• Like
Un blitz annunciato
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

Un blitz annunciato

  • 1,274 views
Published

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
1,274
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2

Actions

Shares
Downloads
3
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. LA LIBERALIZZAZIONE DELLE PROFESSIONI: UN BLITZ ANNUNCIATO di Romeo La PietraRoma, 22 luglio 2011 1
  • 2. IL SUCCEDERSI DELLE DISPOSIZIONI• Bozza informale (fatta circolare il 28 giugno)• D.L. 6 luglio 2011, n. 98 (G.U. 6 luglio 2011, n. 155)• Legge 15 luglio 2011, n. 111 (G.U. 16 luglio 2011, n. 164) 2
  • 3. BOZZA INFORMALEArt. 1L’accesso alle professioni e il loro esercizio si basano sulprincipio di libertà di impresa.Art. 2Le restrizioni in materia di accesso ed esercizio delleprofessioni previste dall’ordinamento vigente, diverse daquelle di architetto, ingegnere, avvocato, notaio,farmacista, autotrasportatore, sono abrogate quattro mesidopo l’entrata in vigore del presente decreto. 3
  • 4. BOZZA INFORMALEArt. 2“Il termine restrizioni …… comprende:a) la limitazione (…) del numero di persone che sono titolate ad esercitare una certaprofessione (…);b) l’attribuzione di licenze o autorizzazioni all’esercizio di una professione solo dove cene sia bisogno secondo lautorità amministrativa (..);c) il divieto di esercizio di una professione al di fuori di una certa area geografica (..);d) l’imposizione di distanze minime tra le localizzazioni delle sedi deputate alleserciziodella professione;e) il divieto di esercizio della professione in più sedi (…);f) la limitazione dell’esercizio della professione ad alcune categorie professionali (…);g) la limitazione dell’esercizio della professione attraverso l’indicazione tassativa dellaforma giuridica richiesta all’operatore;h) l’imposizione di requisiti professionali in relazione al possesso di quote societarie;i) limposizione di prezzi minimi (..). 4
  • 5. BOZZA INFORMALEArt. 2.Restrizioni diverse “possono essere revocate con regolamento(…) emanato su proposta del Ministro competente entro quattromesi dall’entrata in vigore del presente decreto”.“Singole professioni possono essere escluse, in tutto o in parte,dall’abrogazione delle restrizioni (…); la suddetta esclusione(…) può essere concessa (..) qualoraa) la limitazione sia funzionale a ragioni di interesse pubblico;b) la restrizione rappresenti un mezzo idoneo, indispensabile e(…) ragionevolmente proporzionato all’interesse pubblico cui èdestinata;c) la restrizione non introduca una discriminazione diretta oindiretta basata sulla nazionalità o, nel caso di società, sullasede legale dell’impresa” 5
  • 6. BOZZA INFORMALEArt. 3“L’obbligo di autorizzazione preventiva per l’esercizio diprofessioni diverse da quelle di cui all’articolo 2, comma 1, (…)è abrogato quattro mesi dopo l’entrata in vigore del presentedecreto; (…) la professione può pertanto essere liberamenteesercitata allo scadere di un periodo di tre mesi dalla data dicomunicazione di inizio dell’attività professionale (…)”.“Alcune professioni possono essere esentate dalle previsioni delcomma 1, con regolamento da emanare (…) entro quattro mesidalla data di entrata in vigore della presente legge qualora (…)un prevalente interesse pubblico richieda il mantenimento delleprecedenti disposizioni normative”. 6
  • 7. IL BLITZ• In sede di conversione del D.L. n.98/2001, il 12 luglio una “manina” ha tentato di introdurre nel testo l’articolo 39 bis.• Tale articolo riprendeva integralmente il contenuto della Bozza informale fatta circolare il 28 giugno con una unica, sostanziale differenza: la sua applicazione era estesa a tutte le professioni, anche a quelle sei (architetto, ingegnere, avvocato, notaio, farmacista, autotrasportatore) che nella Bozza di fine giugno erano, invece, esplicitamente esentate dal provvedimento.• Tale “blitz” è fallito per la pronta reazione di alcuni Senatori, messi poi alla berlina da Confindustria e autorevoli organi di stampa. 7
  • 8. D.L. N. 98/2011 DISPOSIZIONI URGENTI PER LASTABILIZZAZIONE FINANZIARIADisposizioni per lo sviluppoArt. 29 Liberalizzazione del collocamento e dei serviziComma 2. “ È istituita presso il Ministero della giustizia una AltaCommissione per formulare proposte in materia di liberalizzazione deiservizi (…)”.Comma 3. “LAlta Commissione (…..) è composta da esperti nominatidai Ministri della giustizia, delleconomia e delle finanze, dello sviluppoeconomico e del lavoro e delle politiche sociali. DellAlta Commissionedevono fare parte esperti della Commissione europea, dellOCSE e delFondo monetario internazionale”.Comma 4. “L‘Alta Commissione termina i propri lavori entrocentottanta giorni dalla data entrata in vigore del presente decreto”. 8
  • 9. LEGGE 111/2011 CONVERSIONE IN LEGGE, CON MODIFICAZIONI, D.L. 98/2011Disposizioni per lo sviluppoArt. 29 Liberalizzazione del collocamento, dei servizi e delleattività economiche.Introduzione comma 1.bis “Al fine di incrementare il tassodi crescita delleconomia nazionale, ferme restando lecategorie di cui allarticolo 33, quinto comma, dellaCostituzione (…), il Governo formulerà alle categorieinteressate proposte di riforma in materia di liberalizzazionedei servizi e delle attività economiche; trascorso il termine diotto mesi dalla data di entrata in vigore della legge diconversione del presente decreto, ciò che non saràespressamente regolamentato sarà libero. 9
  • 10. ALTA COMMISSIONE• Ne devono far parte rappresentanti della Commissione europea e dell’Ocse.• Entrambe le istituzioni hanno prodotto e producono studi errati e inattendibili sull ’ intensità della regolamentazione della professione di ingegnere (e, probabilmente, anche di altre professioni) nei diversi paesi (si veda pubblicazioni n. 63/2004 e 121/2010 del Centro studi CNI). 10
  • 11. LE PROPOSTE DELL’OPPOSIZIONE EMENDAMENTO 29.0.1. (DDL N. 2814)NON ACCOLTO AL SENATO • Esclusione dagli interventi di liberalizzazione delle professioni sanitarie e infermieristiche • Esercizio della attività professionale, anche in forma societaria e cooperativa, libero ad eccezione esercizio funzioni pubbliche o esistenza specifico interesse nazionale • Legge dello Stato stabilisce quando esercizio professione deve essere subordinato a iscrizione elenchi o albi individuando le professioni intellettuali da disciplinare attraverso ricorso ordini o collegi, in modo tale che ne derivi una riduzione (preferibilmente concertata e volontaria) • Legge delle Stato attribuisce alle singole professioni regolamentate le attività riservate necessarie per la tutela di diritti costituzionalmente garantiti e per il perseguimento di attività primarie di interesse generale 11
  • 12. LE PROPOSTE DELL’OPPOSIZIONE EMENDAMENTO 29.0.1. (DDL N. 2814) NON ACCOLTO AL SENATO • Esame di Stato obbligatorio per le professioni il cui esercizio può incidere su diritti costituzionalmente garantiti • Modifica statuti Ordini per:  Codice deontologico  Meccanismi elettorali su base democratica  Aggiornamento e qualificazione tecnico professionale iscritti, tendenzialmente gratuito  Assicurazione obbligatoria  Limite al periodo tirocinio • Possibilità istituire associazioni professionali ma solo tra soggetti non iscritti ad albi o elenchi professionali  nessun diritto esclusivo iscritti associazioni  nessuna sovrapposizione possibile tra Ordini e associazioni 12
  • 13. LIBERALIZZARE COSA? Ingegneri:•Tasso successo esame di Stato 89%•Nessun tirocinio•228.000 iscritti Albo (+65% in dieci anni)•Quota iscritti Inarcassa under 40 pari al 46%•Meno del 10% è «figlio di»…•Possibilità di esercitare in forma societaria•Nessuna tariffa•Nessun limite a pubblicità 13
  • 14. TARIFFE? PER LE IMPRESE VALGONO ANCORA!• La determinazione degli importi da porre a base d’asta per l’affidamento degli incarichi professionali di progettazione è libera.• La determinazione degli importi da porre a base d’asta per l ’ esecuzione dei lavori deve essere fatta ricorrendo obbligatoriamente ai “ prezzari ” regionali aggiornati annualmente. 14
  • 15. CHI C’E’ DIETRO? 15
  • 16. 16
  • 17. LA RETE DI CONFINDUSTRIA..• 18 organizzazioni regionali• 21 federazioni di settore• 3 federazioni di scopo• 97 organizzazioni di categoria• 258 organizzazioni associate• 506 milioni di euro di contributi ricevuti• 1 miliardo di euro di giro d’affari (con ricavi controllate)• 4 mila dipendenti 17
  • 18. LE ARMI DI CONFINDUSTRIA…• Il Sole 24 ore e RadioCor (agenzia di stampa)• Indirettamente L’arena, Giornale di Bergamo, Giornale di Vicenza• Radio24• Alinari, Esa, Imq (società di certificazione)• Gestisce FondImpresa (formazione professionale) che ha 800 milioni accumulati, solo parzialmente utilizzati.Fonte: Filippo Astone, IL PARTITO DEI PADRONI, Longanesi, 2010 18
  • 19. Familismo nelle professioniSiamo sicuri che sia così ?• Si dice che nelle professioni si manifesta l’assenza di mobilità sociale e una sorta di familismo corporativo• Meno del 10% è «figlio di»...
  • 20. In Confindustria i nominon contano ?• Ad eccezione di Luigi Lucchini tutti i recenti presidenti di Confindustria sono figli d’arte• Giorgio Fossa espressione di Silvio Fossa Spa...• Antonio D’Amato figlio di Salvatore...• Luca di Montezemolo, il figlio che l’Avvocato avrebbe voluto avere...• Emma Marcegaglia cresciuta all’ombra di Steno...
  • 21. E I GIOVANI DI CONFINDUSTRIA?I PRESIDENTI•Jacopo Morelli (nato nel 1975), attuale presidente giovani industriali,proviene da EMMEEMME fondata nel 1960;•Federica Guidi•Matteo Colaninno•Annamaria Artoni•Emma Marcegaglia•Andrea Riello•Aldo Fumagalli•Antonio d’Amato•LuigiAbete 21