Your SlideShare is downloading. ×

E dem rer

147

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
147
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. I progetti di e-democracy dellaRegione Emilia-RomagnaSabrina FranceschiniServizio Comunicazione, Educazione alla sostenibilitàRegione Emilia-Romagnasfranceschini@regione.emilia-romagna.itwww.partecipa.netwww.iopartecipo.net
  • 2. E-democracy: una definizione• Per sostenere processi di "inclusione sociale" le nuove tecnologie possono essere un valido strumento di supporto sia per fornire ai cittadini tutte le informazioni utili per una partecipazione consapevole (livello informativo), sia per attivare meccanismi di dialogo (livello della interazione), sia per giungere a decisioni condivise (livello della consultazione). Tutto ciò trova oggi espressione nel concetto di E-democracy.
  • 3. Partecipa.net: cos’è• Nel 2004, in risposta ad un bando nazionale, la Rer ed altre 21 amministrazioni locali hanno dato vita al progetto di e-democracy “Partecipa.net” un progetto di apprendimento collaborativo, nel quale tutti i soggetti coinvolti, amministrazioni partner, altre PA, associazioni, cittadini, contribuiscono, ognuno col proprio ruolo, alla crescita della cultura e dell’ azione della partecipazione alle scelte politiche in un’ ottica di governance.
  • 4. Questi, in estrema sintesi, i principali risultati quantitativi:•durata progetto: 1 settembre 2005 - 31 ottobre 2007•enti coinvolti: 22•associazioni coinvolte: 9•sperimentazioni realizzate: 6•riconoscimenti conseguiti: finalista in due premiinternazionali (UNPAN Onu, IBM Awards Harvard University)•costo complessivo: 730.700 euro (Regione Emilia-Romagnaed Enti locali)•dei quali co-finanziamento Cnipa: 300.000 euroLe sperimentazioni degli enti aderenti al progetto hanno vistoil coinvolgimento dei cittadini attraverso le nuove tecnologiedell’informazione e della comunicazione in diversi processi,come ad esempio la redazione del bilancio partecipativo aModena o del Piano Strutturale Comunale nel ferrarese.
  • 5. Obiettivi del progettoIl progetto è nato con l’obiettivo generale di costruire unsistema forte di relazioni tra amministratori e cittadini.Il percorso operativo si snodava su tre sotto-obiettivi:definire e realizzare in modo integrato processi dipartecipazione promuovere la partecipazione dentro e fuori leamministrazioni e rimuovere gli ostacoli definire, sperimentare e disseminare una metodologia
  • 6. Obiettivi generali Partecipazion e •Vision del progetto e valori guidaDialogo Integrazion Realizzare e politiche regionali Fiducia integrate e partecipate attraverso la diffusione e l’ utilizzo di strumenti e metodi condivisi. Innovazion e Ascolto
  • 7. Fasi progettuali ed output di progetto:•Realizzazione del Kit di e-democracy ed adozione nelle PApartner•Realizzazione del portale della partecipazione:www.partecipa.net•Realizzazione dei processi pilota di partecipazione•Promozione del progetto: cittadini, altre PA•Rendicontazione e valutazione del progettoIl “Kit dell’e-democracy” è un insieme di applicativi softwareopen source per:•l’informazione > newsletter a tema•il dialogo > consulenze personalizzate e forum on-line•la consultazione > sondaggiin tutte le sue componenti sia informatiche – i requisitihardware, software, le specifiche funzionali, di usabilità edaccessibilità, di sicurezza – sia metodologiche, con lapubblicazione della manualistica per la realizzazione dellesperimentazioni
  • 8. Il kit di e-democracy: un esempio
  • 9. Il portale www.partecipa.net: homepage
  • 10. CriticitàLe principali sfide alla realizzazione di processi di e-democracy sono relative a: regole della partecipazione inclusività ampia (  digital-divide, knowledge-divide)coinvolgimento dei decisori all’interno del processopartecipativocapacità di produrre degli impatti
  • 11. Io partecipo: cos’è• Io partecipo è un progetto del Piano Telematico dell’Emilia- Romagna realizzato dal Servizio Comunicazione ed Ed. alla sostenibilità e si colloca i tra i progetti che perseguono l’integrazione e la razionalizzazione della comunicazione dell’ente.• Obiettivo del progetto è fornire ai cittadini servizi informativi, canali di ascolto e promuoverne la partecipazione alla vita pubblica.• Il canale principale di acceso è l’area web www.iopartecipo.net che utilizza il kit dell’e-democracy open source sviluppato e utilizzato, da un consorzio di enti della Regione, nell’ambito del progetto Partecipa.net.
  • 12. MISSION: Attraverso la costruzione di un sistema di relazioni permanenti e significative con i cittadini del territorio emiliano-romagnolo, sperimentare metodi e strumenti di partecipazione alle politiche regionali.
  • 13. Obiettivi del progettoGli obiettivi di Io partecipo si traducono in altrettanti servizi erogati on-line:INFORMARE• iopartecipo.net eroga informazioni personalizzate: alla base del servizio cè lindividuazione di segmenti di utenza cui corrispondono interessi e bisogni specifici dei cittadini.• Gli utenti hanno infatti la possibilità di scegliere direttamente le informazioni di loro interesse.SUPPORTARE• iopartecipo.net offre un servizio di consulenze personalizzate. Esperti dei diversi temi rispondono direttamente a quesiti specifici dei cittadini e, se di interesse generale, li pubblicano in rete.
  • 14. CONSULTARE• iopartecipo.net realizza sondaggi tematici che rappresentano unopportunità di partecipazione diretta e attiva degli utenti sulla base dei propri interessi e bisogni.• Lobiettivo è creare una relazione bidirezionale con lutente basata su un concreto e costante interscambio di dati fra pubblica amministrazione e cittadini. Il feedback del sondaggio rappresenta una risorsa preziosa per migliorare modalità e canali di comunicazione, nonché la qualità dei servizi erogati.
  • 15. DIALOGARE• iopartecipo.net attiva periodicamente dei forum on-line per dialogare con i cittadini su temi e problemi di particolare interesse pubblico.• In uno spazio virtuale diversi soggetti discutono fra loro, hanno la possibilità di scambiare opinioni e arrivare a posizioni condivise. Il forum rappresenta così uno degli strumenti capaci di realizzare esperienze di "e-democracy”, con processi di inclusione e partecipazione dei cittadini grazie all’impiego delle nuove tecnologie.
  • 16. COLLABORARE• iopartecipo.net offre al cittadino l’opportunità di diventare redattore! Attraverso un apposito form, è possibile inviare notizie, segnalazioni e articoli alla redazione di Io partecipo. Verificata la correttezza e lattendibilità delle fonti, la notizia sarà pubblicata ed inviata agli utenti iscritti ai servizi informativi.• Oltre ad avere accesso alle informazioni, qui gli utenti hanno la possibilità di produrre notizie e contenuti rivolti alla pubblica amministrazione e alla comunità digitale. Questo strumento intende migliorare l’accesso alla sfera pubblica e coinvolgere i cittadini in un pieno esercizio di cittadinanza attiva.
  • 17. IO PARTECIPO, NOI AMBIENTE: ORAPUOI DIRE LA TUAUn percorso di partecipazione sui temi della sostenibilità ambientale attraverso Io PartecipoObiettivi del percorso di coinvolgimento dei cittadini• Promuovere la trasparenza e il dialogo con i cittadini sulle politiche regionali• Coinvolgere i cittadini in quanto stakeholder della Regione Emilia- Romagna nel percorso di valutazione• Rilevare la percezione dei cittadini rispetto alle politiche regionali e al proprio sistema di valori/comportamenti• Valutare i principali progetti-interventi della Regione Emilia- Romagna rispetto ad aree e obiettivi strategici di sostenibilità indicati dalla Commissione Europea (Aalborg Commitments) a cui ha aderito la stessa Regione nel 2004.• Attraverso il processo agire in un’ottica di empowerment sui temi della sostenibilità
  • 18. Risultati attesi• Introduzione e sperimentazione di nuovi strumenti e approcci di supporto all’innovazione della Pubblica Amministrazione.• Maggiore confronto e approfondimento con i cittadini su temi e politiche che impattano sulla loro vita e rispetto ai quali la partnership PA/cittadino è strategica per il raggiungimento di impatti delle politiche• Potenziamento delle relazioni con i cittadini del territorio e maggior conoscenza e fiducia nei confronti dell’azione regionale
  • 19. SCHEMA DI Rendicontazione PROCESSO Informazioni/Consulenze cittadini feedbacks Ascolto/Discussione opinioni PAs back e front office Sintesi idea/discussioni Feedback ai policy makersPolicy makers Feedback ai cittadini
  • 20. Destinatari / Partecipanti da coinvolgere• Dirigenti d’Area della Regione E-R (almeno uno per ogni DG)• Principali stakeholder regionali• Cittadini iscritti e non al sistema Io PartecipoDestinatari finali• Enti pubblici europei (Regioni, Province, Comuni stranieri) durante la VI Conferenza Europea Città Sostenibili• Enti pubblici su scala nazionale e regionale.• Cittadini della Regione Emilia-Romagna
  • 21. Fase 1: sondaggio on line• Il primo passo del percorso di partecipazione è stato la realizzazione di un sondaggio volto a selezionare una tematica specifica alla quale dedicare una successiva fase di dialogo e confronto, alla quale prenderanno parte anche esperti della Regione, che sarà finalizzata sia a recepire osservazioni, proposte e idee da parte dei cittadini, sia a evidenziare quanto finora è stato realizzato in Emilia-Romagna, con particolare attenzione alla definizione di indicatori e criteri di valutazione del loro impatto.• Hanno risposto 107 cittadini
  • 22. • Dai risultati generali, oltre ad una sottolineatura sullestrema importanza di tutti i temi proposti, emerge anche una forte propensione dei partecipanti a formulare idee e proposte, e in particolar modo un netto accento sulla necessità di puntare su stili di vita e comportamenti individuali improntati ad un forte rispetto dellambiente e ad unalta attenzione a queste tematiche• I risultati, per quanto riguarda i quattro temi indicati nel sondaggio e il livello di attenzione segnalato dai partecipanti, sono indicati nei grafici pubblicati di seguito
  • 23. Totali per 1. consumo energetico e utilizzo di fonti rinnovabili 4,7% 21,5% abbastanza molto fondamentale73,8%
  • 24. Totali per 2. consumo e risparmio idrico 0,9% 6,5% 29,0% poco abbastanza molto fondamentale63,6%
  • 25. Totali per 3. produzione e gestione dei rifiuti 5,6% 29,0% abbastanza molto fondamentale65,4%
  • 26. Totali per 4. mobilità e trasporti 0,9% 7,5% per nulla abbastanza molto fondamentale56,1% 35,5%
  • 27. 35,5% Ha nno i ndi ca to a l tri te mi Non ha nno i ndi ca to a l tri temi 64,5%• Per quanto riguarda le proposte, le idee e i commenti avanzati nel campo libero del sondaggio, si segnala innanzitutto una forte propensione alla presa di parola da parte dei partecipanti. 69 di essi, pari al 64,5% del campione, hanno infatti formulato commenti e avanzato idee e proposte, lasciando emergere, tra le altre cose, la notevole complessità e articolazione della tematica oggetto del sondaggio.
  • 28. Green economy 2,8% Packaging 2,8% Responsabilità sociale dimpresa Inquinamento aria 2,8% 1,4% Risparmio energetico Sostenibilità sociale nelle abitazioni 1,4% Comunicazione/Sensibil 1,4% izzazione/educazioneConsumo sostenibile 30,6% del territorio 16,7% Stili di vita, alimentazione e consumi sostenibili 40,3%
  • 29. • La maggior parte dei commenti (40,3%) riguarda l’importanza degli stili di vita, del consumo sostenibile e dell’alimentazione naturale (ad es. agricoltura biologica e alimenti a Km 0, intesa sia come necessità di politiche specifiche, sia come necessità fare scelte di consumo che privilegino questa filiera);• Il 30,6% sottolinea la necessità di puntare con forza sugli aspetti di comunicazione, sensibilizzazione ed educazione (quest’ultima soprattutto scolastica) in relazione alle tematiche della sostenibilità;• Il 16,7% segnala l’importanza di un consumo sostenibile del territorio e la necessità di limitare gli aspetti più distruttivi, puntando su nuove politiche territoriali ed urbanistiche.
  • 30. • i tre punti appena elencati lasciano emergere una grande attenzione generale sulle scelte individuali si sottolinea insomma che le politiche e gli interventi pubblici e istituzionali sono fondamentali, ma al contempo è forte la consapevolezza, o meglio la richiesta di acquisizione di consapevolezza, sulla necessità dell’offerta di un proprio contributo personale e individuale, dal basso, alla sostenibilità.• Gli altri temi segnalati sono stati: la responsabilità sociale d’impresa, la green economy, il packaging (diminuire gli imballaggi o utilizzare quelli riciclabili), l’inquinamento dell’aria, il risparmio energetico nelle abitazioni, la sostenibilità sociale.
  • 31. Fase due: i forum on line• Il percorso era finalizzato sia ad evidenziare quanto finora è stato realizzato in Emilia-Romagna, sia a recepire osservazioni, proposte e idee da parte dei cittadini, per un futuro della Regione più sostenibile e rispettoso dell’ambiente, con particolare attenzione alla definizione di indicatori di sostenibilità e criteri di valutazione del loro impatto.• Il forum, aperto al contributo di tutti i cittadini iscritti al sito Io partecipo (esperti, in particolare, del territorio regionale), è rimasto attivo dal 15 aprile al 15 maggio.• Benché la partecipazione sia stata numericamente molto limitata, alla chiusura dei forum stessi, i cittadini, sollecitati a esprimere una valutazione sul percorso realizzato e soprattutto a dichiarare le ragioni del parziale insuccesso, hanno risposto in modo puntuale e fornendo indicazioni interessanti.
  • 32. • Diversi e interessanti gli spunti: il più significativo è la richiesta di percorsi realmente agganciati alle politiche e ai momenti decisionali.• Il succo di questi ragionamenti è che un dialogo con le amministrazioni può avere senso solo se porta a dei risultati tangibili, e se gli esiti dei percorsi di partecipazione sono ben esplicitati fin dalla loro partenza. Al contrario, la pura e semplice testimonianza non motiva, anche perché viene interpretata da alcuni dei nostri interlocutori come una mera operazione di immagine da parte degli enti. Ma anche e soprattutto perché la rete è già piena di luoghi e ambiti che danno ampio spazio al dialogo e alla discussione.
  • 33. Alcuni dati• On line da marzo 2009• Argomenti attivati, sia newsletter che consulenze 19• Totale iscritti alle newsletter: 3000• Utenti singoli iscritti: 1000• Riprese stampa/web notizia progetto: 263 uscite• Promozione: presentazioni pubbliche, cartoline promozionali, campagna stampa, affissioni, spot radio e tv• Sinergie: progetto eCitizen, 1.200 cittadini coinvolti in corsi di formazione
  • 34. Lezioni apprese• Occorre essere consapevoli che è un approccio, quello della comunicazione di cittadinanza, educativo e partecipativo, molto impegnativo (risorse, tempo)• che dà risultati non immediati ma nel medio periodo perché non incide solo sulle conoscenze, ma sui valori e sulle azioni (approccio step by step)• la comunicazione prima/durante/dopo il processo è fondamentale• laddove l’investimento partecipativo è serio da parte della PA i risultati si vedono ( “decisioni migliori, migliori relazioni”)• C’è una parte di cittadini che non è interessata/intenzionata a partecipare a processi promossi dalla PA (sfiducia)MA• C’è una rinnovata spinta “dal basso” per partecipare alle scelte in un’ottica di “democrazia continua”• La comunicazione, grazie alla rete, si sposta sempre più su una dimensione orizzontale (web 2.0)
  • 35. ContattiSabrina FranceschiniResponsabile di progettoServizio Comunicazione, Educazione allaSostenibilitàDirezione Centrale Organizzazione,Personale,Sistemi Informativi e TelematicaRegione Emilia-Romagnasfranceschini@regione.emilia-romagna.itwww.partecipa.netwww.ipartecipo.net

×