Your SlideShare is downloading. ×
Prima di tutto IL PAESE
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Prima di tutto IL PAESE

494
views

Published on

Segnalo ed invito alla lettura di questo interessante, condivisibilissimo e importante scritto di Remo Lucchi di GfK Eurisko. …

Segnalo ed invito alla lettura di questo interessante, condivisibilissimo e importante scritto di Remo Lucchi di GfK Eurisko.

Credo che le buone idee vadano condivise.

Se hai trovato interessante il testo condividilo possibilmente avvisando con una mail a UfficioStampa.GfKEuriskoit@GfK.com

Published in: News & Politics

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
494
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
7
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. PRIMA DI TUTTOIL PAESE Remo Lucchi – Luglio 2012Non ci sono le condizioni di base: cioè non c’è il Paese. L’assenza totale dicoesione, la totale prevalenza degli interessi diparte, l’”allungamento”incontrollato della società, le rivendicazioni, le lotte interne, a cominciare daquelle delle parti politiche, assorbono tutte le energie. Mancano quellenecessarie per agire come Paese (unitario) verso l’esterno, verso lo sviluppo.C’è un’assenza totale di obiettivi di medio-lungo: il Paese - in quanto tale - nonha un progetto, non ha una visione. Nel sistema mondiale globalizzato l’Italia èpura terra di conquista. È totalmente deficitario nel metodo: le forme di vitache lo caratterizzano, non solo sono di parte, ma tendono allo sfruttamentodelle opportunità di brevissimo periodo, e sono ben lontane da approcci diSostenibilità. Per la verità la Domanda (la gente) comincia a dare indicazionidi saggezza e lungimiranza, anche se il Sistema Politico non offre evidentisegnali di cambiamento.LA TOTALE ASSENZA DI COESIONEI 20 anni che hanno seguito la Seconda Guerra Mondiale, e lo sviluppo economico che li hannocaratterizzati, hanno portato l’Italia da una struttura sociale piramidale (pochi in alto, tanti in basso), auna struttura tendenzialmente più equilibrata, con un rigonfiamento nei segmenti intermedi (maggiore“coesione economica”).Questa tendenza si è poi stabilizzata, non è proseguita. Nei lustri più recenti, al contrario, si è innescatoun “guaio”: una assenza di visione politica per il Paese, e la gestione di soli interessi di parte, hannoportato a una forte eterogeneizzazione del Paese (allungamento), fino a determinarne una forma aclessidra.Le parti sociali più dotate e privilegiate hanno preso il potere: ma ciò in sé non è una disavventura, ecomunque non avrebbe potuto essere diversamente. Hanno commesso, però, l’errore di gestire ilpotere a proprio vantaggio, o quanto meno non si sono preoccupati di tenere “corto” - omogeneo - ilPaese intervenendo in tempo, e in modo efficace, per evitare smembramenti della coesione. 1
  • 2. Le Società occidentali, di cultura liberista, per definizione tendono ad “allungarsi”. Questi Paesipossono essere classificati in due diverse categorie: - i Paesi “veri”, che si sono posti l’obiettivo della coesione, e l’hanno raggiunto. Questi riescono a gestire la tensione all’allungamento; e ciò proprio perché c’è una politica di gestione del Paese nella sua complessità, che ha una priorità totale; - quelli che non sono (ancora) Paesi, perché non hanno mai raggiunto la coesione, o non si sono mai posti l’obiettivo; non riescono a gestire la tensione all’allungamento, e sono schiavi o partigiani degli interessi di parte.In questi ultimi Paesi - fra i quali il nostro - sono stati inoltre innescati interessi di parte da una gestionemanageriale (e non imprenditoriale) condizionata dalle componenti finanziarie, che hanno obbligato alogiche e a risultati di breve periodo. Tutto ciò ha determinato - e determinerà sempre di più - lastruttura a clessidra della società, cioè la sua polarizzazione, con la parte “media” sempre piùassottigliata, e quella “bassa” sempre più rigonfia.Sul versante economico, ad esempio, salvo rare eccezioni, gli “investimenti” sono stati centellinati: laprogettualità di medio-lungo, caratteristica principale dei veri “investimenti”, avrebbe potuto infattidisturbare gli obiettivi di brevissimo termine. Il mantenimento status quo ha prevalso sull’innovazione, intutti i fattori produttivi: nel fare business, nel riorganizzare processi, nell’ottimizzare il contributo dellepersone.La pressione sui margini ha dunque trovato sfogo non tanto attraverso lo sviluppo del business (nuovaefficacia),quanto attraverso il contenimento dei costi (maggiore efficienza).Un contenimento passatospesso attraverso la prevaricazione sui soggetti deboli della filiera: dai fornitori e piccole imprese, aicollaboratori.UN CIRCOLO VIZIOSO CHE AFFONDA LA CRESCITAUna pressione che a sua volta innesca un ulteriore circolo vizioso: meno soldi, meno consumi einvestimenti (anche di famiglie e piccole imprese), meno crescita per tutti. Certamente non è questa ladirezione di un percorso virtuoso, né in termini di crescita, né tanto meno di coesione sociale.La non coesione ha “prezzi sociali” incredibili per il Paese: la conflittualità diffusa fa sì che le energieimpiegate nel “conflitto” siano sottratte all’evoluzione: la condizione per andare avanti, infatti, è una“energia coesa”. In altri termini, per andare avanti bisogna avere “carburante”, energie da dedicare.Questo vale per tutte le forme di vita, e per qualsiasi entità sociale, piccola o grande, semplice impresao Paese.Se le energie, pur esistenti, dovessero venire usate, invece, per risolvere problemi interni all’entitàsociale, cioè per risolvere “cose che non vanno”, per definizione non potrebbero essere dedicate allasua evoluzione. Un corpo malato non ha le energie per competere: prima deve guarire. La soluzionedei problemi interni è preliminare; si ribadisce: non può essere sviluppato alcun progetto futuro se primaquesti non vengono risolti, perché - volenti o nolenti - questi assorbiranno tutte le energie, e si rimarràin posizione di stallo.PRIMO PASSO L’ETICA PER RAGGIUNGERE COESIONEL’obiettivo preliminare di qualsiasi progetto futuro, quindi, è “star bene”, aver eliminato “malattieinterne”, problemi che rendono conflittuale il contesto sociale. L’obiettivo preliminare è quindiraggiungere una coesione. La coesione è la condizione preliminare per poter sviluppare progetti futuri,per andare avanti. 2
  • 3. Ma se la coesione questo è l’obiettivo basico, quale potrebbe essere il miglior metodo perraggiungerla?Il miglior metodo è l’Etica, il rispetto degli altri. Non tanto l’aver a disposizione un codice etico darispettare, ma fare in modo che l’Etica sia parte integrante e naturale del nostro modo di essere, siaintroiettata, faccia parte di noi fin dal nostro inizio,del nostro naturale modo di pensare. Deve far parte della cultura in cui nasciamo e viviamo, e quindideve essere assimilato in modo naturale.Altrimenti, non c’è risultato. Altrimenti, cioè, il “codice etico” viene trattato come tutti i codici impositivi…L’Etica è fondamentalmente rispetto delle persone, cioè degli altri, e del contesto. Gli altri sono ilcomplemento fondamentale della nostra vita. E quindi:- rispetto per l’altro, accettazione dell’altro;- rispetto delle idee altrui, tolleranza (almeno tolleranza di chi è tollerante);- dialogo aperto tra gli uomini;- solidarietà, fratellanza, aiuto;- e comunque, sempre, rispetto della vita e rispetto del mondo naturale.In Italia non c’è Etica - e quindi non c’è coesione - né nelle persone, né nel Sistema. I sintomidell’assenza di etica sono numerosissimi:- le differenze tra Nord e Sud del Paese;- la scarsa educazione alla legalità, alle virtù civiche;- la forza degli interessi e delle corporazioni, sempre pronti a diventare gli attori concreti di ogni realtà sociale;- gli sperperi nella spesa pubblica;- le eccessive sperequazioni nella ricchezza;- gli imbrogli a tutti i livelli;- l’evasione fiscale;- la criminalità organizzata;- …Certo, la nostra storia ha delle responsabilità. Dalla fine dell’Impero Romano (prima del 500 d.C.), e per1.400 anni abbiamo subìto invasioni, furti, stupri, violenze di ogni tipo, angherie, ingiustizie… Ilcosiddetto “altro” - i non appartenenti alla “famiglia allargata” - è sempre stato una minaccia, da cuidifendersi, a cui ribellarsi, a cui creare contrapposizioni di ogni tipo.Quale Etica avrebbe potuto crearsi…Certo, si può capire. Tuttavia, dal raggiungimento dell’unità nazionale (e sono 150 anni!) non puògiustificarsi un’inerzia totale nel cercare di porre rimedio. Le classi dirigenti dello Stato che si sonosuccedute, al di là della forma, pare siano andate in totale continuità …C’è speranza? C’è rimedio? Qualche miglioramento lungo il corso del tempo potrà arrivare, ma nonsarà affatto sufficiente.LA CULTURA CI AIUTERÀI ricambi generazionali saranno certamente di aiuto, per quanto stiano crescendo in ambiente“inquinato” da un’assenza di Etica.Saranno di aiuto perché le nuove generazioni sono certamente più colte di quelle che vanno asostituire. E la cultura è un “curioso” ingrediente: quando entra dentro di noi, siamo indotti a esplorare,a uscire da noi per interessarci di tutto quello che ci sta attorno, per spostare l’attenzione sugli altri.L’ignoranza centra l’attenzione su di sé, la cultura la sposta sugli altri. 3
  • 4. La cultura quindi aiuterà; ma c’è l’assoluta necessità di interventi acceleratori, per evitare il rischio diuna catastrofe: niente etica  niente coesione  impossibilità di realizzare un progetto di medio-lungoperiodo (quand’anche venisse disegnato)  azzeramento dell’Italia nel panorama internazionale  chediventerebbe quindi terra di disinvestimento totale e di sfruttamento fino all’esaurimento, nellaconflittualità sociale più ingestibile (un vero nuovo Medioevo).C’è, quindi, emergenza: è necessaria una forte presa di coscienza, una condivisione ai fini di unconvincimento collettivo, e un intervento davvero urgente; non debba disarmare il fatto che il percorsodi salvezza possa durare qualche decennio (a patto che si operi senza sbandamenti, altrimenti …). Nonsi hanno alternative.D’altra parte l’impegno è severo. Per costruire qualcosa, sviluppare un progetto di medio-lungo, ci vuolecoesione: quindi “n” anni da quando ci saranno le condizioni, cioè da quando saremo un Paese coeso.Per arrivare alla coesione bisogna aver introiettato negli italiani l’Etica, e aver eliminato tutte le stortureche rappresentano il degrado della “non Etica”.Quanti decenni, se si lavora bene? Forse è il caso di prendere rapidamente l’avvio.VERSO UN PROGETTO DI MEDIO-LUNGO PERIODO, VERSO UNA VISIONE DI “VITA CHEPROSEGUE”Immaginiamo che per il tramite di una nuova cultura etica si raggiunga la coesione, e che si possa direche finalmente c’è un Paese, con l’orgoglio per questo Paese, il senso di alleanza e di appartenenza.Sarebbe sufficiente?Potremmo dire che ci sono le condizioni minime - le fondamenta - per costruire. Per costruireveramente, però, ci vuole un progetto di medio-lungo periodo, ci vuole una visione, una logica diposizionamento del nostro Paese nel contesto internazionale. Ma abbiamo Governanti con questacultura?Oggi per progettare non basta una buona classe politica, sufficientemente rispettosa degli interessi dibreve del Paese. Abbiamo bisogno di qualcosa in più: di Statisti che sappiano disegnare ilfuturo, possibilmente in modo “intelligente”, nel rispetto delle specificità di questo Paese. Le specificitàattuali e potenziali sono molte, e tutte di grande pregio nel posizionare l’Italia nella competizioneinternazionale, per fare del nostro Paese una sintesi nazionale di cui essere orgogliosi.La logica che ci deve guidare deve essere, quindi, quella del “medio-lungo”, che si inserisca e siacompatibile, cioè, con un progetto di “vita che prosegue”: la vita deve continuare e bisogna operaresempre perché il futuro sia favorito, o quanto meno non sia ostacolato.La Domanda, cioè la gente, quantomeno quella elitaria, ha capito che l’evoluzione non può che passareda logiche di Sostenibilità, articolate in tutte le possibili espressioni.Ma il Sistema Italia ce la farà? Si può purtroppo fare anche l’ipotesi che il Sistema non ce la faccia,perché la cultura dominante, nonostante tutti i segnali, va in direzione di continuità con le disgrazie checi stanno accompagnando.E quindi?In alternativa - o in rimedio - si può fare anche un’altra ipotesi: che le Multinazionali che hanno adottatoseriamente politiche di CSR, sviluppino effettiva Responsabilità Sociale anche al di là di diretteconnessioni con la propria attività, con attività concrete e credibili, e siano riconosciute in questo. Ediventino il vero punto di riferimento. Stante la latitanza manifesta dello Stato, è questa - peraltro - unarichiesta crescente della gente. 4
  • 5. Certo, sarebbe un disegno di discontinuità …- …con la nostra cultura,- …con il nostro desiderio di avere un orgoglio di appartenenza.Certo, non avremo più generazioni di cittadini “italiani”. Perdita totale di identità nazionale. Entreremo inun nuovo mondo, ma che forse sarà più equo, e che forse quindi avrà più senso.Ma a che prezzo!ACCELERAZIONE DELL’INSOPPORTABILITÀI segnali di un Sistema “avariato” erano già stati dati da tempo, soprattutto dalla parte più critica dellapopolazione (i segmenti elitari, cioè la parte alta della clessidra). E ciò ben prima dell’avvio della crisiche stiamo attraversando.Adesso, con quello che sta accadendo, l’intolleranza per il Sistema sta crescendo. Anche perché, alcontrario del passato, il coinvolgimento personale nei “guai” è abbondantemente cresciuto:- i due terzi degli Italiani subiscono conseguenze dalla crisi;- aumenta in modo significativo la percezione di precarietà nel mondo del lavoro;- la situazione finanziaria familiare è ai minimi storici;- c’è una forte percezione dell’aumento dei prezzi;- il piacere di spendere si è azzerato, e ha lasciato il passo, anzi, alla frustrazione (necessità di consumare, ma con difficoltà crescenti);- con una strategia di “riduzione dei consumi” che sta sostituendo quella dell’”attenzione ai prezzi e della convenienza”.Il tutto accompagnato da sentimenti e comportamenti di diffidenza crescente verso l’Offerta (tutta),ritenuta di fatto responsabile di tutti gli accadimenti.Quindi: clima di sfiducia, infedeltà. In definitiva: presa di distanza.La “presa di distanza” comunque è stata una decisione sofferta, perché la continua messa indiscussione di tutto in genere non fa che complicare la propria esistenza. Oltretutto la complessità dellavita aumenta in modo esponenziale: oltre ai problemi di Economia e Finanza del Paese, ci sono letensioni sociali, le problematiche professionali, le competenze richieste in modo sempre più elevato inambito professionale, linguistico, informatico.Il bisogno di aiuto è forte, ed è sentito anche in questi segmenti. C’è bisogno di entità credibili, che simeritino sul campo fiducia attraverso attività di vera “orizzontalità” verso la gente.Di fatto è un momento di grandi opportunità per Grandi Marchi. Vediamo, però, quali sono lecaratteristiche dei bisogni fondamentali di questi segmenti, e quali sono le attese verso questi GrandiMarchi.LE TENDENZE FONDAMENTALI DELL’ÉLITEAl soddisfacimento dei bisogni fondamentali in generale assumono sempre più spazio i cosiddetti“consumi di senso”; più in particolare si rileva:- minori propensioni verso le quantità di consumi;- consumi più rispondenti ai propri bisogni;- qualità strutturale/intrinseca alta;- qualità sovrastrutturale eccellente: si consuma “senso”, significati;- si ha denaro, ma il contesto economico sociale ha insegnato a dare più valore al denaro. Se ne vuole spendere di meno;- si ha più cultura, si sa valutare meglio, si ha anche più informazione in generale; aumenta molto, quindi, anche la cultura dell’opportunità (anche web). 5
  • 6. E a proposito di “senso”, questi i nuovi orientamenti/ tendenze:- Esperienze, sensorialità, emozioni- Identificazione, memoria- Territorio, radicamento, autenticità- Mélange, scambio, ibridazione- Cura di sé, benessere, equilibrio- Consapevolezza, autonomia, disintermediazione- Alleggerimento, semplificazione- (Eco)sostenibilità, consapevolezza, eticaCon queste premesse, le attese dell’élite - in generale - verso le Aziende si configurano in quattrodirezioni, tutte ispirate all’”orizzontalità” dei rapporti, cioè al fatto che il consumatore/cliente possa a tuttigli effetti sentirsi considerato dall’Azienda come un vero “partner/socio” da soddisfare nel medio-lungoperiodo.Queste le quattro direzioni: 1. La qualità intrinseca dei prodotti: al di là dei trattamenti cui deve essere sottoposta, la qualità originaria della materia prima non deve scendere a compromessi, con garanzia di tutta la filiera. 2. La rispondenza ai propri bisogni: si desidera che l’Azienda proponga prodotti che veramente sappiano interpretare i propri bisogni. Bisogni il più delle volte non dichiarati, né identificati. La gente non sa quello di cui ha necessità. E’ l’Azienda che deve essere in grado - se è illuminata e se studia attentamente la Domanda - di identificare e proporre nuove soluzioni. Deve essere “davanti” al cliente, e proporgli soluzioni e innovazione di prodotto che rispondano ai bisogni. 3. L’accessibilità. Il prodotto di qualità e rispondente ai bisogni non deve avere un prezzo inavvicinabile, anzi. Ci si aspetta che l’azienda investa anche in innovazione di processo, con l’obiettivo di migliorare (o almeno mantenere) la qualità, ma con costi più contenuti - salvo l’ammortamento per l’innovazione - e quindi consentendo anche un prezzo più contenuto. 4. I contenuti della relazione con la domanda. Si fa riferimento sia alla comunicazione pubblicitaria, sia a tutte le relazioni con la domanda: o Comunicazione pubblicitaria: in un periodo così fortemente connotato dalla crisi, i contenuti della comunicazione devono avere una taratura, devono privilegiare certe tematiche in luogo di altre. Ciò non significa che la comunicazione debba essere seriosa al punto da diventare deprimente, ma che deve essere “adulta”. E deve esserci: comunicare non è un’opzione. o Alla comunicazione si affiancano tutte le modalità di relazione con la domanda, in tutte le sue forme, che devono essere improntate a un massimo di attenzione per la domanda stessa (assunzione del problema, massimo servizio, gentilezza e sorriso sempre).In sostanza, per i segmenti elitari le imprese - posto che vogliano avere successo - devono portare ilcliente/partner al centro di tutte le attenzioni. E c’è la certezza che al di là della contingenza che puòaver innescato il tutto, in futuro sarà sempre di più così. Il cambiamento indotto è definitivo..Stante questa constatazione, si potrebbe pensare che questi segmenti elitari, anche nella loro vitaprivata - e non solo, quindi, nell’esercizio della professione manageriale - abbiano in mente solo sestessi e non il contesto sociale. In realtà non è proprio così. 6
  • 7. UN SUGGERIMENTO CORRETTO: AGIRE SECONDO SOSTENIBILITÀAscoltando compiutamente le critiche che i segmenti alti fanno al sistema, si scopre che hannochiaramente in testa “il colpevole” dell’attuale situazione di crisi: è lo stesso colpevole che hadeterminato l’allungamento e l’eterogeneizzazione della società, e che ha distrutto la coesione sociale,e cioè le politiche di “brevissimo” periodo, atte a ottimalizzare i profitti nel breve.I segmenti elitari, avendo fatto diagnosi corretta, non possono che dare per il futuro suggerimenticorretti per chi dovrà prendere delle decisioni: la parola d’ordine è “Sostenibilità”, cioè sviluppo distrategie compatibili con i bisogni della Società - e della sua coesione - e non solo dei singoli, e dellegenerazioni future e non solo di quelle attuali.Quindi:- Sostenibilità sociale (alla base della “coesione”)- Sostenibilità culturale (uno dei pilastri della sostenibilità sociale)- Sostenibilità economica- Sostenibilità ambientaleIN DEFINITIVALa Domanda - la gente - chiede quindi Sostenibilità, che in definitiva significa:- Agire sempre sulla base di progetti di medio-lungo periodo- Investendo - nei prodotti e nei processi - per dare valore: cose sempre migliori, a un prezzo più equo.Le Aziende più sagge l’hanno capito, e si stanno convertendo. E dai primi riscontri stanno avendoconferme sulla avvedutezza delle scelte.Ma la gente vorrebbe che lo capisse anche il Governo di questo Paese, con queste parole d’ordine, insequenza:- dare Etica al Paese, in tutte le forme di vita- creare Coesione, smettendola con le contrapposizioni per interessi di parte (soprattutto politiche)- definire una visione/progetto di medio- lungo periodo per questo Paese, che si fondi ed esalti le sue specificità - peraltro inimitabili - nella competizione internazionale- che attraverso queste “unique selling proposition” conquisti quote di mercato importanti nei Paesi in forte crescita (Asia, America Latina)- che dia agli Italiani orgoglio di appartenenza a un Paese finalmente di valore.Un sogno? Perché impedirlo… GfK Eurisko Via Monte Rosa 19 20149 Milan, Italy Tel. +39 02 438091 Direct Line +39 02 43809 376 Mobile +39 338 9383436 Fax +39 02 48009 526 e-mail: UfficioStampa.GfKEuriskoit@GfK.com site: www.gfk-eurisko.it 7