A Caccia Di Mostrischio (Maggio 2010)

2,202 views
1,921 views

Published on

Published in: Health & Medicine, Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
2,202
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
11
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

A Caccia Di Mostrischio (Maggio 2010)

  1. 1. Roberto GENTILINI Ufficio Scolastico Provinciale di Reggio Emilia 31 Maggio 2010
  2. 2. PROGRAMMA DELL’INCONTRO • Cos’è (chi è) Mostrischio? • Articolazione del progetto • Modalità didattiche • A chi è destinato • Da chi può essere tenuto • Il ruolo dell’insegnante e il coinvolgimento dei genitori • Quanto costa (…nulla!) • I risultati ottenuti • “E io che posso fare?”
  3. 3. COS’È MOSTRISCHIO? “A caccia di Mostrischio!” è un progetto sperimentale e partecipato di promozione della sicurezza e della salute destinato ai bambini della scuola primaria • Sperimentale: perché aperto alle sperimentazioni e attuato in due (tre?) edizioni “pilota” • Partecipato: perché è prevista la partecipazione e l’interazione di diversi soggetti nel percorso didattico (bambini, genitori, formatore, insegnante, …) La nascita del progetto…
  4. 4. OBIETTIVI DI MOSTRISCHIO Mostrischio ha l’obiettivo di: • promuovere nei bambini la prevenzione e la sicurezza come valori fondamentali per sé e la propria “comunità” • sviluppare nei bambini una maggiore consapevolezza dei pericoli presenti nei diversi ambiti della quotidianità e dei comportamenti corretti per ridurre i rischi presenti • esplorare le percezioni e le idee dei bambini sulla sicurezza negli ambiti dove loro o i loro genitori vivono e lavorano
  5. 5. CHI È MOSTRISCHIO? • è un mostriciattolo che minaccia l’incolumità della famiglia Pericoloni e di ognuno di noi • è un artificio creato per rendere tangibile e concreto ai bambini il concetto di pericolo e di rischio I bambini dovranno aiutare la famiglia Pericoloni a mettere in gabbia il perfido mostro e guadagnarsi il titolo di “cacciatore di Mostrischio”
  6. 6. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO Mostrischio è un percorso didattico in più incontri in cui i bambini sono “accompagnati per mano” dal formatore • 1° incontro: presentazione dei personaggi e creazione di associazioni positive; sicurezza scolastica • 2° incontro: sicurezza domestica • 3° incontro: sicurezza stradale • 4° incontro: sicurezza sul lavoro, consegna dei diplomi, premiazione e festa finale Ogni incontro ha una durata di circa 2-3 ore La frequenza degli incontri è discrezionale
  7. 7. MODALITÀ DIDATTICHE Differenti da una tradizionale lezione frontale Utilizzo costante di strumenti quali: • gioco individuale e di squadra • role-play • visione di audiovisivi (estratti di film o cartoni animati) • esperienze dirette • interazione bambino-formatore e bambino-bambino Mostrischio diverte e crea associazioni positive alla sicurezza
  8. 8. A CHI È RIVOLTO MOSTRISCHIO? Mostrischio è stato ideato per bambini della scuola primaria Nelle sue prime edizioni è stato provato con successo in due classi terze (8-9 anni), ma il progetto così come illustrato nelle Linee Guida è utilizzabile senza particolari modifiche anche nelle classi quarte e quinte È facilmente adattabile anche a bambini di età minore, previa verifica da parte di personale esperto
  9. 9. CHI PUÒ TENERE MOSTRISCHIO? Mostrischio non richiede competenze specifiche di sicurezza ma solo buone doti relazionali e comunicative Le Linee Guida sono “autoportanti” e possono essere usate • tali e quali • come base per costruire varianti e integrazioni Mostrischio può quindi essere tenuto da un genitore volenteroso, da un insegnante, da un educatore, … Nel caso di un insegnante, quest’ultimo non deve coincidere con quello che ospita il progetto nelle sue ore
  10. 10. IL RUOLO DELL’INSEGNANTE L’insegnante “ospitante” ha un ruolo fondamentale Durante gli incontri è determinante per: • la sua conoscenza dei bambini, delle loro peculiarità, delle eventuali difficoltà e delle dinamiche di gruppo • la gestione ottimale dei tempi e degli interventi •… Tra un incontro e l’altro è cruciale per: • rinforzare i concetti appresi mediante consegne, approfondimenti, discussioni • creare aspettativa e preparare l’incontro successivo •…
  11. 11. COINVOLGIMENTO DEI GENITORI “Da’ vita a buoni esempi e sarai esentato dallo scrivere delle buone regole” - Pitagora Il modello comportamentale dei bambini della scuola primaria rimane quello dei propri genitori Mostrischio coinvolge i genitori per: • invitare a modelli comportamentali costruttivi • incoraggiare i bambini a cercare, ridurre ed eliminare i rischi • mettere loro stessi in pratica quanto i bambini suggeriranno Coinvolgimento minimo: • avviso o incontro prima dell’inizio del progetto • incontro conclusivo al termine del progetto
  12. 12. COSTI DEL PROGETTO Mostrischio è un progetto totalmente libero e gratuito Tutto il materiale didattico già disponibile o disponibile in futuro grazie ad INAIL sarà liberamente utilizzabile Mostrischio è un progetto volutamente “povero” nei materiali e negli strumenti didattici Il costo di realizzazione dell’intero progetto per 1-2 classi è stimabile in circa 150-200 € (escluso materiale informatico)
  13. 13. E I RISULTATI? Mostrischio “funziona”! Al di là dell’entusiasmo dei bambini, lo attestano i questionari compilati dai genitori al termine del progetto • “… è successo qualcosa di magico e di speciale…” • “… non mancano le occasioni per riprenderci e consigliarci..” • “… progetto molto importante…” • “… nuova attenzione che ha acquisito…” • “… in auto vengo ripreso se uso il cellulare…” • “… quando mi avvicino alle strisce mi dice di controllare…” • “… un’esperienza che servirà nella loro vita da grandi…” • “… facendomi spostare la padella col manico sporgente…”
  14. 14. CARATTERISTICHE DEL PROGETTO Riassumendo: principali caratteristiche di Mostrischio • Efficace nel raggiungere i suoi obiettivi • Organico; sicurezza a 360° • Strutturato in un percorso unitario • Replicabile facilmente • Interattivo e dinamico • Semplice ed economico da organizzare • Aperto alle sperimentazioni • Fondato su solide basi pedagogiche
  15. 15. E IO CHE POSSO FARE? Mostrischio ha bisogno di voi! Cerchiamo volontari per addestrare nuovi “cacciatori di Mostrischio” e per testare il progetto nella propria realtà Non emuli del progetto ma autori e sperimentatori essi stessi con l’obiettivo di far crescere Mostrischio e farlo giungere a sempre più bambini Siamo a vostra disposizione!
  16. 16. REQUISITI MINIMI Per evitare di snaturare la filosofia del progetto sono stati definiti alcuni requisiti minimi: • Articolazione su più incontri • Coinvolgimento dei genitori • Presenza di due adulti durante gli incontri • Rinforzo da parte dell’insegnante tra un incontro e l’altro • Modalità didattiche basate sul gioco • Disponibilità a condividere le proprie modifiche • Gratuità del progetto e libera distribuzione del materiale
  17. 17. FUTURI SVILUPPI • Completamento dello sviluppo grafico del progetto • Redazione ufficiale delle Linee Guida • Nuovi argomenti da sviluppare (es. Primo Soccorso, raccolta differenziata, simulazioni di emergenza…) • Maggiore formalizzazione del coinvolgimento dei genitori
  18. 18. GRAZIE DELL’ATTENZIONE! Insieme possiamo fare tanto!

×