Your SlideShare is downloading. ×
0
Progetto Itaca a Romascienza 2011
Progetto Itaca a Romascienza 2011
Progetto Itaca a Romascienza 2011
Progetto Itaca a Romascienza 2011
Progetto Itaca a Romascienza 2011
Progetto Itaca a Romascienza 2011
Progetto Itaca a Romascienza 2011
Progetto Itaca a Romascienza 2011
Progetto Itaca a Romascienza 2011
Progetto Itaca a Romascienza 2011
Progetto Itaca a Romascienza 2011
Progetto Itaca a Romascienza 2011
Progetto Itaca a Romascienza 2011
Progetto Itaca a Romascienza 2011
Progetto Itaca a Romascienza 2011
Progetto Itaca a Romascienza 2011
Progetto Itaca a Romascienza 2011
Progetto Itaca a Romascienza 2011
Progetto Itaca a Romascienza 2011
Progetto Itaca a Romascienza 2011
Progetto Itaca a Romascienza 2011
Progetto Itaca a Romascienza 2011
Progetto Itaca a Romascienza 2011
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Progetto Itaca a Romascienza 2011

1,392

Published on

Guido Valentini presenta il Progetto Itaca, in occasione del convegno che, il 22 giugno, Romascienza 2011 ha dedicato alla sfida dell'innovazione sociale nei territori italiani. Il progetto mira a …

Guido Valentini presenta il Progetto Itaca, in occasione del convegno che, il 22 giugno, Romascienza 2011 ha dedicato alla sfida dell'innovazione sociale nei territori italiani. Il progetto mira a mettere al centro dei percorsi di cura la persona con disagio mentale.

Published in: Health & Medicine, Business
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
1,392
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. "Club Itaca, una visione innovativa”Convegno “Il mondo della ricerca di fronte alla sfda dell’innovazione sociale. Rifessioni ed esperienze territoriali” organizzato in collaborazione con Forum Terzo Settore Lazio e FORUM PA. Mercoledì, 22 Giugno 2011 A cura di  Guido Alberto Valentini
  • 2. Chi siamo L’Associazione Progetto Itaca Onlus è stata costituita a Milano il 29 ottobre 1999 da un gruppo di volontari con lintento di attivare iniziative e progetti di informazione, prevenzione, supporto e riabilitazione, rivolti a persone affette da Disturbi della Salute Mentale, con particolare attenzione a Depressione, Ansia e Disturbi Alimentari, e di sostegno alle loro famiglie.È un organismo di volontariato, ai sensi della legge n. 266 dell’11 Agosto 1991, operasenza scopo di lucro e per esclusivo fine di solidarietà nel campo della Salute Mentale.L’associazione dal 2010 è presente nella città di Roma, dal 2011 in quella di Firenze ed abreve anche a Palermo. 2
  • 3. Perché PROGETTO ITACA? Un messaggio di allarme- L’alta incidenza delle malattie mentali: • il 20% delle persone soffre di un disturbo mentale nell’arco della vita • le psicosi colpiscono il 4% della popolazione- Le malattie mentali più gravi colpiscono persone giovani- Il ritardo della diagnosi e della cura Un messaggio di speranzaOggi tutti i disturbi mentali sono curabili 3
  • 4. Approccio a RETE INTEGRATA• Informazione e prevenzione• Sostegno dei pazienti e delle loro famiglie durante la cura• Realizzazione di progetti f nalizzati alla riabilitazione eall’autonomia socio-lavorativaL’approccio a RETE INTEGRATA messo appunto da Progetto Itaca si èrivelato particolarmente efficace perché garantisce contemporaneamenteservizi: di prevenzione verso i più giovani nelle scuole; di informazionedell’opinione pubblica e contrasto allo stigma; di sostegno sia allapersona con disagio psichico per affrontare la malattia, contrastarel’isolamento sociale e l’esclusione dal mondo del lavoro; sia alla famigliache dovendo affrontare all’improvviso la malattia di un parente necessitadi informazioni, di orientamento e formazione, di sostegno e conforto. 4
  • 5. I nostri PROGETTIProgetti per l’informazione e la prevenzione:La Formazione dei VolontariIl Corso Famiglia a FamigliaIl progetto di prevenzione nelle scuoleIl Numero Verde nazionaleProgetti per la riabilitazione:CLUB ITACA, inserimento sociale e lavorativoProgetto Ulisse, residenzialità leggera 5
  • 6. La nostra VISIONE“Anche la persona con la più grave malattia mentale hacertamente almeno un mignolo che funziona benissimo:su questo bisogna lavorare.” John Bird Fondatore di Fountain House 6
  • 7. CLUB ITACAClub Itaca è un centro con la finalità dell’inserimento sociale elavorativo per persone con una storia di disagio psichico.È stato avviato a Milano nel 2005 ed a Roma nel 2011Sono le prime Clubhouse in Italia e nell’Europa Mediterranea. Club Itaca segue il modello “Fountain House”, creato a New York nel 1948 e moltiplicato in più di 350 centri in 28 paesi del Mondo, grazie all’ICCD, International Center for Clubhouse Development. 7
  • 8. CLUBHOUSE NEL MONDO EU R O PA 71 A S IA A M ER IC A 17 227 A F R IC A 1 O C EA N IA 12 Nel mondo 350 Clubhouse accolgono ogni anno circa di 55.000 persone con disagio psichicocfr. www.iccd.org - www.fountainhouse.org - www.progettoitaca.org 8
  • 9. 1° principio fondamentale: essere socio“Non sono i soci ad avere bisogno del Club, ma è il Clubad aver bisogno dei soci per funzionare, mantenersi esvilupparsi; il socio porta le sue risorse” 9
  • 10. Essere socioPaziente Utente Socio 10
  • 11. Essere socioIl socio … è parte di una comunità di persone. 11
  • 12. Essere socio Il socio: una persona cheha una ricchezza da offrire. 12
  • 13. Essere socioIl socio… fa qualcosa per sé e per la sua comunità. 13
  • 14. Essere socioIl socio … ha il potere di prendere decisioni. 14
  • 15. 2° principio fondamentale: la relazioneLa relazione tra staff e soci non è come il rapporto traoperatori e utenti, ma come fra colleghi di lavoro.È basato su parità, corresponsabilità, rispetto, fiducia.Non è un rapporto di cura. 15
  • 16. 3° principio fondamentale: Il lavoroIl socio svolge una mansione per il Club, ha una sua responsabilità.Il lavoro interno al Club deve essere significativo, deve avere una effettiva utilità per la comunità.Lo staff garantisce che vi sia abbastanza lavoro significativo per ogni socio. 16
  • 17. Il lavoro interno 17
  • 18. Il lavoro internoSoci e personale lavorano fianco a fianco nelle diverse aree di lavoro.L’attività dei Soci non è retribuita ed ha lo scopo di: • migliorare il ritmo di vita, • sviluppare la sicurezza di sé, • costruire e coltivare relazioni interpersonali, • acquisire abilità professionali 18
  • 19. Inserimento lavorativo in aziendaL’inserimento in aziende esterne è graduale:Lavoro temporaneo part-time• Lo staff fornisce supporto per ogni problema sia al socio che all’Azienda• Lo staff garantisce all’Azienda che il lavoro venga fatto e fatto bene;Lavoro supportato e lavoro indipendente il socio viene aiutato a stendere il curriculum, affrontare icolloqui di selezione, fino ad arrivare all’assunzione. 19
  • 20. I numeri di Club ItacaClub Itaca a Milano dal 2005:• n. 220 richieste, 90 soci iscritti, 50 soci attivi oggi;• n. 49 rapporti di lavoro attivati dal Club;• n. 26 tirocini, stage, borse lavoro; 23 inserimenti lavorativi, 4 ancora in corso, solo 2 a tempo indeterminato;• n. 24 hanno trovato lavoro in modo autonomo grazie a un maggiore benessere 20
  • 21. Regole di baseL‘iscrizione al Club è volontaria, gratuita e senza limiti ditempo.I soci sono liberi di frequentare il Club secondo le loroesigenze.Tutte le riunioni e gli spazi sono aperti a soci e staff.Soci e staff prendono decisioni condivise. 21
  • 22. un modello che si può copiareROMA 2010BERGAMO BOLOGNA GENOVA TORINO 22
  • 23. Per contattarci tre linee telefoniche a ricerca automatica (da cellulari: tel. 02.29007166) Numero Verde specifco per la Psichiatria ad estensione nazionale linea.ascolto@progettoitaca.orgLA LINEA DI ASCOLTO rivolta a chi soffre di disturbi della Salute Mentale e alle loro famiglie 20.000 telefonate all’anno; 6.000 persone 23

×