• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content

Loading…

Flash Player 9 (or above) is needed to view presentations.
We have detected that you do not have it on your computer. To install it, go here.

Like this document? Why not share!

10 Capitolo 10

on

  • 727 views

Aspetti e Problemi del Destination Management - Il caso Sanremo.

Aspetti e Problemi del Destination Management - Il caso Sanremo.
Prof. Cozzi, Dott.ssa Panero, Dott.ssa Satornino, Facoltà di Economia, Università di Genova

Statistics

Views

Total Views
727
Views on SlideShare
727
Embed Views
0

Actions

Likes
1
Downloads
28
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    10 Capitolo 10 10 Capitolo 10 Document Transcript

    • CAP. 10. I RISULTATI DEI MONITORAGGI DEGLI EVENTI10.1. GLI ELEMENTI CONSIDERATI Come già si è indicato, il compito a noi assegnato nel 2008 per quanto riguarda ilmonitoraggio degli eventi sanremesi ha riguardato 10 manifestazioni, di cui abbiamo giàfornito l’elenco. Anche il metodo di indagine seguito, gli strumenti utilizzati e lanumerosità delle interviste dirette effettuate sono già stati illustrati (cfr. precedenteparagrafo 9.2 ed allegati al precedente cap. 9). In questo capitolo procederemo ad una breve lettura “orizzontale” dei risultati delleindagini, che sono più ampiamente illustrati, per ciascun monitoraggio nei dieci allegati aquesto capitolo. Confronteremo cioè le risposte date dagli intervistati (partecipanti,accompagnatori e spettatori) in ciascun evento allo scopo di evidenziare sia alcuni giudiziricorrenti, sia alcune caratteristiche peculiari riconducibili alla diversa natura degli eventiconsiderati ed ai diversi segmenti di mercato coinvolti. Esula invece dai compiti che cisono stati assegnati, in quanto questa valutazione viene effettuata direttamentedall’Assessorato sulla base delle dichiarazioni e delle previsioni fornitegli degliorganizzatori dei singoli eventi (che, giustamente, non ci sono state comunicate persalvaguardare la completa neutralità dei nostri monitoraggi), l’esame della corrispondenzao meno di quanto previsto con quanto attuato e percepito dai partecipanti ad ogni evento,anche ai fini della determinazione di eventuali contributi da assegnare ad edizionisuccessive al medesimo evento. Va anche tenuto presente che tutte le risposte sono statedate da persone presenti all’evento a vario titolo (partecipanti, accompagnatori, spettatori)non residenti a Sanremo. Una domanda-filtro iniziale escludeva, infatti, dall’intervista iresidenti nella città. Gli elementi che verranno considerati in questa lettura “orizzontale” dei risultati deinostri monitoraggi riguardano: a. i canali informativi attraverso i quali i partecipanti sono venuti a conoscenza dell’evento; b. se le informazioni recepite sono risultate esaurienti; c. la presenza ed il numero di eventuali accompagnatori; 211
    • d. il mezzo di trasporto utilizzato per raggiungere Sanremo e l’area di provenienza; e. il profilo socio-demografico e socio-culturale dei partecipanti; f. il numero di giorni di permanenza a Sanremo, comprese eventuali permanenze prima dell’inizio e dopo il termine dell’evento; g. le strutture ricettive utilizzate per il pernottamento; h. le spese sostenute per l’alloggio; i. le spese sostenute per il vitto; j. la frequentazione di bar, ristoranti o altri esercizi commerciali o paracommerciali nella città; k. l’eventuale visita al Casinò; l. un giudizio sui servizi fruiti; m. un giudizio sulla manifestazione; n. un giudizio complessivo sulla città di Sanremo; o. la conoscenza di altri eventi sanremesi. I quindici elementi sopra indicati non esauriscono le risposte alle domande, alcunedelle quali – come già si è visto – erano volutamente “aperte” e poste in modo tale dastimolare più articolate opinioni, valutazioni e proposte riguardanti singoli eventimonitorati, ma sono quelli che si prestano ad una lettura “orizzontale” ed a comparazioni.Nell’effettuare queste ultime il lettore deve però tenere conto dell’eterogeneità degli eventiminorati, già richiamata nel precedente capitolo, tre dei quali, peraltro tra loro moltodiversi, rientrano nella categoria delle mostre-concorso, due in quella degli eventicongressuali, una in quella degli eventi sportivi e quattro in quella musicale.10.2. I CANALI INFORMATIVI Dall’indagine emerge chiaramente che i canali informativi attraverso i quali gliintervistati sono venuti a conoscenza dell’evento non solo sono molteplici, ma hanno unarilevanza differente per i vari eventi considerati. Se si esclude il congresso dei delegati CGIL, per il quale non è, ovviamente,appropriato considerare i canali informativi (la domanda, in questo caso non è neppurestata posta), si rileva anzitutto che le informazioni reperite attraverso i canali informativi 212
    • pubblicitari cartacei quali opuscoli, locandine, manifesti (peraltro in molti casi necessaricome supporto) hanno una rilevanza molto scarsa, salvo che per due degli eventi musicaliconsiderati: quello della musica barocca (gli opuscoli sono al primo posto come fonte diinformazione degli intervistati) e quello riguardante il “Festival internazionale delle bandemusicali” (per i quali lo sono i manifesti), entrambi eventi di attrazione per i protagonisti,contattati direttamente, ma eventi di intrattenimento per gli spettatori, in gran parte già aSanremo in vacanza o escursionisti attratti da tali eventi, salvo un gruppo di appassionatiper il Festival della musica barocca, provenienti anche dalla Francia. Anche leinformazioni raccolte presso organi istituzionali, come Sanremo Promotion, o hanno unarilevanza marginale o non vengono neppure citate dagli intervistati. Il ruolo di Internet come fonte di informazioni specifiche sugli eventi risulta rilevante,ma varia molto nei singoli casi, tutti dotati di siti web “ad hoc”. E’ molto importante, ma siaffianca ad altre fonti informative (esperienze dirette pregresse, passaparola, rivistespecializzate) nel caso della mostra-concorso internazionale canina), è importante, mameno del canale informativo specifico con mail personalizzate ad insegnati e direttoriscolastici, nel caso del Global Educational Festival, è importante ma assai meno delleinformazioni ricevute dai club di appartenenza, dal passaparola e dalle esperienze direttepregresse nel caso del Rally storico automobilistico, lo è anche, ma meno delle fontispecifiche di informazione diretta e del passaparola per il Festival del doppiaggio, è menoimportante in tutte le altre manifestazioni minorate, in alcune (come, ad esempioMondomare) è del tutto marginale. In quest’ultimo caso i varî eventi che compongono lamanifestazione e che si affiancano ad analoghi eventi svolti in atre località liguri sonopreannunciati dalle edizioni locali dei quotidiani nazionali e dalle radio locali, che vengonoindicati dagli intervistati come le principali fonti di informazione, mentre i manifestivengono indicati da una parte degli spettatori già presente a Sanremo per trascorrervi lavacanza. Complessivamente gli intervistati ritengono esaurienti le informazioni ricevute eraccolte, salvo alcuni giudizi meno positivi su questo aspetto, riguardanti comunque soloalcuni eventi e percentuali molto limitate di intervistati, sui quali si rinvia agli allegati. 213
    • 10.3. I PARTECIPANTI ED I LORO ACCOMPAGNATORI Limitando l’esame “orizzontale” dei risultati dei nostri dieci monitoraggi alle intervisteriguardanti i partecipanti ed i loro accompagnatori (per quanto riguarda infatti glispettatori, in alcuni eventi – congressi – non esistono, in altri si tratta prevalentemente dipersone già presenti a Sanremo o di escursionisti e non avrebbe senso una letturacomparata di questi risultati), si osserva anzitutto che le manifestazioni considerate“movimentano” nel loro insieme un numero consistente di accompagnatori, ancheescludendo gli insegnanti che partecipano al GEF, i quali, a ben vedere, non possonoessere considerati come semplici accompagnatori dei giovanissimi, ma come co-partecipanti. La capacità di “movimentare” anche accompagnatori dei partecipanti è però alquantodiversa a seconda delle manifestazioni monitorate: minima – come è ovvio - per quellecongressuali – massima per alcune mostre-concorso ed eventi musicali. Più precisamente dall’indagine risulta la distribuzione percentuale tra partecipanti eaccompagnatori sotto indicata: % % Numero medio Evento partecipanti accompagnatori accompagnatori per partecipante- Mostra-concorso int. canina 39 61 1,6- GEF 100 0 0,0- AIBES 85 15 0,2- CGIL 98 2 0,0- FAIS 69 31 0,5- Rally storico 31 69 2,2- Mondomare Festival 51 49 1,0- Festival del doppiaggio 42 58 1,4- Festival intern.Musica barocca 46 54 1,2- Festival intern. Bande musicali 38 62 1,7 214
    • La percentuale dei partecipanti e dei loro accompagnatori che ha dichiarato di trovarsiper la prima volta a Sanremo varia considerevolmente da evento ad evento, come èspecificato nel seguente prospetto: % partecipanti e Evento accompagnatori per la prima volta a Sanremo - Mostra-concorso int. canina 36 - GEF 28 - AIBES 44 - CGIL 60 - FAIS 50 - Rally storico 28 - Mondomare Festival 9 - Festival del doppiaggio 14 - Festival intern.Musica barocca 10 - Festival intern. Bande musicali 15 Se si tiene conto del fatto che nessuna delle manifestazioni monitorate (salvo ilCongresso dei delegati CGIL) è alla sua prima edizione a Sanremo, i risultati sopra espostievidenziano: da un lato la capacità di rinnovo dei partecipanti da un’edizione all’altra checaratterizza cinque casi ( sono invece una vistosa eccezione Mondomare Festival e,seppure meno evidenti, i casi del Festival internazionale della Musica barocca, di quellodel doppiaggio e di quello delle bande musicali), dall’altro il ruolo che possono avereanche manifestazioni particolari come una parte di quelle monitorate nel fare conoscere e –come vedremo in seguito – anche apprezzare la città di Sanremo in specifici segmenti delmercato turistico.10.4. PROVENIENZE, MEZZI DI TRASPORTO USATI, PROFILI SOCIO-ECONOMICI E SOCIO-CULTURALI DEI PARTECIPANTI 215
    • Le manifestazioni monitorate risultano dotate di una capacità di attrazione a medio elargo raggio molto varia,. Sintetizzando questo aspetto possono essere tratti dall’analisi ivalori comparativi sotto indicati. Rilevanza delle provenienze (%) Locali Nazionali Nazionali Nazionali Estere Evento (Liguria) Area Altre aree Altre regioni gravitazione del Nord principale Italia (Piemonte Lombardia)- Mostra-concorso int. 28 35 18 5 14canina- GEF (°) 2 13 14 34 37- AIBES (°) 7 34 27 32 0- CGIL (°) 4 33 24 39 0- FAIS (°) 2 59 35 4 0- Rally storico 22 51 9 6 12- Mondomare Festival 41 49 0 3 7- Festival del doppiaggio 50 31 9 5 5(°)- Festival intern.Musica 21 60 8 3 8barocca (°)- Festival intern. Bande 23 50 15 5 7musicali (°)(°) Non intervistati spettatori Come emerge dai dati esposti gli eventi più attrattivi nei confronti dei Paesi esteri, traquelli monitorati, sono il GEF e, a distanza il Rally Storico e la mostra-concorsointernazionale canina. Se si esclude il GEF e i due eventi congressuali (AIBES e CGIL) leprovenienze dall’Italia centrale (Toscana esclusa), meridionale ed insulare sono moltomodeste. Un certo rilievo, decisamente maggiore rispetto a quello dei flussi turisticicomplessivi provenienti a Sanremo da queste regioni, sono i flussi attratti dagli eventiconsiderati dall’Italia Nord-Orientale e dalla Toscana (ma, anche per questi flussi hanno unpeso particolare il GEF ed i due eventi congressuali). Il mezzo di trasporto prevalentemente usato per raggiungere Sanremo è la propria auto,salvo – come è ovvio – il caso dei partecipanti provenienti da Paesi lontani che siavvalgono di aereo (Nizza) e pullman. Il mezzo ferroviario e assai poco usato. Lo è invee,in misura maggiore, ma comunque limitata, il pullman. 216
    • Per quanto riguarda i profili socio-demografici e socio-culturali degli intervistati,indicati articolatamente negli allegati a questo capitolo, ci limitiamo qui ad osservare che: a. la composizione tra individui di sesso maschile e femminile è abbastanza equilibrata in tutte le manifestazioni ad esclusione dell’AIBES (barmans) in cui prevalgono nettamente i maschi (70%) e del GEF che vede invece una prevalenza femminile (insegnati e studentesse) non però molto marcata (64%). Abbastanza anomala, ma probabilmente dovuta al numero rilevante di accompagnatrici, la netta prevalenza (superiore al 70%) delle donne nel Festival internazionale delle Bande musicali; b. la distribuzione degli intervistati per classi di età consente di distinguere nettamente tra le manifestazioni in cui prevalgono la persone di mezza età e gli anziani (Congresso CGIL, FAIS, Mondomare Festival), quelle che richiamano anche i giovani da 36 a 50 anni, pur essendo prevalenti le persone di mezza età e gli anziani (Mostra internazionale canina, Festival della Musica barocca, Festival internazionale delle Bande musicali), quelle che mobilitano prevalentemente persone al di sotto dei 50 anni compresi parecchi giovani (AIBES, Festival del Doppiaggio, Rally Storico). Un caso a parte è, anche sotto questo profilo, il GEIS, i cui partecipanti si dividono nettamente in due gruppi: i giovanissimi, molti dei quali al di sotto dei 18 anni e gli insegnati, tra i quali prevalgono quelli di età compresa tra i 36 e i 50 anni. Relativamente alla distribuzione per classi di età, ove si escluda quest’ultimo evento, ci sembra utile sottolineare che le manifestazioni da noi monitorate quest’anno (così come quelle monitorate lo scorso anno), pur interessando persone appartenenti a tutte le età, vedono nel loro complesso una prevalenza degli ultracinquantenni. La strada da percorrere per organizzare a Sanremo eventi di attrazione dei giovani è in effetti ancora troppo poco sperimentata; c. la distribuzione degli intervistati per livelli di istruzione varia da evento ad evento, come è del resto coerente con la diversa natura delle manifestazioni da noi monitorate, anche se, nel complesso, prevalgono le persone con un titolo di studio medio-superiore. Gli eventi in cui sono coinvolti i laureati, in misura decisamente superiore alla media, sono il GEF (insegnanti) e il Festival della Musica barocca, quello in cui sono maggiormente coinvolte le persone con un basso titolo di studio 217
    • (al massimo licenza media inferiore) sono di nuovo il GEF (minorenni partecipanti alle gare), Mondomare Festival e il Festival delle Bande musicali; d. per quanto riguarda infine le condizioni professionali prevalenti, più del 40% degli intervistati si colloca nella vasta ed eterogenea categoria degli impiegati. Un’altra categoria molto rappresentata è quella dei pensionati, che prevalgono nel Congresso CGIL, nel FAIS e nel Festival internazionale delle Bande musicali. Gli imprenditori ed i liberi professionisti sono rappresentati in misura superiore alla media nel Festival del doppiaggio, nella Mostra internazionale canina, nel Rally Storico, ma anche, abbastanza stranamente, nell’AIBES, in cui prevalgono, ovviamente, i barmans. Come già si è visto nel GEF sono presenti quasi esclusivamente insegnanti e studenti.10.5. DURATA DEI SOGGIORNI A SANREMO E STRUTTURERICETTIVE UTILIZZATE Si è avuto modo di sottolineare che gli eventi a attrazione ma anche (per quantoriguarda i loro attori e accompagnatori) una parte di quelli di intrattenimento attivano unacospicua quota di presenze alberghiere, mentre generano poche presenze extra-alberghieree si connettono (salvo che per i semplici spettatori di eventi di intrattenimento) con unnumero limitato di presenze nelle seconde case. Esaminiamo ora più in dettaglio questo importante aspetto con specifico riferimento aidieci eventi da noi monitorati. Anzitutto dalla nostra analisi risulta che una parte non trascurabile dei partecipanti edei loro accompagnatori soggiorna a Sanremo per un numero di giornate superiore a quelloprogrammato per l’evento in quanto tale. Relativamente a questo aspetto l’indagine fornisce i seguenti risultati di sintesi: 218
    • Evento Giornate % intervistati programmate Che non Che Che soggiornano a soggiornano soggiornano Sanremo solo per la anche oltre la durata durata programmata o programmata meno- Mostra-concorso int. canina 1 56 9 35- GEF 4 6 52 42- AIBES 4 9 82 9- Congresso CGIL 3 0 94 6- FAIS 3 13 78 9- Rally storico 2 26 31 43- Mondomare Festival 3 35 20 55- Festival del doppiaggio 2 45 34 21- Festival intern.Musica (1) (1) (1) (1)barocca- Festival intern. Bande (1) (1) (1) (1)musicali(1) Distribuito in più sessioni nei mesi di luglio e agosto. Non è quindi possibile analizzarese (e in che misura) i soggiorni si limitano o meno alla durata dell’evento. Per quanto riguarda questo aspetto gli eventi di maggiore rilievo, in quanto ad essi siconnettono soggiorni anche prolungati a Sanremo da parte dei partecipanti e dei loroaccompagnatori sono il Rally Storico e la Mostra internazionale canina. AncheMondomare Festival è un’occasione per prolungare i soggiorni (ma in misura non moltoampia) da parte di oltre la metà dei partecipanti. Un secondo aspetto riguarda le strutture ricettive in cui pernottano i partecipanti aglieventi considerati che soggiornano a Sanremo e, per le strutture alberghiere, la lorocategoria. Le strutture alberghiere costituiscono – come ci si attendeva – la forma diricettività di gran lunga più importante che, per i partecipanti ad alcuni degli eventimonitorati e per i loro accompagnatori supera anche il 90% dei pernottamenti. Come è piùanaliticamente esposto nel seguente prospetto comparativo, non mancano, tuttavia, leeccezioni, specie per alcuni eventi estivi di alta stagione ai quali partecipano in largamisura persone che dispongono di una seconda casa a Sanremo o che alloggiano presso 219
    • parenti o conoscenti, nonché per la nostra-concorso canina nella quale – a motivo deglianimali al seguito – vengono, in una certa misura, scelte anche le varie forme di ricettivitàextra-alberghiera ed, in modo particolare, il campeggio. Evento Incidenze % delle varie forme di alloggio sul totale dei partecipanti e degli accompagnatori che soggiornano a Sanremo Albergo Residence Extra- Seconde case o alberghiere case di amici- Mostra-concorso int. canina 48 25 21 6- GEF 88 2 8 2- AIBES 90 - - 10- Congresso CGIL 96 4 - -- FAIS 90 - 10 -- Rally storico 42 10 21 27- Mondomare Festival 9 - 24 67- Festival del doppiaggio 71 - 16 3- Festival intern.Musica 11 - 8 81barocca- Festival intern. Bande 36 - 13 51musicali Per quanto riguarda la categoria degli alberghi frequentati, pur con alcune variazioni daevento a evento, prevalgono di poco quelli quattro stelle su quelli tre stelle, ma ciò derivaanche dal fatto che gli organizzatori di alcuni eventi con un elevato numero di partecipantisi rivolgono – come è ovvio – agli alberghi di maggiore dimensione (in larga misura 4stelle), pur ottenendo prezzi fortemente scontati rispetto ai prezzi ufficiali. Valga per tutti ilcaso del Congresso CGIL (700 ospiti per 3 pernottamenti), per il quale i pernottamenti inalberghi 4 stelle sono risultati di poco inferiori rispetto a quelli in alberghi tre stelle.10.6. SPESE MEDIE GIORNALIERE Un altro elemento di particolare interesse emerso dall’indagine riguarda le spese mediegiornaliere dei partecipanti agli eventi monitorati e dei loro accompagnatori. Le risposte 220
    • date sono affidabili per le spese di pernottamento e per quelle riguardanti il vitto. Lo sonoinvece assai meno, in quanto la maggioranza degli intervistati non ha dato risposte o haaffermato di non avere ancora programmato queste spese al momento dell’intervista, per lealtre spese (nei pubblici esercizi, nei negozi, ecc.). Per le spese di alloggio sostenute dai partecipanti agli eventi che soggiornano instrutture alberghiere ed extra-alberghiere può essere desunto, da tutte le risposte date nelcorso delle interviste (1), un ammontare medio di circa 65 € giornalieri. La distribuzione di questa voce di spesa presenta un campo di variabilità abbastanzaampio, che riflette sia la diversa incidenza dei pernottamenti alberghieri rispetto a quelliextra-alberghieri, sia le diverse scelte, quanto a categorie alberghiere, dei partecipanti aciascuna manifestazione e dei loro accompagnatori. Per alcuni degli eventi monitorati si èpreferito non elaborare i pochissimi dati raccolti. Si tratta però di eventi, come il Festivaldella Musica barocca, quello delle Bande musicali e Mondomare Festival, i cui partecipantie accompagnatori – come già si è visto – alloggiano prevalentemente in seconde case o incase di amici, condizioni di ricettività per le quali, in tutti gli eventi monitorati, abbiamoassunto una spesa per il pernottamento pari a zero. Per le altre manifestazioni il campo di variabilità delle spese in esame è riepilogato nelprospetto seguente, nel quale sono indicate le percentuali di risposte per tre grandi fasce dispesa giornaliera (fino a 50 €, da 51 a 100€, oltre 100 €):1 Per il Congresso CGIL, nel quale i partecipanti (delegati sindacali) non conoscevano l’ammontaredi questa voce di spesa, in quanto sostenuta direttamente dall’organizzazione di appartenenza, sonostati sentiti sia gli organizzatori sia alcuni albergatori che avevano offerto a prezzi molto “scontati”una parte della loro capacità ricettiva. 221
    • Evento % di risposte per fasce di spese Fino a Da 51 a Oltre 50 € 100 € 100 €- Mostra intern. Canina 52 34 14- GEF 36 36 28- AIBES - 100 -- CGIL - 100 -- FAIS 47 53 -- Rally Storico 11 26 63- Festival del doppiaggio - 12 88 Per quanto riguarda le spese per il vitto, dal complesso delle risposte si desume unaspesa media giornaliera di circa 32 €. Anche per questa voce di spesa si riscontra un ampiocampo di variabilità. Va inoltre tenuto presente che, in alcune fasi di una parte dellemanifestazioni monitorate, vengono offerti ai partecipanti servizi di buffet, che comportanoper gli organizzatori costi di catering, esclusi dalla nostra rilevazione. In sintesi,suddividendo le risposte per tre grandi fasce di spesa (fino a 30 €, da 31 a 50 €, oltre 50 €),si ottengono i seguenti risultati, espressi in percentuali di risposte collocate in ciascunafascia: Evento % di risposte per fasce di spese Fino a Da 31 a Oltre 30 € 50 € 50 €- Mostra intern. Canina 57 29 15- GEF 64 15 21- AIBES 39 40 21- CGIL 27 54 27- FAIS 65 35 -- Rally Storico 40 35 25- Festival del doppiaggio 38 38 24- Festival Musica barocca 75 12 13 222
    • Come già si è visto, per le altre spese medie giornaliere non è possibile dedurre dallanostra indagine una valutazione affidabile perché le risposte avute sono troppo poche e, inmolti casi, gli stessi intervistati non erano oggettivamente in grado di rispondere nonavendo ancora sostenuto o programmato le spese in esame. Per quanto riguarda in particolare lo shopping a Sanremo, va osservata una certadicotomia ricorrente: da un lato un’alta percentuale di intervistati dichiara che non ha fattoe non intende fare acquisti a Sanremo durante la manifestazione a cui partecipa. Ciò vale inparticolare per il Rally storico (80% di risposte di questo tipo), per il Festival delDoppiaggio, per la mostra internazionale canina e per l’AIBES; dall’altro una piccolapercentuale di intervistati che, pur non fornendo indicazioni precise, dichiara che la suavisita a Sanremo è motivata anche dall’intenzione di fare acquisti, specie di beni diabbigliamento. Anche per le spese riguardanti l’intrattenimento serale (pub, discoteche, altri locali diintrattenimento) la maggioranza dei partecipanti alle manifestazioni monitorate e dei loroaccompagnatori dichiara di non avere programmato serate nei locali della città. Tuttavia inalcuni eventi la percentuale di intervistati che danno risposte positive, seppure minoritaria,assume una certa consistenza: ciò vale in particolare per due eventi opposti come profilidei partecipanti per classi di età: il GEF (con un profilo decisamente giovanile) e ilCongresso dei delegati CGIL (con un profilo decisamente “attempato”).10.7. VISITE AL CASINÒ Due domande particolari poste agli intervistanti hanno riguardato le loro intenzione divisitare il Casinò nel corso della manifestazione a cui partecipano e loro pregresse visiteallo stesso Casinò. Il risultato è abbastanza critico, in quanto la grande maggioranza degli intervistatirisponde negativamente alla prima domanda e ciò avviene anche da parte di coloro chedichiarano di avere visitato in passato il Casinò di Sanremo. Non mancano però gli eventii cui partecipanti abbinano la partecipazione con una visita al Casinò, ma si tratta o dieventi minori (come AIBES) o di eventi assolutamente non ricorrenti (come il CongressoCGIL). 223
    • Per un esame più articolato si riportano comparativamente le percentuali di intervistatiche hanno risposto positivamente a ciascuna delle due domande per ciascuna dellemanifestazioni da noi monitorate. Eventi Prevista visita al Già visitato in Casinò passato il Casinò - Mostra internazionale canina 8 37 - GEF (1) 17 26 - AIBES 74 80 - Congresso CGIL 47 30 - FAIS 16 23 - Rally Storico 30 55 - Mondomare 35 76 - Festival Doppiaggio 25 36 - Festival Musica barocca 10 54 - Festival Internaz. Bande musicali 12 50 (1) Una parte consistente dei partecipanti sono minorenni e non possono quindi accedere al Casinò.10.8. CONOSCENZA DEGLI ALTRI EVENTI SANREMESI E GRADO DICUSTOMER SATISFACTION L’ultimo obiettivo rilevante della nostra indagine è stato quello di valutare laconoscenza delle altre manifestazioni comprese nel calendario degli eventi sanremesi daparte degli intervistati e di raccogliere i loro giudizi sull’evento a cui partecipano, suiservizi offerti dalla città di Sanremo e sulla città nel suo insieme. Le risposte ai quesiti sopra indicati sono dettagliatamente riportate nei dieci allegati aquesto capitolo, cui si rinvia. Ci limitiamo qui ad alcune osservazioni d’insieme. Anzitutto la conoscenza degli altri eventi che si svolgono a Sanremo risulta moltoscarsa, se si escludono quelli che hanno una generale notorietà (come il Festival dellaCanzone Italiana ed i “Carri fioriti”). Sarebbe quindi molto utile – a nostro avviso – 224
    • distribuire ai partecipanti a tutti gli eventi un’illustrazione sintetica, ma attraente, delcalendario delle principali manifestazioni sanremesi. In secondo luogo, salvo alcune eccezioni ben evidenziate negli allegati, il grado disoddisfazione nei confronti dell’evento al quale si sta partecipando risulta in genere alto e,in qualche caso molto alto. Diversa è invece la valutazione dei servizi offerti a Sanremo nel senso che su molti diessi, che non vengono – come già si è visto – fruiti dagli intervistati, non viene espressoalcun giudizio. Per quelli di cui gli intervistati hanno fruito, prevalgono nettamente igiudizi positivi. Viene peraltro avvertita la carenza di alcuni servizi ed in modo particolaredei parcheggi e dei locali per l’intrattenimento serale. Il giudizio complessivo su Sanremo che risulta dall’indagine, analogamente a quellorisultante dai monitoraggi dell’anno precedente, è comunque decisamente buono nellastragrande maggioranza dei casi. 225