vita utile, peso, efficienza, ...) . CONTESTI DI PRODUZIONE E CONSUMO (modalità di uso, dismissione, ...) . ADDITIVI E MATERIALI AUSILIARI Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • SCELTA DI RISORSE A BASSO IMPATTO AMBIENTALE SCEGLIERE RISORSE AD ALTA RINNOVABILITÀ Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • SCELTA DI RISORSE A BASSO IMPATTO SCEGLIERE RISORSE AD ALTA RINNOVABILITÀ La rinnovabilità di materiali ed energie dipende da: . VELOCITÀ SPECIFICA DI RIFORMAZIONE . FREQUENZA DI ESTRAZIONE Una risorsa è rinnovabile se: ritmo consumo < ritmo naturale di riformazione Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • SCELTA DI RISORSE A BASSO IMPATTO SCEGLIERE RISORSE AD ALTA RINNOVABILITÀ Due considerazioni importanti: . le riserve per la produzione di alcuni materiali ed energie sono molto limitate . esistono materiali ed energie più rinnovabili di altre Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • SCELTA DI RISORSE A BASSO IMPATTO SCEGLIERE RISORSE AD ALTA RINNOVABILITÀ Materiali in via di esaurimento: METALLO rame, zinco, platino, stagno, ... LEGNO balsa, ebano, iroco, mogano, cedro rosso, teak, ... (Non sono ritenuti per ora in via d’estinzione: frassino, betulla, faggio, ciliegio, olmo, quercia, acero, pero, pino, pioppo, robinia, noce, ...) Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • OTTIMIZZAZIONE DELLA VITA DEI PRODOTTI Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • OTTIMIZZAZIONE DELLA VITA DEI PRODOTTI COSA SI INTENDE ESTENDERE LA DURATA (dei prodotti e/o componenti) ovvero progettare per una lunga vita utile degli artefatti INTENSIFICARE L’USO (dei prodotti e/o componenti) ovvero progettare per una vita utile con un’alta frequenza di utilizzo degli artefatti Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • OTTIMIZZAZIONE DELLA VITA DEI PRODOTTI VITA UTILE misura quanto tempo un prodotto e i suoi materiali possono durare in condizioni normali d’uso conservando le proprie prestazioni e il proprio comportamento ad un livello standard accettato Variabile a seconda del tipo di prodotto Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • OTTIMIZZAZIONE DELLA VITA DEI PRODOTTI FINE VITA UTILE = DISMISSIONE MOTIVI CHE PORTANO ALLA DISMISSIONE: . degrado prestazioni . degradazione per cause ambientali o chimiche . danni causati da incidenti o usi impropri . obsolescenza tecnologica . obsolescenza culturale ed estetica Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • OTTIMIZZAZIONE DELLA VITA DEI PRODOTTI ESTENDERE LA DURATA Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • PRODOTTO/COMPONENTE A VITA BREVE IMPATTI EVITATI PRE-PROD PRE-PROD PROD PROD PRODOTTI CHE NON CONSUMANO DISTRIB DISTRIB USO USO RISORSE IN USO DISM DETERMINATA FUNZIONE NEL TEMPO USO DISTRIB PROD PRE-PROD PRODOTTO/COMPONENTE A VITA ESTESA Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • PRODOTTO/COMPONENTE A VITA BREVE IMPATTI EVITATI PRE-PROD PRE-PROD IMPATTI ADDIZIONALI PROD PROD TECNOLOGIE/TECNICHE A MINOR CONSUMO IN USO PRODOTTI CHE CONSUMANO DISTRIB DISTRIB USO USO RISORSE IN USO DISM DETERMINATA FUNZIONE NEL TEMPO DISM USO USO DISTRIB DISTRIB AGGIORNAMENTO PROD PROD COMPONENTI CHE DETERMINANO I CONSUMI PRE-PROD PRE-PROD PRODOTTO/COMPONENTE A VITA ESTESA Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • ESTENDERE LA DURATA TIPOLOGIE DI PRODOTTO INTERESSANTE PER: . prodotti che NON CONSUMANO energie in uso? . prodotti che CONSUMANO energie in uso? . prodotti CONSUMATI durante l’uso? . prodotti USA-E-GETTA? Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • OTTIMIZZAZIONE DELLA VITA DEI PRODOTTI INTENSIFICARE L’USO Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • IMPATTI EVITATI PRODOTTO/COMPONENTE A VITA INTENSA DURATA INDIPENDENTE DAL TEMPO DI USO PP P DT DM A 1 B 1 C 1B 2 A 2C 2 B 3 A 3 C 3 USO NEL TEMPO PP P DT DM A1 A2 A3 PP P DT DM B1 B2 B3 PP P DT DM C1 C2 C3 PRODOTTO/COMPONENTE A VITA NON INTENSA Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • IMPATTI ADDIZIONALI IMPATTI ADDIZIONALI PRODOTTO/COMPONENTE A VITA INTENSA PP P DT DM TECNOLOGIE/TECNICHE A DURATA IN FUNZIONE DEL TEMPO DI USO MINOR CONSUMO IN USO PP P DT DM TECNOLOGIE/TECNICHE PRE E POST CONSUMO A PP P DT DM MINOR IMPATTO USO NEL TEMPO PP P DT DM PP P DT DM PP P DT DM PRODOTTO/COMPONENTE A VITA NON INTENSA Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • CONTESTO SOCIALE ED ECONOMICO Nelle società ad industrializzazione matura spesso il valore di un prodotto sta: . nel POSSEDERLO e non tanto nell’USARLO . nel possederne IL MAGGIOR NUMERO POSSIBILE . nel possederne di NUOVI PIÙ FREQUENTEMENTE possibile Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • STIMOLO PROGETTUALE Far in modo che i PRODOTTI DUREVOLI ED INTENSAMENTE USATI siano PERCEPITI (scelti) come MIGLIORI perché: . acquistano VALORE COL TEMPO . sono STRUMENTI di un’alta qualità di fruizione Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • ESTENSIONE DELLA VITA DEI MATERIALI Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • ESTENSIONE DELLA VITA DEI MATERIALI COSA SI INTENDE FAR VIVERE I MATERIALI OLTRE LA DURATA DEI PRODOTTI DI CUI FANNO PARTE IN QUESTO SENSO I MATERIALI POSSONO ESSERE: . RIPROCESSATI per ottenere nuove materie prime secondarie . INCENERITI per recuperarne il contenuto energetico Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • ESTENSIONE DELLA VITA DEI MATERIALI QUANDO PARLIAMO DI MATERIALI RIPROCESSATI PER OTTENERE NUOVE MATERIE PRIME SECONDARIE, INTENDIAMO: . RICICLAGGIO, quando le materie prime secondarie vengono utilizzate per fabbricare nuovi prodotti industriali . COMPOSTAGGIO, quando la materia prima secondaria è il compost Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • ESTENSIONE DELLA VITA DEI MATERIALI Progettare per facilitare: . RICICLAGGIO . COMPOSTAGGIO . RECUPERO ENERGETICO Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • ESTENSIONE DELLA VITA DEI MATERIALI VANTAGGI AMBIENTALI DISCARICA PRODUZIONE DISTRIBUZIONE USO PRE-PROD PRE-PROD PRODUZIONE DISTRIBUZIONE USO RICICLAGGIO INCENERIMENTO COMPOSTAGGIO PRODUZIONE DISTRIBUZIONE USO PRE-PROD IMPATTI EVITATI IMPATTI ADDIZIONALI Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • RICICLAGGIO PERCORSI DI RICICLAGGIO (INCENERIMENTO, COMPOSTAGGIO) PRE-CONSUMO (POST-INDUSTRIALE) scarti e sfridi processi produttivi POST-CONSUMO materiali da prodotti dismessi . anello chiuso . anello aperto Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • RICICLAGGIO FASI DEL RICICLAGGIO (INCENERIMENTO, COMPOSTAGGIO) . raccolta . trasporto . separazione (disassemblaggio e/o frantumazione) . identificazione . pulitura e/o lavaggio . produzione materie prime secondarie (esempio per plastica: rimacinatura, upgrading, rigranulazione) Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • RICICLAGGIO VALORE ECONOMICO DEL RICICLAGGIO (INCENERIMENTO, COMPOSTAGGIO) costi . raccolta, trasporto e immagazzinamento . separazione, identificazione, pulitura . produzione materia prima secondaria costi evitati/ricavi . non messa in discarica . non acquisto materiale vergine (paragonabile) . ricavo da materiale secondario Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • RICICLABILITA’ DEI MATERIALI (INCENERIMENTO, COMPOSTAGGIO) Dipende da: . CARATTERISTICHE SPECIFICHE MATERIALE recupero caratteristiche (e costo processo) . metalli e vetri . polimeri termoplastici . polimeri termoindurenti . ARCHITETTURA DEL PRODOTTO . PERCORSO (FASI) DI RECUPERO Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • FACILITAZIONE DEL DISASSEMBLAGGIO Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • FACILITAZIONE DEL DISASSEMBLAGGIO COSA SI INTENDE PROGETTARE PER RENDERE AGEVOLE ED ECONOMICA LA SEPARAZIONE DELLE PARTI E DEI MATERIALI Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • FACILITAZIONE DEL DISASSEMBLAGGIO IMPLICAZIONI AMBIENTALI FACILITARE LA SEPARAZIONE DELLE PARTI agevola MANUTENZIONE, RIPARAZIONE, AGGIORNABILITÀ E RIFABBRICAZIONE DEI PRODOTTI e quindi è funzionale alla ESTENSIONE DELLA VITA DEI PRODOTTI Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • FACILITAZIONE DEL DISASSEMBLAGGIO IMPLICAZIONI AMBIENTALI FACILITARE LA SEPARAZIONE DELLE PARTI agevola il RIUSO DEI COMPONENTI e quindi è funzionale alla ESTENSIONE DELLA VITA DEI COMPONENTI Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • FACILITAZIONE DEL DISASSEMBLAGGIO IMPLICAZIONI AMBIENTALI FACILITARE LA SEPARAZIONE DEI MATERIALI agevola . IL LORO RICICLAGGIO (se incompatibili) . IL LORO ISOLAMENTO (se tossici o nocivi) e quindi è funzionale alla ESTENSIONE DELLA VITA DEI MATERIALI Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • ALCUNE MODALITA’ DI SEPARAZIONE Per estendere la vita di prodotti e materiali: . DISASSEMBLAGGIO MANUALE . flessibile (a prodotti diversi) . adattabile (alle condizioni del prodotto) . DISASSEMBLAGGIO AUTOMATIZZATO Per estendere solo la vita dei materiali: . FRANTUMAZIONE . macinazione . separazione (magnetica, per induzione, per flottazione, …) Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • SISTEMI A GIUNZIONE REVERSIBILE Preferibili per il disassemblaggio finalizzato alla ESTENSIONE DELLA VITA DEI PRODOTTI . giunti a scatto (snap-fit) a due vie . viti e bulloni . inserti per viti Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia
  • SISTEMI A GIUNZIONE PERMANENTE . rivetti . ribaditura a caldo . sistemi a pressione . saldatura . saldatura con solventi (polimeri amorfi) . incollaggio con adesivi Sara Cortesi Politecnico di Milano / Dip. INDACO / DIS / Facoltà del Design / Italia