• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Social Recruiting, Employer Branding e Online Brand Reputation
 

Social Recruiting, Employer Branding e Online Brand Reputation

on

  • 990 views

Intervento di Andrea Barchiesi, CEO di Reputation Manager, al Social Recruiting Forum 2013

Intervento di Andrea Barchiesi, CEO di Reputation Manager, al Social Recruiting Forum 2013

Statistics

Views

Total Views
990
Views on SlideShare
919
Embed Views
71

Actions

Likes
0
Downloads
19
Comments
1

1 Embed 71

https://twitter.com 71

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel

11 of 1 previous next

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Social Recruiting, Employer Branding e Online Brand Reputation Social Recruiting, Employer Branding e Online Brand Reputation Presentation Transcript

    • La stretta relazione tra Employer Branding, Online Brand Reputation e Social Recruiting 31 Gennaio 2012Andrea BarchiesiFondatore e CEOReputation Managerwww.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • Millenium problems I problemi per il millennio sono 7 grandi problemi matematici allora irrisolti istituito nel 24 maggio 2000 durante il convegno del millennio a Parigi1. P versus NP problem2. Hodge conjecture3. Poincaré conjecture (solved)4. Riemann hypothesis5. Yang–Mills existence and mass gap6. Navier–Stokes existence and smoothness7. Birch and Swinnerton-Dyer conjecture Chi fornisce una dimostrazione riceve in premio gloria e 1.000.000 eur Ad oggi 6 sono ancora irrisolti www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • Millenium problems: i numeri primi Tra questi uno è particolarmente evocativo, l’ipotesi di Reimann che si occupa di trovare una «regola» all’interno dei numeri primi. NUMERI PRIMI Uno dei più grandi misteri della matematica affrontato nei secoli dai più grandi geni. Reimann Un numero primo è un numero non ottenibile dalla composizione di nessun altro. Ogni numero primo è una entità a sè, unica ed imprevedibile . Non controllabile se non a posteriori. E’ una questione che ci portiamo dall’alba dell’umanità. Reimann è rimasto per anni ossessionato dalla ricerca di una soluzione. Ha proposto di cambiare punto di osservazione www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • Cosa ci hanno insegnato nei secoli i numeri primi? UMILTA’ derivante dall’impossibilità di piegare ogni cosa ad uno schema semplice PROSPETTIVA l’importanza di cambiare punto di vista per vedere chiaramente una soluzione FLESSIBILITA’ cognitiva necessaria per poter gestire l’imprevedibile L’avvento del web ha cambiato il mondo delle risorse umane trasformando ogni semplice numero in un numero primo. Ogni singola persona oggi è una entità MEDIATICA con un potenziale AMPLIFICATO che lo trasforma in un caso dagli effetti imprevedibili. www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • Social Recruiting è una interazione tra numeri primi Come cambia lo scenario per l’azienda «Il 17 è un numero primo ..... Esattamente come il 13. La superstizione ha radici profonde»www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • Il contatto immateriale Il mondo on line ha cambiato molti paradigmi, l’azienda deve cambiare per inseguire il mercato. Il cambiamento non è mai un biglietto gratis e molte aree all’interno dell’azienda fanno fatica ad adeguarsi. Il mondo delle risorse umane non fa eccezione e questo lo espone a una nuova frontiera di rischi. Candidato si informa on line sull’azienda Anzitutto praticamente è cambiata la modalità di contatto AVVIENE UNA VALUTAZIONE RECIPROCA TRA AZIENDA E CANDIDATO PRIMA DEL COLLOQUIO www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • Prendono forma concetti nuovi Employer Branding: capacità del brand di attrarre il talento. Ma la vera novità è: On Line Employer Branding: insieme dei contenuti on line che descrivono:  Clima aziendale  Prospettive di carriera  Retribuzioni  Benefit  Crescita professionale  ....... C recruiting = αC mercato Crecruiting: costo recruiting α < 1 buon on line Employer Branding α > 1 pessimo on line Employer Branding www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • Relazione a doppio filo dell’Employer Branding  Opionioni on line dei dipendenti  Opinioni degli ex dipendenti  Comportamenti dei dipendenti Employer Branding (α)  Opinioni degli Stakeholder Brand Reputation  Opionioni su prodotti  Opinioni su servizi  Management Customer Branding (β)  Assistenza  ........ C recruiting = (α+β) C mercato www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • ...... lo scenario muta anche per il candidato «Sacks ha documentato il caso di due gemelli autistici di 26 anni che comunicavano scambiandosi numeri primi di 6 cifre ...... Avevano risolto il mistero?»www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • Dal C.V. all’Identità Digitale Elenco esperienze Reputazione C.V. Lavorative, formazione Professionale WEB 2.0 Motori di Ricerca, Social, Community IDENTITA’ DIGITALE Profili social, foto, Online Reputation video, commenti, articoli on line Condiziona la valutazione dell’azienda www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • Si crea un nuovo ecosistema di relazione. Un patto fiduciario che nasce solo sotto determinate premesse «Rivest, Shamir, Adleman hanno utilizzato i numeri primi per proteggere le carte di credito ...... Oggi le transazioni elettroniche usano RSA.»www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • Social Recruiting e Ciclo reputazionale Grazie al Web 2.0 l’azienda e il candidato si valutano reciprocamente Ricerca Web 2.0 Reputazione Brand Candidato Reputation Identità digitale Employer Branding Social Recruiting www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • Alcuni dati sul Social Recruiting in Italia Sondaggio Digital Reputation e Social Recruting 2012 (Adecco- Reputation Manager)  Il 51 % delle aziende e il 53% dei candidati utilizzano i social media nel processo di recruiting  Le aziende guardano di più Linkedin (55%), i candidati Facebook (52%).  Il 21 % dei recruiters lo fa per controllare la veridicità dei c.v. e il 14% dei candidati per verificare info e opinioni sull’azienda  Il 51% valuta il profilo on line del candidato per accuratezza, professionalità e indice di personalità proattiva  Il 27% dei recruiters dichiara di avere escluso un candidatohttp://www.adecco.it/SiteCollectionDocuments/Social%20Recruiting/Digital- a causa dei contenuti postati sul webReputation-Social-Recruiting-Adecco-infografica-2012.pdf www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • Employer Reputation passa dal SocialSe il 52% dei candidati monitora le pagine aziendali Facebook per controllare leofferte di lavoro, significa che l’employer branding dell’azienda passa specialmenteda questo canale.Tutto quello che avviene sulle Fan Page aziendali, ma anche ciò che viene dettosull’azienda all’interno di Gruppi di discussione (magari creati dai dipendenti), puòinfluenzare l’opinione del candidato sull’azienda come datore di lavoro www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • Social Recruiting: Domanda/offerta su Facebook 1.863 Pagine e Gruppi dedicati al Lavoro 12.637.708 Utenti (44,8% donne, 44,1% uomini) +7,28% post e commenti ogni mese Luogo di incontro tra domanda e offertaLe più seguite TOTALE POST+COMMENTI VARIAZIONE NOME FANPAGE NUMERO FAN FAN ATTIVI LIKE TOTALI POST+COMMENTI % Gazzetta Del Lavoro 171.058 4.565 76.729 7.549 38,50% Lavoro - Worky (offerte, annunci, soldi, finanza, news, info utili) 133.072 5.757 92.963 11.949 19,25% Cerco Lavoro, Offerte di Lavoro, CercoLavoro.com 88.469 4.806 8.871 11.988 3,50% www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • Employer Reputation L’imprevedibilità dei numeri primi e l’impatto delle opinioni online dei dipendenti sulla brand reputation «Risolvere il mistero significa scardinare la sicurezza informatica e potenzialmente portare al collasso i sistemi mondiali ...... I maya non l’avevano previsto»www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • Employer Branding e Online Brand Reputation «Attivisti accusano il brand di utilizzare una tecnica nociva per i lavoratori, che può portare anche alla morte» «Su Facebook il gruppo Mai Più Omsa in due giorni 100mila persone» «Brutta gaffe di Groupalia su Twitter, ci si interroga sul personale che gestisce i profili social aziendali» L’Employer Branding, in quanto insieme di strategie messe in atto per far percepire la propria azienda come luogo di lavoro ideale, deve prevedere necessariamente un piano di crisis management sui social www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • Crisis: la risposta dell’azienda. Il Caso OmsaL’inizio della storia: ....Dopo un anno:Gennaio 2012, Omsa annuncia il licenziamento di centinaia - 2 risultati sul boicottaggio in top searchdi dipendenti. Su Facebook parte il boicottaggio del brand. per «Omsa»In poche ore 17mila persone hanno cliccato “mi piace” sul - Nessun accenno alla presa in carico daprogetto di sabotaggio collettivo “Mai più Omsa” arrivando parte dell’aziendaentro qualche mese a superare i 100mila partecipanti. Omsa risponde ai centinaia di commenti negativi sulla sua pagina così: «Abbiamo preso in considerazione il vostro punto di vista e abbiamo conversato con voi più volte riguardo a tali avvenimenti. Rimaniamo aperti alla discussione, ma per una serena convivenza di chi utilizza la nostra community per altri scopi i commenti off topic o con un linguaggio scorretto verranno moderati».La morale della storia:1.Basta una pagina Facebook per organizzare inpoche ore un’azione di boicottaggio nazionale2.Le scuse non bastano, la Rete richiede il dialogo eil confronto teso alla risoluzione della problematica www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • I dipendenti sono on line  Di cosa parlano on line?  Hanno atteggiamenti sconvenienti per la reputazione del brand?  Diffondono informazioni riservate?  Come definiscono la loro esperienza e il luogo di lavoro?  Che immagine offrono dell’azienda?  Interagiscono con i clienti? In che modo? www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • L’opinione dei dipendenti e l’impatto sulla Brand Reputation Case History: HR consulenza internazionale, dati Reputation Manager Le opinioni on line di candidati, dipendenti ed ex dipendenti Brand hanno un impatto negativo del Candidati 42% sulla reputazione del brand Dipendenti Ex Dipendenti Fondamentale per l’area HR monitorare i commenti on line sulle modalità di selezione e le opinioni di dipendenti ed ex dipendenti per controllare gli impatti sul brand www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • Management Online ed Employer Branding Ma quando si parla di reputazione dell’azienda Raddoppia la percentuale dei i CEO sono ritenuti meno credibili CEO on line di consumatori e impiegati Socialising Your CEO: From (Un)Social to Social 2012 Trust Barometer 2012 (Weber Shandwick) (Edelman) www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • Quali aree aziendali impatta la reputazione? Il social network ha portato on line uno share molto significativo dei dipendenti di una azienda (dal 20% al 90% in base ad azienda e settore). I Rischi Possono in qualsiasi momento:  diffondere dati strategici  esprimere posizioni molto scomode per l’azienda  insultare clienti  avere un decoro poco adeguato www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • Dipendenti Online ed Employer Branding Capita sempre più spesso che i dipendenti utilizzino la propria identità digitale (profili facebook, twitter, blog personali, conversazioni nei forum) contro la propria identità professionale: - si lamentano online del proprio lavoro mettendo a repentaglio la propria occupazione, la propria reputazione e quella dell’azienda come datore di lavoro - utilizzano i social network a scopo personale nell’orario di lavoro dimezzando il rendimento - Pubblicano on line informazioni che rivelano di aver comunicato il falso all’azienda Google Trends «licenziato facebook» www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • Social Network a lavoro: ha senso bloccarli? Distribuzione dei commenti postati su 2000 gruppi e pagine Facebook Interagiscono a lavoro La curva cresce in modo forte dalle 9:00 del mattino con un picco alle ore 12:00. Cala in pausa pranzo e risale con un nuovo picco alle 15:00. In settimana il picco è tra martedì e giovedi e la curva cala decisamente nel week end. www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • Anche i futuri dipendenti sono on line  Possono leggere o chiedere direttamente, tramite i social, le opinioni di dipendenti ed ex dipendenti  Possono decidere di non prendere in considerazione l’azienda in base alle informazioni reperite on line L’azienda puo’ perdere talenti Il brand non può essere passivo, ma entrare attivamente nel ciclo reputazionale, utilizzando la rete per mettere in circolo un sistema virtuoso di informazioni e comunicare con trasparenza la sua brand identity. Ovvero strutturare un processo di ingegneria reputazionale www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • Un esempio: come ingaggiare il talento con la Rete La Banca mondiale cerca due stagisti per il social media team in Africa. E li seleziona su Twitter https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=t1iBojfoa_c www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • Come migliorare l’Employer Branding Integrare l’ingegneria reputazionale nell’organizzazione dell’azienda «Hilbert nel XX secolo ha lanciato la sfida a tutti i matematici su 23 problemi. Solo l’ipotesi di Reimann è sopravvissuta per il XXI»www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • Ingegneria reputazionale, le componenti dell’identità Si parte dall’azienda e dal management: Corporate • Raccontare la forza dell’azienda • Dare un volto nei manager Communication • La storia • I prodotti • Le sfide e le innovazioni • Diventare opinion leader Personal Branding Affrontare con trasparenza le sfide e condividere rendendo partecipi gli utenti. Gli utenti sono i primi tester reali di prodotti e servizi. www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • Personal Branding, l’opportunità dietro il rischio Il dibattito: potenziare la voce delle figure di talento è un rischio o un’opportunità per l’azienda? Il digitale crea naturalmente questa opportunità per i talenti, che costruiscono un proprio personal brand confrontandosi on line con professionisti del mondo intercompany L’obiettivo dell’azienda deve essere quello di valorizzare il talento facendolo diventare un brand ambassador, in modo che la sua voce sia quella della sua azienda www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • Step 1: Definire un sistema di regole Il primo passo è studiare in funzione del brand e del mercato di riferimento un set di regole di interazione con il mondo on line. Le macroaree da regolamentare sono le seguenti: Chi se ne occupa? MANAGEMENT  Standardizzazione dei canali ufficiali  Gestione della sicurezza dei canali ufficiali HR  Definizione ed introduzione delle policy etiche  Norme di comportamento on line per i dipendenti  Norme di interazione a nome dell’azienda  Consigli sulla sicurezza dei canali privati  Riservatezza del know how e del patrimonio intellettuale  Set di norme specifiche del mercato di riferimento Documentazione condivisa e integrata nei contratti di lavoro www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • Step 2: Formazione 1) Effettuare un’analisi interna per comprendere all’interno del personale la distribuzione del grado di competenza e familiarità con il mondo on line 2) La formazione deve essere calibrata sull’effettivo grado di competenza altrimenti rischia di essere o troppo complessa per essere efficace o troppo banale. 3) Se dalla distribuzione emerge una forte disomogeneità è necessario organizzare diversi gruppi aggregati in base alle effettive competenze. Aspetti da chiarire:  cosa rientra nella proprietà intellettuale dell’azienda  distinzione tra persona fisica e ruolo aziendale  come esprimere opinioni personali può avere impatti nell’azienda  internet non è il canale del dissenso interno la porta dell’ufficio del personale è sempre aperta www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • Step 3: creare il crowdsourcing Tra i primi lungimiranti esempi di crowdsourcing si può citare Wikipedia: ogni singolo utente, possedendo una conoscenza unica e personale, crea un piccolo tassello di un’opera complessiva, per esempio scrivendo parte di una voce ‘wiki’. L’azienda può usare il crowdsourcing per: - Creare qualcosa di nuovo (un prodotto, una campagna pubblicitaria,...) - Consolidare la corporate identity (es. contest su temi etici, green, social responsability) - Rilanciare la corporate identity (cambiare logo, immagine, claim ecc) I vantaggi del crowdsourcing per l’azienda: • ottenere l’idea innovativa in meno tempo e con minori investimenti • effettuare minori errori durante lo sviluppo del concetto di prodotto • monitorare e migliorare la reputazione aziendale grazie ad un confronto continuo www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • Identità digitale L’impatto delle informazioni online sulla reputazione professionale e un sistema per misurarlo «Enrico Bombieri talentuoso matematico fu stimolato dal padre sui numeri primi. Se li avesse risolti gli avrebbe regalato una Ferrari .... In realtà lo fece affinchè smettesse di guidare la sua»www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • L’identità digitale: un libro aperto sui tuoi pensieri... http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=F7pYHN9iC9I www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • L’identità digitale come eco-sistema informativo Motori di Ricerca Contenuti testuali Social Network Video Immagini Dati sensibili www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • Identità Digitale e Professionalità Una domanda per i candidati Come incide il mio eco-sistema informativo on line sulla mia immagine professionale? Una domanda per i recruiters Come faccio a valutare la professionalità di un candidato alla luce della sua identità digitale? www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • My-Reputation.it: uno strumento per il social recruiting Per dare risposta a queste domande, Reputation Manager ha sviluppato My-Reputation. it Una piattaforma web gratuita che permette a ciascuno di controllare e gestire il proprio ecosistema informativo online: 1. Identità Valuta e tieni sotto controllo i contenuti presenti in rete restituiti dai motori di ricerca agli utenti che cercano informazioni su di te 2. Profilo Completa il profilo con i tuoi dati e crea la tua pagina personale MyReputation per avere un nuovo contenuto che migliori la tua identità online 3. Social Network Connetti i tuoi social network per far crescere il tuo punteggio e scoprire il tuo livello di social influence Monitora l’identità digitale in qualsiasi momento attraverso il MY REPUTATION SCORE www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • My-Reputation.it: uno strumento per il social recruiting MYReputation Score è calcolato a partire dagli indici ottenuti nelle aree Identità, Profilo e Social. Riflette quindi l’identità digitale nel suo complesso: qualitativo, informativo e relazionale MyReputation diventa così il mezzo per: Azienda/ Candidati/ HR/Recruiters Professionisti Valutare la reputazione Controllare, tenere personale, professionale e aggiornata e migliorare la sociale in Rete dei propria reputazione candidati. Raccogliere online, con la possibilità di informazioni utili per intervenire selezionare e per per correggerla approfondire in fase di colloquio www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant
    • Contatti MILANO Andrea Barchiesi andrea.barchiesi@reputation-manager.it Tel: +39 (0)2 934.642.32 Fax: +39 (0)2 934.642.30 info@reputazioneonline.it www.reputazioneonline.it L’ipotesi di Reimann il più grande mistero della matematica Seguici su:www.reputazioneonline.it @Reputataiuvant