Conf Turismo2801 Finale

750 views

Published on

intervento alla conferenza regionale sul turismo della regione Lazio.

Published in: News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
750
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Conf Turismo2801 Finale

  1. 1. 2ª Conferenza Regionale sul TurismoIl mare del Lazio nel Rapporto socio economico 2010 di Litorale Spa (intervento del Direttore Generale Romolo Guasco)<br />28.01.2010<br />1<br />
  2. 2. Presentazione<br /><ul><li> Litorale S.p.A: Azienda per lo sviluppo economico, turistico ed occupazionale del litorale laziale
  3. 3. Società in-housedella Regione Lazio
  4. 4. Capitale Sociale € 516.000,00 interamente versati
  5. 5. Costituita in data 11 ottobre 2000 in base all’art. 49 della L.R. 12/2000 “Disposizioni Finanziarie per la redazione del Bilancio di previsione della Regione Lazio per l’esercizio finanziario 2000”
  6. 6. Gestisce il Fondo speciale per il litorale del Lazio </li></ul>ex art. 22 della L.R. 1/2001 ed il Fondo straordinario per lo sviluppo economico del litorale laziale ex art. 41 della L.R. 26/2007<br />2<br />
  7. 7. Il turismo è una risorsa produttiva trainante per favorire il rafforzamento del policentrismo regionale. Il suo sviluppo ha notevoli implicazioni con le dinamiche di qualificazione territoriale: i buoni/ottimi servizi per il turista lo sono anche per il residente<br />3<br />
  8. 8. L’offerta ricettiva: qualche numero<br />Il 30% circa dell’offerta ricettiva regionale (Roma esclusa) si concentra nei comuni del Litorale. Nel 2008, l’Osservatorio ha rilevato circa 1.074 strutture, per un totale di 84.477 posti letto.<br />La maggior parte della capacità ricettiva ufficiale si concentra in esercizi complementari: 765 strutture e 63.296 posti letto (94% in campeggi e villaggi).<br />Sommando la capacità di accoglienza delle seconde case si arriva un’offerta quasi a 10 volte superiore a quella ufficiale (stima da indagine CRESME sul patrimonio edilizio: circa 570 mila posti letto).<br />4<br />
  9. 9. L’offerta alberghiera cresce, ma ..<br />Negli ultimi 5 anni l’offerta alberghiera del Litorale è cresciuta del 10% (+ 2.000 posti letto), ma lo standard qualitativo medio non è elevato: su tutta la costa si rileva un solo esercizio di lusso (a Ladispoli) e una presenza ancora consistente di alberghi a 1 e 2 stelle<br />L’offerta ricettiva è fortemente sbilanciata verso forme di ricettività extralberghiera, in particolare sul sistema delle seconde case, ulteriormente rafforzato dal prolungato ciclo espansivo dell’edilizia degli ultimi 10 anni.<br />5<br />
  10. 10. Un litorale, tre zone turistiche<br />La costa Sud del litorale è l’area a maggiore vocazione turistica: quasi 40 mila posti letto (anno 2008), per 3/4 complementari (più l’ampia offerta di 2e case, stimata in circa 200 mila p.l. dall’APT Latina)<br />Nell’area centrale si concentra meno di un terzo della capacità ricettiva del litorale (26.400 p.l. escluso il XIII Mun.), per il 70% extralberghiera. Inevitabile continuità turistica con Roma<br />Nei comuni costieri del nord si rilevano circa 18.861 posti letto, pari al 22% del litorale (90% campeggi e villaggi) <br />6<br />
  11. 11. Il litorale pontino è l’area che attrae il maggior flusso turistico <br />7<br />
  12. 12. Una domanda turistica a carattere fortemente extralberghiero, in alcune aree<br />Pur prevalente, il movimento alberghiero in alcune località (litorale sud) assume un peso poco rilevante rispetto alla media di molte località balneari italiane (es. Versilia, 5 Terre, ecc.), soprattutto se si considerano i flussi delle 2e case.<br />Secondo un’indagine campionaria (APT Latina), un turista alberghiero spende mediamente 80 euro in più di uno che soggiorna in altre tipologie di alloggi.<br />
  13. 13. Le dinamiche della domanda turistica<br />Nel corso degli ultimi anni la domanda turistica del Litorale è cresciuta (tra il 2005 e il 2007: +24%), grazie soprattutto alla performance dell’area centrale.<br />Nel Litorale sud, per contro, si rileva una diffusa contrazione di presenze e un incremento di arrivi contenuto (tra il 2005 e il 2008, rispettivamente, -4% e + 4%). <br />Nel 2007, più di un milione di turisti hanno soggiornato nei 24 comuni della costa laziale, per un totale di 4,7 milioni di presenze.<br />9<br />
  14. 14. Una presenza straniera marginale, soprattutto nelle aree a maggiore vocazione balneare<br />10<br />
  15. 15. I soggiorni medi variano molto a seconda dell’area <br />11<br />
  16. 16. STAGIONALITA’<br />12<br />I tassi di utilizzazione delle strutture ricettive del litorale (16% nel 2007) evidenziano uno sfruttamento fortemente stagionale e limitato della capacità alberghiera ed extralberghiera.<br />Secondo dati APT Latina, il litorale pontino concentra più del 60% del flusso turistico alberghiero annuale nel periodo giugno-settembre. <br />
  17. 17. Considerazioni <br />Pochi alberghi rispetto alle potenzialità di domanda.<br />Molto extralberghiero e troppe seconde case<br />Vocazione ancora marcatamente balneare<br />Marcata stagionalità <br />Basso impatto in termini di spesa dei turisti<br />Dipendenza dal mercato interno e locale e limitata presenza di stranieri<br />Congestione strutturale<br />Accumulazione di degrado ambientale ed abusivismo edilizio<br />Difficoltà di governance dei processi complessi<br />13<br />
  18. 18. Incremento della capacità di accoglienza e miglioramento della qualità delle strutture (più alberghi !)<br />Ottimizzare l’offerta delle seconde case: standard qualitativi e reti commerciali<br />Proseguire con la riqualificazione territorio/ambiente e le nuove infrastrutture (viabilità e porti).<br />Valorizzazione dei numerosi prodotti turistici extra mare offerti dal territorio a cominciare dall’archeologia.<br />Lavorare con i diversi interlocutori su un progetto per il “club di prodotto mare del Lazio” per un turismo di qualità<br />Obiettivi <br />14<br />
  19. 19. Gli interventi della regione Lazio, per il territorio e quindi per il turismo<br />Due Piani di intervento per un complesso di 120 milioni e 736 mila € nel periodo 03-10<br />Ad oggi tutte le risorse impegnate, erogati 16.887 € per 41 interventi conclusi, il resto in fase di prossima cantierabilità<br />Un sistema innovativo di pianificazione integrata e di governance tra amministrazione regionale e comuni, con l’assistenza tecnica della Litorale spa<br />
  20. 20. Il Programma Integrato di Interventi prevede <br />un finanziamento complessivo di € 72.303.965,00 <br />Beneficiari principali degli interventi e delle risorse sono i 24 Comuni del litorale laziale e gli altri Enti Territoriali, per i quali il mare rappresenta una componente fondamentale delle attività economiche e sociali.<br />Il Programma Integrato degli Interventi ha visto nella sua prima edizione una ripartizione delle risorse fortemente caratterizzata dai settori Infrastrutture e Trasporti (31.090.705 di euro pari al 46,23% del totale) e dell’Ambiente (21.000.000 di euro pari al 31,23% del totale), rilevante è anche la presenza dell’Urbanistica che con 6.000.000 di euro incide per l’8,92% sul fondo a disposizione, seguono il Turismo (con 4.130.323 euro pari al 6,14%) e la Cultura (3.830.382 euro pari al 5,69%). Registrano una presenza marginale le Attività Produttive (1,77%) e la Pesca (0,35%).<br />16<br />
  21. 21. Lo Stato di attuazione<br />Il Programma Integrato degli Interventi ha riscontrato un forte ritardo d’impostazione iniziale, infatti alla data del 31 luglio 2005 (a due terzi del triennio) su 23 azioni previste dal Piano soltanto 13 erano state attivate per un totale di circa 33 milioni di euro e il livello delle erogazioni era pari al 4,96% del Fondo (Asse IV escluso).<br />Una forte inversione di tendenza è arrivata con il nuovo indirizzo regionale che pone il Programma Integrato degli Interventi sotto la competenza dell’Assessorato allo Sviluppo Economico, Ricerca, Innovazione e Turismo.<br /> I risultati si materializzano nel periodo dicembre 2005 – ottobre 2009, arrivando all’attivazione di 17 azioni (le restanti 6 sono state disattivate con decisione della Cabina di Regia) e di tutte le risorse finanziarie del Fondo (Asse IV escluso), a conforto di tale trend anche il livello delle erogazioni che arriva al 23,51% dell’intero fondo (Asse IV escluso).<br />17<br />
  22. 22. Quadro riepilogativo al 31/12/09<br />18<br />
  23. 23. Tra i principali interventi in fase di realizzazione…<br />…nell’ambiente/cultura<br />Opere per la tutela e la salvaguardia di 24 siti ambientali: <br />foreste ed ecosistemi (es. SIC, ZPS, Aree Regionali Protette), per i quali sono stati assegnati € 2.600.000;<br />Valorizzazione di 18 siti culturali, storici e archeologici, per i quali sono stati assegnati € 3.500.000;<br />…nelle infrastrutture<br /> Finanziamenti alle infrastrutture per 26 mln di euro: Ponte della Scafa tra Fiumicino e Roma, viabilità a Ventotene, ponte sul fiume Arrone a Montalto, viabilità a Formia;<br /> Interventi su piccole infrastrutture a servizio della mobilità e per il miglioramento dell’accessibilità al litorale e alle isole pontine: <br />investimenti per circa 5 mln di euro;<br /> Finanziamenti per la riqualificazione dei waterfront e la redazione dei piani colore e della luce dei comuni costieri:<br />un totale di investimenti di circa 6 mln di euro;<br />19<br />
  24. 24. ...nel turismo<br />Azioni di co-marketing con i principali TO tedeschi al fine di rafforzare il brand “Mare del Lazio” sul mercato tedesco attraverso:<br /><ul><li> Azioni B2B e B2C;
  25. 25. Educational per soggetti della rete di vendita dei TO;
  26. 26. Press Tour;
  27. 27. www.maredellazio.it;
  28. 28. Coinvolgimento Tour Operator;
  29. 29. Studio di club di prodotto.</li></ul>20<br />
  30. 30. …..e per:<br />La sensibilizzazione degli operatori incoming di Roma e del Lazio verso le mete del litorale e pubblicazione dei loro pacchetti turistici sul portale maredelazio.it<br />La realizzazione di: <br /><ul><li>“Ballando sul mare del Lazio”, apertura della stagione estiva con l’organizzazione di concerti nei vari Comuni del litorale laziale;
  31. 31. Festival sul Mare del Lazio con personaggi di spicco del panorama musicale, culturale e teatrale, nazionali ed internazionali.</li></ul>21<br />
  32. 32. 22<br />…nella Comunicazione<br /><ul><li> con la rivista “Litorale del Lazio”
  33. 33. con un Free Magazine distribuito nei principali alberghi, stabilimenti e porti turistici dei 24 comuni del litorale laziale</li></li></ul><li>Nuovi interventi ex Legge Finanziaria 2008<br />Fondo straordinario per la riqualificazione del litorale <br />“Interventi finalizzati alla riqualificazione dei lungomare e dei contesti urbani”(Art. 41 L.R. n. 26/2007 Finanziaria 2008) con uno stanziamento di 30 milioni di euro per il triennio 2008-2010, con DGR n. 799 del 31/10/2008. <br />E’ stato pubblicato l’Avviso Pubblico per le manifestazioni d’interessi da parte delle Amministrazioni locali.<br />Ambito territoriale degli interventi sono le aree prospicienti il mare, che rappresentano da sempre, per le comunità costiere locali, un luogo strategico a causa della convergenza di molteplici interessi sociali, culturali ed economici. <br />E’ stato approvato, in data 02/10/2009 - dalla XV Commissione Sviluppo economico, ricerca e innovazione, turismo - il Piano degli interventi che ha come punti cardine l’innalzamento del livello della qualità urbana, il miglioramento dell’accessibilità e della fruibilità, salvaguardando al tempo stesso l’estetica dei luoghi con una prospettiva di valorizzazione anche turistica. <br />Il Piano ha individuato n. 87 progetti per un costo complessivo di € 54.304.847,59 e per un finanziamento regionale pari a € 48.433.097,07.<br />23<br />
  34. 34. Litorale SpA<br />Viale Parioli, 41 <br />tel. 06/8091361<br />www.litoralespa.it<br />Presidente Consiglio di Amministrazione: Ascenzo Lavagnini<br />Consigliere: Vincenzo Silvino Recchia<br />Consigliere: Domenico Verticchio<br />Direttore Generale: Romolo Guasco<br />24<br />

×