Social Network e destinazioni turistiche
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Social Network e destinazioni turistiche

on

  • 478 views

Un breve intervento di presentazione dell'e-book "Facebook in tourism", tenuto all'incontro annuale della Società italiana di scienze del turismo (Sistur) del novembre 2011.

Un breve intervento di presentazione dell'e-book "Facebook in tourism", tenuto all'incontro annuale della Società italiana di scienze del turismo (Sistur) del novembre 2011.

Statistics

Views

Total Views
478
Views on SlideShare
478
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
4
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial-NoDerivs LicenseCC Attribution-NonCommercial-NoDerivs LicenseCC Attribution-NonCommercial-NoDerivs License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment
  • 20 novembre 2007 Seminario Centro Studi TCI

Social Network e destinazioni turistiche Social Network e destinazioni turistiche Presentation Transcript

  • Università degli Studi di BergamoCentro Studi per il Turismo e lInterpretazione del Territorio (CeSTIT)Dipartimento di Scienze dei linguaggi, della comunicazionee degli studi culturaliFacoltà di Lingue e Letterature straniereSocial Network edestinazioni turistiche.Problemi e strategieRoberto PerettaSocietà italiana di scienze del turismoAssemblea annuale, novembre 2011
  • Social Network e destinazioni turistiche Di che cosa parliamo? 1. La questione. Qualcosa che arriva dal di fuori. 2. I problemi. Che fare con la presenza aliena? 3. Le strategie. Ignorare, seguire, attaccare? 4. Alcuni casi. Chi ha fatto cosa in Italia e all’estero? 5. La ricerca accademica, in Italia rispetto all’estero.Sistur, novembre 2011 Social Network e destinazioni turistiche. Problemi e strategie 2
  • Social Network e destinazioni turistiche Qualcosa che arriva dal di fuori I Social Network come Facebook, YouTube, Flickr, Google+ o – sul lato professionale – LinkedIn, sono affermati e anzi oramai egemoni nella sfera della comunicazione digitale. Insomma, volenti o nolenti, bisogna farci i conti... Ma, come era accaduto circa un decennio fa con l’avvento della comunicazione web, le destinazioni turistiche non sembrano essere state per tempo all’altezza della novità. La questione si pone in modo particolare, salve le debite – e solite – eccezioni, per le destinazioni turistiche italiane.Sistur, novembre 2011 Social Network e destinazioni turistiche. Problemi e strategie 3 View slide
  • Social Network e destinazioni turistiche Qualcosa che arriva dal di fuori In generale, la discussione corrente sui Social Network tende a incentrarsi sull’atteggiamento dell’utenza.  “È giusto avere un account Facebook?”  “Avere un account Facebook davvero amplia la sfera d’influenza di chi lo usa?”  Banalmente: “Un amico Facebook è un vero amico?”  Meglio: “Quali problemi di privacy e di sicurezza pone la partecipazione ai Social Network?” In termini di possesso dei mezzi di produzione, però, la vera novità posta dall’avvento dei Social Network è la concentrazione della proprietà.Sistur, novembre 2011 Social Network e destinazioni turistiche. Problemi e strategie 4 View slide
  • Social Network e destinazioni turistiche Qualcosa che arriva dal di fuori Questa concentrazione è del tutto “naturale”. Lo è, quanto meno, dal punto di vista della ricerca accademica, perché la ricerca ha dimostrato che tutte le reti si comportano in base alla legge di potenza. Fonte: Barabási, 2002Sistur, novembre 2011 Social Network e destinazioni turistiche. Problemi e strategie 5
  • Social Network e destinazioni turistiche Qualcosa che arriva dal di fuori Com’è noto, in termini di destinazioni – e di industria turistica – la concentrazione aveva già protagonisti  siti di recensioni come TripAdvisor, e  siti di prenotazione (Online Travel Agent) come Booking.com o di comparazione come Trivago.Sistur, novembre 2011 Social Network e destinazioni turistiche. Problemi e strategie 6
  • Social Network e destinazioni turistiche Qualcosa che arriva dal di fuori Queste concentrazioni precedenti – detto qui a titolo di inciso – sono benvenute dalla piccola imprenditoria alberghiera, che attraverso di esse ha maggiori probabilità di garantirsi un’occupazione delle camere, ma sono invise dalla media e grande imprenditoria, e spesso anche dalle destinazioni, perché sottraggono profitti e possono perfino orientare i flussi. Comunque, non a caso ora anche i siti di prenotazione incoraggiano la propria utenza a scrivere recensioni degli alberghi dove si è stati.Sistur, novembre 2011 Social Network e destinazioni turistiche. Problemi e strategie 7
  • Social Network e destinazioni turistiche Qualcosa che arriva dal di fuori Facebook e gli altri Social Network hanno semplificato, generalizzato e imposto su scala di massa la logica di condivisione – il famoso share – che era già alla base delle recensioni sullo stile di TripAdvisor.  Se vogliamo dare nomi a questo passaggio, possiamo dire che dalle fase delle community (condivisione di pareri su specifici temi) si è passati appunto a quella dei Social Network (condivisione generalizzata di pareri, presenze, consigli, intimità).  Una conclusione – che si poteva già trarre nella fase delle community, ma ora è confermata e amplificata dai Social Network – è che l’utenza si fida degli altri utenti più che delle autorità.Sistur, novembre 2011 Social Network e destinazioni turistiche. Problemi e strategie 8
  • Social Network e destinazioni turistiche Che fare con la “presenza aliena”? Potremmo dire che i Social Network hanno dato materializzato e dato massa alla “presenza aliena”.  Questa presenza aliena ha carattere duplice: da una parte è la massa degli utenti, i nostri turisti,  ma, dall’altra parte, è una massa che continua a concentrarsi presso pochi proprietari.  Facebook, Flickr, Google (che possiede tanto YouTube quanto Google+ e GoogleMaps) e LinkedIn reclamano diritto di proprietà sui contenuti testuali e multimediali che la massa di utenti pubblica.  Comunque, quand’anche non reclamassero proprietà, è tutta “roba” che sta sui loro server, e che possono quindi analizzare, confrontare, utilizzare – e rivendere.Sistur, novembre 2011 Social Network e destinazioni turistiche. Problemi e strategie 9
  • Social Network e destinazioni turistiche Che fare con la “presenza aliena”? Prima conseguenza per le destinazioni turistiche: assolutamente non rinunciare ai propri siti web per dedicarsi soltanto al Social Networking. Questo potrebbe sembrare un rischio improbabile. Ma per destinazioni nuove, che nascono ora o non hanno ancora web presence consolidata, è un rischio reale.Sistur, novembre 2011 Social Network e destinazioni turistiche. Problemi e strategie 10
  • Social Network e destinazioni turistiche Che fare con la “presenza aliena”?Sistur, novembre 2011 Social Network e destinazioni turistiche. Problemi e strategie 11
  • Social Network e destinazioni turistiche Che fare con la “presenza aliena”? Per le destinazioni “storiche”, invece, è più probabile il rischio opposto: stare a guardare. È già accaduto sul versante dell’offerta alberghiera locale. Ci sono state destinazioni che, messe di fronte alla dicotomia tra vendere direttamente i propri pernottamenti o viceversa cercare accordi con i siti di prenotazione, hanno scelto di non fare niente.Sistur, novembre 2011 Social Network e destinazioni turistiche. Problemi e strategie 12
  • Social Network e destinazioni turistiche La ricerca accademica Il contesto della ricerca internazionale. La Ifitt, International Federation for Information Technology and Travel and Tourism. Una realtà da vent’anni, con Springer Wien New York. 1.In Italia, il gruppo di Trento. 2.La Bocconi, parte dirigente nella (ri)costituzione di una sezione italiana (Chapter) della Ifitt. 3.Genova e Firenze: al versante dell’industria. 4.Il Ciset a Venezia: altre priorità. 5.Umbria: i pionieri. 6.Il gruppo di Lugano: sono “italiani”? Fine 2010. Una giornata di studio a Bergamo. Estate 2011. La pubblicazione degli atti in e-book.Sistur, novembre 2011 Social Network e destinazioni turistiche. Problemi e strategie 13