Guida al personal fundraising in azienda

733 views

Published on

Per le aziende sensibili ai temi della CSR (Corporate Social Responsability), oggi c'è un nuovo strumento per sviluppare i propri programmi di responsabilità sociale; il Personal Fundraising. Uno strumento semplice e divertente, con cui poter fare anche team building con i propri dipendenti.

Published in: Business
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
733
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
11
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Guida al personal fundraising in azienda

  1. 1. Guida al Personal Fundraising in Azienda
  2. 2. Con la Guida al Personal Fundraising in Azienda, Rete del Dono intende mettere a tua disposizio- ne i “fondamentali” perché la tua partecipazione ad un evento sportivo si traduca in un’occasione riuscita di CSR e team building aziendale. Pochi e semplici passi per coinvolgere i dipen- denti, il network esterno e gli stakeholder: tutti possono essere protagonisti dell’evento e con- tribuire al raggiungimento di un obiettivo comune, associando alla s�ida sportiva una s�ida solidale.
  3. 3. Come dare il meglio in 6 semplici mosse! 1. Scegliere la buona causa Il primo passo l’hai già fatto: identi�icare il progetto destinatario della raccolta fondi. L’hai scelto perché è coinvolgente, coerente con i tuoi valori aziendali, perché ci credi e credi sia importante realizzarlo. Adesso non ti resta che coinvolgere il resto dell’azienda. 2. Pubblicare la tua iniziativa Per coinvolgere e attivare il tuo network interno ed esterno hai bisogno di comunicare la tua iniziativa sportiva e solidale in modo ef�icace. Rete del Dono registrerà la tua azienda al portale, dopodiché ecco cosa fare: Apertura pagina aziendale su Rete del Dono: spiega perché hai deciso di partecipare all’evento sportivo; arricchiscila con foto/video inserendo nel testo una chiaro invito a partecipare alla raccolta fondi e ad attivarsi come personal fundraiser.
  4. 4. In tutte queste occasioni è opportuno modulare la comunicazione in funzione del target (dipendenti, partner, fornitori o clienti). Ricorda che tutti possono correre e attivarsi per la vostra buona causa e che questa va spiegata e condivisa af�inchè ciascuno la senta propria. Il tuo sito: inserisci un richiamo che segnali la tua partecipazio- ne all’evento (un banner che rimandi alla tua pagina di raccolta fondi o meglio ancora il widget di Rete del Dono). La tua intranet o House Organ: comunica a gran voce la partecipa- zione alla corsa. Altri canali di comunicazione online (social media): piani�ica una comunicazione continuativa �ino al giorno dell’evento, ricor- dando di inserire sempre nei post il link alla pagina di raccolta fondi con l’invito ad attivarsi/donare. Comunicazione of�line: la raccolta fondi avviene online, ma è im- portante che la promozione venga fatta anche attraverso canali tra- dizionali (Es. locandine sulle bacheche aziendali, allegati alle buste paga, piè di pagina nelle email verso fornitori/partner/dipendenti) per tutto il periodo antecedente l’evento. Ricorda di inserire sempre nel materiale cartaceo la url della pagina e il suo QR Code. Media relation: se hai la possibilità di comunicare l’iniziativa attra- verso attività di media relation, non scordare di indicare il link della pagina di raccolta fondi. 3. Comunicare l’iniziativa
  5. 5. Pettorali: puoi regalarli ai tuoi dipendenti, chiedendo loro di attivar- si con una colletta online. Charity Match Giving: potresti destinare al progetto lo stesso im- porto raccolto dai tuoi runner, o una cifra precedentemente concor- data. Comunica questa decisione in fase di promozione dell’iniziati- va. Running Team: coinvolgi i tuoi runner in allenamenti di gruppo e sessioni di training teorico. Top Fundraiser: dai ad ogni fundraiser lo stesso obiettivo (Es. 1.000€) e stimola la competizione sportiva e solidale. Chi raccoglierà di più sarà premiato (il premio può anche essere simbolico purchè grati�icante) Dai visibilità ai primi runner fundraiser e ai loro successi: par- larne - attraverso i canali disponibili - è utile per stimolare lo spirito di emulazione, valorizzare il loro contributo e ringraziali. Pensa con anticipo ad un dress code a tema con la tua azienda (o con il progetto bene�iciario). T-shirt, palloncini, bandiere ed altri ele- menti di colore servono a rendervi più visibili il grande giorno ma anche ad aumentare il senso di appartenenza di ciascun alla squadra. Organizza una festa/cerimonia post-evento in cui ringraziare tutti e premiare i Top Fundraiser 4. Gli strumenti per motivare i runner
  6. 6. Guida al Personal Fundraising in Azienda OGNI RUNNER UN FUNDRAISER, OGNI AMICO UN DONATORE! 5. Il giorno della corsa Il giorno della corsa è il momento per festeggiare un percorso di lavoro e coinvolgimento iniziato mesi prima. Vivilo non solo come un’occasione di visibilità, ma come una grande festa per tutti. Ecco cosa puoi fare per animare la giornata: Cartelloni, poster, vele o banner: da posizionare in punti strate- gici del percorso. Fai il tifo: è fondamentale per chi corre sentirsi incitati, ed è bello per chi non corre poter sostenere direttamente gli amici e avere un ruolo. Fai un “piano d’azione” per counvolgere chi non corre. Ricorda che puoi richiedere i ventagli rumorosi di Rete del dono per fare il tifo. Punto di ritrovo alla partenza o all’arrivo: organizza un punto di ritrovo a cui i tuoi runner possano fare riferimento e che vi consen- ta di scattare foto di gruppo- Per consigli e suggerimenti non esitare a contattarci: aziende@retedeldono.it

×