dbsond.doc

761 views
702 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
761
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
7
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

dbsond.doc

  1. 1. 1Guida all'Uso Doc-To-Help Standard Manual DBSOND - Restituzione grafica di colonne e profili stratigrafici Doc-To-Help Standard Manual Geo Soft di ing. G. Scioldo
  2. 2. DBSOND – Guida all'Uso Sommario • i Sommario Capitolo 1 - Introduzione al programma 1 Introduzione al programma.....................................................................................................................1 Capitolo 2 - Installazione del programma 2 Requisiti necessari per l'esecuzione del programma..............................................................................2 Installazione del programma...................................................................................................................2 Capitolo 3 - Protezione del programma 8 Protezione del programma.....................................................................................................................8 Chiave di protezione su porta USB....................................................................................................8 Chiave di protezione su porta parallela..............................................................................................9 Capitolo 4 - Uso del programma in rete locale 11 Uso del programma in rete...................................................................................................................11 Capitolo 5 - Aggiornamento del programma 12 Aggiornamento del programma mediante procedura automatica.........................................................12 Frequenza degli aggiornamenti............................................................................................................13 Come utilizzare l'aggiornamento automatico........................................................................................13 Capitolo 6 - Interfaccia utente 15 Convenzioni..........................................................................................................................................15 Interfaccia utente ed introduzione dati..................................................................................................15 Interfaccia utente: la barra dei menu ed i menu...............................................................................15 Gestione delle finestre per l'introduzione dati..................................................................................16 Gestione dell'introduzione dei dati mediante tabelle........................................................................17 Le Finestre di Messaggio.................................................................................................................18 Help on Line....................................................................................................................................18 Capitolo 7 - Menu Archivi 19 Menu Archivi.........................................................................................................................................19 Comando Nuovo Sondaggio............................................................................................................19 Comando Apri Sondaggio................................................................................................................19 Comando Nuovo Profilo...................................................................................................................20 Comando Apri Profili........................................................................................................................20 Comando Salva...............................................................................................................................20 Comando Configura Stampante .....................................................................................................21 Capitolo 8 - Menu Edizione - Creazione di una stratigrafia 22 Menu Edizione......................................................................................................................................22 Comando Stratigrafia.......................................................................................................................22 La finestra di dialogo "Edizione stratigrafia"................................................................................22 Pulsante <Edizione>...................................................................................................................23 Pulsante <Parametri>.................................................................................................................23 Pulsante <Titoli>.........................................................................................................................24 Pulsante <Note sin.>..................................................................................................................24 Pulsante <Note des.>.................................................................................................................24 Comando Retini...............................................................................................................................25 Come creare un nuovo retino.....................................................................................................25
  3. 3. DBSOND – Guida all'Uso Sommario • ii Come modificare un retino..........................................................................................................25 Come copiare un retino esistente...............................................................................................26 Come cancellare un retino esistente..........................................................................................26 Retini vettoriali per la rappresentazione grafica della stratigrafia................................................27 Comando Configurazione................................................................................................................28 Comando Ordine Colonne .........................................................................................................28 Comando Configurazione Colonne.............................................................................................30 Comando Configura Intestazione...............................................................................................32 La finestra di dialogo "Configura Intestazione"...........................................................................32 Come utilizzare i titoli ed il marchio della versione DOS.............................................................37 Come creare il marchio grafico...................................................................................................37 Come personalizzare manualmente i titoli ed il marchio ............................................................37 Comando Avanzate....................................................................................................................39 La finestra di dialogo "Configurazioni Avanzate"........................................................................39 Capitolo 9 - Menu Edizione - Creazione di un profilo 41 Menu Edizione......................................................................................................................................41 Comando Parametri.........................................................................................................................41 La finestra di dialogo "Parametri sezioni"...................................................................................41 Comando Terreno............................................................................................................................42 La finestra di dialogo "Profilo del terreno" ..................................................................................42 Comando Stratificazioni...................................................................................................................42 Comando Geometria .................................................................................................................42 La finestra di dialogo "Definizione delle Discontinuità" ..............................................................42 Comando Retini ..............................................................................................................................43 La finestra di dialogo "Definizione del Retino" ...........................................................................43 Comando Livelletta..........................................................................................................................44 La finestra di dialogo "Editing della livelletta" .............................................................................44 Comando Sezioni............................................................................................................................45 La finestra di dialogo "Numerazione delle sezioni" ....................................................................45 Comando Sondaggi ........................................................................................................................45 La finestra di dialogo "Inserimento sondaggi" ............................................................................45 Comando Testi Aggiuntivi................................................................................................................46 La finestra di dialogo "Inserimento testi" ....................................................................................46 Comando Configurazione................................................................................................................46 Capitolo 10 - Menu Stampa 47 Menu Stampa.......................................................................................................................................47 Comando Stratigrafia.......................................................................................................................47 La finestra di anteprima di stampa..............................................................................................47 Comando Profilo..............................................................................................................................48 Comando Retini ..............................................................................................................................48 Comando Singolo.......................................................................................................................48 Comando Gruppo.......................................................................................................................48 Comando Tutti............................................................................................................................49 Comando Configurazione................................................................................................................49 Comando Stampa Multipla..............................................................................................................50 Capitolo 11 - Menu Uscita 51 Menu Uscita ........................................................................................................................................51 Capitolo 12 - Le colonne del programma DBSOND 52 Le colonne predefinite .........................................................................................................................52 Acqua..............................................................................................................................................52 Campioni.........................................................................................................................................52 Carotaggio.......................................................................................................................................52 Cassetta..........................................................................................................................................52 Descrizione......................................................................................................................................52 Descrizione pozzo...........................................................................................................................52 Discontinuità....................................................................................................................................53 Falda................................................................................................................................................53
  4. 4. DBSOND – Guida all'Uso Sommario • iii Filtri .................................................................................................................................................53 Granulometria..................................................................................................................................53 Inclinometro.....................................................................................................................................53 N. colpi SPT.....................................................................................................................................53 Perforazione....................................................................................................................................53 Piezometro......................................................................................................................................53 Piezometro Steampipe....................................................................................................................54 Pocket penetrometer.......................................................................................................................54 Point load.........................................................................................................................................54 Potenza...........................................................................................................................................54 Profondità........................................................................................................................................54 Profondità SPT................................................................................................................................54 Quota...............................................................................................................................................54 Rivestimento....................................................................................................................................54 R.Q.D...............................................................................................................................................54 Scala grafica....................................................................................................................................54 Schema pozzo.................................................................................................................................54 Esempi........................................................................................................................................55 Spezzoni..........................................................................................................................................61 S.P.T................................................................................................................................................61 Stratigrafia.......................................................................................................................................61 Tubo aperto.....................................................................................................................................63 Vane test.........................................................................................................................................63 Le colonne predefinite - esempi grafici.................................................................................................64 Tipologie grafiche ................................................................................................................................67 COLUMN01.DFC.............................................................................................................................67 COLUMN02.DFC.............................................................................................................................67 COLUMN03.DFC.............................................................................................................................67 COLUMN04.DFC.............................................................................................................................67 COLUMN05.DFC ............................................................................................................................67 COLUMN06.DFC ............................................................................................................................67 COLUMN07.DFC.............................................................................................................................67 COLUMN08.DFC.............................................................................................................................67 COLUMN09.DFC ............................................................................................................................67 COLUMN10.DFC.............................................................................................................................67 COLUMN11.DFC ............................................................................................................................67 COLUMN12.DFC.............................................................................................................................67 COLUMN13.DFC.............................................................................................................................67 COLUMN14.DFC.............................................................................................................................68 COLUMN15.DFC.............................................................................................................................68 COLUMN16.DFC.............................................................................................................................68 COLUMN17.DFC.............................................................................................................................68 COLUMN18.DFC.............................................................................................................................68 COLUMN19.DFC.............................................................................................................................68 COLUMN20.DFC.............................................................................................................................68 COLUMN21.DFC.............................................................................................................................68 COLUMN22.DFC.............................................................................................................................68 COLUMN23.DFC.............................................................................................................................68 COLUMN24.DFC.............................................................................................................................68 COLUMN25.DFC.............................................................................................................................68 COLUMN26.DFC.............................................................................................................................68 COLUMN27.DFC.............................................................................................................................69 COLUMN28.DFC.............................................................................................................................69 Tipologie grafiche - esempi grafici........................................................................................................69
  5. 5. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 1 Capitolo 1 - Introduzione al programma Introduzione al programma Questo programma permette la creazione e la restituzione grafica di sondaggi e profili. Grazie alla estrema flessibilità adottata nella gestione dell'introduzione dei dati possono essere archiviati e stampati, insieme ai dati stratigrafici veri e propri (descrizione dei litotipi, profondità e spessore degli strati), un grande numero di informazioni complementari quali nome e profondità dei campioni prelevati, percentuale di RQD, carotaggio, risultati delle prove di laboratorio ed in situ, ecc., così da poter fornire un quadro sinottico di tutte le informazioni ricavate nell'esecuzione del sondaggio. Le informazioni archiviate vengono stampate all'interno di colonnine, il cui ordine di stampa può essere definito volta per volta oppure utilizzando delle configurazioni predefinite. Per l'introduzione di informazioni non previste nella configurazione di base del programma è data la possibilità di creare nuove colonne personalizzate, utilizzando le venti tipologie di rappresentazione dei dati fornite con il programma. A ciascun tipo di colonna base è associata una modalità di rappresentazione dei dati, cui corrisponde una particolare richiesta di informazioni. È configurabile direttamente dall'utente anche l'intestazione della stratigrafia, tramite un comodo editor grafico interno. Per quanto concerne la rappresentazione grafica dei litotipi, è possibile utilizzare indifferentemente i retini vettoriali di tipo geologico ispirati alla legenda A.G.I. ed alla Standard Legend Americana forniti con il programma oppure immagini in formato BMP. Utilizzando gli appositi comandi è possibile modificare i retini vettoriali esistenti o crearne di nuovi fino ad ottenere un massimo di 99 retini-base, ciascuno dei quali può essere riprodotto in 9 diverse scale e sovrapposto ad ognuno degli altri, ottenendo una gamma vastissima di possibilità. Con DBSOND anche la generazione dei profili stratigrafici è estremamente semplice: per ogni profilo è possibile riportare su linee diverse i valori di quota, le distanze parziali, la posizione ed il numero di riferimento delle sezioni. Per ogni profilo vengono quindi calcolati i valori dei punti intermedi in relazione alle progressive globali.
  6. 6. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 2 Capitolo 2 - Installazione del programma Requisiti necessari per l'esecuzione del programma. • Processore classe Pentium® • Microsoft® Windows® ver. 9x o successive. Per il sistema operativo Windows NT® 4.0 è necessaria la presenza del Service Pack 5 o succ. • 64 MB di RAM (128 MB raccomandati) • 100 MB di spazio disponibile su hard-disk • Lettore CD-ROM • Stampante: per il corretto funzionamento del programma è indispensabile che sia installata una stampante, anche se non deve necessariamente essere connessa al PC. Installazione del programma Per eseguire l'installazione occorre avviare il programma di installazione DBSOND32SETUP.EXE dal CD-ROM o dalla cartella in cui esso è stato scaricato. Premere il pulsante AVANTI per iniziare l'installazione.
  7. 7. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 3 Premere il pulsante AVANTI dopo aver letto il contratto di licenza. Premere il pulsante AVANTI dopo aver letto le istruzioni riportate
  8. 8. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 4 Selezionare la cartella in cui deve essere creata la directory DBSOND32 e fate click su AVANTI. Premere il pulsante AVANTI per far creare il gruppo "DBSOND32" nel menu Start.
  9. 9. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 5 Scegliere se far creare l'icona del programma su Desktop. Premere il pulsante INSTALLA per proseguire l'installazione …
  10. 10. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 6 Terminata l'installazione dei files, premere il pulsante FINE per uscire dall'installazione ed avviare il programma. Successivamente, per avviare Dbsond32 fate clic sul pulsante Start quindi scegliete dal menu Programmi il gruppo DBSOND32 e fate clic su DBSOND32 . Il programma è automaticamente avviato in italiano.
  11. 11. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 7 La lingua utilizzata sarà salvata all'interno del file "LANGUAGE.CFG" presente nella cartella del programma. Per selezionare una diversa lingua è sufficiente cancellare questo file prima di avviare il programma; così facendo verrà nuovamente proposta la finestra di selezione della lingua.
  12. 12. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 8 Capitolo 3 - Protezione del programma Protezione del programma Il programma funzionerà solamente se la chiave è collegata alla porta, e se le procedure di installazione sono state eseguite correttamente. Nel caso in cui la procedura automatica di installazione non andasse a buon fine potete provare ad eseguire manualmente l’installazione dei driver, secondo le procedure descritte in seguito. Chiave di protezione su porta USB Avvertenze per l'installazione: poiché la gestione della chiave di protezione richiede l'installazione di un driver che viene copiato in una sotto cartella del programma durante l'installazione, E' NECESSARIO INSTALLARE IL PROGRAMMA PRIMA DI COLLEGARE LA CHIAVE DI PROTEZIONE ALLA PORTA USB. L’installazione di SmartKey USB nei sistemi Windows XP e Windows 2003 è integrata con la procedura di Installazione Guidata Nuovo Hardware di Windows XP. La procedura per l’installazione è quindi la seguente: • Installare il programma, il quale provvederà all'installazione dei driver. • Inserire SmartKey USB nella porta USB del PC. • Selezionare Avanti della prima finestra di Installazione Guidata Nuovo Hardware. • Selezionare Fine della seconda finestra di Installazione Guidata Nuovo Hardware. Nel caso in cui la procedura automatica di installazione non andasse a buon fine (ad esempio perché la chiave hardware è stata collegata prima di aver terminato l'installazione del programma) potete eseguire manualmente l'installazione, utilizzando la seguente procedura: 1. avviate Windows ed effettuate un LOGIN come AMMINISTRATORE
  13. 13. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 9 2. selezionate la cartella EUTRON presente nella cartella del programma installato ed avviate il programma SDI.EXE (SmartKey Driver Installer). SDI mette a disposizione tre opzioni per i tre tipi d’installazione e disinstallazione, SmartKey Parallela, SmartKey USB e Global Security System. L’interfaccia grafica di SDI mette a disposizione tre opzioni: • Installa: installa i driver del tipo selezionato • Disinstalla: disinstalla i driver del tipo selezionato • Elimina: disinstalla i driver senza controllare eventuali dipendenze. 3. selezionate la scheda "USB" e fate clic sul pulsante <Installa> 4. L'avvenuta installazione del driver è segnalata da una finestra: fate clic sul pulsante <OK> per uscire. Se l’installazione non andasse a buon fine, SDI apre un pannello “pop-up”in cui mostra dettagliatamente le operazioni che sono fallite e il numero dell’errore del sistema operativo. Nel caso in cui, collegando la chiave di protezione, il sistema operativo avvii ugualmente la procedura di installazione di un nuovo hardware si dovrà indicare la cartella EUTRON come percorso in cui trovare i driver necessari. Per ulteriori informazioni sulle chiavi di protezione hardware potete visitare il sito Web http://www.eutron.com Chiave di protezione su porta parallela Avvertenze per l'installazione: SmartKey Parallela deve essere inserita prima di accendere il computer e la stampante collegata in cascata. In caso contrario, sia SmartKey Parallela sia la stampante potrebbero non funzionare correttamente. Il processo di installazione dei driver è normalmente silente, e non richiede nessuna interazione con l’utente. Su sistemi Windows 95, Windows 98 e Windows Me, la presenza della chiave di protezione su porta parallela è automaticamente determinata dal sistema, e non richiede pertanto informazioni aggiuntive. Su sistemi Windows NT, Windows 2000 e Windows XP, nel caso in cui la procedura automatica di installazione non andasse a buon fine potete eseguire manualmente l'installazione, utilizzando la seguente procedura: 1. avviate Windows ed effettuate un LOGIN come AMMINISTRATORE 2. selezionate la cartella EUTRON presente nella cartella del programma installato ed avviate il programma SDI.EXE (SmartKey Driver Installer). SDI mette a disposizione tre opzioni per i tre tipi d’installazione e disinstallazione, SmartKey Parallela, SmartKey USB e Global Security System. L’interfaccia grafica di SDI mette a disposizione tre opzioni • Installa: installa i driver del tipo selezionato • Disinstalla: disinstalla i driver del tipo selezionato • Elimina: disinstalla i driver senza controllare eventuali dipendenze.
  14. 14. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 10 3. selezionate la scheda "Parallela" e fate clic sul pulsante <Installa> 4. l'avvenuta installazione del driver è segnalata da una finestra: fate clic sul pulsante <OK> per uscire. Se l’installazione non andasse a buon fine, SDI apre un pannello “pop-up”in cui mostra dettagliatamente le operazioni che sono fallite e il numero dell’errore del sistema operativo. Per ulteriori informazioni sulle chiavi di protezione hardware potete visitare il sito Web http://www.eutron.com
  15. 15. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 11 Capitolo 4 - Uso del programma in rete locale Uso del programma in rete I programmi possono essere usati in rete locale senza dover necessariamente spostare la chiave hardware da un PC all’altro. È inoltre possibile acquistare licenze multiple per l’utilizzo dei programmi su più postazioni contemporaneamente. Vengono rispettivamente definiti “Server” l’elaboratore al quale è fisicamente connessa la chiave hardware, e “Client“ gli elaboratori che remotamente richiedono al server l’autorizzazione a funzionare in modalità non dimostrativa. Il programma deve innanzi tutto essere installato sul Server (compresi i driver della chiave hardware) e su ciascun Client (in modalità dimostrativa). Sul server deve quindi essere installato il programma di gestione della chiave hardware KEYSERVER.EXE, utilizzando il programma di installazione reperibile sul CD-ROM o sul nostro sito Web all’indirizzo: http://www.geoandsoft.com/download/KeyServerSetup.exe Avviato KEYSERVER.EXE comparirà la finestra del programma di gestione della chiave hardware. Occorre fare clic sul bottone “Create Program Configuration File”, e quindi sfogliare la rete cercando il programma per il quale si vuole abilitare l’utilizzo in rete (a titolo di esempio il percorso potrebbe essere COMPUTER03CPROGRAMMIDBSOND32DBSOND32.EXE). Da questo momento, e a condizione che il programma KEYSERVER.EXE sia avviato, il programma DBSOND32.EXE installato sul PC “computer03” sarà pienamente operativo. NOTA: l’utilizzo contemporaneo dei programmi su più postazioni è subordinato all’acquisto di licenze multiple. Diversamente i programmi potranno essere eseguiti in modalità non dimostrativa su di un solo elaboratore alla volta.
  16. 16. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 12 Capitolo 5 - Aggiornamento del programma Aggiornamento del programma mediante procedura automatica Seguendo una politica commerciale immutata fin dalla fondazione della nostra azienda, gli aggiornamenti dei programmi sono forniti gratuitamente. Poiché spesso non vengono rilasciati aggiornamenti completi del prodotto, cioè delle nuove versioni, ma vengono apportate continue modifiche, migliorie ed aggiunte, non è sempre indispensabile una reinstallazione del programma. Nell'ottica di fornire un servizio di supporto puntuale, che permetta ai nostri clienti di mantenere sempre aggiornato il programma acquistato senza costi od aggravi particolari, la GeoSoft ha deciso di automatizzare il download e l'installazione degli aggiornamenti dei programmi, implementando AutoUpdater, un servizio che, accedendo al sito Internet geoandsoft.com individua e scarica i file aggiornati, li installa e sposta i file ormai inutili in una cartella di backup, per consentire eventualmente all'utente di ripristinare la versione precedente. AutoUpdater può essere eseguito in modalità Interattiva o Automatica. In modalità Interattiva (predefinita) AutoUpdater verifica l'elenco degli aggiornamenti disponibili esclusivamente dietro espressa richiesta dell'utente, che fa clic sul pulsante "Aggiorna". Per ricevere gli aggiornamenti utilizzando AutoUpdater: 1. Avviate il programma 2. Fate clic sul pulsante "Aggiorna" nella parte inferiore della finestra.
  17. 17. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 13 3. Attendete che il programma verifichi quali dei file sono da aggiornare: se sono presenti file più recenti di quelli presenti sul computer locale ne viene visualizzato l'elenco, con la possibilità di scegliere, per ciascun file, se debba essere scaricato o tralasciato. In particolare tutti i files saranno predisposti per essere scaricati, ad eccezione di quelli personalizzabili dall'utente (ad esempio i file di configurazione dei colori) per i quali AutoUpdater, pur rilevando la differenza di data fra il file presente nel sito di aggiornamento ed il file presente sul disco, richiede l'esplicita autorizzazione allo scaricamento. 4. Scegliete i file da scaricare e fate clic sul pulsante " Aggiorna" per scaricarli e installarli. 5. Al termine dell'installazione viene avviato automaticamente il programma. In modalità Automatica, AutoUpdater verifica la presenza di nuovi aggiornamenti ad ogni avvio del programma. Per impostare la modalità automatica selezionate la casella "Aggiorna ad ogni avvio". Frequenza degli aggiornamenti E' preferibile eseguire una verifica della disponibilità di aggiornamenti subito dopo l'installazione del prodotto, soprattutto se si utilizza per l'installazione un CD DEMO. Una volta che i file sono aggiornati, è consigliabile eseguire regolarmente la verifica degli aggiornamenti del programma, che vengono rilasciati quando necessario. Come utilizzare l'aggiornamento automatico Per le procedure di aggiornamento automatico e di attivazione della modalità demo estesa i nostri programmi utilizzano il protocollo HTTP. Nel caso in cui l'elaboratore sia connesso direttamente e permanentemente ad Internet esso si può collegare direttamente al nostro server tramite la porta 80. Qualora la procedura non abbia successo, occorre probabilmente l'intervento dell'amministratore del sistema, a cui sono dedicate le seguenti note. • DIALUP (rete fissa, ISDN, BlueTooth ecc.) La connessione a Internet deve essere stabilita prima di avviare il programma. • FIREWALL Sia il programma che si desidera aggiornare, sia il modulo autoupdater3.exe, devono avere il permesso di accedere a Internet. E' possibile che, in presenza di firewall, al primo tentativo di accesso la procedura non venga completata in modo efficace a causa di interferenze e/o timeout dovuti al firewall stesso, si consiglia
  18. 18. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 14 perciò di abilitare i permessi di accesso in modo permanente ed eventualmente ripetere l'avvio del programma. • PROXY Il programma autoupdater3.exe accede al server proxy qualora questo sia stato abilitato per condividere la connettività su una rete locale; ciò può essere controllato verificando da Internet Explorer che in "strumenti>opzioni internet>connessioni>impostazioni LAN" sia abilitata la voce "utilizza un server proxy ...", e che la porta del protocollo HTTP sia settata al valore "80". In alternativa è possibile verificare la configurazione della connettività utilizzando Regedit.exe: HKEY_CURRENT_USER Software Microsoft Windows CurrentVersion Internet Settings ProxyEnable: 1 ProxyServer: ftp=xxx.xxx.xxx.xxx:xx; gopher=...;http=xxx.xxx.xxx.xxx:80
  19. 19. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 15 Capitolo 6 - Interfaccia utente Convenzioni In questo documento vengono utilizzate alcune convenzioni tipografiche e della tastiera al fine di facilitare il riconoscimento delle informazioni. Lo stile grassetto è utilizzato per indicare nomi di comandi e relative opzioni. Il testo scritto in grassetto deve pertanto essere digitato esattamente come riportato, sia per quanto riguarda i caratteri che per quanto riguarda gli spazi. Le parole in corsivo indicano la richiesta di informazioni. Il carattere MAIUSCOLO indica invece i nomi dei computer, delle stampanti, delle cartelle e dei files. Interfaccia utente ed introduzione dati L'interfaccia utente è stata pensata per essere facile e potente con una guida costante, pratica e teorica, che aiuti e guidi l'utilizzatore nella gestione dei programmi senza obbligarlo ad una frequente consultazione dei manuali. Tutti i comandi sono contenuti all'interno dei menu a tendina presenti nella barra dei menu, selezionabili sia con il mouse sia da tastiera. La disposizione dei menu, studiata secondo criteri ergonomici, rispetta l'ordine logico delle operazioni inibendo l'accesso alle operazioni successive fino a che non siano stati forniti tutti i dati richiesti nella sezione precedente. Lo schema dell'interfaccia è conservato per quanto possibile in tutti i programmi di nostra produzione per rendere più semplice il passaggio da un programma all'altro, senza dover imparare comandi e procedure diverse per funzioni simili (come l'inserimento dei dati o la gestione dei files) o dover, all'opposto, utilizzare comandi simili per funzioni diverse. Esaminiamo ora i componenti generali utilizzati nell'interfaccia utente dei programmi della Geo Soft. Interfaccia utente: la barra dei menu ed i menu La barra dei menu gestisce l'accesso a tutti i comandi del programma. La filosofia generale che regola l'uso dei menu ne prevede una disposizione quanto più possibile ergonomica, semplice ed intuitiva.
  20. 20. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 16 Per effettuare elaborazioni complete i menu devono (generalmente) essere utilizzati da sinistra a destra, ed in ciascuno di essi i singoli comandi dall'alto in basso seguendo uno schema quanto possibile fisso: definizione del nome del lavoro, introduzione dei dati richiesti ed esecuzione dei calcoli, restituzione grafica in forma di anteprima o di stampa definitiva. Si noti che i programmi possono disabilitare automaticamente alcuni menu od alcune voci all'interno di questi ultimi allorché l'operazione in oggetto non sia correntemente possibile; esempi tipici sono la disattivazione del menu di calcolo finché non sia stato completato l'inserimento dei dati e la disattivazione del menu di stampa fino a che non siano stati eseguiti i calcoli. Per scegliere un comando da un menu possono essere seguite le seguenti procedure:  puntare sul menu da attivare e fare clic, quindi puntare sul comando da aprire e fare clic. Qualora non voleste selezionare un comando presente in questo menu, uscite dall'area del menu prima di rilasciare il pulsante del mouse. Gestione delle finestre per l'introduzione dati I comandi contenuti all'interno dei menu possono dar luogo ad una azione immediata oppure visualizzare una finestra di dialogo per l'introduzione o la modifica dei diversi set di dati. Quando una finestra è visibile vengono ignorate tutte le azioni che non si riferiscono alla gestione della finestra stessa; pertanto è necessario chiuderla per riprendere il normale utilizzo del programma. Nel bordo in alto della finestra è presente la barra del titolo, la quale ricorda sinteticamente la funzione della finestra attiva. Le finestre possono essere posizionate in una diversa area dello schermo semplicemente trascinando la barra del titolo. All'interno delle finestre di dialogo vengono impiegati alcuni tipi fondamentali di strumenti d'uso: campi per l'inserimento di dati, liste di selezione e pulsanti di controllo. I campi per l'inserimento di dati gestiscono l'immissione dei valori e dei testi. Al loro interno sono utilizzabili la maggior parte dei tasti di editing (HOME, END, INS, CANC, ecc.). Se il campo presenta sul lato destro una freccia rivolta verso il basso significa che possiede un elenco di scelta. Per visualizzare il contenuto dell'elenco e selezionarne un elemento:  fare clic sull'icona quindi fare clic sull'elemento da selezionare I pulsanti di controllo presenti nelle finestre sono tre: <Conferma> - salva i dati inseriti e passa alla fase successiva. <Annulla> - chiude la finestra senza salvare i dati introdotti od eseguire il comando. <Help> - produce una finestra contenente alcune informazioni generali sulla finestra selezionata. Per utilizzare i pulsanti di controllo:
  21. 21. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 17  fare clic sul pulsante Per l'editing dei dati all'interno delle finestre si utilizzano i seguenti tasti: • TAB - sposta il cursore nel campo successivo; qualora il cursore fosse posizionato all'interno dell'ultimo campo visibile porta il cursore sul primo pulsante di controllo della finestra. Premendo MAIUSC+TAB il cursore torna nel campo precedente. • INVIO- sposta il cursore nel campo successivo. Se il cursore è posizionato su uno dei pulsanti presenti nella finestra viene eseguito il comando corrispondente. • BACKSPACE - cancella l'ultimo carattere inserito. • DEL - cancella il carattere a destra del cursore. • ESC - chiude la finestra senza salvare i valori introdotti od eseguire il comando. È equivalente all'uso del pulsante <Annulla>. • FRECCIA SU / FRECCIA GIÙ - sono utilizzabili nei soli campi multipli, cioè in quei campi in cui è presente un elenco di scelta. • FRECCIA SINISTRA / FRECCIA DESTRA - spostano il cursore all'interno del campo. • HOME - porta il cursore in testa al campo. • END - porta il cursore sull'ultima posizione del campo. Spostando il cursore all'interno dei diversi campi viene proposto nell'apposito spazio, presente nella parte bassa della finestra, un breve testo di spiegazione del dato richiesto. Qualora il testo esplicativo non sia completamente visibile, può essere visualizzato facendo doppio clic all'interno della zona dedicata all'help. Gestione dell'introduzione dei dati mediante tabelle Sono utilizzate per l'introduzione di lunghe sequenze di numeri e/o di testo. I tasti da utilizzare sono i seguenti: • TAB - sposta il cursore sul primo pulsante della finestra; premendo nuovamente il tasto TAB il cursore si sposta sui pulsanti successivi. • MAIUSC+TAB - porta il cursore sul pulsante precedente. • INVIO- sposta il cursore nel campo successivo. Se il cursore è posizionato su uno dei pulsanti presenti nella finestra viene eseguito il comando corrispondente.
  22. 22. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 18 • PAGE UP - riporta indietro di 15 righe • PAGE DOWN - porta avanti di 15 righe. • FRECCIA SU - sposta il cursore nel campo soprastante. • FRECCIA GIÙ - sposta il cursore nel campo sottostante. • FRECCIA SINISTRA/ FRECCIA DESTRA - spostano il cursore rispettivamente nel campo a sinistra ed a destra di quello in cui è posizionato il cursore. • BACKSPACE - cancella l’ultimo carattere presente nel campo. • HOME - porta il cursore all'inizio della riga. • END - porta il cursore alla fine della riga. • F2 - permette rimodificare il contenuto della cella attiva, portandolo nella cella presente sotto la barra del titolo della finestra. In alternativa potete fare doppio clic sul contenuto della cella. Quando lavorate all'interno di questo campo ricordate di premere INVIO per confermare le modifiche effettuate prima di chiudere la finestra con il pulsante <Conferma> o di spostare il cursore del mouse in un'altra cella. Le tabelle dispongono inoltre di due pulsanti aggiuntivi: • <Inserisci> - crea una riga vuota prima di quella in cui è posizionato il cursore. • <Elimina> - cancella la riga in cui è posizionato il cursore. Spostando il cursore all'interno dei diversi campi viene proposto nell'apposito spazio, presente nella parte bassa della finestra, un breve testo di spiegazione del dato richiesto. Qualora il testo esplicativo non sia completamente visibile, può essere visualizzato facendo doppio clic all'interno della zona dedicata all'help. Suggerimento importante Il contenuto delle tabelle può essere importato od esportato da / verso altre applicazioni, quali Microsoft Excel. Per copiare il contenuto della tabella:  premere la combinazione di tasti CTRL+C. Tutte le informazioni presenti vengono temporaneamente salvate negli Appunti di Windows. Per incollare il contenuto degli Appunti in una nuova tabella:  premere la combinazione di tasti MAIUSC+INS oppure la combinazione di tasti CTRL+V. Le Finestre di Messaggio Sono finestre non destinate all'inserimento dei dati ma esclusivamente alla comunicazione di particolari messaggi sullo stato del sistema, quali ad esempio il verificarsi di un errore dovuto ad un uso improprio del programma. Help on Line I programmi sono dotati di un potente dispositivo di aiuto costantemente disponibile alla consultazione (Help on Line). È possibile richiedere informazioni e suggerimenti sui comandi o sull'uso del programma utilizzando le seguenti procedure: 1. premendo il tasto funzione f1 dopo aver posizionato il cursore sull’elemento di cui si desidera avere maggiori informazioni. 2. scegliendo Sommario dal menu Help. 3. facendo clic sul pulsante Help presente in ogni finestra.
  23. 23. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 19 Capitolo 7 - Menu Archivi Menu Archivi Questo menu contiene i comandi per l'apertura ed il salvataggio dei files all'interno dei quali vengono archiviate tutte le informazioni relative al progetto in corso. Per aprire un file recentemente salvato in Dbsond, fate clic sul nome corrispondente nella parte inferiore del menu. Comando Nuovo Sondaggio Permette di aprire un progetto vuoto:  scegliete Nuovo Sondaggio dal menu Archivi facendo clic prima sul nome del menu quindi sul comando Nuovo Sondaggio. Comando Apri Sondaggio Per lavorare con il programma occorre innanzi tutto aprire un archivio, che potrà essere nuovo o già esistente. Per aprire un archivio:  scegliete Apri Sondaggio dal menu Archivi facendo clic prima sul nome del menu quindi sul comando
  24. 24. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 20 Apri Sondaggio. Digitate nel campo Nome File il nome del file da aprire oppure, qualora l'archivio sia già esistente, fate doppio clic sul nome del documento che desiderate aprire scegliendo fra quelli presenti nell'elenco posto sotto il campo Nome File. Il nome del file utilizzato è ricordato all'interno della barra del titolo della finestra principale ed all'interno della finestra “Info” del menu Help. Il nome del file non deve contenere spazi e segni di interpunzione; non è inoltre necessario indicare l’estensione in quanto viene aggiunta automaticamente l'estensione ".DBG". Comando Nuovo Profilo Permette di aprire un progetto vuoto:  scegliete Nuovo Profilo dal menu Archivi facendo clic prima sul nome del menu quindi sul comando Nuovo Profilo. Comando Apri Profili Per lavorare con il programma occorre innanzi tutto aprire un archivio, che potrà essere nuovo o già esistente. Per aprire un archivio:  scegliete Apri Profili dal menu Archivi facendo clic prima sul nome del menu quindi sul comando Apri Profili. Digitate nel campo Nome File il nome del file da aprire oppure, qualora l'archivio sia già esistente, fate doppio clic sul nome del documento che desiderate aprire scegliendo fra quelli presenti nell'elenco posto sotto il campo Nome File. Il nome del file utilizzato è ricordato all'interno della barra del titolo della finestra principale ed all'interno della finestra “Info” del menu Help. Il nome del file non deve contenere spazi e segni di interpunzione; non è inoltre necessario indicare l’estensione in quanto viene aggiunta automaticamente l'estensione ".PRF". Comando Salva Durante tutta la sessione di lavoro il programma utilizza una copia del file salvata temporaneamente all'interno della memoria RAM del computer. Per salvare il lavoro svolto in modo che sia archiviato sul disco rigido occorre utilizzare il comando Salva; diversamente tutti i dati introdotti andranno persi al momento dell'uscita dal programma. Se un problema di corrente o di altro tipo interrompe il lavoro, tutti i dati non ancora salvati andranno persi; si consiglia pertanto di salvare ad intervalli non troppo lunghi. Per salvare l'archivio:  scegliete Salva dal menu Archivi facendo clic prima sul nome del menu quindi sul comando Salva. Nel campo Nome File compare il nome dato all'archivio al momento dell'apertura. Per confermare tale nome fare clic sul pulsante <Ok>. Per assegnare all'archivio un nuovo nome digitare il nome in questo stesso campo. Il programma salva il file nell'unità e nella directory correnti a meno che non venga diversamente specificato. Per salvare il file su di una diversa unità disco od in una diversa cartella digitate nel campo Nome File il percorso completo ed il nome del file. Ad esempio per salvare il documento nella radice del disco C: digitate c: nomefile oppure selezionate direttamente una diversa unità od una diversa cartella.
  25. 25. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 21 I files convertiti dalla versione in ambiente DOS sono salvati con lo stesso nome ma con estensione ".DBG". Comando Configura Stampante Selezionando questo comando si accede alla finestra di dialogo "Stampa" tramite la quale è possibile verificare e modificare la configurazione della stampante predefinita oppure selezionare una diversa stampante, scegliendo tra quelle installate nel vostro sistema.
  26. 26. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 22 Capitolo 8 - Menu Edizione - Creazione di una stratigrafia Menu Edizione In funzione del tipo di file aperto (stratigrafia o profilo) il programma presenta comandi diversi all'interno di questo menu. Comando Stratigrafia Permette l'introduzione dei dati all'interno delle colonne selezionate tramite il comando “Configurazione - Ordine colonne” di questo stesso menu, la definizione dei parametri di stampa, dei titoli e delle note a piè di pagina. Se lavorate su di un nuovo archivio le colonne proposte sono quelle contenute nel file di ordine colonne “Standard”. Una diversa configurazione dell'ordine e del numero di colonne può essere effettuata utilizzando il comando “Configurazione - Ordine colonne” di questo stesso menu. Ciascuna colonna è identificata dalla didascalia stampata come intestazione della colonnina stessa. La finestra di dialogo "Edizione stratigrafia" La finestra di dialogo "Edizione stratigrafia" dispone di cinque pulsanti aggiuntivi che gestiscono l'introduzione dei dati per la creazione della stratigrafia.
  27. 27. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 23 Pulsante <Edizione> Tramite questo pulsante si accede alle finestre di dialogo per l'introduzione dei dati. Per compilare le colonne di dati:  fate clic sul nome della colonna quindi fate clic sul pulsante <Edizione>. È altresì possibile accedere alla finestra di dialogo per l'introduzione dei dati facendo doppio clic sul nome della colonna. Viene proposta la finestra di dialogo per l'introduzione dei dati relativa alla colonna selezionata. Per una descrizione completa delle colonne disponibili e dei dati richiesti si rimanda alla descrizione "Le colonne predefinite". Pulsante <Parametri> Selezionando il pulsante <Parametri> si accede alla finestra di dialogo "Parametri generali" tramite la quale è possibile definire: • quota del piano di campagna espressa in metri; • scala verticale: il valore di default utilizzato dal programma come scala dei disegni è di 1:100.
  28. 28. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 24 • larghezza stratigrafia (cm): il programma propone come larghezza standard 19 cm, ovvero la larghezza massima utile di un foglio in formato A4 in verticale (viene infatti lasciato 1 cm di bordo): tale valore può essere modificato direttamente dall'utente, indicando il nuovo valore in centimetri, oppure direttamente dal programma nel caso in cui il numero di colonne richiesto sia tale da non poter essere contenuto nella larghezza indicata. • profondità iniziale e profondità finale (m): permettono la definizione del tratto di sondaggio da stampare. Lasciandoli entrambi a zero non vengono considerati. Ciascun tratto può essere stampato preceduto dai titoli e dal marchio della ditta come se fosse un sondaggio a sé stante, utilizzando i comandi sotto illustrati, oppure senza titoli e marchio, semplicemente suddiviso su più pagine. Indicando una profondità finale maggiore di quella reale, il programma prolunga le righe di separazione delle colonne fino alla profondità indicata, imposizione che può risultare utile qualora si desideri uniformare ad una medesima lunghezza tutti gli elaborati. Vediamo un esempio: inserendo 100 come profondità finale ed utilizzando una scala verticale di 1:250 l’elaborato avrà una lunghezza di 40 cm. È importante sottolineare che questa opzione non interferisce con la scala definita dall'utente: riferendosi all’esempio precedente, nel caso in cui la profondità di letto dell’ultimo strato sia 110 m, la lunghezza dell’elaborato sarà di 44 cm. • margine superiore e margine inferiore (cm): permettono la definizione dei margini di stampa sul lato superiore ed inferiore del foglio. • margine sinistro (cm): permette la definizione di un margine di stampa sul lato sinistro, utile ad esempio per rilegare l'elaborato insieme alla relazione. • spaziatura blocchi (cm): tramite questo comando è possibile aumentare o diminuire lo spazio presente fra le annotazioni a piè di pagina e la fine della stratigrafia nonché fra i titoli e le didascalie delle colonne. • passo della scala grafica (m): tramite questo campo si definisce il passo che avrà la scala grafica qualora venga selezionata la relativa colonna tra le colonne da inserire nell'elaborato. • pixel per cm: rapporto di stampa tra il numero di pixel dello schermo ed un centimetro in fase di stampa. Si definisce pixel la più piccola porzione dello schermo per la quale è possibile definire un colore univoco. Ad esempio uno schermo a 800x600 pixel permetterà di visualizzare 800 differenti punti colorati in orizzontale e 600 in verticale. Nella grafica a bitmap, ad ogni pixel vengono associati uno o più valori numerici che ne descrivono il colore, utilizzando valori indicizzati (monocromo, grayscale, ...) o valori assoluti ( RGB - dall'inglese "Red, Green ,Blue", CMYK - dall’inglese “Cyan, Magenta, Yellow, Darkness) ...). Il valore di default è 30. Questo valore è stato scelto in considerazione del fatto che, ad una risoluzione dello schermo di 800x600 pixel, il numero di pixel contenuto in 1 cm di schermo è circa 30. Ciò significa che utilizzando la risoluzione 800x600 si avrà corrispondenza fra l’immagine visualizzata nell’anteprima di stampa ed il risultato su carta. Il valore introdotto in questo campo sarà utilizzato nella stampa di tutte le immagini BMP che non contengano nel nome le desinenze “_PIXn” e “_FIX”. • stampa logo e titoli: permette di escludere la stampa del marchio e dei titoli; questa possibilità può risultare particolarmente utile qualora si effettui la stampa del sondaggio in più parti. • stampa annotazioni: permette di escludere la stampa delle annotazioni a fondo pagina. Terminata la definizione di questi dati, fate clic sul pulsante <Conferma> per chiudere la finestra e tornare alla finestra di dialogo "Edizione stratigrafia". Pulsante <Titoli> Selezionando il pulsante <Titoli> si accede alla relativa finestra di dialogo tramite la quale si introducono i testi da riportare in fase di stampa come intestazione del sondaggio. I titoli sono completamente configurabili dall'utente tramite il comando Configura Intestazione di questo stesso menu. Pulsante <Note sin.> Selezionando il pulsante <Note sin.> si accede alla finestra di dialogo "Edizione annotazioni (settore sinistro)" tramite la quale si inseriscono le note a piè pagina. La larghezza dell'annotazione non è fissa: sarà preso come margine destro il valore della riga più lunga. Nel caso si desideri inserire un gruppo di note separato, utilizzando il comando “Note a destra”, occorre ricordare che lo spazio dedicato a queste ultime sarà ovviamente pari alla differenza fra la larghezza delle Note a sinistra e la larghezza totale del sondaggio. Pulsante <Note des.> Selezionando il pulsante <Note des.> si accede alla finestra di dialogo "Edizione annotazioni (settore destro)" tramite la quale si inseriscono le note a piè pagina. Lo spazio dedicato a queste annotazioni è dipendente da quello utilizzato dalle Note a sinistra.
  29. 29. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 25 Comando Retini DBSOND dispone di più di 30 retini di tipo geologico ispirati alla legenda A.G.I. ed alla Standard Legend Americana, i quali possono essere modificati proprio mediante questo comando. Utilizzando il programma di editing dei retini è inoltre possibile creare nuovi retini fino ad un massimo di 99 retini-base, ciascuno dei quali può essere riprodotto in 9 diverse scale e sovrapposto ad ognuno degli altri ottenendo una gamma vastissima di possibilità. I retini sono salvati in quattro files, presenti nella cartella DBSOND32, chiamati SET1.RTN, SET2.RTN, SET3.RTN, SET4.RTN. La finestra "Edizione retini" presenta sulla destra l'elenco nel quale sono riportati, in ordine di creazione, i retini esistenti, ciascuno dei quali è contraddistinto da un numero. Vediamo ora come creare, modificare od eliminare un retino. Come creare un nuovo retino  fate doppio clic sulla prima la prima posizione disponibile nell’elenco (quella cioè in cui compare il solo numero di riga seguito da uno zero)  premete il tasto TAB per portare il cursore sul primo retino dell'elenco quindi, utilizzando le frecce direzionali SU e GIÙ, selezionate la prima posizione disponibile e premete la combinazione di tasti ALT+M per attivare il tasto <Modifica retino>. Nel campo “Scala base” si introduce la scala di rappresentazione del retino rispetto alle dimensioni predefinite della cella base (100x50 cm); nel campo “Descrizione” il nome del retino. Nella creazione della stratigrafia, alla scala base del retino qui definita può essere affiancato un fattore di ingrandimento (variabile fra 1 e 9) che viene moltiplicato per la scala base durante la stampa: esso permette di far assumere allo stesso retino caratteristiche diverse potendo ad esempio riprodurre ghiaia grossolana disegnando il retino in grande scala e ghiaietto riducendo il fattore di ingrandimento. Il disegno del nuovo retino si effettua utilizzando il mouse. La cella base, che viene tracciata in grigio chiaro quando si seleziona un retino, è suddivisa per comodità in quattro quadranti. Le coordinate del punto in cui si trova il cursore del mouse sono riportate nei due campi al disotto dell'elenco. Fate doppio clic per iniziare a disegnare un nuovo segmento quindi muovete il mouse. Per cambiare direzione e cominciarne uno nuovo segmento collegato al precedente fate nuovamente doppio clic. Per terminare definitivamente il segmento fate un solo clic. Possono essere disegnate esclusivamente delle linee rette. Per facilitare la fase di disegno la finestra dispone dei seguenti pulsanti: • <Aggiungi segmento / Elimina segmento>: facendo clic su questo pulsante si passa ciclicamente dalla funzione di disegno a quella di cancellazione dei segmenti. Inizialmente la funzione attiva è quella di disegno. Essa è ricordata nel campo posto sotto l'elenco dei retini: se è attiva la funzione Aggiungi segmento si può disegnare nella celletta tipo; se è attiva la funzione Elimina segmento si possono cancellare i segmenti che compongono il retino semplicemente facendo clic su di essi. • <Togli ultimo>: elimina l'ultimo segmento disegnato. • <Rimetti ultimo>: ridisegna l'ultimo segmento cancellato. • <Zoom>: facendo clic su questo pulsante è possibile verificare il risultato che si otterrà in fase di stampa. Tutte le modifiche apportate alla celletta tipo vengono infatti presentate in più cellette affiancate, permettendo una visione maggiormente realistica di quello che sarà il risultato ottenibile utilizzando il retino all'interno della colonna stratigrafica. Facendo nuovamente clic sul pulsante si torna alla visualizzazione normale. Come modificare un retino  scegliete dall'elenco il retino da modificare facendo doppio clic su di esso.  premete il tasto TAB per portare il cursore sul primo retino dell'elenco quindi, utilizzando le frecce direzionali SU e GIÙ, selezionate il retino da modificare e premete la combinazione di tasti ALT+M per attivare il tasto <Modifica retino>. Negli appositi campi della finestra vengono riportati per la modifica la descrizione e la scala di rappresentazione del retino. Il disegno del nuovo retino si effettua utilizzando il mouse. La cella base, che viene tracciata in grigio chiaro quando si seleziona un retino, è suddivisa per comodità in quattro quadranti. Le coordinate del punto in cui si trova il cursore del mouse sono riportate nei due campi al disotto dell'elenco. Fate doppio clic per iniziare a disegnare un nuovo segmento quindi muovete il mouse. Per cambiare direzione e cominciarne uno nuovo segmento collegato al precedente fate nuovamente doppio clic. Per terminare definitivamente il segmento fate un solo clic. Possono essere disegnate esclusivamente delle linee rette.
  30. 30. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 26 Per facilitare la fase di disegno la finestra dispone dei seguenti pulsanti: • <Aggiungi segmento / Elimina segmento>: facendo clic su questo pulsante si passa ciclicamente dalla funzione di disegno a quella di cancellazione dei segmenti. Inizialmente la funzione attiva è quella di disegno. Essa è ricordata nel campo posto sotto l'elenco dei retini: se è attiva la funzione Aggiungi segmento si può disegnare nella celletta tipo; se è attiva la funzione Elimina segmento si possono cancellare i segmenti che compongono il retino semplicemente facendo clic su di essi. • <Togli ultimo>: elimina l'ultimo segmento disegnato. • <Rimetti ultimo>: ridisegna l'ultimo segmento cancellato. • <Zoom>: facendo clic su questo pulsante è possibile verificare il risultato che si otterrà in fase di stampa. Tutte le modifiche apportate alla celletta tipo vengono infatti presentate in più cellette affiancate, permettendo una visione maggiormente realistica di quello che sarà il risultato ottenibile utilizzando il retino all'interno della colonna stratigrafica. Facendo nuovamente clic sul pulsante si torna alla visualizzazione normale. Come copiare un retino esistente È possibile duplicare un retino esistente usando il pulsante <Importa retino>:  scegliete dall'elenco il retino, che potrà essere vuoto o già esistente, in cui volete importare il retino da copiare facendo doppio clic su di esso.  premete il tasto TAB per portare il cursore sul primo retino dell'elenco quindi, utilizzando le frecce direzionali SU e GIÙ, selezionate il retino, che potrà essere vuoto o già esistente, in cui volete importare il retino da copiare e premete la combinazione di tasti ALT+M per selezionarlo. Occorre ora indicare il retino da importare:  aprite la finestra "Selezione del retino da copiare" facendo clic sul pulsante <Importa retino>, digitate nel campo “Numero retino” il numero del retino da importare e fate clic sul pulsante <Conferma>.  premete ALT+I per richiamare la finestra "Selezione del retino da copiare" ed inserite il numero del retino da duplicare nel campo Numero retino e confermate premendo la combinazione di tasti ALT+C. Come cancellare un retino esistente  fate doppio clic sul retino da eliminare e selezionate il pulsante <Cancella retino>. Il retino viene eliminato dall'elenco solo dopo un’ulteriore conferma da parte dell’utente.  premete il tasto TAB per portare il cursore sul primo retino dell'elenco quindi, utilizzando le frecce direzionali SU e GIÙ, selezionate il retino da eliminare e premete la combinazione di tasti ALT+C per attivare il pulsante <Cancella retino>. Il retino viene eliminato dall'elenco solo dopo un’ulteriore conferma da parte dell’utente.
  31. 31. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 27 Retini vettoriali per la rappresentazione grafica della stratigrafia
  32. 32. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 28 Comando Configurazione Selezionando questo comando viene proposto un sottomenu che permette di definire l'ordine di stampa delle colonne oppure la configurazione delle colonne stesse. Comando Ordine Colonne Tramite questo comando si definisce la tipologia dei dati da rappresentare e la disposizione delle colonne nella stampa della stratigrafia oppure la disposizione ed il tipo di colonne da riportare nei profili. La finestra di dialogo "Scelta configurazione" All'interno della finestra di dialogo "Scelta configurazione" vengono elencate tutte le configurazioni di colonne precedentemente create. Lavorando su di una nuova stratigrafia l'ordine ed il tipo di colonne proposto è quello contenuto all'interno della configurazione “Standard”; lavorando su di un nuovo profilo l'ordine ed il tipo di colonne proposto è quello contenuto all'interno della configurazione “Standprf”. Per utilizzare una configurazione delle colonne già esistente:  fate clic sul nome quindi sul pulsante <Conferma>. Per creare una nuova configurazione delle colonne:  evidenziate il nome della configurazione attualmente definita facendo doppio clic nel campo che lo contiene, quindi digitate il nome della nuova configurazione da creare e fate clic sul pulsante <Conferma>. Per modificare una configurazione di colonne già esistente:  fate doppio clic sul nome della configurazione oppure fate clic sul nome quindi sul pulsante <Modifica>. La finestra di dialogo "Definizione ordine colonne" La finestra di dialogo "Definizione ordine colonne" dispone dei seguenti campi: • Colonne Disponibili • Schema Sondaggio - In questo campo sono elencate le colonne attualmente contenute nel file di configurazione, nell'ordine scelto in fase di creazione.
  33. 33. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 29 Per inserire una nuova colonna:  doppio clic sul nome della colonna da inserire oppure fate clic sul nome quindi sul pulsante <Inserisci>. La colonna inserita viene automaticamente aggiunta al fondo dell'elenco presente nel campo Schema Sondaggio. Per modificare la posizione di una colonna all'interno dell'elenco:  fate clic sul nome della colonna da spostare quindi fate clic sul pulsante <Su>, che fa spostare la colonna di una posizione verso l'alto, oppure sul pulsante <Giù>, che la fa spostare di una posizione verso il basso. Per eliminare una colonna dall'elenco contenuto nel campo Schema Sondaggio:  fate clic sul nome della colonna da eliminare quindi fate clic sul pulsante <Rimuovi>. Il pulsante <Edita Gruppi> Selezionando questo pulsante si accede alla finestra “Edizione gruppi di colonne” tramite la quale è possibile creare raggruppamenti di colonne. La selezione delle colonne da raggruppare è estremamente semplice: • digitate nel campo “Colonna Iniziale” il numero corrispondente alla posizione definita nell’ordine delle colonne della prima colonna appartenente al gruppo; ad esempio per raggruppare dalla terza alla settima
  34. 34. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 30 colonna digitate il numero “3” • digitate nel campo “Colonna Finale” il numero corrispondente alla posizione dell’ultima colonna appartenente al gruppo; ad esempio per raggruppare dalla terza alla settima colonna digitate il numero “7” • digitate nel campo “Didascalia Gruppo” il testo che desiderate utilizzare come intestazione del gruppo Comando Configurazione Colonne Permette la modifica delle colonne predefinite fornite con il programma nonché la creazione di nuove colonne. Il programma dispone di venti diverse tipologie grafiche, alle quali corrispondono particolari richieste di dati. Utilizzando una delle tipologie esistenti possono essere create nuove colonne per l'introduzione di dati non previsti nella configurazione standard del programma. Creazione di una nuova colonna Selezionando questo comando viene proposta la finestra di dialogo "Configurazione colonne". La finestra di dialogo "Configurazione colonne" Facendo clic sul pulsante <Apri> vengono visualizzate tutte le colonne esistenti, caratterizzate dall'estensione ".DFC". Per creare una nuova colonna è necessario aprire una delle tipologie grafiche fornite. Per creare una nuova colonna usando una delle tipologie grafiche:  fate doppio clic sul nome della tipologia grafica da utilizzare. All'interno della finestra "Configurazione colonne" viene caricato il contenuto della tipologia selezionata. A questo punto potete procedere con la modifica dei dati: • Didascalia - Campo per l'introduzione del testo che verrà utilizzato come intestazione della colonna in fase di stampa. Il testo inserito viene utilizzato dal programma per identificare la colonna nell'elenco delle colonne disponibili quando si utilizza il comando Ordine Colonne. Occorre ricordare che i titoli delle colonne possono essere composti da un massimo di due righe di 16 caratteri. Per definire un titolo su due righe è sufficiente separare il testo della prima riga da quello della seconda con la sbarra verticale ( | ). Ad esempio volendo attribuire ad una colonna il titolo "Nomenclatura Fossili" la riga da inserire è quindi la seguente: Nomenclatura|Fossili. • Richiesta - Definizione dell'intestazione dei campi che devono essere visualizzati all'interno della finestra di dialogo per l'introduzione dei dati. Nel caso in cui la tipologia grafica prescelta preveda la presenza di più campi per l'introduzione dei dati si potranno definire le didascalie degli altri campi facendo clic sui pulsanti presenti a fianco del campo Colonna. • Formato - In questo campo è possibile definire il formato della richiesta, che può essere numerico od alfanumerico. Formati numerici: si utilizza il carattere "#". Es.: Introducendo ####.## vengono accettati esclusivamente valori numerici aventi un massimo di quattro cifre e due decimali.
  35. 35. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 31 Formato alfanumerico fisso: si utilizza il carattere "/" come indicatore di inizio e fine della lunghezza del testo accettato, separati fra loro da spazi. Il numero di caratteri accettati è comprensivo dei caratteri "/" di apertura e chiusura. Es.: Introducendo / / verranno accettati un massimo di otto caratteri. Questo formato è utilizzato ad esempio nel campo Codice della finestra di introduzione dei dati relativi ai campioni indisturbati. Formato alfanumerico scorrevole: si utilizza il carattere "/" come indicatore di inizio della lunghezza del testo accettato ed il carattere "@" come indicatore di fine della lunghezza della parte che viene visualizzata durante l'introduzione del testo, separati fra loro da spazi. Il numero di caratteri accettati è comprensivo dei caratteri "/" e "@" di apertura e chiusura. Es.: introducendo / @ verranno visualizzati un massimo di otto caratteri per volta, facendo scorrere il testo verso sinistra qualora sia più lungo di otto caratteri. Questo formato è utilizzato ad esempio nel campo Descrizione della finestra di introduzione delle descrizioni dei litotipi. Nel caso in cui la tipologia grafica prescelta preveda la presenza di più campi per l'introduzione dei dati si potranno definire i formati degli altri campi facendo clic sui pulsanti presenti a fianco del campo Colonna.  Help - Campo per l'introduzione del testo di aiuto che viene visualizzato premendo il tasto funzione F1 quando il cursore è posizionato all'interno del campo. Nel caso in cui la tipologia grafica prescelta preveda la presenza di più campi per l'introduzione dei dati si potranno definire gli aiuti degli altri campi facendo clic sui pulsanti presenti a fianco del campo Colonna. • Minimo - Campo per la definizione del limite inferiore del range di valori accettabili. Nel caso in cui la tipologia grafica prescelta preveda la presenza di più campi per l'introduzione dei dati si può definire il valore minimo degli altri campi facendo clic sui pulsanti presenti a fianco del campo Colonna. • Massimo - Campo per la definizione del limite superiore del range di valori accettabili. Nel caso in cui la tipologia grafica prescelta preveda la presenza di più campi per l'introduzione dei dati si può definire il valore massimo degli altri campi facendo clic sui pulsanti presenti a fianco del campo Colonna. • Help Finestra - Campo per l'introduzione del testo di aiuto che viene visualizzato premendo il pulsante <Help> presente nella finestra per l'introduzione dei dati che si sta creando. • Larghezza Stratigrafia - Campo per la definizione della larghezza della colonna in fase di stampa della stratigrafia. La larghezza deve essere indicata in centimetri. Lasciando la larghezza pari a zero, il programma considera la colonna come ridimensionabile, e ne muta la dimensione in base alla larghezza di stampa definita tramite il pulsante Parametri del comando Stratigrafia di questo stesso menu ed al numero ed al tipo di colonne selezionate. • Larghezza Profilo - Campo per la definizione della larghezza della colonna in fase di stampa del profilo. Aumentando, o diminuendo, la larghezza della colonna inserita nel profilo secondo la scala adottata è possibile migliorare notevolmente il risultato in fase di stampa. La larghezza deve essere indicata in centimetri. • Decimali - Campo per la definizione del numero di decimali da stampare. Questo valore può quindi non coincidere con il numero di decimali definito nel formato adottato. • Valore Massimo - Campo per la definizione del valore massimo da utilizzare negli istogrammi. Questo campo non è presente qualora la tipologia grafica selezionata non preveda l'uso di una rappresentazione dei dati in forma di istogramma. • Colonna - Numero di campi Richiesta utilizzati nella finestra di introduzione dati. Tale numero dipende dalla tipologia grafica scelta. Alcuni dei campi precedentemente descritti possono non essere presenti qualora non siano congruenti con la tipologia grafica prescelta. Terminate le modifiche fate clic sul pulsante <Salva come> per definire il nome dell'archivio che conterrà la descrizione della colonna creata. Alle colonne viene automaticamente aggiunta l'estensione ".DFC". Il nome attribuito al file può non coincidere con il titolo della colonna che viene utilizzato come intestazione della colonna stessa in fase di stampa. Si ricorda che nell'elenco delle colonne disponibili, visualizzato quando si utilizza il comando Ordine Colonne, viene riportata la descrizione inserita nel campo Didascalia, precedentemente descritto, e non il nome attribuito al file contenente la descrizione della colonna creata. Modifica di una colonna esistente Facendo clic sul pulsante <Apri> vengono visualizzate tutte le colonne esistenti, caratterizzate dall'estensione ".DFC". Il programma dispone di ventisei colonne predefinite, le cui impostazioni di base possono essere modificate dall'utente.
  36. 36. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 32 Comando Configura Intestazione Tramite questo comando si esegue la personalizzazione dei titoli e del marchio. La descrizione dell'intestazione della stratigrafia è contenuta nel file LOGOWIN.CFG. La finestra di dialogo "Configura Intestazione" Al momento dell'acquisto il programma viene fornito con una intestazione standard, che potrà essere modificata o sostituita dall'utente utilizzando i comandi presenti in questa finestra. Per facilitare il posizionamento degli oggetti, l'area di lavoro è rappresentata da un foglio di carta millimetrata. Per poter lavorare con le intestazioni occorre innanzitutto aprire un archivio, che potrà essere nuovo o già esistente. Creazione di una nuova intestazione Fate clic sul pulsante <Apri>: il programma presenta la lista dei file di configurazione presenti nella cartella del programma e predispone un campo per la definizione del nome da attribuire alla nuova intestazione.
  37. 37. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 33 Fate clic sul pulsante <Conferma>, che sostituisce il pulsante <Apri>. A questo punto il programma presenta il foglio di carta millimetrata sul quale potrete iniziare a disegnare la vostra nuova intestazione, utilizzando i comandi descritti nel seguito. Per salvare le modifiche, fate clic sul pulsante <Salva>: si potrà scegliere se salvare l’intestazione creata con il nome definito in partenza o con uno nuovo, in questo caso semplicemente digitando il nuovo nome. Terminato il salvataggio del file viene proposto il pulsante <Applica> che permette di rendere attiva l’intestazione corrente, sostituendola a quella in uso. Si noti che la descrizione della struttura dell'intestazione deve obbligatoriamente essere contenuta nel file LOGOWIN.CFG: utilizzando il pulsante <Applica>, quindi, il programma copia il contenuto dell’intestazione corrente nel file LOGOWIN.CFG, dopo aver creato una copia di salvataggio di quest’ultimo. Modifica di una intestazione esistente Per utilizzare una intestazione esistente fate clic sul pulsante <Apri>, selezionate dall’elenco proposto una delle intestazioni esistenti e fate clic su <Conferma>. Il programma disegna l’intestazione contenuta nel file sul foglio di carta millimetrata, sul quale potrete iniziare a lavorare per modificare l’intestazione, utilizzando i comandi descritti nel seguito.
  38. 38. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 34 Facendo clic sul pulsante <Salva> si potrà scegliere se salvare le modifiche eseguite nel file di partenza od in un nuovo files, in questo caso semplicemente digitando un nuovo nome. Terminato il salvataggio del file viene proposto il pulsante <Applica> che permette di rendere attiva l’intestazione corrente, sostituendola a quella in uso. Si noti che la descrizione della struttura dell'intestazione deve obbligatoriamente essere contenuta nel file LOGOWIN.CFG: utilizzando il pulsante <Applica>, quindi, il programma copia il contenuto dell’intestazione corrente nel file LOGOWIN.CFG, dopo aver creato una copia di salvataggio di quest’ultimo. Comandi per il disegno delle intestazioni • Pulsante <Aggiungi linee>: permette di disegnare linee rette trascinando il mouse come se fosse una matita sulla carta. Fare clic sul pulsante <Aggiungi linee>, che apparirà evidenziato. Fare clic sul punto in cui si intende fare iniziare la linea. Fare clic sul punto in cui si intende fare terminare la linea.
  39. 39. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 35 Quando è attiva una delle opzioni di Snap, le linee si agganciano in modo da allinearsi sempre con il marcatore di centimetro o di millimetro della griglia più vicino sia orizzontalmente che verticalmente. • Pulsante <Aggiungi testi>: permette di posizionare sulla griglia millimetrata il testo digitato nel campo "Testo da inserire". Il testo introdotto avrà le caratteristiche di formattazione definite nella sezione TESTI. Fare clic sul pulsante <Aggiungi testi>, che apparirà evidenziato. Fare clic sul punto in cui si intende posizionare il testo. Poiché non sempre l'occupazione di spazio dei testi a video corrisponde con l'occupazione di spazio in fase di stampa, il programma utilizza un rettangolo bianco come indicatore dell'occupazione effettiva. • Pulsante <Importa grafica>: permette di importare immagini in formato BMP, oltre ovviamente al formato CCM proprio del programma DBSOND. L'immagine da importare deve essere presente nell'area del programma, Fare clic sul pulsante <Importa grafica>, che apparirà evidenziato. Fare clic, nell'elenco "Immagine da importare", sul file che si vuole importare. Fare clic sul punto in cui si intende posizionare l'origine (cioè il punto in basso a sinistra) dell'immagine. Fare clic sul punto in cui si intende fare terminare l'immagine (cioè il punto in alto a destra). Le immagini vengono scalate automaticamente dal programma in modo da ottimizzare l'occupazione dello spazio ad esse dedicato. • Pulsante <Sposta oggetto>: permette di modificare la posizione di un oggetto (testo, grafica o linee). Fare clic sul pulsante <Sposta oggetto>, che apparirà evidenziato. Fare clic sul punto di aggancio dell'oggetto da spostare. Lo spostamento di un oggetto avviene in relazione al suo punto di aggancio, quindi l’oggetto verrà spostato per la distanza specificata ma relativamente alla posizione del punto di aggancio. • Pulsante <Elimina oggetto>: permette di rimuovere l'oggetto selezionato dalla finestra di disegno senza collocarne una copia negli Appunti. Per eliminare un oggetto: Fare clic sul pulsante <Elimina oggetto>, che apparirà evidenziato. Selezionare l’oggetto con il puntatore del mouse. • Pulsante <Rigenera>: ridisegna l'area di lavoro, per iniziare a disegnare visualizzando la griglia millimetrata o cancellando tutti i "frammenti" rimasti dalle precedenti manipolazioni. L'uso del pulsante <Rigenera> non annulla l'esecuzione di un altro comando. Impostazioni Generali • Snap: le opzioni del comando Snap agevolano l’allineamento di precisione costringendo gli oggetti, od il puntatore del mouse, in fase di disegno o di spostamento, ad allinearsi automaticamente con il punto sulla griglia più vicino sia orizzontalmente che verticalmente. Il punto selezionato viene indicato da un pallino rosso. L'opzione "Off" permette di disattivare la funzione Snap. • Larghezza ed altezza: tramite questi due campi si introducono le dimensioni totali della intestazione. Impostazioni della formattazione del testo I titoli presenti negli archivi di DBSOND sono composti da due parti: una etichetta fissa, uguale per tutte le stratigrafie (es. COMMITTENTE: ), ed un testo che varia in funzione del lavoro eseguito (es. Comune di Torino oppure Sig. Mario Rossi), introdotto di volta in volta tramite la finestra "Titoli", a cui si accede dalla finestra "Edizione Stratigrafia". Alle due parti si può assegnare una diversa formattazione utilizzando le opzioni sotto descritte. • Allineamento: il testo viene allineato al punto in cui si è fatto clic al momento di inserire il testo in questione. Selezionando "Allineamento a sinistra" il programma giustifica a sinistra gli oggetti Testo, selezionando "Allineamento al centro" il programma allineerà il centro del testo introdotto sul punto selezionato. • Font da usare: utilizzando le barre di scorrimento poste a fianco dell'elenco dei set di caratteri scegliete il tipo di carattere desiderato facendo clic su di esso. • Dimensioni del carattere: è necessario impostare le dimensioni del testo prima di iniziare a scrivere. • Testo da inserire: definite le opzioni di formattazioni si introduce in questo campo il testo da inserire.
  40. 40. DBSOND – Guida all'Uso Capitolo 1 - Introduzione al programma • 36 • Tipo: nella creazione dell'intestazione sono previste due tipologie di testi, Etichetta e Testo. Il tipo "Etichetta" è da utilizzare nell'inserimento della parte fissa dell'intestazione (es. COMMITTENTE: ). Qualora non vengano introdotte ulteriori informazioni il programma assegnerà la formattazione dell'etichetta anche al testo che sarà introdotto dall'utente tramite la finestra Titoli (es. Comune di Torino), e lo posizionerà immediatamente di seguito all'etichetta (es. COMMITTENTE: Comune di Torino). È altresì possibile utilizzare per la parte variabile una formattazione diversa da quella dell'etichetta ad essa associata. In questo caso occorre selezionare il tipo "Testo", definire la nuova formattazione ed inserire nell'intestazione un testo identico a quello utilizzato come Etichetta. Utilizzando questa procedura, oltre a poter variare la formattazione, è possibile posizionare il testo in un qualsiasi punto dell'intestazione, non obbligatoriamente a fianco dell'etichetta. Il programma, per associare Etichetta e Testo, utilizza l'identicità del testo introdotto, a prescindere dalla formattazione: non è quindi possibile definire due Etichette o due Testi uguali (es. due etichette COMMITTENTE o due Testi DATA). È ovviamente prevista la necessità di dover disporre di più righe da destinare all'inserimento delle informazioni relative ad una sola Etichetta. In questo caso occorre inserire più testi utilizzando il tipo "Testo", senza associare un tipo "Etichetta". Il programma, che necessita obbligatoriamente di una coppia Etichetta - Testo, provvederà a creare una Etichetta fittizia, che però non sarà stampata sugli elaborati grafici. Riassumiamo quindi con alcuni esempi le procedure per l'inserimento dei titoli nell'intestazione: Prima possibilità: etichetta e testo devono avere la medesima formattazione definite il tipo di testo da introdurre: "Etichetta" definite la formattazione: Allineamento "A sinistra", Font da usare "Arial", dimensione del carattere in centimetri ".3" nel campo "Testo da inserire" digitate il testo da introdurre: Committente: selezionate il pulsante <Aggiungi testi> fate clic nel punto dell'intestazione in cui desiderate sia posizionato. Il programma campirà la porzione di spazio occupato dal testo introdotto con un rettangolo bianco. Sarà cura del programma posizionare a fianco dell'etichetta i testi che saranno volta per volta introdotti dall'utente tramite la finestra Titoli. Seconda possibilità: etichetta e testo devono avere due diverse formattazioni definite il tipo di testo da introdurre: "Etichetta" definite la formattazione: Allineamento "A sinistra", Font da usare "Arial", dimensione del carattere in centimetri ".3" nel campo "Testo da inserire" digitate il testo da introdurre: Committente: selezionate il pulsante <Aggiungi testi> fate clic nel punto dell'intestazione in cui desiderate sia posizionato. Il programma campirà l'area occupata dal testo introdotto con un rettangolo bianco. definite il tipo di testo da introdurre: "Testo" definite la formattazione: Allineamento "Centrato", Font da usare "Arial", dimensione del carattere in centimetri ".2" il testo da introdurre deve esser identico a quello utilizzato per l'etichetta: Committente: fate clic nel punto dell'intestazione in cui desiderate sia posizionato il testo. Il programma posizionerà i testi che saranno volta per volta introdotti dall'utente tramite la finestra Titoli, esattamente nel punto selezionato dall'utente, indipendentemente dalla posizione dell'etichetta. Terza possibilità: l'etichetta necessita di più righe definite il tipo di testo da introdurre: "Etichetta" definite la formattazione: Allineamento "A sinistra", Font da usare "Arial", dimensione del carattere in centimetri ".3" nel campo "Testo da inserire" digitate il testo da introdurre: Committente: selezionate il pulsante <Aggiungi testi> fate clic nel punto dell'intestazione in cui desiderate sia posizionato il testo. Il programma campirà l'area occupata dal testo introdotto con un rettangolo bianco. definite il tipo di testo da introdurre: "Testo"

×