• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Pac, in Emilia-Romagna il più colpito sarà il latte
 

Pac, in Emilia-Romagna il più colpito sarà il latte

on

  • 113 views

Pac, in Emilia-Romagna il più colpito sarà il latte - L'INFORMATORE AGRARIO

Pac, in Emilia-Romagna il più colpito sarà il latte - L'INFORMATORE AGRARIO

Statistics

Views

Total Views
113
Views on SlideShare
113
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Pac, in Emilia-Romagna il più colpito sarà il latte Pac, in Emilia-Romagna il più colpito sarà il latte Document Transcript

    • l’obbligo di destinazione ad aree eco- logiche, cioè per scopi di natura am- bientale e paesaggistica, del 7% della superficie ammissibile agli aiuti; il mantenimento dei prati perma- nenti presenti in azienda. La quota dei pagamenti per il gree- ning costituirà il 30% degli aiuti diretti al reddito e, nel caso in cui non venga- no adempiuti i relativi obblighi, sono previste sanzioni che possono portare fino alla revoca totale di tutti gli aiu- ti. Tale condizione rende il greening un adempimento obbligatorio al fine di ottenere l’erogazione del premio di base, vale a dire quella parte degli aiu- ti diretti legata a ciascun ettaro di sau posseduto (1 ). Per l’Italia la futura pac rappresente- rà, inoltre, il momento in cui sarà ne- ● ● cessario effettuare il passaggio ai pa- gamenti regionalizzati, quindi ad aiuti per ettaro uniformi a livello territoria- le, tema su cui finora il nostro Paese ha sempre rinviato la scelta. In questo contesto, ancora fluido, l’analisi che se- gue è stata svolta sulla base di quanto indicato nella proposta di regolamen- to, per ora unico documento ufficiale della Commissione europea. Il modello e gli scenari di valutazione Per valutare gli impatti della futu- ra pac è stato utilizzato il modello di programmazione matematica deno- minato Agrisp (2 ) che si caratterizza per l’utilizzo congiunto della banca da- ti europea Rica (Rete di informazione contabile agricola), dalla quale vengo- no reperite le principali informazioni economiche rilevate su circa 11.000 aziende italiane, e della banca dati dei pagamenti in agricoltura Agea, dalla quale sono state estratte le informa- zioni relative alle superfici agricole e agli aiuti erogati. La combinazione delle due banche dati permette di ottenere una perfet- ta rappresentatività del territorio og- getto di analisi che, nella fattispecie, è la regione Emilia-Romagna. I risultati restituiti dal modello ma- tematico consentono di stimare le scel- te produttive dell’impresa in presenza Pac, in Emilia-Romagna il più colpito sarà il latte di Roberto Gigante L’acceso dibattito sulla futu- ra pac vede impegnati, or- mai da oltre un anno, Stati membri, Parlamento e Com- missione europea nell’intento di tro- vare una mediazione. Il susseguirsi di emendamenti di mo- difica, mai così numerosi, non ha anco- ra portato a un documento definitivo, pur essendo concordi i diversi attori nell’indicare il sistema degli aiuti del Primo pilastro come principale campo di scontro. Tra i temi maggiormente dibattuti vi sono le nuove misure am- bientali di «inverdimento», il cosiddet- to greening che, sebbene rappresenti un elemento di grande innovazione, desta non poche preoccupazioni. Le principali novità Le nuove pratiche ambientali, così come formulate nella bozza di regola- mento (che la Commissione agricoltura del Parlamento europeo ha proposto di modificare nella seduta del 23-24 gen- naio scorso; vedi anche L’Informatore Agrario n. 4/2013, pag. 9-11), appaiono particolarmente stringenti dato che richiedono: la scelta di 3 differenti colture sulle superfici a seminativo superiori a 3 ha, ove nessuna delle 3 può coprire meno del 5 e più del 70% della superficie; ● A soffrire del processo di riforma saranno soprattutto le aree montane, quelle cioè su cui grava maggiormente la scarsa competitività dell’allevamento da latte affiancata da una esigua possibilità di attivare altri processi produttivi NUOVA PAC ANALISI 36 6/2013L’Informatore Agrario • © 2013 Copyright Edizioni L'Informatore Agrario S.r.l.
    • TABELLA 1 - Variazione superfici investite tra scenario di baseline e green Processi Baseline Green Variaz. (%)ha Frumento 113.935 109.008 –4,3 Mais 80.476 75.665 –6,0 Altri cereali 21.665 25.639 +18,3 Riso 7.865 7.576 – 3,7 Soia 21.608 20.732 –4,1 Altri semi oleosi 9.180 8.214 –10,5 Barbabietola 72.711 71.863 –1,2 Pomodoro 28.518 27.837 –2,4 Foraggere 263.784 235.802 –10,6 Prati e pascoli permanenti 11.073 11.473 +3,6 Altre colture 39.020 38.397 –1,6 Superficie greening 0 37.630 Totale 669.835 669.835 La riduzione delle superfici a colture foraggere è particolarmente accentuata. delle nuove misure di politica agraria (regionalizzazione degli aiuti diretti e obbligo del greening) al fine di ottimiz- zare il risultato di gestione. La risposta del modello riguarda, quindi, gli investimenti colturali (in ettari) per azienda e le variazioni delle principali componenti economiche: plv, costi di produzione variabili (sementi, concimi, agrofarmaci, ecc.), aiuti diretti pac e margine lordo aziendale. Al fine di agevolare la comprensione dei complessi meccanismi del model- lo è possibile sintetizzare in tre fasi le principali elaborazioni: fotografia della realtà osservata; implementazione delle modifiche di politica agricola; valutazione dei risultati di impatto. Seguendo quest’ordine, è stato dap- prima calcolato lo scenario di riferi- mento, e cioè quello che rispecchia l’attuale situazione (denominato ba- seline). Successivamente, sono state ● ● ● introdotte nel modello le modifiche di politica agraria, che nel caso in esame sono le pratiche di greening affiancate dalla regionalizzazione. Lo scenario di greening (denomina- to nelle tabelle «green») considera due componenti di aiuto: aiuto di base (te- nuto conto delle nuove assegnazioni e prevedendone la distribuzione su tutta la sau) + gli aiuti specifici pre- visti per il greening. Ovviamente in questo scenario ven- gono considerati i tre vincoli colturali del greening, vincoli che gli agricol- tori dovranno rispettare per ricevere l’aiuto aggiuntivo e che comporteranno delle variazioni nei processi attivati. A guidare queste scelte (ad esempio su quale superficie a seminativo effettua- re la rotazione, da quale superficie sot- trarre il 7% a scopi ambientali, quale processo dismettere a favore di un al- tro, ecc.) sarà il principio di convenien- za economica, dati che il modello ma- tematico andrà a stimare per azienda. L’ammontare degli aiuti per ettaro (euro/ha) applicati nel modello è quel- lo elaborato dall’Istituto nazionale di economia agraria che ha quantificato (3 ) per la regione Emilia-Romagna un pagamento di base regionalizzato pa- ri a 148,4 euro/ha mentre, per la com- ponente greening, il valore stimato è di 89,4 euro/ha, per cui l’importo com- plessivo di aiuto dovrebbe essere pari a 237,8 euro/ha. Infine, le simulazioni di impatto con- siderano anche la riduzione del tota- le degli aiuti in base al tetto massimo fissato per azienda: –20% per la parte di aiuto compreso tra 150.000 e 200.000 euro; –40% per la parte di aiuto compresa tra 200.000 e 250.000 euro; –70% per la parte di aiuto compresa tra 250.000 e 300.000 euro; –100% per la parte di aiuto ecceden- te 300.000 euro. ● ● ● ● 100 90 80 70 60 50 40 30 20 10 0 Superficie(%) Baseline Green Superficie greening Altre colture Prati e pascoli permanenti Foraggere Pomodoro Barbabietola Altri semi oleosi Soia Riso Altri cereali Mais Frumento GRAFICO 1 - Variazione superfici investite tra scenario di baseline e green La variazione delle superfici nei due scenari Il confronto tra gli scenari baseline e green evidenzia come, a livello regio- nale, le prescrizioni imposte dalle pra- tiche di inverdimento comportino una riduzione delle superfici investite pari a quasi 38.000 ha (grafico 1) con diversa incidenza sulle varie colture, in quanto l’imprenditore cerca di scegliere quelle più profittevoli, tenuto conto dei costi e dei prezzi dati. Nella tabella 1 sono riportati i valori in termini assoluti e gli scostamenti percentuali. Sostanzialmente si registra una con- trazione di quasi tutte le colture se si esclude l’incremento (+18%) degli altri cereali (orzo, avena, ecc.). In particolare, si evidenzia una riduzione delle super- fici a frumento (–4,3%), che passano da- gli attuali 114.000 ha a circa 110.000 ha, di quelle a mais (–6%), che si riducono a circa 75.500 ha, degli altri semi oleo- si (come il girasole) che perdono circa 1.000 ha (–10,5%) e infine le superfici a foraggere (–10,6%), che subiscono le per- dite maggiori, passando dagli attuali 264.000 ha a quasi 236.000 ha. La riduzione delle superfici a forag- gere risulta particolarmente consisten- te (circa 30.000 ha) per la concomitanza di due fattori: il costante aumento, in questi ultimi anni, della convenienza delle colture cerealicole; la scarsa red- ditività delle foraggere non destinate all’allevamento ma al mercato. Que- st’ultimo processo può essere conside- rato, in aree difficili, una forma di col- tivazione precedente all’abbandono, la cui redditività verrebbe a mancare del tutto per effetto del greening, che spin- ge a ridurre la coltivazione meno red- ditizia. Dove, invece, le foraggere sono destinate all’allevamento, bisogna con- siderare che nelle aree montane i fre- quenti bassi livelli di reddito di questa attività la rendono scarsamente compe- titiva, per cui può essere giustificato de- stinare parte della superficie a foraggere anche a scopi ambientali. Questo feno- meno sottolinea come, nella nuova pac, il mercato torni a guidare le scelte pro- duttive delle imprese, che non potran- no più puntare alla massimizzazione dei sussidi, ma al risultato di gestione. NUOVA PAC ANALISI © 2013 Copyright Edizioni L'Informatore Agrario S.r.l.
    • 400 350 300 250 200 150 100 50 0 Euro/ha Province Regionalizzazione (148,4 euro/ha) Regionalizzazione + greening (237,8 euro/ha) BO FC FE MO PC PR RA RE RN Regione E-R Pagamenti baseline GRAFICO 2 - Il taglio degli aiuti per ettaro per provincia dopo la riforma Solo le province di Forlì-Cesena e Rimini si avvantaggiano della redistribuzione degli aiuti pac. La redistribuzione degli aiuti Viceversa,Modena(MO),Piacenza(PC), Parma (PR) e Reggio Emilia (RE) che possono contare ora su un pua me- dio per ettaro particolarmente ele- vato, grazie all’assegnazione legata alle quote latte e per Piacenza e Par- ma anche alle superfici a pomodoro, vedranno ridursi nettamente il livel- lo di aiuto con il passaggio al siste- ma di pagamento regionalizzato. In- fine, Bologna (BO) e Ferrara (FE), spe- cializzate nelle colture cerealicole, han- no potuto contare già sulla distribuzio- ne del pua su quasi tutta la sau provin- ciale, pertanto, pur mantenendo nel prossimo periodo di programmazione quasi la stessa estensione di sau am- missibile, subiscono la riduzione del- l’aiuto medio per ettaro che scende di circa 100 euro. TABELLA 2 - Risultati economici a livello regionale Livello regionale Variazioni per fasce altimetriche (%) baseline green var. % pianura collina montagna euro/ha Plv (A) 3.276 3.033 –7,4 –5,2 –10,8 –20,5 Costi variabili totali (B) 2.356 2.176 –7,7 –5,6 –12,2 –17,2 Margine lordo di 1° livello (A – B = C) 920 857 –6,9 –4,1 –7,6 –26,7 Pagamenti totali (D) 307 237,8 –22,5 –29,9 –3,4 27,6 Margine lordo di 2° livello (C + D) 1.227 1.094,8 –10,8 –11,1 –6,7 –18,4 Nelle aree di montagna la rigidità strutturale delle aziende non permette di ridurre i costi e questo determina un sensibile calo dell’efficienza aziendale. Le variazioni economiche per fasce altimetriche Per prima cosa vale la pena soffer- marsi sull’incidenza della variazione degli aiuti per ettaro nei due scenari (grafico 2). Le barre verticali riportano l’attuale valore medio del pagamento unico aziendale (pua) per ettaro che le aziende agricole presenti nelle rispet- tive province ricevono (scenario «ba- seline»), diverso da provincia a provin- cia perché la distribuzione degli aiuti è legata, secondo il criterio storico, alle colture prima presenti sulle superfici ammissibili. Le rette orizzontali rappresentano i due livelli degli aiuti: quella infe- riore (retta azzurra) corrisponde al- l’aiuto di base regionalizzato pari a 148,4 euro/ha e quella superiore (ret- ta verde), che comprende sia il paga- mento di base sia l’aiuto di greening, è uguale a 237,8 euro/ha. Si può osservare che il taglio oriz- zontale degli aiuti incide in modo più o meno elevato a seconda della spe- cializzazione produttiva delle aziende per provincia: Forlì-Cesena (FC) e Ri- mini (RN) appaiono le uniche provin- ce avvantaggiate dalla redistribuzio- ne degli aiuti, essendo caratterizzate dalla presenza prevalente di colture arboree (frutta e vite), che ora non be- neficiano del pua. Nella tabella 2 sono riportate le va- riazioni delle componenti economi- che per ettaro a livello regionale e altimetrico: la produzione lorda ven- dibile (plv) si riduce del 7,4% passan- do dagli attuali 3.276 euro/ha a 3.033 euro/ha, prevalentemente a causa delle dismissioni di parte delle su- perfici e delle altre pratiche imposte dal greening. Esaminando i valori del- la plv per fasce altimetriche, si osserva che questi presentano dati molto diso- mogenei: pianura –5,2%; collina –10,8%; montagna –20,5%. A livello complessivo, la riduzione dei costi variabili (–7,7%) è in linea con la variazione della plv dato che le aziende fanno fronte agli aggiu- stamenti delle pratiche di greening ri- ducendo i costi direttamente connessi. È doveroso precisare che queste di- namiche si verificano soprattutto nel- le aree di pianura e collina, mentre in quelle montane la rigidità strutturale non permette una riduzione dei costi variabili proporzionale alla diminuzio- ne della plv. Pertanto, il margine lordo (ml) di 1° livello, che consente di defini- re l’efficienza aziendale (calcolato sot- traendo i costi variabili dalla plv), se a livello regionale fa registrare una ridu- zione del 6,9%, nelle fasce altimetriche presenta valori molto differenti (pianura –4,1%; collina –7,6%; montagna –26,7%). Se si considera, poi, che i pagamenti to- tali si riducono del 22,5%, passando da una media regionale di 307 euro/ha a 237,8 euro/ha (pagamento di base regio- nalizzato + aiuto di greening), la nuo- va ripartizione degli aiuti in pianura e collina comporta una contrazione che incide negativamente su quello che po- tremmo chiamare margine lordo (ml) di 2° livello (comprensivo degli aiuti). Nelle aree di montagna, invece, la nuo- va distribuzione rappresenta un van- taggio, dato che in queste aree, oggi, NUOVA PAC ANALISI 38 6/2013L’Informatore Agrario • © 2013 Copyright Edizioni L'Informatore Agrario S.r.l.
    • Per commenti all’articolo, chiarimenti o suggerimenti scrivi a: redazione@informatoreagrario.it 40 30 20 10 0 –10 –20 –30 –40 % PC PR RE MO BO Province FE RA FC RN Plv Costi var. tot. Ml di 1° livello Pagamenti totali Ml di 2° livello GRAFICO 3 - Variazioni componenti economiche a livello provinciale Nelle province dove maggiore è la riduzione della plv (Reggio Emilia, Bologna, Modena e Parma) a soffrire sono proprio le produzioni zootecniche. gli aiuti medi per ettaro sono di gran lunga inferiori (in media 190 euro/ha) rispetto alle altre aree regionali. Complessivamente a livello regiona- le si registra una riduzione del margi- ne lordo di 2° livello prossima all’11%, segno che il riassetto imposto dal gree- Modena e Parma (circa –11%), Reggio- Emilia (–14,3%), mentre più contenuta appare la contrazione nelle restanti province, che si attesta su variazioni oscillanti tra il 5 e il 7%. La maggiore riduzione della plv/ha in queste aree è legata proprio alla fles- sione dei processi zootecnici presenti in ogni fascia altimetrica. Sempre a livello provinciale, i co- sti totali variabili tendono a seguire l’andamento della plv, anche se, a se- guito dell’incidenza di nuove econo- mie o diseconomie per le pratiche di greening, presentano in alcuni casi valori leggermente superiori o infe- riori rispetto alla media. Il margine lordo di 1° livello consen- te di sintetizzare questi effetti presen- tando andamenti diversi a seconda della provincia in esame. I pagamenti totali, di cui si è già ampiamente discusso, rappresenta- no l’ultima componente economica positiva per la formazione del mar- gine lordo di 2° livello e vanno, in al- cuni casi, a migliorare o mitigare le perdite complessive (come nel caso di Forlì-Cesena e Rimini) o ad aggravare quelle che sono le riduzioni eviden- ziate nell’attività produttiva. ning più la regionalizzazione incidono negativamente sull’intero comparto agricolo. I dati disaggregati per provin- cia (grafico 3) consentono di confronta- re situazioni alquanto disomogenee sul territorio regionale: la plv/ha si riduce soprattutto nelle province di Bologna, Gli effetti attesi Alla luce dei risultati appare chia- ro che l’introduzione delle pratiche di greening abbinate alla nuova distribu- zione dei pagamenti di base porterà a consistenti riduzioni in termini di plv e di margine lordo di 2° livello e, quin- di, di reddito aziendale. Si può ipotizzare che gli effetti del- la riforma della pac post 2013 saranno duplici: la componente di greening in molte aree genererà, contemporanea- mente alla contrazione delle superfici a coltura, una riallocazione di superfici e risorse verso processi più efficienti, mentre la regionalizzazione estenderà le superfici ammissibili a quasi tutta la sau, ma porterà, assieme alla riduzio- ne degli stanziamenti complessivi, alla diminuzione degli aiuti medi per etta- ro. Per quanto concerne l’impatto della prossima programmazione sulle pro- duzioni in Emilia-Romagna si può ipo- tizzare che sarà l’allevamento da latte il processo maggiormente colpito. La consistente riduzione delle forag- gere è in parte imputabile, infatti, alla scarsa competitività dell’allevamento da latte soprattutto nelle aree monta- ne. Per quest’ultima ragione è ipotiz- zabile che gli imprenditori agricoli de- stineranno parte delle superfici a fo- raggere al raggiungimento del 7% delle aree che il greening richiede vengano riservate a pratiche ambientali. A soffrire del processo di riforma sa- ranno soprattutto le aree montane che, seppur avvantaggiate dalla nuova di- stribuzione degli aiuti diretti, sono quel- le su cui grava maggiormente la scarsa competitività dell’allevamento da latte affiancata da una esigua possibilità di attivare altri processi produttivi. In conclusione, la riforma della pac post 2013, pur se indirizzata verso il raggiungimento dell’efficienza di mer- cato, apre non pochi interrogativi sulle sorti di produzioni e di aziende collo- cate in contesti territoriali che, già og- gi, appaiono in forte difficoltà. All’inizio di questo articolo, si è scrit- to che la situazione della regolamenta- zione è ancora fluida, infatti solo tra il 23 e il 24 gennaio la Commissione agri- coltura del Parlamento europeo ha ap- provato le proposte di modifica dei re- golamenti della nuova pac da sottopor- re all’approvazione del Parlamento. Dalle prime notizie, la modifica più rilevante appare quella che, pur con- fermando l’obbligatorietà del greening, limita la sanzione alla perdita del 30% degli aiuti senza pregiudicare il diritto al pagamento di base. Sarebbe, quin- di, una obbligatorietà meno vincolante di prima, su cui l’imprenditore potrà sviluppare ancora una volta i suoi cal- coli di convenienza. La vera spada di Damocle che pesa sulle proposte della Commissione resta la decisione che il Consiglio prenderà a marzo sulle risor- se da mettere a bilancio e, quindi, sui fondi che verranno destinati all’agri- coltura e le notizie in proposito non sembrano molto incoraggianti. Roberto Gigante Dipartimento di economia Sezione di economia agroalimentare Università di Parma (1 ) Salvo l’eventuale modifica introdotta dalla Commissione agricoltura del Parlamento europeo (Comagri) nel testo approvato il 24-1-2013 che conferma l’obbligatorietà del greening, ma limita la sanzione alla perdita solo del relativo aiuto. (2 ) Arfini F., Donati M., Zuppiroli M. (2005), «Agrisp: un modello di simulazione regionale per valutare gli effetti per l’Italia di modifiche delle politiche agricole». In: Anania G. «La riforma delle politiche agricole dell’Ue ed il negoziato Wto». Franco Angeli, Milano. (3 ) Dati reperibili sul sito www.rica.inea.it/PAC_2014_2020 Ml = margine lordo (ved. tabella 2) 396/2013 • L’Informatore Agrario © 2013 Copyright Edizioni L'Informatore Agrario S.r.l.