Segreteria Provinciale                                              Alessandria                     Via Casale 50/A 15122 ...
    Il personale sopra indicato come previsto dalla nota del Capo del Dipartimento nr.            PU-GDAP-1e00-02/08/2011...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Protesta per la mensa e stato di Agitazione

265 views
195 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
265
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Protesta per la mensa e stato di Agitazione

  1. 1. Segreteria Provinciale Alessandria Via Casale 50/A 15122 San Michele Alessandria Tel/Fax 0131-361829 e-mail sappealessandria9@gmail.com _____________________________________________________________________________________________________ Alla Direzione Casa Reclusione ALESSANDRIA c.a. Dr. Arena E.P.C. Al Provveditorato Regionale Amm.ne Pen. TORINO c.a. Dr. Fabozzi ALLA SEGRETERIA REGIONALE SAPPE TORINO c.a. Nicola SETTE ALLA SEGRETERIA NAZIONALE SAPPE ROMA c.a. Donato CAPECEOGGETTO: Ordine di servizio inerente alla fruizione della M.O.S. In riferimento all’emanazione dell’Ordine di servizio questo Organizzazione Sindacalechiede alla s.v. un urgente e scrupoloso riesame di quanto disposto nel predetto O.S.rappresentando le problematiche sottostanti e ritenendo una erronea applicazione dellenormative vigente: 1. Sono tenuti al recupero del tempo impiegato per la fruizione del pasto la Sorveglianza Generale, il Capoposto Esterno, etcc. questa O.S. rappresenta quanto segue:  Le unità di Polizia Penitenziaria impiegate in questi servizi hanno in un orario di servizio di 08:00/16:00 pertanto il recupero dei 30 minuti impiegati per la consumazione del pasto al termine dell’orario di servizio prolungherebbe l’orario fino alle ore 16:30. Generalmente il predetto personale è impiegato nel servizio notturno di 00:00/08:00, pertanto dalle ore 16:30 alle ore 24:00 non vi sono le otto ore previste dalle vigenti normative che consentirebbero al predetto personale un recupero psico-fisico tra un turno e l’altro;
  2. 2.  Il personale sopra indicato come previsto dalla nota del Capo del Dipartimento nr. PU-GDAP-1e00-02/08/2011 – 0298346-2011 del 02/08/2011 a parere di questa O.S. rientra in quel personale che come previsto dalla predetta nota : ”qualora si verifichi una situazione di emergenza detto personale è comunque chiamato al pari di chi li sta sostituendo a sospendere la consumazione del pasto per fronteggiare la situazione”.2. Tenuto conto di quanto sopra menzionato dalla predetta nota del D.A.P. dovrebbero poter usufruire della M.O.S. senza il recupero del tempo impiegato nella consumazione rientrerebbe il personale impiegato in compiti operativi che viene impiegato per la sostituzione in servizio nelle sezioni detentivi (personale impiegato di sentinella, passeggi, capoposto esterno, Block House etc…) anche qualora il loro orario di servizio non termini alle ore 16:00 e che come previsto dalla Legge 18 maggio 1989, n. 203 al comma 1 capo b) personale impiegato in servizi di istituto, specificamente tenuto a permanere sul luogo di servizio o che non può allontanarsene per il tempo necessario per la consumazione del pasto presso il proprio domicilio. Questa O.S. vuole rappresentare in ultima istanza che come indicato dallo stesso Provveditore nella nota nr. 41709/11 del 23/11/2011 al Capo D, punto d2 si è dato un’elenco semplificato dei Posti di servizio su cui ricade l’obbligo di recuperare del tempo usufruito per la consumazione dei pasti; in questo elenco, diversi posti di servizio esclusi dallo stesso Provveditore sono stati invece penalizzati da una interpretazione restrittiva che codesta Direzione ha ritenuto porre in essere. visto che la stessa nota del 23/11/2011 ha demandato all’AUTORITA’ DIRIGENTE LOCALE la valutazione dei vari posti di servizio in considerazione della realtà locale in cui gli appartenenti del Corpo di Polizia Penitenziaria operano. Si vuole ricordare a questa Direzione che il benessere del personale di Polizia Penitenziaria è un principio generale a cui ogni Direzione deve conformarsi e che per tanto, l’atteggiamento tenuto da questa Direzione va, ormai da troppo tempo, in un senso completamente diverso dai principi summenzionati e che, per quel che riguarda l’ argomento della Mensa di Servizio, lo stesso Provveditorato ha dettato solo delle “linee guida” a cui ogni Direzione del Distretto dovrà calibrare le proprie scelte facendo attente valutazioni sulle realtà locali. A questo punto, direbbe qualcuno, la domanda sorge spontanea. Egregio Direttore le ha fatte queste attente valutazioni??? Prima di porre in essere (in maniera sempre restrittiva) ogni “parere” dei superiori uffici, si è mai calato nella realtà che vive ogni lavoratore di questa struttura?? Domande che tutto il personale si fa ormai da troppo tempo!!! Questa O.S. visto il perdurare di questa situazione, dichiara lo stato di agitazione invitando tutto il personale di Polizia Penitenziaria dall’ ASTENERSI DALLA MENSA DI SERVIZIO A FAR DATA DAL 20.12.2011, riservandosi di mettere in essere ogni altra forma di protesta fino a quando questa Amministrazione non vorrà ASCOLTARE con la dovuta ATTENZIONE le Rimostranze di un Personale ingiustamente penalizzato! San Michele, 19.12.2011 Il Vice Segretario Regionale D’Ambola Enrico

×