• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Possibili scenari per l’applicazione  dello Scatol8®
 

Possibili scenari per l’applicazione dello Scatol8®

on

  • 1,109 views

23 novembre 2011. Convegno: "Gestione ambientale e paesaggistica sostenibile: progetti con lo Scatol8®", Università di Torino, Facoltà di Economia. La seconda parte dell'intervento di Riccardo ...

23 novembre 2011. Convegno: "Gestione ambientale e paesaggistica sostenibile: progetti con lo Scatol8®", Università di Torino, Facoltà di Economia. La seconda parte dell'intervento di Riccardo Beltramo

Statistics

Views

Total Views
1,109
Views on SlideShare
1,107
Embed Views
2

Actions

Likes
1
Downloads
8
Comments
0

1 Embed 2

http://www.linkedin.com 2

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Possibili scenari per l’applicazione  dello Scatol8® Possibili scenari per l’applicazione dello Scatol8® Presentation Transcript

    • Riccardo BeltramoPossibili scenari per l’applicazione dello Scatol8® Torino, 23 novembre 2011
    • Riccardo Beltramo Modello molto generale e replicabile, con caratteristiche di modularità,Modello molto generale e replicabile, stiamo lavorando su sensori, ma Scenario stiamo lavorando su sensori, ma vi sono già scenari Possibili scenari per l’applicazione dello Scatol8®
    • Sistema di Gestione Ambientale MSGA PROCEDURE Indicatori ISTRUZIONI OPERATIVE Algoritmo tal quali PIANI PROGRAMMI DOCUMENTAZIONE MODULISTICAVariabili rilevate Altre con SCATOL8 variabili Possibili scenari per l’applicazione dello Scatol8®
    • Riccardo BeltramoScenario 1: Variabile tematicaScenario 2: SGAPScenario 3: APEAScenario 4: QITScenario 5: GRI + StellaScenario 6: Attuatori Possibili scenari per l’applicazione dello Scatol8®
    • Scenario 1: Variabile tematica Riccardo BeltramoOggetto: Rilevamento di una o piùvariabili ambientaliAmbito: Organizzazioni, a partire daRifugi alpini ed imprese Possibili scenari per l’applicazione dello Scatol8®
    • Norme Riccardo Beltramo ambientali Risorse materiali ProdottiRisorse energetiche ORGANIZZAZIONE Risorse umaneRisorse economiche Servizi Emissioni gassose eletromagnetico Effluenti liquidi Inquinamento ..................... Rifiuti Possibili scenari per l’applicazione dello Scatol8® tempo
    • Scenario 1: Variabile tematica Riccardo BeltramoModalitàIndividuazione Localedell’ambitodi applicazione RemotoIndividuazionedelle variabilirilevabili conSCATOL8Progettazionee realizzazione Interfaccia Localedel sistema dirilevamento e utente Remotodi attuazione Possibili scenari per l’applicazione dello Scatol8®
    • Riccardo BeltramoScenario 1: Variabile tematicaControllo dell’efficienza energetica:Monitoraggio dettagliato delle temperatureControllo dell’efficacia dei trattamenti dei reflui:Monitoraggio dei principali parametri Possibili scenari per l’applicazione dello Scatol8®
    • Riccardo BeltramoPossibili scenari per l’applicazione dello Scatol8®
    • Riccardo BeltramoL’Eco-logica dei Rifugi alpini Possibili scenari per l’applicazione dello Scatol8®
    • Scenario 1: Variabile tematica Riccardo BeltramoEsempio Possibili scenari per l’applicazione dello Scatol8®
    • Riccardo Beltramo Management Scape Web Eco Land Scatol8®Possibili scenari per l’applicazione dello Scatol8®
    • Scenario 2: SGAP Riccardo BeltramoOggetto: Rilevamento di variabiliambientali e paesaggistiche peralimentare un sistema di gestioneambiental-paesaggisticoAmbito: Organizzazioni pubbliche checontrollano variabili puntuali e diffuse Possibili scenari per l’applicazione dello Scatol8®
    • Riccardo BeltramoPossibili scenari per l’applicazione dello Scatol8®
    • Aree Aree Riccardo Beltramo Aree di Centro residenziali Aree Unità di paesaggio pregio storico di recente produttive agricole ambientale impianto DescrittoriMorfologiaVegetazioneIdrografiaColorePanoramicitàRappresentativitàTrasformazioni/deformazioniCostruitoSegni dell’organizzazioneterritorialeRuolo simbolico Possibili scenari per l’applicazione dello Scatol8®
    • Riccardo Beltramo Aree Aree di Centro residenziali Aree Aree Unità di paesaggio pregio storico di recente produttive agricole ambientale impianto Descrittori 4 6 9 7 7............................................... Possibili scenari per l’applicazione dello Scatol8®
    • Riccardo BeltramoPossibili scenari per l’applicazione dello Scatol8®
    • Riccardo BeltramoElevato valoreMedio valoreScarso valorePossibili scenari per l’applicazione dello Scatol8®
    • Barolo Riccardo BeltramoPossibili scenari per l’applicazione dello Scatol8®
    • Scenario 2: SGAP Riccardo Beltramo Modalità: rilevabili con Scatol8 Individuazione delle variabili A/P non rilevabili con Scatol8 archivi alimentati da Impostazione del Scatol8sistema documentale altri archivi Realizzazione dellereti di telerilevamento Impostazione di interfacce-utente per l’attuazione del sistema e per la rilevazione della percezione del paesaggio
    • Scenario 2: SGAP Riccardo Beltramo• interviene nella fase di riprese fotografiche, fornendo le coordinate geografiche, l’altitudine nonché controllando l’orientamento della macchina fotografica, per collocare le riprese su mappe di percezione visiva;• può essere utile nell’applicazione delle Istruzioni operative, in particolare per quanto concerne il monitoraggio dei cantieri, attraverso il controllo in remoto di una fotocamera digitale.• interviene nella fase di monitoraggio del territorio, prelevando periodicamente da Google Earth mappe del territorio di interesse o consentendo una navigazione facilitata da interfacce, ad esempio joystick, per vedute paesaggistiche, monitoraggio di eventi, supervisione;• presidia lo scambio di file tra applicazioni, interfacciandosi con sistemi Open GIS• interviene nella sorveglianza delle situazioni di emergenza reale o potenziale (terreni soggetti a frane, ecc...), associando posizione, ora di rilevamento, immagine e dati rilevati da sensori.
    • Scenario 3: APEA Riccardo BeltramoOggetto: Rilevamento di una o piùvariabili di carattere ambientale e/opaesaggistico per la gestione di impreseed organizzazioni secondo i principidell’ecologia industrialeAMBITO: Imprese e/o Soggetti gestori diAree Produttive EcologicamenteAttrezzate Possibili scenari per l’applicazione dello Scatol8®
    • Scenario 3: APEA Riccardo BeltramoModalità:Definizione dell’ambito di applicazione:soggetto gestore? imprese?Definizione delle variabili ambientali epaesaggistiche:area? infrastrutture comuni? imprese?Individuazione dei sensoriRealizzazione del sistema di telerilevamento:soggetto gestore? imprese?Realizzazione del sistema di gestione einterfaccia websoggetto gestore? imprese? pubblico? Possibili scenari per l’applicazione dello Scatol8®
    • Scenario 3: APEA Esempio Riccardo Beltramo Possibili scenari per l’applicazione dello Scatol8®
    • Norme Norme Norme Norme ambientali urbanistiche sicurezza previdenziali Riccardo Beltramo Risorse materiali ISO9001 ProdottiRisorse energetiche ISO14001 OHSAS18001 Scenario 4: QIT Risorse umane SA8000Risorse economiche CEP Servizi Paesaggio Emissioni gassose eletromagnetico Effluenti liquidi Inquinamento ..................... Qualità Rifiuti Sicurezza Responsabilità sociale Possibili scenari per l’applicazione dello Scatol8® tempo
    • Riccardo Beltramo Scenario 4: QITOggetto: Rilevamento delle variabiliambientali e paesaggistiche, da unire avariabili economiche e sociali perl’impostazione e l’implementazione di unSistema di gestione per la QualitàIntegrata TerritorialeAmbito: Organizzazioni pubbliche Possibili scenari per l’applicazione dello Scatol8®
    • Riccardo Beltramo Scenario 4: QITModalità Possibili scenari per l’applicazione dello Scatol8®
    • Riccardo Beltramo Scenario 4: QITEsempio Possibili scenari per l’applicazione dello Scatol8®
    • Scenario 5: GRI + Stella Oggetto: Redazione di un Rapporto di sostenibilità (secondo lo standard della Global Reporting Initiative) e simulazione dell’effetto di programmi Ambito: Organizzazioni private e pubbliche Possibili scenari per l’applicazione dello Scatol8®
    • Rapporto Sistema di Gestionedi sostenibilità Integrato MSGI Scenario 5: GRI + StellaPROCEDURE Indicatori ISTRUZIONI Modalità OPERATIVE Algoritmo tal quali PIANI PROGRAMMI DOCUMENTAZIONE MODULISTICA Variabili rilevate Altre Programma con SCATOL8 variabili 30 di simulazione
    • Riccardo BeltramoDagli archivi alimentati dallo Scatol8vengono estratte le informazioni per ilRapporto di sostenibilitàGli stessi dati sono di riferimento per losvolgimento di simulazioni Possibili scenari per l’applicazione dello Scatol8®
    • Sistema di Gestione Ambientale MSGA PROCEDURE Indicatori ISTRUZIONI OPERATIVE Algoritmo tal quali PIANI PROGRAMMI DOCUMENTAZIONE MODULISTICAVariabili rilevate Altre Programma con SCATOL8 variabili di simulazione
    • Scenario 6: Attuatori Riccardo Beltramo AmbitoOgni ambito in cui alla registrazione di una variabile sidesidera associare un’azione in corrispondenza delraggiungimento di un’intensità prestabilita.Gli attuatori eseguono l’azione programmata. Possibili scenari per l’applicazione dello Scatol8®
    • Scenario 6: Attuatori Riccardo Beltramo ModalitàIl sistema Scatol8 integra microprocessori, sensori edattuatori e riferisce, in locale ed in remoto, le azioni compiute.La comunicazione dell’invio di segnalazioni avviene incontemporanea all’esecuzione dell’azione programmata Possibili scenari per l’applicazione dello Scatol8®
    • Riccardo Beltramo Management Scape Web Eco Land Scatol8 Possibili scenari per l’applicazione dello Scatol8®descrivere in breve i box