Loading…

Flash Player 9 (or above) is needed to view presentations.
We have detected that you do not have it on your computer. To install it, go here.

Like this document? Why not share!

Mod io01c Audit Report fase 1 ISO9001

on

  • 1,847 views

Prima fase di Audit 9001 applicablie in qualsiasi settore

Prima fase di Audit 9001 applicablie in qualsiasi settore

Statistics

Views

Total Views
1,847
Views on SlideShare
1,847
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
54
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Mod io01c Audit Report fase 1 ISO9001 Mod io01c Audit Report fase 1 ISO9001 Document Transcript

  • Consulting Sustainable Leading Strategies Tel: +39 0664821781 mob: +39 3271974983 AUDIT REPORT FASE 1 Denominazione organizzazione valutata: Indirizzo sede legale: Indirizzo unità operativa(e): Indirizzo unità operativa(e): Indirizzo Sito(i)/Cantiere(i): Indirizzo Sito(i)/Cantiere(i): Persona di Riferimento: Settore EA di attività (I e II): Norma di riferimento: UNI EN ISO 9001 (1) Altri documenti di riferimento : Data/e dell’audit: Scopo di Certificazione: Esclusioni Punti Norma/Processi: Motivazioni: N° addetti N° siti/cantieri attivi Tempo di permanenza totale del GVI ___ ore presso l’organizzazione (1) Per altri documenti di riferimento s’intendono, in particolare, l’elenco completo di tutte le leggi, i decreti ed i regolamenti cogenti correlati alle attività, processi, prodotti/servizi forniti dall’azienda nell’ambito del proprio SGQ. Il contenuto del presente documento, dei rapporti di Anomalia ed, eventualmente, di allegati costituiscono le conclusioni raggiunte dal GVI, da intendersi provvisorie fino ad avvenuto riesame interno da parte dell’O.d.C. del quale è data formale comunicazione alla Vs Organizzazione.COMPOSIZIONE DEL G.V.I DELL’O.D.C. COGNOME NOME RUOLO RGVI AVI AVI RGVI in addestramento AVI in addestramento --- --- ESPERTO SETTORE ___ --- --- OSSERVATOREPARTECIPANTI ALLE RIUNIONI E PERSONALE INTERVISTATO COGNOME / NOME RUOLO ENTE RAPPRESENTATO qualityitalia srl qualityitalia srl Mod. IO01c “Audit Report Fase 1 ISO9001” pag. 1 di 8 Rev. 01 del 12.09.2010 Sabrina Laura Sbriccoli P.Iva 08478231006 per Quality Business – qualita@qbusiness.it
  • Consulting Sustainable Leading Strategies Tel: +39 0664821781 mob: +39 3271974983SEZIONE 1 – DOCUMENTAZIONE DEL SGQ, PROCESSI E ASPETTI LEGALIManuale Qualità Ed. ___ del ___ / ___ / _____ Rev. ___ del ___ / ___ / _____ ISO 9001 MQ Pro. N° Prg. Rilievi 4.1/4.2.1 SQ/Requisiti Generali/Requisiti relativi alla documentazione 4.2.2 Manuale della Qualità 4.2.3 Tenuta sotto controllo dei documenti 4.2.4 Tenuta sotto controllo delle registrazioni 5.1 Impegno della direzione 5.2 Attenzione focalizzata al cliente 5.3/5.4 Politica per la qualità/Obiettivi e Pianificazione del SGQ 5.5.1 Responsabilità ed autorità 5.5.2 Rappresentante della direzione 5.5.3 Comunicazione interna 5.6 Riesame da parte della Direzione/Elementi in ingresso e uscita 6.1 Messa a disposizione delle risorse Risorse umane/Generalità 6.2 Competenza, consapevolezza e addestramento 6.3/6.4 Infrastrutture/Ambiente di lavoro 7.1 Realizzazione/Pianificazione della realizzazione del prodotto 7.2.1/7.2.2 Determinazione/Riesame dei requisiti relativi al prodotto 7.2.3 Comunicazione con il cliente7.3.1/7.3.4/7.3. Pianificazione/Riesame/Validazione progettazione e sviluppo 67.3.2/7.3.3/7.3. Elementi in ingresso ed in uscita/Verifica progettazione 5 7.3.7 Tenuta sotto controllo delle modifiche della progettazione 7.4.1/7.4.2 Processo/Informazioni per l’approvvigionamento 7.4.3 Verifica dei prodotti approvvigionati 7.5.1 Tenuta sotto controllo della produzione/erogazione servizi 7.5.2 Validazione dei processi di produzione/erogazione servizi 7.5.3 Identificazione e rintracciabilità 7.5.4 Proprietà del cliente 7.5.5 Conservazione dei prodotti 7.6 Tenuta sotto controllo dispositivi monitoraggio e misurazione 8.1 Generalità 8.2.1 Soddisfazione del cliente 8.2.2 Verifiche ispettive interne 8.2.3 Monitoraggio e misurazione dei processi 8.2.4 Monitoraggio e misurazione dei prodotti 8.3 Tenuta sotto controllo dei prodotti non conformi 8.4 Analisi dei dati 8.5.1 Miglioramento continuo 8.5.2/8.5.3 Azioni correttive/Azioni preventiveLa sezione 1 evidenzia se l’organizzazione ha recepito dal punto di vista documentale i requisiti della norma ed ènecessario compilare i campi in funzione dei seguenti criteri (NA = Non Applicabile):1) nella terza la spunta indica che i requisiti normativi sono stati recepiti senza ulteriori considerazioni;2) nella quarta è necessario riportare i riferimenti delle procedure predisposte dall’organizzazione, almeno quelle obbligatorie come da norma di riferimento (es. Pro 01 Rev.00);3) nella quinta colonna va indicato il numero progressivo dei rilievi (problemi che potrebbero trasformarsi in anomalie in sede di audit fase 2) evidenziati di seguito all’organizzazione. Mod. IO01c “Audit Report Fase 1 ISO9001” pag. 2 di 8 Rev. 01 del 12.09.2010 Sabrina Laura Sbriccoli P.Iva 08478231006 per Quality Business – qualita@qbusiness.it
  • Consulting Sustainable Leading Strategies Tel: +39 0664821781 mob: +39 3271974983Altra documentazione del SGQ valutata: NON DESCRIZIONE SODDISFACENTE SODDISFACENTEIdentificazione processi aziendali e loro interazioneLocalizzazione sede/i operativa/e e sito/i temporaneo/iIdentificazione aspetti legali relativi ai processi aziendaliObiettivi e Programmazione per il funzionamento del SGQSEZIONE 2 – CAMPO DI APPLICAZIONE E LOCALIZZAZIONE CLIENTE DESCRIZIONE SI NOIl campo di applicazione richiesto dall’organizzazione rispecchia i processi aziendali?Le esclusioni dal campo di applicazione richiesti dall’organizzazione sono condivisibili?Si è reso necessario accedere in remoto a siti informatizzati da considerare come visite a localizzazioni fisiche?La procedura per la gestione dei reclami è stata implementata?L’organizzazione ha definito i prodotti critici per la propria attività di cui si approvvigiona? (EA28)Indicare i processi operativi che si svolgono nella sede legale, nelle sedi operative e/o nei sitipermanenti e/o temporanei oggetto di audit: T Data Fine Tipo Processi Localizzazione percorrenza Attività Sede/Sito (ore) Legenda: SL=Sede Legale, SO=Sede Operativa, SP=Sito Permanente, ST=Sito Temporaneo T percorrenza, per la sede centrale, calcolato dalla sede di qualityitalia, mentre per le sedi secondarie calcolato dalla sede centrale.SEZIONE 3 – AUDIT INTERNI, RIESAME DELLA DIREZIONE E OBIETTIVI DEL SGQ DESCRIZIONE SI NOGli audit interni sono stati pianificati ed eseguiti?Il sistema di verifiche ispettive interne è affidabile?Il Riesame della Direzione è stato pianificato ed eseguito?Gli obiettivi e i relativi programmi di funzionamento sono adeguati ai processi aziendali e condivisibili?Esiste congruenza tra Politica, Processi, Obiettivi e Programmazione per il funzionamento del SGQIl livello di attuazione del sistema è tale da ritenere il Cliente pronto per l’audit di Fase 2?SEZIONE 4 – ADEGUATEZZA RISORSE E PIANIFICAZIONE DELL’AUDIT FASE 2 DESCRIZIONE SI NOLe risorse assegnate per l’audit di Fase 2 sono adeguate?La pianificazione dell’audit di Fase 2 è stata messa a fuoco in funzione di aspetti critici rilevati?I dettagli dell’audit di Fase 2 sono stati concordati con il Cliente e il relativo PVI? è stato redatto e consegnato? Indicare la/e data/e individuate per la conduzione dell’audit Fase 2N.B.: a cura del RGVI1. Ritirata Copia Controllata del Manuale SI NO2. Timbrato il manuale con “Qualità Business reviewed” nelle pagine di guardia SI NO Durante il presente audit sono stati verificati i provvedimenti intrapresi per risolvere le eventuali anomalie riscontrate nella precedente visita ispettiva del ___/___/____. In particolare è stata verificata: l’efficacia delle AC delle n.ro ____ anomalie già comunicate all’azienda; la non efficacia delle AC delle n.ro ____ anomalie già comunicate all’azienda. Mod. IO01c “Audit Report Fase 1 ISO9001” pag. 3 di 8 Rev. 01 del 12.09.2010 Sabrina Laura Sbriccoli P.Iva 08478231006 per Quality Business – qualita@qbusiness.it View slide
  • Consulting Sustainable Leading Strategies Tel: +39 0664821781 mob: +39 3271974983 RISULTATI DELL’AUDIT E CONCLUSIONIIn seguito alle evidenze raccolte durante l’audit, sono stati rilevati i seguenti problemi: Elenco Rilievi (RIL)L’Organizzazione è tenuta a prendere in carico tali problemi ed a risolverli prima della conduzione dell’Audit Fase 2, al fine di evitare laformalizzazione di anomalie che potrebbero influire sul risultato finale delle attività di tale audit Punto Norma o Contratto Descrizione 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. Verifica presa in carico e risoluzione commenti (COM) rilevati nel precedente audit Punto Norma o Contratto Accettazione e verifica correzioni e azioni correttive intraprese dall’organizzazione per la risoluzione dei commenti 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. Mod. IO01c “Audit Report Fase 1 ISO9001” pag. 4 di 8 Rev. 01 del 12.09.2010 Sabrina Laura Sbriccoli P.Iva 08478231006 per Quality Business – qualita@qbusiness.it View slide
  • Consulting Sustainable Leading Strategies Tel: +39 0664821781 mob: +39 3271974983L’Audit è stato eseguito dal GVI di utilizzando le check-list basate sui requisiti della norma e delle leggi vigenti applicabili, in conformità alla linea guidaISO 19011.L’audit consiste in un esame a campione delle varie attività svolte dall’Organizzazione e quindi il sistema di gestione qualità potrebbe presentare altrecarenze rispetto a quanto riportato nel presente rapporto.Il manuale qualità dell’Organizzazione, le procedure e le istruzioni in esso menzionate, nonché i documenti di ulteriore dettaglio sono stati esaminati insede di verificaIl presente rapporto è completo e definitivo delle risultanze della verifica, identifica qualunque anomalia da eliminare per soddisfare irequisiti per la certificazione ed è distribuito dal GVI in nome e per conto di Quality Business srl. Il rapporto potrebbe essere modificatoda Quality Business srl in conseguenza delle attività di controllo e riesame della pratica, in tal caso il rapporto è revisionato e ri-trasmesso con le motivazioni che hanno indotto le modifiche. RISERVE DELL’ORGANIZZAZIONE VALUTATAL’Organizzazione ha espresso riserve sull’operato del GVI ed, in generale, di Quality Business s.r.l.  SI  NOSe sì, descrivere brevemente le motivazioni a supporto delle riserve espresse: DICHIARAZIONE DI RISERVATEZZAA causa dell’attività svolta, i componenti del gruppo di verifica possono essere venuti a conoscenza di informazioni riservate. Nessunadi queste sarà divulgata a meno di espressa autorizzazione scritta da parte dell’Organizzazione. Il RGVI Il/Gli AVI Il/Gli Esperti L’Osservatore Il Rappresentante Il Personale in addestramento dell’Organizzazione dell’Organizzazione (*)(*) La firma dell’Organizzazione attesta che: 1. L’Organizzazione è in possesso del presente rapporto; 2. L’Organizzazione conferma la correttezza dei dati relativi all’identificazione dell’Organizzazione ed alla definizione dello scopo di certificazione; 3. L’Organizzazione ha acquisito l’informazione che il documento che regola i termini e le condizioni generali di contratto (ultima revisione) è disponibile sul sito www.qbusiness.it ed è consultabile in qualsiasi momento, nel contempo se l’Organizzazione non ha la possibilità di collegarsi al sito stesso si impegna a comunicarlo per scritto all’OdC che provvede alla spedizione dello stesso tramite fax, e-mail o servizio postale; 4. Quality Business srl si riserva il diritto di approntare modifiche allo scopo di certificazione del sistema di gestione per garantirne l’uniformità di terminologia a livello nazionale/internazionale. DECISIONE DEL RGVI ripetere l’audit Fase 1 audit Fase 2 non prima di ____ giorni Il RGVI Mod. IO01c “Audit Report Fase 1 ISO9001” pag. 5 di 8 Rev. 01 del 12.09.2010 Sabrina Laura Sbriccoli P.Iva 08478231006 per Quality Business – qualita@qbusiness.it
  • Consulting Sustainable Leading Strategies Tel: +39 0664821781 mob: +39 3271974983PARTE RISERVATA AL GVI PER LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE, DA NON LASCIARE ALLE ORGANIZZAZIONI REQUISITO NORMA SI NO RACCOLTA EVIDENZE/RILIEVO PROBLEMA1.2 - 4.1 Requisiti Generali1. Nelle fasi di introduzione e attuazione del SGQ l’organizzazione ha:  individuato i processi necessari per il SGQ compresi quelli eventualmente erogati da organizzazioni esterne?  determinato lo scopo di certificazione in funzione delle attività/processi svolti e le eventuali esclusioni?  determinato la sequenza dei processi, la loro interazione (ad es. diagrammi di flusso e/o tabelle e/o matrici e/o schemi e/o illustrazioni)e i requisiti di monitoraggio, misura e analisi (cfr 4.2.1, 5.4.1 e 8.2.3 - Verificare che gli “indicatori” utilizzati per monitorare e misurare i processi e le loro prestazioni sono definiti e tenuti sotto controllo e che il sistema messo in atto per il monitoraggio e la misurazione è congruente sia con quanto descritto nella documentazione di sistema sia con gli obiettivi definiti)?4.2 Requisiti relativi alla documentazione4.2.1 Generalità2. I documenti predisposti al fine di documentare il SGQ comprendono:  politica e obiettivi per la qualità;  il manuale della qualità;  le procedure documentate obbligatorie: - Tenuta sotto controllo dei documenti (4.2.3) - Tenuta sotto controllo delle registrazioni (4.2.4) - Verifiche ispettive interne (8.2.2) - Tenuta sotto controllo dei prodotti non conformi (8.3) - Azioni correttive (8.5.2) - Azioni preventive (8.5.3)  le procedure documentate richieste dal RT-05, ove applicabile, che prevedono il rispetto delle leggi vigenti: - Controlli iniziali, durante la produzione e finali delle prefabbricazioni eseguite dall’Organizzazione, direttamente o indirettamente, a piè d’opera sul sito per le lavorazioni ripetitive e, negli altri casi, dettagliati nel PdQ di commessa - Controlli iniziali, durante la produzione e finali per la produzione di calcestruzzo strutturale in sito; nel caso di produzione di calcestruzzo non strutturale (malte) in sito, devono essere effettuati controlli sulle caratteristiche funzionali di utilizzo  i documenti necessari per assicurare l’efficace pianificazione, funzionamento e controllo dei processi;  le registrazioni richieste dalla norma?3. Organizzazioni di dimensioni contenute e con semplicità del SGQ  E’ possibile classificare l’organizzazione tra le aziende di dimensioni contenute (ad es. a carattere artigianale o familiare)?  E’ accettabile l’eventuale introduzione di semplificazioni di tipo contenutistico, oltre che editoriale, relativamente alle procedure documentate ed alle registrazioni della qualità?  E’ accettabile, inoltre; che i documenti di processo siano ridotti all’essenziale, purché supportati da prassi operative di consolidata ed evidente efficacia?4.2.2 Manuale della Qualità4. Lorganizzazione ha preparato, e mantiene aggiornato, un manuale della qualità che include:  la descrizione del campo di applicazione del SGQ?  i dettagli sulle eventuali esclusioni (linee di prodotto e/o di requisiti) e relative giustificazioni?  le procedure documentate del SGQ o i relativi riferimenti?  l’illustrazione dei processi (almeno quelli primari) e la descrizione delle interazioni tra i processi del SGQ?  la presentazione generale dell’Organizzazione, con la sintesi delle attività svolte e un organigramma organizzativo/funzionale?  le dichiarazioni sulla politica e sugli obiettivi per la qualità?  l’indicazione di eventuali processi affidati in outsourcing?  la descrizione della struttura della documentazione del SGQ?  l’analisi dei requisiti della Norma (di cui ai punti 5, 6, 7 e 8) e, per ciascun requisito, una sia pur breve descrizione delle risorse e dei procedimenti posti in atto per assicurare la conformità ai requisiti stessi?4.2.3 Tenuta sotto controllo dei documenti5. La procedura predisposta dall’organizzazione per la gestione dei documenti e dei dati soddisfa i seguenti requisiti:  definisce le responsabilità per le fasi di elaborazione, verifica e approvazione dei documenti?  stabilisce criteri adeguati per una corretta identificazione (codice identificativo, titolo, stato di aggiornamento) e facile rintracciabilità e lo stato di validità dei documenti?  stabilisce modalità di controllo della documentazione da rendere disponibile presso i siti/cantieri (elaborati di progetto, capitolato, specifiche tecniche, istruzioni di montaggio, ecc.)?  permette l’identificazione nei documenti della natura delle modifiche eseguite e l’identificazione, la registrazione e la distribuzione in maniera controllata dei documenti di origine esterna (elaborati progettuali, documenti dei clienti, norme, leggi e direttive)?  regolamenta l’utilizzo di procedure informatiche e le relative responsabilità gestionali, ove applicabile)  stabilisce le modalità di archiviazione, salvataggio, rintracciabilità e conservazione dei dati di natura informatica?4.2.4 Tenuta sotto controllo delle registrazioni Mod. IO01c “Audit Report Fase 1 ISO9001” pag. 6 di 8 Rev. 01 del 12.09.2010 Sabrina Laura Sbriccoli P.Iva 08478231006 per Quality Business – qualita@qbusiness.it
  • Consulting Sustainable Leading Strategies Tel: +39 0664821781 mob: +39 3271974983 REQUISITO NORMA SI NO RACCOLTA EVIDENZE/RILIEVO PROBLEMA6. La procedura predisposta dall’organizzazione per la gestione delle registrazioni della qualità soddisfa i seguenti requisiti:  stabilisce specifiche disposizioni per la gestione delle registrazioni diverse da quelle di tipo cartaceo (es. su supporto informatico), ove applicabile?  stabilisce i tempi di conservazione in ragione del loro contenuto?  individua i criteri per la conservazione in luoghi idonei onde evitare deterioramenti, danni e smarrimenti, e permetterne una facile reperibilità?  definisce le modalità di inoltro delle registrazioni al cliente?5.1 Impegno della Direzione5.3 Politica della Qualità6.1 Messa a disposizione delle Risorse7. La Direzione:  ha stabilito, documentato e diffuso la politica per la qualità (commisurata alle esigenze della azienda, incluso l’impegno per il raggiungimento dei requisiti e il miglioramento continuo) ed i relativi obiettivi (verificare natura e grado di definizione), provvedendo al sistematico riesame (verificare adeguatezza)?  garantisce che la politica per la qualità è compresa da tutta l’azienda, provvedendo anche al suo riesame al fine di mantenerla adeguata alle esigenze aziendali?  assicura la disponibilità delle risorse necessarie?  ha individuato le risorse (personale, infrastrutture, ambiente di lavoro, informazioni) necessarie per attuare, mantenere e migliorare i processi del SGQ, assicurare i requisiti e accrescere la soddisfazione del cliente (verificare che tale aspetto è trattato nei documenti del riesame della Direzione, documento che sintetizza anche tutte le attività coperte dal sistema per i differenti livelli organizzativi e funzioni gerarchiche)?5.6 Riesame da parte della Direzione5.4.1 Obiettivi per la Qualità8.2.3 Monitoraggio e Misurazione dei Processi8.5.1 Miglioramento Continuo5.4.2 Pianificazione del sistema di gestione per la qualità8. La Direzione:  esegue ad intervalli prestabiliti un riesame del SGQ per assicurarne la sua idoneità adeguatezza ed efficacia, conservandone le registrazioni?  valuta sistematicamente almeno i seguenti aspetti: - risultati delle verifiche ispettive? - informazioni di ritorno da parte dei clienti delle prestazioni dei processi e la conformità dei prodotti? - stato delle azioni correttive e preventive? - azioni relative ai precedenti riesami? - modifiche che potrebbero avere effetti sul SGQ? - raccomandazioni per il miglioramento?  riporta decisioni ed azioni relative almeno a: - opportunità di miglioramento dellefficacia del SGQ, dei suoi processi e dei prodotti in relazione ai requisiti del cliente? - esigenze di cambiamenti al SGQ, includendo anche politica ed obiettivi per la qualità? - necessità di risorse?9. La Direzione:  ha definito obiettivi per la qualità, misurabili e coerenti con i contenuti della politica per la qualità, con l’impegno per il continuo miglioramento e con i requisiti del prodotto (incluse le relative caratteristiche di sicurezza), relativi ai diversi processi e per ciascuna funzione aziendale?  ha definito obiettivi raggiungibili, soprattutto per quanto attiene alla corretta assegnazione delle relative responsabilità e risorse alle funzioni dell’organizzazione?10. La Direzione:  ha definito adeguati metodi di monitoraggio e misurazione delle caratteristiche dei processi operativi e di supporto?  ha definito nell’ambito delle sequenze dei processi le fasi e i punti (indicatori di processo) in cui eseguire tali attività di monitoraggio e misurazione?  ha stabilito dei criteri per attiva azioni adeguate nei casi in cui non sono raggiunti i risultati attesi?  ha dato evidenza di: - aver definito chiaramente gli obiettivi del processo? - avere individuato le variabili/fattori chiave che influenzano il processo e relativi prodotti? - avere definito i valori di riferimento, ove applicabili, e/o le condizioni per il corretto svolgimento del processo e le tolleranze ammesse? - tenere adeguatamente sotto controllo tali valori e/o condizioni? - intervenire quando tali valori e/o condizioni subiscono degli scostamenti rispetto al previsto o si presentino altre condizioni ritenute indesiderabili?11. La Direzione:  raccoglie ed analizza dati e informazioni appropriate da utilizzare per l’identificazione di opportunità di miglioramento, prendendo in considerazione almeno i seguenti argomenti: - politica e obiettivi per la qualità? - risultati delle verifiche ispettive ed azioni correttive e preventive? - risultati dei riesami da parte della direzione?12. La Direzione:  ha messo in atto la pianificazione della qualità (compresa la gestione delle modifiche) al fine di identificare le attività e le risorse necessarie per raggiungere gli obiettivi per la qualità?  aggiorna periodicamente la pianificazione in relazione alle diverse esigenze, incluse quelle relative a variazioni della organizzazione?8.1 Generalità Mod. IO01c “Audit Report Fase 1 ISO9001” pag. 7 di 8 Rev. 01 del 12.09.2010 Sabrina Laura Sbriccoli P.Iva 08478231006 per Quality Business – qualita@qbusiness.it
  • Consulting Sustainable Leading Strategies Tel: +39 0664821781 mob: +39 3271974983 REQUISITO NORMA SI NO RACCOLTA EVIDENZE/RILIEVO PROBLEMA13. L’Organizzazione:  ha stabilito attività di misurazione e monitoraggio che consentono di verificare la conformità dei prodotti e del sistema di gestione per la qualità, mettendo in evidenza possibilità di miglioramento?  utilizza strumenti statistici nelle attività di monitoraggio e misurazione e, comunque, per l’analisi dei dati?  ha definito i modi, tempi e sedi delle misurazioni e assicura che i relativi risultati sono registrati e che l’efficacia delle misurazioni sia periodicamente riesaminata?8.2.2 Verifiche Ispettive Interne14. La procedura predisposta per le verifiche ispettive interne soddisfa i seguenti requisiti:  prevede la redazione di un programma di verifiche ispettive interne (sede e sito/cantiere) sulla base di validi criteri?  definisce la qualifica in termini di competenze del personale incaricato di condurre le verifiche ispettive, sia interno che esterno all’azienda?  garantisce che il personale che conduce le verifiche ispettive interne è indipendente da quello avente diretta responsabilità nell’esecuzione del lavoro?  prevede che i risultati delle verifiche ispettive interne sono documentati, identificano opportunità di miglioramento, e portati all’attenzione di coloro che hanno responsabilità nell’area verificata?  stabilisce criteri per la gestione di eventuali Non Conformità formalizzate durante le attività di verifica ispettiva interna, compresa l’attuazione e la verifica dell’efficacia di eventuali azioni correttive?8.4 Analisi dei Dati15. L’Organizzazione raccoglie ed analizza dati appropriati, al fine di verificare l’adeguatezza e l’efficacia del sistema di gestione per la qualità, nonché per individuare possibili aree di miglioramento, prendendo in considerazione almeno le seguenti aree - soddisfazione del cliente? - conformità ai requisiti del prodotto? - caratteristiche e tendenze dei processi e dei prodotti, incluse le opportunità per le azioni preventive? - rapporti con i fornitori?Uso del Marchio e del Certificato di Conformità16. L’organizzazione:  rispetta le condizioni contrattuali relativamente alle forme di pubblicità utilizzate?  utilizza il marchio di qualityitalia srl nella versione conforme a quanto indicato nel regolamento (disegno, colori base, modello di sistema qualità, numero del certificato)?  è stata preventivamente autorizzate da qualityitalia srl per l’uso di soluzioni diverse del marchio di certificazione?  utilizza il marchio di qualityitalia srl in modo da non poter essere interpretato come certificazione di prodotto? Il RGVI Mod. IO01c “Audit Report Fase 1 ISO9001” pag. 8 di 8 Rev. 01 del 12.09.2010 Sabrina Laura Sbriccoli P.Iva 08478231006 per Quality Business – qualita@qbusiness.it