• Like
News ssl 2 2014
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

News ssl 2 2014

  • 198 views
Published

Notiziario sulle principalit novità in materia di Sicurezza sul Lavoro/ Safety and Health at Work News

Notiziario sulle principalit novità in materia di Sicurezza sul Lavoro/ Safety and Health at Work News

Published in Business
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
198
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. News 02/SSL/2014 Medico competente, dal 2014 comunicazioni obbligatorie solo on line Dal 1° gennaio al 31 marzo, i medici competenti devono effettuare le comunicazioni relative all’allegato 3B attinenti la sorveglianza sanitaria dell’anno precedente soltanto in modalità informatica. Il 2014 porta una novità sostanziale in ordine alle comunicazioni poste in carico al medico competente. Dopo la fase di sperimentazione avviata nel 2013, a partire da quest’anno il medico competente ha l’obbligo di trasmettere i dati aggregati sanitari e di rischio dei lavoratori sottoposti a sorveglianza sanitaria (in base all’articolo 40 del decreto legislativo 81/2008 e s.m.i.), entro il primo trimestre di ogni anno successivo a quello di riferimento, esclusivamente in via telematica. Per coloro che hanno effettuato la comunicazione per l’anno 2012, la procedura permette facoltativamente l’importazione automatica dei dati per trasmetterli, aggiornati, per l’anno 2013. La procedura telematica per l’invio. Il primo passo consiste nella registrazione, da parte del medico competente, al portale INAIL, attraverso la quale accede all’applicativo. Successivamente il medico procede all’associazione con l’unità produttiva di riferimento. Se questa non fosse già presente nell’archivio Inail, il medico può effettuarne l’inserimento. Al termine di queste operazioni, il medico competente compila la comunicazione e la trasmette alle ASL. Fonte:www.inail.it Scade il 31 gennaio il termine per il versamento del premio assicurativo contro gli infortuni domestici. Requisiti: la legge sull’assicurazione contro gli infortuni in ambito domestico (legge 493/1999) stabilisce una serie di caratteristiche e requisiti che delineano la “casalinga/o tipo da assicurare”. Ecco quali sono. Chi deve assicurarsi? Sei obbligato ad assicurarti contro gli infortuni in ambito domestico se: • hai un’età compresa tra i 18 e i 65 anni compiuti • svolgi il tuo lavoro per la cura dei componenti della famiglia e della casa • non sei legato da vincoli di subordinazione • presti lavoro domestico in modo abituale ed esclusivo
  • 2. Le condizioni per essere esonerato dal pagamento. Non sempre il premio assicurativo contro gli infortuni in ambito domestico è a tuo carico. Avere un reddito al di sotto di una determinata soglia, infatti, può portare a un esonero totale. In particolare, sei escluso dal pagamento se contemporaneamente: • hai un reddito personale complessivo lordo fino a 4.648,11 euro annui • fai parte di un nucleo familiare il cui reddito complessivo lordo non supera i 9.296,22 euro annui. Fonte:www.inail.it Inail finanziamenti a fondo perduto e riduzione premio assicurativo L’INAIL mette a disposizione delle aziende due importanti possibilità: un Finanziamento a Fondo Perduto per la realizzazione di interventi a favore della Salute e Sicurezza sui luoghi di lavoro ed uno sconto per la riduzione del premio assicurativo. 1. FINANZIAMENTO A FONDO PERDUTO INAIL Nell’ambito delle attività promozionali della cultura e delle azioni di prevenzione previste dall’art. 11 del Decreto legislativo n. 81/2008, è resa disponibile per il 2013 una nuova tranche di risorse finanziarie che l’Inail mette a disposizione per incentivare la realizzazione di interventi finalizzati al miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Il Finanziamento : Il bando INAIL ISI 2013 rende disponibili 307,359 milioni di euro ripartiti in budget regionali in funzione del numero degli addetti e del rapporto di gravità degli infortuni e pubblicati nei rispettivi Avvisi regionali. Il contributo, pari al 65% dell’investimento, per un massimo di 130.000 euro, viene erogato dopo la verifica tecnico-amministrativa e la realizzazione del progetto. Vengono finanziate, in conto capitale le spese sostenute per progetti di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. I destinatari degli incentivi sono le imprese, anche individuali, iscritte alla Camera di Commercio Industria, Artigianato ed Agricoltura. Ciascuna impresa può richiedere il finanziamento di un solo progetto riguardante una sola unità produttiva. (Per i progetti che comportano contributi superiori a € 30.000 è possibile richiedere un’anticipazione del 50%). Modalità di partecipazione : I progetti dovranno essere inviati online sul portale dell’Istituto dal 21 gennaio all’8 aprile prossimo. Se le caratteristiche del progetto soddisfano i requisiti richiesti dal bando , è possibile
  • 3. partecipare alla fase successiva di invio telematico della domanda. I finanziamenti sono a fondo perduto e vengono assegnati fino a esaurimento, secondo l’ordine cronologico di invio. Vengono finanziati: 1. progetti di investimento (interventi strutturali o sostituzione di macchine e impianti); 2. progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale quali modello organizzativo e gestionale ex D.Lgs 231/01 (per i soli reati di cui all’art 300 del d.lgs 81/08 e smi), sistema per la responsabilità sociale d’impresa certificato SA 8000, sistemi di gestione della salute e sicurezza sul lavoro quali la OHSAS 18001; (verranno finanziate nella misura del 65% anche le spese di consulenza e formazione nonché quelle inerenti la relativa certificazione ove prevista) 3. progetti per la sostituzione o l’adeguamento di attrezzature di lavoro messe in servizio anteriormente al 21 settembre 1996 con attrezzature rispondenti agli odierni requisiti di sicurezza. di cui al Titolo III del d.lgs. 81/2008 s.m.i. e di ogni altra disposizione di legge applicabile in materia. Fonte:www.inail.it SCONTO INAIL PER PREVENZIONE: OT24 Il 28 febbraio scadono i termini di presentazione delle domande online per ottenere la riduzione del premio assicurativo. Lo sconto è rivolto a tutte le aziende, operative da almeno un biennio, che eseguono interventi per il miglioramento delle condizioni di sicurezza e di igiene nei luoghi di lavoro, in aggiunta a quelli minimi previsti dalla normativa in materia (decreto legislativo 81/2008 e successive modifiche e integrazioni). Lo sconto è riconosciuto in misura fissa e percentuale, in relazione al numero dei lavoratori-anno del periodo. Possono beneficiare dello sconto, su domanda, tutte le aziende in possesso dei requisiti per il rilascio della regolarità contributiva ed assicurativa ed in regola con le disposizioni obbligatorie in materia di prevenzione infortuni e di igiene del lavoro (pre-requisiti). In aggiunta, è necessario che l’azienda abbia effettuato, nell’anno precedente a quello in cui chiede la riduzione, interventi di miglioramento nel campo della prevenzione degli infortuni e igiene del lavoro. Modalità : La domanda deve essere inoltrata esclusivamente in telematicamente, attraverso la sezione Servizi online presente sul sito http://www.inail.it/ entro il 28 febbraio. Il facsimile del modello di domanda, che deve essere compilata solo online, è disponibile direttamente sul sito dell’Inps all’indirizzo Fonte:www.inail.it
  • 4. Obbligo di abilitazione all'uso delle macchine agricole Con circolare n. 45 del 24 dicembre 2013 vengono forniti chiarimenti in merito alla applicazione dell'Accordo 22 febbraio 2012, recante "Accordo ai sensi dell'art. 4 del d.lgs. 28 agosto 1997, n. 281, tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano concernenti l'individuazione delle attrezzature di lavoro per le quali è richiesta una specifica abilitazione degli operatori, nonché le modalità per il riconoscimento di tale abilitazione, i soggetti formatori, la durata, gli indirizzi ed i requisiti minimi di validità della formazione, in attuazione dell'articolo 73, comma 5, del d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.", con particolare riferimento al concetto di attrezzature di lavoro, utilizzate da lavoratori del settore agricolo o forestale, per le quali è differito il termine per l'entrata in vigore dell'obbligo di abilitazione, secondo quanto disposto all'art. 45 bis, comma 2 della legge 9 agosto 2013, n. 98 di conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 21 giugno 2013, n. 69. http://www.lavoro.gov.it/SicurezzaLavoro/PrimoPiano/Pages/20140114_macchineagricole.aspx Pmi, da Ministero Sviluppo contributi ai consorzi per l’internazionalizzazione Pubblicato dal Ministero dello Sviluppo economico un avviso riguardante la possibilità per le Pmi di accedere ai contributi a favore dei Consorzi per l’internazionalizzazione per l’annualità 2014. I contributi per l’internazionalizzazione hanno lo scopo di sostenere le piccole e medie imprese, riunite in consorzi, per la realizzazione di attività promozionali che favoriscano l’ingresso dei propri prodotti e servizi sul mercato internazionale.Le Pmi beneficiarie della misura “devono essere in prevalenza imprese industriali, artigiane, turistiche, di servizi, agroalimentari e agricole; le imprese del settore commerciale possono partecipare al progetto in misura non prevalente rispetto alle altre.” Per quanto riguarda in dettaglio le imprese agricole, una nota pubblicata dal Ministero il 14 gennaio indica come la possibilità di aderire a esse riservata sia stata attivata dal recente Decreto Legge n.145/2013 (Destinazione Italia) e per tale motivo “Si evidenzia è…] che il D.L. n.145/2013, deve essere convertito in legge entro 60 giorni dalla pubblicazione ovvero entro il 20 febbraio 2014, come specificato nell’art.2, comma 2, Decreto Direttoriale 10.01.2014; in caso contrario esso decade perdendo efficacia sin dalla sua entrata in vigore. In considerazione di ciò, si invitano i Consorzi per l’internazionalizzazione costituiti anche da imprese agricole a valutare l’opportunità di presentare domanda di contributo successivamente all’avvenuta conversione in legge del predetto Decreto”.
  • 5. Il progetto di internazionalizzazione presentato dai consorzi di Pmi deve: • “prevedere una spesa ammissibile non inferiore a € 50.000,00 e non superiore a € 400.000,00; • deve coinvolgere, in tutte le sue fasi, almeno cinque PMI consorziate provenienti da almeno tre diverse regioni italiane, appartenenti allo stesso settore o alla stessa filiera; è possibile prevedere il coinvolgimento, attraverso un contratto di rete, di PMI non consorziate purché in numero non prevalente rispetto a quello delle imprese consorziate coinvolte; • il progetto presentato da consorzi con sede legale in Sicilia o Valle d’Aosta può anche avere una strutturazione monoregionale, prevedendo il coinvolgimento di sole imprese con sede legale in una delle citate regioni; • può avere anche una durata pluriennale, con una articolazione massima triennale. In tal caso le attività previste devono essere strutturate e collegate tra loro in un’ottica di sviluppo strategico in merito agli obiettivi che si intendono raggiungere. La domanda di contributo deve essere presentata annualmente” Queste le iniziative finanziabili: A. partecipazione a fiere e saloni internazionali; B. eventi collaterali alle manifestazioni fieristiche internazionali; C. show-room temporanei; D. incoming di operatori esteri; E. incontri bilaterali fra operatori italiani ed esteri; F. workshop e/o seminari in Italia con operatori esteri e all’estero; G. azioni di comunicazione sul mercato estero; H. attività di formazione specialistica per l’internazionalizzazione, destinata esclusivamente alle imprese partecipanti al progetto. Condizione necessaria per l’ammissione è che il costo e la prestazione risultino da uno specifico contratto sottoscritto tra le parti e che venga inoltrato il curriculum del professionista. L’agevolazione, concessa a fondo perduto, non potrà superare il 50% delle spese sostenute ritenute ammissibili. Le domande devono essere inviate entro e non oltre il 15 marzo 2014. Fonte:quotidiano sicurezza Inail lavoro accessorio Inail ricorda che dal 15 gennaio 2014 le comunicazioni di inizio attività per il lavoro accessorio/occasionale andranno effettuate esclusivamente verso Inps e tramite nuova procedura online. Dal 15 gennaio quindi il fax Inail 800.657657 sarà disattivato. Fonte:www.inail.it
  • 6. Trasmissione telematica PID entro il 15 febbraio I datori di lavoro di aziende con più di 15 dipendenti sono tenuti a inviare ogni anno, al servizio provinciale informatico di competenza territoriale, il Prospetto informativo disabili (PID), che è la dichiarazione dalla quale risulta la propria situazione occupazionale rispetto agli obblighi di assunzione di personale disabile e/o appartenente alle altre categorie protette, ex L. 68/99*. Per l’anno in corso la presentazione deve avvenire, tra il 10 gennaio (dalle ore 19.00) e fino al 15 febbraio 2014, tramite il sistema sussidiario messo a disposizione dal Ministero del Lavoro. Fonte:quotidianosicurezza
  • 7. Trasmissione telematica PID entro il 15 febbraio I datori di lavoro di aziende con più di 15 dipendenti sono tenuti a inviare ogni anno, al servizio provinciale informatico di competenza territoriale, il Prospetto informativo disabili (PID), che è la dichiarazione dalla quale risulta la propria situazione occupazionale rispetto agli obblighi di assunzione di personale disabile e/o appartenente alle altre categorie protette, ex L. 68/99*. Per l’anno in corso la presentazione deve avvenire, tra il 10 gennaio (dalle ore 19.00) e fino al 15 febbraio 2014, tramite il sistema sussidiario messo a disposizione dal Ministero del Lavoro. Fonte:quotidianosicurezza