• Save
Presentazione Awr 6.5 Build 2
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Presentazione Awr 6.5 Build 2

on

  • 557 views

Tutorial sul software per SEO Advanced Web Ranking della Caphyon

Tutorial sul software per SEO Advanced Web Ranking della Caphyon

Statistics

Views

Total Views
557
Views on SlideShare
557
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Presentazione Awr 6.5 Build 2 Presentazione Awr 6.5 Build 2 Presentation Transcript

  • Caphyon Advanced Web Ranking 6.5 Software per il supporto nelle attività SEO 05/11/2009 1
  • “Project Manager” All’avvio del programma si apre la finestra del “project manager” che permette la selezione di un progetto esistente o la creazione di un nuovo progetto. Per catapultarci da subito nell’esplorazione delle caratteristiche di questo software vedremo inizialmente la gestione di un progetto già esistente 05/11/2009 2
  • Caphyon Advanced Web Ranking 6.5 Parte I Monitoraggio 05/11/2009 3
  • “Advanced Web Ranking Assistant” Una volta scelto il progetto su cui vogliamo lavorare apparirà una schermata che permetterà di selezionare rapidamente alcune fra le principali funzioni del nostro programma. Per cominciare controlleremo il posizionamento attuele del nostro sito clickando su “Update project” 05/11/2009 4
  • “Updating project” Clickando su “Update project” Apparirà una schermata dove vedremo nella parte in basso una lista dei motori di ricerca e delle keywords aggiunte in fase di definizione del progetto. La scansione viene effettuata sulle prime 50 posizioni (5 pagine) dei motori di ricerca. Secondo il numero di keyword e di motori di ricerca scelti questa fase può risultare abbastanza lunga. Nel menù a discesa Update è possibile settare le opzioni di aggiornamento. Nell’esempio qui sotto aggiorneremo solo i dati di Bing mentre nell’immagine grande vediamo un aggiornamento per tutti i motori e le keyword scelte 05/11/2009 5
  • “Current Rank” Nella schermata del “current rank” ci stiamo iniziando ad inoltrare nelle funzionalità del software. A sinistra della schermata abbiamo 4 sezioni: Keywords, Search Engine, Websites; sulla destra abbiamo un “help” a tema mentre al centro abbiamo le informazioni che ci servono. Selezionando la parola chiave ed il motore di ricerca, ci viene visualizzato l’attuale posizionamento delle pagine del sito scelto, mostrando anche l’evoluzione rispetto ai precedenti controlli. Oltre al “report”, nell’immagine, possiamo avere i dati estesi che ci mostrano posizionamento ed evoluzione in tutti i motori di ricerca scelti in definizio del progetto oppure un grafico che mostra le variazioni del nostro posizionamento. 05/11/2009 6
  • “Keyword rank” Passando alla schermata del “keyword rank” vedremo l’evoluzione del posizionamento del sito per tutte le keyword scelte in definizione del progetto in un determinato motore di ricerca. Nel grafico possiamo seguire l’evoluzione del posizionamento ai vari aggiornamenti. Per alcune keyword come “tuo cavallo” siamo crollati apparendo però alle prime due posizioni per “Resort in Sardegna” che è stata scelta come keyword principe. Questo è dovuto all’ottimizzazione per la keyword principale fatta anche a scapito di keyword minori 05/11/2009 7
  • “Search engine rank” Nella schermata “search engine rank” possiamo seguire l’evoluzione del posizionamento per una keyword sui vari motori di ricerca Nel report dell’immagine possiamo osservare come per la keyword “horse school” siamo comparsi su MSN, che sta diventando in questi giorni BING e i cui risultati si stanno pian piano allineando, ma soprattutto possiamo vedere come l’ottimizzazione dei meta tag e dei contenuti abbia consentito su yahoo un sensibile miglioramento della posizione. Yahoo ed MSN sono molto sensibili rispetto a google all’ottimizzazione: con google bisogna fare attenzione perché se si sovraottimizza si rischia di ottenere il risultato inverso incorrendo in penalizzazioni. 05/11/2009 8
  • “Top sites” “Top sites” è un’utile funzione che mostra i siti meglio posizionati per una keyword ed un motore di ricerca scelti. Risulta utile all’inizio dell’attività SEO per vedere la concorrenza, l’evoluzione della situazione e per studiare i siti concorrenti vedendo a quali modifiche può essere dovuta una variazione di posizione Nell’immagine possiamo osservare come il sito “hotelvalledell’erica” abbia avuto un miglioramento, in due giorni di 7 posizioni su yahoo! per la keyword “Resort in Sardegna”. Una tale variazione è probabilmente dovuta a modifiche sul sito che, monitorato prima e dopo, ci avrebbe potuto dare indizi su come orientare il nostro operato. 05/11/2009 9
  • “Overview” “Overview” da una panoramica della situazione per tutte le keywords e siti su un motore di ricerca scelto. Al fine di una più semplice consultazione è possibile applicare dei filtri: nel caso illustrato dall’immagine ho applicato il filtro “changed” per poter visualizzare tutte le variazioni di posizionamento ottenute su google. Nell’immagine accanto possiamo vedere i filtri disponibili. Fra questi trovo di particolare rilevanza, per il monitoraggio dell’attività svolta, il filtro “changed” che permette di vedere i cambiamenti dopo aver realizzato delle modifiche, dando un termometro sulla bontà del lavoro svolto. 05/11/2009 10
  • “Visibility” “Visibility” è lo strumento che serve per controllare la visibilità del proprio sito in base ad un set di keyword e di motori di ricerca. Qui sotto vediamo il controllo sui principali motori di ricerca, google, yahoo! E MSN per un set di keyword selezionate. I dati indicano un’indicizzazione per 7 nuove keyword, un’apparizione in prima posizione con una nuova keyword, 8 nelle prime due pagine con incremento di tre pagina rispetto all’aggiornamento precedente È possibile scegliere i parametri da visualizzare. Nell’esempio sopra abbiamo concentrato l’attenzione sulle prime due pagine di un motore di ricerca e particolarmente sulle prime cinque posizioni, quelle che statisticamente riescono a garantire un maggior traffico. 05/11/2009 11
  • “Keyword analysis” Altro strumento essenziale per l’ottimizzazione SEO di un sito, il keyword analizer consente di verificare le occorrenze delle keywords, la loro densità e la loro prominenza. Questa analisi può essere fatta sui contenuti, sui meta tag title, keyword e description, sui links e sugli img ALT. Tenendo conto della densità delle keyword si può evitare di incorrere nelle penalizzazioni da parte di google dovute alla sovraottimizzazione 05/11/2009 12
  • Caphyon Advanced Web Ranking 6.5 Parte II Modifica e creazione di un progetto 05/11/2009 13
  • Editare un progetto Clickando sul simbolo , presente nelle sezioni “keywords, “Search engines” e “Websites”, si aprirà il menù “Project settings” che consente di modificare il progetto. Il “Project settings” è lo stesso menù che consente di creare un progetto: per questo trattiamo la creazione e la modifica insieme. In base alla sezione in cui viene clickato . appariremo in una scheda o l’altra del “Project settings” 05/11/2009 14
  • “Search Engines” Nella prima sezione ci è possibile visualizzare e selezionare i motori di ricerca sui quali vogliamo fare attività di monitoraggio. Clickando su “edit search engines” ci appare una finestra dove vediamo una lista comprendente motori da tutto il mondo: ci viene incontro un filtro dove digitando Italy ci rimangono solo i motori italiani. Una volta filtrati i risultati ci bastera spuntare i motori di ricerca che ci interessano e dare l’“Ok” 05/11/2009 15
  • “Keywords” Nella sezione keywords dobbiamo inserire le parole chiave con le quali intendiamo posizionare il nostro sito. Come visto nella parte precedente spesso andavamo a selezionare una parola chiave ottenendo i dati sul sito che la riguardavano. Questa sezione offre interessanti funzioni come il “suggerimento automatico” mentre digitiamo le parole chiave ed il costruttore di parole chiave partendo da una frase. 05/11/2009 16
  • “Websites” In questa sezione inseriamo i siti che vogliamo monitorare. Oltre all’aggiunta di un sito alla volta è possibile importare delle liste: • L’opzione “Type websites” permette di inserire una lista di siti uno per riga; • L’opzione “Import from file” permette l’importazione di una lista precedentemente esportata tramite la funzione “export” fornita dal software; • L’opzione “Import from URL” permette di importare pagine e siti dai link contenuti all’URL dato. Altra fondamentale funzione è “Index aliases” dove andiamo a definire le pagine indice dei nostri siti 05/11/2009 17
  • “Client emails” Advanced Web Ranking offre la possibilità di inviare i report via e-mail. Per sfruttare questa funzione vanno aggiunti al progetto una serie di contatti con nominativo ed indirizzo. Questi verranno poi inseriti nella lista destinatari quando si vorranno inviare dei report via e-mail 05/11/2009 18
  • “Preferences” Da questa scheda è possibile settare le impostazioni del singolo progetto o ereditare le impostazioni globali. Fra le opzioni abbiamo la profondità di ricerca, settata di default a 50 (5 pagine), la profondità di ricerca dei “Top sites” settata a 20, la frequenza di aggiornamento del Page Rank e di Alexa Rank, la cartella contenente i report ed i settaggi per gli aggiornamenti. 05/11/2009 19
  • “Proxy” Dalla scheda proxy possiamo gestire i proxy server: è possibile aggiungerne, non utilizzare impostazioni per proxy o selezionare il proxy fra quelli impostati. Per impostare un proxy clickiamo su “Manage proxy servers” e vedremo aprirsi il “Proxy manager”. Clickando su “Add” si aprirà la finestra “Proxy settings” dove sarà possibile inserire indirizzo, porta, dati di autenticazione ed autenticazione integrata di Windows. Clickando invece su “import” nel “Proxy manager” sarà possibile importare le impostazioni da file precedentemente esportato. 05/11/2009 20
  • Caphyon Advanced Web Ranking 6.5 Parte III Tools per attività SEO 05/11/2009 21
  • “Tools” Advanced Web Ranking è un software utile per monitorare un’attività SEO ma non solo. Con i suoi strumenti il software Caphyon accompagna l’utente lungo tutto il percorso della sua attività, partendo dalla scelta delle parole chiave, alla densità di queste nei contenuti, alla ricerca di link nel web. Fra i vari strumenti vediamo “Submitter” che ci catapulterà nelle pagine dei vari motori e delle directory a cui segnalare il nostro sito e “Keyword Suggest tool” che ci permetterà di sfruttare la potenza di strumenti quali “google adwords”, “Yahoo! Search Marketing”, “Miva” e molti altri per la scelta delle nostre parole chiave. “Update progress” ha l’unica funzione di portarci all’omonima scheda, già analizzata all’inizio della presentazione. “Event log viewer” permette di vedere il log di tutti gli eventi, filtrati o meno a discrezione dell’utente. Attenzione alla funzione di “Update visibility”: serve a rimuovere i dati nell’intervallo di tempo selezionato! 05/11/2009 22
  • “Submitter” La funzione di “submitter” è una funzione preziosissima per chiunque si appresti ad iniziare un’attività SEO. Nella scheda che viene aperta selezionando la funzione nel menù ci troviamo con una lista di siti sulla sinistra: questi sono motori di ricerca e directories di varie nazionalità. Nell’immagine abbiamo selezionato la directory dmoz, fra le più conosciute ed importantissima per l’alto trust rank assegnatole da google. Clickando su “Open submit page” verremo portati alla pagina web dell’“Open directory project” dove effettuare la nostra iscrizione. 05/11/2009 23
  • “Notes” La funzione “Notes” permette di appuntarsi delle note riguardanti tutte le parole chiave o una a scelta e tutti i motori di ricerca o uno scelto da noi su un sito in particolare o su tutti. Oltre a ciò è possibile assegnare alla nota una “Priorità” 05/11/2009 24
  • “Keyword suggest tool” Come annunciato in precedenza ecco la funzione che ci aiuterà nella scelta delle parole chiave. Da questa finestra si può scegliere quale strumento utilizzare e cominciare subito con la nostra attività SEO. 05/11/2009 25
  • “Local Search Engines Manager” Alcuni motori di ricerca (in Italia abbiamo “yahoo! Local” per gli esercizi commerciali) permettono delle ricerche per area geografica. Per questi motori di ricerca è possibile impostare le varie aree in cui effettuare le nostre ricerche. Le aree predefinite corrispondono tutte a città negli Stati Uniti ma è anche possibile definire nuove aree dandole un nome, le coordinate geografiche e l’ampiezza. 05/11/2009 26
  • Caphyon Advanced Web Ranking 6.5 Parte IV Altre funzionalità 05/11/2009 27
  • “Schedule” Lo “Scheduler” permette di programmare operazioni come l’aggiornamento delle informazioni raccolte, la generazione di un report o il backup dei dati per il progetto corrente o per uno degli altri. Il menù è semplice ed intuitivo e non necessita chiarimenti. 05/11/2009 28
  • “Reports” Advanced Web Ranking permette di generare dei report sulla nostra attività. Dall’apposito menù scegliamo cosa esportare e poco dopo ci verrà aperto nel nostro browser una pagina in formato html contenente le informazioni esportate. 05/11/2009 29
  • “Edit reports” - 1 Edit reports è una funzione che permette di personalizzare i report, creando un nuovo template o modificando quello in uso dal programma. Iniziamo con l’esplorazione della funzione “New report template” che ci porterà a definire un nostro formato per i report generati. Nella prima schermata siamo chiamati a scegliere il tipo di report che vogliamo generare fra quelli proposti. Nel nostro esempio abbiamo scelto di generare un report sul “keyword rank” 05/11/2009 30
  • “Edit reports” - 2 Nelle schermate sucessive per la creazione di un “report template” dovremo scegliere fra una montagna di informazioni ed opzioni ma tutte utili ad avere un report che ci fornisca esattamente le informazioni che desideriamo. Per prima cosa definiamo gli input scegliendo l’intervallo di tempo da valutare, le keyword, i motori di ricerca e i siti. Da questa schermata è possibile rendere disponibile il template per gli altri progetti. Nella seconda finestra definiremo l’output: formato, stile, filtri, ordine di visualizzazione, dati da mostrare 05/11/2009 31
  • “Edit reports” - 3 Nelle schermate successive scegliamo le impostazioni sul file, nome e percorso, altri dati come il titolo del report e infine ci viene offerta la possibilità di inviarlo via e-mail o di caricarlo su un server via ftp. Scelte queste informazioni ci verrà poi mostrato un sommario con le nostre impostazioni e saremo a solo un click dal nostro report personalizzato. 05/11/2009 32
  • “Manage reports” Il “Report manager” ci permette di modificare le impostazioni dei “report template” standard. Clickando sul tasto “edit” ci ritroveremo gli stessi passaggi visti per la creazione del nostro “report template”. Tramite il “Report manager” è anche possibile creare duplicati, eliminare o creare nuovi “report template”. 05/11/2009 33
  • “Triggers” - 1 I trigger consistono nell’attivare una o più operazioni a seguito di un evento. Il software in esame consente di definire dei trigger, di modificarli e di richiamarli. Vediamo come fare: Clickando su “New trigger” si apre la finestra che vediamo qui a fianco. Abbiamo la possibilità di definire un trigger per il progetto aperto oppure per tutti i nostri progetti. Nel nostro esmpio scegliamo di definirlo solo per il progetto corrente 05/11/2009 34
  • “Triggers” - 2 I trigger che andiamo a definire causano la creazione di un “report standard”: abbiamo scelto “Keyword rank”. La schermata successiva ci fa scegliere gli input (keywords, motori di ricerca e websites) e le condizioni. Per ogni condizione è possibile modificare gli input. Nell’esempio in figura abbiamo deselezionato il vecchio motore di ricerca Microsoft dagli input per il report in caso di cambiamento di posizione delle nostre parole chiave 05/11/2009 35
  • “Triggers” - 3 Una volta eseguiti i passi descritti nelle pagine precedenti ci troveremo a personalizzare il report come fatto col “report manager” con l’unica differenza che non passeremo per la pagina degli input, già selezionati nella definizione del trigger. Terminati questi passi ci troveremo davanti un sommario delle opzioni del nostro trigger: clickando su finish ci verrà chiesto di dargli un nome. Ora abbiamo definito il nostro Trigger che da subito apparirà alla voce “Execute” del Menù “Triggers” e sarà contenuto ne “Trigger Manager” 05/11/2009 36
  • “Manage triggers” Clickando la voce “Manage triggers” del menù Triggers, dopo aver definito almeno un trigger potremo andare a modificare i triggers esistenti o crearne di nuovi. Sarà inoltre possibile duplicare un trigger, rinominarlo o eliminarlo. Clickando il bottone “edit” andremo a modificare il trigger selezionato passando nuovamente fra le finestre viste durante la sua creazione. 05/11/2009 37
  • “Filters” Nel menù “Filters”, come nei precedenti, potremo creare o gestire filtri personalizzati. I filtri vengono creati per combinazione logica tra filtri esistenti e filtri personalizzati tramite espressioni booleane Una volta creato il nostro filtro, scegliendo fra combinazioni preesistenti e create ad hoc, clickiamo su Ok e vedremo apparire una finestra che ci chiederà di dare un nome al nostro filtro. 05/11/2009 38
  • “Manage Filters” Il “Filter Manager” ci permette di modificare, duplicare, cancellare o creare filtri. Nella prima schermata ci viene mostrato il codice del filtro selezionato in algebra booleana. 05/11/2009 39
  • Caphyon Advanced Web Ranking 6.5 Parte V Opzioni 05/11/2009 40
  • “Options” - 1 Lasciando le preferenze alla fine, partiamo descrivendo le prime voci. La voce “Address Book” è un’elenco di contatti e-mail mentre l’“ftp profiles” permette di impostare una connessione ftp verso il nostro sito. 05/11/2009 41
  • “Options” - 2 Le prossime due voci che esploriamo sono “Manage Headers and Footers”, che permette di scrivere intestazioni e pié di pagina o di caricarli da file, e “Manage Layout” che ci permette di scegliere le schede che vogliamo visualizzare nel nostro programma. 05/11/2009 42
  • “Options” - 3 Vediamo ora le ultime voci prima delle preferenze. Alla voce “User profiles” possiamo creare, eliminare e modificare utenti. Ad ogni utente è possibile assegnare un gruppo ed una password. Vediamo infine in fondo al menù delle opzioni una lista di manager. “Manage Browser” contiene una lista di browser, “Manage project list” permette di creare e modificare liste di progetti, “Manage multiple date templates” ci permette di creare e modificare dei templates per la visualizzazione a date multiple disponibile per il monitoraggio, “Manage search engine lists” ci permette di gestire una lista personalizzata di motori di ricerca, “Manage access groups” ci consente di creare e rimuovere gruppi e definirne i permessi. “Manage proxy server” l’abbiamo già incontrato in precedenza. 05/11/2009 43
  • “Preferences” - 1 Abbiamo lasciato al termine il menù preferenze perché, per la mole di contenuti, è un vero e proprio menù a sua volta. Nell’immagine accanto vediamo i settaggi dell’applicanzione, abbastanza intuitivi che non richiedono spiegazioni. 05/11/2009 44
  • “Preferences” - 2 Nella scheda e-mail ci viene chiesto di settare un account mittente per le comunicazioni inviate da Advanced Web Ranking 05/11/2009 45
  • “Preferences” - 3 Le impostazioni per l’“ftp” sono poche e semplici quindi non ci soffermeremo, come non ci soffermeremo sulla scheda “Proxy server” che rimanda al già esaminato “Proxy manager”. Scheda interessante è invece quella delle prestazioni che contiene le impostazioni del programma utili per un lavoro SEO Nella scheda preferenze abbiamo da settare parametri come la profondità di ricerca, il numero dei siti “top” ecc. Questa è la sezione chiave delle impostazioni per settare i parametri che interessano a noi (benché quelli di default siano già ottimi per il nostro compito). 05/11/2009 46
  • “Preferences” - 4 Le due schede a seguire, “Report page setup” e “Report preferences” servono a impostare lo stile di visualizzazione di pagina e contenuti dei vari report. I menù sono semplici e contengono voci quali “Inserisci icone dei motori di ricerca…” intuitive e descrittive. Pertanto non ci soffermeremo su queste due schede 05/11/2009 47
  • “Preferences” - 5 L’ultima scheda del menù “preferenze” riguarda la “keyword analysis”. Fra le opzioni da settare abbiamo: • Il percorso dove salvare le analisi; • Le parole consentite in una keyword; • La densità ottimale minima e massima; • La funzione suggerimenti; • La funzione importazione da WayBackInTimeMachine dei cambiamenti a partire da una data scelta; • Come considerare cambiata una keyword: - Al variare delle occorrenze; - Al variare della densità; - Al variare delle prominenza. 05/11/2009 48
  • Caphyon Advanced Web Ranking 6.5 Parte VI Caratteristiche 05/11/2009 49
  • Caratteristiche - Enterprise Le seguenti caratteristiche sono disponibili soltanto per la versione “ENTERPRISE” di “Caphyon - Advanced Web Ranking 6.5” • Keyword research tool; • Project manager; • User profiles; • Triggers; • Custom filters; • Export rank data in XML, CSV; • Google Page Rank; • Proxy per project; 05/11/2009 50
  • Caratteristiche - Professional Le seguenti caratteristiche sono disponibili sulla versione “PROFESSIONAL” ed “ENTERPRISE” di “Caphyon - Advanced Web Ranking 6.5” • Create printable reports in multiple formats; • Customizable reports; • Local search for Google and Yahoo!; • Quick reports; • Save reports to a user specified folder; • Send reports to multiple e-mail adresses; • Send compressed zip reports by e-mail; • Upload reports to your website; • Schedule report creation; • Schedule multiple project updates; • Schedule backups for project data; • Export rank evolution data to CSV; • Event logger; • Multiple API keys; • Submit your website to search engines. 05/11/2009 51
  • Caratteristiche – Standard 1 Le seguenti caratteristiche sono disponibili su tutte le versioni di “Caphyon - Advanced Web Ranking 6.5” • Create printable reports in multiple formats; • More than 1000 international and local search engines; • Friendly to Search Engines and their resources; • Set performance settings for each search engine independently; • Tracking the progress of your rankings over time; • Schedule project updates at the time and date of your choice; • Monitor pay per click search engines; • Use Google API to search on Google; • Use Yahoo API to search on Yahoo; • WordTracker integration; • Google Suggest integration; • Keyword Generator; • Functions from behind a firewall; • Minimize bandwidth usage; • Automated search engines definition updates; 05/11/2009 52
  • Caratteristiche – Standard 2 •Search engine updates within 48 hours; • Localized search in language and country; • Page markers in graphical charts; • Column Selector; • Assign colors to websites; • Assign colors to keywords; • Backup and Restore functionality; • Import historical data from Web Position Gold; • Import keywords from a file and from the META tag of a website; • Import keywords from Google Suggest; • Export keywords from projects to a local file; • Import URLs from files or web pages; • Export URLs from projects to local files; • Multiple language user interface; • Monitor search engines that use Unicode characters; • Request new search engines to be added; • Runs on Mac OS X, Windows and Linux; • 12 months free maintenance plan; • Free email support. 05/11/2009 53