Your SlideShare is downloading. ×
News a 1 2014
News a 1 2014
News a 1 2014
News a 1 2014
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

News a 1 2014

158

Published on

Notiziario sulle principali novità in materia di ambiente/ Environment News

Notiziario sulle principali novità in materia di ambiente/ Environment News

Published in: Business
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
158
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  1. News 01/A/2014 Rifiuti. Rifiuti da imballaggio (Cassazione Penale) Cass. Sez. III n.48737 del 5 dicembre 2013 (Ud. 13 nov. 2013) Rientra nell'attività di illecita gestione, sanzionata dall'art. 256, comma 1 d.lgs. 1522006, lo smaltimento mediante combustione di rifiuti di imballaggio (nella specie, polistirolo) effettuato in assenza del prescritto titolo abilitativo (Fonte:http://lexambiente.it ) Rifiuti. Criterio di prossimità impianti di recupero/trattamento/smaltimento rifiuti TAR Basilicata, Sez. I, n. 727 del 21 novembre Rifiuti.Criterio di prossimità impianti di recupero/trattamento/smaltimento rifiuti 2013 Va precisato che l’art. 182 bis D.Lg.vo n. 152/2006 prevede il criterio della prossimità degli impianti di recupero/trattamento/smaltimento soltanto con riferimento ai rifiuti urbani non pericolosi. Il criterio di prossimità va interpretato in stretta connessione con il principio di autosufficienza, valevole solo per i rifiuti urbani non pericolosi, per cui, se nell’ambito provinciale e/o regionale non vi sono impianti di trattamento/smaltimento di rifiuti liquidi pericolosi, tali rifiuti vanno conferiti presso l’impianto extraprovinciale o extraregionale più vicino. (Fonte:http://lexambiente.it ) Urbanistica. L'istanza di permesso dell'ordinanza di demolizione a sanatoria non sospende l'efficacia L'istanza di permesso a sanatoria non sospende l'efficacia dell'ordinanza di demolizione ( TAR Campania, NA, sentenza n. 6024 depositata il 23/12/2013) Con la sentenza in commento, riportata in appendice, il TAR Campania, Napoli (Pres. Guadagno, Est. Cons. Carpentieri) ha ribadito la posizione della III^ Sezione (recentemente condivisa anche da TAR Lazio, RM, n. 11171 depositata il 30/12/2013) in ordine agli effetti della presentazione dell'istanza di accertamento di conformità ex art. 36 del D.P.R. n. 380/2001 nei sull’ordinanza di demolizione precedentemente emessa. Ha statuito il TAR: “[...] Corollario applicativo dei principi ora enunciati è che l’intervenuta
  2. presentazione della domanda di accertamento di conformità non paralizza i poteri sanzionatori comunali, non determina alcuna inefficacia sopravvenuta o caducazione, o invalidità di sorta dell’ingiunzione di demolizione, ma provoca esclusivamente uno stato di quiescenza e di temporanea non esecutività del provvedimento, finché perduri il termine di decisione previsto dalla legge e non si sia formato l’eventuale atto tacito di diniego, ragion per cui, una volta decorso tale termine e in mancanza di impugnazione giurisdizionale tempestiva di tale diniego taciuto, l’ingiunzione di demolizione riprende ipso facto vigore e non occorre in nessun caso una riedizione del potere sanzionatorio da parte dell’amministrazione procedente. [...]”. (Fonte:http://lexambiente.it ) Rifiuti. Legittimità ordinanza rimozione recupero e smaltimento dei rifiuti inquinanti abbandonati sul terreno Sez. V, n. 5609, del 26 novembre 2013 Rifiuti.Legittimità ordinanza rimozione recupero e smaltimento dei rifiuti inquinanti abbandonati sul terreno L’assenza di materiale inquinante è circostanza del tutto ininfluente ai fini dell’emanazione dell’ordine di rimozione di rifiuti ai sensi dell’art. 192 T.U. ambientale d.lgs. n. 152/2006. Quest’ultimo risulta infatti legittimamente emanato al ricorrere del presupposto consistente nell’esistenza di un deposito incontrollato di rifiuti, a prescindere dalla loro potenzialità inquinante. Tale ulteriore presupposto fonda infatti il diverso provvedimento consistente nell’ordine di bonifica dei terreni contaminati ex artt. 244 e 245 d.lgs. n. 152/2006. (Fonte:http://lexambiente.it ) No al canone di depurazione se il depuratore non c’è Una sentenza stabilisce finalmente che se nel Comune di residenza non sono attivi depuratori per le acque reflue, la quota della bolletta destinata alla depurazione non dev’essere pagata dai cittadini. Questo è quanto stabilito dal Giudice di Civita Castellana nel corso di un giudizio incardinato da Confconsumatori, sul presupposto del diritto inalienabile dei cittadini a non pagare un servizio qualora questo non si effettivamente erogato.“Se nel Comune di residenza non sono attivi depuratori per le acque reflue, la quota della bolletta destinata alla depurazione non dev’essere pagata dai cittadini”. (Fonte: guidaconsulenzalegale.com)
  3. Innovazione e sostenibilità, start up, PMI, studenti, bando “Edison Start” Pubblicato da Edison, il bando Edison Start, per progetti sostenibili e innovativi riguardanti energia, sviluppo sociale e smart communities. Il bando ha l’obiettivo di sviluppare nuove idee e promuovere start up innovative, micro, piccole imprese, team di persone fisiche e organizzazioni non profit, residenti nel territorio italiano che: • abbiamo sviluppato soluzioni e tecnologie innovative per il risparmio delle risorse energetiche, per l’ottimizzazione dei consumi e un più sostenibile accesso all’energia (categoria Energia); • intendano realizzare progetti capaci di attivare opportunità di sviluppo imprenditoriale per favorire l’inclusione, partecipazione e cooperazione (categoria Sviluppo Sociale); • abbiano progettato soluzioni per migliorare la qualità della vita domestica e della comunità per quanto riguarda, per esempio, la gestione dei rifiuti, la mobilità, l’architettura sostenibile e la domotica (categoria Smart communities). Il bando si sviluppa in diverse fasi. A partire dal 13 gennaio 2014 e fino al 30 marzo 2014 i candidati possono presentare il proprio progetto sulla piattaforma web www.edisonstart.it dove le proposte potranno essere votate e commentate dalla community. Tutti i progetti saranno quindi valutati da un team di esperti che daranno un punteggio ai diversi livelli di innovazione, utilità, fattibilità e capacità di coinvolgimento della community on line selezionando i 30 progetti finalisti. A questi Edison offrirà la possibilità di elaborare il proprio progetto definitivo avvalendosi del supporto di una squadra costituita da esperti della società e da altri partner quali università e istituzioni. I progetti definitivi dovranno essere presentati entro il 15 settembre 2014. I vincitori finali saranno tre, uno per categoria, e verranno decretati il 15 ottobre 2014. Ogni progetto vincitore sarà finanziato con 100.000 euro. (Fonte: cliclavoro) Al via la nuova edizione del Premio Impresa Ambiente Si rinnova l’appuntamento con il più alto riconoscimento italiano per le imprese che abbiano dato un contributo innovativo in termini di sostenibilità ambientale e responsabilità sociale nel corso dello svolgimento della propria attività produttiva. Il Premio Impresa Ambiente è promosso dalla Camera di Commercio di Roma –
  4. Asset Camera, incollaborazione con Unioncamere e con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Le categorie di partecipazione sono quattro: “Miglior Gestione“, “Miglior Prodotto“, “Miglior Processo/Tecnologia“, “Miglior Cooperazione Internazionale“; è inoltre previsto un “Premio Speciale Giovane Imprenditore“, riconoscimento riservato a titolari o dirigenti d’impresa under 40 in concorso per una delle quattro categorie che si siano particolarmente distinti per capacità imprenditoriali, innovazione ed attività di ricerca nell’ambito dello sviluppo ecosostenibile. Il termine per presentare le candidature è il 10 febbraio 2014. La partecipazione al Premio è gratuita. Quattro saranno le categorie di gara: Miglior Gestione, Miglior Prodotto, Miglior Processo/Tecnologia, Miglior Cooperazione Internazionale. A queste si somma quella riguardante il Premio speciale giovane imprenditore, per under 40. Le modalità di iscrizione per la presentazione delle candidature sono riportate nel Bando di Gara, sezione Modulistica. La premiazioni delle imprese vincitrici avverrà a Roma nel marzo 2014. I vincitori rappresenteranno le eccellenze italiane nel prossimo European business awards for the environment. (Fonte:http://www.premioimpresambiente.it/ )

×