Di cosa si occupa il progetto SHARE
L’energia idroelettrica come risorsa rinnovabile <ul><ul><ul><li>L’idroelettrico  è la fonte di energia rinnovabile più im...
Una crescente domanda di derivazioni dai corsi d’acqua <ul><ul><ul><li>La domanda di prelievo di acque ad uso idroelettric...
<ul><ul><ul><ul><li>In regione Piemonte sono state depositate 404 domande per  nuovi impianti idroelettrici per una potenz...
Produzione idroelettrica e Direttiva RES-e (2001/77/CE) <ul><ul><ul><li>I paesi membri UE devono  incrementare la percentu...
La Direttiva Quadro sulle Acque (2000/60/EC) <ul><ul><ul><li>La   Direttiva Quadro sulle Acque  obbliga gli Stati Membri a...
La gestione delle acque nella PA <ul><ul><ul><li>Gli amministratori locali fanno fronte giornalmente ad un  aumento delle ...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

On line seminar_1-di cosa si occupa il progetto share

312 views
276 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
312
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

On line seminar_1-di cosa si occupa il progetto share

  1. 1. Di cosa si occupa il progetto SHARE
  2. 2. L’energia idroelettrica come risorsa rinnovabile <ul><ul><ul><li>L’idroelettrico è la fonte di energia rinnovabile più importante dell’arco alpino. </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Il grafico seguente mostra la ripartizione in percentuale delle varie produzioni di energia elettrica da fonti rinnovabili nei paesi alpini : </li></ul></ul></ul>Italy Slovenia Switzerland France Germany Austria Hydroelectric Aeolian Geothermic TOTAL (GWh) Biomass Photovoltaic
  3. 3. Una crescente domanda di derivazioni dai corsi d’acqua <ul><ul><ul><li>La domanda di prelievo di acque ad uso idroelettrico nelle regioni alpine è in costante crescita . </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Il seguente grafico mostra il trend di installazione di impianti idroelettrici in Valle d’Aosta negli ultimi 110 anni. </li></ul></ul></ul>
  4. 4. <ul><ul><ul><ul><li>In regione Piemonte sono state depositate 404 domande per nuovi impianti idroelettrici per una potenza complessiva di 300 MW (novembre 2009): il 20% dei nuovi impianti produrrebbe l’80% della potenza complessiva richiesta  un numero elevato di piccoli impianti idroelettrici è positivo o negativo a scala regionale? Come valutare la sostenibilità complessiva di questo trend ? </li></ul></ul></ul></ul>Una crescente domanda di derivazioni dai corsi d’acqua % POTENTIAL GROSS PRODUCTION % NEW PLANT PROPOSAL
  5. 5. Produzione idroelettrica e Direttiva RES-e (2001/77/CE) <ul><ul><ul><li>I paesi membri UE devono incrementare la percentuale di produzione di energia rinnovabile in accordo con la Direttiva RES-e: sono stati definiti gli obiettivi da raggiungere entro il 2020, per l’UE e per ogni Stato Membro, con lo scopo di ampliare fino al 20% la quota di energia complessivamente prodotta attraverso da fonti rinnovabili. </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><li>20% di aumento dell’ efficienza energetica entro il 2020 </li></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><li>20% di riduzione di emissione di gas serra entro il 2020 </li></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><li>20% del consumo energetico dell’UE da fonte rinnovabile entro il 2020 </li></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><li>10% la quota di biofuel nei combustibili per autotrazione entro il 2020 </li></ul></ul></ul></ul>
  6. 6. La Direttiva Quadro sulle Acque (2000/60/EC) <ul><ul><ul><li>La Direttiva Quadro sulle Acque obbliga gli Stati Membri a raggiungere e/o mantenere lo stato ecologico di livello “buono” nei corsi d’acqua, limitando intrinsecamente lo sfruttamento idroelettrico . </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>“ Gli Stati membri dovranno porre in atto le misure necessarie per prevenire il deterioramento dello stato di tutti i corpi idrici superficiali” [WFD Art.4, Par.1 com.I] </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>“ Gli Stati Membri dovranno proteggere, migliorare e ripristinare tutti i corpi idrici superficiali […] con lo scopo di raggiungere un livello di stato buono delle acque superficiali entro 15 anni dalla data di entrata in vigore della presente direttiva” [WFD Art.4, Par.1 com.II] </li></ul></ul></ul>
  7. 7. La gestione delle acque nella PA <ul><ul><ul><li>Gli amministratori locali fanno fronte giornalmente ad un aumento delle domande di derivazione delle acque ma mancano strumenti affidabili per valutarne rigorosamente gli effetti sui corsi d’acqua montani e le ricadute sociali ed economiche su scala temporale medio lunga. </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>In che modo gli amministratori possono applicare correttamente e concretamente sia la Direttiva sulle energie rinnovabili sia la Direttiva quadro sulle acque? </li></ul></ul></ul>page

×