0
La scheda madre
Dispositivi di I/O Processore Tastiera Scanner Mouse Microfono Input Monitor Stampante Casse Output Masterizzatore Drive M...
Schede audio Storicamente, la diffusione delle schede audio è legata al supporto che fornivano ai  giochi  per computer. A...
Schede audio Oltre all’aspetto ludico, oggi è possibile sfruttare le potenzialità di una scheda audio per “fare musica”, c...
Schede video <ul><li>La funzione delle schede  video  è quella di consentire il collegamento ad un monitor – e, a volte, a...
Interfacce di I/O <ul><li>In generale, si tratta dei collegamenti con le  periferiche,  con l’eccezione, qui, delle unità ...
Interfacce di I/O
Ide/Eide Con la sigla IDE si fa riferimento ad unità disco con un controller integrato. Sui PC sono di solito presenti due...
Scsi L’interfaccia SCSI può essere utilizzata per collegare dispositivi anche diversi dalle unità disco (scanner, ad esemp...
Scsi Il vantaggio cresce all’aumentare del  numero  di  periferiche  connesse. La maggiore “stabilità” è data dal fatto ch...
Le porte <ul><li>Sul retro di un elaboratore vi sono dei connettori che collegano l’unità centrale con le periferiche, tra...
Porte seriali <ul><li>Sono dette seriali perché trasmettono i dati un bit alla volta. </li></ul><ul><li>A tali porte ci si...
Porte seriali <ul><li>In generale, è possibile utilizzare la porta seriale (detta anche RS-232) per ogni dispositivo che n...
Porte seriali <ul><li>I connettori delle porte seriali possono avere 9 o 25 piedini. </li></ul>
Porte parallele <ul><li>Le interfacce di tipo parallelo trasmettono più bit  contemporaneamente . Da questo derivano vanta...
Porte parallele <ul><li>I connettori delle porte parallele </li></ul><ul><li>possono essere di tre tipi diversi. </li></ul>
Usb (Universal Serial Bus) E’ una connessione di tipo seriale. Consente di collegare più periferiche (fino a 127) “a casca...
Usb Connettori Usb Un altro dei vantaggi dell’interfaccia USB è la possibilità di usarla per  qualunque tipo  di periferic...
Firewire Anche l’interfaccia Firewire è di tipo seriale, ma è molto più veloce di quella USB. Uno dei vantaggi delle inter...
Firewire Connettore Firewire (i.Link, IEEE-1394) IEEE-1394 SI tratta del 1394esimo standard pubblicato  dall’ Institute of...
Usb e Firewire
Input: gli scanner <ul><li>Lo   scanner   è un dispositivo che consente al computer di acquisire immagini, fotografie e pa...
Input: gli scanner <ul><li>La procedura di digitalizzazione tramite uno scanner dipende anche dal  software  utilizzato. <...
Input: tastiere Diversi dei layout esistenti prendono il nome dalle prime sei lettere della prima riga (alfabetica). Il pi...
Input: tastiere <ul><li>Le tastiere si sono evolute principalmente in due settori: </li></ul><ul><li>l’aumento delle f unz...
Input: tastiere Esempi di tastiera  ergonomica : un blocco unico ma molto compatto, un modello  regolabile , un tastiera c...
Input: tastiere Per l’uso con dispositivi portatili, e per quello in ambienti particolari, sono state create tastiere dall...
Input: dispositivi di puntamento Con la diffusione di interfacce utente grafiche (MacOS, Windows, ecc.) sono stati svilupp...
Il mouse Il primo mouse venne progettato da  Doug Engelbart  nel 1963, ma perché si diffondesse commercialmente fu necessa...
Trackball e altro… Logitech Trackman Wheel Logitech TrackMan Live!. A onde radio Trackpoint. Comune nei portatili IBM
Tablet, dispositivi hands-free Tavoletta grafica con mouse e penna ottica Dispositivo di puntamento “hands-free”
Dispositivi di output: monitor <ul><li>Le tecnologie più importanti utilizzate nella costruzione dei monitor sono il  tubo...
Monitor: caratteristiche <ul><li>Risoluzione </li></ul><ul><li>Dot pitch (solo per i CRT) </li></ul><ul><li>Refresh (solo ...
Risoluzione <ul><li>La risoluzione è la quantità di dettaglio che un monitor è in grado di fornire. E’ espressa in pixel. ...
Dot pitch <ul><li>Il Dot pitch rappresenta la  distanza , in millimetri, tra le  triadi  di fosfori che compongono lo sche...
Refresh Il  refresh rate  rappresenta il numero di volte che lo schermo viene ridisegnato in un secondo. Per i monitor a t...
Consumo <ul><li>Il monitor è tra i componenti che consumano di più. Per questo motivo, sono state elaborate diverse linee ...
Dispositivi di output: stampanti Tecnologie di stampa principali Page printers Line printers   Vs.  <ul><li>a getto d’inch...
Stampanti ad aghi Le stampanti ad aghi  sfruttano l'impatto di una griglia di aghi contro un nastro inchiostrato, trasfere...
Stampanti a getto d’inchiostro Le stampanti a getto d’inchiostro, come suggerisce il nome, sono dotate di ugelli che  spru...
Stampanti laser Utilizzano una tecnologia simile a quella delle fotocopiatrici: <ul><li>un laser crea un’ immagine  della ...
Stampanti multifunzione Esistono poi dispositivi che mettono a disposizione le funzionalità di più periferiche in una, tip...
Plotter Il plotter è un dispositivo di stampa di grosse dimensioni, in cui la testina di stampa è costituita da uno o più ...
Valutazione I costi di una stampante non sono, chiaramente, riducibili a quelli dell’acquisto. I costi di mantenimento dip...
Reti di computer <ul><li>Una rete ( network ) di computer è un insieme di calcolatori collegati tra loro in maniera fisica...
Reti: condivisione delle risorse <ul><li>In una rete, è possibile condividere diversi tipi di risorse: </li></ul><ul><ul><...
Reti: condivisione delle risorse <ul><li>Un computer che condivide una stampante in rete viene detto  print server ; se me...
Reti: comunicazioni <ul><li>Le possibilità di  comunicazione  offerte oggi dalle reti sono molteplici, e hanno cambiato pr...
Reti: modelli <ul><li>Il modello classico di condivisione delle risorse è del tipo  client-server : un computer “possiede”...
Reti: dimensioni <ul><li>In base alla dimensione si distinguono: </li></ul><ul><ul><li>LAN – Local Area Network :  “ Rete ...
Reti: connessioni Una scheda di rete Un modem ADSL Un modem analogico Un hub da 32 porte
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Scarica il file Power Point associato

1,040

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,040
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
34
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • I quadratini verdi evidenziano i componenti più importanti del chipset: il North Bridge, il South Bridge e il Super I/O chip. Il chipset è l’insieme di componenti grazie ai quali la motherboard svolge il proprio compito di integrazione e coordinazione.
  • Le porte USB sono evidenziate in maniera diversa perché, di fatto, si tratta di porte di I/O generiche; in altre parole, è possibile utilizzarle per collegare dispositivi di memorizzazione (quali HD esterni) ma anche periferiche di altro tipo (scanner, mouse, stampanti).
  • Le porte USB sono evidenziate in maniera diversa perché, di fatto, si tratta di porte di I/O generiche; in altre parole, è possibile utilizzarle per collegare dispositivi di memorizzazione (quali HD esterni) ma anche periferiche di altro tipo (scanner, mouse, stampanti).
  • Di conseguenza, il vantaggio cresce all’aumentare del numero di periferiche connesse. La maggiore “stabilità” è data dal fatto che il trasferimento dati sul bus Scsi è gestito da un controller indipendente.
  • Le schede Scsi andranno poi collegate ad un Bus, ISA o PCI. I Macintosh avevano un controller SCSI integrato fino a qualche modello fa. Gli iMac sono invece passati all’EIDE, per tenere bassi i costi.
  • La sigla IEEE-1394 deriva, chiaramente, dal fatto che si tratta del 1394esimo standard pubblicato dall’ Institute of Electrical and Electronic Engineers . i.Link è un termine coniato dalla Sony, nel tentativo di diffondere una denominazione più semplice per lo standard. Firewire è un marchio registrato Apple per i dispositivi che usano questa tecnologia. Chi produce un device conforme alle specifiche IEEE-1394 e vuole commercializzarlo utilizzando il marchio Firewire, deve firmare un accordo con la Apple.
  • La tastiera QWERTY fu progettata nel 1868 (circa). Sul motivo del layout, abbiamo ipotesi che vanno dallo studio della combinazione dei tasti per evitare i type jam al fatto che i caratteri della prima riga alfabetica permettessero di scrivere “type writer” molto velocemente (cosa che veniva usata nelle vendite a scopo illustrativo).
  • Altri settori in cui le modifiche apportate sono di un certo rilievo: i materiali di costruzione, il feedback dei tasti (pensiamo allo Spectrum, o ai portatili), le connessioni – ma queste ultime sono, in effetti, indipendenti dal dispositivo. E’ passato del tempo dai connettori AT.
  • Altri settori in cui le modifiche apportate sono di un certo rilievo: i materiali di costruzione, il feedback dei tasti (pensiamo allo Spectrum, o ai portatili), le connessioni – ma queste ultime sono, in effetti, indipendenti dal dispositivo. E’ passato del tempo dai connettori AT.
  • Altri settori in cui le modifiche apportate sono di un certo rilievo: i materiali di costruzione, il feedback dei tasti (pensiamo allo Spectrum, o ai portatili), le connessioni – ma queste ultime sono, in effetti, indipendenti dal dispositivo. E’ passato del tempo dai connettori AT.
  • Per modelli, qui, non si intende parlare di come vengono effettuate le connessioni a livello fisico, e dunque non parleremo di topologia di rete. Piuttosto si accenna ai modelli concettuali di utilizzo delle risorse condivise (e non solo).
  • Transcript of "Scarica il file Power Point associato"

    1. 1. La scheda madre
    2. 2. Dispositivi di I/O Processore Tastiera Scanner Mouse Microfono Input Monitor Stampante Casse Output Masterizzatore Drive Modem Input / Output Scheda di rete
    3. 3. Schede audio Storicamente, la diffusione delle schede audio è legata al supporto che fornivano ai giochi per computer. Ancor oggi tali schede presentano, nella parte posteriore, un connettore per un joystick . Il supporto ai giochi (e non solo) è oggi ampliato grazie a sonorità tridimensionali, che per essere apprezzate rendono però necessario un sistema di altoparlanti adeguato.
    4. 4. Schede audio Oltre all’aspetto ludico, oggi è possibile sfruttare le potenzialità di una scheda audio per “fare musica”, con l’ausilio di software adeguati, o per utilizzare applicazioni multimediali o, infine, per usufruire della qualità audio dei film su DVD-Rom. In quest’ultimo caso, ancora una volta il sistema di altoparlanti ha un notevole peso nella qualità del suono percepita.
    5. 5. Schede video <ul><li>La funzione delle schede video è quella di consentire il collegamento ad un monitor – e, a volte, anche ad altri dispositivi, come i televisori. </li></ul><ul><li>I componenti di base di una scheda video sono i seguenti: </li></ul><ul><li>Bios video </li></ul><ul><li>Processore video </li></ul><ul><li>Memoria video </li></ul><ul><li>Digital-to-Analog converter ( DAC ) </li></ul><ul><li>Connettore per il bus (AGP o PCI) </li></ul>
    6. 6. Interfacce di I/O <ul><li>In generale, si tratta dei collegamenti con le periferiche, con l’eccezione, qui, delle unità disco (Ide/Eide). </li></ul><ul><li>Ide (Integrated Drive Electronics) , Eide (Enhanced Ide) </li></ul><ul><li>SCSI (Small Computer System Interface) </li></ul><ul><li>porte seriali (COM) </li></ul><ul><li>porte parallele (LPT) </li></ul><ul><li>USB (Universal Serial Bus) </li></ul><ul><li>Firewire (i.Link, IEEE 1394) </li></ul><ul><li>IrDA (InfraRed Data Association) </li></ul>
    7. 7. Interfacce di I/O
    8. 8. Ide/Eide Con la sigla IDE si fa riferimento ad unità disco con un controller integrato. Sui PC sono di solito presenti due connettori IDE, ciascuno dei quali in grado di collegare due periferiche. Lo standard utilizzato dai dischi IDE per trasferire dati è l’ATA (AT Attachment), la cui ultima incarnazione, l’Ultra Ata-100, supporta un transfer rate di 100 MB/s.
    9. 9. Scsi L’interfaccia SCSI può essere utilizzata per collegare dispositivi anche diversi dalle unità disco (scanner, ad esempio). I dispositivi SCSI sono di solito più costosi degli equivalenti Eide perché, si dice, offrono prestazioni migliori... In realtà il vantaggio sta nella possibilità di collegare più periferiche (fino a 15, a seconda di quale standard Scsi si consideri) in grado di eseguire determinate operazioni contemporaneamente .
    10. 10. Scsi Il vantaggio cresce all’aumentare del numero di periferiche connesse. La maggiore “stabilità” è data dal fatto che il trasferimento dati è gestito da un controller indipendente. Tuttavia, nei PC il controller Scsi non è presente “di serie”, per così dire, e questo rende necessario l’acquisto di una scheda aggiuntiva.
    11. 11. Le porte <ul><li>Sul retro di un elaboratore vi sono dei connettori che collegano l’unità centrale con le periferiche, tramite cavi. </li></ul><ul><li>Tali connettori prendono il nome di porte . </li></ul><ul><li>Quasi tutte le periferiche vanno connesse alle rispettive porte a macchina spenta, altrimenti il sistema non è in grado di rilevarle. </li></ul>
    12. 12. Porte seriali <ul><li>Sono dette seriali perché trasmettono i dati un bit alla volta. </li></ul><ul><li>A tali porte ci si riferisce spesso come COM1, COM2 ecc., dove COM è l’abbreviazione di COMmunication (comunicazione) ed il numero indica la porta installata. </li></ul><ul><li>Oggi i computer hanno, in genere, 2 porte seriali, ma tenderanno ad essere sostituite da porte più versatili ed a maggiore capacità di trasmissione (USB, ecc.). </li></ul>
    13. 13. Porte seriali <ul><li>In generale, è possibile utilizzare la porta seriale (detta anche RS-232) per ogni dispositivo che necessiti di un collegamento bidirezionale. </li></ul><ul><li>Le porte seriali consentono di collegare una varietà di dispositivi (modem, mouse, lettori di codici a barre...) </li></ul><ul><li>Nei sistemi Macintosh è disponibile un’interfaccia seriale simile, nota come RS-422. </li></ul>
    14. 14. Porte seriali <ul><li>I connettori delle porte seriali possono avere 9 o 25 piedini. </li></ul>
    15. 15. Porte parallele <ul><li>Le interfacce di tipo parallelo trasmettono più bit contemporaneamente . Da questo derivano vantaggi e svantaggi… </li></ul><ul><li>Sui Pc di solito è presente una sola porta parallela, indicata come LPT1 (Line PrinTer): in origine veniva utilizzata solo per inviare dati ad una stampante (era infatti unidirezionale). </li></ul>
    16. 16. Porte parallele <ul><li>I connettori delle porte parallele </li></ul><ul><li>possono essere di tre tipi diversi. </li></ul>
    17. 17. Usb (Universal Serial Bus) E’ una connessione di tipo seriale. Consente di collegare più periferiche (fino a 127) “a cascata”, anche a computer acceso. Entro certi limiti, i dispositivi connessi possono essere alimentati direttamente – senza bisogno di altri cavi o trasformatori esterni. In genere, sui PC recenti sono presenti due porte di questo tipo.
    18. 18. Usb Connettori Usb Un altro dei vantaggi dell’interfaccia USB è la possibilità di usarla per qualunque tipo di periferica, dai mouse alle stampanti ai masterizzatori.
    19. 19. Firewire Anche l’interfaccia Firewire è di tipo seriale, ma è molto più veloce di quella USB. Uno dei vantaggi delle interfacce seriali rispetto a quelle parallele è dato dalla possibilità di aumentarne la frequenza di trasferimento in misura maggiore. Trasferendo un solo bit per volta si evita, ad esempio, il problema del signal skew (deviazione del segnale).
    20. 20. Firewire Connettore Firewire (i.Link, IEEE-1394) IEEE-1394 SI tratta del 1394esimo standard pubblicato dall’ Institute of Electrical and Electronic Engineers . i.Link Nome coniato dalla Sony, nel tentativo di diffondere una denominazione più semplice per questo standard. Firewire Marchio registrato dalla Apple.
    21. 21. Usb e Firewire
    22. 22. Input: gli scanner <ul><li>Lo scanner è un dispositivo che consente al computer di acquisire immagini, fotografie e pagine di testo. </li></ul><ul><li>Esistono diversi tipi di scanner: </li></ul><ul><li>quelli manuali sono i più economici e consentono acquisizioni a basse risoluzioni. Vanno fatti scorrere manualmente sull'area da importare; </li></ul><ul><li>gli scanner piani sono i più diffusi, in quanto presentano il miglior rapporto prezzo/prestazioni; </li></ul><ul><li>gli scanner “a tamburo” sono rivolti all’uso professionale, ed hanno costi decisamente elevati. </li></ul>
    23. 23. Input: gli scanner <ul><li>La procedura di digitalizzazione tramite uno scanner dipende anche dal software utilizzato. </li></ul><ul><li>La scansione permette di “leggere” una superficie come matrice di punti , ma esistono software in grado di effettuare il riconoscimento dei caratteri presenti, dividendo la “pagina” digitalizzata in testo e immagini. </li></ul><ul><li>Il risultato dipende, ovviamente, sia dalla qualità del software che da quella del supporto cartaceo originale. </li></ul><ul><li>Tali software sono detti OCR </li></ul><ul><li>(Optical Character Recognition). </li></ul>
    24. 24. Input: tastiere Diversi dei layout esistenti prendono il nome dalle prime sei lettere della prima riga (alfabetica). Il più diffuso è il layout QWERTY (altri layout: QZERTY, AZERTY, DVORAK) La tastiera è senza dubbio il dispositivo di input più comune ed usato. Il layout , ovvero la disposizione dei tasti, non è casuale: nelle macchine da scrivere era pensato per ridurre le possibilità che i martelletti relativi si accavallassero.
    25. 25. Input: tastiere <ul><li>Le tastiere si sono evolute principalmente in due settori: </li></ul><ul><li>l’aumento delle f unzioni disponibili, in seguito all’aggiunta di tasti (tasti funzione, tastierino numerico, funzioni multimediali, Internet) </li></ul><ul><li>la modifica della forma . Oggi è abbastanza comune trovare tastiere “ergonomiche”, che dovrebbero ridurre eventuali problemi alle articolazioni derivanti dall’uso prolungato. </li></ul>
    26. 26. Input: tastiere Esempi di tastiera ergonomica : un blocco unico ma molto compatto, un modello regolabile , un tastiera composta da elementi separati e un touchpad incorporato.
    27. 27. Input: tastiere Per l’uso con dispositivi portatili, e per quello in ambienti particolari, sono state create tastiere dalle caratteristiche peculiari… Tastiera virtuale Tastiera “arrotolabile” ed impermeabile
    28. 28. Input: dispositivi di puntamento Con la diffusione di interfacce utente grafiche (MacOS, Windows, ecc.) sono stati sviluppati dispositivi di puntamento sempre più evoluti. Devono, d’altra parte, adattarsi a contesti d’uso ben diversi. <ul><ul><ul><ul><ul><li>Mouse </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>Trackball </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>Touchpad </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>Trackpoint </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>Tavoletta grafica </li></ul></ul></ul></ul></ul>
    29. 29. Il mouse Il primo mouse venne progettato da Doug Engelbart nel 1963, ma perché si diffondesse commercialmente fu necessario attendere 15 anni e la Apple. Oggi i mouse stanno rimpiazzando anche le ultime parti meccaniche con tecnologie ottiche; sono inoltre sempre più comuni le versioni senza fili.
    30. 30. Trackball e altro… Logitech Trackman Wheel Logitech TrackMan Live!. A onde radio Trackpoint. Comune nei portatili IBM
    31. 31. Tablet, dispositivi hands-free Tavoletta grafica con mouse e penna ottica Dispositivo di puntamento “hands-free”
    32. 32. Dispositivi di output: monitor <ul><li>Le tecnologie più importanti utilizzate nella costruzione dei monitor sono il tubo a raggi catodici e i cristalli liquidi . </li></ul><ul><ul><ul><ul><li>LCD (Liquid Crystal Display) </li></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><li>CRT (Cathode Ray Tube) </li></ul></ul></ul></ul>
    33. 33. Monitor: caratteristiche <ul><li>Risoluzione </li></ul><ul><li>Dot pitch (solo per i CRT) </li></ul><ul><li>Refresh (solo per i CRT, negli LCD è fisso) </li></ul><ul><li>Consumo </li></ul>
    34. 34. Risoluzione <ul><li>La risoluzione è la quantità di dettaglio che un monitor è in grado di fornire. E’ espressa in pixel. </li></ul>I monitor CRT sono in grado di supportare diverse risoluzioni , corrispondenti a diversi standard definiti nel corso degli anni (640x480 corrisponde allo standard VGA). Nei monitor LCD, invece, la risoluzione è fissa , perché a ciascun pixel corrisponde un transistor. E’ possibile comunque “scalare” l’immagine (ma si perde in qualità). Risoluzione Dimensioni (consigliate) monitor
    35. 35. Dot pitch <ul><li>Il Dot pitch rappresenta la distanza , in millimetri, tra le triadi di fosfori che compongono lo schermo. </li></ul><ul><li>Minore è la distanza, più ravvicinati risultano gli elementi dell’immagine, che appare meglio definita. </li></ul><ul><li>Oggi, un dot pitch accettabile dev’essere nell’ordine degli 0,26mm . </li></ul>
    36. 36. Refresh Il refresh rate rappresenta il numero di volte che lo schermo viene ridisegnato in un secondo. Per i monitor a tubo catodico, un basso refresh (meno di 60 Hz) implica uno sfarfallio fastidioso. Nei monitor LCD, a causa della diversa tecnologia non vale l’assunto per cui maggiore è il refresh, migliore la qualità.
    37. 37. Consumo <ul><li>Il monitor è tra i componenti che consumano di più. Per questo motivo, sono state elaborate diverse linee guida per ridurre il consumo (e, di conseguenza, i costi): </li></ul><ul><li>DPMS (Display Power Management Signaling) </li></ul><ul><li>APM (Advanced Power Management) </li></ul><ul><li>ACPI (Advanced Configuration and Power Interface) </li></ul><ul><li>Tali sistemi di gestione definiscono delle interfacce tra il sistema operativo e quei componenti hardware in grado di gestire la propria alimentazione. </li></ul>
    38. 38. Dispositivi di output: stampanti Tecnologie di stampa principali Page printers Line printers Vs. <ul><li>a getto d’inchiostro </li></ul><ul><li>laser </li></ul><ul><li>ad aghi </li></ul>
    39. 39. Stampanti ad aghi Le stampanti ad aghi sfruttano l'impatto di una griglia di aghi contro un nastro inchiostrato, trasferendo così l'inchiostro sulla carta. La qualità di stampa dipende dal numero di aghi . Questo tipo di stampante è piuttosto rumorosa e la qualità della stampa ottenuta risulta abbastanza scadente. Si tratta di una tecnologia ormai obsoleta. FX 880 – 9 pin
    40. 40. Stampanti a getto d’inchiostro Le stampanti a getto d’inchiostro, come suggerisce il nome, sono dotate di ugelli che spruzzano l’inchiostro sulla pagina, indirizzandolo in maniera da formare il testo e le immagini richieste. Sono abbastanza silenziose, ma quanto a velocità e qualità di stampa sono in genere inferiori alle stampanti laser. HP DeskJet 940c
    41. 41. Stampanti laser Utilizzano una tecnologia simile a quella delle fotocopiatrici: <ul><li>un laser crea un’ immagine della pagina su un tamburo fotosensibile; </li></ul><ul><li>sul tamburo viene applicata una polvere molto fine (il toner ) che aderisce unicamente alle aree sensibilizzate; </li></ul><ul><li>il tamburo viene applicato alla pagina, trasferendo il toner su carta. </li></ul>HP LaserJet 4550
    42. 42. Stampanti multifunzione Esistono poi dispositivi che mettono a disposizione le funzionalità di più periferiche in una, tipicamente per piccole aziende intenzionate a risparmiare spazio e denaro. Di solito le funzionalità integrate sono quelle di una stampante laser , di uno scanner , di una fotocopiatrice e di un fax . Il modello riportato ha anche una scheda di rete, e dunque non richiede di venir collegato ad un PC. HP OfficeJet g95
    43. 43. Plotter Il plotter è un dispositivo di stampa di grosse dimensioni, in cui la testina di stampa è costituita da uno o più pennini di diversi colori. • viene utilizzato per riprodurre grafici, schemi tecnici o altri disegni al tratto di carattere analogo. • I plotter trovano largo utilizzo nel settore CAD (Computer Aided Design) e sono in grado di operare su fogli di grandi dimensioni.
    44. 44. Valutazione I costi di una stampante non sono, chiaramente, riducibili a quelli dell’acquisto. I costi di mantenimento dipendono dalla tecnologia scelta: nastri per le stampanti ad aghi, cartucce per quelle a getto d’inchiostro, toner per le stampanti laser. Il tipo di stampe condiziona inoltre il tipo di carta, e dunque il suo costo. Da una media di questi fattori, si può tentare di ottenere, caso per caso, il costo per singola copia.
    45. 45. Reti di computer <ul><li>Una rete ( network ) di computer è un insieme di calcolatori collegati tra loro in maniera fisica (tramite cavi, linee telefoniche, collegamenti satellitari, ecc.). </li></ul><ul><li>Due sono gli scopi delle reti: </li></ul><ul><ul><li>la condivisione di risorse </li></ul></ul><ul><ul><li>i servizi di comunicazione </li></ul></ul>
    46. 46. Reti: condivisione delle risorse <ul><li>In una rete, è possibile condividere diversi tipi di risorse: </li></ul><ul><ul><li>risorse fisiche : stampanti, dischi, nastri, ecc. </li></ul></ul><ul><ul><li>risorse di calcolo : programmi residenti sul computer “remoto” </li></ul></ul>
    47. 47. Reti: condivisione delle risorse <ul><li>Un computer che condivide una stampante in rete viene detto print server ; se mette a disposizione dei programmi è un application server ; se condivide dei dischi (e i documenti che vi risiedono) è un file server . </li></ul><ul><li>E’ possibile condividere più tipi di risorse contemporaneamente . </li></ul>
    48. 48. Reti: comunicazioni <ul><li>Le possibilità di comunicazione offerte oggi dalle reti sono molteplici, e hanno cambiato profondamente il modo di utilizzare un calcolatore – sia in ambito domestico che aziendale. </li></ul><ul><ul><li>posta elettronica </li></ul></ul><ul><ul><li>chat (testuale, audio, video) </li></ul></ul><ul><ul><li>messaggistica istantanea </li></ul></ul><ul><ul><li>spazi di lavoro condivisi ( groupware ) </li></ul></ul>
    49. 49. Reti: modelli <ul><li>Il modello classico di condivisione delle risorse è del tipo client-server : un computer “possiede” le risorse, e gli altri vi accedono. </li></ul><ul><li>Nel modello peer-to-peer , ciascun computer può fungere allo stesso tempo da client e da server. </li></ul>
    50. 50. Reti: dimensioni <ul><li>In base alla dimensione si distinguono: </li></ul><ul><ul><li>LAN – Local Area Network : “ Rete di area locale ” </li></ul></ul><ul><ul><li>MAN – Metropolitan Area Network : “ rete di area metropolitana ” </li></ul></ul><ul><ul><li>WAN – Wide Area Network </li></ul></ul><ul><ul><li>GAN – Global Area Network </li></ul></ul>
    51. 51. Reti: connessioni Una scheda di rete Un modem ADSL Un modem analogico Un hub da 32 porte
    1. A particular slide catching your eye?

      Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

    ×