Poste Italiane - Spedizione in a.p.Tab. “D” Aut. DCO/DC - CZ/038/2003                                                     ...
20262                      16-9-2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA - Parti I e II - n. 17                 ...
16-9-2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA - Parti I e II - n. 17                      20263DECRETO DEL PRESI...
16-9-2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA - Parti I e II - n. 17                              20289     2. M...
20290                      16-9-2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA - Parti I e II - n. 17   Che la procedu...
16-9-2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA - Parti I e II - n. 17                             20291piana di G...
20292                      16-9-2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA - Parti I e II - n. 17gettare ed a real...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Estratto BURC n. 17 del 16 settembre 2006

875

Published on

Bollettino Ufficiale della Regione Calabria n. 17 del 16 settembre 2006, contenente la delibera n. 499 che recepisce il protocollo d'intesa con la LNG Medgas.

Published in: News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
875
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Estratto BURC n. 17 del 16 settembre 2006

  1. 1. Poste Italiane - Spedizione in a.p.Tab. “D” Aut. DCO/DC - CZ/038/2003 Parti I e II ● Anno XXXVII ● N. 17valida dal 4 febbraio 2003 REPUBBLICA ITALIANABOLLETTINO UFFICIALEDELLA REGIONE CALABRIA Catanzaro, sabato 16 settembre 2006 DIREZIONE, REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE ● CATANZARO, VIA ORSI ● (0961) 856051-31 Le edizioni ordinarie del Bollettino Ufficiale della Regione Calabria sono suddivise in tre parti che vengono cosı pubblicate: `Il 1o e il 16 di ogni mese: PARTE PRIMA ● ATTI DELLA REGIONE SEZIONE I ◆ Leggi ◆ Regolamenti ◆ Statuti SEZIONE II ◆ Decreti, ordinanze ed atti del Presidente della Giunta regionale ◆ Deliberazioni del Consiglio regionale ◆ Deliberazioni della Giunta regionale ◆ Deliberazioni o comunicati emanati dal Presidente o dall’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale ◆ Comunicati di altre autorità o uffici regionali PARTE SECONDA ● ATTI DELLO STATO E DEGLI ORGANI GIURISDIZIONALI SEZIONE I ◆ Provvedimenti legislativi statali e degli organi giurisdizionali che interessano la Regione SEZIONE II ◆ Atti di organi statali che interessano la Regione ◆ Circolari la cui divulgazione e ritenuta opportuna e gli avvisi prescritti dalle ` leggi e dai regolamenti della RegioneOrdinariamente il venerdì di ogni settimana PARTE TERZA ● ATTI DI TERZI ◆ Annunzi legali ◆ Avvisi di concorso
  2. 2. 20262 16-9-2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA - Parti I e II - n. 17 Regione Calabria SOMMARIO BOLLETTINO UFFICIALE Via P. Orsi − CATANZAROIl pubblico si riceve: PARTE PRIMA SEZIONE I Martedì e Giovedì dalle ore 10 alle ore 12 STATUTIInformazioni telefoniche: Martedì e Giovedì dalle ore 10 alle ore 12 COMUNE DI CETRARO (Provincia di Cosenza) Telefono 0961/856031 Modifica Statuto comunale pag. 20266 COMUNE DI MONTEGIORDANO (Provincia di Cosenza) Modifica Statuto comunale pag. 20266 COMUNE DI UMBRIATICO (Provincia di Crotone) Statuto comunale pag. 20271 SEZIONE II A V V I S O Con l’entrata in vigore della L.R. 4 settembre DECRETI E ORDINANZE 2001, n. 19, questa Direzione è sollevata da DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE ogni eventuale responsabilità che potrebbe scaturire dal mancato rispetto delle norme DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE sulla privacy, a seguito della pubblicazione 31 luglio 2006, n. 217 sul Bollettino Ufficiale della Regione Cala- Proroga nomina del giornalista professionista Francesco bria di atti, documenti e quant’altro verrà tra- Ferrara a collaboratore dell’Ufficio Stampa e Promozione immagine della Regione con l’incarico di Capo Servizio smesso dagli organi e soggetti proponenti. pag. 20272 Pertanto, al fine di non incorrere in violazioni di legge, si richiama l’attenzione degli inte- DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE ressati sulla normativa relativa alla tutela 2 agosto 2006, n. 218 della sfera privata della persona. Nomina Dirigente di Settore U.O.A. «Specialistica Poli- tiche Comunitarie» dott. D’Aroma Claudio pag. 20272 REGIONE CALABRIA − PRESIDENZA BOLLETTINO UFFICIALE A V V I S O Si evidenzia agli Enti e ai soggetti, pubblici e privati, che inviano avvisi da pubblicare sul Bollettino Ufficiale la necessità che gli avvisi stessi siano redatti in conformità ai disposti del D.Lgs. 196/2003, con particolare riferimento alla disciplina dei dati sensibili.
  3. 3. 16-9-2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA - Parti I e II - n. 17 20263DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE ORDINANZA n. 4/C.O. del 31 luglio 2006 − Commissario De- 3 agosto 2006, n. 219 legato emergenza Vibo Valentia pag. 20280 Legge regionale 8/6/1996 n. 13 – Ing. Francesco Amoruso– Rinnovo incarico di consulente del Vice Presidente dellaGiunta regionale On. Nicola Adamo pag. 20272 ORDINANZA n. 5 dell’8 agosto 2006 − Commissario Delegato emergenza Vibo Valentia pag. 20280DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 3 agosto 2006, n. 220 ORDINANZA n. 6 dell’8 agosto 2006 − Commissario Delegato emergenza Vibo Valentia pag. 20281 Segreteria Tecnico-Operativa A.T.O. n. 1 della Provinciadi Cosenza in materia di ciclo integrato delle acque. Prorogaincarico Ing. Domenico Pallaria pag. 20273 ORDINANZA n. 7 del 23 agosto 2006 − Commissario Delegato emergenza Vibo Valentia pag. 20282DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 3 agosto 2006, n. 221 ATTI DELLA GIUNTA REGIONALE Segreteria Tecnico-Operativa A.T.O. n. 2 della Provinciadi Catanzaro in materia di ciclo integrato delle acque. Pro-roga incarico Ing. Salvatore Russetti pag. 20273 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 29 giugno 2006, n. 422DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE Differimento al 31 dicembre 2006 della data di conferi- 3 agosto 2006, n. 222 mento delle funzioni amministrative a comuni, comunità montane e Camere di Commercio – Legge regionale n. 34/ 2002 pag. 20283 Segreteria Tecnico-Operativa A.T.O. n. 3 della Provinciadi Crotone in materia di ciclo integrato delle acque. Prorogaincarico Avv. Giuseppe Megna pag. 20274 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 31 luglio 2006, n. 498DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 3 agosto 2006, n. 223 Atto di indirizzo e direttiva per il trasferimento degli atti concernenti il conferimento delle funzioni amministrative Segreteria Tecnico-Operativa A.T.O. n. 4 della Provincia alle Province – Attuazione LL.RR. n. 34/2002 e n. 1/2006di Vibo Valentia in materia di ciclo integrato delle acque. pag. 20286Proroga incarico Dott. Franco Maria De Rose pag. 20275 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALEDECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 31 luglio 2006, n. 499 3 agosto 2006, n. 224 Progetto per la realizzazione di un rigassificatore in Gioia Segreteria Tecnico-Operativa A.T.O. n. 5 della Provincia Tauro. Presa d’atto del protocollo. Rilascio intesa ex L. 340/di Reggio Calabria in materia di ciclo integrato delle acque. 2000 pag. 20289Proroga incarico Ing. Marco del Monte pag. 20275 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALEORDINANZA n. 1 del 14 luglio 2006 − Commissario Delegato 8 agosto 2006, n. 554 emergenza Vibo Valentia pag. 20276 Adesione della Regione Calabria ad E.S.C.O.T. – Italia – Comitato Scientifico Europeo sul Termalismo pag. 20292ORDINANZA n. 2 del 17 luglio 2006 − Commissario Delegato emergenza Vibo Valentia pag. 20277 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 8 agosto 2006, n. 564ORDINANZA n. 3 del 22 luglio 2006 − Commissario Delegato Nomina Commissario Straordinario ATERP di Catanzaro emergenza Vibo Valentia pag. 20279 pag. 20293
  4. 4. 16-9-2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA - Parti I e II - n. 17 20289 2. Messa in sicurezza delle strade provinciali e sistemazione 21. La raccolta, nell’ambito del proprio territorio e sulla basedell’arredo a verde lungo la viabilità provinciale di interesse tu- dei dati forniti dai Comuni, di notizie relative alle reti di colle-ristico. gamento e di accesso ai mezzi agli edifici ed alle aree da utiliz- zare per interventi di soccorso e di assistenza. 3. Interventi di risanamento ambientale di siti di interessestorico-culturale degradati. 22. La vigilanza sulla predisposizione, da parte delle strutture provinciali di protezione civile, dei servizi urgenti, anche di na- 4. Risanamento acustico attraverso la messa in opera sulle tura tecnica, da attivare in caso di eventi calamitosi di cui all’art.strade provinciali di pannelli antirumore. 2, comma 1, lett. b), della legge n. 225/1992. 5. interventi di recupero ambientale dei litorali attraverso la 23. La realizzazione dei sistemi di controllo e di allarme perrimozione dei rifiuti, del livellamento, della pulizia e della disin- una tempestiva segnalazione dell’insorgere di situazioni di peri-festazione delle spiagge. colo o di eventi calamitosi. 6. Interventi mirati alla salvaguardia dell’erosione dei lito- In relazione alle funzioni sopra elencate, si conviene di perve-rali. nire ad una apposita intesa, mediante la quale definire il trasfe- rimento delle risorse finanziarie già disponibili in bilancio. 7. Interventi di manutenzione fondali portuali. L’intesa, inoltre, dovrà prevedere la realizzazione di un appo- 8. Prevenzione dell’inquinamento dei litorali attraverso la sito tavolo di concertazione per realizzazione di un programmacreazione di punti di raccolta di rifiuti lungo le coste. pluriennale per il coordinamento e l’implementazione degli in- terventi e del reperimento delle risorse finanziarie necessarie, 9. Individuazione anche attraverso sistemi di controllo sa- derivanti da strumenti diversi dal bilancio della Regione, previatellitare di discariche abusive, rimozione dei rifiuti e trasporto verifica della compatibilità ed ammissibilità degli interventi condegli stessi in discariche autorizzate e successiva bonifica dei la destinazione delle risorse.siti. Il tavolo di concertazione della L.R. n. 34/2002 dovrà essere 10. Realizzazione di centri autorizzati di raccolta e di frantu- delegato alla definizione compiuta dei programmi e l’individua-mazione e trasformazione di inerti. zione degli atti amministrativi da porre in essere. Inoltre, un ap- posito gruppo di lavoro curerà la predisposizione e degli atti 11. Monitoraggio, individuazione e bonifica degli edifici amministrativi.pubblici in relazione alla contaminazione da amianto. Per la Regione il coordinamento del gruppo di lavoro sarà 12. Identificazione anche attraverso sistemi di telerileva- affidato all’Assessore ai Lavori Pubblici On. Luigi Incarnato emento e di controllo satellitare degli scarichi esistenti e delle faranno parte il Dirigente Generale Dr. Francesco Mirante, Ildiscariche non autorizzate presenti sul demanio fluviale e boni- Dirigente Generale Dr. Francesco De Grano, il Dirigente Dr.fica dei siti individuati. Giovanni Manduca, la D.ssa Marino Marinella, Il dr. Filippo De 13. Monitoraggio, anche attraverso le rilevazioni effettuate Cello.dalla Regione Calabria sul demanio idrico locale, dello stato deldemanio fluviale e lacuale del territorio provinciale e program- Per la Regionemazione degli interventi più urgenti da approntare. I Presidenti delle Province Il V. Presidente della Giunta On. M. Traversa On. Nicola Adamo 14. Interventi di Polizia idraulica, quali la pulizia degli alvei On. M. Oliveriofluviali e in genere ogni intervento attinente alla polizia delle Avv. G. Morabitoacque. Dr. S. Iritale Dr. G. Bruni 15. Sistemazione e bonifica idraulica, ripristino dell’officio-sità dei corsi d’acqua, finalizzata alla stabilizzazione dell’assettodegli alvei fluviali attraverso la rimozione degli ostacoli al de-flusso delle piene ricorrenti, al ripristino, alla rinaturalizzazionee alla protezione delle sponde dissestate ed in erosione, al ripri-stino delle sezioni d’alveo ed alla manutenzione delle reti sco- DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALElanti. 31 luglio 2006, n. 499 16. Interventi per la mitigazione del dissesto idrogeologico e Progetto per la realizzazione di un rigassificatore in Gioiadel rischio idraulico del territorio, attraverso interventi di siste- Tauro. Presa d’atto del protocollo. Rilascio intesa ex L. 340/mazione idraulico-forestale e di ripristino delle funzionalità del 2000.reticolo idrografico. LA GIUNTA REGIONALE 17. Vigilanza sul demanio e sulla realizzazione degli obblighiposti a carico dei concessionari e realizzazione, in caso di ina- PREMESSOdempienza da parte del concessionario, degli interventi, salvorivalsa. Che la società LNG Med Gas Terminal ha individuato la Re- 18. Esecuzione di programmi e progetti di opere di pronto gione Calabria ed in particolare l’area della Piana di Gioia Taurointervento per l’eliminazione del pericolo per la pubblica utilità. come sito per la localizzazione del progetto industriale – ad ini- ziativa e con investimenti privati – teso alla realizzazione di un 19. Interventi urgenti di trasferimento e consolidamento degli terminale di rigassificazione di gas naturale liquefatto ed ha,abitati. quindi, formulato, in data 16/3/05, istanza di autorizzazione al Ministero per lo Sviluppo Economico per la realizzazione e 20. Interventi di difesa da fenomeni di dissesto, ivi compresi l’esercizio del terminale ai sensi dell’art. 8 della L. 340/2000 egli interventi per la tutela delle coste e degli abitati costieri. della ulteriore normativa applicabile.
  5. 5. 20290 16-9-2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA - Parti I e II - n. 17 Che la procedura autorizzativa è stata avviata con la convoca- integrante) presenta un’articolata serie di ricadute ambientali,zione della prima conferenza di servizi tenutasi il 20/9/05 presso territoriali, sociali economiche, industriali, produttive ed occu-il Ministero per lo Sviluppo Economico nel corso della quale è pazionali, con ogni conseguente beneficio;intervenuto il parere favorevole all’iniziativa da parte di tutti glienti locali coinvolti. — che l’iniziativa contribuirà alla realizzazione di ulteriori processi industriali, come la realizzazione della piattaforma del Che è stato richiesto il parere Via regionale di cui è previsto il freddo o della Gas Company Regionale, e permetterà lo svilupporilascio in tempi brevi ed è stata avviata la procedura per l’otte- del Porto di Gioia Tauro che potrà acquisire un’importanza stra-nimento del Via nazionale. tegica primaria per tutto il mediterraneo ed il Nord Europa anche nel settore del mercato del freddo; Che la LNG Med Gas Terminal ha formulato un’articolataproposta di ricadute territoriali a titolo di compensazione am- — che l’iniziativa, inoltre, consentirà l’afflusso di consistentibientale ed al fine di favorire la partecipazione del territorio ai investimenti in Regione e contribuirà allo sviluppo di nuove at-benefici socio-economici industriali ed occupazionali dell’ini- tività economico-industriali, con conseguente creazione di nuoviziativa sottoscrivendo in proposito apposito protocollo di intesa. posti di lavoro e di qualificazione professionale, sia mediante l’impiego diretto di personale nelle iniziative, sia in via indiretta, per tutte le attività collaterali alle stesse; Che sono stati acquisiti gli approfondimenti richiesti di naturatecnico-fiscale afferenti all’iniziativa, nonché le precisazioni oc- — che quanto sopra costituisce obiettivo di rilevanza strate-correnti circa il progetto industriale, connesso alla stessa, di una gica dell’Amministrazione regionale nel quadro dello sviluppogas company regionale e circa la sinergia con la piattaforma del socio-economico della provincia di Reggio Calabria e dell’in-freddo prevista nel piano di sviluppo portuale dell’area di Gioia tera Regione anche ai fini di realizzare un punto di eccellenzaTauro e di cui alla delibera CIPE n. 98 del 2003. motivo di attrazione per ulteriori investimenti. VISTI PRESO atto Che nessun onere finanziario è previsto in relazione all’ap- — il Piano Energetico-Ambientale Regionale approvato con provazione della presente deliberazione a carico del bilancio re-delibera del Consiglio regionale del 14/2/2002 che prevede gionale.espressamente la realizzazione nell’area di Gioia Tauro di unterminale di rigassificazione di gas naturale liquido (GNL); Su proposta del Presidente della Giunta regionale On.le dott. Agazio Loiero, formulata alla stregua dell’istruttoria compiuta — la legge 340/2000 che disciplina l’autorizzazione per la dalle strutture interessate, nonché dalla espressa dichiarazione direalizzazione e l’esercizio di terminali di rigassificazione di regolarità espressa dai Dirigenti preposti ai competenti settori.GNL prevedendo il rilascio dell’autorizzazione da parte del Mi-nistro per lo Sviluppo Economico di concerto con il Ministro A voti unanimi;dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e d’intesacon la Regione interessata; DELIBERA — l’art. 1, comma 5 del decreto legge del 23 agosto 2004 n. Per quanto esposto in premessa che si richiama quale parte239, che recita «Le regioni e gli enti locali territorialmente inte- integrante del deliberato:ressati dalla localizzazione di nuove infastrutture energeticheovvero dal potenziamento o trasformazione di infrastrutture esi- 1) Di prendere atto del protocollo allegato alla presente deli-stenti hanno diritto di stipulare accordi con i soggetti proponenti berazione per farne parte integrante, dando mandato al Presi-che individuino misure di compensazione e riequilibrio ambien- dente delle Giunta Regionale di sottoscriverlo, anche apportandotale, coerenti con gli obiettivi generali di politica energetica na- allo stesso le modifiche che riterrà più utili nell’interesse del-zionale, fatto salvo quanto previsto dall’articolo 12 del decreto l’Ente.legislativo 29 dicembre 2003, n. 387; 2) Ai sensi dell’art. 8 della legge 340/2000, di esprimere l’in- tesa di competenza regionale alla realizzazione del terminale di — la delibera CIPE n. 89 del 13 novembre 2003; rigassificazione in Gioia Tauro, subordinandola al favorevole esito dei pareri Via regionale e Via nazionale, previsti dalla pro- — il verbale della Conferenza dei Servizi tenutasi presso il cedura autorizzativi.Ministero per lo Sviluppo economico il 20 settembre u.s.. 3) Di dare mandato al Responsabile dell’UOA n. 1 di dare — CONSIDERATO comunicazione al Ministero per lo Sviluppo Economico, ai sensi e per gli effetti dell’art. 8 L. 340/2000. — che il progetto prevede un investimento diretto da parte Il Segretario Il Presidentedel soggetto realizzatore pari a circa 600.000.000 di c nel corso F.to: Durante F.to: Loierodei tre anni previsti per la realizzazione dell’intera iniziativa; — che la Regione Calabria favorisce la realizzazione di pro-getti industriali che contribuiscano a rafforzare il tessuto produt-tivo e occupazionale del territorio; PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE CALABRIA — che l’iniziativa presenta una valenza strategica anche a Elivello nazionale contribuendo alla soluzione del problema del- LNG MEDGAS TERMINALl’approvvigionamento del gas ed ha ulteriore valenza sinergicacon lo sviluppo del territorio; Premesso — che il Protocollo di Intesa sottoscritto dalla società propo- — che la società LNG Med Gas Terminal (di seguito LNG),nente (allegato alla presente deliberazione per costituirne parte ha individuato la Regione Calabria ed in particolare l’area della
  6. 6. 16-9-2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA - Parti I e II - n. 17 20291piana di Gioia Tauro (Comuni di Gioia Tauro, San Ferdinando e Gioia Tauro, tiene conto delle linee di sviluppo del porto di GioiaRosarno) come sito per la localizzazione del progetto industriale Tauro ed è orientato anche all’integrazione con il territorio, rac-– ad iniziativa e con investimenti privati – teso alla realizzazione cordandosi con gli interventi previsti nei Piani Triennali già ap-di un terminale di rigassificazione di gas naturale liquefatto; provati. — che, in effetti, la Regione Calabria è l’unica regione ad Tutto ciò premesso, visto e consideratoaver previsto espressamente nel proprio Piano Energetico Re-gionale la realizzazione di un terminale di rigassificazione sce- Si conviene chegliendo per la localizzazione proprio l’Area di Gioia Tauro; I. – La LNG: — che la LNG in data 16 marzo 2005 ha, quindi, formulatoistanza di autorizzazione al Ministero dello Sviluppo Economicoper la realizzazione e l’esercizio del terminale ai sensi dell’art. 8 1. al fine di garantire alla Regione le ricadute fiscali di com-della legge n. 340 del 2000 e delle altre normative applicabili; petenza previste dall’ordinamento, si impegna a costituire, prima dell’avvio dell’attività produttiva, la sede legale della so- cietà in Calabria. — che, ai sensi della citata norma, i terminali di rigassifica-zione di gas naturale sono soggetti ad autorizzazione del Mini-stero dello Sviluppa Economico, di concerto con il Ministro del- 2. A titolo di compensazione territoriale ed ambientale, perl’Ambiente e d’intesa con la Regione interessata. tutti gli Enti territorialmente interessati – quali Regione Cala- bria, Comuni di Gioia Tauro, San Ferdinando, Rosarno, Pro- vincia di Reggio Calabria – si impegna ad erogare in favore della Visti Regione Calabria un importo totale corrispondente a 10.000.000,00 (diecimilioni/00) di c oltre Iva destinati agli in- — l’art. 1, comma 5 del decreto legge del 23 agosto 2004 n. terventi socio-economico-ambientali ritenuti più adeguati che239, che recita «Le regioni e gli enti locali territorialmente inte- verranno approvati e finanziati nel rispetto della normativa vi-ressati dalla localizzazione di nuove infrastrutture energetiche gente. Detto contributo verrà erogato in tre rate uguali nei treovvero dal potenziiamento o trasformazione di infrastrutture esi- anni successivi dalla data di entrata in funzione del terminale instenti hanno diritto di stipulare accordi con i soggetti proponenti favore della Regione Calabria che svolgerà il ruolo di coordina-che individuino misure di compensazione e riequilibrio ambien- mento per definire con LNG e con gli Enti territorialmente inte-tale, coerenti con gli obiettivi generali di politica energetica na- ressati le attribuzioni e le concrete modalità di impiego. Dettozionale, fatto salvo quanto previsto dall’articolo 12 del decreto importo si intende omnicomprensivo di tutte le misure di com-legislativo 29 dicembre 2003, n. 387; pensazione e riequilibrio ambientale per gli Enti territorialmente interessati dalla localizzazione dell’infrastruttura; — la delibera CIPE n. 89 del 13 novembre 2003; 3. Al fine di favorire la partecipazione della Regione Cala- bria ai benefici economici della iniziativa, attribuisce alla Re- — il verbale della Conferenza dei Servizi tenutasi presso il gione la facoltà di acquisire, dopo la realizzazione del terminale,Ministero dello Sviluppo Economico il 20 settembre 2005. il 5% del capitale sociale della società LNG al valore nominale, impegnandosi al relativo trasferimento di quote e, per contri- Considerato buire a consentirle di mantenere detta quota anche in caso d au- menti dell’attuale capitale sociale (pari oggi ad c 4.155.921 mi- lioni), si impegna ad assegnarle, all’occorrenza, un ulteriore pro- — che la Regione Calabria favorisce la realizzazione di pro- porzionale contributo fino ad un massimo di 5 milioni di c.getti industriali che contribuiscano a rafforzare il tessuto produt-tivo ed occupazionale del territorio; 4. In virtù della realizzazione del terninale ha promosso un progetto industriale collaterale con notevoli ricadute occupazio- — che il progetto del terminale di rigassificazione è stato nali attraverso la costituzione di Meridiana Gas – una societàprevisto dalla Regione Calabria che ha già manifestato, anche in regionale del gas deputata alla commercializzazione e distribu-sede di Conferenza di Servizi, di essere favorevole alla iniziativa zione del gas proveniente dal terminale e partecipata da banchein considerazione della sua valenza strategica anche a livello ed operatori specializzati del settore – alla quale si è impegnata enazionale, contribuendo alla soluzione dell’approvvigiona- si impegna di far cedere e riservare una quantità di gas pari a 300mento del gas, nonché per la sua valenza sinergica con lo svi- milion di mc/all’anno alle migliori condizioni di ritiro del gas daluppo del territorio; parte degli off-takers e/o dei soci gasieri del terminale a fronte di idonee garanzie finanziarie di ritiro di detto quantitativo di gas. — che in occasione della Conferenza dei Servizi del 20 set-tembre 2005 presso il Ministero dello Sviluppo Economico è 5. Onde garantire, anche in relazione al progetto industrialeintervenuto il parere favorevole di tutti gli Enti locali coinvolti e collaterale di cui sopra, la partecipazione ai benefici da parteche, nella stessa occasione, sono state avanzate richieste circa della Regione, ha previsto e si impegna a garantire la facoltàricadute in termini economici e occupazionali da parte degli enti della Regione Calabria di acquisire, al valore nominale, diretta-locali interessati; mente, o tramite una finanziaria dalla stessa controllata ed indi- cata, fino al 30% del capitale di Meridiana Gas, ovvero, in caso — che la costruzione del terminale ed il suo esercizio po- di mancato esercizio di tale facoltà, la cessione da parte di que-tranno consentire benefici occupazionali ed economici per la st’ultima in favore della Regione della facoltà di ritiro di unaCalabria per le ricadute fiscali e produttive dirette ed indotte quantità di gas corrispondente alla quota sociale non rilevata alledalla iniziativa; stesse condizioni di cui al punto precedente. — che il progetto LNG, il cui previsto complesso industriale 6. Per contribuire ulteriormente al progresso sociale, econo-ricade anche in aree di competenza dell’Autorità Portuale di mico, industriale ed occupazionale dell’area si impegna a pro-
  7. 7. 20292 16-9-2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA - Parti I e II - n. 17gettare ed a realizzare il terminale di rigassificazione in modo DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALEidoneo al ritiro delle frigorie per la Piattaforma del Freddo pre- 8 agosto 2006, n. 554vista nel piano di sviluppo portuale di Gioia Tauro e di cui alladelibera CIPE n. 89 del 2003 assicurando la facoltà di detto ritiro Adesione della Regione Calabria ad E.S.C.O.T. – Italia –delle frigorie prodotte dall’impianto senza corrispettivo per le Comitato Scientifico Europeo sul Termalismo.stesse e senza tenere conto dei maggiori investimenti, previsti incirca 10 milioni di c, occorrenti per la realizzazione dei neces- LA GIUNTA REGIONALEsari specifici impianti presso il terminale. PREMESSO: 7. Si impegna a rispettare tutte le norme vigenti per la sicu-rezza ambientale. che il termalismo, oltre a rappresentare una importante risorsa per lo sviluppo economico del territorio calabrese, ha pure note- 8. Si impegna, nel rispetto della normativa vigente e della voli, positivi risvolti sulle politiche della salute, del benessere,contrattazione collettiva, locale ed aziendale a favorire la forma- sulla ricerca e sul potenziamento delle strutture collegate allazione e l’impiego di manodopera e personale tecnico locale da crescita del turismo;utilizzare, sia nella fase di realizzazione delle opere a terra ed amare, che da inserire nella unità produttiva a regime, dopo lo che l’implementazione del settore termale oltre a dare la pos-svolgimento di appositi corsi di formazione mirati ad ottenere sibilità di valorizzare i beni artistico-culturali ed ambientali dellastandard di competenze adeguate alle specifiche attività lavora- Calabria, con appropriati percorsi turistici abbinabili al terma-tive. lismo, si riflette positivamente anche sulla qualità della vita dei cittadini, sul risparmio della spesa sanitaria, sull’aumento del- La Regione Calabria, ovviamente nel rispetto delle norme vi- l’occupazione, sul turismo in particolare.genti, si impegna: CONSIDERATO che al fine della valorizzazione dei territori 1. A promuovere il progetto presso tutti gli Enti locali e cen- a vocazione termale, è stato costituito E.S.C.O.T. - Italia – Euro-trali preposti al rilascio di pareri, concessioni, nulla-osta, al fine pean Scientific Committee on Thermalism – con sede c/o Re-di consentire la rapida conclusione del procedimento autorizza- gione Calabria Piazza di Campitelli n. 3 – Roma – al quale, oltretivo del terminale; al Ministero per i Beni e le Attività Culturali, hanno aderito dieci regioni italiane. 2. in considerazione dell’indotto del terminale, della valoriz-zazione dell’intera Area Industriale di Gioia Tauro, delle si- CONSIDERATO, ancora, che l’obiettivo principale del pre-nergie, delle compensazioni e delle opportunità attribuite dalla detto Comitato è quello di promuovere, coordinare e standardiz-società promotrice, a definire, mediante apposito accordo con zare la ricerca delle cure termali italiane in relazione ai tre aspettil’Asireg, la cessione alla LNG del terreno occorrente per l’im- fondamentali di prevenzione, cura e riabilitazione, in modo dapianto al prezzo di acquisizione da parte della stessa Asireg poter offrire a tutti i cittadini la possibilità di curarsi e mantenerepresso i privati; il proprio benessere psico-fisico. 3. a disporre e coordinare gli interventi di compensazione e le ATTESO che il Consiglio Direttivo del citato Comitato hamodalità di impiego dell’importo di 10 milioni di c; approvato il piano di lavoro per l’anno 2006, prevedendo, per ogni regione, una quota di partecipazione di 15.000,00. 4. a svolgere attività di raccordo istituzionale e di informativacon gli Enti locali e territoriali coinvolti; SU conforme proposta del Presidente On.le Agazio Loiero, formulata alla stregua dell’istruttoria compiuta dalle strutture in- 5. a verificare tutte le misure a sostegno della competitività teressate e dal parere di regolarità reso dal dirigente preposto.dell’impianto anche nell’ottica del sistema Calabria; A voti unanimi; 6. a rilasciare tempestivamente l’Intesa ai sensi dell’art. 8della legge n. 340 del 2000; DELIBERA 7. a porre in essere tutte le azioni necessarie a favorire l’emis- Per le motivazioni in premessa evidenziatesione del Decreto di Autorizzazione del Ministero dello Svi-luppo Economico, di concerto con il Ministero dell’Ambiente edella Tutela del Territorio, nonché il rilascio di tutte le Autoriz- — di aderire ad E.S.C.O.T. – ITALIA – European Scientificzazioni minori successive per rendere operativo, con la massima Committee on Thermalism – con. sede c/o Regione Calabria,celerità, il terminale di rigassificazione, anche in relazione al Piazza di Campitelli n. 3 – Roma;nuovo Piano Regolatore Portuale che verrà adottato dall’Auto-rità Portuale di Gioia Tauro; — di demandare al Dirigente Generale del Dipartimento Pre- sidenza per i successivi provvedimenti ivi compreso l’impegno 8. a concordare, entro 6 mesi dall’emissione del decreto di della somma occorrente quale quota di partecipazione;cui al punto 7, con gli azionisti del terminale di rigassificazioneattività nel settore del risparmio energetico nonché delle energie — di pubblicare il presente atto nel Bollettino Ufficiale dellarinnovabili. Regione.LNG MedGas Terminal Regione Calabria Il Segretario Il PresidenteIl Presidente Il Presidente della Giunta regionale F.to: Durante F.to: LoieroIng. Ennio Carbone On.le Agazio Loiero

×