IL NUOVO REGIME DI SOSTEGNO
ALLE ENERGIE RINNOVABILI
20 Settembre 2012
Il Decreto Ministeriale 6 luglio 2012
Avv./Rain Sve...
IL DECRETO F.E.R. 2012
Le normative di riferimento
Tariffa onnicomprensiva
(feed-in-tariff)
Contributo CIP 6/92
(feed-in-tariff)
Quote d’obbligo
(certificati verdi)
 L. 144...
Criteri generali per gli impianti in esercizio dal 2013
• Equa remunerazione proporzionata ai costi di investimento ed ese...
A seguito del D.lgs n. 28 del 2011 il M.I.S.E. , entro il termine di 6 mesi
(quindi entro il settembre 2011), avrebbe dovu...
IL DECRETO F.E.R. 2012
IL D.M. 6 luglio 2012
Impianti di produzione di energia elettrica alimentati con fonti rinnovabili
diverse dal solare fotovoltaico che desideran...
TIPO DI IMPIANTO DESCRIZIONE
NUOVI IMPIANTI
Realizzati in un sito su cui prima dei lavori di costruzione non era presente
...
IL DECRETO F.E.R. 2012
Le modalità di accesso agli incentivi
IL DECRETO F.E.R. 2012
Modalità di accesso agli incentivi
Il decreto individua 3 modalità di accesso agli incentivi (art. ...
TIPOLOGIA IMPIANTO VALORE DI SOGLIA
Eolici e oceanici ≤60 kW
Idroelettrici ≤50 kW (elevabile a 250 kW)
Biomassa (da prodot...
IL DECRETO F.E.R. 2012
2) Accesso mediante iscrizione al registro
Il decreto individua i tipi di impianto, per ogni catego...
IL DECRETO F.E.R. 2012
CONTINGENTI ANNUALI DI POTENZA (PERIODO 2013-2015)
IL DECRETO F.E.R. 2012
PUBBLICAZIONE
BANDO GSE
RICHIESTA DI
ISCRIZIONE A
REGISTRO
FORMAZIONE
GRADUATORIE
GSE
• Entro il 31...
TIPO DI IMPIANTO CRITERI
1 Impianto biomassa/biogas [art.8 comma 4 lett. A) e b)] a) Impianti di aziende agricole con
pote...
IL DECRETO F.E.R. 2012
Accesso mediante procedure d’asta
Il decreto individua u i tipi di impianti, distinti per categorie...
CONTINGENTI ANNUALI DI POTENZA (PERIODO 2013-2015)
IL DECRETO F.E.R. 2012
IL DECRETO F.E.R. 2012
PUBBLICAZIONE
BANDO GSE
RICHIESTA DI
ISCRIZIONE A
REGISTRO
FORMAZIONE
GRADUATORIE
GSE
• Entro il 31...
IL DECRETO F.E.R. 2012
REGOLAMENTO PROCEDURA DI ASTA
 Asta al ribasso con offerte di riduzione percentuale della base d’a...
TIPO DI IMPIANTO CRITERI
1 Tutti i tipi di impianti a) Impianti già in esercizio
2 Impianti biomassa ex art. 8 comma 4 let...
21
III. Adempimenti successivi all’assegnazione
 Costituzione della cauzione definitiva al GSE
 Rispetto dei termini per...
IL DECRETO F.E.R. 2012
La determinazione degli incentivi per gli impianti nuovi
IMPIANTI CHE
RICHIEDONO LA
T.O.*
ALTRI IMP...
TARIFFA ONNICOMPRENSIVA
CALCOLATA ATTRAVERSO LA FORMULA:
TO=Tb+Pr
dove: Tb (tariffa incent. base All. 1)
Pr (ammontare pre...
INCENTIVO
Integrazione economica al ricavo connesso alla
valorizzazione dell’energia immessa in rete
IL DECRETO F.E.R. 201...
IL DECRETO F.E.R. 2012
Confronto tra il vecchio e il nuovo regime
REGIME
INCENTIVANTE
MECCANISMO DI
INCENTIVAZIONE
PERIODO...
IL DECRETO F.E.R. 2012
Discipline speciali e disposizioni di
transizione
Il decreto mantiene il meccanismo di scambio sul posto come alternativo agli altri
meccanismi di incentivazione
IL DECRETO...
IL DECRETO F.E.R. 2012
Disciplina speciale per interventi di rifacimento
Il nuovo decreto sembra incentivare il rifaciment...
TIPO DI IMPIANTO CRITERI
1 Tutti i tipi di impianti a) Anteriorità della prima entrata in
esercizio
b) Maggiore estensione...
ADEMPIMENTI SUCCESSIVI ALL’ASSEGNAZIONE
Rispetto dei termini: l’impianto deve entrare in esercizio entro i termini previs...
IL DECRETO F.E.R. 2012
La transizione dal precedente meccanismo di incentivazione
IMPIANTI AVENTI DIRITTO A CERTIFICATI VE...
AGLI IMPIANTI EX ART. 8.4 (C e D)
CHE ENTRANO IN ESERCIZIO
ENTRO IL 30 GIUGNO 2013
AGLI IMPIANTI CHE ENTRANO IN
ESERCIZIO
...
 Possesso del titolo autorizzativo alla data di entrata in vigore del decreto
 Applicazione delle tariffe e dei coeffici...
Svenja Bartels
Avvocato/Rachtsanwaltin
Partner – Padova
E-Mail: svenja.bartels@roedl.it
Rödl & Partner Padua
Via Francesco...
Via E. Rismondo, 2/E
35131 Padova
Tel.: +39-049-8046911
Fax: +39-049-8046920
padova@roedl.it
http://www.roedl.com/it
Rödl ...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Il nuovo regime di sostegno alle energie rinnovabili

491 views
411 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
491
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Il nuovo regime di sostegno alle energie rinnovabili

  1. 1. IL NUOVO REGIME DI SOSTEGNO ALLE ENERGIE RINNOVABILI 20 Settembre 2012 Il Decreto Ministeriale 6 luglio 2012 Avv./Rain Svenja Bartels Avv. Serena de Laurentiis Dott. Giorgio Castorina
  2. 2. IL DECRETO F.E.R. 2012 Le normative di riferimento
  3. 3. Tariffa onnicomprensiva (feed-in-tariff) Contributo CIP 6/92 (feed-in-tariff) Quote d’obbligo (certificati verdi)  L. 144/07  D.M. 18/12/08  Comitato Interm. Prezzi 29 aprile 1992  D.Lgs 79/99  D.Lgs. 387/03  D.M. 18/12/08 a) b) c) IL DECRETO F.E.R. 2012
  4. 4. Criteri generali per gli impianti in esercizio dal 2013 • Equa remunerazione proporzionata ai costi di investimento ed esercizio; • Periodo di incentivazione pari alla vita utile delle diverse tipologie di impianto; • incentivi destinati a nuove realizzazioni, ricostruzioni integrali, potenziamenti, impianti ibridi e rifacimenti (definizione criteri); • impianti fino a un valore non inferiore ai 5 MW: incentivi diversificati per fonte e per scaglioni di potenza; • impianti oltre 5 MW: assegnazione degli incentivi con aste al ribasso del GSE; LE NOVITÀ DEL D.Lgs. 28/2011 I NUOVI REGIMI DI SOSTEGNO ALLE RINNOVABILI DIVERSE DAL FV In risposta alla direttiva 20-20-20, nel 2011 il governo ha predisposto la legge-quadro che ha dettato una serie di linee guida al fine di riformare e riordinare anche gli incentivi alle energie rinnovabili diverse dal fotovoltaico. Il D.lgs n. 28 del 3 marzo 2011 IL DECRETO F.E.R. 2012
  5. 5. A seguito del D.lgs n. 28 del 2011 il M.I.S.E. , entro il termine di 6 mesi (quindi entro il settembre 2011), avrebbe dovuto emanare il decreto attuativo. IL DECRETO F.E.R. 2012 Con 10 mesi di ritardo, è stato emesso il D.M. 06 LUGLIO 2012
  6. 6. IL DECRETO F.E.R. 2012 IL D.M. 6 luglio 2012
  7. 7. Impianti di produzione di energia elettrica alimentati con fonti rinnovabili diverse dal solare fotovoltaico che desiderano accedere agli incentivi: • IDROELETTRICI • GEOTERMICI • EOLICI • BIOMASSE/BIOGAS IL DECRETO F.E.R. 2012 A chi si rivolge? di potenza non inferiore a 1 kW ENTRANTI IN ESERCIZIO DOPO IL 31/12/2012 Fino al raggiungimento di un cap di spesa € 5,8 mld annui (escluso il FV) Il GSE aggiorna e pubblica mensilmente il costo indicativo cumulato degli incentivi alle fonti rinnovabili Fino al raggiungimento di un cap di spesa € 5,8 mld annui (escluso il FV)
  8. 8. TIPO DI IMPIANTO DESCRIZIONE NUOVI IMPIANTI Realizzati in un sito su cui prima dei lavori di costruzione non era presente da almeno 5 anni un altro impianto, anche dismesso, alimentato dalla stessa fonte rinnovabile; IMPIANTI INTEGRALMENTE RICOSTRUITI Un impianto in un sito sul quale, preesisteva un altro impianto di produzione, del quale può essere riutilizzato un numero limitato di infrastrutture e opere preesistenti IMPIANTI RIATTIVATI Si intende la messa in servizio di un impianto dismesso da oltre 10 anni IMPIANTI OGGETTO DI RIFACIMENTO Impianti soggetti ad interventi diretti a mantenerne l’efficienza produttiva IMPIANTI OGGETTO DI POTENZIAMENTO Impianti soggetti ad un intervento che prevede la realizzazione di opere sull’impianto dirette ad ottenere un aumento della potenza dell’impianto IL DECRETO F.E.R. 2012 Ambito di applicazione degli incentivi:
  9. 9. IL DECRETO F.E.R. 2012 Le modalità di accesso agli incentivi
  10. 10. IL DECRETO F.E.R. 2012 Modalità di accesso agli incentivi Il decreto individua 3 modalità di accesso agli incentivi (art. 4) • Accesso DIRETTO • Accesso mediante ISCRIZIONE AL REGISTRO • Accesso mediante partecipazione a PROCEDURE COMPETITIVE
  11. 11. TIPOLOGIA IMPIANTO VALORE DI SOGLIA Eolici e oceanici ≤60 kW Idroelettrici ≤50 kW (elevabile a 250 kW) Biomassa (da prodotti e sottoprod. biologici) ≤200 kW Biogas ≤100 kW Impianti realizzati da una P.A. A seguito di procedura a evidenza pubblica Il doppio delle soglie indicate Impianti ex D.L. 2/2006 (bieticolo saccarifero) No soglie Impianti ex D.Lgs. 22/2011 (geotermoelettrico) No soglie Impianti oggetto di rifacimento Entro le soglie su indicate IL DECRETO F.E.R. 2012 1) Accesso diretto Il decreto individua i tipi di impianto, per ogni categoria di fonte utilizzata, che accedono direttamente agli incentivi
  12. 12. IL DECRETO F.E.R. 2012 2) Accesso mediante iscrizione al registro Il decreto individua i tipi di impianto, per ogni categoria di fonte utilizzata, che accedono agli incentivi previa l’iscrizione al registro tenuto dal GSE TIPOLOGIA IMPIANTO VALORE DI SOGLIA NUOVI/RICOSTRUITI/RIATTIVATI Potenza nominale non superiore al valore di soglia IBRIDI Potenza complessiva non superiore alla soglia della F.E.R. utilizzata TOTALMENTE O PARZIALMENTE RIFATTI Entro contingenti di potenza stabiliti all’ art. 17 OGGETTO DI POTENZIAMENTO Qualora il Δ potenza non superi i valori di soglia Valori di soglia: – ≤ 5MW per tutte le tipologie di F.E.R. – ≤ 10MW per le fonti idroelettriche – ≤ 20MW per le fonti geotermoelettriche
  13. 13. IL DECRETO F.E.R. 2012 CONTINGENTI ANNUALI DI POTENZA (PERIODO 2013-2015)
  14. 14. IL DECRETO F.E.R. 2012 PUBBLICAZIONE BANDO GSE RICHIESTA DI ISCRIZIONE A REGISTRO FORMAZIONE GRADUATORIE GSE • Entro il 31 Marzo di ogni anno (salvo il primo) • 30 gg prima dell’inizio della presentazione delle domande • Indicazione del contingente disponibile per l’anno • Necessario possesso titolo autorizzativo/concessorio (idroel. e geotermico) • Necessario possesso del preventivo di connessione a rete • Pubblicate entro 60 gg da chiusura registro • Rispetto dei criteri di priorità dettati dal decreto • Rispetto dei termini di entrata in esercizio a pena di penalità o decadenza dal diritto • Iscrizione diventa cedibile a terzi dopo entrata in esercizio Procedure per iscrizione al registro
  15. 15. TIPO DI IMPIANTO CRITERI 1 Impianto biomassa/biogas [art.8 comma 4 lett. A) e b)] a) Impianti di aziende agricole con potenza <600 kW 2 Impianti biomassa/biogas a) Impianti ex art. 8 comma 4 lett. B (sottoprodotti bio.) 3 Impianti biomassa ex art. 8 comma 4 lett. C) e D) a) Attestazione di funzionalità a ciclo rifiuti 4 Impianti geotermoelettrici a) Totale reiniezione fluido/ rispetto art. 27 5 Impianti idroelettrici a) Su canali/condotte esistenti b) Acque di restituzione/scarico c) Salti su briglie e traverse esistenti d) Utilizzante quota di DMV 6 Tutti i tipi di impianti a) Non rientranti nel precedente registro per esubero limite di potenza previsto b) Minore potenza degli impianti c) Anteriorità del titolo autorizzativo d) Anteriorità della richiesta IL DECRETO F.E.R. 2012 L’art. 10 comma 3: i criteri di priorità IL DECRETO F.E.R. 2012
  16. 16. IL DECRETO F.E.R. 2012 Accesso mediante procedure d’asta Il decreto individua u i tipi di impianti, distinti per categorie, per i quali si applica la nuova procedura di accesso con procedure d’asta al ribasso. TIPOLOGIA IMPIANTO VALORE DI SOGLIA NUOVI/RICOSTRUITI/RIATTIVATI Potenza nominale superiore al valore di soglia IBRIDI Potenza complessiva superiore alla soglia della F.E.R. utilizzata OGGETTO DI POTENZIAMENTO Qualora il Δ potenza superi i valori di soglia Valori di soglia: – >5 MW per tutte le tipologie di F.E.R. – >10MW per le fonti idroelettriche – >20MW per le fonti geotermoelettriche
  17. 17. CONTINGENTI ANNUALI DI POTENZA (PERIODO 2013-2015) IL DECRETO F.E.R. 2012
  18. 18. IL DECRETO F.E.R. 2012 PUBBLICAZIONE BANDO GSE RICHIESTA DI ISCRIZIONE A REGISTRO FORMAZIONE GRADUATORIE GSE • Entro il 31 Marzo di ogni anno (salvo il primo) • 30 gg prima dell’inizio della presentazione delle domande • Indicazione del contingente disponibile per l’anno (per l’eolico è possibile un secondo bando dopo 6 mesi) • Necessario possesso titolo autorizzativo/concessorio (o il giudizio di compatibilità ambientale per eolici offshore e impianti <20 MW) • Necessario possesso del preventivo di connessione (rilasciato dal gestore della rete) • Necessaria dimostrazione di solidità eco-finanziaria attraverso:  Dichiarazione di capacità finanziaria rilasciato da istituto bancario o finanziario o impegno a finanziare l’investimento  Capitalizzazione di almeno il 10% dell’investimento previsto  Presentazione di una cauzione provvisoria • Pubblicate entro 60 gg da chiusura registro • Rispetto dei criteri di priorità dettati dal decreto • Rispetto dei termini di entrata in esercizio a pena di penalità o decadenza dal diritto • Iscrizione diventa cedibile a terzi dopo entrata in esercizio Procedure per partecipazione all’asta
  19. 19. IL DECRETO F.E.R. 2012 REGOLAMENTO PROCEDURA DI ASTA  Asta al ribasso con offerte di riduzione percentuale della base d’asta • Base d’asta è la tariffa base corrispondente all’ultimo scaglione di potenza della tabella presente all’Allegato 1 • L’offerta di riduzione non può essere inferiore al 2% • La tariffa minima comunque sempre garantita è la tariffa posta a base d’asta, ridotta del 30% I. Presentazione delle offerte II. Formulazione della graduatoria  Criterio della maggiore riduzione percentuale offerta.  In caso di parità delle offerte: • Impianti già in esercizio • Attestato di funzionalità al ciclo dei rifiuti per gli impianti ex all’art. 8, comma 4, lett. c) • Totale reiniezione del fluido geotermico o rispetto requisito art. 27 comma 1, lett. c) per gli impianti geotermoelettrici • Anteriorità del titolo autorizzativo o del giudizio di compatibilità ambientale
  20. 20. TIPO DI IMPIANTO CRITERI 1 Tutti i tipi di impianti a) Impianti già in esercizio 2 Impianti biomassa ex art. 8 comma 4 lett. C) e D) a) Attestazione di funzionalità a ciclo rifiuti 3 Impianti geotermoelettrici a) Totale reiniezione fluido/ rispetto art. 27,comma 1 lett. C) 4 Tutti i tipi di impianti a) Non rientranti nel precedente registro per esubero limite di potenza previsto b) Minore potenza degli impianti c) Anteriorità del titolo autorizzativo d) Anteriorità della richiesta IL DECRETO F.E.R. 2012 L’art. 15 comma 3: i criteri di priorità
  21. 21. 21 III. Adempimenti successivi all’assegnazione  Costituzione della cauzione definitiva al GSE  Rispetto dei termini per l’entrata in esercizio dell’impianto (decorrenti da comunicazione del GSE) a pena di decurtazione della tariffa pari allo 0,5% per ogni mese di ritardo  Decorsi 24 mesi, se l’impianto non entra in esercizio, l’aggiudicatario perde il diritto all’incentivo e il GSE escute la cauzione IL DECRETO F.E.R. 2012
  22. 22. IL DECRETO F.E.R. 2012 La determinazione degli incentivi per gli impianti nuovi IMPIANTI CHE RICHIEDONO LA T.O.* ALTRI IMPIANTI 2 TIPOLOGIE DI INCENTIVI •Riconosciuta una TARIFFA ONNICOMPRENSIVA sulla produzione netta IMMESSA IN RETE • L’energia viene ritirata dal GSE e la tariffa comprende sia la componente incentivo che il prezzo di vendita • Riconosciuto un INCENTIVO sulla produzione IMMESSA IN RETE • L’energia rimane nella disponibilità del produttore e la tariffa comprende solo la componente incentivo *Impianti fino a 1 MW che hanno richiesto il ritiro al GSE a norma dell’art. 7 comma 4
  23. 23. TARIFFA ONNICOMPRENSIVA CALCOLATA ATTRAVERSO LA FORMULA: TO=Tb+Pr dove: Tb (tariffa incent. base All. 1) Pr (ammontare premi dovuti) Tariffa corrisposta al produttore dal GSE che contiene al suo interno IL DECRETO F.E.R. 2012 COMPONENTE DI VALORIZZAZIONE DELL’ENERGIA COMPONENTE DI INCENTIVAZIONE Il GSE si impegna a ritirare tutta l’energia immessa in rete dal produttore, il quale non accederà pertanto al mercato libero
  24. 24. INCENTIVO Integrazione economica al ricavo connesso alla valorizzazione dell’energia immessa in rete IL DECRETO F.E.R. 2012 MERCATO DELL’ENERGIA Ricavi da cessione energia Incentivo CALCOLATO ATTRAVERSO LA FORMULA: I=Tb+Pr-Pz . dove: Tb (tariffa incent. base All. 1) Pr (ammontare dei premi) Pz (prezzo zonale orario) Consistente nel ricavo derivante al GSE dalla vendita di energia sul mercato, determinatosi in base al MGP Vendita energia
  25. 25. IL DECRETO F.E.R. 2012 Confronto tra il vecchio e il nuovo regime REGIME INCENTIVANTE MECCANISMO DI INCENTIVAZIONE PERIODO DI INCENTIVAZIONE INCENTIVO VALORIZZAZIONE DELL’ENERGIA D.M. 18/12/2008 (vecchio) CERTIFICATI VERDI (Qualsiasi taglia) 15 ANNI Vendita CV e ritiro GSE Autoconsumo e libero mercato o ritiro dedicato o scambio sul posto TARIFFE ONNICOMPRENSIVE 15 ANNI Tariffe onnicomprensive Attribuite all’energia immessa in rete D.M. 06/07/2012 (nuovo) TARIFFE ONNICOMPRENSIVE (Fino a 1MW e dietro richiesta) VITA UTILE CONVENZIONALE (ALL.1) Tariffe onnicomprensive Attribuite all’energia immessa in rete INCENTIVO NUOVO (Oltre 1 MW) VITA UTILE CONVENZIONALE (ALL.1) Incentivo sulla quantità immessa in rete Autoconsumo e libero mercato o ritiro dedicato o scambio sul posto
  26. 26. IL DECRETO F.E.R. 2012 Discipline speciali e disposizioni di transizione
  27. 27. Il decreto mantiene il meccanismo di scambio sul posto come alternativo agli altri meccanismi di incentivazione IL DECRETO F.E.R. 2012 Scambio sul posto (art. 23)  Rimando alla normativa dell’AEEG per la disciplina delle condizioni tecnico-economiche  Stabilisce un aggiornamento della disciplina attuale entro 120 giorni N.B. La disciplina del D.M. del 2008 prevedeva il limite dei 200 kW di potenza per gli impianti che potevano richiedere lo scambio sul posto, mentre l’attuale non sembra porre tale limitazione ARG/elt74/98: Testo integrato delle modalità e delle condizioni per lo scambio sul posto (TISP)
  28. 28. IL DECRETO F.E.R. 2012 Disciplina speciale per interventi di rifacimento Il nuovo decreto sembra incentivare il rifacimento degli impianti già esistenti, la cui procedura è prevista una disciplina speciale (Titolo IV) a) CONDIZIONI DI ACCESSO  Già in esercizio da un periodo pari ad almeno 2/3 della vita convenzionale (All. 1)  Non beneficiari di incentivi anteriormente all’intervento b) CONTINGENTI PREVISTI (anni 2013-2015) L’assegnazione segue le tempistiche e le modalità delle procedure d’asta al ribasso (artt. 12 e ss.)
  29. 29. TIPO DI IMPIANTO CRITERI 1 Tutti i tipi di impianti a) Anteriorità della prima entrata in esercizio b) Maggiore estensione esercizio senza incentivi 2 Impianti biomassa ex art. 8 comma 4 lett. c) e d) a) Attestazione di funzionalità a ciclo rifiuti 3 Impianti eolici a) Minore quantità di energia non prodotta per ordini di dispacciamento di Terna (nell’ultimo anno solare ) 4 Impianti geotermoelettrici a) Totale reiniezione fluido/ rispetto art. 27,comma 1 lett. C) 5 Tutti i tipi di impianti a) Anteriorità del titolo autorizzativo IL DECRETO F.E.R. 2012 CRITERI DI PRIORITA’
  30. 30. ADEMPIMENTI SUCCESSIVI ALL’ASSEGNAZIONE Rispetto dei termini: l’impianto deve entrare in esercizio entro i termini previsti dal decreto per ciascuna tipologia Il mancato rispetto provoca:  Decurtazione di 0,5% alla tariffa incentivante per ogni mese di ritardo (massimo 12 mesi)  Penalità a seguito di una nuova richiesta di accesso agli incentivi (riduzione del 15% della tariffa incentivante) per gli impianti che non entrino in esercizio entro il termine su indicato IL DECRETO F.E.R. 2012
  31. 31. IL DECRETO F.E.R. 2012 La transizione dal precedente meccanismo di incentivazione IMPIANTI AVENTI DIRITTO A CERTIFICATI VERDI • Impianti in esercizio entro il 31/12/2012 • Impianti di cui all’art. 30 L’art. 25 comma 3 e 4 del D.L 28 del 2011 sanciscono l’annullarsi della quota d’obbligo (D.L. 79/99) per i produttori e, conseguentemente, la cessazione del ritiro dei CV da parte del GSE dall’anno 2016 L’art. 19 del decreto prevede pertanto una commutazione del diritto ai Certificati verdi, essendo pertanto riconosciuto:  Tariffa incentivata in base alla precedente normativa (D.M. 18/12/2010)  Incentivo aggiuntivo sulla produzione netta con la formula: I= k*(180-Re)*0,78 Cosi da garantire la redditività degli investimenti effettuati
  32. 32. AGLI IMPIANTI EX ART. 8.4 (C e D) CHE ENTRANO IN ESERCIZIO ENTRO IL 30 GIUGNO 2013 AGLI IMPIANTI CHE ENTRANO IN ESERCIZIO ENTRO IL 30 APRILE 2013 L’ART. 30 DEL DECRETO CONCEDE IL DECRETO F.E.R. 2012 PROROGA DEL VECCHIO MECCANISMO DI INCENTIVAZIONE DI ACCEDERE AL MECCANISMO DI INCENTIVAZIONE PREVISTO DAL D.M. 18 DICEMBRE 2008 (vecchio regime F.E.R.) Al fine di tutelare gli investimenti in via di completamento e garantire una progressiva transizione dal vecchio al nuovo meccanismo, pur nel rispetto di determinate condizioni
  33. 33.  Possesso del titolo autorizzativo alla data di entrata in vigore del decreto  Applicazione delle tariffe e dei coefficienti moltiplicativi dei Certificati Verdi di cui alla L. 244/07 e dall’art. 382-quater della L. 296/06, ridotti del 3% al mese a partire da Gennaio 2013 (da Maggio per gli impianti di cui art. 8 comma 4 (C e D) I. CONDIZIONI IL DECRETO F.E.R. 2012 Necessaria comunicazione al GSE entrata in esercizio Presentazione domanda di qualifica IAFR entro il sesto mese successivo all’entrata in esercizio II. ADEMPIMENTI PENA INAMMISSIBILITÀ AGLI INCENTIVI
  34. 34. Svenja Bartels Avvocato/Rachtsanwaltin Partner – Padova E-Mail: svenja.bartels@roedl.it Rödl & Partner Padua Via Francesco Rismondo 2/E 35131 Padua Tel.: +39 (049) 80 46 911 Fax: +39 (049) 80 46 920 Contatti
  35. 35. Via E. Rismondo, 2/E 35131 Padova Tel.: +39-049-8046911 Fax: +39-049-8046920 padova@roedl.it http://www.roedl.com/it Rödl & Partner è stato fondato a Norimberga nel 1977 dal Dr. Bernd Rödl ed oggi è il più grande studio interdisciplinare di origine tedesca capace di riunire in un'unica struttura internazionale di circa 3.000 collaboratori, le competenze di avvocati, dottori commercialisti, revisori contabili e consulenti del lavoro. Rödl & Partner, attualmente presente con 22 uffici in Germania e 83 filiali in 37 paesi del mondo, è in grado di offrire una consulenza professionale qualificata in tutte le principali lingue. L’internazionalizzazione dell’attività, iniziata alla fine degli anni ’80, si è sviluppata sulla base di una profonda e diretta conoscenza delle realtà economiche e giuridiche locali, requisito fondamentale per il successo di uno studio internazionale. Oltre che nei principali paesi europei, Rödl & Partner è presente negli Stati Uniti d’America, in Brasile, in sud Africa, in Medio ed Estremo Oriente. “ Erfolg kennt keine Grenzen… il successo non conosce confini“ A worldwide experience A worldwide experience

×