• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Oltrenetwork - Proposte progettuali per l'abitare smart & social
 

Oltrenetwork - Proposte progettuali per l'abitare smart & social

on

  • 522 views

 

Statistics

Views

Total Views
522
Views on SlideShare
522
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
3
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial LicenseCC Attribution-NonCommercial License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Oltrenetwork - Proposte progettuali per l'abitare smart & social Oltrenetwork - Proposte progettuali per l'abitare smart & social Presentation Transcript

    • a cura di: Luca Biancucci http://www.slideshare.net/lucabiancuProposte Progettualiper l’AbitareSmart & Social( Smart Building )
    • CONTRATTO DI RETE: OltreNetworkIl contratto di rete è una innovativa forma (smart) di aggregazione fra imprenditori, che unendo sforzi economici e risorse patrimoniali, tentano di conseguire obbiettivi di sviluppo e crescita imprenditoriale, ai quali non potrebbero avere accesso operando individualmente.Il contratto di rete è costituito allo scopo di creare una collaborazione sinergica tra le società aderenti finalizzata a sviluppare progetti abitativi di interesse generale quali l’Housing Sociale & Social Building. Le Società aderenti sono:
    • CONTRATTO DI RETE: OltreNetwork “FACILITATORI” per REALIZZARE SOCIAL HOUSING Mettere in “rete” tutti i soggetti interessati sia Pubblici che PrivatiIl MERCATO NON SI PARLA … cresce la domanda di alloggi sociali e aumenta l’invenduto di edilizia libera … PROMOTORI e OPERATORI ‘PAZIENTI’ e ‘SOCIALI’ E’ possibile attuare il Social Housing ? Sì … diverse le opportunità e diversi gli strumenti finanziari …
    • COSA È IL SOCIAL HOUSING
    • SOCIAL HOUSING = SOCIAL BUILDINGIl termine Social Housing non ha un significato immediato econdiviso, infatti i Paesi membri dell’Unione Europea si distinguonoper l’eterogeneità sia delle situazioni abitative nazionali che dellepolitiche adottate in tema di abitazione; il concetto di social housingtende quindi a variare da un Paese all’altro.In Europa * (2006):‘ offerta di alloggi e servizi con forte connotazione sociale, percoloro che non riescono a soddisfare il proprio bisogno abitativosul mercato (per ragioni economiche o per assenza di un’offertaadeguata, cercando di rafforzare la loro condizione) e per le qualiesistono regole di assegnazione ’* definizione del CECODHAS, Comitato europeo per la promozione del diritto alla casa
    • SOCIAL HOUSING = SOCIAL BUILDINGE’ importante chiarire che il Social Housing non è solo Casa(per la cd. ‘fascia grigia’), ma Casa & Servizi (Social Building)Che sono anche … negozi, ambulatori, uffici, studentati (per i cd.Creativi, i ricercatori), cohousing, coworking, l’housing temporaneo,ecc …In Italia (2008) non esiste la definizione di Social Housing , ma diAlloggio Sociale (AS) …
    • AS: LA NUOVA NORMATIVA NAZIONALE (D.M. 22/08) OBIETTIVO CHIARO: Concorrere al miglioramento di vita dei destinatari e perseguire l’integrazione tra le diverse fasce sociali SOLUZIONI AMPIE Offerta di Alloggi in Locazione Permanente MA ANCHE Offerta di Alloggi Locazione temporanea min. 8 anni Sostegno all’accesso alla Proprietà a Prezzo Convenzionato (non prioritaria) Il servizio di AS viene erogato da operatori pubblici e privati. L’AS costituisce Standard Urbanistico Aggiuntivo.
    • IL ‘ PIANO CASA 1 ’
    • LA NUOVA NORMATIVA NAZIONALE: Piano Casa “Programma straordinario di edilizia residenziale pubblica” previsto dall’art. 21 del decreto-legge 1 ottobre 2007 n. 159 come convertito, con modificazioni, dalla legge 29 novembre 2007 n. 222. L’art. 11 del decreto legge n. 112 del 2008 vuole “garantire su tutto il territorio nazionale i livelli minimi essenziali di fabbisogno abitativo” attraverso l’incremento del patrimonio immobiliare ad uso abitativo con l’offerta di abitazioni di edilizia residenziale.  Per raggiungere tale obiettivo, viene sancito ulteriormente l’utilizzo delle modalità dell’urbanistica perequativa.
    • LA NUOVA NORMATIVA NAZIONALE: Piano CasaLe modalità di intervento previste dal D.L. n. 112 del 2008 e dalDPCM 16 luglio 2009, che ne costituisce attuazione, sono sei:a) costituzione di un Sistema Integrato nazionale e locale di Fondiimmobiliari (SIF) per la realizzazione di immobili di ediliziaresidenziale;b) incremento del patrimonio di edilizia residenziale pubblica;c) promozione finanziaria anche ad iniziativa di privati (ProjectFinancing);d) agevolazioni a cooperative edilizie costituite tra i soggettidestinatari degli interventi;e) programmi integrati di promozione di edilizia residenziale anchesociale;f) interventi di competenza degli ex IACP.
    • LA NUOVA NORMATIVA NAZIONALE: Piano CasaCertamente, la modalità più innovativa e potenzialmente in grado dicoinvolgere maggiormente il ricorso al capitale privato è rappresentatadal Sistema Integrato di Fondi Immobiliari *.* Il D.L. n. 112 del 2008 e il DPCM 16 luglio 2009 stabiliscono che il Sistema Integrato di Fondi Immobiliari deveincrementare il numero di alloggi sociali.Altra innovazione è quella rappresentata dal ricorso “promozione distrumenti finanziari innovativi e con la partecipazione di altri soggettipubblici o privati”, ma forse non è questo il periodo per strumentifinanziari innovativi.Così delineato il quadro, una prima difficoltà è data dalla necessitàdi verificare se vi sia un possibile coordinamento tra le normativenazionali e quelle regionali.
    • CASSA DEPOSITI E PRESTITI (F.I.A.)
    • Fondo Investimenti Abitare (FIA) della C.D.P.Il FIA investe il proprio patrimonio principalmente in quote di fondicomuni d’investimento immobiliari operanti a livello locale e gestiti da altresocietà di gestione del risparmio, attraverso partecipazioni nel limitemassimo del 40%. (ad oggi è stato superato tale vincolo)InvestitoriCDP, Ministero delle infrastrutture e dei trasporti (MIT) e altri investitoriistituzionali privati, quali gruppi bancari ed assicurativi e casse diassistenza e previdenza professionale privatizzateRendimento obiettivoCirca il 3% oltre inflazione, generato da un flusso cedolare riveniente dallalocazione degli immobili e dalla rivalutazione a scadenza in corrispondenzadella loro cessione
    • Fondo Investimenti Abitare (FIA) della C.D.P.Al 30 settembre 2012 Cdp Investimenti Sgr, la società di gestioneche "manovra" il maxi-fondo per il social housing ha assunto deliberepreliminari in 15 fondi locali, gestiti da 9 società di gestione delrisparmio, per 500 milioni di investimenti potenziali del Fia, ilFondo investimenti per labitare. Di questi, 276 milioni sono statideliberati in via definitiva in 12 dei 15 fondi, per finanziare 69interventi di housing sociale.Il maxi-fondo per il social housing di oltre 2 miliardi risulta quindiimpegnato per il 14% circa in via definitiva e per circa il 25% inmodalità "potenziale", prevedendo che tutte le delibere preliminari (oplafond) vadano poi trasformandosi in delibere definitive …… Restano 1,4 miliardi di Euro …
    • DAL SOCIAL BUILDINGALLO SMART BUILDING
    • SMART BUILDING SOCIAL HOUSING & SMART BUILDING SOCIAL BUILDING Agenda 2020 UE: crescita che affondi le basi su un’economia Intelligente, Sostenibile e Inclusiva. Limportanza di avere accesso all’Abitare a prezzi convenienti è considerato uno dei fattori fondamentali per l’Inclusione Sociale
    • La Qualità dell’Abitare SocialeGli obiettivi della Gestione Sociale (NO Effetto Ghetto) sono:1) Creare mix di utenza, onde evitareun’eccessiva concentrazione di disagio2) Offrire un accompagnamento sociale leggero agli inquilini3) Progettare e gestire servizi sociali, commerciali e sanitari rivolti al territorio, in modo da creare una forte interconnessione tra la struttura e il quartiere circostante4) Proporre canoni calmierati (intermedi tra offerta pubblica e libero mercato)5) Siglare convenzioni con gli Enti Locali rispetto agli utenti maggiormente svantaggiati
    • La Qualità dell’Abitare SocialeI vantaggi per gli Enti Locali:Farsi promotori di iniziative per il contenimento del disagio abitativo e per lariqualificazione sociale del territorio;Offrire, attraverso l’housing temporaneo, un nuovo modello di abitarecomplementare all’alloggio sociale che si distingua per il suolo centrale deiservizi di accompagnamento e di promozione;Cogliere l’occasione per riqualificare immobili ed aree in disuso pertrasformarle in nuove centralità urbane;Proporre alla cittadinanza nuovi servizi collegati all’abitare, quali sanitàleggera, sportelli di mediazione sociale, servizi di assistenza legale a tariffecalmierate, microcredito, progetti per l’accompagnamento al lavoro, servizieducativi e di assistenza per i cittadini;Coinvolgere gli operatori locali del terzo settore (nuove forme di welfare)presenti nel territorio per l’erogazione e la progettazione dei servizi sociali diaccompagnamento.
    • La Flessibilità dell’Abitare Sociale Taglia M fonte: Taglia S http://www.open.to.it/ Taglia L
    • HOUSING SOCIALEAUTOFINANZIATO
    • La Realizzazione
    • La Realizzazione dal Progetto … ... alla Realizzazione
    • Il Target di Riferimento VINCOLO LOCATIVO fino a 15 anni 20/25 anni PICCOLI FONDI INVESTITORI IMMOBILIARI PRIVATI PUBBLICI
    • Alcune Suggestioni/Riflessioni Esistono piccoli investitori privati ? diminuiscono aumentano  ACQUIRENTI di  RISPARMIATORI PRIMA CASA “IN FUGA”
    • Un Modello Innovativo COSTRUTTORE ENTE GESTORE IMMOBILIARE PICCOLI INVESTITORI BANCA
    • Un Modello Innovativo ENTE GESTORE 15 tto 100 fru usu % i ann COSTRUTTORE IMMOBILIARE vend finanzi BANCA nu e a da p rop 60% rie PICCOLI tà INVESTITORI
    • Grazie per l’Attenzione !!!Luca Biancuccibiancucci@oltrenetwork.it @luca_biancucci http://www.linkedin.com/pub/luca-biancucci/28/5b7/246 http://www.slideshare.net/lucabiancucci